Seleziona una pagina

LEGGE

del 5 novembre 1991

CODICE COMMERCIALE CECO

513

LEGGE

del 5 novembre 1991

CODICE COMMERCIALE

L’Assemblea Federale della Repubblica Federale Ceca e Slovacca ha deliberato la seguente legge:

PRIMA PARTE

CONDIZIONI GENERALI
Titolo I

Fornitura di base
Parte I

Disposizioni introduttive
§ 1

Scopo
(1) La presente legge regola lo status degli imprenditori, gli obblighi commerciali, nonché alcuni altri rapporti relativi agli affari e incorpora i regolamenti pertinenti delle Comunità europee. 1 )

(2) I rapporti giuridici di cui al paragrafo 1 sono regolati dalle disposizioni della presente legge. Se alcune questioni non possono essere risolte secondo queste disposizioni, vengono risolte secondo le norme di diritto civile. Se non possono essere risolti anche secondo queste norme, saranno valutati secondo le pratiche commerciali e, se non lo sono, secondo i principi su cui si basa la presente legge.

§ 2

Attività commerciale
(1) Imprenditorialità: un’attività sistematica svolta in modo indipendente da un imprenditore in nome proprio e sotto la propria responsabilità allo scopo di realizzare un profitto.

(2) Un imprenditore ai sensi della presente legge è:

a) una persona iscritta nel registro delle imprese,

b) una persona che conduce affari sulla base di una licenza commerciale,

c) una persona che svolge attività sulla base di una licenza diversa da una licenza commerciale ai sensi di norme speciali,

d) una persona che svolge attività di produzione agricola ed è iscritta a norma di apposito regolamento.

(3) La sede di attività di una persona fisica è l’indirizzo registrato come sede di attività nel Registro delle imprese o in altri registri legalmente regolamentati. Un imprenditore che è una persona fisica è obbligato a registrare la sua reale sede di attività nel Registro delle Imprese o in altri registri legalmente regolamentati. L’imprenditore è obbligato ad avere una ragione legale per il loro utilizzo dei locali registrati per l’intero periodo in cui questi locali sono registrati come sede della sua attività. Per sede legale di un’unità organizzativa di una società (§ 7) si intende l’indirizzo della sua sede.

§ 3
annullato

§ 3a

Attività non autorizzate
(1) La natura o la validità di un atto giuridico non è influenzata dal fatto che a una determinata persona è vietato condurre affari o che non è autorizzata a condurre affari; ciò non influisce sull’articolo 49a del codice civile.

(2) Una persona che svolge un’attività per la quale è richiesta una notifica o un’autorizzazione ai sensi di norme legali speciali, senza tale notifica o autorizzazione, e le persone che svolgono tale attività per conto o per conto di un’altra persona saranno responsabili del danno causato in tal modo; ciò non pregiudica la loro responsabilità ai sensi della legislazione speciale.

§ 4

Le disposizioni della presente legge disciplinano anche i rapporti di persone diverse dagli imprenditori, se così previsto dalla presente legge o da una legge speciale.

Seconda parte

Risorse aziendali e aziendali
§ 5

(1) Ai fini della presente legge, per impresa si intende un insieme di componenti materiali, personali e immateriali di un’attività. La società possiede cose, diritti e altri valori di proprietà che appartengono all’imprenditore e sono utilizzati per gestire l’attività o, per loro natura, sono destinati a questo scopo.

(2) L’ impresa è una questione collettiva. Le disposizioni in materia in senso giuridico si applicano ai suoi rapporti giuridici. Ciò non pregiudica l’ambito di applicazione delle disposizioni legali speciali relative a proprietà immobiliari, oggetti di proprietà industriale e altri oggetti di proprietà intellettuale, veicoli a motore, ecc., Se fanno parte di un’impresa.

§ 6

(1) Ai fini della presente legge, la proprietà aziendale di un imprenditore che è una persona fisica significa proprietà (cose, crediti e altri diritti e altri valori di valore) che appartiene all’imprenditore e serve o è destinata alla sua attività. La proprietà aziendale di un imprenditore che è una persona giuridica significa tutta la sua proprietà.

(2) Ai fini della presente legge, una serie di attività e passività aziendali sostenute da un imprenditore che è una persona fisica in relazione all’attività è denominata attività aziendale (di seguito denominata “attività”). La proprietà di un imprenditore che è una persona giuridica è un insieme di tutte le sue attività e passività.

(3) La proprietà aziendale netta è la proprietà aziendale dopo aver dedotto le passività sostenute dagli imprenditori in relazione all’attività, se si tratta di una persona fisica, o tutte le passività, se si tratta di una persona giuridica.

(4) Il capitale costituisce la fonte di finanziamento delle attività aziendali dell’imprenditore ed è riportato sul lato del passivo del bilancio.

§ 7

Unità organizzativa dell’azienda
(1) Una filiale è un’unità organizzativa di un’impresa che è registrata come filiale nel registro delle imprese. Quando si gestisce una filiale, viene utilizzata la ragione sociale (§ 8) dell’imprenditore, con l’aggiunta che si tratta di una filiale.

(2) Un’altra unità organizzativa di un’impresa ha uno status simile a una succursale, se la legge ne prevede l’iscrizione nel registro delle imprese.

(3) Per stabilimento si intende uno spazio in cui viene svolta una determinata attività commerciale. Lo stabilimento deve essere contrassegnato con una ragione sociale o con il nome e cognome o il nome dell’imprenditore, a cui può essere associato il nome dello stabilimento o un’altra designazione distintiva.

Parte III

Società commerciale
§ 8

(1) Società commerciale (di seguito “società”) è il nome con il quale l’imprenditore è registrato nel Registro delle Imprese. L’imprenditore è obbligato a compiere atti legali sotto la sua azienda.

(2) Le disposizioni su una società non si applicano a un imprenditore non registrato nel registro delle imprese; è obbligato a compiere atti legali se è una persona fisica, sotto il suo nome e cognome, e se è una persona giuridica, sotto il proprio nome. Un imprenditore che non è iscritto nel Registro delle Imprese può utilizzare un supplemento distintivo o altra designazione nel corso del suo nome e cognome, a condizione che il suo uso non sia fuorviante e il suo utilizzo sia conforme alle norme legali e ai buoni costumi della concorrenza; tale aggiunta o designazione non è un’impresa ed è tutelata dalla legge contro la concorrenza sleale.

§ 9

(1) La società di una persona fisica deve sempre essere il suo nome e cognome (di seguito “nome”). La società di una persona fisica può contenere un’appendice che distingue la persona dell’imprenditore o il tipo di attività solitamente correlata a questa persona o tipo di attività.

(2) La società di una società commerciale o cooperativa e altre persone giuridiche create mediante iscrizione nel registro delle imprese è il nome con cui sono iscritte nel registro delle imprese. Il suo nome è la società di una persona giuridica iscritta nel registro delle imprese sulla base di un regolamento giuridico speciale e che è stata costituita prima di tale registrazione. Una parte della società delle persone giuridiche è anche un’appendice che indica la loro forma giuridica.

§ 10

(1) L’azienda non deve essere intercambiabile con la società di un altro imprenditore e non deve essere fuorviante. Una diversa appendice che indica la forma giuridica non è sufficiente per differenziare un’azienda. Nel caso di una persona fisica, l’indicazione di un’altra sede di attività è generalmente sufficiente per differenziare. Se una persona fisica ha lo stesso nome di un altro imprenditore che opera nello stesso luogo, è obbligata a integrare le informazioni sul nome con un supplemento sufficientemente diverso ai sensi del § 9 par.1.

(2) Se più persone fanno affari sotto un nome comune senza la costituzione di una persona giuridica, queste persone sono obbligate ad adempiere agli obblighi derivanti da questa attività congiuntamente e separatamente. Il nome comune non è un’azienda.

§ 11

(1) Chi eredita la società o la acquisisce per contratto può fare affari sotto la società esistente con un supplemento successore, solo con l’espresso consenso del testatore o degli eredi o del predecessore legale.

(2) Se l’imprenditore è una persona fisica che ha cambiato nome, può anche utilizzare il suo nome precedente in azienda con un’appendice contenente il nuovo nome.

(3) La società di una persona giuridica deve essere trasferita alla persona giuridica successore con l’impresa, se la persona giuridica originale cessa di esistere senza liquidazione e la persona giuridica successore assume la società. Se la persona giuridica successore ha una forma giuridica diversa, la modifica deve essere modificata in conformità con la sua forma giuridica.

(4) Il trasferimento di una società senza il contemporaneo trasferimento della società è inammissibile. Il trasferimento di una società è possibile anche durante il trasferimento di una parte della società, se l’imprenditore opererà la parte rimanente sotto un’altra società o questa parte verrà sciolta per liquidazione.

(5) Se una società di una persona giuridica include il nome di un partner o membro che ha cessato di essere suo partner o membro, la persona giuridica può continuare a utilizzare il suo nome solo con il suo consenso. In caso di morte o scioglimento di un partner o di un membro, è richiesto il suo previo consenso o il consenso dell’erede o del successore legale.

(6) Le imprese di imprenditori le cui imprese appartengono allo stesso gruppo (§ 66a par. 7) possono contenere elementi identici se contengono un’aggiunta sull’appartenenza a un gruppo e se sono sufficientemente distinguibili l’una dall’altra.

§ 12

(1) Chiunque sia stato leso dai suoi diritti a causa di un uso non autorizzato della società può richiedere a un utente non autorizzato di astenersi da tale comportamento ed eliminare la condizione difettosa. Può anche richiedere l’emissione di un arricchimento ingiusto e di una ragionevole soddisfazione, che può essere fornita anche in contanti.

(2) Se il danno è stato causato da un uso non autorizzato dell’azienda, il suo risarcimento può essere richiesto in conformità con la presente legge.

(3) Il tribunale può concedere al partecipante alla cui mozione è stato concesso il diritto di pubblicare la sentenza nella sentenza a spese della parte soccombente e, a seconda delle circostanze, di determinare l’ambito, la forma e le modalità di pubblicazione.

Parte IV

Negoziati dell’uomo d’affari
§ 13

(1) Se l’imprenditore è una persona fisica, agisce di persona o un rappresentante agisce per suo conto. Una persona giuridica agisce da un organo statutario o è rappresentata da un rappresentante.

(2) Le disposizioni della presente legge sulle singole società e cooperative sono determinate dall’organo statutario, il cui comportamento è il comportamento dell’imprenditore.

(3) Il capo di un’unità organizzativa di un’impresa (sezione 7, paragrafi 1 e 2), che è iscritto nel registro delle imprese, è autorizzato a compiere tutti gli atti legali riguardanti questa componente per conto dell’imprenditore.

(4) Se l’imprenditore è una persona giuridica, è vincolato a terzi da atti compiuti dal suo organo statutario o liquidatore, anche se eccedeva l’ambito della sua attività, a meno che la condotta non ecceda i poteri affidati a questo organo o consentiti da legge.

(5) Le restrizioni all’autorità esecutiva di un organo statutario di una persona giuridica risultanti dallo statuto, da un accordo di società o da altro documento simile o da una decisione degli organi di una persona giuridica non possono essere fatte valere nei confronti di terzi, anche se sono stati pubblicati.

§ 13a

Documenti aziendali
(1) Ogni imprenditore è obbligato a dichiarare nei suoi ordini, lettere commerciali, fatture, contratti e nel quadro delle informazioni rese disponibili al pubblico tramite accesso remoto (di seguito denominato “sito web”) informazioni sulla sua azienda, nome o nome , sede legale o domicilio e identificazione del numero della persona (di seguito “numero di identificazione”); Anche gli imprenditori registrati nel registro delle imprese forniscono informazioni su questa registrazione, compreso il numero di fascicolo, e gli imprenditori non iscritti nel registro delle imprese includono anche informazioni sulla registrazione in un altro registro in cui sono registrati. Le informazioni sull’ammontare del capitale sociale possono essere indicate in questi documenti e sul sito web solo se è stato interamente versato.

(2) Su tutti gli ordini, lettere commerciali, fatture, contratti e sui siti web riguardanti l’impresa di una persona straniera o la sua unità organizzativa, la persona straniera è obbligata a indicare i dati ai sensi del paragrafo 1 e ulteriori informazioni sulla registrazione dell’impresa o la sua unità organizzativa nel Registro delle Imprese, compreso il numero di pratica. Se è una persona alla quale si applica il § 21 paragrafo 5, dovrà indicare gli stessi dati di una persona ceca non iscritta nel registro delle imprese ai sensi del paragrafo 1.

(3) Ordini, lettere commerciali, fatture, contratti e siti web relativi a un’impresa di una persona straniera o un’unità organizzativa di un’impresa di una persona straniera non devono contenere informazioni sull’iscrizione di una persona straniera nel registro degli imprenditori nello stato la cui legge regola la persona straniera o in cui è domiciliata, a meno che tale diritto non imponga o consenta l’iscrizione in tale registro.

§ 14

Procuratore
(1) Con una procura, l’imprenditore autorizza il procuratore a compiere tutti gli atti legali che si verificano durante l’attività della società, anche se per loro è richiesta una procura speciale. L’azione penale può essere concessa solo a una persona fisica.

(2) La procura non include il diritto di alienare immobili e gravarli su di essi, a meno che questo diritto non sia esplicitamente dichiarato nella concessione della procura.

(3) La limitazione della procura da parte di istruzioni interne non ha conseguenze legali per terzi.

(4) A più persone può essere concessa una procura in modo tale che ciascuna di esse sia autorizzata a rappresentare e firmare individualmente, o in modo tale che sia richiesto il consenso di tutti i procuratori o di almeno due di loro.

(5) Il procuratore deve firmare in modo tale da allegare alla società dell’imprenditore per conto del quale agisce un addendum indicante la procura e la sua firma.

(6) La concessione di una procura ha effetto dall’iscrizione nel registro delle imprese. Nel caso in cui sia stata conferita una procura a più persone, la proposta deve anche specificare se ogni procuratore può agire in modo indipendente, oppure quanti procuratori devono agire insieme.

(7) Una procura non deve essere estinta dalla morte dell’imprenditore, a meno che l’imprenditore non abbia stabilito che durerà solo durante la sua vita. Tuttavia, dopo la morte dell’imprenditore, il procuratore può eseguire solo atti nell’ambito della normale gestione ed è obbligato a presentare immediatamente una proposta per la registrazione di questa restrizione della procura del tribunale (§ 27 paragrafo 1). Le azioni che esulano dall’ambito della normale gestione possono essere eseguite dal procuratore solo con il consenso degli eredi e con il permesso del tribunale.

§ 15

(1) Chi è stato incaricato di una determinata attività durante il funzionamento dell’impresa è autorizzato a compiere tutti gli atti che normalmente si verificano durante tale attività.

(2) Se il rappresentante dell’imprenditore supera l’autorizzazione di cui al paragrafo 1, l’imprenditore è vincolato da tale condotta solo se il terzo non era a conoscenza del superamento e, tenendo conto di tutte le circostanze del caso, non poteva saperlo.

(3) L’autorizzazione ai sensi del paragrafo 1 non scadrà alla morte dell’imprenditore, a meno che l’imprenditore non abbia stabilito che durerà solo durante la sua vita. Tuttavia, dopo la morte dell’imprenditore, l’agente può compiere atti solo nell’ambito del normale corso degli affari. Può compiere atti che esulano dall’ordinaria amministrazione solo con il consenso degli eredi e con il permesso del tribunale.

§ 16

L’imprenditore è inoltre obbligato ad agire da un’altra persona nel suo stabilimento, se il terzo non poteva sapere che la persona che agisce non è autorizzata a farlo.

Parte V

Segreto commerciale
§ 17

Oggetto dei diritti che spettano alla società sono anche segreti commerciali. I segreti commerciali sono tutti i fatti di natura commerciale, produttiva o tecnica relativi all’azienda, che hanno un valore materiale o immateriale reale o almeno potenziale, non sono comunemente disponibili nei circoli aziendali pertinenti, dovrebbero essere classificati a volontà dell’imprenditore e l’imprenditore garantisce la loro riservatezza di conseguenza.

§ 18

Un imprenditore che gestisce un’impresa a cui si applica un segreto commerciale ha il diritto esclusivo di disporre di tale segreto, in particolare di autorizzarne l’uso e di stabilire le condizioni per tale uso.

§ 19

Il diritto ai segreti commerciali dura fintanto che i fatti di cui al § 17 persistono.

§ 20

Gli imprenditori hanno diritto alla protezione legale contro la violazione o la minaccia del diritto ai segreti commerciali come nel caso della concorrenza sleale.

Titolo II

AFFARI DI PERSONE STRANIERE
Parte I

Fornitura di base
§ 21

(1) Le persone straniere possono condurre affari nel territorio della Repubblica ceca alle stesse condizioni e nella stessa misura delle persone ceche, salvo diversa disposizione di legge.

(2) Ai fini della presente legge, per persona straniera si intende una persona fisica con residenza o una persona giuridica con sede legale al di fuori del territorio della Repubblica ceca. Una persona giuridica ceca ai fini della presente legge significa una persona giuridica con sede legale nel territorio della Repubblica ceca.

(3) Ai fini della presente legge, per attività di una persona straniera nel territorio della Repubblica Ceca si intende l’attività di tale persona, se la società o la sua unità organizzativa si trova nel territorio della Repubblica Ceca.

(4) Le persone autorizzate di attività economiche estere nella Repubblica ceca sorgono alla data di registrazione della persona o di un’unità organizzativa della sua impresa, l’ambito di attività registrato nel registro delle imprese. La proposta di registrazione è presentata da una persona straniera.

(5) Le disposizioni del paragrafo 4 non si applicano a una persona fisica che lo sia

a) un cittadino di uno Stato membro dell’Unione europea, di un altro Stato che forma lo Spazio economico europeo o della Confederazione svizzera;

b) un familiare di una persona ai sensi della lettera a) che ha il diritto di soggiorno nella Repubblica Ceca 1a ) ,

c) un cittadino di un paese terzo cui è stato concesso lo status di residente di lungo periodo in uno Stato membro dell’Unione europea 1b ) ,

d) un familiare di una persona ai sensi della lettera c) a cui è stato rilasciato un permesso di soggiorno di lungo periodo nella Repubblica Ceca 1b ) ,

e) da persona diversa dalle persone elencate alle lettere da a) ad), che acquisisce il diritto di esercitare l’attività ai sensi del Trade Licensing Act.

§ 22

Ha anche la capacità giuridica di una persona straniera non fisica ai sensi dell’ordinamento giuridico in base al quale è stato stabilito nell’area del diritto ceco. L’ordinamento giuridico in base al quale questa persona è stata costituita disciplina anche i suoi rapporti giuridici interni e la responsabilità dei membri o dei partner per i suoi obblighi.

§ 23

Le persone straniere che hanno il diritto di fare affari all’estero sono considerate imprenditori ai sensi della presente legge.

Seconda parte

Proprietà di persone straniere in persone giuridiche ceche
§ 24

(1) Ai sensi delle disposizioni della presente legge, una persona straniera può, per motivi di lavoro, partecipare alla costituzione di una persona giuridica ceca o partecipare come partner o membro di una persona giuridica ceca già costituita. Può anche costituire essa stessa una persona giuridica ceca o diventare l’unico azionista di una persona giuridica ceca, se questa legge consente un unico fondatore o unico azionista.

(2) Una persona giuridica può essere costituita solo in conformità con la legge ceca.

(3) Nelle questioni di cui al paragrafo 1, le persone straniere hanno gli stessi diritti e obblighi delle persone ceche.

Parte III

Tutela degli interessi patrimoniali delle persone straniere che esercitano un’attività economica nella Repubblica Ceca
§ 25

(1) La proprietà di una persona straniera legata alla conduzione di affari nella Repubblica Ceca e la proprietà di una persona giuridica con proprietà straniera ai sensi della Sezione 24 (1) possono essere espropriate nella Repubblica Ceca o la proprietà può essere limitata solo dalla legge e nell’interesse pubblico. Un ricorso contro tale decisione può essere presentato a un tribunale.

(2) Nel caso delle misure di cui al paragrafo 1, deve essere fornito senza indugio un risarcimento corrispondente al valore totale del bene interessato da tali misure al momento in cui sono state eseguite, che è liberamente trasferibile all’estero in valuta estera .

(3) I trattati internazionali ai quali la Repubblica ceca è vincolata e che sono stati promulgati nella Raccolta delle leggi o nella Raccolta dei trattati internazionali non sono interessati.

Parte IV

Trasferimento della sede legale
§ 26

(1) Una persona giuridica stabilita ai sensi della legge di uno Stato estero a fini commerciali, che ha la propria sede legale all’estero, può trasferire la propria sede legale nella Repubblica Ceca alle condizioni stabilite da una normativa legale speciale, se consentito da un accordo internazionale vincolante per la Repubblica ceca nella raccolta delle leggi o nella raccolta dei trattati internazionali. Ciò vale anche per il trasferimento della sede legale di una persona giuridica ceca all’estero.

(2) Il trasferimento della sede legale di una persona giuridica dalla Repubblica ceca all’estero o dall’estero nella Repubblica ceca è consentito anche nei casi e alle condizioni previste dalla legge delle Comunità europee o da una legge speciale.

Titolo III

REGISTRO DELLE IMPRESE
§ 27

(1) Il registro delle imprese è un elenco pubblico in cui sono inseriti i dati sugli imprenditori previsti dalla legge. Il registro delle imprese è tenuto in formato elettronico.

(2) Il registro delle imprese è istituito da un tribunale designato da un regolamento giuridico speciale (di seguito denominato “tribunale del registro”).

(3) Il tribunale del registro conserva un inserto speciale per ogni imprenditore registrato, unità organizzativa di un’impresa, impresa di una persona straniera o sua unità organizzativa, salvo diversa disposizione di legge. Una parte del registro delle imprese è una raccolta di documenti.

(4) Il tribunale del registro pubblica l’iscrizione nel registro delle imprese, la sua modifica o cancellazione, nonché il deposito del documento nella raccolta di documenti senza indebito ritardo dopo la registrazione, a meno che la normativa legale imponga questo obbligo a qualcun altro . Il tribunale del registro informa anche l’autorità fiscale competente, l’autorità statale di statistica e l’autorità che ha rilasciato la licenza commerciale o altra licenza commerciale entro una settimana dalla data di registrazione.

(5) L’ambito e le modalità di pubblicazione saranno regolati da un regolamento governativo.

§ 27a – § 27c
annullato

§ 28

(1) Il registro delle imprese è accessibile a tutti. Tutti possono guardarlo e farne copie o estratti.

(2) Il numero di nascita deve essere inserito nel Registro delle Imprese, ma non deve essere indicato nell’estratto del Registro delle Imprese o non deve essere pubblicato nella Gazzetta Commerciale. Se il numero di nascita è indicato nei documenti stabiliti nella raccolta di documenti, questi documenti devono essere pubblicati secondo la procedura ai sensi della presente legge, compreso il numero di nascita.

(3) Su richiesta, il tribunale del registro rilascia una copia cartacea, parziale o completa, certificata ufficialmente, dell’iscrizione o un documento memorizzato nella raccolta di documenti o una conferma che un determinato dato non è nel registro delle imprese, a meno che il richiedente non richieda esplicitamente una copia non ufficialmente certificata.

(4) Se una copia cartacea parziale o completa non è esplicitamente richiesta ai sensi del paragrafo 3, il tribunale del registro emette sempre una copia parziale o completa in formato elettronico. Una copia elettronica ufficialmente certificata è rilasciata dal tribunale del registro solo su espressa richiesta. Il tribunale del registro rilascia sempre solo una copia cartacea dei fatti iscritti nel registro delle imprese e dei documenti depositati nella raccolta di documenti prima del 1 ° gennaio 1997, a meno che tali fatti o documenti non siano già memorizzati in formato elettronico.

(5) La verifica ufficiale conferma la conformità della copia con l’iscrizione nel registro delle imprese o con il documento archiviato nella raccolta dei documenti.

(6) Il tribunale della cancelleria può chiedere il rimborso dei costi per l’emissione di una copia, il cui importo non può superare l’importo dei costi amministrativi effettivi e opportuni.

§ 28a

Gli output verificati del sistema informativo della pubblica amministrazione sono rilasciati dal Registro delle Imprese secondo un’apposita norma di legge 2 ) .

§ 29

(1) Una persona che agisce in modo confidenziale in un’iscrizione nel registro delle imprese non può opporsi al fatto che tale iscrizione non corrisponde ai fatti.

(2) I fatti inseriti nel Registro di commercio saranno efficaci contro tutti dal giorno della loro pubblicazione, a meno che la persona registrata non dimostri che la terza parte era a conoscenza dell’iscrizione in precedenza.

(3) La persona registrata può opporsi ai dati e al contenuto dei documenti, la cui pubblicazione è richiesta dalla legge, contro terzi solo dal momento della loro pubblicazione, a meno che non dimostri di essere stati precedentemente noti al terzo . Tuttavia, la persona registrata non può fare affidamento su tali informazioni e sul contenuto dei documenti fino al sedicesimo giorno successivo alla pubblicazione se il terzo dimostra di non essere stato in grado di conoscerli.

(4) In caso di discrepanza tra i dati inseriti e pubblicati o tra i documenti archiviati e pubblicati, non è possibile ricorrere contro terzi del testo pubblicato. Tuttavia, una terza parte può fare affidamento sul testo pubblicato solo se la persona registrata non dimostra che la terza parte era a conoscenza dei dati inseriti o del contenuto dei documenti depositati.

(5) I terzi possono sempre invocare dati non pubblicati e il contenuto di documenti, se il fatto della non divulgazione non li priva della loro efficacia.

(6) Se il contenuto dell’iscrizione nel registro delle imprese contraddice la disposizione coercitiva della legge e non è possibile ottenere alcun rimedio altrimenti, il tribunale del registro inviterà l’imprenditore a disporre un rimedio. Se si tratta di una persona giuridica e tale persona non chiede riparazione entro il termine specificato, il tribunale può, anche senza mozione, se tale procedura è nell’interesse della protezione di terzi, decidere sul suo scioglimento con liquidazione.

(7) In caso di discrepanza tra la formulazione del contenuto dell’iscrizione nel registro di commercio in ceco e una lingua straniera o documenti archiviati nella raccolta di documenti in ceco e una traduzione volontariamente imposta di questi documenti in una lingua straniera ai sensi al § 38k paragrafo 4, la formulazione non può essere invocata contro terzi.pubblicata o depositata in una raccolta di documenti in lingua straniera. Tuttavia, una terza parte può invocare la formulazione pubblicata o archiviata nella raccolta di documenti in una lingua straniera, a meno che l’imprenditore non dimostri di conoscere la formulazione del contenuto della registrazione o il documento archiviato in lingua ceca.

§ 30

(1) Dal momento della pubblicazione della registrazione di una persona che è un’autorità o un membro di una persona giuridica, nessuno può invocare contro terzi la violazione della legislazione, del contratto di partnership o dello statuto nell’elezione o nomina di tale autorità o dei loro membri, a meno che la persona registrata non dimostri che una terza persona era a conoscenza della violazione. Ciò non influisce sulle disposizioni delle sezioni 131, 183 e 242.

(2) Se il tribunale del registro respinge la richiesta di autorizzazione a registrare una persona che è un’autorità o un membro dell’autorità di una persona giuridica, la sua elezione o nomina sarà considerata non valida dall’inizio; ciò non pregiudica i diritti di terzi acquisiti in buona fede. Il tribunale del registro pubblica la decisione negativa dopo che è entrata in vigore. In attesa della pubblicazione, una persona giuridica non può opporsi all’invalidità di un’elezione o di una nomina nei confronti di terzi a meno che non dimostri che tali persone erano a conoscenza dell’invalidità.

§ 31

(1) Una proposta di iscrizione, modifica o cancellazione di un’iscrizione nel registro delle imprese (di seguito denominata “proposta di iscrizione”) può essere presentata solo da una persona di cui alla Sezione 34, o da una persona così prevista dalla legge .

(2) Se una persona ai sensi del paragrafo 1 non adempie all’obbligo di presentare una domanda di registrazione entro quindici giorni dal giorno in cui è sorto tale obbligo, una persona che dimostri un interesse legale in essa può presentare una domanda di registrazione e allegare il documenti prescritti (allegati).

(3) Il firmatario ai sensi del paragrafo 1 o 2 deve simultaneamente alla proposta documentare il consenso scritto delle persone che, ai sensi della presente legge o di una normativa legale speciale, sono registrate nella registrazione dell’imprenditore, a meno che tale consenso non derivi da altri documenti documentati su la proposta; il consenso non è richiesto per la cancellazione di una persona registrata nella registrazione dell’imprenditore. La firma sul consenso di cui alla frase precedente deve essere ufficialmente verificata, a meno che non sia contenuta in un documento redatto in forma di atto notarile.

(4) Se la presente legge stabilisce le condizioni per l’autorizzazione all’incorporazione, si intende la registrazione del design o una decisione sulla registrazione ai sensi della legislazione speciale.

§ 31a
annullato

§ 32

(1) Una domanda di registrazione può essere presentata solo sul modulo; la firma deve essere verificata ufficialmente.

(2) La proposta di registrazione deve essere suffragata da documenti sui fatti da iscrivere nel registro delle imprese e da documenti che sono iscritti nella raccolta di documenti.

(3) Una proposta per la registrazione dei dati registrati deve essere presentata senza indebito ritardo dopo il verificarsi di un fatto decisivo.

(4) Il Ministero della giustizia determina con decreto i requisiti dei moduli per la presentazione delle domande di registrazione e l’elenco dei documenti (allegati) allegati alle domande. Il Ministero e il Ministero della Giustizia pubblicano altresì la modulistica e l’elenco dei documenti allegati in modo da consentire l’accesso a distanza; questo servizio non deve essere addebitato.

(5) L’obbligo di depositare una domanda di registrazione sul modulo di cui al paragrafo 1 non si applica ai procedimenti riguardanti imprese statali, persone giuridiche di diritto pubblico stabilite da un’apposita normativa legale e nei casi in cui viene effettuata la registrazione o modificato d’ufficio.

§ 33

(1) Una domanda di registrazione può essere presentata in formato cartaceo o elettronico; ciò si applica in modo analogo alla documentazione dei documenti comprovanti i fatti indicati nella proposta e ai documenti stabiliti nella raccolta dei documenti.

(2) Le proposte in formato elettronico possono essere presentate solo da una persona firmata da una firma elettronica riconosciuta ai sensi di una normativa legale speciale.

(3) Le proposte e i documenti devono essere conservati dal tribunale del registro solo in formato elettronico, a meno che la natura di tale proposta o documento non lo consenta. Le proposte e i documenti presentati in formato cartaceo devono essere convertiti in formato elettronico dal tribunale del registro senza indebito ritardo.

(4) Il ministero della Giustizia stabilisce con decreto le modalità di conversione dei documenti in formato elettronico, nonché le modalità di trattamento dei documenti trasferiti. Può inoltre stabilire con decreto quali domande di registrazione e documenti possono essere depositati solo in formato elettronico.

(5) La domanda di registrazione deve essere presentata e l’iscrizione nel registro delle imprese deve essere effettuata in lingua ceca. Il firmatario può richiedere che l’iscrizione nel registro delle imprese venga effettuata anche in qualsiasi lingua straniera. Il tribunale accetterà la petizione se alla petizione è allegata una traduzione ufficialmente certificata del testo della voce in una lingua straniera.

§ 34

(1) Devono essere iscritti nel registro delle imprese:

a) società e cooperative,

b) persone straniere ai sensi dell’articolo 21, comma 4,

c) le persone fisiche che sono imprenditori e risiedono nella Repubblica Ceca e le persone ai sensi della Sezione 21, Paragrafo 5, che conducono affari nel territorio della Repubblica Ceca, se richiedono la registrazione, e

d) altre persone, se l’obbligo di registrazione è previsto da un’apposita norma di legge.

(2) Una persona fisica che è un imprenditore deve essere iscritta nel registro delle imprese ogni volta che l’importo del suo reddito o reddito ridotto dall’imposta sul valore aggiunto, se fa parte del reddito o reddito, ha raggiunto o superato per due periodi contabili consecutivi in una media di centoventi milioni di CZK.

(3) Una persona fisica che soddisfa una delle condizioni di cui al paragrafo 2 deve, senza indebito ritardo, presentare una proposta di iscrizione nel registro delle imprese.

(4) Una persona fisica che non soddisfi le condizioni in base alle quali era obbligata a presentare una proposta di iscrizione nel registro delle imprese ai sensi del paragrafo 3 può presentare una proposta di cancellazione dal registro delle imprese.

§ 35

Devono essere iscritti nel registro delle imprese:

a) società, nel caso delle persone giuridiche la sede legale, nel caso delle persone fisiche la sede dell’attività o, nel caso di una persona fisica che non sia imprenditore, la sua residenza,

b) oggetto dell’attività (attività),

c) forma giuridica di una persona giuridica,

d) nel caso di persona fisica, la data di nascita e il numero di nascita, se assegnato,

e) il numero di identificazione assegnato all’imprenditore dal tribunale di registrazione; i numeri di identificazione necessari sono forniti al tribunale del registro dall’amministratore del registro di base delle persone 2a ) ,

f) il nome e l’indirizzo o la ragione sociale e la sede legale della persona che è l’organo statutario della persona giuridica o di un suo membro, indicando il modo in cui agisce per conto della persona giuridica e la data in cui il suo l’ufficio è istituito; se l’organo statutario o il suo membro è una persona giuridica, anche il nome e la residenza delle persone che sono il suo organo statutario o il suo membro,

g) il nome e l’indirizzo del procuratore, nonché il modo in cui agisce,

h) nel caso di una persona giuridica, il numero di identificazione, se gli è stato assegnato,

(i) altre materie previste dalla legge.

§ 36

Nel registro delle imprese devono inoltre essere inseriti i seguenti dati relativi alle persone giuridiche:

a) nel caso di una società per azioni, il nome e l’indirizzo o la società (nome) e la sede legale dei suoi partner,

b) nel caso di una società in accomandita semplice, il nome e l’indirizzo o la società (nome) e la sede legale dei suoi soci, indicando quale dei soci è socio accomandatario e quale socio accomandante, l’importo del contributo di ciascun socio accomandante e l’entità del suo rimborso,

c) nel caso di una società a responsabilità limitata, il nome e l’indirizzo della società e la sede legale dei suoi azionisti, l’importo del capitale sociale, l’importo del contributo di ciascun azionista al capitale sociale e l’entità del suo rimborso, il importo della quota, del privilegio e della ragione sociale di ciascun azionista; il luogo di residenza dei membri del Consiglio di Sorveglianza, se istituito, e la data di costituzione e cessazione del loro incarico,

d) nel caso di una società per azioni, l’ammontare del capitale sociale, l’entità del suo rimborso, il numero, la tipologia, la forma, la forma e il valore nominale delle azioni, le eventuali restrizioni alla trasferibilità delle azioni nominative o della società nominativa numero di identificazione della carica e del custode con cui la società ha stipulato, il nome e l’indirizzo dei membri del Consiglio di Sorveglianza e la data di costituzione o cessazione dalla carica; se la società ha un unico azionista, devono essere indicati anche il nome e l’indirizzo o la società e la sede legale di tale azionista,

e) nel caso di una cooperativa, l’ammontare del capitale sociale sociale e l’importo della quota associativa di base, o depositi,

f) per le imprese statali, il fondatore, l’importo del capitale sociale, l’importo minimo del capitale sociale che l’impresa statale è obbligata a mantenere e le attività designate.

§ 37

(1) Il richiedente l’iscrizione nel registro delle imprese deve dimostrare che non più tardi del giorno della registrazione avrà una licenza commerciale o altra autorizzazione per l’attività da registrare come oggetto dell’attività (attività) nel registro delle imprese, a meno che tali fatti non siano accertabili dai sistemi informativi della pubblica amministrazione o da parti di essi, che siano pubblici registri, registri o elenchi, oa meno che un’apposita normativa non disponga diversamente. Nel caso di attività che, secondo un’apposita normativa di legge, possono svolgere solo persone fisiche, tale attività sarà iscritta come oggetto di attività della società o cooperativa solo se il richiedente dimostri che tale attività sarà svolta da persone autorizzate a farlo in base a una normativa legale speciale.

(2)Al momento della proposta di iscrizione nel registro delle imprese, il firmatario deve documentare il motivo giuridico per l’utilizzo dei locali in cui ha sede la sede legale o la sede di attività; ciò non si applica se la ragione giuridica può essere accertata dai sistemi informativi della pubblica amministrazione o da parti di essi che siano pubblici registri, registri o elenchi. La prima frase si applica anche in caso di proposta di modifica di un’iscrizione nel registro delle imprese. L’imprenditore è obbligato ad avere un motivo legale per utilizzare questi locali per l’intero periodo in cui questi locali sono registrati nel Registro delle Imprese come sua sede legale o sede di attività. Per provare il motivo legale per l’utilizzo dei locali, una dichiarazione scritta del proprietario dell’immobile, appartamento o spazio non residenziale in cui si trovano i locali, o una dichiarazione della persona autorizzata dall’immobile, appartamento o non residenziale spazio per disporre altrimenti, concorda.

(3) Se il firmatario è una persona straniera, deve comunicare al tribunale del registro l’indirizzo di consegna nel territorio della Repubblica Ceca o il rappresentante per la ricezione dei documenti con l’indirizzo di consegna nella Repubblica Ceca; questo si applica in modo simile a qualsiasi modifica a queste informazioni.

(4) Se una persona giuridica è perseguita o esegue una pena inflitta ai sensi di un altro regolamento legale, il firmatario deve dimostrare nella domanda di registrazione della sua trasformazione o nella domanda di cancellazione che il tribunale ha consentito la conversione o la risoluzione di tale persone giuridiche.

(5) Alla domanda di registrazione deve essere allegato un documento comprovante l’adempimento degli obblighi di cui ai paragrafi da 1 a 4.

§ 38

(1) In caso di fusione di persone giuridiche (di seguito denominata “registrazione della fusione”), nel registro delle imprese di ciascuna entità giuridica oggetto della fusione deve essere inserita un’indicazione che dichiara che è decaduta dalla fusione o dalla fusione con la società, la sede legale e il numero di identificazione della persona giuridica successore. Quando si registra una fusione transfrontaliera, devono essere inseriti anche i dati sulla registrazione della persona giuridica successore straniera nel registro di commercio estero, compreso il numero di tale registrazione.

(2) Nel caso di una persona giuridica successore, deve essere inserito quanto segue:

a) durante la fusione, le informazioni che la fusione ha avuto luogo, che i beni della persona giuridica defunta (persone), società, sede legale e numero di identificazione della persona giuridica defunta (persone) sono stati trasferiti ad essa, ed eventuali modifiche ai dati sulla persona giuridica successore inseriti finora,

(b) in caso di fusione, oltre ai dati inseriti al momento della costituzione della persona giuridica, l’indicazione che è stata creata dalla fusione, che il patrimonio delle persone giuridiche, società, sede legale e numero di identificazione le persone giuridiche partecipanti alla fusione sono state trasferite ad essa.

(3) Il numero di identificazione di una persona giuridica straniera deve essere inserito solo se le è stato assegnato.

§ 38a

(1) In caso di trasferimento di attività a un partner (di seguito denominata “registrazione del trasferimento di attività”), il Registro delle imprese della società incorporante deve inserire le informazioni che ha cessato di esistere con il trasferimento di attività al partner, e il società, sede legale o residenza e sede dell’attività, se diversa dal luogo di residenza, e il numero di identificazione del socio cui sono stati trasferiti i beni della società incorporante.

(2) Per una persona a cui passano i beni della società commerciale defunta, devono essere inserite le informazioni sulla transizione, nome, indirizzo e numero di identificazione della società acquisita.

§ 38b

(1) Quando si divide un’entità giuridica (di seguito denominata “iscrizione di scissione”), il Registro delle imprese dell’entità giuridica in via di dissoluzione o scissa deve inserire le informazioni che ha cessato di essere scissa o che parte delle sue attività è stata scissa off, indicando la società, la sede legale e il numero di identificazione di tutti i successori. Quando si registra una divisione transfrontaliera, devono essere inseriti anche i dati sulla registrazione della persona giuridica successore straniera nel registro di commercio estero, compreso il numero di tale registrazione.

(2) Il successore deve essere registrato

(a) in caso di scissione con formazione di nuove persone giuridiche, oltre ai dati inseriti al momento della costituzione della persona giuridica, un’indicazione che è stata creata dalla scissione, che le attività della persona giuridica defunta trasferite a la divisione, la società, la sede legale e il numero di identificazione della persona giuridica per scissione, e le società, la sede legale e i numeri di identificazione delle altre persone giuridiche, che contemporaneamente sono state create per scissione; ciò si applica mutatis mutandis agli spin-off con la formazione di nuove società,

(b) in caso di scissione per fusione di persone giuridiche, l’indicazione che le attività della persona giuridica risultante dalla fusione specificate nel progetto di scissione sono state trasferite ad essa, la società, la sede legale e il numero di identificazione della persona giuridica che ha cessato di essere scissa e le società, sedi legali e numeri di identificazione di altre persone giuridiche che hanno trasferito altre parti del patrimonio della persona giuridica risultante dalla fusione e qualsiasi modifica ai dati sulla persona giuridica successore inserita fino ad ora; ciò si applica mutatis mutandis alle scissioni per fusione.

(3) Il numero di identificazione di una persona giuridica straniera deve essere inserito solo se le è stato assegnato.

§ 38c

Quando si modifica la forma giuridica di una persona giuridica (di seguito denominata “iscrizione di una modifica della forma giuridica”), viene inserita nel Registro delle imprese di una persona giuridica che modifica la forma giuridica che ha cambiato la sua forma giuridica con l’originale e nuova forma giuridica persona la cui forma giuridica acquisisce l’entità giuridica esistente.

§ 38d

(1) Una proposta per la registrazione di una fusione o la registrazione di una divisione deve essere presentata congiuntamente da tutte le persone giuridiche defunte o divise e successore, o da tutte le persone che sono gli organi statutari delle persone successore o dei suoi membri.

(2) Una proposta per la registrazione di un trasferimento di attività deve essere presentata dalla persona giuridica defunta congiuntamente e dal partner a cui le attività sono trasferite. Una proposta di registrazione di una modifica della forma giuridica viene presentata da una persona giuridica la cui forma giuridica sta cambiando.

§ 38e

(1) Se le persone defunte, divise e successore hanno la loro sede legale nei distretti di vari tribunali dei registri, deve essere presentata una petizione a uno di loro.

(2) Il tribunale del registro registra i fatti lo stesso giorno. Se il tribunale ha deciso la registrazione con una delibera, gli altri tribunali del registro nei cui distretti le persone giuridiche partecipanti hanno la loro sede legale faranno le relative iscrizioni nel registro delle imprese solo dopo che la decisione sul permesso di registrazione è diventata definitiva.

(3) La registrazione di una fusione, trasferimento di attività o divisione è consentita dal tribunale del registro con l’entità giuridica defunta, divisa e successore solo lo stesso giorno. L’iscrizione di una fusione transfrontaliera nel registro delle imprese, se la società successore è una società ceca o la cooperativa successore è una cooperativa ceca, è consentita dal tribunale del registro per tutte le persone giuridiche partecipanti ceche e straniere solo lo stesso giorno se la persona giuridica successore deve avere la propria sede legale nella Repubblica Ceca.

§ 38f

(1) Per quanto riguarda una succursale o altra unità organizzativa di un’impresa, la sua designazione, sede legale (luogo), oggetto di attività, nome e residenza del suo responsabile devono essere iscritte nel registro delle imprese.

(2) Una succursale o altra unità organizzativa di un’impresa deve essere iscritta nel registro delle imprese presso il tribunale del registro nel cui distretto l’imprenditore è registrato secondo la sede legale o residenza o sede di attività, se diversa dalla residenza.

(3) Anche una filiale o un’altra unità organizzativa di un’impresa situata nel distretto di un altro tribunale del registro deve essere iscritta nel registro delle imprese di questo tribunale.

§ 38g

Lo scioglimento di una persona giuridica e la sua ragione giuridica, entrata in liquidazione, nome e residenza o società e sede legale del / i liquidatore / i, o il nome e la residenza della persona che svolgerà le attività del liquidatore per conto del persona giuridica, avvio della procedura di insolvenza, le restrizioni devono essere iscritte anche nel registro delle imprese. diritto del debitore di disporre della proprietà sulla base di una decisione del tribunale fallimentare, dichiarazione di fallimento, nome e residenza o società e sede legale dell’amministratore fallimentare , autorizzazione di riorganizzazione e approvazione del piano di riorganizzazione, decisione del tribunale di ordinare l’esecuzione che influisce sulla quota di un azionista in una società, vendita di una società o parte di essa, nonché la decisione del tribunale di sospendere l’esecuzione di tale decisione, l’ordine di esecuzione influenzare la quota di azionista nella società, la vendita della società o di una sua parte,così come la decisione di sospendere l’esecuzione o la dichiarazione che l’esecuzione è terminata diversamente dalla cessazione, la decisione del tribunale sull’invalidità della persona giuridica, la risoluzione della liquidazione e il motivo legale per la cancellazione dell’imprenditore .

§ 38h

(1) Quanto segue deve essere iscritto nel registro delle imprese per l’impresa di una persona straniera e per l’unità organizzativa della sua impresa:

a) il nome e la sede legale (luogo) dell’impresa o della sua unità organizzativa e il numero di identificazione,

b) l’ oggetto di attività dell’impresa o della sua unità organizzativa,

c) la legge dello stato in cui è regolata la persona straniera, e se questo diritto è ordinato dalla registrazione, allora anche i record in cui la persona straniera è registrata e il numero di registrazione,

d) il nome o il nome della persona straniera, la sua forma giuridica e l’importo del capitale sociale sottoscritto nella relativa valuta, se richiesto,

e) dati registrati per legge presso l’organo statutario o suoi membri,

f) dati registrati richiesti dalla legge per il responsabile dell’unità organizzativa della società e il suo luogo di residenza,

g) scioglimento di una persona straniera, nomina, dati identificativi e autorizzazione del liquidatore, cessazione della liquidazione di una persona straniera,

h) la dichiarazione di fallimento o l’apertura di qualsiasi altra procedura analoga nei confronti di una persona straniera; e

i) cessazione delle attività della società o della sua unità organizzativa nella Repubblica Ceca.

(2) Nel caso di un’impresa di una persona straniera e di un’unità organizzativa di un’impresa di una persona straniera con sede legale in uno degli Stati membri dell’Unione europea o in un altro stato che forma lo Spazio economico europeo, il nel registro delle imprese deve essere iscritto:

a) la designazione e la sede legale (luogo) dell’impresa o della sua unità organizzativa, se diversa dal nome o dalla società della persona straniera, e il numero di identificazione,

b) l’ oggetto di attività dell’impresa o della sua unità organizzativa,

c) le registrazioni in cui è registrato il soggetto straniero, se registrato, e il numero di registrazione,

d) società o nome di una persona straniera e sua forma giuridica,

e) dati registrati per legge presso l’organo statutario o suoi membri,

f) dati registrati richiesti dalla legge per il responsabile dell’unità organizzativa della società e il suo luogo di residenza,

g) scioglimento di una persona straniera, nomina, dati identificativi e autorizzazione del liquidatore, cessazione della liquidazione di una persona straniera,

h) la dichiarazione di fallimento o l’apertura di qualsiasi altra procedura analoga nei confronti di una persona straniera; e

i) cessazione delle attività della società o della sua unità organizzativa nella Repubblica Ceca.

§ 38i

(1) La raccolta di documenti contiene

a) lo statuto o l’atto costitutivo o l’atto costitutivo della società, una copia dell’atto notarile contenente la delibera dell’assemblea dei soci della società per azioni o dell’assemblea costitutiva della cooperativa, lo statuto , società per azioni o società a responsabilità limitata, l’impresa (di seguito i “documenti costitutivi”) e le sue successive modifiche; dopo ogni modifica all’atto costitutivo o allo statuto, deve essere depositato anche un testo completo valido,

b) una decisione sull’elezione o nomina, revoca o prova di altra cessazione dalla carica di persone che sono un organo statutario o un suo membro, liquidatore, curatore fallimentare o capo di un’unità organizzativa (§ 13 par.3) o chi come organo statutario o in quanto suoi membri hanno il diritto di vincolare la società o di rappresentarla in tribunale o quindi partecipare alla gestione o al controllo della società,

c) le relazioni annuali, i bilanci regolari, straordinari e consolidati, se non fanno parte della relazione annuale, se la loro predisposizione è richiesta dalla presente legge o da una normativa speciale, la proposta di distribuzione degli utili e la sua forma definitiva o liquidazione delle perdite, non fanno parte del bilancio regolare, relazione del revisore sulla verifica del bilancio, relazione sui rapporti tra parti correlate ai sensi della Sezione 66a, Paragrafo 9; il documento contenente lo stato patrimoniale deve contenere anche i dati identificativi dei soggetti che lo verificano ai sensi di legge,

d) decisione di scioglimento di una persona giuridica, decisione di revoca di una decisione di scioglimento di una persona giuridica, decisione di trasformazione di una società o cooperativa, decisione di revoca della decisione di trasformazione di società o cooperativa, decisione del tribunale sulla nullità della società il corso di liquidazione ai sensi della Sezione 75 (1), l’elenco degli azionisti ai sensi della Sezione 75a (1) o la relazione sulla cessione di proprietà ai sensi della Sezione 75 (6),

e) progetto di conversione; qualora il progetto di trasformazione sia stato pubblicato sul sito web ai sensi della Legge sulla Trasformazione di Imprese e Cooperative, sorge l’obbligo di depositare il progetto di trasformazione nella raccolta documentale unitamente alla proposta di iscrizione nel Registro delle Imprese,

f) notifica di annullamento o non approvazione del progetto di conversione, se annullato o non approvato dopo la sua istituzione,

g) una decisione di un tribunale che dichiara invalido il progetto di conversione o invalida la delibera dell’assemblea generale o dell’assemblea dei membri che approva il progetto di conversione,

h) perizie o esperti sulla valutazione di un contributo non monetario nella costituzione di una società a responsabilità limitata o società per azioni o nell’aumento del proprio capitale sociale, perizie sulla valutazione di beni in trasformazioni di società e cooperative e valutazione di beni ai sensi del § 196a paragrafo 3,

i) decisioni dei tribunali emesse ai sensi della legge sull’insolvenza 1d) , vale a dire

1. delibera sull’apertura di procedure concorsuali,

2. l’ ordine di provvedimenti urgenti,

3. decisione di fallimento o altra decisione sulla petizione di insolvenza,

4. la deliberazione sulla dichiarazione di fallimento e l’approvazione della relazione finale,

5. la delibera di approvazione della riorganizzazione e la delibera di approvazione del piano di riorganizzazione e delle sue modifiche,

6. la risoluzione che pone fine alla procedura di insolvenza,

j) il contratto di trasferimento dell’azienda o di una sua parte, il contratto di locazione dell’azienda o di una sua parte, compresa la notifica della sua proroga ai sensi del § 488f par.

k) l’ accordo di controllo (Sezione 190b) e l’accordo sul trasferimento degli utili (Sezione 190a), comprese le loro modifiche, e qualsiasi documento comprovante l’annullamento dell’accordo,

l) prova del consenso dell’altro coniuge all’uso della proprietà nella proprietà comune dei coniugi per affari ai sensi di una normativa legale speciale, una copia del verbale notarile su un contratto per modificare l’ambito della proprietà comune o riserva sulla sua creazione ai sensi un regolamento legale speciale, se un tale contratto è stato concluso sulla riduzione della proprietà comune; in caso di divorzio, deve essere imposto un accordo sulla liquidazione della proprietà comune in conformità con una normativa legale speciale o una decisione del tribunale, o una dichiarazione dell’imprenditore che non è stato raggiunto alcun accordo o decisione del tribunale,

m) un accordo sulla sospensione di una quota aziendale, un accordo sul trasferimento di una quota aziendale,

n) delibera dell’Assemblea ai sensi della Sezione 210,

o) una decisione del tribunale che ordina l’esecuzione di una decisione che interessa la quota di un azionista nella società, che interessa la società o parte di essa, nonché una decisione del tribunale di sospendere l’esecuzione di una decisione, notifica dell’inizio dell’esecuzione, parte dell’ordine di esecuzione , così come una decisione di sospendere l’esecuzione o una dichiarazione che l’esecuzione è terminata diversamente dalla cessazione,

p) la decisione dell’autorità statale competente di concedere il consenso statale ad operare come università privata ai sensi di una normativa legale speciale,

q) altri documenti così previsti dalla legge.

(2) La proposta per la distribuzione dell’utile e la sua forma definitiva o per la liquidazione della perdita, se non fa parte del bilancio 1c ) , e la relazione sui rapporti tra parti correlate, se l’entità controllata predispone il bilancio annuale , devono essere conservati nella raccolta di documenti insieme al bilancio 1c. ) o una relazione annuale.

§ 38j

(1) Nella raccolta di documenti deve essere depositato quanto segue per una persona straniera, la sua impresa e la sua unità organizzativa:

a) registrazioni contabili relative alla persona straniera conformemente all’obbligo di controllarle, elaborarle e pubblicarle ai sensi della legge che disciplina la persona straniera; se tali scritture contabili non sono redatte secondo le norme di diritto della Comunità Europea o in modo equivalente e nel caso di unità organizzative (filiali) di istituti di credito e finanziari esteri, anche se non è soddisfatta la condizione di reciprocità, le scritture contabili sono altresì conservati nella raccolta dei documenti, che riguardano l’attività dell’unità organizzativa, di cui al § 38i comma 1 lett. C),

b) il contratto di società, lo statuto e documenti simili con i quali è stata costituita la persona straniera, e le loro modifiche e testi integrali

c) un certificato del registro dello stato in cui la persona straniera ha la sua sede legale attestante che è iscritto in questo registro, se la legge della sede dello stato lo richiede,

(d) un’indicazione o una prova dell’ingombro del bene di una persona straniera in un altro Stato, se la validità della garanzia è legata alla sua pubblicazione.

(2) L’obbligo di tenuta delle scritture contabili ai sensi del comma 1 lett (a) che si riferisce alle attività di un’unità organizzativa non si applica a una persona giuridica straniera disciplinata dalla legge di uno Stato membro dell’Unione europea o di un altro Stato che forma lo Spazio economico europeo e a un’unità organizzativa della sua impresa (filiale ) e ad una persona fisica straniera un cittadino di uno Stato membro dell’Unione europea o di un altro Stato facente parte dello Spazio economico europeo e del suo stabilimento (filiale). Nel caso di una persona straniera e di un’unità organizzativa della sua società (filiale) di cui al primo periodo, nella raccolta dei documenti sono conservati solo i documenti di cui al paragrafo 1, lettera a). a) le parti della frase prima del punto e virgola e i documenti di cui al paragrafo 1, lettera a); b) ec).

(3) Se più unità organizzative di un’impresa di una persona straniera operano nel territorio della Repubblica ceca, i documenti di cui al paragrafo 1 o 2 possono essere conservati in una cartella della raccolta di documenti di una sola di esse, a l’opzione della persona straniera. In tal caso, nella raccolta di documenti di altre unità organizzative dell’impresa della stessa persona straniera deve essere fornito un riferimento al tribunale del registro dell’unità organizzativa selezionata, compreso il numero di registrazione.

§ 38k

(1) Un imprenditore iscritto nel registro delle imprese deve presentare i documenti inseriti nella raccolta di documenti al tribunale del registro senza indebito ritardo dal verificarsi del fatto decisivo.

(2) Le decisioni del tribunale, che sono archiviate nella raccolta di documenti, devono essere stabilite dal tribunale del registro. Se un determinato dato viene inserito nel registro delle imprese, ma il documento corrispondente non è memorizzato nella raccolta di documenti, il tribunale del registro annoterà questo fatto nella raccolta di documenti e inviterà l’imprenditore a presentare il documento senza indebito ritardo.

(3) Documenti mediante i quali i fatti registrati sono documentati e che non sono archiviati nella raccolta di documenti, nonché documenti depositati nella raccolta di documenti ai sensi del § 38i par. i) am) eq), il progetto di trasformazione transfrontaliera e i documenti secondo § 38j preparati in una lingua straniera devono essere presentati nella versione originale e allo stesso tempo in traduzione in ceco, a meno che il tribunale del registro non informi il imprenditore che tale traduzione non è richiesta; tale comunicazione può essere effettuata dal tribunale del registro nella sua bacheca ufficiale per un numero indefinito di procedimenti in futuro. Se è richiesta una traduzione e si tratta di una traduzione da una lingua che non è una lingua ufficiale o una delle lingue ufficiali di uno Stato membro dell’Unione europea o di un altro Stato che forma lo Spazio economico europeo, la traduzione deve essere ufficialmente certificato.

(4) Documenti depositati nella raccolta di documenti ai sensi del § 38i paragrafo 1 lett. da a) ad h), n), o) ep), a meno che non si tratti di un progetto di trasformazione transfrontaliera, sono preparati e archiviati nella raccolta di documenti in lingua ceca. Nella raccolta di documenti può anche essere memorizzata una traduzione di tale documento in qualsiasi lingua straniera. Se il documento non è tradotto in una delle lingue ufficiali dell’Unione europea o in un altro paese che forma lo Spazio economico europeo, deve essere ufficialmente certificato. Se il progetto di trasformazione transfrontaliera è stato preparato in diverse versioni linguistiche in conformità con la legge sulle trasformazioni di società e cooperative e la versione ceca non è il testo decisivo, una traduzione ufficialmente certificata del testo decisivo del progetto di trasformazione transfrontaliera in ceco devono essere inclusi nella raccolta dei documenti.

§ 38l

(1) Un ente statutario, un membro di un ente statutario o altro ente di una persona giuridica che è un imprenditore non può essere una persona che ha svolto una qualsiasi delle funzioni comparabili in una persona giuridica i cui beni sono stati dichiarati falliti. Lo stesso vale se una petizione di insolvenza presentata contro una tale persona giuridica è stata respinta per mancanza di beni.

(2) Un ostacolo ai sensi del paragrafo 1 deve essere imposto a una persona che ha svolto la funzione di un ente statutario, membro di un ente statutario o altro in una persona giuridica per almeno un anno prima di presentare una petizione di insolvenza contro la sua proprietà, o prima dell’obbligo di questa persona giuridica di presentare una petizione di insolvenza contro la sua proprietà.

(3) L’ostacolo ai sensi del paragrafo 1 dura per un periodo di 3 anni dalla data di entrata in vigore

a) una delibera per annullare il fallimento dopo l’adempimento della risoluzione di programma o perché i beni del debitore sono completamente insufficienti, o

b) una delibera che rigetta l’istanza di insolvenza per mancanza di beni.

(4) L’ostacolo di cui al paragrafo 1 non deve essere preso in considerazione,

a) se il fallimento viene annullato per motivi diversi da quelli di cui al paragrafo 3,

b) nel caso di un curatore che ha adempiuto all’obbligo di presentare istanza di insolvenza prevista dalla Legge sull’insolvenza, 1d )

(c) nel caso di una persona che è stata eletta in carica a seguito della dichiarazione di insolvenza della persona giuridica, o

d) nel caso di soggetto che, in un procedimento ai sensi di un’apposita normativa di legge, accerti di aver svolto la precedente funzione con la cura di un responsabile.

(5) Si rinuncia all’ostacolo di cui al paragrafo 1,

a) se la persona dalla cui parte appare è stata eletta o nominata con il consenso dei due terzi dei voti degli azionisti presenti in Assemblea o dei due terzi di tutti i membri del Consiglio di Sorveglianza o dipendenti autorizzati della Società.

b) l’ autorità competente è stata informata dell’esistenza di tale ostacolo al momento dell’elezione o della nomina di tale persona.

(6) Se il fatto di cui al paragrafo 1 si verifica in un momento in cui la persona interessata è un organo statutario, un membro di un organo statutario o altro organo di una persona giuridica, l’autorità competente deve, non appena ne viene a conoscenza , revocarlo o confermarne l’elezione o la nomina. La conferma dell’elezione o della nomina richiede il consenso dei due terzi dei voti degli azionisti presenti in Assemblea o dei due terzi di tutti i membri del Consiglio di Sorveglianza o dipendenti autorizzati della società, se è un membro del Consiglio di Sorveglianza eletto dai dipendenti. Se l’elezione o la nomina non sono confermate entro tre mesi dalla data in cui si è verificato l’evento di cui al comma 1, il mandato scade l’ultimo giorno di tale periodo.

(7) Nel caso di un socio di una società per azioni o di un socio accomandatario di una società in accomandita semplice, si rinuncia all’ostacolo di cui al paragrafo 1 o si conferma in carica il partner ai sensi del paragrafo 6, se i soci concludono un accordo con tale effetto per iscritto con firme ufficialmente verificate.

(8) La decisione ai sensi dei paragrafi 5 e 6 è di competenza del loro organo più alto per altri soggetti giuridici che sono imprenditori.

TITOLO IV

CONTABILITÀ DEGLI IMPRENDITORI
§ 39

(1) Le società e le cooperative devono far verificare il proprio bilancio e la relazione annuale da un revisore ai sensi della presente legge o in conformità con una normativa legale speciale.

(2) L’ imprenditore è obbligato a preparare e fornire al revisore tutte le registrazioni contabili e le spiegazioni necessarie per la verifica ai sensi del paragrafo 1.

(3) I costi associati alle attività di revisione sono a carico dell’imprenditore il cui bilancio è sottoposto a revisione.

§ 40

Le società e le cooperative pubblicano bilanci e relazioni annuali in conformità con la presente legge e una normativa legale speciale.

Titolo V

CONCORRENZA
Parte I

Partecipazione al concorso
§ 41

Le persone fisiche e giuridiche che partecipano al concorso, anche se non imprenditori (di seguito “concorrenti”), hanno il diritto di svolgere liberamente la propria attività competitiva al fine di conseguire un guadagno economico e di associarsi allo svolgimento di tale attività; tuttavia, sono obbligati a rispettare le regole di concorrenza legalmente vincolanti e non devono abusare della partecipazione alla concorrenza.

§ 42

(1) L’ abuso di partecipazione alla concorrenza è concorrenza sleale (di seguito denominata “concorrenza sleale”) e restrizione illegale della concorrenza.

(2) Le restrizioni illegali alla concorrenza sono regolate da una legge speciale.

§ 43

(1) A meno che i trattati internazionali ai quali la Repubblica ceca è vincolata e che sono stati promulgati nella Raccolta delle leggi o nella Raccolta dei trattati internazionali non dispongano diversamente, le disposizioni del presente titolo non si applicano ai procedimenti nella misura in cui hanno effetti all’estero.

(2) Per quanto riguarda la protezione contro la concorrenza sleale, le persone ceche sono poste su un piano di parità con le persone straniere che fanno affari nella Repubblica ceca ai sensi della presente legge. La protezione contro la concorrenza sleale è fornita a una persona ceca da un tribunale ceco o da un’altra autorità ceca anche se è stato concluso un accordo tra il ceco e una persona straniera, in base al quale dovrebbe decidere un tribunale straniero o un’altra autorità straniera. In caso contrario, le persone straniere possono richiedere protezione ai sensi dei trattati internazionali ai quali la Repubblica Ceca è vincolata e che sono stati promulgati nella Raccolta delle leggi o nella Raccolta dei trattati internazionali, e in caso contrario, sulla base della reciprocità.

Seconda parte

Concorrenza sleale
§ 44

Fornitura di base
(1) La concorrenza sleale è una condotta nella concorrenza o nelle relazioni economiche contraria alla buona morale della concorrenza e in grado di arrecare danno ad altri concorrenti, consumatori o altri clienti. La concorrenza sleale è vietata.

(2) La concorrenza sleale ai sensi del paragrafo 1 è in particolare:

a) pubblicità ingannevole,

b) etichettatura fuorviante di prodotti e servizi,

c) creando un rischio di confusione,

d) parassitismo sulla reputazione dell’azienda, dei prodotti o dei servizi di un altro concorrente,

e) corruzione,

f) minimizzare,

g) pubblicità comparativa,

h) violazione dei segreti commerciali,

i) rischi per la salute dei consumatori e l’ambiente.

§ 45

Pubblicità ingannevole
(1) La pubblicità ingannevole è la diffusione di dati sull’azienda propria o altrui, sui suoi prodotti o prestazioni, che è in grado di creare un’idea fuorviante e quindi di ottenere la concorrenza o il vantaggio economico della propria o di un’altra società a scapito di altri concorrenti, consumatori o altri clienti.

(2) La comunicazione mediante parola o scrittura, stampa, immagine, fotografia, radio, televisione o altri mezzi di comunicazione è considerata diffusione di dati.

(3) Una dichiarazione è anche di per sé fuorviante se, in considerazione delle circostanze e del contesto in cui è stata fatta, può fuorviare.

§ 46

Etichettatura fuorviante di prodotti e servizi
(1) Una designazione fuorviante di prodotti e servizi è qualsiasi designazione che sia in grado di dare adito a una falsa presunzione nelle relazioni economiche che i prodotti o servizi da essi designati provengano da un determinato stato, una certa area o luogo o da un determinato produttore, o che hanno caratteristiche speciali o qualità speciali. È irrilevante se il contrassegno sia stato indicato direttamente sulla merce, sull’imballaggio, sui documenti commerciali, ecc. È inoltre irrilevante se il contrassegno fuorviante sia stato effettuato direttamente o indirettamente e con quali mezzi. Le disposizioni della Sezione 45, Paragrafo 3 si applicano mutatis mutandis.

(2) Un’indicazione fuorviante è anche una designazione errata di prodotti o servizi, a cui viene utilizzata un’appendice per distinguerla dalla vera origine, come i termini “tipo”, “tipo”, “metodo” e la designazione è tuttavia in grado di evocare l’origine o la natura dei prodotti o servizi un malinteso.

(3) Un’indicazione fuorviante non è un’indicazione di un nome che è già generalmente utilizzato nelle relazioni economiche come indicazione utilizzata per indicare il tipo o la qualità delle merci, a meno che non sia accompagnata da un’appendice che può fuorviare l’origine, come “genuina “,” originale “, ecc.

(4) Questa disposizione non pregiudica i diritti e gli obblighi derivanti dalla denominazione di origine registrata di prodotti, marchi, varietà vegetali protette e razze animali, previsti da leggi speciali.

(5) La pubblicità nel corso delle attività commerciali e ai fini dei rapporti economici, che offre la registrazione in cataloghi, come telefono e altri elenchi, tramite modulo di pagamento, voucher, fattura, offerta di riparazione o altri mezzi simili, deve contenere informazioni espresse in modo chiaro e inequivocabile che questo annuncio pubblicitario è esclusivamente un’offerta per concludere un contratto. Ciò si applica mutatis mutandis anche all’offerta diretta di tale registrazione.

§ 47

Rischio di confusione
Il rischio di confusione è:

a) l’ uso della società o il nome di una persona o una designazione speciale della società già utilizzata da un altro concorrente,

b) l’ uso di denominazioni aziendali speciali o designazioni speciali o modifiche dei prodotti, delle prestazioni o dei materiali aziendali della società che sono caratteristici di una determinata azienda o impianto nelle cerchie dei clienti (ad esempio anche la designazione di imballaggi, moduli, cataloghi, mezzi pubblicitari),

(c) imitazioni di prodotti estranei, il loro imballaggio o le loro prestazioni, a meno che non siano imitazioni in elementi che sono già funzionalmente, tecnicamente o esteticamente predeterminati dalla natura del prodotto e l’imitatore ha preso tutte le misure che gli possono essere richieste per eliminare o almeno sostanzialmente ridotto,

se tale comportamento è idoneo a creare un rischio di confusione o un’impressione fuorviante di una fusione con un’impresa, una ditta, un segno speciale o prodotti o la prestazione di un altro concorrente.

§ 48

Parassitare sulle voci
Il parassitismo è l’uso della reputazione, dei prodotti o dei servizi di un altro concorrente al fine di ottenere per i risultati dell’attività propria o altrui un vantaggio che il concorrente non otterrebbe altrimenti.

§ 49

Corruzione
La corruzione ai sensi della presente legge è una condotta che:

(a) un concorrente offre, direttamente o indirettamente, a una persona che è membro di un organo statutario o di altro tipo di un altro concorrente o ha un rapporto di lavoro o altra relazione simile con un altro concorrente, promette o fornisce qualsiasi vantaggio al fine di ottenere un ingiusto pratiche a danno di altri concorrenti per: vantaggio personale o di un altro concorrente o altro vantaggio indebito nella competizione, o

b) la persona di cui alla lettera a) richiede, promette o accetta direttamente o indirettamente qualsiasi vantaggio per lo stesso scopo.

§ 50

Alleggerimento
(1) I reati sono comportamenti mediante i quali un concorrente dichiara o diffonde false informazioni sulle condizioni, i prodotti o le prestazioni di un altro concorrente in grado di arrecare danno a quel concorrente.

(2) La divulgazione e la diffusione di dati reali sulle condizioni, i prodotti o le prestazioni di un altro concorrente, se sono in grado di causare danni a quel concorrente, è anch’essa una mitigazione. Tuttavia, non è concorrenza sleale se il concorrente è stato costretto a farlo dalle circostanze (legittima difesa).

§ 50a

Pubblicità comparativa
(1) La pubblicità comparativa è qualsiasi pubblicità che identifica esplicitamente o indirettamente un altro concorrente o beni o servizi offerti da un altro concorrente.

(2) La pubblicità comparativa è consentita solo se

a) non è fuorviante o non utilizza pratiche commerciali ingannevoli ai sensi di una normativa legale speciale,

b) confronta solo beni o servizi che soddisfano le stesse esigenze o destinati allo stesso scopo,

c) confronta oggettivamente una o più caratteristiche di base di determinati beni o servizi, che sono importanti per loro, verificabili e caratteristiche, tra le quali può essere il prezzo,

d) non crea un rischio di confusione sul mercato tra il prodotto o i servizi promossi dalla pubblicità e il concorrente o tra le loro imprese, beni o servizi, marchi, imprese o altri segni speciali divenuti caratteristici di uno o l’altro,

e) non induce in errore l’impresa, i prodotti o servizi di un concorrente oi suoi marchi, società o altre designazioni speciali che sono diventate caratteristiche di esso, o le sue attività, condizioni o altre circostanze che lo riguardano,

f) si applica ai prodotti per i quali il concorrente ha il diritto di utilizzare la denominazione di origine protetta, sempre e solo ai prodotti con la stessa denominazione di origine protetta,

(g) non porta a una competenza sleale derivante dalla notorietà del marchio, del nome di società o di altri marchi speciali di un concorrente che sono diventati caratteristici di lui, o della notorietà contro la denominazione di origine di prodotti concorrenti, e

(h) non offre beni o servizi come imitazioni o riproduzioni di beni o servizi coperti da un marchio, nome commerciale o società.

(3) Qualsiasi confronto che si riferisca a un’offerta speciale deve indicare in modo chiaro e inequivocabile la data in cui termina l’offerta o deve dichiarare che sarà terminata a seconda dell’esaurimento delle scorte dei beni o servizi offerti. Se l’offerta speciale non ha ancora avuto effetto, il concorrente deve indicare anche la data in cui si applica il periodo in cui si applica il prezzo speciale o altre condizioni speciali.

§ 51

Violazione dei segreti commerciali
La violazione di un segreto commerciale è un atto mediante il quale la persona che agisce comunica, mette a disposizione, per sé o per altro uso, un segreto commerciale (§ 17), che può essere utilizzato in un concorso e di cui ha appreso:

a) facendogli affidare il segreto o divenendo altrimenti accessibile (es. da modelli tecnici, istruzioni, disegni, modelli, disegni) sulla base del suo rapporto di lavoro con un concorrente o sulla base di un altro rapporto con lui, o nel svolgimento della sua funzione, alla quale è stato convocato da un tribunale o altra autorità,

b) per azioni proprie o altrui contrarie alla legge.

§ 52

Minacce alla salute e all’ambiente
Una minaccia per la salute e l’ambiente è un comportamento con il quale un concorrente distorce le condizioni di concorrenza operando, immettendo sul mercato prodotti o svolgendo attività che mettono a rischio la tutela della salute o dell’ambiente tutelato dalla legge, al fine di guadagnare per sé o per altri a scapito di altri concorrenti o consumatori.

Parte III

Rimedi legali contro la concorrenza sleale
§ 53

Le persone i cui diritti sono stati violati o messi in pericolo dalla concorrenza sleale possono richiedere che l’autore della violazione si astenga da tale comportamento ed elimini la condizione difettosa. Inoltre, possono richiedere un risarcimento adeguato, che può anche essere fornito in contanti, danni e l’emissione di un arricchimento ingiusto.

§ 54

(1) Oltre ai casi specificati nelle sezioni da 48 a 51, una persona giuridica autorizzata a difendere gli interessi dei concorrenti o dei consumatori può anche esercitare il diritto di astenersi dall’autore della violazione di comportamenti illeciti e di eliminare la situazione difettosa.

(2) Se il consumatore rivendica il diritto di astenersi dalla condotta di concorrenza sleale o di eliminare la situazione difettosa nei casi specificati nei § 44 a 47 e § 52, l’autore della violazione deve dimostrare di non aver commesso l’atto di concorrenza sleale . Ciò vale anche per l’obbligo di risarcimento danni per quanto riguarda la questione se il danno sia stato causato da una condotta di concorrenza sleale e per il diritto a un risarcimento adeguato e alla questione del guadagno pecuniario ingiustificato; tuttavia, l’ammontare del danno causato, la gravità e l’entità dell’altro danno, la natura e l’entità dell’arricchimento indebito devono essere sempre stabiliti dal richiedente, anche se è un consumatore.

§ 55

Il contratto, la sua parte o le sue singole disposizioni, la cui conclusione ha violato il divieto di concorrenza sleale (§ 44 a 52), è invalido dall’inizio.

SECONDA PARTE

SOCIETA ‘COMMERCIALI E COOPERATIVE
Titolo I

SOCIETA ‘COMMERCIALI
Parte I

Condizioni generali
§ 56

(1) Una società commerciale (di seguito denominata “società”) è una persona giuridica costituita allo scopo di svolgere attività imprenditoriale, salvo diversa disposizione del diritto o della legge della Comunità europea. Le società sono una società per azioni, una società in accomandita semplice, una società a responsabilità limitata, una società per azioni, una società europea e un gruppo di interesse economico europeo. Il Gruppo Europeo di Interesse Economico e la Società Europea sono inoltre regolati dalla legge della Comunità Europea e dalla normativa specifica. Una società a responsabilità limitata e una società per azioni possono essere costituite per altri scopi, a meno che non sia vietato da una legislazione speciale.

(2) Salvo diversa disposizione di legge, le persone fisiche e giuridiche possono essere i fondatori di una società e partecipare alla sua attività.

(3) L’attività di cui alla Sezione 37 (1), seconda frase, può essere svolta dall’azienda solo con l’ausilio delle persone ivi elencate. La responsabilità di queste persone ai sensi di regolamenti speciali non è pregiudicata.

(4) Una persona fisica o giuridica può essere un partner con responsabilità illimitata in una sola società.

(5) Le disposizioni che disciplinano le singole forme di società stabiliscono la misura in cui gli azionisti sono responsabili delle responsabilità della società. Le disposizioni sulla responsabilità (articolo 303 e seguenti) si applicano mutatis mutandis alla loro responsabilità, salvo diversa disposizione di altre disposizioni della presente legge. Se i beni della società sono dichiarati falliti, gli azionisti sono responsabili delle passività della società solo nella misura in cui i creditori che hanno presentato le loro richieste in tempo non sono stati soddisfatti nella procedura fallimentare.

(6) Dopo lo scioglimento della società, i soci sono responsabili per le responsabilità della società nonché per la sua durata. Se la società viene sciolta con liquidazione, i soci sono responsabili delle sue responsabilità fino all’importo della loro quota nel saldo di liquidazione (§ 61 par.4), ma almeno nella misura in cui ne erano responsabili per la durata del l’azienda. I soci stabiliscono tra di loro allo stesso modo della responsabilità della società.

§ 56a

(1) L’ abuso della maggioranza e della minoranza dei voti nella società è vietato.

(2) È vietata qualsiasi condotta volta ad abusare di uno dei partner in modo abusivo.

§ 57

Costituzione di società
(1) Salvo diversa disposizione di altre disposizioni della presente legge, una società è costituita da un accordo di partnership firmato da tutti i fondatori. L’autenticità delle firme dei fondatori deve essere verificata ufficialmente. Il patto di società di una società a responsabilità limitata e il patto di costituzione di una società per azioni devono assumere la forma di atto notarile.

(2) Se il contratto di partnership è concluso dall’agente sulla base di una procura, la firma del preponente deve essere ufficialmente verificata su di esso. La procura è allegata al contratto di società.

(3) Se la presente legge consente la costituzione di una società da parte di un unico fondatore, il contratto di società deve essere sostituito da un atto costitutivo redatto in forma di atto notarile. La carta deve contenere le stesse parti essenziali dell’accordo di partenariato.

§ 58

Capitale di base
(1) Il capitale sociale di una società è un’espressione monetaria della somma dei contributi monetari e non monetari di tutti gli azionisti al capitale sociale della società (di seguito “conferimento”). Deve essere espresso in unità monetarie ceche. Il socio partecipa al capitale sociale tramite deposito. Il capitale sociale fa parte del patrimonio netto.

(2) Il capitale sociale è costituito obbligatoriamente in una società in accomandita semplice, in una società a responsabilità limitata e in una società per azioni. Il suo importo è iscritto nel Registro delle Imprese, se così previsto dalla legge.

§ 59

Deposito compagno
(1) Il contributo di un azionista è una somma di fondi (di seguito “deposito in contanti”) o altri valori monetari (di seguito “contributo non monetario”), che una persona si impegna a investire nella società per acquisire o aumentare la partecipazione nella società.

(2)Un contributo non monetario può essere solo un bene il cui valore economico è determinabile e che l’azienda può utilizzare economicamente in relazione all’oggetto di attività. Sono vietati i depositi costituiti da impegni relativi all’esecuzione di lavori o alla prestazione di servizi. Il contributo non monetario deve essere rimborsato prima che l’importo del capitale sociale sia iscritto nel Registro di commercio. Se il diritto di titolarità del contributo non monetario non viene trasferito all’azienda, anche se la cauzione non monetaria si considera rimborsata, il partner che si è impegnato a versare tale cauzione è obbligato a versare il valore del contributo non monetario in contanti e la società è obbligata a restituire il deposito non monetario, è stata obbligata a rilasciarlo alla persona autorizzata. Se l’azionista trasferisce la quota a un altro, l’acquirente della quota è responsabile dell’adempimento dell’obbligo di pagare in contanti il ​​valore del contributo non monetario,19 ) o un mercato estero simile al mercato regolamentato o nel sistema commerciale multilaterale ceco o estero (di seguito denominato “sistema commerciale multilaterale”).

(3)Il valore del contributo non monetario deve essere indicato nel contratto di società, nel contratto di fondazione o nell’atto costitutivo, salvo diversa disposizione della presente legge. Il valore di un contributo non monetario ad una società a responsabilità limitata e ad una società per azioni è determinato sulla base di un parere preparato da un esperto indipendente dalla società, all’uopo nominato dal tribunale. La proposta per la nomina di uno o più esperti deve essere presentata dal fondatore, dal futuro fondatore o dalla società (di seguito il “proponente”). Le parti del procedimento sono il firmatario e l’esperto, e il tribunale competente a livello locale è il tribunale generale del firmatario. Il tribunale non è vincolato dalla proposta della persona del perito. Il tribunale propone ricorso contro la proposta della società del perito incaricato se viola gravemente i suoi obblighi. Il tribunale deve decidere sulla proposta di nominare o revocare un esperto entro 15 giorni dalla consegna della proposta. Il compenso per la redazione della perizia è a carico dell’azienda ed è determinato di comune accordo. Se la società non è costituita, la remunerazione è corrisposta in solido dai fondatori. Se le parti non concordano sull’ammontare del compenso, sarà determinato dal tribunale che ha nominato l’esperto su proposta di una delle parti.

(4) Il parere dell’esperto deve contenere almeno

a) una descrizione del contributo non monetario,

(b) i metodi utilizzati per valutarlo e un’indicazione se il valore del contributo non monetario a cui si applicano i metodi utilizzati porta almeno al prezzo di emissione aggregato delle azioni da emettere in considerazione di tale contributo non monetario o l’importo da includere nel contributo al capitale sociale di una società a responsabilità limitata,

(c) l’ importo per il quale è valutato il contributo non monetario.

(5) Se viene inserita un’impresa o parte di essa, si applicano mutatis mutandis le disposizioni sul contratto di vendita dell’impresa; se l’immobile fa parte dell’impresa, la dichiarazione sul deposito dell’impresa deve contenere anche una dichiarazione ai sensi della Sezione 60 (1).

(6) Se il conferimento non monetario o parte di esso consiste nella cessione di un credito, si applicano mutatis mutandis le disposizioni sulla cessione del credito. Un partner che ha ceduto un credito alla società come contributo non monetario è responsabile della recuperabilità di tale credito fino all’importo della sua valutazione.

(7)Se, al momento della costituzione della società, il valore del contributo non monetario non raggiunge l’importo determinato alla sua costituzione, l’azionista che ha rimborsato tale contributo è tenuto al pagamento della differenza in denaro, salvo diversa disposizione del contratto di partnership o statuto. L’azionista che ha restituito il deposito dopo la costituzione della società ha lo stesso obbligo e il valore del contributo non monetario al momento del suo rimborso non ha raggiunto l’importo per il quale era o avrebbe dovuto essere valutato. Se il contributo non monetario consisteva nell’istituzione o nel trasferimento del diritto di utilizzo o di godimento per un determinato periodo di tempo e questo diritto è scaduto prima della scadenza del periodo specificato, il partner è obbligato a pagare i danni causati in contanti. . Se l’azionista trasferisce la quota a un altro, l’acquirente della quota è responsabile dell’adempimento di tali obblighi,

(8) Un credito verso una società non può essere un contributo non monetario. Tale credito può essere compensato con il credito della società per la restituzione del deposito o del prezzo di emissione solo se previsto dalla legge.

§ 59a

Eccezioni all’obbligo di valutare un contributo non monetario da parte di un esperto in caso di aumento del capitale sociale
(1) Se un contributo non monetario a una società è un titolo di investimento o uno strumento del mercato monetario ai sensi della legge che disciplina le attività del mercato dei capitali e se l’organo statutario di questa società lo decide, la media ponderata dei prezzi a cui sono state effettuate le negoziazioni deve essere utilizzato per determinarne il valore.questo titolo o strumento su un mercato regolamentato europeo durante i 6 mesi precedenti la scadenza del deposito.

(2) Se un contributo non monetario a una società è un’attività diversa dalle attività definite nel paragrafo 1 e se l’ente statutario di questa società lo decide, il valore determinato da un esperto indipendente generalmente riconosciuto utilizzando standard e principi di valutazione generalmente accettati deve essere utilizzato per determinarne il valore oltre 6 mesi prima del rimborso del deposito.

(3) Se il contributo non monetario alla società è un’attività diversa dalla proprietà definita nel paragrafo 1 e se l’organo statutario di questa società lo decide, deve essere utilizzato se tali attività sono contabilizzate al valore equo in in conformità con la Legge sulla contabilità 1e ) il suo valore, questo valore equo riportato nel bilancio per il periodo contabile precedente prima che l’Assemblea generale decidesse su questo contributo, se verificato dal revisore senza riserve.

(4) Tuttavia, se il valore di un contributo non monetario ai sensi del paragrafo 1 è influenzato da circostanze eccezionali che lo cambierebbero in modo significativo a partire dalla data del suo rimborso, la società dovrà garantire una nuova valutazione; § 59 paragrafo 3 si applica mutatis mutandis alla nomina e alla remunerazione di un esperto.

(5) Se si sono verificate nuove circostanze che potrebbero modificare in modo significativo il suo valore determinato in conformità ai paragrafi 2 e 3 alla data di rimborso del contributo non monetario, la società deve garantire una nuova valutazione; § 59 paragrafo 3 si applica mutatis mutandis alla nomina e alla remunerazione di un esperto.

§ 59b

(1) Se una nuova valutazione dei depositi non monetari non viene eseguita ai sensi del § 59a para.2 e 3 nei casi in cui tale valutazione avrebbe dovuto essere eseguita in conformità con il § 59a para.5, le società possono richiedere tale valutazione dal giorno quando questo contributo non monetario l’Assemblea ha deciso il deposito fino al giorno del suo rimborso

(a) uno o più azionisti i cui contributi al momento della decisione dell’assemblea generale di aumentare il capitale sociale ammontassero almeno al 5% del capitale sociale sottoscritto e detengano ancora tali azioni almeno nella stessa misura della data del applicazione; o

(b) un azionista o azionisti se, al momento della decisione dell’Assemblea generale di aumentare il capitale sociale, il valore nominale complessivo delle loro azioni era almeno il 5% del capitale sottoscritto della società e detengono ancora tali azioni almeno fino al stessa misura.

(2) Se la società non propone la nomina di un esperto ai sensi del § 59 paragrafo 3 entro 14 giorni dalla data di consegna della domanda ai sensi del paragrafo 1, la nomina di un esperto può essere proposta dai partner o azionisti che soddisfano le condizioni di cui al par. § 59 paragrafo 3 si applica mutatis mutandis alla nomina e alla remunerazione di un esperto.

(3) Se la valutazione in base all’opinione degli esperti fornita dai partner o dagli azionisti ai sensi del paragrafo 2 è uguale o superiore alla valutazione originale, sebbene abbiano affermato che dovrebbe essere inferiore, la società può richiedere che questi partner o azionisti la rimborsino per i costi associati alla sua preparazione.

§ 59c

(1) Se il capitale sociale è aumentato di un contributo non monetario e il suo valore è stato determinato ai sensi del § 59a par. Da 1 a 3, la società deve depositare un avviso contenente i requisiti di cui al paragrafo 2 e la data in cui la decisione di aumentare il capitale sociale accettato. Se tale obbligo è rispettato, la dichiarazione di cui al paragrafo 2 contiene solo una dichiarazione secondo cui non si sono verificate nuove circostanze dalla pubblicazione della notifica ai sensi del presente paragrafo.

(2) Se il valore di un deposito non monetario è stato determinato in conformità alla Sezione 59a, paragrafi da 1 a 3, la società dovrà, entro 1 mese dalla data di rimborso del deposito, depositare una dichiarazione contenente:

a) una descrizione del contributo non monetario,

b) il valore del contributo non monetario, il metodo di valutazione e, se applicabile, i metodi utilizzati,

c) nel caso di società per azioni, indicazione se il valore del contributo non monetario corrisponde almeno al numero e al prezzo di emissione delle azioni per loro emesse,

d) nel caso di una società a responsabilità limitata, una dichiarazione che indichi se il valore del contributo non monetario corrisponde almeno all’importo del deposito presunto con un eventuale premio di emissione,

e) una dichiarazione attestante che non si sono verificate circostanze eccezionali o nuove che potrebbero influire sulla valutazione iniziale.

§ 60

Amministrazione e rimborso dei depositi prima della costituzione della società
(1) Prima della costituzione della società, i depositi versati o le loro parti sono gestiti dal fondatore autorizzato dalla società nella partnership o nell’accordo di fondazione. Una banca può anche essere incaricata dell’amministrazione di un deposito in contanti, anche se non è il fondatore. La proprietà dei depositi o delle loro parti rimborsate prima della costituzione della società, o altri diritti su questi depositi, passano alla società il giorno della sua costituzione. La società acquisisce la proprietà dell’immobile depositando il diritto di proprietà nel catasto immobiliare sulla base di una dichiarazione scritta del depositante con firma ufficialmente verificata. Altri valori immobiliari per i quali si acquisisce il relativo diritto mediante iscrizione in apposito registro, la società acquisisce solo con l’efficacia di tale iscrizione.

(2)Se il deposito non monetario è immobiliare, il depositante deve presentare una dichiarazione scritta ai sensi del comma 1 alla persona che gestisce i depositi rimborsati (di seguito “amministratore del deposito”) prima che la società sia iscritta nel Registro di commercio. Consegnando questa dichiarazione insieme alla consegna dell’immobile al gestore del deposito, il deposito viene rimborsato. Ciò non pregiudica le disposizioni del § 59 paragrafo 2. Se l’oggetto di un deposito non monetario è una cosa mobile, il deposito viene rimborsato consegnando la cosa all’amministratore del deposito, salvo diversa disposizione nell’accordo di partnership, memorandum di associazione o charter. Per altri depositi non monetari, il deposito viene rimborsato concludendo un contratto di deposito scritto, che viene concluso per conto della società dall’amministratore del deposito. Questo contratto deve garantire la supervisione del gestore del deposito sulla prestazione fino alla costituzione della società. Se il contributo non monetario è know-how, è richiesta anche la presentazione della documentazione, in cui viene catturato. Se il contributo non monetario è un’impresa o parte di essa, è richiesto anche il trasferimento dell’impresa o di parte di essa al gestore dei depositi. L’amministratore del deposito e la persona che restituisce il deposito devono scrivere un record del trasferimento della società o di una sua parte o della documentazione in cui viene acquisito il know-how.

(3) Dopo la costituzione della società, il gestore del deposito è obbligato a consegnare i depositi rimborsati con i frutti e i benefici senza indebito ritardo alla società, a meno che non si tratti di depositi in contanti, che vengono depositati in un conto speciale presso una banca o cooperativa di risparmio e credito istituita per questa società prima della sua costituzione. Se la società non è costituita, il gestore del deposito è obbligato a restituire i depositi pagati senza indebito ritardo, compresi i frutti e i benefici da essi derivanti. I fondatori sono responsabili in solido per l’adempimento di tale obbligo.

(4) L’amministratore del deposito è tenuto a rilasciare una dichiarazione scritta sul rimborso del deposito o di sue parti da parte dei singoli azionisti, che è allegata alla proposta di iscrizione nel Registro di commercio. Il gestore del deposito, che ha indicato nella dichiarazione un importo superiore a quello pagato, è responsabile nei confronti dei creditori della società per le sue passività fino all’ammontare di tale differenza, per un periodo di cinque anni dall’iscrizione della società nel Registro delle Imprese .

§ 61

Condividere
(1) Un’azione rappresenta la partecipazione di un azionista in una società e i diritti e gli obblighi che ne derivano. Ogni socio può avere una sola quota della società, a meno che non sia una società per azioni. Una quota di una società non può essere rappresentata da un titolo, a meno che non si tratti di una società per azioni. Ai fini della presente legge, la quota è valutata in base al grado di partecipazione dell’azionista al patrimonio netto aziendale della società, che ricade sulla sua quota, salvo diversa disposizione di legge.

(2) In caso di cessazione della partecipazione dell’azionista nella società per la durata della società diversa dal trasferimento di una quota o dall’assegnazione di un martello nel procedimento di esecuzione di una decisione, l’azionista acquisisce il diritto alla transazione (quota di liquidazione) . L’importo della quota di regolamento è determinato alla data di cessazione della partecipazione del socio nella società dal patrimonio netto determinato dal bilancio infrannuale, ordinario o straordinario predisposto alla data di cessazione della partecipazione del socio nella società, salvo accordo stabilisce che il patrimonio netto aziendale è determinato in modo simile ai sensi del § 59 paragrafo 3. La quota di liquidazione è pagata in contanti, salvo diversa disposizione dello statuto o dello statuto.

(3) Il diritto al pagamento di una quota di regolamento è esigibile dopo tre mesi dall’approvazione del bilancio ai sensi del paragrafo 2 o dalla data di consegna della perizia ai sensi del paragrafo 2 alla società, salvo diversa disposizione legge, accordo tra partecipanti o accordo di partnership. Se i soci o l’organo competente della società non approvano il bilancio senza giustificato motivo, il diritto al pagamento della quota di regolamento spetta tre mesi dopo la data in cui il bilancio avrebbe dovuto essere approvato.

(4) Se la liquidazione è connessa alla liquidazione della società, il socio ha diritto a una quota del saldo patrimoniale risultante dalla liquidazione (quota del saldo di liquidazione).

§ 62

Costituzione dell’azienda
(1) La società è costituita il giorno in cui è stata registrata nel Registro delle Imprese. La proposta di iscrizione nel Registro di commercio deve essere presentata entro 90 giorni dalla costituzione della società (§ 57) o dalla consegna di una licenza commerciale o altra licenza commerciale. Se la domanda non viene presentata entro il termine stabilito, non è più possibile presentare domanda di iscrizione nel Registro delle Imprese sulla base di una licenza commerciale.

(2) A meno che non sia espressamente indicato al momento della costituzione di una società che è costituita per un periodo determinato, si considera che sia stata costituita per un periodo indefinito.

§ 63

Gli atti legali relativi alla costituzione, costituzione, modifica, scioglimento o scioglimento della società devono essere in forma scritta con firme ufficialmente verificate; la legge stabilisce per quali atti è richiesta la forma di atto notarile. Se la legge prevede la forma di un atto notarile per un atto giuridico che costituisce una società, la forma di un atto notarile è richiesta anche per le modifiche del suo contenuto.

§ 64

Agire per conto della società prima dell’iscrizione nel registro delle imprese
(1) Chi agisce per conto dell’azienda prima della sua costituzione è obbligato a farlo; se più di una persona agisce, sono vincolate congiuntamente e separatamente. Se i soci o l’organo competente della società approva queste trattative entro tre mesi dalla costituzione della società, si applica che la società è stata obbligata da queste trattative sin dall’inizio.

(2) I fondatori sono tenuti a redigere un elenco delle negoziazioni di cui al paragrafo 1 e sottoporlo all’approvazione degli azionisti o dell’organo autorizzato ad approvarle in modo che possa essere rispettato il termine di cui al paragrafo 1. risultato.

(3) L’organo statutario è tenuto a notificare ai partecipanti i rapporti contrattuali derivanti da tali trattative senza indebito ritardo dopo l’approvazione delle trattative effettuate prima della costituzione della società.

§ 65

Divieto di concorrenza
(1) Le disposizioni sulle singole società determinano quali soggetti e in quale misura sono soggetti al divieto di comportamento concorrenziale.

(2) La società ha il diritto di richiedere che la persona che ha violato questo divieto, emetta un vantaggio dall’attività in cui ha violato il divieto di concorrenza o trasferisca i diritti corrispondenti alla società. Ciò non pregiudica il diritto al risarcimento.

(3) I diritti di una società ai sensi del paragrafo 2 scadono se non sono stati esercitati con la persona responsabile entro tre mesi dal giorno in cui la società è venuta a conoscenza di questo fatto, ma non oltre un anno dalla loro costituzione. Ciò non pregiudica il diritto al risarcimento.

§ 65a

(1) Se le spese di costituzione sono riportate nella contabilità della società come attività come attività a lungo termine, queste attività devono essere ammortizzate entro e non oltre cinque anni dalla costituzione della società.

(2) Fino a quando le attività di cui al paragrafo 1 non sono completamente ammortizzate, qualsiasi pagamento di quote di profitto è vietato, a meno che le risorse disponibili da cui possono essere altrimenti pagate le quote di profitto e gli utili non distribuiti di periodi precedenti siano almeno pari a parte ammortizzata delle spese di costituzione.

§ 66

(1)Una persona che è un organo statutario o un suo membro o un membro di un altro organo della società può dimettersi dalla sua carica. Tuttavia ne informa l’organo di cui fa parte o l’organo che lo ha eletto o nominato. Il mandato scade il giorno in cui le dimissioni sono state discusse o avrebbero dovuto essere discusse dall’organo che l’ha eletta o nominata, a meno che lo statuto o lo statuto non prevedano che sia sufficiente se è o avrebbe dovuto essere discusso. dal corpo di cui è membro. Nel caso di persona eletta quale componente dell’organo, i dipendenti della società cessano dal mandato nel giorno in cui le dimissioni sono state discusse o avrebbero dovuto essere discusse dall’organo di cui è membro. L’autorità competente discuterà le dimissioni nella riunione successiva dopo aver appreso delle dimissioni. Se una persona che si dimette annuncia le sue dimissioni in una riunione dell’autorità competente, il mandato termina due mesi dopo tale comunicazione, a meno che l’autorità competente della società non approvi, su sua richiesta, un altro momento di cessazione dalla carica. Se l’Assemblea è tenuta da un solo socio e quest’ultimo non approva un altro momento di cessazione dalla carica su richiesta di una persona che è un organo statutario o un suo membro o altro membro della società, la durata del mandato di tale persona termina 2 mesi dalla data di consegna

(2) Il rapporto tra la società e una persona che è un organo statutario o un membro dell’organo statutario o altro organo della società o un partner nell’organizzazione degli affari della società è regolato dalle disposizioni del contratto di mandato, se il contratto di prestazione, se conclusa, o dalla legge non vi è altra determinazione di diritti e obblighi. L’obbligo di svolgere la funzione è un obbligo di natura personale. Il contratto sull’espletamento della funzione deve essere in forma scritta e deve essere approvato dall’Assemblea generale o per iscritto da tutti i partner che sono responsabili degli obblighi della società senza limitazioni.

(3) Qualsiasi prestazione della società a beneficio di una persona che è un ente della società o di un suo membro, a cui il diritto non deriva da una normativa legale o da un regolamento interno, può essere fornita solo con il consenso del Assemblea generale o se è concesso nel contratto. La società non fornirà prestazioni se lo svolgimento della funzione ha apparentemente contribuito ai risultati economici sfavorevoli della società, o in caso di violazione colposa di un obbligo legale in relazione allo svolgimento della funzione.

(4) Salvo diversa disposizione di legge, lo statuto o lo statuto, lo statuto e gli altri organi possono deliberare solo se è presente la maggioranza assoluta dei loro membri e una delibera richiede il consenso della maggioranza dei membri presenti. In caso di parità prevale il voto del presidente. Lo statuto o l’atto costitutivo possono anche consentire il voto scritto o il voto mediante mezzi di comunicazione al di fuori dell’assemblea, se tutti i membri dell’organo sono d’accordo. Gli elettori sono quindi considerati presenti.

(5) Le disposizioni dei paragrafi 1 e 4 non si applicano all’Assemblea generale.

(6) Le disposizioni della presente legge e le disposizioni legali speciali in materia di responsabilità e responsabilità degli organi e dei membri degli organi della società si applicano anche alle persone che, sulla base di un accordo, partecipano alla società o altri fatti, influenzano in modo significativo la condotta della società , anche se non sono organi o componenti di organi sociali, indipendentemente dal loro rapporto con la società.

(7) Le persone che eseguono atti scritti per conto dell’azienda devono firmarli allegando la propria firma alla società della società. Tuttavia, la mancata dichiarazione della società alla firma della persona che agisce non invalida l’atto giuridico.

(8) Se l’organo oi membri dell’organo di una persona giuridica sono deputati e senatori che agiscono in questo modo con il consenso o su proposta dello Stato, lo Stato risarcirà il danno di cui queste persone sono responsabili ai sensi del presente Atto.

(9) Lo Stato ha il diritto di risarcire le persone per le quali ha pagato il danno ai sensi del paragrafo 8 e che hanno causato questo danno per sua colpa, nella misura in cui queste persone sono responsabili per i danni causati da una violazione dei doveri ai sensi del Lavoro Codice.

(10) Se l’organo oi membri dell’organo della società sono funzionari di un’unità di autogoverno territoriale che sono stati così distaccati come rappresentanti dell’unità di autogoverno territoriale di cui sono dipendenti, questa unità di autogoverno territoriale deve risarcire i danni per i quali queste persone sono responsabili ai sensi della presente legge.

(11) Un’unità di autogoverno territoriale ha il diritto di risarcire le persone per le quali ha pagato un danno ai sensi del paragrafo 10 e che hanno causato questo danno per sua colpa, nella misura massima in cui queste persone sono responsabili del danno causato da colpa. responsabilità.

§ 66a

Raggruppamenti aziendali
(1)L’azionista che ha la maggioranza dei voti risultanti dalla partecipazione nella società è l’azionista di maggioranza e la società in cui ha questa maggioranza è la società con l’azionista di maggioranza. I voti risultanti dalla partecipazione dell’azionista in una società per azioni, una società in accomandita semplice e una società a responsabilità limitata sono i voti associati alla sua quota nella società. Nel caso di società per azioni, i voti risultanti dalla partecipazione del socio nella società includono i voti appartenenti alle sue azioni con diritto di voto, indipendentemente dal fatto che tali azioni siano già state emesse. Ai fini della presente disposizione, le azioni privilegiate senza diritto di voto sono considerate azioni senza diritto di voto anche nei casi in cui acquisiscono temporaneamente i diritti di voto.

(2) Una persona controllante è una persona che, di fatto o di diritto, esercita direttamente o indirettamente un’influenza determinante sulla gestione o sul funzionamento dell’attività di un’altra persona (di seguito la “persona controllata”). Se l’entità controllante è una società, è una società madre e la società da essa controllata è una controllata. Per influenza indiretta si intende l’influenza esercitata tramite un’altra persona o altre persone.

(3) La persona che controlla è sempre la persona che

(a) è un azionista di maggioranza; ciò non si applica se la persona che controlla è designata conformemente alle disposizioni della lettera b),

(b) ha la maggioranza dei diritti di voto previo accordo con un altro membro o membri; o

c) può imporre la nomina, l’elezione o la revoca della maggioranza delle persone che sono l’organo statutario o dei suoi membri, o della maggioranza delle persone che sono membri dell’organo di vigilanza della persona giuridica di cui è socio.

(4) Le persone che agiscono di concerto, che insieme hanno la maggioranza dei diritti di voto in una determinata persona, sono sempre persone che controllano.

(5) A meno che non sia dimostrato che un’altra persona ha lo stesso o un numero maggiore di diritti di voto, si considera che una persona che ha almeno il 40% dei diritti di voto in una determinata persona è una persona di controllo e che le persone che agiscono di concerto che hanno almeno il 40% dei diritti di voto di una determinata persona, sono persone di controllo.

(6) Ai fini della presente legge, per disposizione dei diritti di voto si intende la possibilità di esercitare i diritti di voto a propria discrezione, indipendentemente dal fatto che e per quale ragione giuridica siano esercitati, o la possibilità di influenzare l’esercizio dei diritti di voto da parte di un altro persona.

(7) Se una o più persone sono soggette a una gestione unificata (di seguito “persona controllata”) da un’altra persona (di seguito “persona che gestisce”), queste persone formano un gruppo con la persona che gestisce e le loro imprese, compresa l’ente gestore, sono società del gruppo. Salvo prova contraria, l’entità controllante e le entità da essa controllate devono essere considerate come un gruppo. I procedimenti uniformi possono anche essere proposti a persone mediante contratto (di seguito denominato “contratto di controllo”). Il contratto di controllo può essere concluso anche nei rapporti tra l’entità controllante e le sue entità controllate. La persona che esercita il controllo sulla base del contratto di controllo è sempre la persona che controlla; le disposizioni del paragrafo 3 non si applicano in questo caso.

(8) Se un accordo di controllo non è stato concluso, l’entità controllante non può usare la sua influenza per imporre l’adozione di misure o la conclusione di un tale accordo da cui l’entità controllata può subire danni alla proprietà, a meno che non risarcisca il danno non più tardi rispetto alla fine del periodo contabile in cui il danno è stato o sarà concluso contemporaneamente un accordo sul periodo di tempo ragionevole e su come la persona danneggiante sarà risarcita per tale danno.

(9)Se non è stato concluso alcun accordo di controllo, l’organo statutario dell’entità controllata è tenuto a predisporre una relazione scritta entro 3 mesi dalla chiusura dell’esercizio sui rapporti tra l’entità controllante e l’entità controllata e sui rapporti tra l’entità controllata e altre entità controllata dalla stessa entità controllante.), se l’entità controllata che agisce con la dovuta diligenza è nota all’entità controllante, o l’entità controllata controllata da questa entità controllante. La relazione indica quali contratti sono stati conclusi tra parti correlate nell’ultimo periodo contabile, altri atti giuridici compiuti nell’interesse di tali persone e qualsiasi altra misura adottata o eseguita dall’entità controllata nell’interesse o su iniziativa di tali persone . Se l’entità controllata ha fornito prestazioni, è necessario indicare nella relazione quale corrispettivo è stato fornito, nel caso delle misure, i loro vantaggi e svantaggi e se la persona controllata ha subito un danno da tali contratti o misure, se questo danno è stato rimborsato durante il periodo contabile o se un contratto su tale rimborso è stato concluso ai sensi del paragrafo 8. Se il controllato l’entità redige una relazione annuale, la relazione sui rapporti tra parti correlate deve essere allegata alla relazione annuale. I soci o membri dell’entità controllata devono poter leggere la relazione sui rapporti tra parti correlate entro lo stesso periodo e alle stesse condizioni del bilancio. alla relazione annuale deve essere allegata la relazione sui rapporti tra parti correlate. I soci o membri dell’entità controllata devono poter leggere la relazione sui rapporti tra parti correlate entro lo stesso periodo e alle stesse condizioni del bilancio. alla relazione annuale deve essere allegata la relazione sui rapporti tra parti correlate. I soci o membri dell’entità controllata devono poter leggere la relazione sui rapporti tra parti correlate entro lo stesso periodo e alle stesse condizioni del bilancio.

(10) Se l’entità controllata ha un consiglio di sorveglianza o un altro organo simile, tale organo deve riesaminare la relazione ai sensi del paragrafo 9 e informare l’assemblea generale o altra assemblea simile o riunione dei membri dell’entità controllata dell’esame della relazione e informarli del proprio parere.

(11) Se il bilancio dell’entità controllata è soggetto a verifica da parte di un revisore, il revisore è anche tenuto a verificare l’esattezza dei dati dichiarati nella relazione ai sensi del paragrafo 9.

(12) Ogni socio o membro di un’entità controllata ha il diritto di richiedere al tribunale la nomina di un esperto ai fini dell’esame della relazione sui rapporti tra parti correlate, entro un anno dalla data di pubblicazione dell’avviso di inclusione nella la raccolta di documenti. Le disposizioni della Sezione 59, Paragrafo 3 si applicano mutatis mutandis alla nomina e alla remunerazione di un esperto, a condizione che il tribunale competente per territorio sia il tribunale nel cui distretto si trova la sede legale della società. Costituisce ammissione al procedimento dalla data di presentazione della proposta la proposta dell’eventuale altro socio per la nomina di un esperto ai fini della verifica dei rapporti tra parti correlate presentata prima della definitiva conclusione del procedimento. Una volta conclusa definitivamente la procedura per la nomina di un esperto, le proposte di altre persone autorizzate per la nomina di un esperto non sono ammissibili.

(13) Il diritto di cui al paragrafo 12 sorge solo se

a) la relazione del revisore di cui al paragrafo 11 contiene riserve sulla relazione dell’organo statutario di cui al paragrafo 9;

b) il parere di cui al paragrafo 10 contiene riserve sulla relazione dell’organo statutario di cui al paragrafo 9; o

(c) la relazione dell’organo statutario di cui al paragrafo 9 contiene informazioni che l’entità controllata ha subito un danno a seguito della conclusione del contratto o dell’attuazione di una misura ai sensi del paragrafo 8 e che tale danno non è stato rimborsato dall’entità controllante.

(14) Se l’entità controllante richiede all’entità controllata con la quale non ha stipulato un accordo di controllo, l’adozione di misure o la conclusione di un contratto che causerà un danno all’entità controllata, e se l’obbligo di cui al paragrafo 8 non è soddisfatta, l’entità controllante deve sostituire il danno risultante. Inoltre, è tenuto a risarcire il danno derivante dai soci o dai membri dell’entità controllata, indipendentemente dall’obbligo di indennizzo dell’entità controllata. Tuttavia, l’obbligo di risarcimento non sorge se un tale contratto è stato concluso o una tale misura è stata adottata da una persona che non è una persona controllata, a condizione che svolga le sue funzioni con la dovuta diligenza.

(15) Le persone che sono l’organo statutario dell’entità controllante o di un suo membro sono responsabili in solido per l’adempimento dell’obbligo di risarcimento del danno ai sensi del paragrafo 14. Sono altresì responsabili in solido per l’adempimento dell’obbligo di indennizzo le persone che sono l’organo statutario dell’entità controllata o di un suo membro qualora non abbiano indicato nella relazione ai sensi del comma 9 contratti o provvedimenti che hanno arrecato danno alla società, se tale danno non è stato risarcito o se un contratto sul suo pagamento è stato concluso ai sensi del paragrafo 8. Tuttavia, ciò non si applica se queste persone hanno agito sulla base di un’adeguata risoluzione dell’assemblea generale o di entità controllata.

(16) Le disposizioni dei paragrafi 10, 12 e 13 non si applicano nel caso in cui la persona che esercita il controllo nei confronti della società sia il suo unico azionista, nonché nel caso in cui le persone che controllano nei confronti della società siano tutti i suoi partner che agiscono di concerto (§ 66b); in tal caso, le disposizioni dei paragrafi 14 e 15 non si applicano anche alle disposizioni sui danni agli azionisti o ai membri dell’entità controllata e al diritto degli azionisti o dei membri dell’entità controllata di intentare un’azione per danni contro l’entità controllante.

§ 66b

Consenso
(1) Una pratica concordata è un atto di due o più persone compiuto di comune accordo allo scopo di acquisire, assegnare o esercitare diritti di voto in una persona o cederla al fine di promuovere un’influenza congiunta sulla gestione o il funzionamento di tale persona o l’elezione di uno o più membri statutari o della maggioranza dei membri dell’organo di vigilanza di tale persona o influenzare in altro modo il comportamento di una persona.

(2) Salvo prova contraria, le persone che agiscono di concerto ai sensi del paragrafo 1 sono considerate:

a) una persona giuridica e il suo organo statutario o un suo membro, persone nella loro diretta competenza di gestione, un membro dell’organo di vigilanza, un liquidatore, un curatore fallimentare o un curatore fallimentare o qualsiasi gruppo di tali persone,

b) la persona che controlla e le sue persone controllate,

(c) persone controllate dalla stessa persona che controlla; o

d) persone che formano un gruppo.

(3) Salvo prova contraria, si considerano anche le persone che agiscono di concerto ai sensi del paragrafo 1

a) una società a responsabilità limitata e i suoi partner o solo i suoi partner,

b) una società per azioni e i suoi partner o solo i suoi partner,

c) società in accomandita semplice e soci accomandatari o solo i suoi soci accomandatari,

d) persone vicine,

e) una società di previdenza, una società di investimento e un fondo di investimento o fondo pensione da essa gestiti o solo fondi da essa gestiti.

(4) Le persone che agiscono di concerto devono adempiere agli obblighi che ne derivano in solido.

§ 66c

È responsabile chiunque, attraverso la sua influenza nella società, induce intenzionalmente una persona che è un organo statutario o un suo membro, membro dell’organo di controllo, procuratore o altro rappresentante della società a danno della società o dei soci. per il rispetto di tale condotta.

§ 66d

Credenziali per la gestione aziendale
(1) L’organo statutario della società può affidare in tutto o in parte a un altro la gestione aziendale della società. Tali attività possono essere svolte anche in un rapporto di lavoro secondo un’apposita norma di legge 21 ) da un dipendente dell’azienda, mentre tale dipendente può essere anche un organo statutario della società o un suo membro.

(2) Quando si affida la gestione aziendale ai sensi del paragrafo 1, la responsabilità delle persone che sono un organo statutario o un suo membro previsto dalla presente legge per la violazione dell’obbligo di svolgere una funzione con la dovuta diligenza rimane inalterata.

(3) Se le attività di gestione aziendale sono svolte nell’ambito di un rapporto di lavoro ai sensi di una norma di legge speciale 21 ) da un dipendente della società che è anche un organo statutario della società o un suo membro, il salario o la remunerazione del contratto viene negoziato o determinato dall’organo sociale sulla remunerazione dell’organo statutario o dei suoi componenti.

(4) L’ autorizzazione della direzione aziendale ai sensi del paragrafo 1 non include la partecipazione alle riunioni dell’organo statutario, il processo decisionale sull’autorizzazione da parte della direzione aziendale, il processo decisionale sull’obiettivo di base della gestione aziendale o altre attività all’interno della gestione aziendale, che la presente legge o altra normativa legale conferisce l’autorità.

§ 67

fondo di riserva
(1) Se la presente legge richiede l’istituzione di un fondo di riserva, può essere utilizzato, nella misura in cui è stato creato in conformità con la presente legge, solo per coprire le perdite della società, salvo diversa disposizione di legge.

(2) Il fondo di riserva è creato obbligatoriamente da una società a responsabilità limitata e una società per azioni dall’utile del periodo contabile in corso al netto delle imposte (di seguito denominato “utile netto”) o da altre risorse proprie diverse dall’utile netto, a meno che ciò non sia precluso dalla legge. Un fondo di riserva può essere creato anche quando viene costituita una società o quando il capitale sociale è aumentato di maggiorazioni degli azionisti sull’ammontare dei depositi o sul prezzo di emissione delle azioni.

(3) La quota dell’utile netto della società può essere determinata solo dopo la ricostituzione del fondo di riserva in conformità con la presente legge, lo Statuto o lo Statuto.

§ 67a

Il contratto in base al quale viene trasferita la società o una sua parte, il contratto di locazione della società o di una sua parte e il contratto che istituisce un privilegio della società o di una sua parte devono essere approvati dagli azionisti o dall’assemblea generale.

§ 68

Scioglimento e scioglimento della società
(1) La società cessa di esistere il giorno della cancellazione dal registro delle imprese. La società che partecipa alla fusione transfrontaliera cesserà di esistere il giorno della registrazione della fusione transfrontaliera nel registro delle imprese o nel registro delle imprese estere.

(2) Lo scioglimento di una società è preceduto dal suo scioglimento con o senza liquidazione, a meno che dalla presente legge non consegua che lo scioglimento e lo scioglimento della società avvengano contemporaneamente. La liquidazione non è richiesta anche se la società viene sciolta per i motivi di cui al paragrafo 3, lettera a). f) e se non ha proprietà, senza tener conto di cose, diritti, crediti o altri valori patrimoniali esclusi dalla proprietà. Quando una società viene sciolta ai sensi della frase precedente, per la cancellazione dal registro delle imprese non è richiesto il consenso dell’amministratore delle imposte ai sensi di un’apposita norma di legge.

(3) La società viene sciolta

a) allo scadere del periodo per il quale è stato stabilito,

b) raggiungimento dello scopo per il quale è stato istituito,

c) il giorno specificato nella decisione degli azionisti o dell’organo della società sullo scioglimento della società, altrimenti il ​​giorno in cui è stata presa tale decisione, se la società è liquidata,

d) il giorno specificato nella decisione del tribunale di scioglimento della società, altrimenti il ​​giorno in cui tale decisione ha effetto giuridico,

e) la data di scioglimento della società, se lo scioglimento della società avviene a seguito di fusione, trasferimento di beni a un socio o per effetto di una scissione,

f) annullando il fallimento dopo l’adempimento della risoluzione programmatica o annullando il fallimento per il motivo che i beni del debitore sono completamente insufficienti.

(4) Se, dopo lo scioglimento della società, per i motivi di cui al comma 3 lett f) proprietà, la sua liquidazione avrà luogo.

(5) Se la società è stata sciolta o se è stata emessa una decisione di fallimento nei suoi confronti, l’organo statutario esercita i suoi poteri solo nella misura in cui non è passato al curatore o al curatore fallimentare. Lo stesso vale se il tribunale fallimentare ha stabilito che il diritto di disporre dei beni della società è trasferito in tutto o in parte al curatore fallimentare. Fino alla nomina del liquidatore, o se la sua carica è cessata e non viene nominato un nuovo liquidatore, gli obblighi relativi alla liquidazione della società sono adempiuti dal suo organo statutario.

(6) Il tribunale può, su proposta di un ente statale o di una persona che dimostri un interesse legale, decidere lo scioglimento della società e la sua liquidazione, se

a) l’ assemblea generale non si è tenuta negli ultimi due anni o gli organi della società il cui mandato è scaduto o terminato più di un anno prima dell’ultimo anno non sono stati eletti, a meno che la legge non disponga diversamente, o la società non opera da più di due anni nessuna attività

b) la società perde il diritto di condurre affari,

c) cessano i presupposti di legge per la costituzione della società o se la società non può svolgere attività a causa di controversie insormontabili tra i soci,

d) la società viola l’obbligo di creare un fondo di riserva,

e) la società viola le disposizioni dell’articolo 56, paragrafo 3,

f) la società non adempie all’obbligo di cessione di parte della società o di frazionamento imposto con decisione dell’Ufficio per la Tutela della Concorrenza ai sensi di un’apposita normativa di legge.

(7) Nei casi in cui la presente legge consente lo scioglimento di una società mediante decisione del tribunale, prima della decisione sullo scioglimento della società, il tribunale stabilisce un termine per rimuovere il motivo per il quale è stato proposto lo scioglimento, se è possibile la rimozione.

(8) I soci o l’organo competente della società possono revocare la loro decisione sullo scioglimento della società e la sua entrata in liquidazione fino all’inizio della distribuzione del saldo di liquidazione. Il giorno in cui questa decisione ha effetto, la posizione del liquidatore termina e il curatore è tenuto a presentare all’organo statutario della società tutti i documenti in corso di liquidazione. Nel caso in cui il curatore sia stato nominato dal tribunale (§ 71 par.3 ultima frase, par. Il tribunale non annullerà la decisione di sciogliere la società se ciò interferirebbe con i diritti o gli interessi legalmente protetti di uno qualsiasi dei partner o di terzi.

(9) Se la decisione sull’entrata in liquidazione della società è stata revocata, la società deve preparare un bilancio intermedio a partire dalla data di entrata in vigore di questa decisione; ciò non si applica se la decisione di entrata in liquidazione della società viene revocata approvando il progetto di conversione.

§ 68a

Invalidità dell’azienda
(1) Dopo la costituzione della società, la decisione che autorizza l’iscrizione della società nel registro delle imprese non può essere revocata e non si può pretendere che la società non sia stata costituita.

(2) L’ invalidità di una società può essere dichiarata solo da un tribunale, anche senza mozione, se

a) la partnership o l’accordo di fondazione non è stato concluso o il documento di fondazione non è stato ottenuto o la forma prescritta non è stata rispettata,

b) l’ oggetto dell’attività (attività) è illegale o contrario all’ordine pubblico,

c) nella società di persone o nel patto di fondazione, nell’atto costitutivo o nello statuto non sono presenti informazioni sulla società della società o sui conferimenti dei soci o sull’ammontare del capitale sociale, se la legge lo prevede, o sull’argomento di affari (attività),

d) non sono state rispettate le disposizioni sul rimborso minimo dei depositi,

e) tutti i membri fondatori sono incapaci di atti legali,

f) in violazione di legge, il numero dei fondatori è inferiore a due.

(3) Il giorno in cui entra in vigore la decisione del tribunale sull’invalidità della società, la società entra in liquidazione.

(4) I rapporti legali stipulati da una società invalida non sono influenzati dall’invalidità della società. L’obbligo degli azionisti di rimborsare i depositi in sospeso continua se l’interesse dei creditori ad adempiere agli obblighi della società invalida lo richiede.

Trasformazioni della società
annullato

§ 69, § 69a – § 69h
annullato

Liquidazione della società
§ 70

(1) Se la società viene sciolta con liquidazione o se rimane dopo la liquidazione della società per i motivi di cui al § 68 par. f) proprietà, la liquidazione deve essere eseguita in conformità con la presente legge, a meno che una regolamentazione legale speciale non preveda un altro metodo di regolamento della sua proprietà.

(2) La Società entra in liquidazione il giorno in cui viene sciolta, a meno che la legge non disponga diversamente. L’entrata in liquidazione della società è iscritta nel Registro delle Imprese. Durante la liquidazione viene utilizzata la società della società con il suffisso “in liquidazione”.

(3) Con la nomina di un liquidatore, la competenza dell’organo statutario ad agire per conto della società gli viene trasferita nell’ambito della Sezione 72. Se vengono nominati più liquidatori e la nomina non implica altro, ogni liquidatore ha tale competenza.

§ 71

(1) Il liquidatore è nominato dall’organo statutario della società, salvo diversa disposizione di legge, statuto o statuto. Se il liquidatore non è nominato senza indebito ritardo, è nominato dal tribunale. Solo una persona fisica può essere un liquidatore, salvo diversa disposizione della presente legge o di una normativa legale speciale.

(2)Quando si liquida una società sulla base di una decisione del tribunale, il liquidatore è nominato dal tribunale che ha deciso di sciogliere la società. Secondo la frase precedente, il tribunale può nominare liquidatore uno degli azionisti o l’organo statutario o un membro dell’organo statutario senza il suo consenso. Un partner, un organo statutario o un membro di un organo statutario nominato dal liquidatore da un tribunale non può dimettersi. Tuttavia, può chiedere al tribunale il licenziamento dalla carica di liquidatore se non può essere equamente tenuto a farlo. Se il liquidatore è una persona giuridica, è tenuto a designare una persona fisica che svolgerà la funzione di liquidatore per suo conto e che sia iscritta nel Registro delle imprese ai sensi della Sezione 38g (1); se non lo fa entro 10 giorni dal giorno in cui la decisione sulla nomina del liquidatore diventa esecutiva, la funzione del liquidatore è svolta dal suo organo statutario,

(3) Se il liquidatore muore, se viene licenziato o se si dimette o non è in grado di eseguirlo, il nuovo liquidatore sarà nominato nel modo in cui era stato nominato il liquidatore precedente e sarà iscritto nel registro delle imprese al posto di l’attuale liquidatore. Il tribunale nomina un nuovo liquidatore se l’autorità abilitata a farlo ai sensi del paragrafo 1 non lo fa senza indebito ritardo.

(4) Indipendentemente dal metodo di nomina del liquidatore, il tribunale può, su richiesta di una persona che dimostra un interesse legale in esso, licenziare il liquidatore che viola i suoi obblighi e sostituirlo con un’altra persona.

(5) Il liquidatore è un organo della società (§ 66) ed è responsabile dell’esercizio dei suoi poteri allo stesso modo dei membri degli organi statutari.

(6) La remunerazione del liquidatore è determinata dall’organo della società che ha nominato il liquidatore. Se il liquidatore è stato nominato da un tribunale, la sua remunerazione è determinata dal tribunale. Al curatore può essere concesso il diritto ad un pagamento anticipato. Nel caso di un liquidatore nominato da un tribunale ai sensi dell’articolo 71 (2), seconda frase, non avrà diritto alla remunerazione.

(7) Se non è possibile nominare un liquidatore ai sensi dei paragrafi da 1 a 4, il liquidatore è nominato dal tribunale tra le persone iscritte nell’elenco degli amministratori fallimentari 1d) o una persona fisica che soddisfa i requisiti generali e di qualificazione per iscrizione nell’elenco degli amministratori fallimentari e concorda con il suo provvedimento.

(8) I terzi sono tenuti a fornire la collaborazione al curatore nominato dal tribunale nella misura in cui sono obbligati a fornirla all’amministratore dell’insolvenza ai sensi di una normativa legale speciale.

(9) Il Ministero della Giustizia stabilisce con decreto le regole per determinare l’importo della remunerazione del liquidatore o di un membro dell’organo della società nominato dal tribunale, e nei casi in cui deve essere pagato il rimborso delle spese in denaro e la remunerazione del liquidatore dallo Stato.

§ 72

Il liquidatore esegue solo le azioni che portano alla liquidazione della società per conto della società. Nell’esercizio di tale potere adempie agli obblighi della società, fa valere crediti e accetta adempimenti, rappresenta la società dinanzi a tribunali e altri organi, conclude accordi e accordi sulla modifica e risoluzione di diritti e obbligazioni ed esercita i diritti della società. Può stipulare nuovi contratti solo in relazione alla risoluzione di transazioni in essere, o se è necessario preservare il valore dei beni della società o per utilizzarli, a meno che non sia una continuazione delle attività della società. Il liquidatore è altresì autorizzato ad agire per conto della società in materia di iscrizione al Registro delle Imprese.

§ 73

Il liquidatore notifica l’entrata della società in liquidazione a tutti i creditori conosciuti. Allo stesso tempo, è tenuto a pubblicare, senza indebito ritardo, almeno due volte di seguito, con un intervallo di almeno due settimane, la decisione di sciogliere la società, invitando i creditori a presentare le loro richieste entro un termine che non può essere inferiore a tre mesi.

§ 74

(1) Dalla data di entrata in liquidazione della società, il liquidatore deve compilare il bilancio di liquidazione di apertura e l’elenco delle attività. Il bilancio precedente il giorno di entrata in liquidazione è predisposto dall’organo statutario. Se l’organo statutario non redige il presente bilancio senza indebito ritardo dopo l’entrata in liquidazione della società, tale obbligo passa al curatore.

(2) Il curatore ha l’obbligo di inviare un inventario dei beni a ciascun socio e creditore della società che lo richiede.

(3) Durante la liquidazione, il liquidatore deve soddisfare principalmente le richieste salariali dei dipendenti della società, a meno che non sia obbligato a presentare una petizione di insolvenza.

§ 75

(1) Senza indebito ritardo dopo aver eseguito tutte le azioni necessarie per la liquidazione, il curatore redige una relazione sull’andamento della liquidazione con una proposta per la distribuzione del saldo patrimoniale netto risultante dalla liquidazione (saldo di liquidazione) tra gli azionisti e la sottopone a approvazione (di seguito “proposta di distribuzione del saldo di liquidazione”). Il curatore redige il bilancio alla data di elaborazione della proposta di distribuzione del saldo di liquidazione. La mancata approvazione della proposta di ripartizione del saldo di liquidazione non impedisce la cancellazione della società dal Registro delle Imprese.

(2) Qualsiasi partner che non sia d’accordo con la proposta per la distribuzione del saldo di liquidazione può chiedere al tribunale di rivedere l’importo della quota del saldo di liquidazione che deve ricevere in base alla proposta di distribuzione del saldo di liquidazione . Se questo diritto non viene esercitato entro tre mesi dalla data in cui la proposta di distribuzione del saldo di liquidazione è stata discussa o pubblicata ai sensi della Sezione 75aa (1), scade. Una decisione del tribunale con cui un tribunale ha riesaminato l’importo della quota di un azionista nel saldo di liquidazione è anche vincolante per la società in merito alla base del diritto concesso agli altri azionisti.

(3) Agli azionisti potrebbe non essere fornita la prestazione a causa del loro diritto a una quota del saldo di liquidazione, nemmeno sotto forma di anticipo, fino a quando le pretese di tutti i creditori conosciuti della società che hanno presentato le loro richieste in tempo non siano soddisfatte . Nessun rendimento dovuto alla distribuzione della quota del saldo di liquidazione può essere concesso prima della scadenza del periodo di cui al comma 2.

(4) Se il credito è contestato o non è ancora scaduto, il saldo di liquidazione può essere distribuito solo se al creditore sono state fornite adeguate garanzie.

(5) Le disposizioni dei paragrafi da 1 a 4 non si applicano nel caso in cui la società sia stata sciolta ai sensi del § 68 par. f) e la società ha solo attività non sufficienti per estinguere tutte le passività. In tal caso, il liquidatore monetizza i beni della società e dal ricavato della vendita paga prima i costi di liquidazione, poi soddisfa le richieste salariali dei dipendenti e poi le pretese degli altri creditori nell’ordine di scadenza. Qualora non sia possibile soddisfare integralmente i crediti della stessa commessa, verranno corrisposti pro quota. Se il liquidatore non riesce a monetizzare i beni entro un termine ragionevole, li offre ai creditori per il pagamento dei debiti nell’ordine dei loro crediti. Se i creditori rifiutano di rilevare i beni per pagare il debito, questi beni vengono trasferiti allo Stato il giorno della cancellazione della società dal registro delle imprese.

(6) Il liquidatore deve compilare una relazione sulle modalità di cessione della proprietà ai sensi del paragrafo 5, in cui deve indicare in particolare quali proventi della vendita di proprietà sono stati ottenuti, quali proprietà non sono state monetizzate e se sono state prese o meno oltre da parte dei creditori per pagare il debito soddisfatto e quali creditori non sono stati soddisfatti, o quali beni saranno trasferiti allo Stato cancellando la società dal Registro di commercio (relazione sulla cessione dei beni). Presenterà agli azionisti o all’organo competente per approvazione una relazione sulla cessione dell’immobile. La mancata approvazione della segnalazione non impedisce la cancellazione della società dal registro delle imprese. Il liquidatore redige il bilancio a partire dalla data di redazione della relazione sulla dismissione dei beni.

§ 75a

(1) La liquidazione si conclude con la distribuzione del saldo di liquidazione o l’utilizzo di fondi dai proventi della vendita di attività per soddisfare i creditori o l’acquisizione di attività da parte dei creditori per saldare i loro crediti o il rifiuto dei creditori di rilevare attività per pagare i debiti ai sensi, che ha pagato la quota del saldo di liquidazione.

(2) Entro 30 giorni dalla fine della liquidazione, il liquidatore presenta una proposta di cancellazione della società dal registro delle imprese. Il liquidatore deve allegare alla proposta di cancellazione della società dal registro di commercio, ad eccezione della cooperativa edilizia, una conferma dell’archivio regionale statale territorialmente competente che è stata discussa con lui la sicurezza dell’archivio e dei documenti della società defunta. .

§ 75aa

(1) Se un tribunale ha deciso lo scioglimento di una società e la sua liquidazione e il liquidatore è stato nominato ai sensi della Sezione 71 par. Tuttavia, devono conservarli nella raccolta dei documenti senza indebito ritardo dopo che sono stati redatti.

(2) Se al liquidatore non viene fornita una cooperazione sufficiente e il liquidatore non dispone di documenti sufficienti per l’adempimento dei suoi obblighi fiscali, ne informerà il tribunale e l’amministratore delle imposte. In tal caso, il liquidatore fornirà all’amministratore delle imposte la cooperazione per determinare l’imposta in base agli aiuti.

§ 75b

(1) Se, dopo la liquidazione della società, vengono scoperti beni fino ad ora sconosciuti o si verifica la necessità di altre misure necessarie relative alla liquidazione, il tribunale decide su proposta di un ente statale, partner, creditore o debitore di riprendere la liquidazione di la società e nominare un liquidatore. Dopo che la decisione è diventata definitiva, il tribunale del registro iscrive nel registro delle imprese che è stata ripristinata la liquidazione della società e la persona del liquidatore.

(2) Se una proprietà ancora sconosciuta viene scoperta dopo la cancellazione della società dal registro di commercio, il tribunale decide su proposta di un ente statale, partner, creditore o debitore di annullare l’iscrizione alla sua cancellazione e riprendere la liquidazione o l’iscrizione in liquidazione e nominare un liquidatore. Dopo che la decisione è diventata definitiva, il tribunale del registro iscrive nel registro di commercio che la società è stata rinnovata, che la società è in liquidazione e la persona del liquidatore.

(3) Il giorno dell’iscrizione nel registro delle imprese ai sensi del paragrafo 1 o 2, il liquidatore compila il bilancio di apertura. Le disposizioni del § 68 paragrafo 8 non si applicano.

§ 75c

Le disposizioni della presente legge che disciplinano l’entrata in liquidazione non pregiudicano l’esercizio dei diritti e l’adempimento degli obblighi derivanti da accordi di garanzia finanziaria alle condizioni stipulate dal Financial Securities Act 19 ) o condizioni analoghe della legislazione estera, se la garanzia finanziaria è stata concordata e sorti prima dell’entrata in liquidazione. Ciò vale anche se la garanzia finanziaria è stata costituita o è sorta il giorno dell’entrata in liquidazione, ma solo dopo che si è verificato questo fatto, a meno che il destinatario della garanzia finanziaria non fosse a conoscenza o avrebbe dovuto essere a conoscenza di tale fatto e avrebbe potuto saperlo. Le disposizioni della presente legge che regolano l’entrata in liquidazione non pregiudicano anche l’adempimento del regolamento finale ai sensi della legge che disciplina le attività sul mercato dei capitali 20 ), se il regolamento finale è stato concluso prima di entrare in liquidazione.

Seconda parte

Società pubblica
Sezione 1

Fornitura di base
§ 76

(1) Una società commerciale pubblica è una società in cui almeno due persone fanno affari nell’ambito di una joint venture e sono responsabili delle responsabilità della società in solido con tutte le loro attività.

(2) Un partner di una società commerciale pubblica può essere solo una persona fisica che soddisfa le condizioni generali per l’esercizio di un’attività commerciale ai sensi di una norma legale speciale e per la quale non vi è alcun ostacolo all’esercizio di un’attività commerciale stipulata da una norma legale speciale, indipendentemente dell’attività dell’azienda.

(3) Se il partner è una persona giuridica, i diritti e gli obblighi associati alla partecipazione nella società devono essere esercitati dal suo organo statutario, o dal suo rappresentante autorizzato, che soddisfa le condizioni di cui al paragrafo 2.

§ 77

La società deve contenere la designazione “società per azioni pubbliche”, che può essere sostituita dall’abbreviazione “società per azioni pubbliche”. o tu”. Se l’azienda contiene il nome di almeno uno dei soci, il suffisso “a spol” sarà sufficiente.

§ 78

(1) Il contratto di partnership deve contenere

a) ragione sociale e sede legale,

b) designazione dei soci indicando la società o il nome e la sede legale della persona giuridica o il nome e la residenza della persona fisica,

c) l’ oggetto dell’attività della società.

(2) Una proposta per l’iscrizione di una società nel registro delle imprese deve essere firmata da tutti i partner e ad essa deve essere allegato un accordo di partnership.

Sezione 2

Diritti e obblighi dei partner
§ 79

(1) I diritti e gli obblighi dei partner sono regolati dal contratto di partnership. Per modificarlo è necessario il consenso di tutti i partner, salvo diversamente previsto dalla presente legge. Lo statuto può prevedere che per modificarlo sia sufficiente il consenso della maggioranza dei soci.

(2) Il consenso di tutti gli azionisti è richiesto per una decisione su altre questioni, a meno che lo statuto o la legge non stabiliscano che il consenso della maggioranza degli azionisti sia sufficiente.

(3) Se, secondo lo statuto, il consenso della maggioranza dei soci è sufficiente per una decisione ai sensi dei paragrafi 1 e 2, ciascuno dei soci dispone di un voto. Lo statuto può prevedere un diverso numero di voti.

§ 79a

Nell’adempimento dei suoi obblighi, il partner è tenuto a procedere con la cura di un responsabile adeguato.

§ 80

(1) Il partner è obbligato a rimborsare il deposito entro il periodo specificato nel contratto di partnership, altrimenti senza indebito ritardo dopo la costituzione della società o dopo la costituzione della sua partecipazione nella società.

(2) In caso di ritardo nel rimborso di un deposito in contanti, il partner è tenuto a pagare interessi di mora per un importo pari al 20% dell’importo dovuto, a meno che lo statuto non disponga diversamente.

(3) Un partner può effettuare più depositi nella società. Questi depositi vengono sommati ai fini del calcolo della quota.

§ 81

(1) Ogni partner ha diritto alla gestione aziendale della società entro i principi concordati tra loro.

(2) Se i partner dell’accordo di partnership affidano in tutto o in parte la gestione aziendale della società a uno o più partner, gli altri partner perdono tale autorizzazione in tal senso. Il partner autorizzato è tenuto a seguire i principi concordati con gli altri partner nello svolgimento della gestione aziendale. Il partner autorizzato è tenuto a seguire la decisione dei partner presa a maggioranza dei voti. Salvo diversa disposizione statutaria, ogni socio dispone di un voto.

(3) Salvo disposizione contraria dello statuto, l’autorizzazione del partner può essere revocata se gli altri partner lo accettano. Se il partner autorizzato viola i suoi obblighi in modo sostanziale (§ 345 paragrafo 2), il tribunale revoca l’autorizzazione su proposta di qualsiasi partner, anche se l’autorizzazione è irrevocabile ai sensi del contratto. In tal caso si applica il comma 1 fino a quando gli azionisti non concordano un nuovo mandato.

(4) Un partner incaricato della gestione aziendale può revocare la sua autorizzazione per iscritto per motivi importanti, ma è obbligato a prendere tutte le misure che non possono essere rimandate. L’avviso deve essere consegnato all’azienda ea tutti i partner. L’avviso ha effetto un mese dalla data in cui è stato consegnato alla società. Dalla data di efficacia del recesso, la gestione aziendale viene eseguita da altri partner.

(5) Un partner incaricato della gestione aziendale della società è obbligato a informare gli altri partner su tutte le questioni della società su richiesta. Ciascun partner ha il diritto di prendere visione di tutti i documenti della società e controllare i dati in essi contenuti o di autorizzare un revisore dei conti o un consulente fiscale a farlo.

§ 82

(1) L’utile viene diviso equamente tra i soci. La quota di profitto determinata sulla base del bilancio è pagabile entro tre mesi dalla sua approvazione, salvo diversa disposizione statutaria.

(2) Gli azionisti sopportano la perdita come determinata dal bilancio in parti uguali.

(3) Si applicano le disposizioni dei paragrafi 1 e 2, a meno che lo statuto non disponga diversamente.

§ 82a

Ciascun partner ha il diritto di intentare un’azione per danni per conto dell’azienda contro il partner che è responsabile nei confronti dell’azienda per il danno e un’azione per il pagamento della caparra nei confronti del partner che è in arretrato con il pagamento della caparra, e rappresentarlo in questo procedimento. Ciò non si applica se l’organo statutario della società sta già recuperando i danni o rimborsando il deposito per conto della società. Una persona diversa dal partner che ha promosso l’azione o da una persona da lui autorizzata non può agire nel procedimento per conto della società o per suo conto.

§ 83

Modificando il contratto di partnership, un altro partner può entrare a far parte dell’azienda o il partner può lasciare l’azienda se almeno due partner rimangono in azienda.

§ 84

Divieto di concorrenza
Senza il permesso di altri partner, il partner non può fare affari nell’oggetto dell’attività della società, né a beneficio di altre persone, né mediare l’attività della società per conto di altri. Né può essere un ente statutario o altro o un membro di un organo di una società con un oggetto di attività simile. Lo statuto può prevedere un diverso divieto di concorrenza.

Sezione 3

Rapporti legali con terzi
§ 85

(1) L’organo statutario di una società commerciale pubblica sono tutti i partner. Lo statuto può stabilire che l’organo statutario sia solo alcuni soci o un socio.

(2) Se l’organo statutario è composto da più soci, ciascuno di essi ha il diritto di agire per conto della società in modo indipendente, salvo diversa disposizione statutaria. Solo il contratto di società può limitare l’autorità esecutiva dell’organo statutario. Tuttavia, tale restrizione è inefficace nei confronti di terzi.

(3) Un partner può dimettersi dalla carica di organo statutario, ma è obbligato a prendere tutte le misure che non possono essere rimandate. Il recesso deve essere consegnato all’azienda ea tutti i partner. Il recesso ha effetto un mese dalla data in cui è stato consegnato all’azienda. Se un socio che era l’unico organo statutario della società ha rassegnato le dimissioni in questo modo, tutti gli altri soci sono l’organo statutario dalla data di efficacia delle dimissioni.

Responsabilità del partner
§ 86

Una società pubblica è responsabile dei suoi obblighi con tutti i suoi beni. I partner sono responsabili in solido per le responsabilità della società con tutti i loro beni.

§ 87

(1) Un partner che è entrato a far parte della società è anche responsabile delle responsabilità della società sostenute prima della sua adesione. Tuttavia, può richiedere agli altri azionisti di rimborsarla per la fornitura di tale servizio e di rimborsare i costi connessi.

(2) Se la partecipazione di un azionista cessa per la durata della società, sarà responsabile solo per le passività sorte prima della cessazione della sua partecipazione.

Sezione 4

Liquidazione e liquidazione della società
§ 88

(1) Oltre ai casi di cui alla Sezione 68, la società sarà sciolta:

a) se il contratto è stato concluso a tempo indeterminato, la comunicazione del partner data entro e non oltre 6 mesi prima della fine del periodo contabile, a meno che lo statuto non preveda un periodo diverso,

b) da una decisione del tribunale ai sensi della Sezione 90 (1),

c) la morte di un partner, a meno che lo statuto non preveda l’eredità di una quota, la quota del testatore è ereditata dal suo erede (i), a meno che l’eredità non sia rifiutata e almeno due soci restino nella società,

d) lo scioglimento di una persona giuridica che è un partner, a meno che il contratto di partnership non consenta il trasferimento di una quota di un successore legale e almeno due partner rimangono nella società,

e) dichiarando fallimento per i beni di uno dei soci o rigettando l’istanza di insolvenza per mancanza di beni,

f) da un titolo esecutivo definitivo che influisce sulla quota del socio nella società, o da un ordine di esecuzione che influisce sulla quota del socio nella società dopo la scadenza del termine specificato nel bando di conformità ai sensi di una norma legale speciale 22 ) e, se presentata entro questo periodo una mozione per sospendere l’esecuzione, dopo che la decisione su questa mozione è diventata definitiva,

g) privazione o limitazione della capacità giuridica di uno dei partner,

h) se il partner cessa di soddisfare i presupposti di cui alla Sezione 76, Paragrafo 2,

(i) per altri motivi previsti nell’atto costitutivo.

(2) Nelle ragioni dello scioglimento della società di cui al comma 1 lett. a), c), d), e), f), g), h) e i), i restanti soci possono, modificando il patto di società, convenire che la società prosegua senza l’azionista cui si applica il motivo dello scioglimento . Se l’accordo sulla modifica del contratto di partnership non viene concluso entro tre mesi dallo scioglimento della società, questo diritto scade e la società entra in liquidazione in questo giorno, se i partner non hanno concordato la sua entrata in liquidazione prima di questo periodo .

(3) Se i partner rimanenti dopo aver concordato un’ulteriore perpetuazione della società (paragrafo 2), il partner in bancarotta annullato per motivi diversi dall’adempimento della risoluzione o perché il patrimonio del debitore è completamente insufficiente 1d ) , la l’azienda si rinnova; se la società ha già versato la propria quota di liquidazione, deve sostituirla entro 2 mesi dall’annullamento del fallimento della società. Ciò vale analogamente nel caso in cui l’esecuzione della decisione fosse legalmente sospesa a causa della quota del socio nella società o l’esecuzione fosse legalmente sospesa ai sensi di un’apposita normativa di legge.

(4) Se una società sciolta ai sensi del comma 1 lett (e) o (f), non è ancora cessata, gli azionisti, compreso l’azionista la cui partecipazione nella società è stata rinnovata, possono convenire che la società continui ad esistere se sono soddisfatte le condizioni di cui al paragrafo 3.

§ 89

Nei casi di cui alla Sezione 88 (2), l’ex azionista o il suo erede o successore legale ha diritto a una quota di liquidazione nei confronti della società. Questa quota è calcolata in modo simile alla quota del saldo di liquidazione (§ 92).

§ 90

(1) Un partner può proporre al tribunale di sciogliere la società se ci sono ragioni importanti per questo, soprattutto se un altro partner viola gravemente i suoi obblighi o se non è possibile raggiungere lo scopo per il quale la società è stata costituita.

(2) L’azienda può richiedere in tribunale l’espulsione di un partner che viola gravemente i suoi obblighi, sebbene sia stato chiamato ad adempierli e sia stato informato per iscritto della possibilità di espulsione. Gli azionisti che detengono almeno la metà delle azioni della società devono accettare la presentazione della presente proposta.

§ 91

Morte di un compagno
L’erede della quota ha il diritto di porre fine alla partecipazione nella società, anche se la società è costituita per un periodo determinato, entro tre mesi dalla forza giuridica del provvedimento ereditario del tribunale, pena la decadenza di tale diritto. Il periodo di preavviso per l’azionista è di 3 mesi. L’erede dimissionario non è tenuto a partecipare personalmente alle attività della società, anche se lo statuto prevede tale obbligo.

§ 92

Insediamento dei partner
(1) In caso di scioglimento di una società in liquidazione, gli azionisti hanno diritto a una quota del saldo di liquidazione. Il saldo di liquidazione verrà distribuito prima tra gli azionisti fino al valore dei depositi rimborsati. Il resto del saldo di liquidazione sarà diviso equamente tra gli azionisti.

(2) Se il saldo di liquidazione non è sufficiente per la restituzione dei depositi rimborsati, gli azionisti vi parteciperanno in proporzione al loro importo.

(3) Il contratto di partnership può disciplinare in modo diverso la distribuzione del saldo di liquidazione.

Sezione 5
annullato

§ 92a – § 92d
annullato

Sezione 6
annullato

§ 92e
annullato

Parte III

Società in accomandita
Sezione 1

Fornitura di base
§ 93

(1) Una società in accomandita semplice è una società in cui uno o più soci sono responsabili per le responsabilità della società fino all’importo del loro deposito non pagato iscritto nel Registro di commercio (soci accomandanti) e uno o più soci con tutte le loro attività (soci accomandatari ).

(2) Un socio accomandatario può essere solo una persona che soddisfa le condizioni generali per l’esercizio di un’attività commerciale ai sensi di una normativa legale speciale e per la quale non vi è alcun ostacolo all’esercizio di una transazione stipulata da una normativa legale speciale, indipendentemente da oggetto dell’attività della società.

(3) Se il socio accomandatario è una persona giuridica, i diritti e gli obblighi associati alla partecipazione alla società in accomandita semplice devono essere esercitati dal suo organo statutario, o dal suo rappresentante autorizzato, che soddisfa le condizioni di cui al paragrafo 2.

(4) Salvo diversa disposizione, le disposizioni della presente legge sulle società per azioni si applicano mutatis mutandis a una società in accomandita semplice e le disposizioni su una società a responsabilità limitata si applicano allo status giuridico dei soci accomandanti.

§ 94

Il contratto di partnership deve contenere:

a) ragione sociale e sede legale,

b) designazione dei soci indicando la società o il nome e la sede legale della persona giuridica o il nome e la residenza della persona fisica,

c) oggetto dell’attività,

d) determinazione di quali dei soci sono soci accomandatari e quali soci accomandanti,

e) l’ importo del contributo di ciascun socio accomandante.

§ 95

Il nome della società deve contenere la designazione “società in accomandita semplice”, ma l’abbreviazione “comm. spol. “o” ks “. Se la società della società contiene il nome di un socio accomandante, questo socio accomandante è responsabile per gli obblighi della società come socio accomandatario.

§ 96

La proposta di iscrizione di una società in accomandita semplice nel Registro di commercio è firmata da tutti i soci e ad essa è allegato un contratto di società.

Sezione 2

Diritti e obblighi dei partner
§ 97

(1) Solo i soci accomandatari hanno diritto alla gestione aziendale della società.

(2) In altre questioni, i soci accomandatari decideranno insieme ai soci accomandanti a maggioranza dei voti, a meno che lo statuto non disponga diversamente.

(3) Al momento del voto, ogni socio ha un voto, a meno che lo statuto non preveda un numero di voti diverso.

(4) Per la modifica dell’accordo di partenariato è richiesto il consenso di tutti i partner, salvo diversa disposizione della presente legge. Lo statuto può prevedere che il consenso della maggioranza dei soci accomandatari unitamente al consenso della maggioranza dei soci accomandanti sia sufficiente per modificarlo. Può anche stabilire che il trasferimento della quota del socio accomandante ad un’altra persona non richiede il consenso degli altri azionisti. Le disposizioni del § 115 si applicano mutatis mutandis.

(5) La conclusione dei contratti ai sensi della Sezione 67a richiede il consenso della maggioranza dei soci accomandatari insieme al consenso della maggioranza dei soci accomandanti.

§ 97a

Il socio accomandante è obbligato a effettuare un deposito nel capitale sociale della società per l’importo specificato nel contratto di partnership, ma almeno 5.000 CZK. È tenuto a rimborsare la caparra entro il termine specificato nel contratto di partnership, altrimenti senza indebito ritardo dopo la costituzione della società, o dopo la costituzione della sua partecipazione nella società.

§ 98

Il socio accomandante ha il diritto di prendere visione dei libri e dei documenti contabili della società e di verificare i dati in essi contenuti o di autorizzare il revisore a farlo. Ha il diritto di rilasciare copia del bilancio e il diritto di richiedere informazioni ai soci accomandatari su tutte le questioni societarie.

§ 99

Il divieto di concorrenza non si applica al socio accomandante, a meno che lo statuto non disponga diversamente.

§ 100

(1) La divisione dell’utile in una parte appartenente alla società e una parte appartenente ai soci accomandatari sarà determinata dal rapporto specificato nel contratto di partnership, altrimenti l’utile sarà diviso a metà tra di loro. Salvo diversa disposizione statutaria, la parte degli utili maturati alla società sarà distribuita tra i soci accomandanti al netto delle imposte nella proporzione specificata nello statuto, altrimenti nella proporzione dei depositi rimborsati.

(2) Salvo diversa disposizione statutaria, i soci accomandatari condivideranno la parte dell’utile loro attribuibile equamente e i soci accomandanti secondo l’ammontare dei depositi rimborsati.

(3) Le perdite identificate dal bilancio sono sostenute in egual misura dai soci accomandatari, salvo diversa disposizione statutaria. I soci accomandanti sono obbligati a partecipare al risarcimento del danno, se così previsto dal contratto di partnership. Per coprire la perdita, i soci accomandanti non sono obbligati a restituire le quote di profitto che sono già state pagate dalla società.

Sezione 3

Rapporti legali con terzi
§ 101

(1) L’organo statutario della società sono i soci accomandatari. Salvo quanto diversamente stabilito nel contratto di partnership, ogni socio accomandatario ha il diritto di agire per conto della società in modo indipendente.

(2) Un socio accomandante è responsabile degli obblighi derivanti da contratti che ha stipulato per conto della società senza autorizzazione, nella stessa misura di un socio accomandatario.

Sezione 4

Liquidazione e liquidazione della società
§ 102

(1) Un socio accomandante non ha il diritto di recedere dalla società. La società non si scioglie neanche per scioglimento della persona giuridica, che è un socio accomandante. La perdita o la limitazione della capacità giuridica del socio accomandante non è motivo per la cessazione della sua partecipazione nella società o per lo scioglimento della società.

(2) Dichiarando fallimento sulla proprietà del socio accomandante o respingendo l’istanza di insolvenza per mancanza di beni, consegnando un avviso di asta ripetuta non riuscita nel procedimento di esecuzione o esecuzione o, se la quota del socio accomandante non è trasferibile, mediante ordine esecutivo finale ordine di esecuzione che incida sulla quota del socio accomandante dopo la scadenza del termine indicato nell’invito ad adempiere all’obbligo imposto ai sensi di una norma di legge speciale 22 ) e, se entro tale termine è stata presentata istanza di sospensione dell’esecuzione, la sua partecipazione alla società scade dopo che la decisione su questa mozione diventa definitiva. Il diritto del socio accomandante a una quota di insediamento diventa parte della proprietà.

(3) Se il fallimento della proprietà del socio accomandante è stato annullato per motivi diversi dall’adempimento della risoluzione del programma o perché la proprietà del debitore è completamente insufficiente, la sua partecipazione alla società è rinnovata; se la società ha già versato la propria quota di liquidazione, il socio accomandante di cui è stata rinnovata la partecipazione nella società è tenuto a sostituirla entro 2 mesi dall’annullamento del fallimento della società. Ciò vale in modo analogo nel caso in cui l’esecuzione della decisione fosse legalmente sospesa a causa della quota del socio accomandante o l’esecuzione fosse legalmente sospesa ai sensi di un’apposita norma di legge.

(4) La società non si scioglie con la morte del socio accomandante e la sua quota nella società viene ereditata. Lo statuto può escludere l’eredità di una quota; in questo caso gli eredi hanno una transazione.

(5) La società informa gli azionisti senza indebito ritardo che le è stato consegnato un avviso d’asta ai sensi della legge che disciplina l’esecuzione delle decisioni che interessano la quota del socio accomandante e che tale avviso d’asta è disponibile per l’ispezione presso la sede legale della società. La società invierà copia dell’avviso d’asta al partner che ne faccia richiesta, a sue spese e rischio, all’indirizzo specificato nella richiesta.

§ 103
annullato

§ 104

(1) In caso di scioglimento di una società in liquidazione, gli azionisti hanno diritto a una quota del saldo di liquidazione. Ciascuno dei partner ha diritto alla restituzione dell’importo della caparra versata. Se il saldo di liquidazione non è sufficiente per questo ritorno, i soci accomandanti hanno il diritto di priorità al rimborso. Il residuo del saldo di liquidazione rimanente dopo il rimborso dell’importo dei depositi sarà distribuito tra gli azionisti secondo gli stessi principi dell’utile.

(2) Se il saldo di liquidazione non è sufficiente per la distribuzione ai sensi del paragrafo 1, sarà distribuito tra gli azionisti secondo gli stessi principi dell’utile.

(3) L’ accordo di partnership può prevedere un altro metodo di distribuzione del saldo di liquidazione tra i partner.

(4) La quota di regolamento sarà calcolata in modo simile alla quota del saldo di liquidazione.

Sezione 5
annullato

§ 104a – § 104d
annullato

Sezione 6
annullato

§ 104e
annullato

Parte IV

Società a responsabilità limitata
Sezione 1

Fornitura di base
§ 105

(1) Una società a responsabilità limitata è una società il cui capitale sociale è costituito dai depositi dei partner e i cui partner sono responsabili delle passività della società fino a quando il rimborso dei depositi non è stato iscritto nel registro delle imprese (§ 106 paragrafo 2).

(2) Una società a responsabilità limitata può essere costituita da una persona. Una società a responsabilità limitata unipersonale non può essere l’unico fondatore o unico azionista di un’altra società a responsabilità limitata. Una persona fisica può essere l’unico azionista di un massimo di tre società a responsabilità limitata.

(3) Una società può avere un massimo di cinquanta soci.

§ 106

(1) L’azienda è responsabile della violazione dei suoi obblighi con tutti i suoi beni.

(2) I partner sono responsabili in solido per le responsabilità della società fino all’importo della somma delle parti non pagate dei depositi di tutti i partner in base allo stato dell’iscrizione nel registro delle imprese. Con la registrazione del rimborso di tutti i depositi nel registro delle imprese, la responsabilità decade. Il pagamento a uno qualsiasi dei creditori non pone fine alla responsabilità né ne riduce la portata. La prestazione per la società fornita per effetto della garanzia è compresa nel rimborso del contributo del partner che ha fornito la prestazione al creditore e, se ciò non è possibile, il partner può chiedere un risarcimento alla società. Se non è in grado di ottenere tale risarcimento, può chiedere un risarcimento a un azionista il cui contributo non è stato rimborsato, altrimenti a ciascuno degli azionisti nella misura della sua partecipazione al capitale sociale della società.

§ 107

Il nome della società deve contenere la designazione “società a responsabilità limitata”, ma è sufficiente l’abbreviazione “spol. S ro” o “sro”.

§ 108

(1) L’importo del capitale sociale della società deve essere di almeno 200.000 CZK.

(2) Il diritto della società di rimborsare la parte non pagata del contributo del partner e qualsiasi diritto del partner nei confronti della società, ad eccezione del diritto di cui al § 106, sono reciprocamente non compensati, a meno che l’assemblea netta non acconsenta a tale compensazione.

§ 109

(1) L’importo del contributo del partner deve essere almeno di 20.000 CZK.

(2) Ogni azionista può partecipare al capitale sociale della società con un solo conferimento. L’importo del deposito può essere determinato in modo diverso per i singoli partner, ma deve essere divisibile in migliaia. L’importo totale dei depositi deve concordare con l’importo del capitale sociale della società.

(3) Se devono essere forniti depositi non monetari per il rimborso di un deposito, l’oggetto del deposito non monetario e l’importo da accreditare sul deposito devono essere indicati nel contratto di partnership o nella dichiarazione scritta di aumento o contributo del partner. Le disposizioni della Sezione 163a (3) e (4) si applicano mutatis mutandis.

§ 110

(1) Il contratto di partnership deve contenere almeno

a) ragione sociale e sede legale,

b) designazione dei soci indicando la società o il nome e la sede legale della persona giuridica o il nome e la residenza della persona fisica,

c) oggetto dell’attività (attività),

d) l’ ammontare del capitale sociale e l’ammontare del contributo di ciascun azionista, comprese le modalità e il termine per il rimborso del contributo,

e) i nomi e le residenze dei primi dirigenti della società e il modo in cui agiscono per conto della società,

f) nomi e residenze dei membri del primo consiglio di sorveglianza, se costituito,

g) nomina di un gestore di depositi,

h) altri dati richiesti dalla presente legge.

(2) Lo statuto può prevedere che la società emetta statuti che regolano l’organizzazione interna della società e, più in dettaglio, alcune materie contenute nello statuto.

§ 111

(1) Prima di presentare una proposta di iscrizione di una società nel Registro delle Imprese, deve essere versato l’intero sovrapprezzo delle azioni e deve essere versato almeno il 30% per ogni deposito monetario. Tuttavia, l’importo totale dei depositi in contanti rimborsati insieme al valore dei depositi non in contanti rimborsati deve essere di almeno 100.000 CZK.

(2) Se una società è costituita da un fondatore, può essere iscritta nel registro delle imprese solo se il suo capitale sociale è interamente versato.

§ 112

La proposta di iscrizione della società nel Registro delle Imprese è firmata da tutti i dirigenti.

Sezione 2

Diritti e obblighi dei partner
§ 113

(1) Il partner è obbligato a rimborsare il deposito alle condizioni ed entro il termine specificato nel contratto di partnership, ma entro e non oltre cinque anni dalla costituzione della società o dall’assunzione dell’obbligo di aumentare il deposito o di effettuare un nuovo deposito. L’azionista non può essere liberato da tale obbligo a meno che non si tratti di una riduzione del capitale sociale mediante remissione del debito. I dirigenti comunicano senza indebito ritardo al tribunale di registrazione il rimborso dell’intero contributo di ciascun socio.

(2) Un partner che non ha pagato il valore prescritto del deposito in contanti entro il periodo di cui al paragrafo 1 è obbligato a pagare interessi di mora per un importo del 20% dell’importo non pagato, a meno che lo statuto non disponga diversamente.

(3) Se il partner è in ritardo con il pagamento della caparra, la società può, sotto la minaccia di esclusione, chiedergli di adempiere al suo obbligo entro un periodo che non può essere inferiore a tre mesi.

(4) Un partner che non adempie ai propri obblighi anche entro un periodo aggiuntivo può essere espulso dalla società dall’assemblea generale.

(5) La quota aziendale (§ 114) del partner escluso viene trasferita alla società, che può trasferirla a un altro partner oa una terza parte. L’Assemblea Generale decide sul trasferimento.

(6) Se non vi è trasferimento di una quota aziendale ai sensi del paragrafo 5, l’Assemblea generale deciderà entro sei mesi dal giorno in cui l’azionista è stato espulso, se ridurre il capitale azionario mediante il contributo dell’azionista espulso o far sì che altri azionisti prendano sulla sua partecipazione azionaria, proporzionalmente alle sue quote aziendali, dietro compenso pari alla quota di liquidazione, altrimenti il ​​tribunale può cancellare la società senza mozione e ordinare la sua liquidazione. Con la decisione dell’Assemblea generale sulla distribuzione della quota di affari tra i soci, la quota di affari divisa viene trasferita ai soci alle condizioni stabilite dall’Assemblea generale.

§ 114

(1) Una quota aziendale rappresenta la partecipazione di un azionista in una società e i diritti e gli obblighi derivanti da tale partecipazione. Il suo importo è determinato in base al rapporto tra il contributo del socio al capitale sociale della società, salvo diversa disposizione statutaria.

(2) Ciascun partner può avere una sola quota aziendale. Se il partner partecipa a un altro contributo, il suo contributo e, se applicabile, la sua quota di affari aumentano di conseguenza.

(3) Una quota aziendale può appartenere a più persone. Queste persone possono esercitare i loro diritti da questa quota di affari solo da un rappresentante comune e sono congiuntamente e solidalmente responsabili del rimborso del deposito. Le disposizioni del codice civile in materia di comproprietà si applicano mutatis mutandis ai rapporti tra soggetti cui appartiene una quota aziendale.

§ 115

(1) Con il consenso dell’Assemblea generale, un partner può trasferire per contratto la sua quota di affari a un altro partner, a meno che lo statuto non disponga diversamente.

(2) Se consentito dal contratto di partnership, il partner può trasferire la sua quota di affari a un’altra persona. Il contratto di partnership può condizionare il trasferimento di una quota aziendale ad un’altra persona anche con il consenso dell’assemblea generale. Se la società ha un unico socio, la quota aziendale è sempre trasferibile a terzi.

(3) Il contratto di trasferimento di una quota aziendale deve essere in forma scritta e l’acquirente, che non è un socio in esso, deve dichiarare che sta aderendo al contratto di partnership o allo statuto. Le firme devono essere verificate ufficialmente. Il cedente è responsabile delle passività passate attraverso il trasferimento di una quota aziendale.

(4) Gli effetti del trasferimento di una quota aziendale ai sensi dei paragrafi 1 e 2 si verificano nei confronti della società il giorno della consegna di un contratto di trasferimento effettivo.

§ 116

(1) Con lo scioglimento di una persona giuridica che è un partner, la quota aziendale passa al suo successore legale. L’accordo di partnership può precludere il trasferimento di una quota aziendale a un successore legale.

(2) La quota aziendale è ereditata. Il contratto di partnership può escludere l’eredità di una quota aziendale, a meno che la società non sia un unico azionista. Le disposizioni della Sezione 156, Paragrafo 10 si applicano mutatis mutandis. L’erede può richiedere l’annullamento della sua partecipazione nella società da parte di un tribunale se non può essere equamente richiesto di essere un partner entro 3 mesi dalla forza legale della decisione del tribunale sull’eredità, altrimenti tale diritto decade. L’erede che chiede l’annullamento della sua partecipazione nella società da parte di un tribunale non è tenuto a partecipare personalmente alle attività della società, anche se lo statuto prevede tale obbligo. Tuttavia, la partecipazione dell’erede nella società non può essere annullata se è l’unico partner.

(3) Se la quota aziendale non passa all’erede o al successore legale, si applicano mutatis mutandis le disposizioni della Sezione 113, paragrafi 5 e 6.

§ 117

(1) La divisione di una quota aziendale è possibile solo al momento del suo trasferimento o trasferimento all’erede o successore legale del partner. Per la distribuzione della quota è necessaria l’approvazione dell’Assemblea.

(2) La divisione di una quota aziendale può essere esclusa dal contratto di partnership.

(3) Se una quota aziendale separata deve essere stabilita sulla divisione di una quota aziendale, deve essere mantenuto l’importo del deposito specificato nel § 109 par.1.

§ 117a

Sospensione della quota di partecipazione
(1) Una quota aziendale può essere oggetto di un privilegio. Il contratto di pegno deve essere in forma scritta. Le firme sul contratto di pegno devono essere verificate ufficialmente.

(2) Se una quota aziendale può essere trasferita solo con il consenso dell’Assemblea generale, per la sospensione della quota aziendale sarà richiesto anche il consenso dell’Assemblea generale. Senza questo consenso, il privilegio non sorgerà. La quota aziendale costituita in pegno non può essere nuovamente impegnata per la durata del privilegio.

(3) Il privilegio su una quota aziendale deriva dall’iscrizione di un privilegio su una quota aziendale nel Registro delle imprese. Un privilegio o un creditore ha il diritto di presentare una proposta per la registrazione di un privilegio su una quota aziendale nel registro delle imprese e per la sua cancellazione. La proposta deve essere accompagnata da un pegno o documenti che confermano la cessazione del privilegio e un documento di approvazione dell’assemblea generale, se necessario, salvo diversa disposizione della presente legge.

(4) Se il credito garantito dal privilegio sulla quota aziendale non è adeguatamente e tempestivamente adempiuto, il mutuatario ha il diritto di vendere la quota aziendale del creditore a suo nome anche senza il consenso dell’Assemblea generale a spese del debitore in un appalto pubblico commerciale o all’asta pubblica. Il mutuatario deve, senza indebito ritardo, rilasciare al debitore i proventi della vendita eccedenti il ​​suo credito garantito previa deduzione dei costi sostenuti.

(5) Il trasferimento di una quota aziendale ai sensi del paragrafo 4 pone fine al privilegio su di essa.

(6) Per tutta la durata del privilegio, il socio continua ad esercitare i diritti connessi alla partecipazione nella società. I benefici a cui sorge il diritto in base alla partecipazione nella società dopo la scadenza del credito garantito appartengono all’ammontare del credito garantito e dei suoi accessori per il mutuatario e sono inclusi nel credito garantito.

(7)Se la quota aziendale costituita in pegno non può essere venduta secondo le modalità di cui al paragrafo 4, l’ipoteca ha il diritto di esercitare i diritti associati alla quota aziendale costituita in pegno. Il mutuatario può esercitare i diritti annessi alla quota d’impresa dal momento del tentativo fallito di vendita. Il creditore ipotecario può concordare con il promotore di accettare la sua quota aziendale per il pagamento del debito per contratto ai sensi della Sezione 115. Il contratto deve indicare che la quota aziendale viene trasferita per il pagamento del debito, inclusi il motivo e l’importo. Non è richiesta l’approvazione dell’Assemblea per il trasferimento di una quota aziendale per il pagamento del debito. Il trasferimento della quota aziendale al pegno pone fine al vincolo. Tuttavia, ai fini del trasferimento per estinguere il debito, il valore della quota dovrà essere determinato da un perito nominato dal tribunale su proposta del mutuatario. La sezione 59 (3) si applica mutatis mutandis alla nomina e alla remunerazione di un esperto.

(8) Salvo disposizione contraria, al privilegio su una quota aziendale si applicano le disposizioni generali del codice civile e commerciale sul privilegio sui beni mobili.

§ 118

Un cambiamento nella persona di un partner viene inserito nell’elenco dei partner e nel registro delle imprese. L’azienda è obbligata a inserire la modifica nella persona del partner nell’elenco dei partner non appena questa modifica gli viene dimostrata.

§ 119

Se tutte le azioni aziendali vengono fuse nelle mani di un azionista, il partner è obbligato a rimborsare tutti i depositi in contanti o trasferire parte della quota aziendale a un’altra persona entro tre mesi dalla fusione delle azioni aziendali. Se il partner viola questo obbligo, il tribunale cancellerà la società senza mozione e ne ordinerà la liquidazione.

§ 120

(1) La società non può acquisire azioni proprie in virtù di un accordo sul trasferimento di una quota aziendale. Un contratto concluso in violazione di questo divieto non è valido. Se la società acquisisce le proprie azioni aziendali, è tenuta a procedere ai sensi della Sezione 113, Paragrafi 5 e 6.

(2) Se la società acquisisce la propria quota aziendale in conformità con la legge, i diritti e gli obblighi che fanno parte della quota aziendale non scadono con la fusione, ma la società non ha il diritto di esercitare i diritti di un partner. Le disposizioni della Sezione 161d (2) e (3) si applicano mutatis mutandis.

§ 120a

(1) A meno che lo statuto non preveda ulteriori condizioni, la società può fornire un anticipo, un prestito, un credito o altra prestazione monetaria o fornire garanzie collaterali allo scopo di acquisire azioni nella stessa (di seguito denominata “assistenza finanziaria”), se

a) l’assistenza finanziaria è fornita in normali condizioni commerciali,

b) la prestazione di assistenza finanziaria non comporti immediatamente il fallimento della società ai sensi di un’apposita normativa di legge,

c) la società non segnala perdite non pagate,

d) l’ amministratore delegato redige una relazione scritta in cui:

1. fornire ragioni sostanziali per la fornitura di assistenza finanziaria, compresa un’indicazione dei benefici e dei rischi per la società per l’azienda,

2. indicare le condizioni alle quali sarà fornita l’assistenza finanziaria, e

3. giustificare il motivo per cui la fornitura di assistenza finanziaria è nell’interesse dell’azienda.

(2) La relazione ai sensi del comma 1 lett (d) depositare la società nella raccolta dei documenti senza indebito ritardo dopo che è stata redatta, ma sempre prima dell’assemblea generale che approva la fornitura di assistenza finanziaria; la relazione deve essere liberamente messa a disposizione degli azionisti durante l’assemblea di questa assemblea generale.

(3) Quando si fornisce assistenza finanziaria, i paragrafi 1 e 2 non si applicano agli istituti finanziari ai sensi di un’altra normativa legale che disciplina le attività delle banche 4a ) , se fornita alle condizioni di cui al § 161f paragrafo 5.

§ 120b

(1) L’entità controllata non può acquisire contrattualmente la quota aziendale della società che la controlla. Le disposizioni della Sezione 120a, Sezione 161b, Paragrafo 1, Lettera (a) si applicano mutatis mutandis all’acquisizione di azioni aziendali in una società da parte di una persona da essa controllata e alla fornitura di assistenza finanziaria ai fini dell’acquisizione di azioni aziendali in una società da una persona da essa controllata. b), § 161b paragrafo 3 e 4 e § 161g paragrafi da 2 a 5.

(2) La società può impegnare la propria quota solo alle condizioni stabilite nel § 120a, § 161a par. a), § 161a para.2, § 161b e 161d.

§ 121

(1) Lo Statuto può prevedere che l’Assemblea Generale abbia il diritto di imporre agli azionisti l’obbligo di contribuire alla creazione di capitale mediante un supplemento al di fuori del capitale sociale (di seguito “supplemento”) in contanti fino alla metà del capitale sociale secondo all’importo dei loro depositi. Qualora l’importo della maggiorazione raggiunga il valore della metà del capitale sociale, non potrà essere applicata alcuna ulteriore soprattassa. Le disposizioni della Sezione 113, paragrafi da 2 a 6 si applicano mutatis mutandis alla violazione di tale obbligo.

(2) Un partner può fornire un supplemento con il consenso dell’Assemblea generale, anche se non previsto dallo statuto.

(3) L’ adempimento dell’obbligo di cui al paragrafo 1 o l’adempimento ai sensi del paragrafo 2 non incide sull’ammontare del contributo del socio né sull’ammontare del capitale sociale.

(4) I supplementi possono essere restituiti agli azionisti solo nella misura in cui superano le perdite della società.

§ 122

(1) Gli azionisti esercitano i loro diritti relativi alla gestione della società e al controllo delle sue attività nell’assemblea generale nella misura e secondo le modalità specificate nello statuto o nello statuto.

(2) In particolare, i soci hanno il diritto di richiedere informazioni ai dirigenti sugli affari della società e di prendere visione dei documenti della società e controllare i dati in essi contenuti o di autorizzare un revisore dei conti o un consulente fiscale a farlo.

§ 123

(1) Gli azionisti partecipano all’utile determinato dall’assemblea generale per la distribuzione tra gli azionisti in proporzione alle loro quote di attività, a meno che lo statuto non disponga diversamente.

(2) Il capitale azionario, il fondo di riserva o altri fondi di capitale o fondi che, in base alla presente legge, al contratto di società o allo statuto, devono essere utilizzati per integrare questi fondi non possono essere utilizzati per il pagamento del profitto. Le disposizioni della Sezione 178 (1), terza frase, (2), (3) e da (5) a (7) si applicano mutatis mutandis.

(3) Per tutta la durata della società, i soci non possono richiedere il rimborso della caparra. I versamenti agli azionisti previsti in caso di riduzione del capitale sociale non saranno considerati rimborso del contributo.

(4) Gli azionisti sono tenuti a restituire alla società la quota dell’utile corrisposto in violazione di tali disposizioni. I dirigenti che hanno accettato questo pagamento sono solidalmente responsabili di questo rimborso.

§ 124

(1) La società creerà un fondo di riserva (§ 67) al momento e nell’importo specificato nel contratto di partnership. Se il fondo di riserva non viene creato all’inizio della società, la società è obbligata a crearlo dall’utile netto riportato nel bilancio regolare per l’anno in cui genera per primo un utile netto di almeno il 10% dell’utile netto , ma non più del 5%.% del valore del capitale sociale. Questo fondo è integrato annualmente dall’importo specificato nello statuto o nello statuto, ma non inferiore al 5% dell’utile netto, fino all’importo del fondo di riserva specificato nello statuto o nello statuto, ma non meno del 10% del capitale sociale.

(2) I dirigenti decideranno sull’uso del fondo di riserva in conformità con la Sezione 67, a meno che non si tratti di casi in cui la legge affida questa decisione all’Assemblea generale.

(3) Un fondo di riserva fino al 10% del capitale sociale può essere utilizzato solo per coprire la perdita della società.

Sezione 3

Organi societari
Incontro generale
§ 125

(1) L’Assemblea generale è l’organo più alto della società. Rientra nel suo ambito

a) approvazione delle azioni compiute per conto dell’azienda prima della sua costituzione ai sensi della Sezione 64,

b) approvazione di bilanci regolari, straordinari e consolidati e, nei casi previsti dalla legge, anche intermedi, deliberazioni sulla distribuzione degli utili o altre risorse proprie e sulla compensazione delle perdite,

c) l’ approvazione dello statuto e delle loro modifiche,

d) decidere in merito alla modifica del contenuto dell’accordo di partnership, se non si verifica sulla base di altri fatti legali (§ 141),

e) decidere sull’aumento o la diminuzione del capitale sociale o sull’ammissione di un deposito non monetario o sulla possibilità di compensare un credito monetario nei confronti della società con una richiesta di rimborso di un deposito,

f) nomina, revoca e remunerazione dei dirigenti,

g) nomina, revoca e remunerazione dei membri del Consiglio di Sorveglianza,

h) espulsione di un partner ai sensi degli articoli 113 e 121,

i) la nomina, la revoca e la remunerazione del liquidatore e la decisione di scioglimento della società in liquidazione, se lo statuto lo consente,

j) approvazione dei contratti di cui al § 67a,

k) decidere in merito a fusioni, trasferimento di beni a un partner, scissione e modifica della forma giuridica,

l) approvazione del contratto di controllo (§ 190b), del contratto di trasferimento degli utili (§ 190a) e del contratto di tacito e loro modifiche,

m) approvazione del contratto sull’esecuzione della funzione (§ 66 par.2),

n) approvazione della fornitura di assistenza finanziaria ai sensi della Sezione 120a,

o) altre questioni che sono affidate alla competenza dell’Assemblea dalla legge o dallo statuto.

(2) A meno che lo statuto non disponga diversamente, l’assemblea generale concede e revoca la procura.

(3) L’Assemblea può riservare decisioni su questioni che altrimenti rientrano nella competenza di altri organi della società.

§ 126

L’azionista partecipa all’Assemblea di persona o per conto di un delegato sulla base di una procura scritta.

§ 127

(1) L’assemblea generale può deliberare se sono presenti i soci che hanno almeno la metà di tutti i voti, a meno che lo statuto non richieda un numero di voti maggiore.

(2) Ogni partner ha un voto per ogni CZK 1.000 del suo deposito, a meno che lo statuto non preveda un numero di voti diverso.

(3) L’Assemblea Generale decide almeno a maggioranza semplice dei voti degli azionisti presenti, a meno che un maggior numero di voti non richieda una legge o un accordo di partnership.

(4) Per le decisioni ai sensi del § 125 paragrafo 1 let. c), d), e) e j) e lo scioglimento di una società in liquidazione richiede sempre il consenso di almeno la maggioranza dei due terzi di tutti i voti dei soci, a meno che la legge o lo statuto non richiedano un numero maggiore di voti; queste decisioni devono essere autenticate. Se il capitale sociale viene ridotto riducendo in modo non uniforme i depositi dei soci, è richiesto il consenso di tutti i soci.

(5) Un azionista non può esercitare il diritto di voto se

a) l’ Assemblea dei Soci delibera sul proprio contributo non monetario,

b) l’ Assemblea dei Soci delibera sulla sua esclusione o sulla presentazione di una proposta per la sua esclusione,

c) l’ assemblea generale decide se lui o una persona con cui agisce di comune accordo debba essere esonerato dall’adempimento dell’obbligo o se debba essere rimosso dalla carica di organo o membro dell’organo della società per violazione dei doveri nell’esecuzione della sua funzione,

d) è in arretrato con il rimborso della caparra,

e) così negli altri casi previsti dalla legge.

(6) Le disposizioni della Sezione 186c (1) e della Sezione 186d si applicano mutatis mutandis.

(7) Gli azionisti che non erano presenti all’Assemblea Generale possono esprimere il loro consenso alla proposta di decisione dell’Assemblea Generale al di fuori dell’Assemblea Generale. Il consenso del socio deve essere consegnato alla società entro un mese dalla data in cui si è tenuta o avrebbe dovuto tenersi l’assemblea generale. Se la legge richiede che la decisione dell’Assemblea sia resa nota da un notaio, il consenso dell’azionista deve assumere la forma di un atto notarile, che deve anche indicare il contenuto della bozza di decisione dell’Assemblea generale a cui si riferisce il consenso.

(8) Se la delibera dell’Assemblea generale è adottata ai sensi del paragrafo 7, i dirigenti devono darne comunicazione scritta a tutti gli azionisti entro 14 giorni.

(9) Il divieto di esercizio dei diritti di voto ai sensi del paragrafo 5 non si applica nel caso in cui tutti i soci della società agiscano di concerto (articolo 66b).

§ 128

(1) A meno che la legge, il contratto di società o lo statuto non prevedano un periodo più breve, l’assemblea generale è convocata dai dirigenti almeno una volta all’anno. L’assemblea generale che approva il bilancio regolare deve tenersi entro sei mesi dall’ultimo giorno del periodo contabile.

(2) Le disposizioni della Sezione 193 si applicano mutatis mutandis.

§ 129

(1) La data e l’ordine del giorno dell’assemblea generale devono essere comunicati agli azionisti entro il termine specificato nello statuto, altrimenti almeno 15 giorni prima della data dell’assemblea generale, mediante invito scritto, a meno che lo statuto fornire altrimenti. Le questioni non menzionate nell’invito possono essere discusse solo se tutti i partner sono presenti all’Assemblea generale. L’azionista può rinunciare al diritto di convocare tempestivamente l’Assemblea, o di convocarla secondo le modalità previste dalla legge o dallo Statuto, mediante dichiarazione che dovrà essere allegata al verbale dell’Assemblea o al notaio. verbale dell’assemblea generale registrazione.

(2) Gli azionisti i cui depositi raggiungono almeno il 10% del capitale sociale possono richiedere la convocazione di un’assemblea generale. Se i dirigenti non convocano l’Assemblea entro un mese dal ricevimento della loro richiesta, hanno facoltà di convocarla essi stessi. Se la società non ha un dirigente, qualsiasi azionista ha il diritto di convocare l’assemblea generale.

(3) L’Assemblea Generale elegge il suo presidente e il suo cancelliere. Fino all’elezione del presidente, l’assemblea generale è presieduta dal dirigente o da un partner autorizzato. Il presidente conterà i voti.

(4) L’amministratore delegato ha l’obbligo di provvedere alla preparazione del verbale dell’Assemblea generale e di trasmetterlo a spese della società senza indebito ritardo a tutti gli azionisti. I verbali sono firmati dal presidente dell’assemblea generale e dal registratore. Le disposizioni della sezione 188, paragrafi 2 e 3 si applicano mutatis mutandis al contenuto della registrazione.

§ 130

(1) Gli azionisti possono prendere decisioni anche al di fuori dell’Assemblea generale. In tal caso, la persona altrimenti legittimata a convocare l’Assemblea, sottopone il progetto di delibera della società agli azionisti per il commento, annunciando il termine entro il quale devono rendere una dichiarazione scritta. Se il partner non esprime la sua opinione entro il termine, è valido che non sia d’accordo. La persona che ha presentato la proposta di risoluzione comunica quindi i risultati della votazione ai singoli azionisti. La maggioranza è calcolata dal numero totale di voti appartenenti a tutti gli azionisti.

(2) Se la legge richiede l’acquisizione di un atto notarile di una decisione dell’assemblea generale, una decisione al di fuori dell’assemblea generale può essere adottata solo se l’espressione della volontà dell’azionista che approva il progetto di risoluzione assumerà la forma di un notaio registrare la risoluzione.

§ 131

(1) Qualsiasi partner, funzionario esecutivo, liquidatore, amministratore fallimentare 1d ) o un membro del Consiglio di vigilanza può esigere che il tribunale dichiari invalida la delibera dell’Assemblea generale se è in conflitto con le norme di legge, lo Statuto, il Statuto o Statuto. Se tale diritto non viene esercitato entro tre mesi dalla data dell’Assemblea Generale o, se non è stato debitamente convocato, dal giorno in cui ha potuto venire a conoscenza dell’Assemblea Generale, ma non oltre un anno dall’Assemblea Generale, scadrà. Se la delibera è stata adottata ai sensi del § 127 paragrafo 7, tale diritto può essere esercitato entro tre mesi dalla data in cui la società ha notificato all’azionista l’adozione della delibera, ma non oltre un anno dall’adozione della delibera .

(2) Se il motivo della proposta di cui al paragrafo 1 è che la risoluzione generale non ha adottato la risoluzione asserita perché non l’ha votata, o che il contenuto della risoluzione asserita non corrisponde alla risoluzione adottata dal generale riunione, la mozione può essere presentata entro tre mesi dal ricorrente a conoscenza della presunta risoluzione, ma non oltre un anno dalla data della o presunta convocazione dell’Assemblea.

(3) Il tribunale non dichiara l’invalidità ai sensi del paragrafo 1 o 2 se

(a) vi è stata una violazione della legge, dell’atto costitutivo, dell’atto costitutivo o dello statuto, risultante solo una violazione minore dei diritti delle persone autorizzate a chiedere una decisione ai sensi del paragrafo 1 o di altre persone, o se la violazione non ha avuto gravi conseguenze legali;

(b) in conformità al paragrafo 1, i diritti acquisiti in buona fede da terzi sarebbero sostanzialmente violati; o

c) l’annullamento di una delibera dell’Assemblea perché convocata in violazione della legge, dello Statuto o dello Statuto è richiesto solo da chi ha convocato l’Assemblea o ha partecipato alla sua convocazione, o se il L’Assemblea, convocata in violazione di legge, tutti i soci o soci che non erano presenti all’Assemblea, hanno successivamente espresso il proprio consenso alla deliberazione.

(4) Le persone che hanno subito un danno a seguito della decisione dell’Assemblea generale emessa in violazione delle norme di legge, dello Statuto, dell’Atto costitutivo o dello Statuto hanno diritto al risarcimento nei confronti della società, nonché il diritto ad un adeguato risarcimento per la violazione del quale può essere prestato anche in denaro. Le persone di cui alla frase precedente hanno tale diritto anche se il tribunale non dichiara invalida la delibera dell’assemblea generale per i motivi di cui al paragrafo 3. Il diritto alla ragionevole soddisfazione deve essere esercitato entro il termine fissato per il deposito di un l’istanza di annullamento della delibera dell’assemblea generale o entro 3 mesi dal giorno in cui è entrata in vigore la decisione del tribunale ai sensi del paragrafo 3, altrimenti scadrà.

(5) I dirigenti che non hanno agito in relazione all’adozione delle risoluzioni dell’Assemblea generale ai sensi delle disposizioni del § 127 par. 8, § 129 e § 135 paragrafo 2 saranno solidalmente responsabili delle responsabilità della società ai sensi del paragrafo 4.

(6) Nel procedimento, i dirigenti agiscono per conto della società; tuttavia, se i partecipanti al procedimento sono gli stessi dirigenti, la società è rappresentata da un membro designato (membri) dell’Organismo di Vigilanza. Se propongono sia i dirigenti che i membri del Consiglio di Sorveglianza, o se il Consiglio di Sorveglianza non è stato istituito, l’Assemblea nomina un rappresentante della società. Se non lo fa entro tre mesi dalla consegna della proposta della società, il tribunale della società nomina un tutore.

(7) Il dispositivo di una decisione finale del tribunale ai sensi dei paragrafi 1, 2 o 3 è vincolante per tutti.

(8) Se una mozione per l’invalidità di una delibera dell’Assemblea generale ai sensi del paragrafo 1 o 2 non è stata depositata o se non ha avuto successo, la sua validità può essere rivista solo nei procedimenti di registro in cui il tribunale decide di consentire l’iscrizione di un fatto stabilito con delibera dell’Assemblea nel Registro delle Imprese. Ciò non si applica se l’adozione di una delibera dell’Assemblea sulla modifica dello statuto o dello statuto sociale contravvenga al contenuto dello statuto o dello statuto con la disposizione inderogabile di legge, e nei casi previsti paragrafo 9.

(9) Il tribunale può avviare un procedimento per raggiungere un accordo tra la situazione reale e la registrazione del fatto stabilito dalla delibera dell’assemblea generale nel registro delle imprese ai sensi di una normativa legale speciale, tranne nei casi in cui il tribunale dichiara la risoluzione dell’Assemblea che invalida la mozione ai sensi del paragrafo 1 o 2. l’avvio di tale procedimento nell’interesse pubblico e purché non pregiudichi sostanzialmente i diritti di terzi acquisiti in buona fede, ma non oltre tre anni dall’iscrizione del fatto derivante dalla delibera nel Registro delle Imprese.

(10) Se il procedimento su una petizione presentata ai sensi dei paragrafi 1 e 2 deve essere chiuso perché il firmatario ha ritirato la petizione o per un altro ostacolo che può essere rimosso dall’ingresso del firmatario nel procedimento e dalle sue azioni, e se c’è un interesse speciale degli azionisti che la domanda, degna di tutela legale, il tribunale non interrompe il procedimento. In tal caso, il tribunale emette e pubblica una risoluzione nella bacheca ufficiale del tribunale che lo dichiara

a) ciò che conta sono i procedimenti per la nullità della delibera dell’Assemblea,

(b) perché il procedimento deve essere sospeso e come l’ostacolo può essere rimosso; e

(c) una dichiarazione secondo cui il procedimento sarà sospeso se il firmatario non accede alla petizione depositata entro tre mesi dalla pubblicazione della risoluzione e non rimuove l’ostacolo che giustifica la sospensione del procedimento entro tale periodo.

(11) Il tribunale consegna la risoluzione alle persone di cui al paragrafo 1 e indica quando il periodo di cui al paragrafo 10 lettera C). Se il termine scade invano, il tribunale interrompe il procedimento.

(12) Eventuali ulteriori procedimenti di nullità della stessa delibera saranno collegati al procedimento di annullamento di una delibera dell’Assemblea generale.

§ 131a

Azione del partner
(1) Ciascun partner ha il diritto di intentare un’azione per conto dell’azienda per danni nei confronti dell’amministratore delegato, che è responsabile nei confronti dell’azienda per il danno ad essa causato, e un’azione per il pagamento della caparra contro il partner che si trova in arretrati con il pagamento della caparra. Una persona diversa dal partner che ha promosso l’azione o da una persona da lui autorizzata non può agire nel procedimento per conto della società o per suo conto.

(2) Le disposizioni del paragrafo 1 non si applicano se il rimborso del deposito è richiesto dall’amministratore delegato o se l’assemblea generale ha deciso di escludere un partner in arretrato.

§ 132

(1) Se la società ha un unico azionista, l’assemblea generale non si terrà e i poteri dell’assemblea generale saranno esercitati da questo azionista. L’espressione della volontà del partner nell’esercizio dei poteri dell’Assemblea deve avvenire per iscritto (di seguito denominata “decisione del partner”). La decisione del partner deve essere sotto forma di un atto notarile di un atto legale nei casi in cui viene redatto un atto notarile della decisione dell’Assemblea generale. Le disposizioni del § 127 paragrafo 5 non si applicano.

(2) L’unico azionista ha facoltà di richiedere che alla deliberazione di cui al comma 1 partecipino anche l’amministratore delegato e il consiglio di sorveglianza, se costituito. La decisione scritta dell’azionista unico deve essere consegnata all’amministratore delegato e al consiglio di sorveglianza, se istituito.

(3) I contratti conclusi tra una società e il socio unico di questa società, se questo partner agisce anche per conto della società, devono essere in forma di atto notarile o in forma scritta e il documento deve essere firmato dinanzi all’organismo responsabile per la legalizzazione.

Dirigenti
§ 133

(1) L’organo statutario della società è uno o più dirigenti. In presenza di più dirigenti, ciascuno di essi ha il diritto di agire per conto della società in modo autonomo, salvo diversa disposizione statutaria o statutaria.

(2) Solo il contratto di società, lo statuto o l’assemblea generale possono limitare i poteri esecutivi. Tuttavia, tale restrizione è inefficace nei confronti di terzi.

(3) L’amministratore delegato è nominato dall’assemblea generale tra i soci o altre persone fisiche.

§ 134

L’amministratore delegato possiede la gestione aziendale della società. La decisione sulla gestione aziendale della società, se la società ha più dirigenti, richiede il consenso della maggioranza dei dirigenti, salvo diversa disposizione statutaria.

§ 135

(1) I dirigenti sono tenuti a garantire la corretta tenuta dei registri e della contabilità prescritti, tenere un elenco dei partner e informare i partner sugli affari della società.

(2) Le disposizioni della sezione 194, paragrafo 2, dalla prima alla quinta frase, dai paragrafi da 4 a 7 e la sezione 196a si applicano mutatis mutandis.

§ 136

Divieto di concorrenza
(1) A meno che ulteriori restrizioni derivino dal contratto di società o dallo statuto, l’esecutivo non può

a) fare affari nello stesso o simile campo di attività della società o entrare in rapporti d’affari con la società,

b) mediare o procurare ad altre persone l’attività della società,

(c) partecipare all’attività di un’altra società in qualità di socio accomandatario o persona che controlla un’altra persona con lo stesso oggetto di attività o simile, e

(d) agire in qualità di ente statutario o membro di un ente statutario o altro ente di un’altra persona giuridica con lo stesso oggetto di attività o simile, a meno che non si tratti di un gruppo.

(2) La violazione del paragrafo 1 ha le conseguenze di cui al § 65.

(3) Lo statuto può determinare la misura in cui il divieto di concorrenza si applica anche ai partner.

Consiglio di Sorveglianza
§ 137

(1) L’Organismo di Vigilanza è istituito se così previsto da un accordo di partnership o da una legge speciale.

(2) Se, con le modalità e alle condizioni previste dalla Legge sulle trasformazioni di società e cooperative, i dipendenti della società successore hanno il diritto di eleggere e revocare uno o più membri del consiglio di sorveglianza di una società a responsabilità limitata registrata dopo la registrazione della fusione transfrontaliera nel registro delle imprese della Repubblica ceca, la società è obbligata a istituire un consiglio di sorveglianza. Il numero dei membri del Consiglio di Sorveglianza eletti dai dipendenti non può superare il numero dei membri del Consiglio di Sorveglianza eletti dall’Assemblea Generale. Le disposizioni della Sezione 200, paragrafi da 5 a 7 si applicano mutatis mutandis.

(3)Se una società che, dopo la registrazione di una fusione transfrontaliera, ha la propria sede legale nella Repubblica Ceca e in cui i dipendenti hanno il diritto di eleggere e rimuovere uno o più membri del consiglio di sorveglianza della società, partecipa alla fusione nazionale entro il termine fissato dalla Legge sulle Trasformazioni di Società e Cooperative, hanno lo stesso diritto e, alle stesse condizioni, i dipendenti della società o il suo successore legale dopo l’iscrizione della fusione nazionale nel registro di commercio; ciò non si applica se la legge sulla trasformazione delle società e delle cooperative prevede diversamente. Le disposizioni della prima frase si applicano anche ai casi della seconda e di altre fusioni nazionali in cui la società oi suoi successori legali, che hanno la loro sede legale nella Repubblica Ceca dopo la registrazione della fusione transfrontaliera nel Registro delle Imprese,

(4) Qualora i dipendenti cessino il diritto di appartenenza a una o più persone elette dai dipendenti nel consiglio di sorveglianza della società a responsabilità limitata alle condizioni e con le modalità previste dalla Legge sulle trasformazioni di società e cooperative, l’adesione di le persone elette dai dipendenti nel consiglio di sorveglianza decadono e la società può sciogliere il consiglio di sorveglianza.

§ 138

(1) Consiglio di vigilanza:

a) sovrintende alle attività dei dirigenti,

b) esamina i libri aziendali e contabili e altri documenti e controlla i dati in essi contenuti,

c) esamina il bilancio regolare, straordinario e consolidato e, se applicabile, intermedio e la proposta per la distribuzione dell’utile o il risarcimento della perdita e sottopone il proprio parere all’Assemblea,

d) riferisce all’Assemblea entro il termine indicato nello Statuto, altrimenti una volta all’anno.

(2) Le disposizioni della Sezione 194, Paragrafi 2, da 4 a 7 si applicano mutatis mutandis ai membri del Consiglio di Sorveglianza.

§ 139

(1) I membri del Consiglio di vigilanza sono eletti dall’Assemblea generale.

(2) Un dirigente di una società non può essere membro del Consiglio di vigilanza.

(3) Il Consiglio di Sorveglianza deve essere composto da almeno tre membri.

(4) I membri del Consiglio di Sorveglianza sono soggetti al divieto di concorrenza (art. 136).

§ 140

(1) I membri del Consiglio di Sorveglianza hanno il diritto di partecipare all’Assemblea Generale. Devono avere la parola ogni volta che lo richiedono.

(2) Il Consiglio di Sorveglianza convoca un’Assemblea Generale se gli interessi dell’azienda lo richiedono. Le disposizioni della Sezione 129 (1) si applicano mutatis mutandis alle modalità di convocazione dell’Assemblea Generale.

Sezione 4

Modifica dell’accordo di partenariato
§ 141

(1) Una modifica del contenuto dell’accordo di partnership richiede il consenso di tutti gli azionisti o una decisione dell’assemblea generale, salvo diversa disposizione di legge. Processo decisionale dell’Assemblea generale ai sensi del § 125 paragrafo 1 lett. f), g) e i), in caso di nomina, revoca e remunerazione del liquidatore, gli articoli 113, 115, 117 e 121 non sono considerati una decisione di modifica dello statuto sociale; tuttavia, deve essere redatto un atto notarile delle decisioni ai sensi degli articoli 113, 115, 117 e 121. Le disposizioni della Sezione 173, Paragrafo 3 si applicano mutatis mutandis.

(2) Se il contenuto dello statuto viene modificato da una decisione dell’Assemblea generale e sono interessati solo i diritti di alcuni partner, è necessario anche il consenso di questi partner. Se una modifica del contenuto dell’accordo di partnership interferisce con i diritti di tutti i partner, è necessario il consenso di tutti i partner.

(3) Il contenuto del verbale notarile della decisione dell’Assemblea generale che modifica il contenuto dello statuto includerà anche il testo approvato della modifica del contenuto dello statuto. Questo atto notarile deve nominare i soci che hanno votato per la modifica dello statuto.

(4) Se l’accordo di partenariato è stato modificato sulla base di un fatto giuridico, l’esecutivo è obbligato senza indebito ritardo dopo averlo appreso a preparare il testo completo dell’accordo di partenariato e depositarli insieme ai documenti comprovanti l’accordo di partenariato nel raccolta di documenti del tribunale del registro competente.

Aumento e diminuzione del capitale sociale
§ 142

Un aumento del capitale sociale mediante depositi in contanti è consentito solo se i depositi in contanti esistenti sono integralmente rimborsati. Un aumento del capitale sociale mediante depositi non monetari è consentito anche prima di tale rimborso.

§ 143

(1) Gli azionisti hanno diritto di prelazione a partecipare all’aumento del capitale sociale, se aumentato di depositi monetari, assumendo l’obbligo di aumentare il contributo. Gli azionisti hanno facoltà di subentrare nell’obbligo di aumentare il deposito in proporzione all’importo delle loro azioni, salvo diversa disposizione statutaria. Il diritto di prelazione degli azionisti a partecipare all’aumento del capitale sociale può essere escluso dal contratto di partnership.

(2) Se gli azionisti non esercitano il diritto di prelazione entro il termine specificato nello statuto o nello statuto, altrimenti entro un mese dal giorno in cui sono venuti a conoscenza della delibera dell’Assemblea generale di aumentare il capitale sociale, o se rinunciano al diritto di prelazione di effettuare un nuovo deposito a chiunque. La dichiarazione di rinuncia deve essere redatta per iscritto con una firma ufficialmente verificata o deve essere presentata all’assemblea generale. La dichiarazione di rinuncia al diritto all’Assemblea generale sarà dichiarata nel verbale notarile della decisione dell’Assemblea generale. La rinuncia ha anche effetti legali nei confronti del successore legale del partner. Con il consenso dell’Assemblea, ogni socio può altresì impegnarsi ad aumentare il contributo fino a concorrenza della proposta di aumento di capitale sociale.

(3) La delibera dell’Assemblea generale deve determinare

a) l’ importo di cui è aumentato il capitale sociale,

b) il periodo entro il quale devono essere assunti gli impegni ad aumentare il deposito o rilevare il nuovo deposito, se del caso

c) l’ oggetto del contributo non monetario e l’importo da accreditare al contributo del socio.

(4) L’ invito all’Assemblea, che deve deliberare sull’aumento del capitale sociale, deve contenere una bozza dei dati specificati al paragrafo 3.

(5) Se gli obblighi di aumentare il deposito o di effettuare un nuovo deposito non sono assunti entro il termine determinato dalla decisione dell’Assemblea generale o se il tribunale respinge la proposta di iscrizione dell’aumento di capitale nel Registro di commercio, la quota l’aumento di capitale è inefficace. Le disposizioni della Sezione 167 (2) si applicano mutatis mutandis.

(6) L’obbligo di aumentare il deposito o di effettuare un nuovo deposito deve essere assunto da una dichiarazione scritta, che deve contenere i requisiti di cui al comma 3 lettera. (a) e (c), il termine per il rimborso del contributo monetario o non monetario e in cui il candidato che non è socio deve dichiarare di aderire allo statuto; la firma del richiedente deve essere verificata ufficialmente. La dichiarazione ha effetto al momento della consegna all’azienda. Le disposizioni della Sezione 204 (3) si applicano mutatis mutandis.

§ 144

L’Assemblea può decidere di aumentare il capitale sociale con risorse proprie riportate nei bilanci ordinari, straordinari o infrannuali nel patrimonio netto della società, salvo che non siano previsti dalla legge. Ciò aumenterà l’importo del contributo di ciascun partner in proporzione ai loro depositi attuali. Disposizioni di § 208 par. Da 1 a 5 e par.6 lett. (a) e (b) si applicano mutatis mutandis. La delibera dell’Assemblea dovrà contenere anche il nuovo importo del contributo di ciascun socio. L’invito all’Assemblea, che dovrà deliberare sull’aumento del capitale sociale, dovrà contenere un progetto di deliberazione sull’aumento del capitale sociale.

§ 145

I dirigenti sono tenuti a presentare senza indebito ritardo la proposta di iscrizione dell’aumento di capitale sociale nel Registro delle Imprese. Prima di presentare questa proposta, deve essere rimborsato almeno il 30% di ogni deposito in contanti o deve essere concluso un accordo di compensazione. L’aumento del capitale sociale ha effetto dalla data di iscrizione del suo nuovo importo nel Registro delle Imprese. Se la società ha un unico azionista, si applicano mutatis mutandis le disposizioni della Sezione 111 (2).

§ 146

(1) La decisione dell’Assemblea generale sulla riduzione del capitale sociale deve contenere

a) l’ importo di cui viene ridotto il capitale sociale,

b) un’indicazione di come varia l’ammontare dei depositi dei soci,

(c) l’ indicazione se l’importo corrispondente alla riduzione del capitale sociale sarà versato in tutto o in parte agli azionisti o se l’obbligo di rimborso del contributo sarà revocato o altrimenti disposto.

(2) A causa della riduzione del capitale sociale, può scadere solo il deposito che ricade sulla quota aziendale del patrimonio della società. I depositi possono essere ridotti in modo non uniforme solo se tutti gli azionisti sono d’accordo o il capitale sociale viene ridotto dell’importo del deposito in sospeso. Allo stesso tempo, l’importo del capitale sociale della società e l’importo del contributo di ciascun azionista non possono essere ridotti al di sotto dell’importo specificato nel § 108 paragrafo 1 e § 109 paragrafo 1.

(3) L’ invito all’assemblea, che dovrà deliberare sulla riduzione del capitale sociale, dovrà contenere una bozza dei dati ai sensi del comma 1.

§ 147

(1) I dirigenti sono tenuti a pubblicare una decisione sulla riduzione del capitale sociale e il suo importo entro 15 giorni dalla sua adozione per due volte consecutive con un intervallo di 30 giorni. La notifica inviterà i creditori della società a sporgere denuncia entro 90 giorni dall’ultima notifica, a meno che non si tratti di una riduzione del capitale sociale a copertura della perdita o della creazione di un fondo di riserva.

(2) La Società è obbligata a fornire ai creditori che denunciano i loro crediti in tempo ai sensi del paragrafo 1 una garanzia adeguata per i loro crediti o per soddisfare tali crediti; ciò non si applica se la diminuzione del capitale sociale non aggrava la recuperabilità dei crediti verso la società. Se il creditore ritiene che la recuperabilità dei suoi crediti si sia deteriorata, il tribunale decide in merito a garanzie sufficienti per quanto riguarda il tipo e l’importo del credito.

(3) Un tribunale inserisce una riduzione del capitale sociale nel registro delle imprese solo se è dimostrato che la riduzione del capitale sociale è stata notificata secondo le modalità specificate al paragrafo 1 e ai creditori è stata fornita una garanzia ai sensi del paragrafo 2 se i loro crediti non sono stati soddisfatti, a meno che tale garanzia non sia richiesta. La riduzione del capitale sociale ha effetto dalla data di iscrizione del suo nuovo importo nel Registro delle Imprese.

(4) Agli Azionisti potrebbe non essere fornita la prestazione a causa della riduzione del capitale sociale o dell’obbligo di rimborsare il deposito o sua parte prima della registrazione della riduzione del capitale sociale nel Registro delle Imprese.

Cessazione della partecipazione del partner in azienda
§ 148

Annullamento della partecipazione di un azionista da parte di un tribunale
(1) Un partner non può lasciare la società, ma può, se non è l’unico partner, proporre al tribunale di annullare la sua partecipazione alla società se non può essere equamente obbligato a rimanere nella società. Le disposizioni della Sezione 113, Paragrafi 5 e 6 si applicano mutatis mutandis.

(2) Il tribunale avrà gli stessi effetti dell’annullamento della sua partecipazione nella società

a) dichiarazione di fallimento per i beni del socio,

b) rigetto dell’istanza di insolvenza per mancanza di beni,

c) notifica dell’avviso di rimessa all’asta infruttuosa in procedimenti di esecuzione o di esecuzione forzata, o

d) un ordine definitivo di esecuzione della decisione che influisce sulla quota aziendale, o la forza giuridica dell’ordine di esecuzione per influenzare la quota aziendale dopo la scadenza del periodo specificato nel bando di conformità ai sensi della normativa legale speciale 22 ) e, se una mozione di sospensione dell’esecuzione è stata presentata entro questo periodo, la forza giuridica della decisione su questa proposta, se la quota aziendale non è trasferibile.

(3) La Società informa gli azionisti senza indebito ritardo, secondo le modalità prescritte per la convocazione dell’Assemblea generale, di aver ricevuto un avviso d’asta ai sensi della legge che disciplina l’esecuzione delle decisioni che interessano una quota aziendale e che tale avviso d’asta è disponibile presso sede legale della società. La società invierà copia dell’avviso d’asta al partner che ne faccia richiesta, a sue spese e rischio, all’indirizzo specificato nella richiesta. Assegnando un martello in procedimenti esecutivi o nell’esecuzione influenzando la quota di affari di un partner in una società, il banditore diventa un partner invece di quello la cui quota di affari è stata messa all’asta.

(4) Nel caso di una società con un socio, la dichiarazione di fallimento non ha gli effetti di cui al paragrafo 2. La dichiarazione di fallimento diventa la quota aziendale di un unico socio e solo l’amministratore fallimentare 1d ) ha il diritto di esercitare i diritti degli azionisti, le prestazioni accettate appartengono alla massa fallimentare.

(5) Se il fallimento per la proprietà di un socio la cui partecipazione nella società è scaduta ai sensi del paragrafo 2 è stato annullato per motivi diversi dal rispetto della risoluzione del programma o perché la proprietà del debitore è del tutto insufficiente, 1a ) e la società ha non ancora ceduta della quota d’impresa liberata ai sensi del § 113 commi 5 e 6, si rinnova la partecipazione dell’azionista nella società; se la società ha già versato la quota di liquidazione, la partecipazione del socio si rinnova solo se sostituisce la quota di liquidazione entro 2 mesi. Ciò vale analogamente nel caso in cui l’esecuzione della decisione fosse legalmente sospesa a causa della quota del socio nella società o l’esecuzione fosse legalmente sospesa ai sensi di un’apposita norma di legge.

§ 149

Esclusione di un partner
La Società può chiedere in giudizio l’espulsione di un partner che viola gravemente i suoi obblighi, sebbene sia stata chiamata ad adempierli e sia stata informata per iscritto della possibilità di espulsione. I soci i cui conferimenti rappresentino almeno la metà del capitale sociale devono acconsentire alla presentazione della presente proposta. Le disposizioni del § 113 paragrafo 4 non sono interessate da questo. Le disposizioni della Sezione 113, Paragrafi 5 e 6 si applicano mutatis mutandis.

§ 149a

Accordo sulla risoluzione della partecipazione
La partecipazione di un partner in azienda può anche concludersi con l’accordo di tutti i partner. L’accordo deve essere in forma scritta e le firme devono essere ufficialmente verificate. Le disposizioni della Sezione 113, Paragrafi 5 e 6 si applicano mutatis mutandis.

§ 150

Insediamento
(1) Se una quota aziendale è stata trasferita alla società, l’azionista la cui partecipazione nella società è scaduta o il suo successore legale avrà diritto a una quota di liquidazione (§ 61 paragrafo 2). Questa quota è determinata dal rapporto tra le azioni aziendali, a meno che lo statuto non disponga diversamente.

(2) Una persona che ha acquisito il diritto a una quota di liquidazione sarà responsabile del rimborso del deposito in sospeso da parte dell’acquirente della quota aziendale.

(3) La società è obbligata a pagare la quota di liquidazione senza indebito ritardo dopo aver adempiuto all’obbligo di cui alla Sezione 113, Paragrafo 5 o 6, se il contributo del socio è stato rimborsato. Se al momento dell’adempimento dell’obbligo ai sensi del § 113 paragrafo 5 o 6 il contributo del partner non viene rimborsato, la società è obbligata a pagare la quota di liquidazione senza indebito ritardo dopo il rimborso di questo deposito. Il contratto di partnership può prolungare il periodo di scadenza della quota di liquidazione.

Sezione 5

Liquidazione e liquidazione della società
§ 151

Salvo i casi specificati al § 68, la società è sciolta:

a) da una decisione del tribunale ai sensi delle disposizioni della Sezione 152,

b) per gli altri motivi indicati nello statuto.

§ 152

(1) Se lo statuto non affida la decisione sullo scioglimento della società alla competenza dell’Assemblea generale, la società si scioglierà con l’accordo di tutti i soci, che dovrà assumere la forma di atto notarile.

(2) I soci possono richiedere in tribunale lo scioglimento della società per i motivi e alle condizioni previste dal contratto di partnership.

§ 153

Allo scioglimento della società in liquidazione, ciascun socio ha diritto a una quota del saldo di liquidazione. Questa quota è determinata dal rapporto tra le azioni aziendali, a meno che lo statuto non disponga diversamente.

Sezione 6
annullato

§ 153a – § 153e
annullato

Parte V

Società per azioni
Sezione 1

Fornitura di base
§ 154

(1) Una società per azioni è una società il cui capitale sociale è suddiviso in un certo numero di azioni con un determinato valore nominale. La società è responsabile per la violazione dei suoi obblighi con tutti i suoi beni. L’azionista non è responsabile per le responsabilità della società.

(2) Il nome della società deve contenere la designazione “società per azioni” o l’abbreviazione “società per azioni”. o l’abbreviazione “as”.

§ 155

(1)Un’azione è un titolo con il quale i diritti di partecipazione di un azionista in qualità di partner ai sensi della presente legge e dello statuto della società sono associati alla sua gestione, al suo profitto e al saldo di liquidazione in caso di scioglimento della società. Un soggetto che partecipa al capitale sociale della società ha il diritto di esercitare i diritti di un socio in qualità di socio, anche se la società non ha ancora emesso azioni o certificati provvisori, dalla data di iscrizione del capitale sociale a cui partecipa nel registro delle imprese. In caso di aumento del capitale sociale, un soggetto che partecipa al capitale sociale ha il diritto di esercitare i diritti degli azionisti nell’ambito delle azioni sottoscritte dal momento in cui sono state effettivamente sottoscritte, anche se l’aumento di capitale sociale non è stato ancora iscritto nel Registro delle Imprese, a meno che il tribunale non si rivolga al Registro di commercio, respingere o annullare la decisione di aumentare il capitale sociale.

(2) Le azioni possono essere emesse ai sensi di una legge speciale in formato cartaceo (di seguito “azioni cartacee”) o in forma contabile (di seguito “azioni contabili”). La Società può emettere azioni al portatore solo come azione contabile o ai sensi di una legge speciale come titolo immobilizzato; questo vale anche per le modifiche nella forma o nell’aspetto delle azioni.

(3) Le azioni devono contenere

a) ragione sociale e sede legale,

b) valore nominale,

c) designazione della forma della quota, nel caso di azione nominativa la società, il nome o il nome dell’azionista,

d) l’ ammontare del capitale sociale e il numero di azioni alla data di emissione dell’azione,

e) data di rilascio.

(4) La quota cartacea deve contenere anche la designazione numerica e la firma del membro o dei membri del Consiglio di Amministrazione autorizzati ad agire per conto della società alla data di emissione. Le quote a iscrizione contabile devono contenere una designazione numerica nei casi in cui ciò sia previsto dalla legge.

(5) Le azioni della stessa società possono avere un valore nominale diverso, a meno che una legge speciale non disponga diversamente.

(6) In caso di emissione di più tipologie di azioni, le azioni devono contenere la designazione della tipologia e le azioni documentarie devono contenere anche la determinazione dei diritti ad esse associati, almeno con riferimento allo statuto. Le azioni senza diritti speciali (azioni ordinarie) non devono necessariamente includere la designazione del tipo.

(7) Salvo disposizione contraria della presente legge, azioni dello stesso tipo devono essere associate agli stessi diritti. Una società per azioni deve trattare tutti gli azionisti allo stesso modo alle stesse condizioni. Non possono essere emesse tipologie di azioni diverse da quelle regolamentate dalla legge.

§ 156

Forma di azione
(1) Le azioni possono essere nominative o al portatore.

(2)Se la società ha emesso azioni nominative, mantiene un elenco degli azionisti, in cui la designazione del tipo e la forma della quota, il suo valore nominale, la società o il nome e la sede legale della persona giuridica o il nome e l’indirizzo della persona fisica persona che è un azionista, o la designazione numerica della quota e modifica i dati. Se la società ha emesso azioni cartacee nominative, l’elenco degli azionisti deve includere il numero di conto bancario di cui al paragrafo 11. La società è obbligata a rilasciare una copia dell’elenco di tutti gli azionisti registrati o delle parti richieste a ciascuno dei suoi azionisti presso il proprio richiesta scritta e non oltre sette giorni dal ricevimento della richiesta. La società fornirà inoltre i dati dell’elenco degli azionisti alle persone specificate nella legge che disciplina le attività del mercato dei capitali alle condizioni previste dalla legge che disciplina le attività del mercato dei capitali per la fornitura di dati da parte di una persona che tiene registri degli strumenti di investimento. La società fornirà il numero del conto bancario iscritto nell’elenco degli azionisti solo alle persone specificate dalla legge che disciplina le attività del mercato dei capitali alle condizioni di cui al quarto periodo. Qualora la società abbia emesso azioni dematerializzate, lo statuto può prevedere che l’elenco dei soci sostituisca le scritture dei titoli dematerializzati tenute ai sensi di un’apposita normativa di legge.

(3) I diritti associati a un’azione nominativa possono essere esercitati nei confronti della società da una persona elencata nell’elenco degli azionisti, salvo diversa disposizione della presente legge, a meno che non sia dimostrato che l’iscrizione nell’elenco non corrisponde alla realtà . Se l’iscrizione nell’elenco dei soci non corrisponde ai fatti, il titolare della quota nominativa ha facoltà di esercitare i diritti degli azionisti. Tuttavia, se il titolare di una quota nominativa ha fatto sì che non sia iscritto nell’elenco dei soci, non può far valere la nullità della dichiarazione di delibera dell’Assemblea perché la società non gli ha consentito di partecipare all’Assemblea o di esercitare diritti di voto.

(4)Lo Statuto può limitare, ma non escludere, la trasferibilità delle azioni nominative. Se le condizioni per il trasferimento di azioni nominative specificate nello Statuto non sono soddisfatte, l’accordo sul trasferimento di tali azioni non è valido, a meno che il cessionario delle azioni non abbia agito in buona fede. La persona che ha così trasferito le azioni nominative è responsabile del danno derivante. Se il trasferimento di azioni nominative è soggetto al consenso dell’organo di governo della società, l’accordo di trasferimento di azioni non può avere effetto fino a quando tale autorità non ha dato il suo consenso, a meno che il contratto non preveda un periodo diverso. Se il contratto non entra in vigore entro tre mesi dalla sua conclusione, uno qualsiasi dei partecipanti può recedere dal contratto. Se lo statuto sociale subordina la trasferibilità delle azioni nominative al consenso di un ente della società, può anche specificare in quali casi ea quali condizioni tale ente è tenuto a dare il proprio consenso al trasferimento, o in quali casi è tenuto a rifiutare il consenso. Se tale ente rifiuta di concedere il consenso al trasferimento di una quota nominativa nei casi in cui, ai sensi dello Statuto, non fosse obbligato a rifiutare il consenso, la società è obbligata a riacquistare la quota ad un prezzo commisurato al suo valore . Se l’autorità competente della società non prende una decisione entro due mesi dal ricevimento della domanda, il consenso si considera concesso. Il diritto di riacquisto della quota può essere esercitato entro un mese dalla data in cui il socio ha ricevuto il rifiuto di acconsentire al trasferimento della quota, pena la sua scadenza. Le disposizioni della Sezione 186a (6) si applicano mutatis mutandis alla procedura per la conclusione di un contratto di acquisto di azioni. la società è obbligata a riacquistare tale quota su richiesta dell’azionista ad un prezzo commisurato al loro valore. Se l’autorità competente della società non prende una decisione entro due mesi dal ricevimento della domanda, il consenso si considera concesso. Il diritto di riacquisto della quota può essere esercitato entro un mese dalla data in cui il socio ha ricevuto il rifiuto di acconsentire al trasferimento della quota, pena la sua scadenza. Le disposizioni della Sezione 186a (6) si applicano mutatis mutandis alla procedura per la conclusione di un contratto di acquisto di azioni. la società è obbligata a riacquistare tale quota su richiesta dell’azionista ad un prezzo commisurato al loro valore. Se l’autorità competente della società non prende una decisione entro due mesi dal ricevimento della domanda, il consenso si considera concesso. Il diritto di riacquisto della quota può essere esercitato entro un mese dalla data in cui il socio ha ricevuto il rifiuto di acconsentire al trasferimento della quota, pena la scadenza. Le disposizioni della Sezione 186a (6) si applicano mutatis mutandis alla procedura per la conclusione di un contratto di acquisto di azioni.

(5) Se il trasferimento di azioni nominative è subordinato al consenso dell’ente della società, anche per la costituzione in pegno di tali azioni è necessario il consenso di tale organo. Un accordo di cessazione di azioni nominative non può avere effetto finché l’organo competente della società non abbia dato il proprio consenso alla loro cessazione. Se l’autorità competente dell’azienda non decide in merito al consenso entro due mesi dalla consegna della domanda della società, il consenso deve essere concesso. La vendita di azioni nominative nell’esercizio di un privilegio non richiede il consenso dell’autorità competente della società.

(6) Una quota cartacea registrata è trasferibile mediante girata e consegna. Nella girata devono essere indicati la società o il nome e la sede legale della persona giuridica o il nome e l’indirizzo della persona fisica a cui la quota è trasferita e la data di trasferimento della quota. In caso contrario, alla girata si applicherà, mutatis mutandis, il regolamento che disciplina le cambiali. Per l’effettivo trasferimento di una quota nominativa alla società, è richiesta la registrazione del cambiamento nella persona dell’azionista nell’elenco degli azionisti. La Società registrerà un cambiamento nella persona di un azionista senza indebito ritardo dopo che tale cambiamento sarà stato dimostrato.

(7)La quota al portatore è interamente trasferibile. I diritti connessi ad un’azione al portatore certificata sono esercitati dal soggetto che lo presenta o dal soggetto che dimostri in una dichiarazione scritta del soggetto che effettua la custodia o il deposito ai sensi di un’apposita normativa di legge che l’azione è depositata per lui ai sensi di un normativa legale speciale. La presentazione di un’azione o di una dichiarazione ai sensi della seconda frase può essere sostituita dall’identificazione dell’azione ai sensi dell’articolo 184, paragrafo 2. La dichiarazione deve indicare lo scopo per il quale la dichiarazione è emessa e la data della sua emissione. La persona che ha emesso la dichiarazione non può emettere la quota per la quale l’ha rilasciata al depositario (depositante) oa un terzo fino alla scadenza del periodo fissato per l’esercizio del diritto per il quale la dichiarazione è stata emessa o fino all’esercizio del questo diritto.

(8) Le disposizioni di una normativa legale speciale si applicano altrimenti ai trasferimenti di azioni.

(9) Le azioni possono essere proprietà congiunta di più persone. I comproprietari di un’azione devono concordare chi di loro eserciterà i diritti connessi all’azione, oppure devono nominare un delegato congiunto. Le disposizioni del codice civile in materia di comproprietà si applicano mutatis mutandis ai rapporti reciproci tra comproprietari di azioni.

(10) Se un azionista muore, l’erede associato alla quota ha il diritto di esercitare i diritti, salvo diversa disposizione della presente legge. In caso di più eredi, si applicano mutatis mutandis le disposizioni del paragrafo 9. Se gli eredi non sono d’accordo, il tribunale nominerà una persona autorizzata ad esercitare i diritti connessi alle azioni su richiesta della società fino alla conclusione del procedimento ereditario.

(11) La Società fornirà tutti i vantaggi monetari derivanti dalla partecipazione nella Società a beneficio del titolare di una quota cartacea nominativa esclusivamente tramite bonifico bancario sul proprio conto bancario detenuto presso una persona autorizzata a fornire servizi bancari in uno Stato membro Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico o in uno Stato membro Stato dell’Unione europea o altro Stato contraente dell’Accordo sullo Spazio economico europeo che è o è stato incluso per ultimo nell’elenco degli azionisti alla data di registrazione.

§ 156a

Diritti trasferibili separatamente
(1) Il trasferimento di un’azione trasferisce tutti i diritti ad essa associati, salvo diversa disposizione di legge.

(2) Il diritto al pagamento di un dividendo, il diritto di prelazione alla sottoscrizione di azioni e obbligazioni convertibili e prioritarie (Sezione 160) e il diritto al pagamento di una quota nel saldo di liquidazione altrimenti associato ad una quota (di seguito “diritto trasferibile separatamente”) può essere trasferito separatamente.

(3) Un diritto trasferibile separatamente associato a un’azione deve essere trasferito mediante un accordo sulla cessione di un credito. Una persona che esercita un diritto trasferibile separatamente sulla base di un contratto per la cessione di un credito è tenuta a dimostrare che tale diritto gli è stato trasferito da una persona che era azionista della società al momento della sua assegnazione e ne aveva diritto in base a questo diritto trasferibile separatamente, o da una persona che ne era incaricata sono giustificati in base a un diritto trasferibile separatamente.

(4) Se la società ha presentato un ordine di registrazione di un diritto trasferibile separatamente associato a un’azione dematerializzata a una persona che tiene registri di titoli dematerializzati, tale diritto sarà trasferito registrando il trasferimento nei registri di titoli dematerializzati. Alla procedura di registrazione di un diritto trasferibile separatamente e ai suoi trasferimenti si applicano, mutatis mutandis, le disposizioni di una legge speciale che disciplinano l’emissione e il trasferimento di titoli dematerializzati.

(5) Se la legge lo prevede, il diritto altrimenti associato all’azione può essere separato dall’azione e associato al titolo emesso per tale azione.

(6) Se un titolo è stato emesso per un’azione o un diritto trasferibile separatamente è stato registrato nel registro dei valori mobiliari, il diritto al quale il titolo è stato emesso ai sensi del paragrafo 5 o che è stato registrato ai sensi del paragrafo 4 deve non essere trasferiti insieme all’azione, essere contrassegnati su una quota cartacea o nel registro dei titoli contabili.

§ 156b

Giorno D
(1) Nei casi previsti dalla legge, un diritto trasferibile separatamente o un altro diritto associato a valori mobiliari può essere esercitato nei confronti della società solo da una persona che ha il diritto di esercitare tale diritto in una certa data stabilita dalla legge (di seguito il “giorno decisivo”) , anche se il titolo verrà trasferito dopo la record date. Se la società ha emesso azioni nominative ed i diritti connessi alle azioni nominative possono essere esercitati solo dal soggetto che aveva tali diritti alla record date, dal soggetto iscritto nell’elenco dei soci alla record date o, se tale lista sostituisce i record secondo § 156 paragrafo 2, persona registrata in questi record.

(2) Si ritiene che il soggetto che, nell’esercizio del diritto di cui al paragrafo 1, presenti alla società azioni al portatore certificate alla società avesse diritto di esercitare tale diritto alla data determinante.

§ 157

(1) Lo statuto deve determinare il valore nominale di tutti i tipi di azioni da emettere. La somma dei valori nominali di queste azioni deve corrispondere all’importo del capitale sociale.

(2) La società può emettere azioni collettive. Un’azione collettiva è un’azione che sostituisce più azioni dello stesso tipo di società con lo stesso valore nominale. La società è tenuta ad emettere al titolare della quota collettiva le singole azioni da essa sostituite, in forma contabile o cartacea. La procedura è determinata dallo statuto della società.

§ 158

(1) Lo Statuto può prevedere che i dipendenti della società possano acquistare azioni della società alle condizioni vantaggiose di cui al paragrafo 2.

(2) Lo statuto o le deliberazioni dell’Assemblea generale sull’aumento del capitale sociale possono prevedere che i dipendenti non debbano rimborsare l’intero prezzo di emissione delle azioni emesse ai sensi del paragrafo 1 o l’intero prezzo al quale la società le ha acquistate per i dipendenti se la differenza è coperta con risorse proprie dell’azienda. La somma delle parti del prezzo di emissione o dei prezzi di acquisto di tutte le azioni che non sono soggette a rimborso da parte dei dipendenti non può superare il 5% del capitale sociale nel momento in cui la decisione di sottoscrivere azioni o di venderle ai dipendenti è fatto.

(3) I diritti speciali di cui al comma 1 possono essere esercitati solo dai dipendenti della società e dai dipendenti della società andati in pensione.

§ 159

(1) Lo Statuto può specificare l’emissione della tipologia di azioni a cui sono allegati i diritti di prelazione relativi al dividendo o alla quota di liquidazione (azioni privilegiate), purché la somma dei loro valori nominali non supera la metà del capitale sociale.

(2) Non è consentita l’emissione di azioni cui è connesso il diritto ad un determinato interesse, indipendentemente dai risultati economici della società.

(3) Salvo disposizione contraria di un’apposita normativa, lo Statuto può prevedere l’emissione di azioni privilegiate alle quali non è connesso il diritto di voto in Assemblea, a meno che la legge non preveda il voto in base alle tipologie di azioni. I loro proprietari hanno tutti gli altri diritti collegati alle azioni. Dal giorno successivo al giorno in cui l’Assemblea decide che il dividendo privilegiato non sarà pagato, o dalla data del ritardo nel pagamento del dividendo privilegiato, l’azionista acquisisce i diritti di voto fino a quando l’Assemblea generale non decide di pagare il dividendo privilegiato e in via posticipata con il pagamento del dividendo prioritario, fino al suo pagamento. I titolari di azioni privilegiate che abbiano temporaneamente acquisito il diritto di voto hanno diritto di voto in Assemblea, che deciderà in merito al pagamento del dividendo privilegiato nell’ambito dell’intero programma.

§ 160

Obbligazioni convertibili e senior
(1) Se così stabilito dallo statuto della società, la società può, sulla base di una delibera dell’assemblea generale, emettere obbligazioni con diritto di scambiarle con azioni della società (di seguito “obbligazioni convertibili”) o pre- diritto libero di sottoscrizione di azioni (di seguito “obbligazioni privilegiate” “), se contestualmente decide un aumento condizionale del capitale sociale (§ 207).

(2) La delibera dell’Assemblea ai sensi del paragrafo 1 deve essere adottata con almeno due terzi dei voti degli azionisti presenti, a meno che lo Statuto non richieda un numero di voti maggiore, e deve contenere

a) il valore nominale delle obbligazioni e la determinazione del rendimento dell’obbligazione,

b) numero di obbligazioni,

(c) il luogo e il termine per l’esercizio dei diritti sull’obbligazione convertibile o dei diritti sull’obbligazione senior, indicando le modalità di annuncio dell’inizio di tale periodo; il periodo per l’esercizio del diritto di scambio di obbligazioni con azioni (diritto di scambio) o del diritto di prelazione a sottoscrivere azioni non può essere inferiore a due settimane,

(d) il tipo, la forma, la forma, il valore nominale e il numero di azioni che possono essere scambiate o sottoscritte per una singola obbligazione; il valore nominale delle azioni che possono essere scambiate con obbligazioni convertibili non può superare la somma dei valori nominali delle obbligazioni con le quali possono essere scambiate,

(e) il prezzo di emissione delle azioni sottoscritte mediante esercizio del diritto di prelazione sulle obbligazioni senior o secondo le modalità da determinarsi, ovvero il potere del consiglio di amministrazione della società di determinarne l’ammontare, salvo il diritto degli azionisti di acquistare tali obbligazioni è escluso o limitato.

(3) Se la società ha emesso obbligazioni convertibili o senior sotto forma di registrazione contabile, il diritto di scambio o di prelazione può essere esercitato da una persona iscritta nel registro dei valori mobiliari il giorno in cui tale diritto potrebbe essere esercitato per il prima volta (giorno decisivo).

(4) Affinché il diritto di prelazione sia trasferibile separatamente dalle obbligazioni prioritarie emesse in forma contabile, è richiesta l’emissione di un warrant (Sezione 217a).

(5) Le disposizioni della Sezione 204a, paragrafi da 1 a 5 si applicano mutatis mutandis al diritto di prelazione dalle obbligazioni prioritarie. Le obbligazioni convertibili e senior sono soggette alle disposizioni della legge che disciplina le obbligazioni, salvo diversa disposizione della presente legge. Se la Società emette obbligazioni in forma contabile, le condizioni di emissione di obbligazioni convertibili e obbligazioni senior devono contenere la data della data determinante per la determinazione del soggetto autorizzato ad esercitare i diritti su tali obbligazioni.

(6) Gli azionisti della società hanno diritto di prelazione per ottenere obbligazioni convertibili e senior. Le disposizioni della Sezione 204a si applicano mutatis mutandis a questo diritto di priorità.

(7) Di seguito, alle obbligazioni si applicano le disposizioni di disposizioni di legge speciali.

Acquisizione di proprie azioni e certificati provvisori
§ 161

(1) La società non può sottoscrivere azioni proprie. La società può acquisire certificati provvisori o azioni emesse a suo favore solo se consentito dalla legge.

(2) Se le azioni sono sottoscritte da una persona che agisce in nome proprio ma per conto della società le cui azioni sono sottoscritte, si considera che questa persona abbia sottoscritto azioni per proprio conto.

(3) I fondatori o, in caso di aumento del capitale sociale, i membri del Consiglio di Amministrazione sono tenuti a pagare in solido il prezzo di emissione delle azioni sottoscritte in violazione del comma 1 e ne diventano così i proprietari. Saranno esonerati da tale obbligo se dimostreranno di non sapere o di non poter sapere di tale sottoscrizione di azioni.

(4) Né la persona per conto della quale le azioni sono pagate per la sottoscrizione ai sensi del paragrafo 2, né la persona che è il proprietario delle azioni ai sensi del paragrafo 3, hanno il diritto di esercitare i diritti associati a tali azioni sottoscritte.

§ 161a

(1) La società può acquistare azioni proprie per proprio conto o tramite un’altra persona che agisce in nome proprio per conto della società solo se il prezzo di emissione è stato interamente pagato e solo se

(a) l’ assemblea generale ha deciso di acquistare azioni proprie; la delibera disciplina i dettagli della prevista acquisizione di azioni, ma almeno:

1. il numero massimo di azioni che la società può acquistare e il loro valore nominale,

2. il periodo durante il quale la società può acquistare azioni, non superiore a 5 anni,

3. in caso di acquisto di azioni a titolo oneroso, anche il prezzo massimo e minimo al quale la società può acquistare azioni,

b) l’ acquisizione di azioni, comprese le azioni che la società ha precedentemente acquisito e che ancora possiede, e le azioni acquistate per conto della società da un altro soggetto che agisce in nome proprio, non comporta una riduzione del patrimonio netto al di sotto del capitale sociale aumentato di importi di cui al § 178 par.. a) eb),

c) non fallisce acquistando azioni proprie ai sensi di un’apposita normativa di legge,

d) ha le risorse per creare un fondo di riserva speciale per le proprie azioni, se la creazione di questo fondo è richiesta ai sensi della Sezione 161d (2).

(2) La condizione di cui al comma 1 lett (a) non è necessario rispettarlo se l’acquisizione di azioni proprie è necessaria per evitare danni significativi direttamente alla società. Il Consiglio di Amministrazione è tenuto a comunicare alla prossima Assemblea Generale le ragioni e lo scopo degli acquisti effettuati, il numero e il valore nominale delle azioni acquisite, la loro quota nel capitale sociale della società e il prezzo pagato per le stesse. La società è obbligata a disporre delle azioni così acquisite entro 18 mesi dalla loro acquisizione.

(3) Le disposizioni del comma 1 lett a) non si applica all’acquisizione di azioni acquisite dalla società o da un’altra persona che agisce in nome proprio per conto della società ai fini della loro vendita ai dipendenti ai sensi del § 158. La società è obbligata a disporre di tali azioni acquisite entro e non oltre 12 mesi dalla loro acquisizione.

(4) Per l’adempimento degli obblighi di cui al comma 1 lett b) ec) è di competenza del Consiglio di Amministrazione.

§ 161b

(1) Una società può acquistare le proprie azioni anche senza soddisfare le condizioni specificate nella Sezione 161a, se le acquisisce

a) ai fini dell’attuazione della decisione dell’Assemblea sulla riduzione del capitale sociale,

b) in qualità di successore legale esercitando tutti i diritti della persona che ne era il proprietario,

c) in ragione dell’adempimento di un obbligo impostogli dalla legge o sulla base di una decisione del tribunale a tutela degli azionisti di minoranza, in particolare in caso di fusioni o scissioni, modifiche della forma giuridica o limitazioni alla trasferibilità delle azioni nominative o cancellazione di azioni su un mercato regolamentato europeo,

d) in un’asta giudiziaria nell’esecuzione di una decisione per recuperare un credito della società nei confronti del proprietario di azioni versate,

e) come garanzia finanziaria o allo scopo di esercitare il diritto alla soddisfazione di una garanzia finanziaria.

(2) Anche senza soddisfare le condizioni specificate nel § 161a, la società può acquistare gratuitamente le proprie azioni. Per l’acquisizione di proprie certificazioni provvisorie, quanto previsto dal comma 1 lett da a) a c). Ciò vale anche per i certificati provvisori acquisiti da un sottoscrittore in arretrato con il rimborso della caparra, qualora la società abbia deciso di applicare la procedura di cui all’art. 177, commi da 3 a 7.

(3) Le azioni e i certificati provvisori acquisiti ai sensi del comma 2 devono essere ceduti dalla società entro 18 mesi dalla loro acquisizione e le azioni e i certificati provvisori acquisiti ai sensi del comma 1 lettera da b) ad e) la società è tenuta ad alienare entro tre anni dalla data di acquisizione.

(4) Se la società possiede azioni o certificati provvisori entro i limiti di tempo specificati nel paragrafo 3 o nel § 161a, è obbligata a ridurre il capitale sociale con il loro ritardo non necessario del loro valore nominale. La società è obbligata a ridurre il capitale sociale senza indebito ritardo anche se riporta in bilancio le proprie azioni e la somma dell’ammontare del capitale sociale e degli importi specificati al § 178 par. (a) e (b) supera il valore del patrimonio netto, almeno di un importo pari a tale differenza. Se la società non adempie all’obbligo di riduzione del capitale sociale, il giudice può annullarlo senza mozione e ordinare la sua liquidazione.

(5) L’ acquisizione del certificato provvisorio da parte delle società non pone fine all’obbligo di rimborso del prezzo di emissione delle azioni, che il certificato provvisorio sostituisce, a meno che non si tratti di un’acquisizione per il fatto che la società ha deciso di ridurre il capitale sociale .

§ 161c

(1) Un atto legale eseguito in violazione delle Sezioni 161a e 161b non è invalido, a meno che l’altra parte non fosse in buona fede.

(2) La società è obbligata a disporre di azioni o certificati provvisori acquisiti in violazione delle disposizioni degli articoli 161a e 161b entro un anno dalla data in cui è stata acquisita, altrimenti è obbligata a ridurre il capitale sociale del loro valore nominale . Se la società non adempie a tale obbligo, il tribunale può annullarlo senza mozione e ordinare la sua liquidazione.

§ 161d

(1) Se la società acquista azioni proprie o certificati provvisori, non può esercitare i diritti di voto e di preferenza ad essi associati. Se in tal caso l’Assemblea generale decide di distribuire l’utile tra gli azionisti ai sensi della Sezione 178, la società non avrà diritto a un dividendo e l’Assemblea generale determinerà contemporaneamente se l’utile attribuibile alle azioni proprie o ai certificati provvisori sarà proporzionale distribuiti tra altre azioni o certificati provvisori rimarranno nel conto degli utili non distribuiti degli anni precedenti.

(2) Se la società segnala le proprie azioni o certificati provvisori nel bilancio, deve creare un fondo di riserva speciale nelle attività per lo stesso importo. Questo fondo di riserva speciale è annullato o ridotto se possiede in tutto o in parte le proprie azioni o certificati provvisori o li utilizza per ridurre il proprio capitale sociale. Questo fondo di riserva non può essere utilizzato in altro modo.

(3) La società può utilizzare utili non distribuiti o altri fondi che la società può utilizzare a sua discrezione per creare o ricostituire il fondo di riserva per le finalità di cui al paragrafo 2.

(4) Le disposizioni dei paragrafi 2 e 3 non pregiudicano l’obbligo di creare e ricostituire un fondo di riserva ai sensi della Sezione 217 (2).

(5) Se la società acquisisce azioni proprie o certificati provvisori, la relazione sullo stato delle attività della società presentata all’Assemblea generale ai sensi dell’articolo 192 (2) deve contenere almeno le seguenti informazioni:

a) i motivi dell’acquisizione di azioni avvenuta durante il periodo contabile,

b) il numero e il valore nominale delle azioni acquistate e cedute durante il periodo contabile,

c) la somma dei prezzi di acquisto delle azioni acquistate e vendute per il periodo contabile, con l’indicazione del prezzo più basso e più alto nel caso in cui le azioni siano state acquistate a titolo oneroso,

(d) il numero e il valore nominale di tutte le azioni della società detenute dalla società e la loro quota nel capitale sociale all’inizio e alla fine dell’esercizio.

§ 161e

(1) La società può impegnare le proprie azioni o certificati provvisori solo alle condizioni di cui al § 161a par.1 let. a) e § 161a para.2, § 161b, 161d e § 161f.

(2) Il vincolo di cui al comma 1 non si applica alle banche e agli istituti finanziari ai sensi di un’altra normativa di legge che disciplina l’attività delle banche 6 ) per quanto riguarda le operazioni concluse nei limiti usuali della loro attività principale.

§ 161f

Assistenza finanziaria
(1) La società può fornire assistenza finanziaria allo scopo di acquisire azioni o certificati provvisori della società solo se così stabilito dallo statuto e solo se sono soddisfatte almeno le seguenti condizioni:

a) l’assistenza finanziaria è fornita in normali condizioni commerciali,

b) il Consiglio di Amministrazione ha indagato sulla capacità finanziaria della persona alla quale viene fornita l’assistenza finanziaria,

c) la prestazione del contributo finanziario deve essere preventivamente approvata dall’Assemblea, sulla base della relazione del Consiglio di Amministrazione ai sensi della lettera d); per l’adozione della decisione è necessaria l’approvazione di almeno due terzi dei voti dei soci presenti,

d) il consiglio di amministrazione redige una relazione scritta in cui:

1. fornire ragioni sostanziali per la fornitura di assistenza finanziaria, compresa un’indicazione dei benefici e dei rischi per la società per l’azienda,

2. indicare le condizioni alle quali sarà fornita l’assistenza finanziaria, compreso il prezzo al quale le azioni saranno ottenute dal beneficiario dell’assistenza finanziaria,

3. presentare le conclusioni dell’esame dell’idoneità finanziaria di cui alla lettera b);

4. giustificare il motivo per cui la fornitura di assistenza finanziaria è nell’interesse dell’azienda,

e) se le azioni sono ottenute con l’aiuto dell’assistenza finanziaria di una società che fornisce assistenza finanziaria, il prezzo al quale queste azioni saranno ottenute deve essere ragionevole,

f) la fornitura di assistenza finanziaria non determinerà una riduzione del patrimonio netto al di sotto del capitale sociale aumentato degli importi specificati nel § 178 par. a) eb),

g) la società creerà un fondo di riserva speciale per l’importo dell’assistenza finanziaria fornita; La sezione 161d (3) si applica mutatis mutandis,

h) la prestazione di assistenza finanziaria non comporti immediatamente il fallimento della società secondo un’apposita normativa di legge.

(2) La relazione ai sensi del comma 1 lett d) depositare senza indebito ritardo il Consiglio di Amministrazione, dopo che è stato predisposto, ma sempre prima che l’Assemblea abbia approvato la prestazione di assistenza finanziaria, nella raccolta dei documenti; la relazione deve essere liberamente messa a disposizione degli azionisti durante l’assemblea di questa assemblea generale.

(3) Se deve essere fornita assistenza finanziaria a un membro dell’organo statutario della società, una persona che esercita il controllo, un membro del suo organo statutario o una persona che ha rapporti con la società o una delle persone di cui sopra in accordo, deve esaminare il rapporto ai sensi del comma 1 lett. d) un esperto indipendente generalmente riconosciuto dalla società e da tali soggetti, nominato dal Consiglio di Sorveglianza. Nella sua relazione scritta, tale esperto valuta l’accuratezza della relazione scritta del Consiglio di Amministrazione e commenta espressamente se la fornitura di assistenza finanziaria non sia contraria agli interessi della società; il paragrafo 2 si applica mutatis mutandis.

(4) Le disposizioni del comma 1 lett da a) ad e) ed h) e il comma 2 non si applicano alle azioni della società finalizzate all’acquisizione di azioni proprie o certificati provvisori per i dipendenti della società ai sensi dell’articolo 158.

(5) Quando si fornisce assistenza finanziaria, i paragrafi da 1 a 4 non si applicano alle banche e agli istituti finanziari ai sensi di un’altra normativa legale che disciplina le attività delle banche 4a ) , a condizione che sia fornita entro i limiti usuali della loro attività principale e se non lo fa ridurre il proprio patrimonio al di sotto del capitale sociale sottoscritto e non distribuibile ai soci ai sensi di legge o di statuto.

§ 161g

(1) Le disposizioni della Sezione 161, Sezione 161a (1) (a) si applicano mutatis mutandis alla sottoscrizione, acquisizione e accettazione di azioni o certificati provvisori di una società come garanzia da parte di una persona da essa controllata. a) ec), § 161 par.2, § 161b par.1 let. da b) ad e), § 161b par. da 2 a 5, § 161c e 161f.

(2) Se l’entità controllata non aliena le azioni oi certificati provvisori della società entro il termine stabilito dalla legge, il tribunale può annullarlo e ordinare la sua liquidazione. Le disposizioni del § 161d si applicano mutatis mutandis.

(3) Le disposizioni dei paragrafi 1 e 2 non si applicano se la persona controllata

a) agisce per conto di un’altra persona, a meno che non agisca per conto della società o delle persone controllate da tale persona o società controllate,

b) è un commerciante di valori mobiliari e, nel caso di un’attività svolta nel corso della sua attività di commerciante di valori mobiliari, o

c) ha acquisito lo stato di entità controllata solo a seguito dell’acquisizione di quote o di certificati provvisori della società.

(4) I diritti di voto associati alle azioni o ai certificati provvisori della società, acquisiti ai sensi del paragrafo 3, non possono essere esercitati e tali azioni e certificati provvisori devono essere inclusi nel calcolo del rapporto tra patrimonio netto e capitale sociale ai sensi del § 161a par. b).

(5) Le disposizioni delle sezioni da 161a a 161d e della sezione 161f si applicano anche ai casi in cui azioni o certificati provvisori di una società vengono acquisiti da una terza parte a proprio nome per conto della società o per conto di una persona controllata dall’azienda.

(6) Le disposizioni della Sezione 161f (4) si applicano mutatis mutandis, a condizione che la restrizione ai sensi della Sezione 158 (2), seconda frase, sia determinata in base all’importo del capitale sociale dell’entità controllata.

Sezione 2

Costituzione e origine dell’azienda
§ 162

(1) Una società può essere costituita da uno o più fondatori.

(2) Se la società è fondata da due o più fondatori, questi concludono un accordo di fondazione. L’unico fondatore costituisce la società con atto costitutivo.

(3) Il capitale sociale di una società costituita con un’offerta pubblica di azioni deve essere di almeno CZK 20.000.000, a meno che una normativa legale speciale non preveda un importo più elevato. Il capitale sociale di una società costituita senza un’offerta pubblica di azioni deve essere di almeno CZK 2.000.000.

(4) Se una società il cui capitale sociale è inferiore a CZK 20.000.000 aumenta il capitale sociale mediante un’offerta pubblica, deve aumentarlo ad almeno CZK 20.000.000.

§ 163

Accordo di fondazione
(1) Il memorandum di associazione o carta deve contenere

a) società, sede legale e oggetto dell’attività (attività),

b) il capitale sociale proposto,

(c) il numero di azioni e il loro valore nominale, la forma in cui saranno emesse le azioni, nonché la determinazione se le azioni saranno nominative o azioni al portatore, o quante azioni saranno nominative o azioni al portatore; se devono essere emesse azioni di diverso tipo, il loro nome e una descrizione dei diritti ad esse connessi, o un’indicazione della restrizione alla trasferibilità delle azioni nominative,

d) quante azioni sottoscrive il fondatore, per quale prezzo di emissione, modalità e termine di rimborso del prezzo di emissione e con quale deposito verrà pagato il prezzo di emissione,

e) se il prezzo di emissione delle azioni è rimborsato da depositi non monetari, nonché la determinazione dell’oggetto del deposito non monetario e le modalità del suo rimborso, il numero, il valore nominale, la forma, la forma e il tipo di azioni da emettere per questo deposito non monetario,

f) almeno l’importo approssimativo dei costi sostenuti in relazione alla costituzione della società,

g) designazione dell’amministratore del deposito ai sensi della Sezione 60, Paragrafo 1,

h) se almeno una parte delle azioni deve essere emessa sulla base di un’offerta pubblica di azioni, le indicazioni di cui al paragrafo 2, lettera a); da a) ag),

i) progetti di statuto.

(2) Se la società deve essere costituita sulla base di un’offerta pubblica di azioni, la condizione per la valida costituzione della società è l’approvazione del prospetto dei titoli da parte della Banca nazionale ceca. L’offerta pubblica di azioni deve contenere, oltre alle informazioni di cui al comma 1, anche

a) il luogo e l’ora di sottoscrizione delle azioni, che non può essere inferiore a due settimane,

(b) la procedura per la sottoscrizione di azioni, in particolare se l’efficacia della sottoscrizione di azioni al raggiungimento o al superamento del capitale sociale proposto sarà valutata in base al momento della sottoscrizione delle azioni o se il numero di azioni sottoscritte può essere ridotto per i singoli sottoscrittori che sottoscrivono contestualmente; il rapporto tra i valori nominali delle azioni da essi sottoscritte,

c) se i fondatori consentono la sottoscrizione di azioni eccedenti il ​​capitale sociale proposto, la procedura per tale sottoscrizione,

d) determinazione che gli interessati possano rimborsare il prezzo di emissione dell’azione solo mediante depositi in contanti,

e) il luogo, l’ora o il conto presso la banca o cooperativa di credito e di risparmio per il rimborso del prezzo di emissione,

(f) il prezzo di emissione delle azioni sottoscritte o il metodo per determinarlo; il prezzo di emissione o il metodo per la sua determinazione deve essere lo stesso per tutti i sottoscrittori, salvo diversa disposizione di legge,

g) le modalità di convocazione dell’assemblea generale costitutiva e il luogo della sua tenuta,

h) il metodo di creazione del fondo di riserva,

(i) le condizioni per l’esercizio del diritto di voto.

(3) Nessuno può essere esonerato dall’obbligo di rimborso del prezzo di emissione, salvo nei casi in cui il capitale sociale della società sia ridotto. Non è consentita la compensazione con il credito della società per il rimborso del prezzo di emissione, a meno che l’Assemblea generale non acconsenta ad aumentare il capitale sociale della società.

(4) Nessun vantaggio speciale può essere concesso a chi ha partecipato alla costituzione della società o ad attività che hanno portato all’acquisizione di autorizzazioni per la sua attività.

§ 163a

Prezzo di emissione delle azioni
(1) Il prezzo di emissione di un’azione è l’importo per il quale la società emette azioni. Il tasso di emissione non deve essere inferiore al suo valore nominale.

(2) Se il prezzo di emissione delle azioni è superiore al valore nominale delle azioni, la differenza tra il prezzo di emissione e il valore nominale delle azioni costituisce il sovrapprezzo delle azioni. Se l’importo pagato per il rimborso del prezzo di emissione delle azioni o il valore del deposito non monetario pagato è inferiore al prezzo di emissione, il pagamento verrà accreditato prima del sovrapprezzo delle azioni. Se l’importo pagato per il rimborso del prezzo di emissione o il valore del contributo non monetario rimborsato non è sufficiente a rimborsare la parte dovuta del valore nominale di tutte le azioni sottoscritte, viene gradualmente incluso nel rimborso della parte dovuta di i valori nominali delle singole azioni, salvo diverso accordo ai sensi dello Statuto.

(3) La differenza tra il valore di un conferimento non monetario e il valore nominale delle azioni da emettere agli azionisti a titolo di corrispettivo è considerata un sovrapprezzo se lo statuto, l’atto costitutivo o lo statuto o la delibera l’assemblea generale non stabilisce che la società è obbligata a pagare al sottoscrittore o che si tratta di creare un fondo di riserva.

(4) I depositi in contanti con i quali viene rimborsato il prezzo di emissione devono essere rimborsati su un conto speciale presso una banca o cooperativa di risparmio e credito, che a tal fine sarà stabilito dall’amministratore del deposito alla società della società costituita. La banca o la cooperativa di risparmio e credito non consentirà lo smaltimento dei depositi rimborsati su questo conto prima dell’iscrizione della società nel registro delle imprese, a meno che non sia dimostrato che si tratta di un pagamento di spese di costituzione o di restituzione di depositi ai sottoscrittori .

Costituzione di una società basata su un’offerta pubblica di azioni
§ 164

(1) Il fondatore o i fondatori assicureranno la creazione di capitale sociale superiore al valore nominale delle azioni da loro sottoscritte mediante un’offerta pubblica di azioni.

(2) L’ offerta pubblica di azioni deve essere pubblicata in modo appropriato e il suo contenuto non può essere modificato.

(3) Il progetto di statuto deve essere disponibile per l’ispezione in ogni punto di sottoscrizione.

§ 165

(1) La sottoscrizione di un’azione sulla base di un’offerta al pubblico di azioni ai sensi della Sezione 164, Paragrafo 1 avverrà mediante iscrizione nell’elenco dei sottoscrittori. La registrazione include il numero, il valore nominale, la forma, la forma o il tipo di azioni sottoscritte, il prezzo di emissione delle azioni sottoscritte, i termini per il rimborso delle azioni sottoscritte, la società o il nome e la sede legale della persona giuridica o il nome e l’indirizzo della persona fisica chi è il sottoscrittore e la firma, altrimenti la sottoscrizione è inefficace (§ 167 paragrafo 2). La firma dell’abbonato nell’elenco degli iscritti non deve essere verificata ufficialmente.

(2) Sulla base di un’offerta pubblica di azioni, le azioni non possono essere sottoscritte mediante depositi non monetari.

(3) Il sottoscrittore è tenuto a pagare l’eventuale sovrapprezzo delle azioni e almeno il 10% del valore nominale delle azioni sottoscritte al momento e sul conto presso la banca o cooperativa di risparmio e credito, che sono determinati dal fondatore in pubblico offerta di azioni. Se l’abbonato non adempie a tale obbligo, l’abbonamento è inefficace (§ 167 paragrafo 2).

§ 166

(1) Dopo la sottoscrizione del capitale sociale proposto, i fondatori o il fondatore possono rifiutare un’ulteriore sottoscrizione, a meno che il contratto di fondazione o l’atto costitutivo non dispongano diversamente. In caso contrario, l’assemblea generale costitutiva decide in merito all’accettazione o al rifiuto della sottoscrizione di azioni, avvenuta successivamente al raggiungimento della sottoscrizione del capitale sociale proposto. Dopo aver rifiutato la sottoscrizione delle azioni, i fondatori sono tenuti a restituire in solido al sottoscrittore senza indebito ritardo l’importo pagato dopo la sottoscrizione delle azioni insieme agli interessi nell’ammontare degli interessi normalmente previsti dalle banche ai sensi del l’obbligo di restituzione dell’importo versato.avere sede legale.

(2) I fondatori o il fondatore devono rifiutare l’ulteriore sottoscrizione, a meno che il contratto di fondazione o l’atto costitutivo non consenta la sottoscrizione di azioni eccedenti il ​​capitale sociale proposto.

§ 167

(1) La sottoscrizione di azioni è inefficace se entro la fine del periodo annunciato nell’offerta pubblica di azioni il valore nominale delle azioni effettivamente sottoscritte non raggiunge l’importo del capitale sociale proposto, a meno che le azioni mancanti fino a tale importo non siano successivamente sottoscritte dai fondatori o da alcuni di loro entro un mese.

(2) Se la sottoscrizione di azioni ai sensi della presente legge è inefficace, i diritti e gli obblighi dei sottoscrittori sotto sottoscrizione di azioni decadono e il fondatore o i fondatori devono restituire congiuntamente e solidalmente ai sottoscrittori senza indebito ritardo l’importo pagato al momento della sottoscrizione delle azioni contratto di conto corrente alla data in cui è sorto l’obbligo di restituzione dell’importo pagato, nel luogo in cui la società avrebbe avuto la propria sede legale.

§ 168

(1) I sottoscrittori che hanno sottoscritto azioni sulla base di un’offerta pubblica di azioni ai sensi dell’articolo 164 (1) sono tenuti a rimborsare le azioni sottoscritte entro i termini specificati nell’elenco dei sottoscrittori. I sottoscrittori che hanno sottoscritto le quote dell’atto costitutivo e dello statuto hanno l’obbligo di rimborsare le quote entro il termine ivi indicato. I sottoscrittori sono obbligati a pagare qualsiasi sovrapprezzo delle azioni e almeno il 30% del valore nominale delle azioni sottoscritte da rimborsare mediante depositi in contanti entro l’inizio dell’assemblea generale inaugurale.

(2) Al momento del rimborso del deposito o di parte di esso prima della registrazione della società nel Registro di commercio, l’amministratore del deposito (Sezione 60) emetterà una conferma scritta al sottoscrittore affermando:

a) il tipo, la forma, la forma, il numero e il valore nominale delle azioni sottoscritte,

b) il valore totale del prezzo di emissione delle azioni sottoscritte,

c) l’ entità del rimborso del prezzo di emissione delle azioni sottoscritte.

(3) La Società cambierà questa conferma senza indebito ritardo dopo la registrazione della Società nel Registro delle Imprese con un certificato provvisorio relativo alle azioni sottoscritte il cui prezzo di emissione non è stato completamente rimborsato e per azioni se il loro prezzo di emissione è stato interamente pagato .

Assemblea generale inaugurale
§ 169

(1) Gli abbonati che hanno adempiuto all’obbligo di cui ai § 165 e 168 hanno il diritto di partecipare all’assemblea generale inaugurale. I fondatori convocheranno l’assemblea generale inaugurale che avrà luogo entro 60 giorni dalla data in cui è stata raggiunta l’effettiva sottoscrizione del capitale sociale proposto.

(2) Se i fondatori non rispettano il termine di cui al paragrafo 1, la sottoscrizione delle azioni sarà considerata inefficace e si verificheranno gli effetti del § 167 paragrafo 2.

§ 170

(1) L’assemblea generale inaugurale può essere tenuta solo se le azioni del valore del capitale sociale proposto sono state effettivamente sottoscritte e almeno il 30% del valore nominale delle azioni e l’eventuale sovrapprezzo delle azioni sono stati pagati.

(2) L’Assemblea generale costituente può approvare una risoluzione se i sottoscrittori almeno la metà delle azioni sottoscritte, che hanno il diritto di partecipare all’Assemblea generale costituente (§ 169 par.1) e votarla, vi partecipano . L’assemblea generale costituente è presieduta all’inizio dal fondatore o da uno dei fondatori autorizzati a farlo dagli altri fondatori o dal suo sostituto, fino all’elezione del presidente dell’assemblea generale costituente.

(3) La decisione dell’assemblea generale costituente richiede il consenso della maggioranza dei voti dei sottoscrittori presenti, che hanno il diritto di partecipare all’assemblea generale costituente. Ciò non pregiudica le disposizioni del § 171 paragrafo 2 ultima frase. Una decisione approvata da questa maggioranza può specificare in quali casi è richiesta una maggioranza diversa o il consenso di tutti i sottoscrittori presenti al voto. Le disposizioni del § 186c si applicano mutatis mutandis.

§ 171

(1) Assemblea Generale Costituente

a) decide sulla costituzione della società,

b) approva lo statuto della società,

c) elegge gli organi della società, che ai sensi dello statuto ha il diritto di eleggere l’assemblea. Non trova applicazione la disposizione relativa all’elezione dei membri dell’Organismo di Vigilanza da parte dei dipendenti.

(2)Se l’assemblea generale costitutiva decide di consentire la sottoscrizione di azioni superiori all’importo del capitale sociale proposto, decide sul nuovo importo. In questo caso, la sottoscrizione delle azioni è efficace per i sottoscrittori che per primi hanno sottoscritto le azioni al nuovo importo di capitale sociale e hanno adempiuto all’obbligo di cui al § 168 paragrafo 1. Se più di una persona ha sottoscritto azioni contemporaneamente, Qualora l’offerta pubblica di azioni abbia consentito la riduzione del numero di azioni sottoscritte, la riduzione sarà effettuata in proporzione al rapporto tra il valore nominale delle azioni e l’ammontare del capitale sociale. Se la sottoscrizione di azioni non ha avuto effetto, si applicano mutatis mutandis le disposizioni della Sezione 167, paragrafo 2. Il sottoscrittore di azioni in eccesso rispetto all’importo originariamente proposto del capitale sociale acquisirà diritti di voto

(3) L’Assemblea Generale Costituente approva, previo parere dell’esperto o degli esperti, la materia dei depositi non monetari e il numero, il valore nominale, la forma, la forma e la tipologia delle azioni da emettere a titolo di corrispettivo di tale deposito.

(4) Ad eccezione di un aumento del capitale sociale, l’assemblea generale costitutiva può discostarsi dal patto costitutivo o dall’atto costitutivo solo con il consenso di tutti i sottoscrittori presenti.

(5) Lo svolgimento dell’assemblea generale inaugurale sarà certificato da atto notarile, in appendice al quale è riportato un elenco dei sottoscrittori, che contiene anche il valore nominale delle azioni sottoscritte da ciascuno di essi. La decisione dell’assemblea generale costitutiva sull’approvazione dello statuto deve essere autenticata da un notaio, che deve contenere anche il testo approvato dello statuto.

§ 172

Costituzione di una società senza offerta pubblica di azioni
(1) Se i fondatori convengono nell’atto costitutivo di sottoscrivere azioni in una certa proporzione all’intero capitale sociale della società, non è richiesta un’offerta pubblica di azioni e la partecipazione di un’assemblea generale costituente.

(2) I fondatori hanno lo status giuridico dell’assemblea generale fondatrice al momento della costituzione di una società sulla base di un’offerta pubblica di azioni.

(3) Le decisioni che sono altrimenti prese dall’assemblea generale costitutiva devono essere incluse nell’accordo istitutivo. Le disposizioni del § 170 par.1 non si applicano.

(4) Le disposizioni dei paragrafi da 1 a 3 si applicano mutatis mutandis se la società è costituita da una persona giuridica senza un’offerta pubblica di azioni.

§ 173

Statuti
(1) Lo statuto deve contenere

a) ragione sociale e sede legale,

b) oggetto dell’attività (attività),

c) l’ ammontare del capitale sociale e le modalità di rimborso del prezzo di emissione delle azioni,

d) il numero e il valore nominale delle azioni, la forma delle azioni, nonché la determinazione se le azioni sono nominative o azioni al portatore, o quante azioni sono nominative e quante sono azioni al portatore, o se le azioni sono immobilizzati,

e) il numero di voti attribuiti a un’azione e le modalità di voto in assemblea; se la società ha emesso azioni con un valore nominale diverso, il numero di voti relativo a tale importo del valore nominale delle azioni,

f) il modo di convocare l’Assemblea generale (§ 184a par.2), la sua competenza e il modo in cui prende le decisioni,

g) un certo numero di membri del consiglio di amministrazione, del consiglio di sorveglianza o di altri organi, la durata del mandato di un membro dell’organo, nonché la definizione dei loro poteri e le modalità del processo decisionale, se stabilito,

h) il metodo di creazione del fondo di riserva e l’importo a cui la società è obbligata a ricostituirlo e il metodo di ricostituzione,

i) il metodo di distribuzione degli utili e compensazione delle perdite,

j) le conseguenze di una violazione dell’obbligo di rimborso puntuale delle azioni sottoscritte,

k) le regole procedurali per l’aumento e la diminuzione del capitale sociale, in particolare la possibilità di ridurre il capitale sociale ritirando dalla circolazione azioni mediante sorteggio,

l) la procedura per l’integrazione e la modifica dello Statuto,

m) altri dati, se così previsto dalla legge.

(2) Se la società decide di aumentare o diminuire il capitale sociale, di suddividere azioni o di unire più azioni in un’unica azione, di modificare la forma o il tipo di azioni o di limitare la trasferibilità delle azioni nominative o la sua modifica, la modifica lo Statuto entrerà in vigore dalla data di iscrizione al Registro delle Imprese. Altre modifiche allo Statuto, che sono decise dall’Assemblea Generale, entrano in vigore nel momento in cui l’Assemblea Generale le decide, a meno che non derivi dalla decisione dell’Assemblea Generale di modificare lo Statuto o dalla legge che adottano effetto più tardi.

(3) Se l’Assemblea generale adotta una decisione che comporta una modifica del contenuto dello Statuto, questa decisione sostituirà la decisione sulla modifica dello Statuto. Se dalla decisione dell’Assemblea generale non risulta se o come modificare lo Statuto, il Consiglio di Amministrazione decide in merito alla modifica dello Statuto in conformità con la decisione dell’Assemblea Generale.

(4) In caso di modifica del contenuto dello Statuto sulla base di un fatto giuridico, il Consiglio di Amministrazione è obbligato a preparare il testo completo dello Statuto senza indebito ritardo dopo che ogni membro del Consiglio di Amministrazione I direttori vengono a conoscenza di un tale cambiamento.

(5) Se il tipo o la forma delle azioni cambia, i diritti associati a questo tipo o forma di azioni cambiano con l’efficacia della modifica dello Statuto, indipendentemente da quando avviene lo scambio di azioni. Se la forma delle azioni cambia, lo status giuridico dell’azionista cambia solo cambiando le azioni o dichiarando le azioni nulle.

§ 174

Inoltre, modificherà lo statuto secondo necessità

a) l’ emissione di vari tipi di azioni, se l’emissione di tale tipo di azioni è consentita dalla legge, la loro designazione, numero e diritti ad esse associati,

b) le regole per l’emissione di obbligazioni ai sensi dell’articolo 160 e i diritti ad esse connessi,

c) regole per l’acquisto preferenziale di azioni da parte dei dipendenti della società,

d) il nome del giornale in cui il Consiglio di amministrazione pubblica un avviso ai sensi della Sezione 204b (4) o (5) se la società emette buoni per lo scambio di azioni con azioni nominative.

Costituzione dell’azienda
§ 175

La proposta di iscrizione nel Registro delle Imprese è presentata dal Consiglio di Amministrazione e firmata da tutti i membri del Consiglio di Amministrazione.

§ 176

Lettera provvisoria
(1) Se il sottoscrittore non ha pagato l’intero prezzo di emissione delle azioni sottoscritte prima della registrazione della società nel registro delle imprese (di seguito “azioni non pagate”), la società emetterà al sottoscrittore senza indebito ritardo dopo tale registrazione certificato che sostituisce tutte le azioni sottoscritte e non pagate di un tipo.

(2) Il certificato provvisorio contiene

a) la designazione “certificato provvisorio”,

b) la società, la sede legale e l’ammontare del capitale sociale della società,

c) la società o il nome e la sede legale o il nome e la residenza del titolare del certificato provvisorio,

d) il valore nominale formato dalla somma dei valori nominali delle azioni in circolazione sottoscritte,

e) il numero, la forma e la forma delle azioni che il certificato provvisorio sostituisce e, se applicabile, la determinazione del loro tipo,

f) la parte pagata e non pagata del prezzo di emissione delle azioni e il termine per il rimborso del prezzo di emissione,

g) la data di rilascio del certificato provvisorio e la firma o le firme dei membri del Consiglio di Amministrazione autorizzati ad agire per conto della società.

(3) Il certificato provvisorio è un titolo di una serie a cui sono associati i diritti derivanti dalle azioni che il certificato provvisorio sostituisce e l’obbligo di rimborsarne il prezzo di emissione. Se il proprietario del certificato provvisorio trasferisce il certificato provvisorio a un’altra persona prima del rimborso del prezzo di emissione delle azioni in circolazione, è tenuto a rimborsare la parte restante del prezzo di emissione. Se il certificato provvisorio o la sua girata è intestato a più persone, queste persone sono obbligate a rimborsare il prezzo di emissione non pagato delle azioni, che questo certificato provvisorio sostituisce, in solido.

(4) Le disposizioni sulle azioni nominative si applicano mutatis mutandis al certificato provvisorio. Se il certificato provvisorio sostituisce le azioni nominative in circolazione, la cui trasferibilità è limitata secondo lo Statuto della società, anche la trasferibilità del certificato provvisorio è limitata allo stesso modo.

(5) Il Consiglio di amministrazione inviterà l’azionista senza indebito ritardo dopo il rimborso del prezzo di emissione delle azioni non pagate a presentare un certificato provvisorio per lo scambio di azioni o, su sua richiesta, a scambiare il certificato provvisorio con azioni. Se il prezzo di emissione di solo alcune azioni in circolazione viene rimborsato, la Società cambierà il certificato provvisorio con azioni il cui prezzo di emissione è stato rimborsato e con un nuovo certificato provvisorio del valore nominale formato dalla somma delle azioni in circolazione sostituita dal nuovo certificato provvisorio . Le disposizioni della Sezione 213a (2) si applicano mutatis mutandis alla procedura per lo scambio di un certificato provvisorio con azioni o di un nuovo certificato provvisorio. Se il certificato provvisorio deve essere scambiato con azioni con registrazione contabile, la società procederà in conformità a legge speciale senza indebito ritardo dopo la restituzione del certificato provvisorio.

§ 177

(1) Il sottoscrittore è tenuto a rimborsare il prezzo di emissione delle azioni che ha sottoscritto nel momento indicato nello statuto, ma entro e non oltre un anno dalla costituzione della società.

(2) In caso di violazione dell’obbligo di rimborso del prezzo di emissione delle azioni sottoscritte o di una parte di esse, il sottoscrittore dovrà pagare gli interessi di mora indicati nello statuto, altrimenti nella misura del 20% annuo.

(3) Se il sottoscrittore non paga il prezzo di emissione delle azioni sottoscritte o la sua parte dovuta, il Consiglio di Amministrazione lo invita a rimborsarlo entro il termine stabilito dallo Statuto della società, altrimenti entro 60 giorni dalla consegna del l’invito.

(4) Dopo la scadenza del periodo di cui al paragrafo 3 invano, il Consiglio di amministrazione espellerà il sottoscrittore dalla società e lo inviterà a restituire il certificato provvisorio entro un periodo ragionevole da lui specificato, a meno che non adotti altre misure in secondo la legge e lo statuto sociale. Il sottoscrittore escluso garantisce alla società il rimborso del prezzo di emissione delle azioni da lui sottoscritte.

(5) Se l’abbonato espulso non restituisce il certificato provvisorio entro il termine specificato, il Consiglio di amministrazione dichiara il certificato provvisorio non valido. Tale decisione sarà pubblicata dal Consiglio di Amministrazione secondo le modalità previste dalla legge e dallo Statuto per la convocazione dell’Assemblea; inviare una comunicazione scritta al sottoscrittore e contestualmente pubblicare la decisione.

(6) Se il Consiglio di amministrazione dichiara il certificato provvisorio non valido, emetterà un nuovo certificato provvisorio o azioni al suo posto a una persona approvata dall’Assemblea generale, che pagherà il prezzo di emissione di tali azioni.

(7) La proprietà acquisita dalla società vendendo il certificato provvisorio restituito o emettendo un nuovo certificato provvisorio o azioni ai sensi del paragrafo 6 deve essere utilizzato per restituire la prestazione fornita dal sottoscrittore escluso per rimborsare il prezzo di emissione delle azioni sottoscritte dal abbonato escluso e dopo aver compensato i sinistri sostenuti dalla società.

§ 177a

(1) Se la società non ha rilasciato una quota o un certificato provvisorio agli azionisti, l’azionista ha il diritto di trasferire la sua quota nella società nel registro delle imprese dopo la registrazione del capitale sociale della società a cui partecipa nella misura corrispondenti a singole azioni.

(2) L’accordo per il trasferimento di una quota della società richiede una forma scritta e le firme delle parti contraenti devono essere verificate ufficialmente. Il cedente è responsabile per le passività che sono state trasferite al cessionario. Le disposizioni della Sezione 115 (4) si applicano mutatis mutandis.

(3) Una società che non ha emesso azioni o certificati provvisori deve tenere un elenco degli azionisti in modo simile ai sensi della Sezione 156 (2.) Questo elenco contiene sempre il numero di conto bancario ai sensi della Sezione 156 (11). Si applicano mutatis mutandis.

Sezione 3

Diritti e obblighi degli azionisti
§ 178

Partecipa agli utili della società
(1) Un azionista ha diritto a una quota dell’utile della società (dividendo), che l’Assemblea ha deliberato per la distribuzione in base al risultato economico. Salvo diversa disposizione delle disposizioni dello Statuto relative alle azioni privilegiate, questa proporzione sarà determinata dal rapporto tra il valore nominale delle sue azioni e il valore nominale delle azioni di tutti gli azionisti. La società non può pagare anticipi sulle quote di profitto.

(2) La società non ha diritto a distribuire utili o altre risorse proprie tra i soci se il patrimonio netto è determinato dal bilancio ordinario o straordinario o per effetto della distribuzione dell’utile sarebbe inferiore al capitale sociale della società, aumentato di

(a) il valore nominale sottoscritto delle azioni, se le azioni della società sono state sottoscritte per un aumento del capitale sociale e il capitale sociale aumentato non è stato iscritto nel Registro delle Imprese alla data del bilancio regolare o straordinario ; e

b) quella parte del fondo di riserva o quei fondi di riserva che, ai sensi di legge e di statuto, la società non può utilizzare per l’adempimento dei soci.

(3) La quota dei membri del Consiglio di Amministrazione e dei membri del Consiglio di Sorveglianza nell’utile (bonus) può essere determinata dall’Assemblea Generale dall’utile deliberato per la distribuzione.

(4) Salvo disposizione contraria di una normativa legale speciale, i dipendenti della società possono, in conformità con lo Statuto, partecipare alla distribuzione degli utili. Lo Statuto può stabilire che questa quota dell’utile possa essere utilizzata solo per pagare la parte del prezzo di emissione delle azioni soggette a rimborso da parte dei dipendenti della Società ai sensi della Sezione 158 o i prezzi di acquisto delle azioni della Società ai dipendenti.

(5) Le disposizioni dei paragrafi 1 e 2 si applicano mutatis mutandis alla distribuzione degli utili sulle royalties e alla determinazione della quota dei dipendenti nell’utile. Le disposizioni del paragrafo 8 si applicano mutatis mutandis.

(6) L’importo da pagare come quota dell’utile della società non può superare il risultato economico del periodo contabile riportato in bilancio meno l’allocazione obbligatoria al fondo di riserva ai sensi del § 217 paragrafo 2 e le perdite non rimborsate degli anni precedenti e aumentato dagli utili non distribuiti degli anni precedenti e dai fondi creati dagli utili che la società può utilizzare a sua discrezione.

(7) Salvo disposizione contraria dello Statuto o della decisione dell’Assemblea Generale, il dividendo e il bonus sono pagabili entro tre mesi dalla data in cui è stata adottata la delibera dell’Assemblea generale sulla distribuzione degli utili.

(8) La società pagherà un dividendo attribuibile alle azioni cartacee nominative solo mediante trasferimento su un conto bancario ai sensi del § 156 par. 11. Se la società ha emesso azioni contabili ea meno che lo Statuto o le risoluzioni dell’Assemblea Generale oppure il patto con l’azionista prevede diversamente, registrazioni dei titoli dematerializzati nella parte destinata all’emittente alla data determinante. Se la società ha emesso azioni cartacee al portatore, lo statuto o la decisione dell’assemblea generale determineranno il luogo di pagamento del dividendo, salvo diverso accordo; se il luogo di pagamento non è stato determinato, la società pagherà un dividendo agli azionisti nel luogo della sede legale della società. A meno che lo Statuto o le deliberazioni dell’Assemblea Generale o l’accordo con l’azionista non dispongano diversamente, la società è obbligata a pagare un dividendo a proprie spese e rischio.

(9) Se le azioni della società sono emesse al proprietario e non sono state ammesse alla negoziazione in un mercato regolamentato europeo, il Consiglio di amministrazione è tenuto ad annunciare la data di pagamento del dividendo, il luogo e il metodo di pagamento, o la data decisiva nel secondo le modalità previste dalla legge e dallo Statuto, salvo diversamente disposto dallo statuto. Se la società ha emesso azioni nominative e lo Statuto non specifica la data di scadenza del dividendo, il Consiglio di Amministrazione è tenuto a inviare agli azionisti un avviso della data di scadenza del dividendo senza indebito ritardo dopo la data dell’Assemblea Generale che ha deciso di pagare il dividendo,

(10) Il giorno decisivo per l’esercizio del diritto al dividendo è il giorno dell’Assemblea generale che ha deciso il pagamento del dividendo. Lo Statuto può prevedere che la data determinante per l’esercizio del diritto al dividendo coincida con la data determinante per la partecipazione all’Assemblea che delibera il pagamento del dividendo.

(11) L’Assemblea generale può decidere che la data decisiva per l’esercizio del diritto al dividendo sia un altro giorno designato, che non può precedere la data dell’Assemblea generale che ha deciso il pagamento del dividendo e non può seguire la data di scadenza del il dividendo. Tale decisione non è considerata una decisione di modifica dello statuto.

(12) Il diritto al pagamento di un dividendo è trasferibile separatamente ai sensi della Sezione 156a dal giorno in cui l’Assemblea Generale ha deciso il pagamento di un dividendo. Tuttavia, se sono state o devono essere emesse cedole, il diritto al dividendo associato alla cedola è trasferibile solo insieme alla cedola. I buoni possono essere emessi anche prima della decisione dell’Assemblea generale sulla distribuzione dell’utile del periodo contabile a cui si riferisce la cedola.

§ 179

(1) Il beneficiario non è obbligato a restituire in buona fede il dividendo ricevuto. In caso di dubbio, si presume la buona fede. Il Consiglio di Amministrazione non può decidere il pagamento di dividendi o altre quote di profitto in violazione delle disposizioni delle Sezioni 65a e 178, anche se il pagamento è stato approvato dall’Assemblea Generale. Qualora tale quota dell’utile sia stata erogata, i membri del Consiglio di Amministrazione non possono essere esonerati dalla responsabilità per i danni arrecati alla società. Se le quote di profitto diverse dai dividendi sono state pagate in violazione delle disposizioni degli articoli 65a e 178, il beneficiario è obbligato a restituire la quota di profitto pagata ei membri del Consiglio di amministrazione sono responsabili in solido per l’adempimento di tale obbligo.

(2) Per tutta la durata della società, anche in caso di scioglimento, il socio non ha diritto di richiedere la restituzione dei propri depositi. La prestazione fornita non sarà considerata una restituzione di depositi

a) per effetto di riduzione del capitale sociale,

b) in caso di riacquisto di azioni di società, se sono soddisfatte le condizioni previste dalla legge,

c) al momento della restituzione del certificato provvisorio o della sua dichiarazione di invalidità (§ 177),

d) nella distribuzione della quota del saldo di liquidazione.

(3) Dopo lo scioglimento di una società in liquidazione, l’azionista ha diritto a una quota del saldo di liquidazione.

(4) La società può trasferire beni gratuitamente agli azionisti solo nei casi in cui ciò sia espressamente consentito dalla legge.

§ 180

(1) Un azionista ha il diritto di partecipare all’Assemblea generale, di votare, ha il diritto di richiedere e ricevere spiegazioni su questioni riguardanti la società, se tale spiegazione è necessaria per valutare l’oggetto dell’Assemblea generale, e di presentare proposte e controproposte. Salvo disposizione contraria dello Statuto, la controproposta dell’azionista sarà votata per prima.

(2) I diritti di voto sono associati alle azioni. Lo statuto deve determinare il numero di voti attribuiti alle azioni in modo che le azioni di pari valore nominale abbiano lo stesso numero di voti. Se la società emette azioni con valori nominali diversi, il numero di voti attribuito a tali azioni deve essere determinato nella stessa proporzione del rapporto tra i valori nominali di tali azioni. Lo Statuto può limitare l’esercizio del diritto di voto fissando il numero massimo di voti di un socio, nella stessa misura per ogni socio o anche per i soci e le persone da lui controllate.

(3) Un azionista presente in Assemblea ha diritto ad ottenere spiegazioni ai sensi del comma 1 anche in merito a materie riguardanti persone controllate dalla società.

(4)Le informazioni contenute nella spiegazione devono essere specifiche e fornire un quadro sufficiente dei fatti. Le informazioni possono essere rifiutate in tutto o in parte se attente considerazioni commerciali indicano che la loro divulgazione potrebbe causare danni all’azienda o è un’informazione privilegiata ai sensi di una legge speciale o è oggetto di un segreto commerciale aziendale o di informazioni classificate ai sensi di una legge speciale. Il Consiglio di Amministrazione decide se tali informazioni siano coinvolte. Se il Consiglio di Amministrazione rifiuta di rendere pubbliche le informazioni per i motivi sopra indicati, le informazioni possono essere richieste solo se l’Organismo di Vigilanza si impegna a fornirle. Se il consiglio di sorveglianza non accetta di fornire le informazioni, il tribunale deciderà se la società è obbligata a fornire le informazioni sulla base dell’azione di un azionista.

(5) Una spiegazione può essere fornita sotto forma di una risposta sommaria a diverse domande di contenuto simile. E ‘vero che la spiegazione è stata data agli azionisti anche se la spiegazione aggiuntiva sugli argomenti all’ordine del giorno è stata pubblicata sul sito internet della società entro e non oltre il giorno precedente l’Assemblea ed è a disposizione degli azionisti presso la sede dell’Assemblea.

(6) Se un azionista intende presentare controproposte di proposte all’Assemblea generale, il cui contenuto è dichiarato nell’invito all’Assemblea generale o nell’avviso di partecipazione, o nel caso in cui una decisione sull’Assemblea generale deve essere autenticato, è tenuto a consegnare un testo scritto della sua proposta o controproposta della società almeno cinque giorni lavorativi prima della data dell’Assemblea. Ciò non si applica alle proposte per l’elezione di determinati soggetti agli organi della società. Il Consiglio di Amministrazione è tenuto a pubblicare la propria controproposta con il proprio parere, se possibile, almeno tre giorni prima della data annunciata dell’Assemblea.

(7) Un azionista ha il diritto di applicare le sue proposte agli argomenti che saranno inclusi all’ordine del giorno dell’Assemblea generale, anche prima della pubblicazione dell’invito all’Assemblea generale o dell’annuncio della sua convocazione. Il Consiglio di Amministrazione pubblicherà la proposta, che sarà consegnata alla società entro e non oltre 7 giorni prima della pubblicazione dell’invito all’Assemblea o dell’avviso di convocazione, unitamente all’invito all’Assemblea o all’avviso di convocazione. . Alle proposte pervenute oltre tale termine si applica mutatis mutandis il comma 6. Lo statuto sociale può abbreviare il termine ai sensi del secondo periodo.

§ 181

(1) Un azionista o azionisti di una società il cui capitale sociale è superiore a 100.000.000 CZK che hanno azioni il cui valore nominale aggregato raggiunge almeno il 3% del capitale sociale e un azionista o azionisti di una società il cui capitale sociale è 100.000.000 CZK e gli azionisti inferiori che detengono azioni con un valore nominale complessivo di almeno il 5% del capitale sociale possono chiedere al Consiglio di Amministrazione di convocare un’assemblea generale straordinaria per discutere le materie proposte.

(2) Il Consiglio di Amministrazione, a condizione che ciascuno dei punti della proposta sia integrato da una motivazione o da un progetto di delibera, convoca un’assemblea generale straordinaria da tenersi entro e non oltre 40 giorni dalla data in cui ha ricevuto la richiesta per convocarlo. Il periodo di cui alla Sezione 184a (2) è ridotto a 15 giorni. Nel caso di una società le cui azioni sono state ammesse alla negoziazione in un mercato regolamentato europeo o in un mercato estero simile a un mercato regolamentato, il periodo di cui alla prima frase è di 50 giorni e il periodo di cui alla seconda frase è essere 21 giorni. Il Consiglio di Amministrazione non ha facoltà di modificare l’ordine del giorno proposto. Il Consiglio di Amministrazione ha facoltà di integrare l’ordine del giorno proposto solo con il consenso di coloro che hanno richiesto la convocazione dell’Assemblea Straordinaria ai sensi del comma 1.

(3) Se il consiglio di amministrazione non adempie all’obbligo di cui al paragrafo 2, il tribunale decide su richiesta dell’azionista o degli azionisti di cui al paragrafo 1 che li autorizza a convocare un’assemblea generale straordinaria e tutti gli atti ad essa connessi . Allo stesso tempo, il tribunale può nominare il presidente dell’assemblea generale senza una proposta.

(4) L’ invito all’Assemblea generale straordinaria o l’avviso di partecipazione deve contenere una dichiarazione della decisione ai sensi del paragrafo 3, indicando il tribunale che ha emesso la decisione e la data in cui la decisione è diventata esecutiva. Al fine di assicurare questa Assemblea generale, gli azionisti autorizzati hanno il diritto di richiedere un estratto dal registro dei titoli contabili.

(5) Se il tribunale autorizza gli azionisti a convocare un’assemblea generale straordinaria, la società dovrà sostenere i costi dei procedimenti giudiziari e dello svolgimento dell’assemblea generale straordinaria. I membri del Consiglio di Amministrazione sono solidalmente responsabili dell’obbligo di pagare le spese del procedimento e dello svolgimento dell’Assemblea Generale Straordinaria. La società ha diritto al risarcimento dei danni subiti mediante il rimborso delle spese di giudizio nei confronti dei membri del Consiglio di Amministrazione.

§ 182

(1) Su richiesta dell’azionista o degli azionisti di cui al § 181 par.1

(a) il Consiglio di Amministrazione, a condizione che ogni punto sia accompagnato da una motivazione o da una proposta di delibera e gli sia consegnato non oltre 20 giorni prima dell’Assemblea o, se determinato, prima della record date; se la richiesta è ricevuta dopo l’invio dell’invito all’Assemblea Generale o dopo la pubblicazione dell’avviso di partecipazione, il Consiglio di Amministrazione pubblica il supplemento all’ordine del giorno dell’Assemblea Generale entro dieci giorni prima dell’Assemblea Generale o, se stabilito, prima la data determinante per la partecipazione all’Assemblea con le modalità previste dalla legge e dallo Statuto per la convocazione dell’Assemblea; se tale pubblicazione non è più possibile, l’argomento specificato può essere incluso all’ordine del giorno di questa Assemblea Generale solo in conformità con la procedura di cui alla Sezione 185, Paragrafo 4,

b) il Consiglio di Sorveglianza esamina l’esercizio dei poteri del Consiglio di Amministrazione nelle materie specificate nella domanda,

c) l’ Organismo di Vigilanza esercita il diritto al risarcimento dei danni che la società ha nei confronti di un membro del Consiglio di Amministrazione,

d) il Consiglio di amministrazione propone un’azione per il rimborso del prezzo di emissione delle azioni nei confronti degli azionisti in arretrato con il suo rimborso, o applica la procedura di cui alla Sezione 177.

(2) Se il Consiglio di vigilanza o il Consiglio di amministrazione non ottempera alla richiesta dell’azionista senza indebito ritardo, gli azionisti di cui alla Sezione 181 (1) possono esercitare il diritto al risarcimento del danno o al pagamento del prezzo delle azioni per conto di l’azienda. Una persona diversa dall’azionista che ha intentato la causa o da una persona da lui autorizzata non può agire nel procedimento per conto della società o per suo conto.

(3) Gli azionisti di cui alla Sezione 181 (1) possono richiedere al tribunale di nominare un esperto per esaminare la relazione sui rapporti tra l’entità controllata e le parti correlate ai sensi della Sezione 66a (12), se sussistono gravi motivi per farlo, anche se le condizioni di cui al § 66a paragrafo 13.

§ 183

Invalidità della delibera dell’Assemblea
(1) Le disposizioni della Sezione 131, paragrafi da 1 a 10 e 12 si applicano mutatis mutandis alla dichiarazione di nullità di una delibera dell’Assemblea generale.

(2) Per una violazione insignificante dei diritti delle persone ai sensi del § 131 par.3 let. a) si ritiene in particolare che l’invito all’Assemblea o l’avviso di Assemblea non contenga i requisiti ai sensi del § 184a par.3 lett. c), oppure § 202 par.2 lett. anno Domini).

(3) A spese del firmatario, il tribunale pubblicherà la risoluzione ai sensi del § 131 paragrafo 10 in modo abbreviato secondo le modalità previste dalla legge e dallo Statuto per la convocazione dell’Assemblea Generale e stabilirà quando il periodo ai sensi del § 131 par. C). Se il termine scade invano, il tribunale interrompe il procedimento.

Proposta pubblica di acquisto o scambio di titoli di partecipazione
§ 183a

(1) Chi stipula una bozza di contratto pubblica per il riacquisto o lo scambio di titoli emessi da una società per azioni, che è associata a una quota del capitale sociale o dei diritti di voto della società, o di titoli emessi da questa società, che è associati al diritto di acquisire tali titoli (di seguito “Titoli di partecipazione”) devono essere conformi a questa disposizione; ciò non pregiudica le regole per le offerte pubbliche di acquisto ai sensi della legge sulle offerte pubbliche di acquisto e le regole per l’offerta pubblica di titoli di investimento ai sensi del Capital Market Business Act.

(2) Il proponente pubblica una bozza di contratto pubblica secondo le modalità con cui è convocata l’assemblea generale in conformità con la presente legge e lo statuto della società di cui intende acquisire i titoli di partecipazione.

(3) La bozza di contratto pubblico deve contenere almeno le seguenti informazioni

a) il nome o la società e la residenza o la sede legale del firmatario,

b) gli elementi essenziali del contratto di acquisto o scambio, comprese le informazioni sull’importo del corrispettivo offerto per ciascun titolo partecipante, o un metodo sufficientemente preciso per la sua determinazione,

c) il periodo di validità della bozza di contratto pubblico,

d) i motivi per cui viene redatta la bozza di contratto pubblico

e) altre condizioni per la conclusione del contratto sulla base di una proposta pubblica, comprese le modalità della sua accettazione, il momento della conclusione del contratto e la possibilità di recesso dal contratto così concluso.

(4)Il proponente dovrà inviare il testo della bozza di contratto pubblica alla sede legale della società di cui intende acquisire i titoli di partecipazione (di seguito denominata “società target”) entro 10 giorni lavorativi prima della sua pubblicazione; ciò non si applica se il richiedente è la società target. Il Consiglio di Amministrazione e il Consiglio di Sorveglianza della società target inviano al proponente un parere congiunto sulla proposta entro 5 giorni lavorativi dalla consegna della proposta, il cui contenuto sarà ugualmente applicabile al contenuto del parere del target organi della società ai sensi della legge sulle offerte pubbliche di acquisto; il relatore per parere pubblica il parere unitamente alla bozza di contratto pubblico. Se i membri degli organi della società emittente violano l’obbligo di cui alla frase precedente, sono responsabili in solido per tutti i reclami nei confronti del ricorrente derivanti dal paragrafo 7. Se il ricorrente viola l’obbligo di cui alla prima e alla seconda frase, questo fatto non pregiudica la validità dei contratti conclusi sulla base di una bozza di contratto pubblico. Si applicano mutatis mutandis le disposizioni della legge sulle offerte pubbliche di acquisto che regolano la procedura per la conclusione di un contratto, le sue modifiche e il recesso da tale contratto concluso, compresa la procedura per un’offerta pubblica di acquisto parziale o condizionale.

(5) Se viene redatta una bozza di contratto pubblica perché richiesta dalla legge, l’importo del corrispettivo deve essere proporzionato al valore dei titoli partecipanti; il proponente deve dimostrare l’adeguatezza del corrispettivo mediante una perizia. Alla nomina, remunerazione e contenuto di una perizia si applicano mutatis mutandis l’articolo 59, commi 3 e 4. Il periodo di validità di una proposta pubblica ai sensi del primo periodo non può essere inferiore a 4 settimane dalla data della sua pubblicazione. Se i titoli oggetto della bozza di contratto pubblica ai sensi della prima frase sono ammessi alla negoziazione in un mercato regolamentato, il proponente presenta la bozza della bozza di contratto alla Banca nazionale ceca e documenta l’adeguatezza dell’importo del corrispettivo offerto per ogni titolo partecipante; in questo caso non è richiesta la perizia di cui alla prima frase, a meno che l’attore non giustifichi debitamente l’adeguatezza del corrispettivo.

(6)La Banca nazionale ceca può, entro 15 giorni lavorativi dalla data di consegna della bozza di contratto pubblico, emettere una decisione che vieta la redazione di una bozza di contratto pubblica o che invita il firmatario a eliminare i difetti nella bozza, inclusa una giustificazione insufficiente dell’adeguatezza del considerazione; fissare una scadenza sufficiente per questo. Solo il firmatario è parte nel procedimento dinanzi alla Banca nazionale ceca. Nel caso in cui il proponente non presenti una bozza di contratto pubblica o una giustificazione della suddetta considerazione entro il periodo specificato, o se la bozza di contratto pubblica continua a mostrare difetti, la Banca nazionale ceca emetterà una decisione che vieta di fare una bozza pubblica contrarre. La Banca nazionale ceca può emettere una decisione che vieta la redazione di una bozza di contratto pubblico entro 15 giorni lavorativi dal giorno successivo all’ultimo giorno del periodo specificato nell’invito ai sensi della prima frase. Bozza di contratto pubblico,

(7) Se la persona responsabile non redige una bozza di contratto pubblica ai sensi del paragrafo 5, le persone che hanno acquisito il diritto di riacquistare i titoli di partecipazione hanno il diritto di chiedere la conclusione di una conclusione entro 6 mesi dalla data in cui la persona responsabile è in arretrato. contratto in tribunale o richiesta di risarcimento danni. Se risulta evidente che i proprietari dei titoli partecipanti che erano oggetto della bozza di contratto pubblica non hanno ricevuto o non devono ricevere un corrispettivo ragionevole ai sensi del paragrafo 5, possono richiedere che il ricorrente corrisponda al corrispettivo. Le disposizioni della legge sulle offerte pubbliche di acquisto che disciplinano un’azione per inadempimento di un obbligo di offerta e un’azione di transazione si applicano mutatis mutandis ai procedimenti di cui al presente paragrafo.

(8)È vietato offrire il rimborso o lo scambio di titoli di partecipazione a una più ampia gamma di persone se non sotto forma di bozza di contratto pubblico ai sensi del paragrafo 1. Ciò non si applica se qualcuno intende offrire il riacquisto o lo scambio di titoli di partecipazione a meno di 100 persone o se qualcuno intende riacquistare o scambiare titoli di partecipazione sulla base di una proposta pubblica, il cui valore nominale aggregato non supera l’1% del volume di emissione, o per il riacquisto o lo scambio di titoli di partecipazione effettuato esclusivamente su un mercato regolamentato europeo o un mercato estero simile a un mercato regolamentato. Lo statuto della società può inoltre specificare in anticipo che i paragrafi da 1 a 4 non si applicano ai suoi titoli di partecipazione se l’offerta di acquisto o scambio per 12 mesi consecutivi è fatta solo agli azionisti che detengono insieme i titoli di partecipazione, il cui valore nominale non supera il 5% del capitale sociale; ciò non si applica ai casi in cui l’obbligo di redigere una bozza di contratto pubblico è previsto dalla presente legge o da una norma giuridica speciale.

§ 183b – § 183h
annullato

Diritto di rimborso dei titoli partecipanti
§ 183i

(1) Una persona che possiede titoli di partecipazione in una società,

(a) il cui valore nominale aggregato è almeno il 90% del capitale sociale della società a cui sono attribuiti i diritti di voto; e

b) alla quale sia associata almeno una quota del 90% dei diritti di voto nella società (di seguito denominato “principale azionista”),

ha il diritto di chiedere al Consiglio di Amministrazione di convocare un’Assemblea Generale per decidere il trasferimento di tutti gli altri titoli di partecipazione della Società alla sua persona.

(2) Per l’adozione di una delibera dell’Assemblea è richiesta l’approvazione di almeno nove decimi dei voti di tutti i possessori di titoli di partecipazione, mentre hanno sempre diritto di voto i possessori di azioni privilegiate e l’azionista principale. La decisione dell’assemblea generale sarà oggetto di un atto notarile, che sarà accompagnato da una perizia sull’importo del corrispettivo in contanti o da un’altra giustificazione dell’importo del corrispettivo.

(3) La delibera dell’Assemblea Generale contiene anche la determinazione dell’azionista principale e l’importo del corrispettivo determinato in conformità con la Sezione 183j, Paragrafo 6, e il termine per la fornitura del corrispettivo.

(4) Ai fini della determinazione della quota ai sensi del paragrafo 1, i propri titoli di partecipazione posseduti dalla società devono essere suddivisi tra i proprietari dei titoli di partecipazione in proporzione ai valori nominali dei loro titoli di partecipazione.

(5) L’azionista principale è tenuto a consegnare al commerciante di valori mobiliari, banca o cooperativa di risparmio e credito i fondi nella misura necessaria per il pagamento del corrispettivo prima dell’Assemblea generale e di provare questo fatto alla società. Il pagamento del corrispettivo è effettuato da una banca, un’unione di risparmio e credito o un commerciante di valori mobiliari.

§ 183j

(1) Il Consiglio di Amministrazione deve convocare l’Assemblea Generale entro 15 giorni dalla data di consegna della domanda ai sensi della Sezione 183i (1) della Società.

(2) L’ invito all’Assemblea generale o l’avviso di partecipazione deve contenere anche informazioni decisive sulla determinazione dell’ammontare del corrispettivo, o le conclusioni della perizia, se richiesto, un invito ai creditori ipotecari a informare la società dell’esistenza di un privilegio su titoli di partecipazione emessi dalla società e una dichiarazione del Consiglio di amministrazione in merito al fatto che ritenga ragionevole l’importo del corrispettivo determinato in conformità al paragrafo 6.

(3) Determinazione dell’azionista principale, giustificazione dell’importo del corrispettivo, parere di esperti ai sensi del paragrafo 6, decisione della Banca nazionale ceca ai sensi della Sezione 183n paragrafo 1, se necessario, la società deve mettere a disposizione di qualsiasi proprietario di la sicurezza partecipante; La seconda e la terza frase della Sezione 184a (6) si applicano mutatis mutandis. Una società i cui titoli di partecipazione sono ammessi alla negoziazione in un mercato regolamentato europeo o in un mercato estero simile a un mercato regolamentato pubblica allo stesso tempo le informazioni sulla procedura ai sensi della Sezione 183i (1), in modo tale da consentire l’accesso remoto.

(4) Il progetto di delibera dell’assemblea generale non può specificare nella determinazione dell’importo del corrispettivo un importo inferiore a quanto determinato dalla perizia o giustificazione dell’importo del corrispettivo, a meno che una perizia non sia richiesta dalla legge.

(5) I proprietari dei titoli di partecipazione della società impegnati senza indebito ritardo dopo aver appreso della convocazione dell’Assemblea generale devono notificare alla società il fatto del pegno e la persona del pegno; avviso di tale obbligo dovrà essere dato nell’invito all’Assemblea o nell’avviso di convocazione.

(6) Insieme alla domanda ai sensi della Sezione 183i (1), l’azionista principale della società deve fornire una giustificazione per determinare l’importo del corrispettivo, una perizia, se richiesta, e una decisione della Banca nazionale ceca ai sensi della Sezione 183n (1); il principale azionista sostiene i costi di acquisizione e consegna di tali documenti.

§ 183k

(1) I proprietari di titoli partecipanti possono, dal momento in cui ricevono l’invito all’Assemblea generale, o dal momento in cui ne annuncia la detenzione, richiedere al tribunale di verificare l’adeguatezza del corrispettivo; se tale diritto non viene esercitato entro un mese dalla data di pubblicazione del verbale della delibera dell’Assemblea ai sensi della Sezione 183l del Registro delle Imprese, decade.

(2) Nel caso in cui il proprietario del titolo partecipante non eserciti il ​​diritto di cui al paragrafo 1, non può più invocare il corrispettivo sproporzionato.

(3) Una decisione del tribunale che concede il diritto a un importo diverso del corrispettivo è vincolante per il principale azionista e la società in termini di base del diritto concesso anche nei confronti degli altri proprietari di titoli di partecipazione. Il termine di prescrizione inizia a decorrere dal giorno in cui la decisione diventa definitiva, nei confronti di tutti gli aventi diritto, indipendentemente dal fatto che fossero parti del procedimento.

(4) La determinazione dell’inadeguatezza dell’importo del corrispettivo non determinerà l’invalidità della delibera dell’Assemblea generale ai sensi della Sezione 183i par.1.

(5) Una mozione per dichiarare la risoluzione di un’assemblea generale ai sensi della Sezione 131 non può essere basata sull’ammontare sproporzionato del corrispettivo.

§ 183l

(1) Il Consiglio di Amministrazione dovrà, senza indebito ritardo dopo l’adozione della delibera dell’Assemblea Generale, presentare una proposta per l’iscrizione della delibera nel Registro delle Imprese.

(2) Contestualmente, pubblica la delibera dell’Assemblea Generale e le conclusioni della perizia, se richiesta, secondo le modalità specificate per la convocazione dell’Assemblea Generale della Società e deposita il verbale notarile presso la sede della società per ispezione; nell’avviso pubblicato deve essere anche segnalato un avvertimento in merito.

(3) Trascorso un mese dalla pubblicazione dell’iscrizione della delibera nel Registro di Commercio ai sensi del comma 1, il diritto di proprietà sui titoli di partecipazione degli azionisti di minoranza della società passerà all’azionista principale.

(4) Se i titoli di partecipazione trasferiti sono stati costituiti in pegno, il privilegio scadrà al momento del trasferimento. I paragrafi 5 e 6 si applicano mutatis mutandis a un mutuatario che detiene un titolo di partecipazione costituito in pegno.

(5) Gli attuali proprietari di titoli di partecipazione certificati devono presentarli alla società entro 30 giorni dal trasferimento della proprietà; al momento del ritardo non possono richiedere considerazione ai sensi del § 183m. La Società ordinerà il cambio di proprietari di titoli di partecipazione dematerializzati su conti di proprietà a una persona autorizzata a tenere il registro dei titoli pertinente ai sensi di una normativa legale speciale entro lo stesso periodo, a condizione che la base per la registrazione della modifica sia una delibera Assemblea Generale ai sensi della Sezione 183i par.

(6) Se gli attuali proprietari dei titoli partecipanti non presentano questi titoli entro un mese, o entro un periodo aggiuntivo specificato dalla società, che non può essere inferiore a 14 giorni, la società procederà in conformità con la Sezione 214, Paragrafo 1 a 3.

(7) I titoli dei partecipanti restituiti devono essere consegnati dalla società all’azionista principale senza indebito ritardo. Il Consiglio di Amministrazione della Società emetterà, senza indebito ritardo, nuovi titoli di partecipazione della stessa forma, forma, tipo e valore nominale all’azionista principale dei titoli di partecipazione dichiarati nulli.

§ 183m

(1) Gli aventi diritto hanno diritto a un corrispettivo in denaro, il cui importo sarà determinato dall’azionista principale; il principale azionista deve dimostrare l’adeguatezza del corrispettivo mediante una perizia, se richiesta, che non può essere anteriore a 3 mesi dalla data di consegna della domanda ai sensi dell’articolo 183i comma 1.

(2) Gli attuali proprietari di titoli di partecipazione dematerializzati acquisiscono il diritto di pagare un corrispettivo inserendo il diritto di proprietà nel conto di proprietà nel registro titoli pertinente e i proprietari di titoli di partecipazione cartacei consegnandoli alla società ai sensi del § 183l par. 5 e 6 e interessi nella misura degli interessi usuali ex 502 dalla data in cui il diritto di proprietà sui titoli di partecipazione degli azionisti di minoranza della società è stato trasferito al principale azionista.

(3) Un commerciante di valori mobiliari, una banca o una cooperativa di risparmio e credito versa agli aventi diritto un corrispettivo senza indebito ritardo dopo aver soddisfatto le condizioni di cui al paragrafo 2.

(4) Un commerciante di valori mobiliari, una banca o una cooperativa di credito e di risparmio deve fornire un corrispettivo alla persona che era il proprietario dei titoli di partecipazione della società al momento del trasferimento della proprietà ai sensi della Sezione 183l (3) (di seguito il “proprietario originale” ); tuttavia, se la creazione di un privilegio su tali titoli è dimostrata, deve essere fornita al mutuatario; ciò non si applica se il proprietario originario dimostra che il privilegio è scaduto prima del trasferimento della proprietà ai sensi della Sezione 183l (3).

§ 183n

Particolarità della procedura per il rimborso dei titoli di partecipazione ammessi alla negoziazione su un mercato regolamentato europeo o un mercato estero simile a un mercato regolamentato
(1) L’approvazione dell’assemblea generale sul trasferimento di tutti gli altri titoli di partecipazione di una società i cui titoli di partecipazione sono stati ammessi alla negoziazione su un mercato regolamentato europeo o un mercato estero simile a un mercato regolamentato a un azionista di primaria importanza richiede il previo consenso della Banca nazionale ceca per giustificare la considerazione. La Banca nazionale ceca valuta solo se il firmatario ha debitamente giustificato l’importo proposto del corrispettivo. La Banca nazionale ceca emette una decisione entro 15 giorni lavorativi dal ricevimento della domanda; la Banca nazionale ceca può prorogare questo periodo di un massimo di 15 giorni lavorativi.

(2) Se i titoli di partecipazione della società sono ammessi alla negoziazione su un mercato regolamentato europeo o un mercato estero simile a un mercato regolamentato, non è richiesta la perizia di un esperto ai sensi della Sezione 183m (1).

(3) Se l’azionista principale ha acquisito titoli di partecipazione ai sensi della Sezione 183i par.1 a seguito di un’offerta pubblica di acquisto obbligatoria o di un’offerta pubblica di acquisto volontaria ai sensi della Legge sulle offerte pubbliche di acquisto, sulla base della quale l’azionista principale ha acquisito almeno 90 % di tutti i titoli di partecipazione della società il corrispettivo coperto da tale offerta pubblica di acquisto obbligatoria o volontaria è un corrispettivo ragionevole. Il diritto dell’azionista principale ai sensi dell’articolo 183i comma 1 deve essere esercitato entro 3 mesi dalla fine del periodo vincolante dell’offerta pubblica di acquisto di cui al primo periodo, altrimenti il ​​primo periodo non trova applicazione.

(4) Il giorno del trasferimento della proprietà dei titoli di partecipazione ai sensi della Sezione 183l (3), i titoli di partecipazione saranno esclusi dalla negoziazione su un mercato regolamentato europeo o un mercato estero simile a un mercato regolamentato; La sezione 186a (1) e (2) non si applica. La Società informa senza indebito ritardo della decisione dell’Assemblea generale ai sensi della Sezione 183i in conformità con i requisiti del Capital Market Act o requisiti comparabili della legislazione estera del Mercato di regolamentazione europeo o di un mercato estero simile al mercato regolamentato in cui i titoli di partecipazione ai sensi del capoverso 1. sono stati accettati per la negoziazione.

Sezione 4

Organi societari
Incontro generale
§ 184

(1) L’Assemblea generale è l’organo più alto della società. Un azionista partecipa all’Assemblea di persona o per delega (di seguito denominato “l’attuale azionista”).

(2)Lo Statuto può disciplinare le condizioni alle quali gli azionisti possono partecipare all’Assemblea con mezzi elettronici, consentendo, ad esempio, la trasmissione diretta a distanza dell’Assemblea tramite immagine e suono o la comunicazione diretta bidirezionale tra l’Assemblea e l’azionista. Lo Statuto può anche disciplinare il voto esprimendo voti prima o durante l’Assemblea senza che l’azionista o il suo rappresentante debba essere presente di persona all’Assemblea, o esprimendo i propri voti per iscritto prima dell’Assemblea generale (voto per corrispondenza). . Le condizioni devono essere stabilite in modo tale da consentire alla società di verificare l’identità del soggetto legittimato a esercitare il diritto di voto e di identificare le azioni alle quali è esercitato il diritto di voto, altrimenti i voti espressi con tale procedura o la partecipazione di tali azionisti con diritto di voto non viene presa in considerazione.

(3)Lo Statuto o le decisioni che precedono l’Assemblea Generale possono specificare una data che è determinante per la partecipazione all’Assemblea Generale. La delibera dell’Assemblea ai sensi della prima frase non sarà considerata una decisione sulla modifica dello Statuto. Il giorno decisivo non può precedere il giorno dell’Assemblea generale di più di 30 giorni. Se le azioni della società sono ammesse alle negoziazioni su un mercato regolamentato europeo, il giorno decisivo per la partecipazione all’Assemblea è sempre il settimo giorno precedente l’Assemblea; la prima frase non si applica. Salvo che lo statuto della società che ha emesso azioni contabili non ammesse alle negoziazioni in un mercato regolamentato europeo non preveda un’altra data determinante, il giorno determinante per la partecipazione all’Assemblea è il settimo giorno precedente l’Assemblea. La società che ha emesso le azioni contabili

(4) La procura per la rappresentanza in Assemblea deve essere in forma scritta e deve indicare se è stata concessa per la rappresentanza in una o più Assemblee generali in un determinato periodo. Una persona iscritta nel registro degli strumenti di investimento o nel registro dei titoli dematerializzati come trustee o come persona autorizzata ad esercitare i diritti connessi alle azioni è considerata legittimata a rappresentare gli azionisti nell’esercizio di tutti i diritti associati alle azioni detenute nel conto, incluso il voto alle assemblee generali. Questa persona è provata da un estratto del registro degli strumenti di investimento o da un estratto del registro dei titoli contabili; ciò non è necessario se la società è tenuta a richiedere un estratto dal registro degli strumenti di investimento o un estratto dal registro dei titoli contabili ai fini dell’esercizio dei diritti connessi alle azioni.

(5) Il titolare della delega è tenuto a comunicare agli azionisti in tempo utile prima dell’Assemblea generale tutti i fatti che potrebbero essere rilevanti per l’azionista nel valutare se nel caso specifico vi sia un rischio di conflitto di interessi e interessi del delegato. I componenti degli organi sociali possono accettare l’autorizzazione del socio solo se pubblicano l’informativa di cui al primo periodo contestualmente all’invito all’Assemblea o all’avviso di convocazione.

(6) Un azionista non è tenuto ad esercitare i diritti di voto connessi a tutte le sue azioni nello stesso modo; questo vale anche per i suoi agenti.

§ 184a

(1) L’Assemblea generale si tiene almeno una volta all’anno entro il periodo specificato nello Statuto, ma non oltre 6 mesi dall’ultimo giorno del periodo contabile. Deve essere convocato dal Consiglio di amministrazione, o da un suo membro, a meno che il Consiglio di amministrazione non abbia deliberato senza indebito ritardo e la legge preveda l’obbligo di convocare l’Assemblea generale o se il Consiglio di amministrazione non è in grado di approvare una delibera per un lungo periodo tempo, salvo diversa disposizione della presente legge.

(2)Il Consiglio di Amministrazione è tenuto a pubblicare un invito all’Assemblea Generale o un avviso di convocazione secondo le modalità previste dalla legge e dallo Statuto. Nel caso di società con azioni nominative, il Consiglio di Amministrazione pubblica l’invito inviandolo a tutti gli azionisti all’indirizzo della sede legale o della residenza indicata nell’elenco degli azionisti almeno 30 giorni prima dell’Assemblea. Nel caso di società con azioni al portatore, il Consiglio di Amministrazione pubblica entro tale termine l’avviso di convocazione dell’Assemblea nella Gazzetta Commerciale e secondo le modalità stabilite dallo Statuto. Qualora il titolare di azioni al portatore costituisca un pegno a favore della società su almeno una quota della società a garanzia dei costi di invio dell’avviso di convocazione dell’Assemblea e richiede l’invio dell’avviso di convocazione dell’Assemblea all’indirizzo indicato nella domanda l’azienda ha l’obbligo di inviare comunicazioni a sue spese.

(3) L’ invito all’assemblea generale o l’avviso di convocazione dell’assemblea generale devono contenere almeno

a) ragione sociale e sede legale,

b) luogo, data e ora dell’Assemblea,

c) un’indicazione se è convocata un’assemblea generale ordinaria, straordinaria o alternativa,

d) l’ ordine del giorno dell’Assemblea generale,

e) la data decisiva per la partecipazione all’Assemblea, se del caso, e una spiegazione del suo significato per il voto in Assemblea.

(4) Il luogo, la data e l’ora dell’Assemblea generale devono essere determinati in modo da limitare il meno possibile la possibilità per gli azionisti di partecipare all’Assemblea generale.

(5) L’assemblea generale può essere revocata o la data della sua partecipazione può essere modificata in una data successiva. La revoca dell’assemblea generale o la modifica della data dell’assemblea generale devono essere annunciate secondo le modalità previste dalla legge e dallo statuto per la convocazione dell’assemblea generale, al più tardi una settimana prima della data annunciata dell’assemblea generale, altrimenti il la società è tenuta a pagare ai soci i costi sostenuti. Un’Assemblea generale straordinaria convocata ai sensi della Sezione 181 può essere revocata o la data della sua partecipazione può essere modificata in una data successiva solo se gli azionisti ivi elencati lo richiedono. Nel determinare la nuova data dell’Assemblea generale, deve essere rispettato il termine di cui al paragrafo 2 o ai sensi del § 181 paragrafo 2.

(6) Se una modifica allo statuto della società deve essere all’ordine del giorno dell’assemblea generale, l’invito all’assemblea generale o l’avviso della sua partecipazione devono almeno caratterizzare la sostanza delle modifiche proposte e delle modifiche proposte al lo statuto deve essere disponibile per la consultazione da parte degli azionisti presso la sede legale della società. Il socio ha la facoltà di richiedere copia del progetto di statuto a proprie spese e rischio. Gli azionisti devono essere informati di tali diritti nell’invito all’Assemblea o nell’avviso di partecipazione.

§ 185

(1) L’assemblea generale può deliberare se gli attuali azionisti hanno azioni il cui valore nominale supera il 30% del capitale sociale della società, a meno che lo statuto non richieda una partecipazione maggiore.

(2) Gli azionisti attuali devono essere inseriti nell’elenco dei partecipanti, che contiene la società o il nome e la sede legale della persona giuridica o il nome e la residenza della persona fisica che è un azionista o un suo rappresentante, il numero di azioni cartacee e il valore nominale delle azioni che danno diritto al voto, ovvero l’indicazione che le azioni non danno diritto al voto. L’elenco dei partecipanti dovrà indicare separatamente gli azionisti che hanno partecipato all’Assemblea secondo la procedura di cui all’art. 184 (2), precisando sempre le modalità di verifica della loro identità e identità delle azioni. Se l’azienda rifiuta di iscrivere una determinata persona nell’elenco delle presenze, lo deve dichiarare nell’elenco delle presenze, includendo il motivo del rifiuto. La correttezza dell’elenco dei presenti è confermata dalle firme del Presidente dell’Assemblea e del verbale dell’elezione secondo Statuto.

(3) Se l’Assemblea generale non è in grado di approvare una risoluzione, il Consiglio di amministrazione convoca un’assemblea generale supplente. Il Consiglio di amministrazione convoca un’Assemblea generale supplente mediante un nuovo invito o un nuovo annuncio secondo le modalità specificate nella Sezione 184a (2), con il termine ivi specificato ridotto a 15 giorni. L’invito deve essere inviato e l’avviso di convocazione dell’Assemblea deve essere pubblicato entro e non oltre 15 giorni dalla data in cui è stata convocata l’Assemblea originaria. L’assemblea generale supplente deve tenersi entro sei settimane dalla data in cui è stata convocata l’assemblea generale originaria. L’assemblea generale supplente deve avere un ordine del giorno invariato ed essere in grado di adottare risoluzioni nonostante le disposizioni del paragrafo 1.

(4) Le questioni che non sono state incluse nella proposta di ordine del giorno dell’Assemblea generale possono essere decise solo con la partecipazione e il consenso di tutti gli azionisti della società.

§ 186

(1) L’assemblea generale delibera a maggioranza dei voti degli azionisti presenti, a meno che la presente legge non richieda una maggioranza diversa. Lo statuto può prevedere un maggior numero di voti necessari per l’adozione di una delibera.

(2) Su questioni ai sensi del § 187 par.1 let. a), b), c) e k) e l’Assemblea delibera sullo scioglimento della società in liquidazione e sulla proposta di ripartizione del saldo di liquidazione di almeno due terzi dei voti dei soci presenti. Se l’Assemblea decide di aumentare o diminuire il capitale sociale, è stato richiesto anche il consenso di almeno due terzi dei voti degli attuali azionisti per ciascuna tipologia di azioni emesse dalla Società o in sostituzione dei certificati provvisori.

(3) La decisione dell’Assemblea generale di modificare il tipo o la forma delle azioni, di modificare i diritti associati a un determinato tipo di azioni, di limitare la trasferibilità delle azioni nominative e di escludere le azioni dalla negoziazione su un mercato regolamentato europeo o estero mercato simile a un mercato regolamentato, un quarto dei voti degli azionisti presenti che detengono tali azioni.

(4) L’esclusione o la limitazione del diritto di prelazione all’acquisto di obbligazioni convertibili e senior, l’esclusione o la limitazione del diritto di prelazione a sottoscrivere nuove azioni ai sensi della Sezione 204a, l’approvazione dell’accordo di controllo (Sezione 190b) , l’approvazione dell’accordo di trasferimento degli utili (Sezione 190a)) e le loro modifiche e l’aumento del capitale sociale mediante conferimenti non monetari saranno deliberati dall’Assemblea dei soci con almeno tre quarti dei voti degli azionisti attuali. Qualora la società abbia emesso più tipologie di azioni, la delibera dell’Assemblea richiede anche il consenso di almeno tre quarti dei voti degli azionisti presenti per ciascuna tipologia di azioni.

(5) La decisione dell’Assemblea generale sulla fusione delle azioni richiede anche il consenso di tutti gli azionisti le cui azioni devono essere fuse.

(6) Le decisioni notarili devono essere prese ai sensi dei paragrafi da 2 a 5. L’atto notarile della delibera di modifica dello Statuto deve contenere anche il testo approvato della modifica dello Statuto.

§ 186a

(1)Se l’Assemblea generale decide di escludere i titoli partecipanti dalla negoziazione su un mercato regolamentato europeo o un mercato estero simile a un mercato regolamentato, la società è obbligata a presentare una bozza di accordo pubblica entro 30 giorni dalla data di tale decisione. La bozza di contratto pubblica deve essere indirizzata a soggetti che erano proprietari dei titoli di partecipazione della Società alla data dell’Assemblea Generale e non hanno votato o non hanno partecipato all’Assemblea Generale per l’esclusione dei titoli di partecipazione dalla negoziazione sul mercato ufficiale, per quanto riguarda i titoli partecipanti i cui proprietari si trovavano il giorno dell’Assemblea e non hanno rinunciato al diritto di venderli alla società. La dichiarazione di rinuncia deve essere in forma scritta con una firma ufficialmente verificata o deve essere presentata all’assemblea generale. La dichiarazione di rinuncia al diritto in Assemblea sarà dichiarata nel verbale notarile della decisione dell’Assemblea generale. La rinuncia ha anche effetti legali nei confronti del successore legale dell’azionista. In caso di dubbio, si ritiene che la persona che ha accettato la bozza pubblica di contratto fosse il proprietario dei titoli di partecipazione della società al momento dell’Assemblea generale ed era il proprietario del numero di titoli di partecipazione indicato nell’adozione della bozza pubblica contrarre. L’atto notarile della delibera dell’Assemblea deve nominare i proprietari dei titoli partecipanti che hanno votato per essere esclusi dalle negoziazioni su un mercato regolamentato europeo o un mercato estero simile al mercato regolamentato. era il proprietario dei titoli di partecipazione della società al momento dell’Assemblea generale ed era il proprietario del numero di titoli di partecipazione che ha dichiarato nell’adozione della bozza di contratto pubblica. L’atto notarile della delibera dell’Assemblea deve nominare i proprietari dei titoli partecipanti che hanno votato per l’esclusione dalle negoziazioni su un mercato regolamentato europeo o un mercato estero simile al mercato regolamentato. era il proprietario dei titoli di partecipazione della società al momento dell’Assemblea generale ed era il proprietario del numero di titoli di partecipazione che ha dichiarato nell’adozione della bozza di contratto pubblica. L’atto notarile della delibera dell’Assemblea deve nominare i proprietari dei titoli partecipanti che hanno votato per essere esclusi dalle negoziazioni su un mercato regolamentato europeo o un mercato estero simile al mercato regolamentato.

(2) Il Consiglio di amministrazione è tenuto a notificare all’Assemblea generale senza indebito ritardo la revoca dalla quotazione di titoli partecipanti dalla negoziazione su un mercato regolamentato europeo o un mercato estero simile al mercato regolamentato alla Banca nazionale ceca e all’organizzatore di un mercato o mercato estero analogo al mercato regolamentato negozia, e pubblicarli secondo le modalità previste dalla legge e dallo Statuto per la convocazione dell’Assemblea.

(3)Se l’Assemblea decide di modificare la tipologia di azioni o di limitare la trasferibilità delle azioni nominative o di inasprirle, la società è tenuta a redigere una bozza di contratto pubblica entro 30 giorni dalla data di iscrizione di tali fatti nel Registro delle Imprese. La bozza pubblica di accordo si riferisce a questo tipo o forma di azioni e deve essere indirizzata agli azionisti o ai certificati provvisori sostitutivi che erano azionisti della società alla data dell’assemblea generale e non hanno votato per modificare il tipo di azioni o per limitare la trasferibilità di azioni nominative o non hanno partecipato all’Assemblea generale., in relazione a quelle azioni o certificati provvisori, i cui proprietari erano alla data dell’Assemblea generale, e non hanno rinunciato al diritto di venderli alla società. La dichiarazione di rinuncia deve essere scritta con una firma ufficialmente verificata o deve essere presentata all’assemblea generale. La dichiarazione di rinuncia al diritto in Assemblea sarà dichiarata nel verbale notarile della decisione dell’Assemblea generale. La rinuncia ha anche effetti legali nei confronti del successore legale dell’azionista. L’atto notarile della delibera dell’assemblea generale deve nominare gli azionisti che hanno votato per cambiare il tipo di azioni o per limitare la trasferibilità delle azioni nominative. Il Consiglio di Amministrazione ha l’obbligo di annunciare senza indebito ritardo secondo le modalità previste dalla legge e dallo Statuto per la convocazione dell’Assemblea Generale nel giorno in cui è stata iscritta la modifica del tipo di azioni o le limitazioni alla trasferibilità delle azioni. Registro commerciale. che hanno votato per modificare la tipologia di azioni o per limitare la trasferibilità delle azioni nominative. Il Consiglio di Amministrazione è tenuto ad annunciare senza indebito ritardo secondo le modalità previste dalla legge e dallo Statuto per la convocazione dell’Assemblea Generale nel giorno in cui è stata iscritta la modifica del tipo di azioni o le restrizioni alla trasferibilità delle azioni. Registro commerciale. che hanno votato per modificare la tipologia di azioni o per limitare la trasferibilità delle azioni nominative. Il Consiglio di Amministrazione è tenuto ad annunciare senza indebito ritardo secondo le modalità previste dalla legge e dallo Statuto per la convocazione dell’Assemblea Generale nel giorno in cui è stata iscritta la modifica del tipo di azioni o le restrizioni alla trasferibilità delle azioni. Registro commerciale.

(4) La Società è obbligata a pagare il prezzo di acquisto dei titoli partecipanti acquisiti sulla base di una bozza di contratto pubblica entro e non oltre 1 mese dal giorno successivo alla scadenza del periodo vincolante della bozza di contratto pubblica ai sensi della Sezione 183a .

(5) Gli azionisti della società che hanno votato per una modifica del tipo di azioni, restrizione della trasferibilità delle azioni, inasprimento o esclusione dei titoli di partecipazione dalla negoziazione su un mercato regolamentato europeo o un mercato estero simile al mercato regolamentato sono obbligati ad acquistare dai titoli della società acquisiti dalla società ai sensi delle disposizioni di cui sopra, al prezzo pagato dalla società per loro, entro tre mesi dalla data in cui la società li ha acquistati, secondo il rapporto tra il valore nominale delle loro azioni più gli interessi a il tasso richiesto dalle banche per fornire il prestito corrispondente al momento in cui la società ha stipulato il contratto. Ciò non si applica se la società può vendere le azioni in modo più redditizio.

§ 186b

(1) Se l’Assemblea generale decide di cambiare il tipo o la forma delle azioni o di dividere le azioni in più azioni di valore nominale inferiore o di combinare più azioni in un’unica azione, la società può emettere nuove azioni e fissare un termine per la presentazione delle azioni cartacee per lo scambio solo dopo che questa modifica sarà inserita nel Registro delle Imprese.

(2) La sezione 214 si applica alla procedura per lo scambio di azioni con azioni di un altro tipo o forma o per lo scambio di azioni dopo la loro divisione o fusione di più azioni in un’unica azione. Si applicano le disposizioni della sezione 213a (2) e (3) mutatis mutandis.

§ 186c

(1) Nel valutare la capacità dell’Assemblea generale di prendere decisioni e votare in Assemblea, non si tiene conto delle azioni o dei certificati provvisori a cui il diritto di voto non è connesso, o se il diritto di voto ad essi associato non può essere esercitato.

(2) Un azionista non può esercitare il diritto di voto

a) associato al certificato provvisorio, se è in arretrato con il rimborso del prezzo di emissione delle azioni in circolazione o di parte di esse,

b) se l’Assemblea decide sul proprio contributo non monetario,

c) se l’Assemblea decide se esonerare lui o una persona con cui agisce di comune accordo dall’adempimento dell’obbligo o se debba essere rimosso dalla carica di membro dell’organo sociale per violazione dei doveri nell’esercizio del suo funzione,

d) negli altri casi previsti dalla legge.

(3) Il divieto di esercizio del diritto di voto di cui al comma 2 lett da b) ad) si applicano anche agli azionisti che trattano con un azionista che non è in grado di esercitare il diritto di voto di comune accordo.

(4) Il divieto di esercitare i diritti di voto ai sensi dei paragrafi 2 e 3 non si applica nel caso in cui tutti gli azionisti della società agiscano di concerto (Sezione 66b).

§ 186d

Accordi sull’esercizio dei diritti di voto
(1) Accordi con i quali un azionista si impegna:

(a) seguire le istruzioni di voto della società o di uno dei suoi organi sulle modalità di voto; o

(b) votare a favore delle proposte presentate dagli organi della società; o

(c) esercitare i diritti di voto in un modo particolare o non votare in cambio dei benefici forniti dalla società.

(2) Le disposizioni dello Statuto che obbligano gli azionisti a procedere ai sensi del paragrafo 1 non sono valide.

§ 187

(1) La competenza dell’Assemblea generale include

a) decidere in merito alla modifica dello Statuto Sociale, a meno che non si tratti di una variazione dovuta ad un aumento del capitale sociale da parte del Consiglio di Amministrazione ai sensi dell’articolo 210 o di una modifica intervenuta sulla base di altri fatti giuridici,

b) deliberare in merito all’aumento o alla diminuzione del capitale sociale o all’autorizzazione del Consiglio di Amministrazione ai sensi dell’articolo 210 o alla possibilità di compensare un credito monetario della società con un credito per il rimborso del prezzo di emissione,

c) decisioni sulla riduzione del capitale sociale e sull’emissione di obbligazioni ai sensi dell’articolo 160,

d) elezione e revoca dei membri del Consiglio di amministrazione, a meno che lo Statuto non preveda che siano eletti e revocati dal Consiglio di vigilanza (Sezione 194 (1)),

e) elezione e revoca dei membri del Consiglio di Sorveglianza e degli altri organi determinati dallo Statuto, ad eccezione dei membri del Consiglio di Sorveglianza eletti e revocati ai sensi della Sezione 200,

f) l’ approvazione del bilancio regolare o straordinario e del bilancio consolidato e, nei casi previsti dalla legge, anche dei bilanci intermedi, decisioni sulla distribuzione degli utili o altre risorse proprie o sulla determinazione di royalties e decisioni sulla compensazione delle perdite,

g) deliberare sulla remunerazione dei membri del Consiglio di Amministrazione e del Consiglio di Sorveglianza,

h) una decisione sulla presentazione di una domanda di ammissione dei titoli di partecipazione della società alla negoziazione su un mercato regolamentato europeo o un mercato estero simile a un mercato regolamentato e la loro esclusione dalla negoziazione,

i) decisione sullo scioglimento della società in liquidazione, nomina e revoca del liquidatore, compresa la determinazione dell’ammontare del suo compenso, approvazione della proposta di distribuzione del saldo di liquidazione,

j) decisione sulla fusione, trasferimento di attività a un azionista o scissione, o sul cambiamento della forma giuridica,

k) approvazione dei contratti di cui alla sezione 67a,

l) approvazione delle azioni compiute per conto della società fino alla sua costituzione ai sensi della Sezione 64,

m) approvazione dell’accordo di controllo (§ 190b), dell’accordo di trasferimento degli utili (§ 190a) e dell’accordo di tacito e loro modifiche,

n) decisioni su altre questioni che la presente legge o lo statuto includono nella competenza dell’Assemblea generale.

(2) L’Assemblea generale non può riservarsi questioni decisionali che non le siano affidate dalla legge o dallo Statuto.

§ 188

(1) L’Assemblea Generale elegge il suo presidente, il cancelliere, due verificatori dei verbali e le persone autorizzate a contare i voti. Fino all’elezione del presidente, l’assemblea generale è presieduta da un membro del consiglio di amministrazione, che il consiglio di amministrazione autorizza, salvo diversa disposizione della presente legge.

(2) Il verbale dell’Assemblea generale contiene:

a) ragione sociale e sede legale,

b) il luogo e l’ora dell’Assemblea generale,

c) il nome del presidente dell’assemblea generale, il registratore, i verificatori dei verbali e le persone autorizzate a contare i voti,

d) una descrizione della discussione dei singoli punti all’ordine del giorno dell’Assemblea,

e) la decisione dell’Assemblea generale che dichiara il risultato della votazione,

f) il contenuto del protesto del socio, membro del Consiglio di Amministrazione o del Consiglio di Sorveglianza in merito alla decisione dell’Assemblea, se il manifestante lo richiede.

(3) Il verbale deve essere accompagnato da proposte e dichiarazioni sottoposte all’Assemblea per la discussione e da un elenco dei presenti all’Assemblea.

§ 189

(1) Il Consiglio di Amministrazione assicura la redazione del verbale dell’Assemblea entro 30 giorni dal suo completamento. I verbali devono essere firmati dal cancelliere e dal presidente dell’Assemblea generale e da due verificatori eletti.

(2) Ogni azionista può richiedere al Consiglio di Amministrazione di rilasciare una copia della registrazione o parte di essa per l’intero periodo di esistenza della società. Salvo disposizione contraria dello statuto della società, una copia della registrazione o parte di essa dovrà essere effettuata a spese dell’azionista che ne richiede l’emissione.

(3) Il verbale dell’Assemblea unitamente all’annuncio o invito all’Assemblea e l’elenco degli azionisti presenti saranno conservati negli archivi della Società per tutta la durata della Società. Il liquidatore garantirà l’archiviazione o la custodia di questi registri per un periodo di dieci anni dopo lo scioglimento della società. Se la società viene sciolta senza liquidazione e il suo patrimonio viene trasferito al successore legale, le registrazioni negli archivi del successore legale saranno conservate allo stesso modo delle registrazioni di questo successore.

§ 190

(1) Se una società ha un solo azionista, l’Assemblea generale non si terrà e i poteri dell’Assemblea generale saranno esercitati da questo azionista. L’espressione della volontà dell’azionista nell’esercizio dei poteri dell’Assemblea deve avvenire per iscritto (di seguito denominata “decisione dell’azionista”). La decisione del partner deve essere sotto forma di un atto notarile di un atto legale nei casi in cui viene redatto un atto notarile della decisione dell’Assemblea generale. Le disposizioni della Sezione 186c (2) e (3) non si applicano.

(2) L’unico azionista ha facoltà di richiedere che il Consiglio di Amministrazione e il Consiglio di Sorveglianza partecipino al processo decisionale ai sensi del paragrafo 1. La decisione scritta dell’azionista unico deve essere consegnata al Consiglio di Amministrazione e al Consiglio di Sorveglianza.

(3) I contratti conclusi tra una società e l’unico azionista di tale società, se questo azionista agisce anche per conto della società, devono essere in forma di atto notarile o in forma scritta e il documento deve essere firmato dinanzi all’organo responsabile per la legalizzazione.

§ 190a

Accordo di trasferimento degli utili

(1) Con un accordo di trasferimento degli utili, l’entità controllata si impegna, dopo aver effettuato un’allocazione al fondo di riserva, se la creazione del fondo di riserva è richiesta dalla legge o dal documento costitutivo, a trasferire l’utile residuo o parte di esso alla direzione entità. Il contratto di partecipazione agli utili deve comprendere anche l’obbligo per la gestione delle parti non parti degli azionisti (“soci non permanenti”) di fornire loro un adeguato compenso, a meno che la società non abbia tale azionista.

(2) Deve essere fornito un compenso adeguato ai sensi del paragrafo 1 per la durata del contratto ogni anno e almeno in un importo che potrebbe essere distribuito come quota del profitto sulla base dei risultati passati della società e dei risultati futuri attesi, tenendo conto dell’ammortamento ragionevole e quote attribuibili ad azioni di un certo valore nominale o alla quota di tale azionista. Se l’accordo di trasferimento dei profitti copre solo una parte del profitto, l’importo del compenso ragionevole viene ridotto proporzionalmente.

(3) Il contratto di trasferimento degli utili è valido anche se l’indennità di cui al paragrafo 1 non è adeguata. Gli azionisti esterni hanno il diritto di richiedere che l’importo del compenso ragionevole sia determinato dal tribunale. La causa deve essere intentata entro 3 mesi dalla pubblicazione del deposito del contratto di trasferimento degli utili alla raccolta di documenti, altrimenti tale diritto decade. Una decisione del tribunale che determina l’importo del risarcimento ragionevole al di fuori di un partner permanente è anche vincolante per la persona di gestione in relazione alla base del diritto concesso ad altri partner esterni.

§ 190b

Contratto di controllo
(1) Una parte contraente (persona controllata) si impegna a sottoporsi a una procedura unificata a un’altra persona (persona responsabile) dal contratto di controllo. Se l’accordo di controllo include anche l’obbligo della persona controllata di trasferire l’utile o parte di esso alla persona di gestione, si applicano mutatis mutandis le disposizioni della Sezione 190a.

(2) L’ente gestore ha il diritto di dare istruzioni all’organo statutario dell’entità controllata, anche quelle che possono essere svantaggiose per l’entità controllata se sono nell’interesse dell’ente gestore o di un’altra persona con cui forma un gruppo. Ciò non pregiudica l’obbligo delle persone che costituiscono l’organo statutario della persona controllata o dei suoi membri di agire con la dovuta diligenza. Né un’altra persona né alcun altro organo della persona controllata ha il diritto di dare istruzioni all’organo statutario della persona controllata che siano in conflitto con le istruzioni della persona che gestisce.

(3) Le persone che, per conto del dirigente, impartiscono istruzioni all’organo statutario della persona controllata sono tenute a procedere con la cura di un proprio responsabile. In caso di violazione di tale obbligo, sono tenuti in solido a risarcire il danno derivante dalla persona controllata. Se è contestato se queste persone abbiano agito con la dovuta diligenza, hanno l’onere della prova. Il gestore è responsabile dell’adempimento dell’obbligo di risarcimento danni.

(4) Il diritto al risarcimento del danno può essere esercitato anche da uno qualsiasi dei suoi partner per conto della persona controllata. Le disposizioni del § 182 si applicano mutatis mutandis.

(5) Se, a seguito di una violazione degli obblighi di cui al paragrafo 3, si verifica un danno anche ai creditori della persona controllata, le persone che hanno violato tale obbligo sono responsabili in solido per il danno causato al creditore se il creditore il reclamo non può essere soddisfatto dalla proprietà della persona controllata. Il gestore è responsabile dell’obbligo di risarcimento dei danni.

(6) Insieme alle persone di cui ai paragrafi 3 e 5, anche le persone che sono l’organo statutario della persona controllata o dei suoi membri sono responsabili del danno così subito, a meno che non abbiano agito con la dovuta diligenza. Tali persone non sono responsabili del danno se hanno agito secondo le istruzioni impartite in conformità con le disposizioni del paragrafo 2.

Disposizioni comuni sull’accordo di controllo e sull’accordo di trasferimento degli utili
§ 190c

(1)L’accordo di controllo o l’accordo di trasferimento degli utili deve essere concluso per iscritto e deve includere l’obbligo per gli azionisti esterni di presentare una richiesta scritta per il trasferimento delle loro azioni, certificati provvisori o azioni a titolo oneroso (di seguito “accordo di trasferimento di trasferimento”) a un prezzo commisurato al loro valore, azioni, certificati provvisori o azioni (di seguito “indennizzo”), a meno che la società non abbia tale azionista. Le disposizioni della Sezione 186a (6) si applicano mutatis mutandis. Il termine per il pagamento dell’indennità non può superare 1 mese dalla data di conclusione del contratto di cessione a titolo oneroso. L’importo della compensazione o il metodo della sua determinazione deve essere specificato nell’accordo di controllo o nell’accordo di trasferimento degli utili. Il diritto di richiedere la conclusione di un contratto di trasferimento a titolo oneroso può essere limitato nel tempo. In tal caso, il periodo per l’esercizio di tale diritto non può essere inferiore a 3 mesi dalla data di entrata in vigore dell’accordo di controllo o del contratto di trasferimento degli utili. Ai fini della presente disposizione, le azioni, i certificati provvisori e gli interessi commerciali sono sempre considerati integralmente trasferibili.

(2) Se l’importo della compensazione non è determinato nel contratto di controllo o nel contratto di trasferimento degli utili ai sensi del paragrafo 1, il contratto è comunque valido. I partner esterni hanno il diritto di richiedere che l’importo del risarcimento appropriato sia determinato dal tribunale. L’azione deve essere presentata entro 3 mesi dal deposito dell’accordo di controllo o dalla pubblicazione dell’accordo sul trasferimento degli utili nella raccolta dei documenti, o dalla conclusione dell’accordo sul trasferimento a titolo oneroso, altrimenti tale diritto decade. Una decisione del tribunale che determina l’importo del risarcimento ragionevole al di fuori di un partner permanente è anche vincolante per la persona di gestione in relazione alla base del diritto concesso nei confronti di altri partner esterni.

(3) Il contratto di controllo o il contratto di trasferimento dell’utile può essere risolto solo con effetto alla fine del periodo contabile. L’effetto retroattivo non è consentito. Un atto legale che comporta la risoluzione del contratto deve essere in forma scritta. Se il contratto deve essere risolto sulla base di un atto giuridico, l’efficacia di tale atto legale richiede il consenso dell’Assemblea generale e degli azionisti esterni, se il contratto di controllo o l’accordo di trasferimento degli utili contiene un obbligo di compensazione o compensazione. Le disposizioni della Sezione 190d (1), ultima frase, si applicano mutatis mutandis. Le disposizioni delle sezioni 190e, 190g e 190h si applicano mutatis mutandis.

(4) Il dirigente o il soggetto controllato ha il diritto di recedere dal contratto di controllo o dal contratto di trasferimento di profitto con effetto dalla data di consegna del recesso all’altra parte solo per gravi motivi, soprattutto se l’altra parte non è in grado di adempiere agli obblighi previsti dal contratto. L’entità controllata ha il diritto di recedere dal contratto anche se, secondo la decisione del tribunale, il risarcimento concesso ai partner non permanenti nel contratto di controllo o nel contratto di trasferimento degli utili è sproporzionato, entro 2 mesi dalla forza giuridica di questo decisione.

(5) Se è stato concluso un contratto di controllo o il contratto sul trasferimento dell’utile e la gestione dell’entità controllata termina con una perdita, l’ente gestore è obbligato a coprire tale perdita se non può essere rimborsata dal fondo di riserva o da altro risorse disponibili dell’entità controllata.

(6) Se il contratto di controllo o il contratto di trasferimento dell’utile ha effetto in un giorno diverso dal primo giorno dell’esercizio contabile, l’entità controllata deve preparare il bilancio intermedio il giorno precedente il giorno in cui il contratto diventa efficace. Se l’accordo di controllo o l’accordo di trasferimento degli utili scade in un giorno diverso dall’ultimo giorno dell’esercizio contabile, l’entità controllata deve preparare il bilancio intermedio a partire dalla data di risoluzione dell’accordo.

§ 190d

(1) Un accordo di controllo o un accordo di trasferimento degli utili deve essere approvato dall’assemblea generale se si tratta di una società per azioni o di una società a responsabilità limitata, con almeno tre quarti dei voti degli azionisti presenti, indipendentemente dal fatto che la società è una persona dirigente o controllata, se lo statuto non richiede un numero di voti maggiore, altrimenti non è valido. Deve essere redatto un atto notarile della decisione dell’assemblea generale che approva l’accordo di controllo o l’accordo sul trasferimento degli utili. Se una parte di un accordo di controllo o di trasferimento di profitto è una società per azioni o una società in accomandita semplice, la sua firma è richiesta da tutti i partner a responsabilità illimitata.

(2) Un contratto di controllo o un contratto di trasferimento degli utili non può avere effetto prima della data di pubblicazione dell’avviso di deposito del contratto nella raccolta di documenti del tribunale del registro.

§ 190e

(1) L’organo statutario della persona che ha stipulato un accordo di controllo o un accordo di trasferimento degli utili (di seguito denominata “persona contrattuale”) deve preparare una relazione scritta per i partner o membri che spieghi i motivi della conclusione dell’accordo e in in particolare chiarendo l’importo della compensazione e della compensazione. Gli organi statutari di tutte o di alcune delle parti contraenti possono redigere una relazione congiunta.

(2) Se la fornitura di determinati dati nella relazione potrebbe causare danni significativi alla persona contraente o alla sua persona che controlla o controlla o è oggetto di segreti commerciali della persona contraente o della sua persona che controlla o controlla o è un’informazione classificata sotto una speciale regolamento legale, potrebbe non essere da dichiarare. Tuttavia, il rapporto deve includere una dichiarazione sul motivo per cui i dati in questione non vengono forniti.

(3) I rapporti non sono richiesti se tutti i partner o membri del contraente hanno dato il loro consenso, o se tutti i partner o membri del contraente sono il suo organo statutario o il suo membro. La dichiarazione di consenso deve essere scritta con una firma ufficialmente verificata o deve essere fatta durante l’assemblea generale o l’assemblea dei soci. La dichiarazione di rinuncia al diritto all’assemblea generale o all’assemblea dei soci deve essere dichiarata nel verbale notarile della decisione dell’assemblea generale o dell’assemblea dei soci. La rinuncia ha anche effetti legali nei confronti del successore legale del partner o membro.

§ 190f

(1) Il progetto di contratto di controllo o di trasferimento degli utili deve essere esaminato per ciascuna delle persone contraenti da un esperto nominato dal tribunale o congiuntamente da due esperti nominati dal tribunale per tutti i contraenti partecipanti. Le disposizioni del § 59 paragrafo 3 si applicano alla procedura per la nomina, il licenziamento e il licenziamento di un esperto in modo simile.

(2) Proposta di nomina di un esperto dà ente aggiudicatore. La proposta per la nomina di esperti congiunti è presentata congiuntamente da entrambe le parti contraenti.

(3) L’esperto o gli esperti preparano una relazione scritta sull’esito della revisione sulla revisione dell’accordo di controllo o del contratto di trasferimento degli utili (di seguito denominata “relazione di esperti sull’accordo”). Se sono stati nominati esperti comuni, redigono una relazione di esperti congiunti sul contratto. La perizia sul contratto è una perizia ai sensi di una legge speciale.

(4) La perizia sul contratto deve contenere, oltre ai requisiti richiesti da una legge speciale, anche la conclusione che il risarcimento proposto e il risarcimento proposto siano ragionevoli. Deve anche essere indicato nella perizia sul contratto

a) in base alle modalità con cui è stato determinato il compenso o compenso,

b) i motivi per cui l’uso di questi metodi è appropriato,

(c) quale compensazione o compensazione risulta dai singoli metodi, se è stato utilizzato più di un metodo; allo stesso tempo, si deve precisare quale peso è stato attribuito alle singole modalità e ai risultati che ne derivano e quali difficoltà sono sorte nel determinare l’ammontare del compenso o del risarcimento.

(5) L’esperto ha il diritto di richiedere alle persone contraenti, alle persone che controllano e ai loro controllati tutte le informazioni e i documenti necessari per il trattamento della perizia e ha il diritto di svolgere le indagini necessarie con queste persone. Le disposizioni del § 190e paragrafo 2 si applicano in modo analogo qui.

(6) L’esperto o gli esperti sottopongono la relazione dell’esperto sul contratto agli organi statutari delle persone contraenti. Queste relazioni di esperti sul contratto devono essere inviate a tutti i partner degli appaltatori, se l’appaltatore ha la forma giuridica di una società per azioni o di una società in accomandita semplice, o deve essere aperta ai partner o ai membri dell’appaltatore presenti all’assemblea generale o all’appartenenza incontrare chi per approvare la bozza di accordo di controllo o di trasferimento degli utili, se l’ente appaltante ha la forma giuridica di società a responsabilità limitata, società per azioni o cooperativa.

(7) Le relazioni di esperti sul contratto non sono richieste se tutti i partner o membri del contraente hanno dato il loro consenso, o se tutti i partner o membri del contraente sono il suo organo statutario o un suo membro. La dichiarazione di consenso deve essere redatta per iscritto con una firma ufficialmente verificata o deve essere fatta durante un’assemblea generale o un’assemblea dei soci. La dichiarazione di rinuncia al diritto di tenere un’assemblea generale o un’assemblea dei membri deve essere dichiarata nel verbale notarile della decisione dell’assemblea generale o dell’assemblea dei membri. La rinuncia ha anche effetti legali nei confronti del successore legale del partner o membro.

§ 190g

(1) Tutti gli azionisti o soci hanno il diritto di prendere conoscenza dal giorno in cui è stato pubblicato l’avviso di convocazione dell’assemblea generale o dell’assemblea dei soci o è stato inviato l’invito all’assemblea generale o all’assemblea dei soci, o almeno 15 giorni prima della firma del società contrattuale o società in accomandita semplice, presso la sede dell’ente appaltante

a) un accordo di controllo o un accordo di trasferimento degli utili,

b) con le relazioni degli organi statutari, se richieste,

c) con perizie sul contratto o perizie congiunte sul contratto, se necessario,

d) con le relazioni annuali e di revisione, se il bilancio del contraente è soggetto a revisione contabile, per gli ultimi 3 periodi contabili, se il contraente dura per tale periodo, o con tali bilanci e relazioni di revisione del predecessore legale , se l’appaltatore aveva un predecessore legale.

(2) La persona contraente rilascia a ciascun partner o membro di qualsiasi persona contraente che ne faccia richiesta, senza indebito ritardo, una copia o un estratto dei documenti di cui al paragrafo 1, se richiesto.

§ 190h

(1) Durante l’assemblea generale o l’assemblea dei soci, i partner oi membri devono essere liberamente accessibili per l’ispezione del documento di cui al § 190g paragrafo 1, se necessario. All’inizio dell’assemblea dell’assemblea generale o dell’assemblea dei membri, l’organo statutario della parte contraente spiega ai soci o ai membri l’accordo di controllo o l’accordo sul trasferimento degli utili. Prima di votare sull’approvazione del contratto, l’organo statutario comunica ai soci o ai membri la perizia sul contratto.

(2) Ogni partner o membro che lo richieda all’assemblea generale o all’assemblea dei membri ha diritto alle informazioni riguardanti altre parti contraenti, se è importante dal punto di vista dell’approvazione dell’accordo di controllo o dell’accordo di trasferimento degli utili . Le disposizioni del § 190e paragrafo 2 si applicano in modo analogo qui.

§ 190i

Le disposizioni della Sezione 190c (3), dalla prima alla quarta frase, e della Sezione 190d (1), ultima frase, si applicano mutatis mutandis a un accordo per modificare un accordo di controllo o un accordo di trasferimento degli utili. Le disposizioni delle sezioni 190e, 190g e 190h si applicano mutatis mutandis.

§ 190j

(1) Il contratto di controllo e il contratto di trasferimento degli utili devono essere annullati il ​​giorno dello scioglimento della persona controllata.

(2) Se, a seguito di una fusione, trasferimento di beni a un partner o una divisione, il gestore cessa di esistere, la società successore ha il diritto di recedere dall’accordo di controllo o dall’accordo sul trasferimento degli utili entro un mese di iscrizione della fusione o scissione nel Registro delle Imprese. Ciò non pregiudica le disposizioni del § 190i.

(3) Altri casi di trasformazioni non incidono sulla durata dei diritti e degli obblighi delle società partecipanti derivanti dal contratto di controllo o dal contratto di trasferimento dell’utile.

Consiglio di Amministrazione
§ 191

(1) Il Consiglio di Amministrazione è un organo statutario che gestisce le attività della società e agisce per suo conto. Il Consiglio di Amministrazione decide su tutte le questioni della società, a meno che non siano riservate dalla presente Legge o dallo Statuto all’Assemblea Generale o al Consiglio di Sorveglianza. Salvo diversa disposizione statutaria, ciascun membro del Consiglio di Amministrazione agisce per conto della società per conto della società. I membri del Consiglio di Amministrazione che vincolano la società e le modalità con cui lo fanno sono iscritti nel Registro delle Imprese.

(2) Lo Statuto, le decisioni dell’Assemblea Generale o del Consiglio di Sorveglianza possono limitare il diritto del Consiglio di Amministrazione di agire per conto della società, ma queste restrizioni non sono efficaci nei confronti di terzi.

§ 192

(1) Il Consiglio di amministrazione garantisce la gestione aziendale, inclusa la corretta tenuta dei libri contabili della società, e sottopone all’Assemblea generale per l’approvazione bilanci regolari, straordinari e consolidati o intermedi e una proposta di distribuzione degli utili o compensazione delle perdite in conformità con Statuto. Questi rendiconti finanziari o dati selezionati da essi, indicanti l’ora e il luogo in cui il bilancio è disponibile per la consultazione da parte degli azionisti, devono essere inviati agli azionisti che detengono azioni nominative almeno 30 giorni prima dell’Assemblea generale. Qualora la società abbia emesso azioni al portatore, i dati principali del presente bilancio saranno pubblicati entro lo stesso termine secondo le modalità previste dalla legge e dallo Statuto per la convocazione dell’Assemblea, indicando l’ora e il luogo in cui il bilancio è disponibile per ispezione.

(2) Entro i termini specificati nello Statuto, ma almeno una volta per periodo contabile, il Consiglio di Amministrazione sottoporrà all’Assemblea Generale una relazione sulle attività della società e sullo stato dei suoi beni. La presente relazione fa sempre parte della relazione annuale redatta secondo un’apposita normativa di legge.

§ 193

(1) Il Consiglio di amministrazione deve convocare un’Assemblea generale senza indebito ritardo dopo aver accertato che la perdita totale della società sulla base di qualsiasi bilancio ha raggiunto un importo tale che al suo pagamento dalle risorse disponibili della società la perdita non pagata sarebbe la metà del capitale sociale o è possibile in tutte le circostanze, o se rileva che la società è fallita, e propone all’assemblea generale lo scioglimento della società o l’adozione di un altro provvedimento, a meno che una normativa legale speciale non preveda altrimenti.

(2) Concludere un contratto sulla base del quale la società acquisisce o cede attività, se il valore delle attività acquisite o alienate durante un periodo contabile supera un terzo del patrimonio netto risultante dall’ultimo bilancio regolare o bilancio consolidato , se la società redige il bilancio consolidato, è richiesta l’approvazione del Consiglio di Sorveglianza. Se la società ha emesso titoli di partecipazione che sono stati ammessi alla negoziazione in un mercato regolamentato europeo, è richiesta anche l’approvazione dell’assemblea generale. Le disposizioni del § 196a paragrafo 4 si applicano per analogia.

§ 194

(1) I membri del Consiglio di amministrazione sono eletti e revocati dall’Assemblea generale. Lo Statuto può prevedere che i membri del Consiglio di Amministrazione siano eletti e revocati dal Consiglio di Sorveglianza secondo le modalità ivi specificate. La durata in carica dei singoli membri del Consiglio di Amministrazione è determinata dallo Statuto e non può superare i cinque anni. Se lo Statuto non prevede la durata in carica di un membro del Consiglio di Amministrazione, il suo mandato è di cinque anni. Se i membri del Consiglio di Amministrazione sono eletti dal Consiglio di Sorveglianza, le persone elette come membri del Consiglio di Sorveglianza eleggono i primi membri del Consiglio di Amministrazione prima di presentare la proposta di iscrizione della società nel Registro di Commercio. Le disposizioni dello Statuto che disciplinano i lavori del Consiglio di Sorveglianza si applicano mutatis mutandis alla procedura di elezione dei membri del Consiglio di Amministrazione. Se i membri del Consiglio di Amministrazione sono eletti dal Consiglio di Sorveglianza, esso approva anche i contratti per lo svolgimento della funzione ai sensi dell’articolo 66 (2), la remunerazione per lo svolgimento della funzione e la prestazione ai sensi dell’articolo 66 (3) invece dell’Assemblea Generale.

(2)In caso di decesso, dimissioni, revoca o comunque cessazione del mandato di un membro del Consiglio di Amministrazione, l’organo competente della società deve eleggere entro tre mesi un nuovo membro del Consiglio di Amministrazione. Se, per tale motivo, il Consiglio di amministrazione non è in grado di svolgere le sue funzioni, i membri mancanti o membri del Consiglio di amministrazione sono nominati dal tribunale su proposta di una persona che dimostri un interesse legale in esso, fino a nuovi membri ovvero i membri sono eletti dall’organo competente della società senza proposta di liquidazione della società e ne dispone la liquidazione. Le disposizioni della Sezione 71 (2), seconda, terza, quarta e quinta frase, paragrafi 6 e 7 si applicano mutatis mutandis. Il tribunale competente a livello locale per la nomina di un membro del Consiglio di amministrazione è il tribunale generale della società; le parti del procedimento sono il firmatario, la società, se esiste una persona autorizzata ad agire per suo conto o per suo conto, e la persona essere nominato dal tribunale come membro del consiglio di amministrazione. La carica di membro del Consiglio di Amministrazione scade con l’elezione di un nuovo membro del Consiglio di Amministrazione, ma entro e non oltre tre mesi dalla scadenza del suo mandato. Lo Statuto può stabilire che il Consiglio di amministrazione, il cui numero di membri eletti dall’Assemblea generale non sia sceso al di sotto della metà, può nominare membri supplenti fino alla prossima riunione dell’Assemblea generale.

(3) Il Consiglio di Amministrazione è composto da almeno tre membri; ciò non si applica nel caso di una società con un unico azionista. I membri del Consiglio di Amministrazione eleggono il proprio presidente. Il Consiglio Direttivo delibera a maggioranza dei voti dei suoi membri determinata dallo Statuto, altrimenti a maggioranza dei voti di tutti i membri. Ogni membro del Consiglio di Amministrazione dispone di un voto.

(4) Il Consiglio di amministrazione seguirà i principi e le istruzioni approvati dall’Assemblea generale, a condizione che siano conformi alle norme di legge e allo Statuto. La loro violazione non pregiudica gli effetti delle azioni dei membri del Consiglio di Amministrazione nei confronti di terzi. Salvo disposizione contraria della presente legge, nessuno è autorizzato a impartire istruzioni al Consiglio di amministrazione in merito alla gestione aziendale della società.

(5)I membri del Consiglio di Amministrazione hanno l’obbligo di svolgere i propri compiti con la dovuta diligenza e di mantenere la riservatezza su informazioni e fatti riservati, la cui divulgazione a terzi potrebbe recare danno alla società. In caso di contestazione se un membro del Consiglio di Amministrazione abbia agito con la dovuta diligenza, spetta a tale componente il Consiglio di amministrazione dimostrare di aver agito con la dovuta diligenza. I membri del Consiglio di Amministrazione che abbiano causato un danno alla Società in violazione di obblighi di legge nell’esercizio dei poteri del Consiglio di Amministrazione saranno responsabili in solido di tale danno. Non sono validi il contratto tra la società e un membro del Consiglio di amministrazione o le disposizioni dello Statuto che escludono o limitano la responsabilità di un membro del Consiglio di amministrazione per danni. I membri del Consiglio di Amministrazione sono responsabili dei danni causati alla società attenendosi alle istruzioni dell’Assemblea,

(6) I membri del Consiglio di amministrazione che sono responsabili nei confronti della Società saranno responsabili in solido per le responsabilità della Società se il membro responsabile del Consiglio di amministrazione non ha pagato il danno ei creditori non possono soddisfare la loro richiesta da parte della Società beni a causa della sua insolvenza o della sospensione dei pagamenti della Società. La portata della responsabilità è limitata dalla portata dell’obbligo dei membri del Consiglio di amministrazione di risarcire i danni. La responsabilità di un membro del Consiglio di Amministrazione scade non appena risarcisce il danno causato.

(7) Solo una persona fisica che ha raggiunto l’età di 18 anni, che è pienamente competente per eseguire atti legali, che è di buon carattere ai sensi della legge sulle licenze commerciali e che non ha riscontrato un fatto che sia di ostacolo all’operatività uno scambio ai sensi del Trade Licensing Act, può essere un membro del Consiglio di amministrazione. Non diviene membro del Consiglio di Amministrazione il soggetto che non soddisfi le condizioni di cui sopra o per parte della quale sussista un impedimento allo svolgimento della funzione, anche se l’autorità competente lo decide. Se un membro del Consiglio di amministrazione cessa di soddisfare le condizioni stabilite per lo svolgimento della sua funzione dalla presente legge o da una normativa legale speciale, la sua funzione cesserà, salvo diversa disposizione della presente legge. Ciò non pregiudica i diritti di terzi acquisiti in buona fede.

§ 195

(1) Sul corso delle riunioni del Consiglio di amministrazione e sulle sue decisioni è redatto un verbale firmato dal Presidente del Consiglio di amministrazione e dal registratore.

(2) Il verbale della riunione del Consiglio di Amministrazione deve nominare i membri del Consiglio di Amministrazione che hanno votato contro singole deliberazioni del Consiglio di Amministrazione o si sono astenuti dal voto. Salvo prova contraria, i membri non iscritti avranno votato a favore della delibera.

§ 196

Divieto di concorrenza
(1) A meno che ulteriori restrizioni risultino dallo Statuto o dalle risoluzioni dell’Assemblea Generale, un membro del Consiglio di Amministrazione non può

a) fare affari nello stesso o simile campo di attività della società o entrare in rapporti d’affari con la società,

b) mediare o procurare ad altre persone l’attività della società,

c) partecipare all’attività di un’altra società in qualità di partner a responsabilità illimitata o come persona che controlla un’altra persona con oggetto di attività identico o simile,

(d) agire in qualità di ente statutario o membro di un ente statutario o altro ente di un’altra persona giuridica con lo stesso oggetto di attività o simile, a meno che non si tratti di un gruppo.

(2) La violazione di queste disposizioni ha le conseguenze specificate nel § 65.

(3) Nel caso in cui un membro del Consiglio di Amministrazione svolga un lavoro per l’azienda sulla base di un contratto di lavoro o di altro contratto sostitutivo, tale rapporto non deve essere considerato un rapporto d’affari.

§ 196a

(1) La Società può stipulare un prestito o un contratto di prestito con un membro del Consiglio di amministrazione, Consiglio di vigilanza, procuratore o altra persona autorizzata a stipulare tale accordo per conto della Società, o persone a loro vicine, o per trasferire gratuitamente i beni della Società ad essi solo previa approvazione e solo alle condizioni consuete nei rapporti d’affari.

(2) Se le persone di cui al paragrafo 1 hanno anche il diritto di agire per conto di un’altra persona, le disposizioni del paragrafo 1 si applicano mutatis mutandis alla prestazione ivi menzionata a beneficio di tale altra persona. L’approvazione dell’Assemblea non è richiesta in caso di concessione di un prestito o credito dall’entità controllante all’entità controllata.

(3) Se la società o una persona da essa controllata acquisisce proprietà dal fondatore, azionista o persona che agisce di concerto con essa o da un’altra persona di cui al paragrafo 1 o da una persona da essa controllata o da una persona con la quale costituisce un gruppo, per corrispettivo di almeno un decimo del capitale sociale sottoscritto alla data di acquisizione o trasferisce ad esse beni di tale valore a titolo oneroso, il valore di tali beni deve essere determinato sulla base del parere di un esperto nominato dal Tribunale. Per la nomina e la remunerazione di un esperto si applicano le disposizioni della Sezione 59, Paragrafo 3. Se l’acquisizione avviene entro 3 anni dalla costituzione della società, deve essere approvata dall’Assemblea Generale.

(4) Le disposizioni del paragrafo 3 non si applicano all’acquisizione o alla cessione di proprietà nel normale svolgimento dell’attività e all’acquisizione o alla cessione su iniziativa o sotto la supervisione o supervisione di un’autorità pubblica o all’acquisizione o alla cessione su un mercato regolamentato europeo o un mercato estero simile a un mercato regolamentato oa un sistema di negoziazione multilaterale. Le disposizioni del paragrafo 1 sull’approvazione dell’Assemblea generale si applicano mutatis mutandis al trasferimento gratuito di beni agli azionisti.

(5) La Società può fornire garanzie per gli obblighi delle persone di cui ai paragrafi 1 e 2 solo con il consenso dell’Assemblea generale. L’approvazione dell’Assemblea non è richiesta nel caso di fornire garanzia per le passività dell’entità controllata da parte dell’entità controllante.

(6) Se la proprietà acquisita in violazione dei paragrafi da 1 a 3 è stata ulteriormente alienata, le disposizioni della Sezione 446 si applicano mutatis mutandis.

Consiglio di Sorveglianza
§ 197

(1) L’Organismo di Vigilanza vigila sull’esercizio dei poteri del Consiglio di Amministrazione e sull’esecuzione delle attività aziendali.

(2) I membri del Consiglio di Sorveglianza hanno il diritto di ispezionare tutti i documenti e le registrazioni relative alle attività della società e di controllare che le registrazioni contabili siano tenute correttamente in conformità con i fatti e che le attività aziendali della società siano svolte in conformità con regolamenti, statuti e istruzioni.

§ 198

Il Consiglio di Sorveglianza esamina il bilancio regolare, straordinario e consolidato e, se applicabile, intermedio e la proposta per la distribuzione dell’utile o la compensazione della perdita e sottopone il proprio parere all’Assemblea generale.

§ 199

(1) Il Consiglio di Sorveglianza convoca un’Assemblea Generale se gli interessi della società lo richiedono e propone le misure necessarie all’Assemblea Generale. Le disposizioni delle sezioni da 184 a 190 si applicano mutatis mutandis al metodo di convocazione di un’assemblea generale.

(2) Il Consiglio di Sorveglianza nomina un membro che rappresenti la società nei procedimenti davanti a tribunali e altri organi contro un membro del Consiglio di amministrazione.

§ 200

(1) Il Consiglio di Sorveglianza deve essere composto da almeno tre membri, il numero dei suoi componenti deve essere divisibile per tre. Due terzi dei membri del Consiglio di Sorveglianza sono eletti dall’Assemblea e un terzo dai dipendenti della società se l’azienda ha più di 50 dipendenti per orari di lavoro superiori alla metà dell’orario di lavoro settimanale previsto da un’apposita normativa di legge il primo giorno di il periodo contabile in cui si tiene l’Assemblea che elegge i membri del Consiglio di Sorveglianza. Lo Statuto può prevedere un numero maggiore di membri del Consiglio di Sorveglianza eletti dai dipendenti, ma tale numero non può superare il numero dei membri eletti dall’Assemblea; possono altresì stabilire che i dipendenti eleggano parte dei componenti del Consiglio di Sorveglianza anche con un numero inferiore di dipendenti aziendali.

(2) I membri del Consiglio di Sorveglianza sono eletti per un periodo determinato dallo Statuto. La durata in carica di un membro del Consiglio di Sorveglianza non può superare i 5 anni. Il primo mandato dei membri del Consiglio di Sorveglianza è di 1 anno dalla costituzione della società.

(3) Le disposizioni della Sezione 194, Paragrafi 2, da 4 a 7 e della Sezione 196 si applicano mutatis mutandis ai membri del Consiglio di Sorveglianza.

(4) Un membro del Consiglio di Sorveglianza non può essere allo stesso tempo un membro del Consiglio di Amministrazione, un procuratore o una persona autorizzata ad agire per conto della società in conformità con l’iscrizione nel Registro delle Imprese.

(5)Hanno diritto di eleggere i membri dell’Organismo di Vigilanza solo i dipendenti che sono alle dipendenze dell’azienda, direttamente o, se le regole elettorali lo prevedono, tramite elettori. Può essere eletta solo una persona fisica che è alle dipendenze della società al momento dell’elezione o è un rappresentante o un membro di un rappresentante dei dipendenti ai sensi di una normativa legale speciale. L’elezione o la revoca dei membri del Consiglio di Sorveglianza eletti dai dipendenti è necessaria affinché lo scrutinio sia segreto e per la partecipazione di almeno la metà degli aventi diritto o eletti. Risulta eletto il candidato con il maggior numero di voti espressi, a meno che il regolamento elettorale non preveda una maggioranza diversa. L’elezione dei membri del Consiglio di Sorveglianza eletti dai dipendenti è organizzata dal Consiglio di Amministrazione previa consultazione con il sindacato o il consiglio dei lavoratori in modo che possa partecipare il maggior numero possibile di elettori. Se non si tiene alcuna discussione entro due mesi dalla presentazione di una proposta per l’organizzazione delle elezioni da parte del consiglio di amministrazione del sindacato o del consiglio dei lavoratori, il consiglio di amministrazione discute l’organizzazione delle elezioni con i dipendenti che soddisfano le condizioni ai sensi del paragrafo 1. Una proposta per eleggere o revocare un membro del Consiglio di Sorveglianza può essere presentata dal Consiglio di Amministrazione, da un sindacato o da un consiglio dei dipendenti operanti in azienda, o congiuntamente da almeno il 10% dei dipendenti che soddisfano la condizione di cui al comma 1 .

(6) Un membro del consiglio di sorveglianza eletto dal dipendente può essere rimosso dal dipendente. Le disposizioni del paragrafo 5 si applicano mutatis mutandis all’allontanamento di un dipendente dall’Organismo di Vigilanza.

(7) Le regole elettorali per l’elezione e la revoca dei membri del Consiglio di Sorveglianza devono essere preparate e approvate dal Consiglio di Amministrazione della Società previa discussione con il sindacato o il Consiglio dei dipendenti. In caso contrario, il regolamento elettorale deve essere preparato e approvato dal Consiglio di amministrazione previa consultazione con i dipendenti che soddisfano la condizione di cui al paragrafo 1. Se la società ha più di mille dipendenti, le regole elettorali possono consentire l’elezione indiretta o la rimozione di membri del Consiglio di Sorveglianza, se le circoscrizioni sono determinate in modo che ogni elettore sia eletto approssimativamente dallo stesso numero di elettori.

§ 201

(1) I membri del Consiglio di Sorveglianza partecipano all’Assemblea Generale della Società e hanno l’obbligo di informare l’Assemblea dei risultati delle loro attività di controllo.

(2) Il parere dissenziente dei membri del Consiglio di Sorveglianza eletti dai dipendenti della società sarà comunicato all’Assemblea unitamente alle conclusioni degli altri membri del Consiglio di Sorveglianza.

(3) Il Consiglio di Sorveglianza decide sulla base del consenso della maggioranza dei suoi membri, a meno che lo Statuto non specifichi un numero maggiore. L’articolo 195 (2) si applica mutatis mutandis ai requisiti di registrazione. Ciascun membro del Consiglio di Sorveglianza dispone di un voto. Viene redatto un verbale firmato dal Presidente del Consiglio di Sorveglianza. Nel verbale sono inoltre indicati i pareri di una minoranza di membri, qualora ne facciano richiesta, e sono sempre indicati i pareri dissenzienti dei componenti del Consiglio di Sorveglianza eletti dai dipendenti.

(4) Se la legge o lo Statuto richiedono il previo consenso del Consiglio di Sorveglianza per determinate azioni del Consiglio di Amministrazione e il Consiglio di Sorveglianza non dà il consenso a tali azioni o se il Consiglio di Sorveglianza esercita il suo diritto di vietare al Consiglio degli amministratori dall’agire per conto della società, i membri del Consiglio di amministrazione si conformeranno a tale decisione del Consiglio di vigilanza. I membri dell’Organismo di Vigilanza che non hanno agito con la dovuta diligenza nel decidere sulle azioni di cui al primo periodo sono solidalmente responsabili del danno così causato. Se l’Organismo di Vigilanza concorda con la condotta di cui al primo periodo, i membri del Consiglio di Amministrazione e l’Organismo di Vigilanza sono solidalmente responsabili del danno derivante da tale condotta.

Sezione 5

Aumento di capitale
§ 202

(1) L’Assemblea dei Soci delibera sull’aumento del capitale sociale; ciò non influisce sulle disposizioni del § 210.

(2) Nell’invito o annuncio, che si riferisce alla convocazione dell’Assemblea generale, devono indicare, oltre ai requisiti ai sensi del § 184a par.3

a) le motivazioni del proposto aumento di capitale sociale,

b) le modalità e l’entità di tale aumento,

c) il tipo, la forma, la forma e il numero di azioni proposti, in caso di emissione di nuove azioni della società,

d) il valore nominale delle nuove azioni o il nuovo valore nominale delle azioni esistenti,

e) in caso di emissione di buoni per le azioni sulle quali verranno emesse le azioni sottoscritte.

(3) Se il capitale sociale deve essere aumentato mediante la sottoscrizione di nuove azioni, l’invito o la notifica deve anche indicare il termine per la loro sottoscrizione e l’importo proposto del prezzo di emissione o il metodo della sua determinazione con giustificazione o il fatto che il Consiglio degli Amministratori sarà autorizzato a determinarlo, compreso qualsiasi importo minimo al quale il prezzo di emissione può essere determinato dal Consiglio di Amministrazione. Qualora venga proposta l’emissione di una nuova tipologia di azioni, dovranno altresì essere indicati i diritti ad esse connessi e le conseguenze che la loro emissione avrà sui diritti annessi alle azioni precedentemente emesse.

(4) Se proposto all’assemblea generale

a) limitazione o esclusione del diritto di priorità ai sensi della Sezione 204a, l’invito o la notifica deve indicare il motivo per cui deve aver luogo la limitazione o l’esclusione del diritto di priorità,

b) aumento del capitale sociale mediante sottoscrizione di azioni e il prezzo di emissione è rimborsato da depositi non monetari, l’invito o la notifica deve indicare l’oggetto e la valutazione indicati nella relazione dell’esperto o degli esperti ai sensi del § 59 paragrafo 4 o il suo valore determinato ai sensi del § 59a,

(c) consenso alla compensazione, l’invito deve anche indicare le richieste di compensazione e le ragioni della compensazione proposta.

(5) Gli effetti dell’aumento di capitale successivo alla data di iscrizione nel registro di commercio di cui sopra.

Aumento del capitale sociale mediante sottoscrizione di nuove azioni
§ 203

(1) Un aumento del capitale sociale mediante sottoscrizione di nuove azioni è ammesso se gli azionisti hanno integralmente rimborsato il prezzo di emissione delle azioni precedentemente sottoscritte. Questa restrizione non si applica se il capitale sociale viene aumentato mediante la sottoscrizione di azioni e il prezzo di emissione è rimborsato solo da depositi non monetari.

(2) La delibera dell’Assemblea degli Azionisti sull’aumento del capitale sociale mediante sottoscrizione di azioni contiene

(a) l’ importo di aumento del capitale sociale, specificando se la sottoscrizione di azioni eccedenti l’ammontare del proposto aumento del capitale sociale è consentita, senza limitazioni o con limitazioni;

b) numero e valore nominale, tipologia, forma e forma delle azioni sottoscritte,

c) i dati specificati nel § 204a paragrafo 2 o, se il commerciante di valori mobiliari deve sottoscrivere azioni ai sensi del § 204a paragrafo 6, il luogo e il periodo entro i quali la persona avente diritto può esercitare il diritto ivi specificato e il prezzo al quale dà diritto all’acquisto, ovvero le modalità per determinarlo, ovvero l’indicazione dell’esclusione o della limitazione del diritto di prelazione alla sottoscrizione di azioni; ciò non si applica se tutti gli azionisti hanno rinunciato al diritto di prelazione di sottoscrizione di azioni al più tardi prima del voto sull’aumento di capitale sociale o se il capitale sociale deve essere aumentato in conformità con la Sezione 205,

d) determinare se le azioni che non sono sottoscritte con l’esercizio del diritto di prelazione saranno sottoscritte in tutto o in parte dagli azionisti sulla base di un accordo ai sensi del § 205 o se saranno offerte in sottoscrizione sul base di un’offerta pubblica,

(e) il luogo e l’ora della sottoscrizione delle azioni senza esercizio del diritto di opzione, indicando le modalità con cui verrà comunicato ai sottoscrittori l’inizio di tale periodo e il prezzo di emissione delle azioni così sottoscritte o le modalità di determinazione o autorizzazione il Consiglio di determinare il prezzo di emissione in denaro, inclusa la determinazione dell’importo minimo che potrà essere determinato dal Consiglio di Amministrazione; il prezzo di emissione o il metodo per la sua determinazione deve essere lo stesso per tutti i sottoscrittori, salvo diversa disposizione di legge,

f) un conto presso una banca o una cooperativa di credito e di risparmio e il periodo entro il quale il sottoscrittore è tenuto a rimborsare parte del prezzo di emissione delle azioni sottoscritte, ovvero il luogo e il periodo per il rimborso del deposito non monetario,

g) in caso di approvazione dell’emissione di azioni di una nuova tipologia, la determinazione dei diritti ad esse associati,

h) se la sottoscrizione di azioni mediante depositi non monetari è approvata, l’oggetto del deposito e l’importo della sua valutazione determinato dal parere dell’esperto o degli esperti o il suo valore determinato ai sensi del § 59a e il numero, valore nominale, forma , forma e tipologia delle azioni da emettere per tale conferimento non monetario;

(i) se la sottoscrizione di azioni è consentita in eccesso rispetto all’importo dell’aumento di capitale proposto, la designazione dell’organo sociale che deciderà l’importo finale dell’aumento,

j) se è consentita la possibilità di compensare un credito pecuniario nei confronti della società con una richiesta di rimborso del prezzo di emissione, le regole della procedura per la conclusione di un accordo di compensazione; se il prezzo di emissione deve essere rimborsato unicamente mediante compensazione, non è necessario fornire le informazioni di cui alla lettera f),

k) in caso di approvazione dell’emissione di buoni per azioni ai sensi dell’articolo 204b, determinazione della loro forma, condizioni di emissione e permuta di nuove azioni.

(3) Se la delibera dell’Assemblea non contiene dati ai sensi del comma 2 lett d), tali azioni saranno offerte in sottoscrizione sulla base di un’offerta pubblica di acquisto.

(4) Entro 30 giorni dalla delibera dell’Assemblea relativa all’aumento del capitale sociale, il Consiglio di Amministrazione della società è tenuto a presentare una proposta per l’iscrizione della presente delibera nel Registro delle Imprese. La sottoscrizione di azioni non può iniziare fino a quando la delibera dell’Assemblea generale non è stata iscritta nel Registro di commercio, a meno che una mozione di registrazione di tale delibera non sia stata depositata nel Registro di commercio e la sottoscrizione di azioni sia soggetta alla condizione di svincolo della decisione di respingere la mozione di iscrizione all’Assemblea Aumento del capitale sociale al Registro delle Imprese.

§ 204

(1) Le disposizioni della Sezione 163, Paragrafi 3 e 4, Sezione 163a, 164, Sezione 165, Paragrafi 1 e 2, Sezione 166, 167, Sezione 168 si applicano mutatis mutandis alla procedura di aumento del capitale sociale mediante sottoscrizione di azioni par.2 e 3, § 176 e 177. L’offerta pubblica di azioni deve contenere almeno i dati specificati nel § 163 par. da a) ad f).

(2) Se le azioni sono sottoscritte mediante aumento del capitale sociale mediante depositi in contanti, il sottoscrittore è tenuto a rimborsare parte del loro valore nominale determinato dall’Assemblea generale, ma non inferiore al 30%, e l’eventuale sovrapprezzo, in caso contrario la sua sottoscrizione di azioni è inefficace (§ 167 par. 2). I depositi in contanti devono essere rimborsati su un conto speciale presso una banca o un’associazione di risparmio e prestito, che la società aprirà a proprio nome a tal fine. Ciò non si applica se è stato concluso un accordo di compensazione. Il contratto di compensazione deve essere concluso prima della presentazione della proposta di iscrizione dell’aumento di capitale sociale nel Registro delle Imprese. La banca o la cooperativa di risparmio e credito può non consentire alla società di disporre dei depositi versati depositati su tale conto prima dell’iscrizione nel registro di commercio dell’aumento del capitale sociale.

(3)È possibile sottoscrivere azioni per aumentare il capitale sociale con conferimenti non monetari solo se è nell’interesse rilevante della società. In caso di aumento del capitale sociale con conferimenti non monetari, il Consiglio di Amministrazione deve sottoporre all’Assemblea una relazione scritta indicando le ragioni della sottoscrizione di azioni mediante conferimenti non monetari e la giustificazione del prezzo di emissione proposto o del metodo di determinazione. Le azioni possono essere sottoscritte solo mediante depositi non monetari approvati dall’Assemblea generale. I depositi non monetari devono essere rimborsati prima della presentazione della proposta di iscrizione dell’aumento di capitale sociale nel Registro delle Imprese. Se il conferimento non monetario è immobiliare, il depositante deve presentare alla società una dichiarazione scritta ai sensi dell’articolo 60 (1) prima di registrare l’aumento di capitale sociale nel Registro delle Imprese. Consegnando questa dichiarazione unitamente alla consegna dell’immobile, la cauzione viene rimborsata. Ciò non influisce sulle disposizioni della Sezione 59, Paragrafi 2 e 3.

(4) Sulla base delle azioni emesse in relazione all’aumento del capitale sociale, il diritto al dividendo deriva dall’utile netto conseguito nell’anno in cui è stato aumentato il capitale sociale, salvo diversa disposizione statutaria.

(5) Un candidato predeterminato o un azionista unico sottoscriverà le quote del contratto di sottoscrizione di azioni che conclude con la società. Il contratto di sottoscrizione di azioni deve essere in forma scritta, le firme devono essere ufficialmente verificate. Il contratto di sottoscrizione di azioni deve contenere almeno i requisiti specificati nel § 205 paragrafo 3. Per la sottoscrizione di azioni deve essere previsto un periodo di almeno quattordici giorni dalla consegna della proposta di conclusione di un contratto di sottoscrizione di azioni.

(6) Qualora l’aumento di capitale sociale sia stato iscritto nel Registro di Commercio, il sottoscrittore è tenuto a rimborsare il prezzo di emissione delle azioni da lui sottoscritte, anche se la sottoscrizione delle azioni è stata nulla o inefficace. Ciò non si applica se il tribunale dichiara invalida la risoluzione sull’aumento del capitale sociale ai sensi del § 183.

(7) In caso di rigetto della domanda di iscrizione dell’aumento di capitale sociale nel Registro delle Imprese, la sottoscrizione delle azioni è inefficace.

§ 204a

(1) Ogni azionista ha diritto di prelazione a sottoscrivere una parte delle nuove azioni della società sottoscritte per aumentare il capitale sociale nella misura della sua quota nel capitale sociale della società, se le azioni sono sottoscritte mediante depositi in contanti.

(2) Il Consiglio di Amministrazione è tenuto a pubblicare e secondo le modalità previste dalla legge e dallo Statuto per la convocazione dell’Assemblea Generale per annunciare le informazioni sul diritto di prelazione, che contenga almeno

(a) il luogo e il termine per l’esercizio del diritto di prelazione, che non può essere inferiore a due settimane, con indicazione delle modalità con cui verrà comunicato agli azionisti l’inizio di tale periodo;

b) il numero di nuove azioni che possono essere sottoscritte per una azione esistente della società con un determinato valore nominale, o quale quota in una nuova azione appartiene a una azione esistente con un certo valore nominale, a condizione che solo intere azioni possono essere iscritto per,

(c) il valore nominale, la tipologia, la forma, la forma e il prezzo di emissione delle azioni sottoscritte per l’utilizzo del diritto di prelazione o il metodo per determinarlo o l’autorizzazione del Consiglio di Amministrazione a determinarlo; il prezzo di emissione o il metodo per determinarlo deve essere lo stesso per tutte le azioni che possono essere sottoscritte per l’utilizzo del diritto di opzione, ma può differire dal prezzo di emissione delle azioni sottoscritte diversamente,

(d) la record date per l’esercizio del diritto di prelazione se la società ha emesso azioni contabili.

(3) Il diritto di prelazione associato alle azioni è trasferibile separatamente dal giorno in cui la delibera dell’assemblea generale è stata iscritta nel registro delle imprese ai sensi del § 203 paragrafo 4. Ciò non si applica se le azioni sono sottoscritte con un condizione di scioglimento ai sensi del § 203 par. in tal caso, il diritto di prelazione alla sottoscrizione di azioni è trasferibile separatamente dalla delibera dell’assemblea generale di aumentare il capitale sociale. Se la trasferibilità delle azioni è limitata, la stessa restrizione si applica al trasferimento del diritto di opzione. In mancanza di una nuova quota per azione, il diritto di prelazione alla sottoscrizione di azioni è sempre liberamente trasferibile. Il diritto di priorità di cui al paragrafo 1 scade al termine del periodo previsto per il suo esercizio.

(4) Nel caso in cui la società abbia emesso azioni contabili, il giorno determinante per l’esercizio del diritto di prelazione è il giorno in cui tale diritto avrebbe potuto essere esercitato per la prima volta.

(5) Il diritto di prelazione degli azionisti non può essere limitato o escluso nello statuto; nella delibera dell’assemblea sull’aumento del capitale sociale il diritto di prelazione può essere escluso o limitato solo nell’interesse rilevante della società. Il diritto di prelazione può essere limitato nella stessa misura per tutti gli azionisti. Il diritto di prelazione può essere escluso solo per tutti i soci. Se l’Assemblea decide in merito all’esclusione o alla limitazione del diritto di prelazione degli azionisti, il Consiglio di amministrazione deve presentare all’Assemblea generale una relazione scritta che illustri le ragioni dell’esclusione o della limitazione del diritto di prelazione e che giustifichi il prezzo di emissione proposto.

(6) Non sarà considerato una restrizione o esclusione di un diritto di prelazione se, secondo una delibera dell’Assemblea generale, tutte le azioni sono sottoscritte da un commerciante di valori mobiliari sulla base di un accordo sulla garanzia dell’emissione di titoli, se il presente accordo contiene l’obbligo del commerciante di valori mobiliari di vendere a soggetti la sottoscrizione di azioni, su loro richiesta a un prezzo determinato ed entro il periodo specificato, le azioni sottoscritte nella misura del loro diritto di prelazione ai sensi del paragrafo 1. Le disposizioni dei paragrafi 2-4 si applicano mutatis mutandis alla procedura di vendita di azioni da parte di un commerciante di valori mobiliari agli azionisti.

(7) Un azionista può rinunciare al diritto di prelazione alla sottoscrizione di azioni anche prima della decisione di aumentare il capitale sociale. La dichiarazione di rinuncia deve essere in forma scritta con una firma ufficialmente certificata o deve essere fatta all’assemblea generale, che deve deliberare sull’aumento del capitale sociale. La dichiarazione di rinuncia al diritto all’Assemblea generale sarà dichiarata nel verbale notarile della decisione dell’Assemblea generale. La rinuncia ha anche effetti legali nei confronti del successore legale dell’azionista.

§ 204b

Buono per azioni
(1) Se il sottoscrittore ha interamente pagato il prezzo di emissione dell’azione al momento dell’aumento del capitale sociale mediante la sottoscrizione di nuove azioni, la cui trasferibilità non è limitata, la società può emettere buoni per azioni prima della registrazione dell’aumento di capitale se l’Assemblea così decide. I buoni per azioni possono essere emessi anche solo per determinate azioni sottoscritte, se l’Assemblea così decide e se non è in contrasto con la Sezione 155, Paragrafo 7, seconda frase.

(2) Un buono per azioni è un titolo al portatore a cui sono associati tutti i diritti del sottoscrittore. I diritti derivanti dalla sottoscrizione di un’azione sono associati a un buono di azioni, a meno che l’Assemblea non decida nel caso di buoni cartacei per azioni che i diritti derivanti dalla sottoscrizione di più azioni possono essere associati a un buono.

(3) I buoni per azioni hanno la stessa forma delle azioni che devono essere scambiate per loro, a meno che l’Assemblea non decida in merito all’emissione di buoni cartacei per azioni anche nel caso della forma di iscrizione contabile delle azioni sottoscritte.

(4) Quando si scambiano i voucher con registrazione contabile per azioni con azioni con registrazione contabile, il Consiglio di amministrazione procederà di conseguenza in conformità con § 209 par.6. la procedura è analoga al cambio della forma di un titolo cartaceo in un titolo contabile ai sensi di un’apposita normativa di legge. Se i buoni di azioni devono essere scambiati con azioni nominative, il Consiglio di amministrazione inviterà i titolari di buoni di azioni la cui identità o indirizzo gli sono sconosciuti a scambiare azioni nominative, annunciandolo in almeno un quotidiano distribuito a livello nazionale specificato nello Statuto.

(5) Se c’è stata una sottoscrizione non valida o inefficace di azioni per le quali sono stati emessi buoni per azioni, il diritto ai sensi della Sezione 167 (2) del buono per azioni spetta al proprietario. Il Consiglio di Amministrazione inviterà i titolari di questi buoni ad esercitare il loro diritto ai sensi della Sezione 167 (2) secondo le modalità previste dalla legge e dallo Statuto per la convocazione dell’Assemblea Generale, senza indebito ritardo dopo aver appreso del fatto che Se i buoni di azioni dovessero essere scambiati con azioni nominative, il Consiglio di amministrazione inviterà i titolari di buoni di azioni la cui identità o indirizzo è ignota a esercitare il loro diritto ai sensi del § 167 (2) mediante un avviso pubblicato in almeno un quotidiano distribuito a livello nazionale specificati nello Statuto.

(6) Il voucher per azioni deve indicare

a) l’ indicazione che si tratta di un buono per azioni,

b) ragione sociale e sede legale,

c) il tipo, il valore nominale, la forma, la forma e il numero di azioni che possono essere acquisite sulla sua base,

(d) l’ importo pagato dal sottoscrittore e la data in cui è stato pagato.

(7) Il voucher emesso in forma cartacea deve contenere anche la data di emissione e la firma o le firme dei membri del Consiglio di Amministrazione autorizzati ad agire per conto della società alla data di emissione del voucher per azioni.

(8) Le disposizioni delle sezioni da 161a a 161f si applicano mutatis mutandis all’acquisizione di buoni propri per azioni di società, comprese le passività correlate.

(9) Il regolamento generale di un buono per titoli nel codice civile non si applica a un buono per azioni.

§ 205

(1) Sulla base della decisione dell’Assemblea generale ai sensi del § 203 par. d) tutti gli azionisti possono concordare l’entità della loro partecipazione all’aumento di capitale sociale per l’importo determinato dall’assemblea generale.

(2) Il patto parasociale di cui al comma 1 sostituisce l’elenco dei sottoscrittori e deve essere ottenuto in forma di atto notarile.

(3) Il patto di cui al comma 1 deve contenere la dichiarazione che gli azionisti rinunciano al diritto di prelazione alla sottoscrizione di azioni, a meno che non le abbiano precedentemente rinunciate o esercitate o non le abbiano, specificando il numero, la tipologia, la forma, la forma e il valore nominale delle azioni sottoscritte da ciascun sottoscrittore, l’ammontare del prezzo di emissione e il termine per il suo rimborso. In caso di rimborso in contanti del prezzo di emissione, l’accordo contiene anche il numero di conto presso la banca o cooperativa di credito e risparmio a cui deve essere rimborsato il prezzo di emissione delle azioni. Qualora il prezzo di emissione delle azioni sia rimborsato da un contributo non monetario, l’accordo contiene anche l’oggetto del contributo non monetario e la sua valutazione secondo la delibera dell’Assemblea.

§ 206

(1) Il Consiglio di Amministrazione è tenuto a presentare una proposta di iscrizione del capitale sociale nel Registro delle Imprese dopo la sottoscrizione di azioni corrispondenti alla misura del suo aumento e dopo il rimborso di almeno il 30% del loro valore nominale, compresa l’eventuale quota premio in caso di depositi in contanti e dopo il rimborso di tutti i contributi non monetari.

(2) Se viene presentato al tribunale un atto notarile della decisione del Consiglio di amministrazione unitamente alla proposta di iscrizione dell’aumento di capitale sociale nel Registro di commercio, con la quale il Consiglio di amministrazione conferma che tutte le nuove azioni sono state sottoscritte in conformità alla legge, allo statuto e al provvedimento, e il loro prezzo di emissione è stato integralmente rimborsato da contributi in denaro, il tribunale di registrazione decide sulla registrazione dell’aumento di capitale solo sulla base del presente atto notarile, a meno che non sia chiaro che il contenuto dell’atto notarile non corrisponde ai fatti o è impedito dalla mancanza di condizioni procedurali o da ostacoli generali.

(3) Il tribunale emette una decisione sulla domanda ai sensi del paragrafo 2 entro 3 giorni lavorativi dalla consegna o dall’eliminazione dei difetti di presentazione.

§ 207

Potenziale aumento di capitale sociale
(1) Se l’Assemblea generale decide di emettere obbligazioni convertibili o senior, adotterà contemporaneamente una delibera per aumentare il capitale sociale nella misura in cui possono essere esercitati i diritti di scambio da obbligazioni convertibili o diritti preferenziali da obbligazioni senior (di seguito “capitale azionario condizionale aumentare “).).

(2) L’importo dell’aumento condizionale del capitale sociale non può superare la metà del capitale sociale che risulta iscritto nel Registro delle Imprese alla data della delibera dell’Assemblea sull’emissione di obbligazioni ai sensi del comma 1.

(3) La delibera dell’Assemblea generale sull’aumento condizionale del capitale sociale dovrà contenere:

a) le ragioni dell’aumento di capitale sociale,

b) determinazione se l’aumento condizionato del capitale sociale è finalizzato all’esercizio di diritti di permuta o di privilegio su obbligazioni,

(c) l’ entità dell’aumento di capitale condizionale, il tipo, la forma, la forma, il numero e il valore nominale delle azioni che possono essere emesse per l’aumento di capitale.

(4) Il Consiglio di Amministrazione della società è tenuto a presentare una proposta per l’iscrizione della delibera dell’Assemblea Generale sull’aumento condizionale del capitale sociale nel Registro delle Imprese entro 30 giorni dal giorno in cui l’Assemblea ha adottato questo risoluzione. L’emissione di obbligazioni convertibili e senior non può iniziare finché la delibera dell’Assemblea generale non sarà iscritta nel Registro di commercio e pubblicata.

(5) Il diritto di scambio è esercitato dalla società mediante consegna di una domanda scritta di scambio di obbligazioni con azioni della società. La consegna della richiesta di scambio di obbligazioni con azioni della società sostituisce la sottoscrizione e il rimborso delle azioni. Il diritto di prelazione si esercita sulla società mediante la sottoscrizione delle azioni della società. Le disposizioni della Sezione 204 si applicano alla procedura di sottoscrizione delle azioni.

(6) Il Consiglio di amministrazione è tenuto a presentare una proposta per l’iscrizione dell’importo del capitale sociale nel Registro delle imprese senza indebito ritardo dopo la scadenza del periodo per l’esercizio dei diritti di cambio o di priorità e solo nella misura del cambio esercitato e diritti di priorità.

(7) La società emetterà azioni nella misura dei diritti di permuta e di prelazione esercitati solo dopo l’iscrizione dell’aumento di capitale sociale nel Registro delle Imprese. Le disposizioni della Sezione 213a (2) e (3) e della Sezione 214 si applicano mutatis mutandis alla procedura per lo scambio di obbligazioni con azioni.

Aumento del capitale sociale da risorse proprie della società
§ 208

(1) Dopo l’approvazione del bilancio regolare, straordinario o intermedio, l’Assemblea generale può decidere di utilizzare l’utile netto dopo l’attribuzione al fondo di riserva ai sensi del § 217 o una sua parte o un’altra risorsa propria riportata nel bilancio nel patrimonio netto a aumentare il capitale sociale. L’utile netto non può essere utilizzato per aumentare il capitale sociale sulla base di bilanci intermedi.

(2) La società non può aumentare il capitale sociale con risorse proprie se la condizione specificata nelle disposizioni del § 178 paragrafo 2 non è soddisfatta.

(3) I fondi di riserva creati per altri scopi o le risorse proprie che sono accantonate e il cui scopo la società non ha diritto di modifica non possono essere utilizzati per aumentare il capitale sociale.

(4) L’aumento del capitale sociale non può essere superiore alla differenza tra l’importo del patrimonio netto e la somma del valore del capitale sociale e dei fondi di riserva determinato in conformità al paragrafo 2.

(5) Presupposto per l’aumento del capitale sociale è che il bilancio di cui al paragrafo 1 sia stato sottoposto a revisione contabile senza riserve e sia stato compilato sulla base dei dati ottenuti non oltre la data a partire dalla quale non sono trascorsi più di sei mesi dalla data dell’assemblea decisione di aumentare il capitale sociale. Tuttavia, se una società ha identificato una riduzione dei fondi propri da un rapporto finanziario intermedio, non può utilizzare i dati del bilancio ordinario o straordinario, ma deve utilizzare tali bilanci intermedi.

(6) La delibera dell’Assemblea generale sull’aumento del capitale sociale con risorse proprie della società deve contenere

a) l’ importo di cui è aumentato il capitale sociale,

b) l’ indicazione della risorsa o delle risorse proprie della società da cui è aumentato il capitale sociale, suddivise per struttura del patrimonio netto in bilancio,

c) determinare se il valore nominale delle azioni aumenterà, indicando di quanto aumenterà, o se saranno emesse nuove azioni, indicando il numero e il valore nominale delle nuove azioni della società,

(d) se la società ha emesso azioni cartacee e il capitale sociale è aumentato di un aumento del valore nominale delle azioni, il termine per la presentazione delle azioni cartacee. L’inizio del periodo per la presentazione delle azioni certificate non può precedere il giorno di iscrizione dell’aumento di capitale sociale nel Registro delle Imprese.

(7) Gli azionisti partecipano all’aumento di capitale in proporzione al valore nominale delle proprie azioni. Concorrono all’aumento del capitale sociale anche il capitale sociale di proprietà della società che aumenta il capitale sociale, nonché le azioni di tale società, che sono di sua proprietà o di persone controllate dalla controllata.

§ 209

(1) Un aumento del capitale sociale sarà effettuato o mediante l’emissione di nuove azioni e la loro distribuzione gratuita tra gli azionisti secondo il rapporto tra i valori nominali delle loro azioni, oppure mediante un aumento del valore nominale delle azioni esistenti .

(2) Un aumento del valore nominale delle azioni cartacee esistenti sarà effettuato mediante il loro scambio o contrassegnando un valore nominale più elevato sulle azioni esistenti con la firma di uno o più membri del Consiglio di amministrazione autorizzati ad agire per conto del azienda. Il Consiglio di Amministrazione inviterà gli azionisti che detengono azioni cartacee a convocare l’Assemblea nei modi previsti dalla legge e dallo Statuto per sottoporli entro il termine specificato dalla delibera dell’Assemblea Generale ai fini dello scambio o della marcatura nel loro valore nominale. Se l’azionista non presenta le azioni entro il termine stabilito, non ha diritto di esercitare i diritti ad esse connessi fino a quando non siano state presentate e il consiglio di amministrazione della società applica la procedura di cui all’art. 214.

(3) Un aumento del valore nominale delle azioni dematerializzate sarà effettuato modificando l’iscrizione dell’importo del valore nominale nel registro legale dei titoli dematerializzati sulla base dell’ordine della società. Questo ordine deve essere giustificato da un estratto del registro di commercio comprovante l’iscrizione dell’importo del capitale sociale.

(4) Se devono essere emesse azioni cartacee per un aumento del capitale sociale, il Consiglio di Amministrazione invita l’azionista senza indebito ritardo dopo l’aumento del capitale sociale nel Registro delle Imprese secondo le modalità specificate dalla legge e dallo Statuto. Associazione per convocare un’assemblea generale. Se un socio non rileva nuove azioni entro il termine di cui alla lettera c), decade il suo diritto di emissione. Ciò non pregiudica il diritto alla prestazione ai sensi del § 214 paragrafo 4. L’invito agli azionisti deve contenere almeno

a) la misura in cui il capitale sociale è stato aumentato,

b) il rapporto di distribuzione delle azioni tra gli azionisti,

(c) una dichiarazione attestante che la società ha il diritto di vendere le nuove azioni se l’azionista non le rileva entro un anno dalla pubblicazione dell’invito a rilevare le azioni.

(5) Dopo la scadenza invano del termine di cui al comma 4 lett c) il Consiglio di Amministrazione procederà di conseguenza ai sensi della Sezione 214, Paragrafo 4.

(6) Se le nuove azioni devono essere emesse in forma di registrazione contabile, il Consiglio di Amministrazione, senza indebito ritardo dopo l’iscrizione dell’aumento di capitale sociale nel Registro delle Imprese, presenta un ordine di emissione di nuove azioni alla persona che tiene i registri di titoli contabili.

§ 209a

Aumento di capitale sociale combinato
(1) Se il capitale sociale è aumentato da una società le cui azioni sono ammesse alla negoziazione in un mercato regolamentato europeo o in un mercato estero simile al mercato regolamentato e il cui prezzo su tale mercato non raggiunge il valore nominale dell’azione in quel momento dell’Assemblea per aumentare il capitale sociale Se il capitale sociale è sottoscritto da azioni dei dipendenti della società, l’Assemblea può, in conformità con lo Statuto, decidere che parte del prezzo di emissione delle azioni sottoscritte sarà coperto da le risorse proprie della società riportate in bilancio nel patrimonio netto della società. Ciò non influisce sulle disposizioni del § 158 paragrafo 2. Un aumento del capitale sociale mediante depositi non monetari o l’esclusione o la limitazione del diritto di prelazione degli azionisti è inammissibile in questo caso.

(2) La delibera dell’Assemblea generale contiene:

a) l’ importo di cui sarà aumentato il capitale sociale,

b) numero e valore nominale, tipologia, forma e forma delle azioni sottoscritte,

c) i dati specificati nella disposizione del § 204a paragrafo 2 o, se un commerciante di valori mobiliari deve sottoscrivere azioni ai sensi del 204a paragrafo 6, il luogo e il periodo entro il quale la persona avente diritto può esercitare il diritto ivi specificato e il prezzo a cui l’azione ha diritto di acquistare, o il metodo della sua determinazione,

d) determinare se le azioni che non saranno sottoscritte con l’esercizio del diritto di opzione saranno sottoscritte per tutte o per una parte determinata nel patto parasociale ai sensi del § 205, se saranno offerte a un determinato interessato partito o candidati, indicando la persona o le persone interessate alla loro selezione; se saranno offerti in sottoscrizione sulla base di un invito pubblico a sottoscrizione di azioni,

(e) il luogo e il termine per la sottoscrizione di azioni senza esercizio del diritto di prelazione, indicando le modalità con cui verrà comunicato ai sottoscrittori l’inizio di tale periodo e il prezzo di emissione delle azioni così sottoscritte o le modalità della sua determinazione o la procura al Consiglio per determinarlo; il prezzo di emissione o il metodo per la sua determinazione deve essere lo stesso per tutti i sottoscrittori, salvo diversa disposizione di legge,

f) un conto presso una banca o un’unione di risparmio e credito e il periodo entro il quale il sottoscrittore è tenuto a rimborsare parte del prezzo di emissione delle azioni sottoscritte,

g) in caso di approvazione dell’emissione di azioni di nuova tipologia, determinazione dei diritti ad esse associati,

h) qualora la sottoscrizione di azioni sia consentita in eccedenza rispetto all’ammontare dell’aumento di capitale proposto, la determinazione dell’organo sociale, che deciderà l’ammontare finale dell’aumento,

i) quale parte del prezzo di emissione dell’azione non è soggetta a rimborso da parte del sottoscrittore,

j) l’ indicazione delle risorse proprie della società iscritte nel patrimonio netto della società, di cui la società coprirà la parte del prezzo di emissione che non è soggetta a rimborso da parte del sottoscrittore.

(3) Il sottoscrittore è obbligato a rimborsare almeno il 50% del prezzo delle azioni sottoscritte entro il periodo specificato nella decisione dell’Assemblea generale prima dell’iscrizione del capitale sociale nel Registro di commercio, se il sottoscrittore o l’Assemblea generale lo fa non richiedere il rimborso di un importo superiore.

(4) Il Consiglio di Amministrazione di una società per azioni può depositare una proposta per la registrazione dell’importo del capitale sociale solo se il prezzo di emissione delle azioni sottoscritte è stato pagato per l’importo indicato al paragrafo 3.

(5) Le disposizioni della Sezione 203, Paragrafi 1, 3 e 4, Sezione 204, Paragrafi 1, 4, 6 e 7, Sezione 204a, Paragrafi da 1 a 4 e Paragrafo 6, Sezione 205 si applicano altrimenti mutatis mutandis a un aumento combinato in capitale sociale, 206, § 208 paragrafi da 1 a 5.

§ 210

Aumento del capitale sociale su decisione del Consiglio di Amministrazione

(1)Con delibera dell’Assemblea generale, il Consiglio di amministrazione può essere autorizzato a decidere, alle condizioni specificate dalla presente legge e dallo Statuto, di aumentare il capitale sociale mediante la sottoscrizione di azioni o fondi propri, ad eccezione degli utili portati a nuovo, ma non più di un terzo della (di seguito “delega ad aumentare il capitale sociale”). L’autorizzazione del Consiglio di Amministrazione a deliberare sull’aumento del capitale sociale sostituisce la delibera dell’Assemblea sull’aumento del capitale sociale. Il mandato deve specificare il valore nominale, la tipologia, la forma e la forma delle azioni da emettere per aumentare il capitale sociale. Il Consiglio di Amministrazione può aumentare il capitale sociale più volte nell’ambito del mandato, qualora l’ammontare complessivo dell’aumento di capitale sociale non superi il limite fissato.

(2) Deve essere redatto un atto notarile della decisione del Consiglio di amministrazione. La decisione del Consiglio di Amministrazione sull’aumento del capitale sociale è iscritta nel Registro delle Imprese. L’autorizzazione ad aumentare il capitale sociale non è iscritta nel Registro delle Imprese. Diversamente, le disposizioni delle sezioni da 203 a 209 si applicano mutatis mutandis alla procedura di aumento del capitale sociale ai sensi del paragrafo 1.

(3) L’ autorizzazione ad aumentare il capitale sociale può essere concessa per un periodo massimo di cinque anni dalla data dell’Assemblea che ha deliberato l’autorizzazione ad aumentare il capitale sociale.

(4) Se risulta dallo Statuto, l’Assemblea Generale può autorizzare il Consiglio di Amministrazione ad aumentare il capitale sociale attraverso la sottoscrizione di azioni ai dipendenti della società, in particolare dopo aver deciso sulla distribuzione degli utili, può decidere che la quota dei dipendenti nella il profitto dell’azienda può essere utilizzato solo per rimborsare queste azioni. I dettagli saranno determinati dallo statuto. Le disposizioni dei paragrafi da 1 a 3 si applicano mutatis mutandis.

Sezione 6

Riduzione del capitale sociale
§ 211

(1) L’Assemblea generale decide sulla riduzione del capitale sociale. La delibera dell’Assemblea Generale deve dichiarare almeno

a) il motivo della riduzione del capitale sociale e il modo in cui verrà trattato l’importo corrispondente alla riduzione del capitale sociale,

b) l’ entità della riduzione del capitale sociale,

c) le modalità con le quali deve essere effettuata la riduzione del capitale sociale,

d) in caso di riduzione del capitale sociale mediante messa fuori circolazione delle azioni sulla base di un prelievo, le regole del prelievo e l’importo del compenso per le azioni estratte o il metodo di determinazione,

e) se il capitale sociale è ridotto su proposta agli azionisti, l’indicazione se si tratta di proposta di remunerazione o di ritiro gratuito di azioni e, nel caso di proposta di remunerazione di azioni fuori circolazione, l’importo della remunerazione o delle regole per determinarla,

(f) se, a seguito della riduzione del capitale sociale, devono essere presentate alla società azioni cartacee o certificati provvisori, il termine per la loro presentazione.

(2) Il capitale sociale non può essere ridotto al di sotto del suo importo stabilito nel § 162 par.3.

(3) La riduzione del capitale sociale non deve peggiorare la recuperabilità dei crediti dei creditori.

(4) La delibera dell’Assemblea generale sulla riduzione del capitale sociale deve essere iscritta nel Registro di commercio. La proposta di registrazione è presentata dal Consiglio di Amministrazione entro 30 giorni dalla delibera dell’Assemblea.

§ 212

Oltre ai requisiti di cui alla Sezione 184a (3), l’invito o la notifica relativa alla convocazione dell’Assemblea Generale deve contenere almeno le informazioni ai sensi della Sezione 211 (1).

§ 213

(1) Se la società è obbligata a ridurre il capitale sociale, deve utilizzare le proprie azioni o certificati provvisori per ridurre il capitale sociale, se ne è in possesso. Negli altri casi di riduzione del capitale sociale, la società utilizzerà azioni proprie o certificati provvisori per ridurre il capitale sociale. In alternativa, il capitale sociale può essere ridotto solo se tale procedura non è sufficiente a ridurre il capitale sociale nella misura determinata dall’Assemblea o se tale modalità di riduzione del capitale sociale non soddisfi l’obiettivo della riduzione del capitale sociale. Nel caso in cui il capitale sociale venga ridotto solo mediante l’utilizzo di azioni proprie o certificati provvisori di proprietà della Società, non si applica la disposizione del voto separato per tipologia di azioni.

(2) La società utilizzerà le proprie azioni o certificati provvisori per ridurre il capitale azionario distruggendoli se sono stati emessi in forma cartacea, o ordinerà a una persona che tiene registri dei titoli contabili di annullare le azioni se sono state emesse in forma di iscrizione a libro.

(3) Se la società non possiede azioni proprie o certificati provvisori o l’uso di azioni proprie o certificati provvisori ai sensi del paragrafo 1 non è sufficiente a ridurre il capitale sociale, il capitale sociale sarà ridotto riducendo il valore nominale delle azioni o azioni non pagate per le quali la società ha emesso fogli provvisori (§ 213a), o ritirando azioni dalla circolazione o rinunciando all’emissione di azioni non pagate per le quali la società ha emesso fogli provvisori (§ 213d).

(4) Le azioni saranno ritirate dalla circolazione sulla base di un’estrazione (Sezione 213b) o sulla base di una proposta agli azionisti (Sezione 213c). Le azioni possono essere ritirate dalla circolazione mediante estrazione a sorte solo se lo statuto della società al momento della sottoscrizione di tali azioni consente la riduzione del capitale sociale mediante estrazione a sorte delle azioni. Le modalità dettagliate per il ritiro delle azioni dalla circolazione saranno stabilite dallo Statuto e dall’Assemblea Generale al momento della decisione di riduzione del capitale sociale.

§ 213a

Diminuzione del valore nominale delle azioni e dei certificati provvisori
(1) Se il valore nominale delle azioni della società diminuisce, viene ridotto proporzionalmente per tutte le azioni della società, a meno che lo scopo della riduzione del capitale sociale non sia quello di rinunciare alla parte non pagata del prezzo di emissione delle azioni.

(2) Una riduzione del valore nominale delle azioni cartacee o delle azioni in circolazione per le quali sono stati emessi certificati provvisori deve essere effettuata scambiando azioni o certificati provvisori con azioni o certificati provvisori con un valore nominale inferiore o contrassegnando un valore nominale inferiore per un quota esistente o certificato provvisorio firmato da un membro; membri del Consiglio di amministrazione autorizzati ad agire per conto della società. Il Consiglio di amministrazione inviterà gli azionisti che hanno azioni cartacee o certificati provvisori a convocare l’Assemblea generale secondo le modalità specificate dalla legge e dallo Statuto per presentarli entro il termine specificato dalla decisione dell’Assemblea generale allo scopo di scambiare o contrassegnare un riduzione del loro valore nominale. Qualora l’azionista non presenti le azioni o i certificati provvisori entro il termine stabilito, non potrà esercitare i diritti ad essi connessi fino a quando non siano stati presentati e il Consiglio di Amministrazione applichi la procedura di cui all’art. 214.

(3) Il valore nominale delle azioni dematerializzate sarà ridotto modificando la registrazione dell’importo del valore nominale delle azioni nel registro legale dei titoli dematerializzati sulla base dell’ordine della società. Tale ordinanza deve essere suffragata da un estratto del Registro delle Imprese comprovante l’iscrizione della riduzione del capitale sociale.

§ 213b

Ritiro dalla circolazione delle azioni per estrazione
(1) La possibilità di prelevare azioni per ridurre il capitale sociale deve essere consentita dallo statuto della società. La decisione dell’Assemblea di ritirare le azioni dalla circolazione mediante sorteggio deve essere pubblicata.

(2) Se la società ha emesso azioni dematerializzate, è obbligata a presentare un ordine di numerazione delle azioni ai sensi di una legge speciale al soggetto che tiene i registri dei titoli dematerializzati, e allo stesso tempo richiede un estratto di tali registri, che deve includere i numeri di condivisione. Fintanto che le azioni sono numerate, il diritto di disporre delle azioni numerate ai sensi di una legge speciale è sospeso. L’estrazione delle azioni contabili dovrà essere effettuata entro e non oltre dieci giorni dalla data di presentazione dell’ordine di numerazione.

(3) Lo svolgimento e l’esito dell’estrazione con i numeri delle quote estratte devono essere certificati con atto notarile. Il Consiglio di Amministrazione della Società annuncerà i risultati del sorteggio secondo le modalità specificate dalla legge e dallo Statuto della Società per la convocazione dell’Assemblea Generale. La notifica deve indicare almeno:

a) i numeri delle azioni estratte,

b) il periodo entro il quale la società rimborserà le azioni prelevate, che non può precedere il giorno di iscrizione della riduzione del capitale sociale nel Registro di Commercio e non può superare i tre mesi dall’iscrizione del capitale sociale nel Registro di Commercio, salvo diversamente concordato con l’azionista,

c) l’ importo del compenso per le azioni prelevate.

(4) Qualora la società abbia emesso azioni nominative cartacee o scritture contabili, la comunicazione di cui al comma 3 deve contenere anche i dati identificativi degli azionisti le cui azioni sono state prelevate. Qualora la società abbia emesso azioni cartacee, la comunicazione di cui al comma 3 deve contenere anche il termine entro il quale le azioni prelevate devono essere presentate alla società; gli azionisti sono tenuti a presentare le azioni estratte della società entro tale termine. Se l’azionista non presenta le azioni cartacee estratte entro il termine stabilito, non ha diritto di esercitare i diritti ad esse associati fino a quando non vengono presentate e il Consiglio di amministrazione procede ai sensi del § 214.

(5) La società è obbligata a pagare una commissione per le azioni estratte di un importo proporzionato al valore delle azioni; l’adeguatezza della remunerazione deve essere comprovata da una perizia.

(6) Se la società ha emesso azioni contabili, il Consiglio di Amministrazione sottoporrà anche una relazione sui risultati dell’estrazione alla persona che tiene i registri dei titoli contabili, unitamente all’ordine di annullare la numerazione dei azioni disegnate. Tale ordine deve essere convalidato da un atto notarile che attesti i risultati del sorteggio. La società, dopo aver registrato l’ammontare del capitale sociale nel Registro delle Imprese, inoltra al soggetto che conserva la documentazione dei titoli dematerializzati un ordine di cancellazione delle azioni prelevate. Questo ordine deve essere giustificato da un estratto del registro di commercio comprovante l’iscrizione dell’importo del capitale sociale.

§ 213c

Ritiro dalla circolazione delle azioni su proposta
(1) Se le azioni sono ritirate dalla circolazione sulla base di una bozza di contratto pubblica, la decisione dell’Assemblea generale può stabilire che il capitale sociale

(a) essere ridotto nella misura del valore nominale delle azioni da ritirare dalla circolazione; o

b) è ridotto di un importo fisso.

(2) Le azioni possono essere ritirate dalla circolazione sulla base di un progetto pubblico di accordo o di un progetto pubblico di accordo sul ritiro gratuito delle azioni dalla circolazione.

(3) Le disposizioni della sezione 183a (1), prima e seconda frase, paragrafi da 2 a 4 e paragrafo 7 si applicano mutatis mutandis a una bozza di contratto pubblico ai sensi del paragrafo 2.

(4) Il prezzo di acquisto deve essere corrisposto entro e non oltre tre mesi dall’iscrizione dell’importo del capitale sociale nel Registro delle Imprese. La data di scadenza del prezzo di acquisto e il termine per la presentazione delle azioni cartacee della società non possono precedere la data di iscrizione del capitale sociale nel Registro delle Imprese. Se l’azionista non presenta le azioni cartacee della società entro il termine stabilito, non è autorizzato a esercitare i diritti ad esse associati fino a quando non vengono presentate e il Consiglio di amministrazione procede in conformità con la Sezione 214.

(5) Se la società ha emesso azioni contabili, ha il diritto di presentare un ordine di sospensione del diritto di disporre delle azioni per le quali la proposta è stata accettata ai sensi del paragrafo 1 alla persona che tiene i libri contabili. titoli di ingresso. Senza indebito ritardo dopo l’iscrizione dell’ammontare del capitale sociale nel Registro delle Imprese, il Consiglio di Amministrazione emetterà a tale soggetto un ordine di cancellazione delle azioni acquistate dalla società sulla base di una bozza di contratto pubblica. Tale provvedimento dovrà essere suffragato da un estratto del Registro delle Imprese comprovante l’iscrizione del nuovo ammontare di capitale sociale e prova dell’accettazione della proposta ai sensi del comma 1.

(6) Se il capitale sociale di cui al comma 1 lett a), la delibera dell’Assemblea dovrà contenere un’autorizzazione al Consiglio di Amministrazione a presentare una proposta per l’iscrizione dell’ammontare del capitale sociale nel Registro delle Imprese nella misura in cui gli azionisti riceveranno una bozza pubblica di accordo.

(7) Se la somma dei valori nominali delle azioni messe fuori circolazione ai sensi del comma 1 lett (b) non raggiunge l’importo specificato di cui il capitale sociale deve essere ridotto e l’assemblea generale non ha deciso di modificare la procedura di riduzione del capitale sociale ai sensi del paragrafo 1 (a). a), il capitale sociale non può essere ridotto in questo modo. Tuttavia, l’Assemblea generale può decidere che in questo caso il capitale sociale sarà ridotto in un altro modo consentito dalla presente legge.

§ 213d

Rinuncia di azioni
(1) L’Assemblea generale può decidere di ridurre il capitale sociale rinunciando all’emissione di azioni nella misura in cui i sottoscrittori sono in arretrato con il rimborso del valore nominale delle azioni, se la società non procede in conformità con § 177 paragrafi Da 4 a 7.

(2) La rinuncia all’emissione di azioni non pagate sarà effettuata dal Consiglio di amministrazione invitando un azionista in arretrato con il rimborso del prezzo di emissione o parte di esso a restituire il certificato provvisorio entro il periodo specificato dall’Assemblea generale, a condizione che la società non emette azioni sostituisce, e restituisce al sottoscrittore senza indebito ritardo dopo l’iscrizione della riduzione del capitale sociale nel Registro delle Imprese il prezzo di emissione delle azioni fino a quel momento versato tenuto conto delle pretese della società nei confronti del abbonato. Se l’azionista non presenta il certificato provvisorio entro il termine stabilito, non ha diritto di esercitare i diritti ad esso associati fino a quando non viene presentato e il Consiglio di amministrazione procede in conformità con la Sezione 214.

§ 214

(1) Se gli azionisti sono in arretrato con la presentazione di azioni cartacee o certificati provvisori ritirati dalla circolazione ai fini del loro scambio, designazione di un nuovo valore nominale o distruzione o cambiamento di forma con la loro restituzione o acquisizione, il Consiglio di amministrazione dovrà invitarli secondo le modalità specificate dalla legge e dallo Statuto. assemblee generali a presentare azioni o certificati provvisori, a restituire o rilevare le azioni cartacee entro un ulteriore ragionevole periodo di tempo a tal fine, indicando che altrimenti le azioni non presentate o azioni non restituite saranno dichiarate azioni cartacee non valide o non rivendicate, e questa decisione verrà pubblicata.

(2) Il Consiglio di amministrazione dichiarerà le azioni documentarie non valide oi certificati provvisori che non sono stati presentati entro il periodo specificato ulteriormente nonostante l’invito.

(3) Il Consiglio di amministrazione informerà gli azionisti le cui azioni o certificati provvisori sono stati dichiarati nulli secondo le modalità specificate dalla legge e dallo Statuto per la convocazione dell’Assemblea generale (di seguito denominate “persone interessate”). Il Consiglio di amministrazione pubblica senza indebito ritardo la dichiarazione di azioni o certificati provvisori come non validi.

(4)Le nuove azioni o certificati provvisori da emettere al posto di azioni o certificati provvisori che sono stati dichiarati non validi, o azioni cartacee che non sono state rilevate dall’azionista in un cambiamento di forma anche entro un periodo ragionevole aggiuntivo, saranno vendute dal Consiglio di amministrazione tramite il commerciante di valori mobiliari senza indebito ritardo, il conto dell’interessato in un mercato regolamentato europeo o in un mercato estero simile a un mercato regolamentato, se ammesso alle negoziazioni su tale mercato o ad un’asta pubblica. Il Consiglio di amministrazione pubblica il luogo, l’ora e l’oggetto dell’asta almeno due settimane prima dell’asta. Entro lo stesso termine trasmette all’interessato, se noto alla società, una relazione sull’asta pubblica o sull’intenzione di vendere azioni su un mercato regolamentato europeo o un mercato estero simile a un mercato regolamentato.

(5) Se non devono essere emesse nuove azioni o certificati provvisori per azioni o certificati provvisori ritirati dalla circolazione, la dichiarazione di nullità delle azioni o certificati provvisori non pregiudica il diritto della persona interessata di pagarne il prezzo o restituire il prezzo di emissione o parte di esso. Tuttavia, la Società può compensare la pretesa dell’azionista per il pagamento del prezzo o il rimborso del prezzo di emissione crediti sostenuti nei confronti dell’azionista in relazione alla dichiarazione di nullità delle sue azioni o certificati provvisori e pagare la differenza alla persona interessata senza indebito ritardo dopo la dichiarazione delle azioni o dei certificati provvisori non validi o depositarli in custodia ufficiale.

(6) Dopo che la riduzione del capitale sociale è stata iscritta nel Registro di commercio, la società è obbligata a distruggere le azioni cartacee oi certificati provvisori restituiti.

§ 215

(1) Il Consiglio di amministrazione è tenuto a notificare ai creditori dei creditori noti che hanno crediti nei confronti della società per iscritto entro 30 giorni dalla data di efficacia della decisione dell’Assemblea generale di ridurre il capitale sociale a terzi prima della data in cui questa decisione ha acquisito efficacia nei confronti dei terzi, invitandoli a proporre reclamo ai sensi del comma 3.

(2) La decisione dell’Assemblea generale sulla riduzione del capitale sociale dopo la sua iscrizione nel Registro di commercio deve essere pubblicata dal Consiglio di amministrazione almeno due volte di seguito con un intervallo di almeno 30 giorni e un invito per i creditori a presentare le loro pretese ai sensi del paragrafo 3.

(3) I creditori della società di cui al comma 1 hanno facoltà di richiedere entro 90 giorni dalla data di ricevimento della comunicazione di riduzione del capitale sociale, altrimenti entro 90 giorni dalla data di seconda pubblicazione del convocazione di cui al comma 2, che i loro crediti in sospeso, quando l’invito è stato consegnato loro, o al momento della sua seconda pubblicazione, erano sufficientemente garantiti; ciò non si applica se la diminuzione del capitale sociale non aggrava la recuperabilità dei crediti verso la società.

(4) Se non viene raggiunto un accordo tra i creditori e la società sul metodo di garanzia del credito o se il creditore ritiene che la recuperabilità dei suoi crediti si sia deteriorata, il tribunale decide in merito a garanzie sufficienti per quanto riguarda il tipo e l’importo il reclamo.

§ 216

(1) Dopo 90 giorni dalla consegna della notifica ai sensi del § 215 paragrafo 1, o dall’ultima pubblicazione della decisione ai sensi del § 215 paragrafo 2, il Consiglio di amministrazione può presentare una proposta di registrazione del capitale sociale riduzione nel registro delle imprese. Il tribunale del registro registra se la notifica della decisione dell’assemblea generale sulla riduzione del capitale sociale ai sensi della sezione 215 par.

(2) Il termine di cui al paragrafo 1 non deve essere rispettato se la società concorda con tutti i creditori di garantire o soddisfare i propri crediti prima della scadenza di tale termine. L’azienda deve provare la conclusione dell’accordo al tribunale al momento della presentazione della domanda.

(3) Il capitale sociale sarà ridotto dalla data di iscrizione nel Registro delle Imprese.

(4) Prima della registrazione della riduzione del capitale sociale nel Registro di commercio e prima della soddisfazione o della garanzia dei crediti dei creditori ai sensi della Sezione 215 (2), o prima della decisione ai sensi della Sezione 215 (4), parti non pagate di il valore nominale delle loro azioni. I membri del Consiglio di Amministrazione sono responsabili in solido per i danni causati dalla violazione di tale obbligo nei confronti della società o dei suoi creditori. Non possono essere liberati da questa responsabilità.

§ 216a

(1) Le disposizioni del § 215 e le disposizioni del § 216 par.1 e 2 non si applicano se la società

(a) riduce il capitale sociale per coprire le perdite, o

(b) riduce il capitale sociale ai fini del trasferimento al fondo di riserva per coprire perdite future e l’importo trasferito al fondo di riserva non supera il 10% del capitale sociale.

(2) L’ azienda deve provare il rispetto delle condizioni di cui al paragrafo 1 al tribunale al momento della presentazione della domanda di registrazione.

(3) Il fondo di riserva nella misura costituito ai sensi del comma 1 lett b) può essere utilizzato solo per coprire una perdita o per aumentare il capitale sociale di una società se il fondo di riserva supera l’importo per il quale è costituito obbligatoriamente ai sensi dell’articolo 217. Il fondo di riserva creato ai sensi degli articoli 161d e 161f non viene preso in considerazione.

(4) In relazione alla riduzione del capitale sociale ai sensi del comma 1, nessuna prestazione può essere prevista a beneficio degli azionisti. Se la prestazione è stata fornita agli azionisti, questi sono tenuti a restituirla. I membri del Consiglio di amministrazione sono responsabili in solido per l’adempimento di tale obbligo.

§ 216b

(1) Durante un’Assemblea Generale, può essere presa una decisione di ridurre o aumentare il capitale sociale solo se il capitale sociale è ridotto alle condizioni stabilite nella Sezione 213d o nella Sezione 216a (1).

(2) Nella procedura di cui al comma 1, la società può compiere atti giuridici finalizzati all’aumento del capitale sociale solo previa iscrizione nel Registro delle Imprese della riduzione del capitale sociale.

§ 216c

Contestuale riduzione e aumento del capitale sociale
(1) Se sono soddisfatte le condizioni del § 216a e lo scopo della riduzione del capitale sociale è quello di adeguare il valore nominale delle azioni esistenti ammesse alla negoziazione su un mercato regolamentato europeo o un mercato estero simile al loro prezzo regolamentato su questo mercato in connessione con aumento del capitale sociale mediante la sottoscrizione di nuove azioni in offerta pubblica, l’Assemblea può contestualmente deliberare la riduzione e l’aumento del capitale sociale (contestuale riduzione e aumento del capitale sociale). In tal caso, le disposizioni del § 216b non si applicano.

(2) Nella delibera sulla contestuale riduzione e aumento del capitale sociale, l’Assemblea può determinare l’entità della riduzione del capitale sociale determinando le modalità di calcolo dell’ammontare della riduzione in funzione del prezzo di emissione delle nuove azioni, da determinarsi successivamente ed i corrispondenti nuovi valori nominali delle azioni esistenti della società sono stati pubblicati senza indugio secondo le modalità previste dalla legge e dallo Statuto per la convocazione dell’Assemblea.

(3) Il tribunale di registrazione decide in merito alla registrazione della delibera dell’Assemblea generale sulla simultanea riduzione e aumento del capitale sociale con un’unica delibera. Il tribunale di registrazione decide anche in merito alla registrazione di una riduzione e aumento del capitale sociale con un’unica delibera, il cui contenuto deve prima dichiarare l’importo di cui è stato ridotto il capitale sociale e poi l’importo di cui è stato aumentato il capitale sociale . Il tribunale del registro non consente la riduzione e l’aumento del capitale sociale se il capitale sociale, dopo una riduzione e un aumento simultanei, non raggiunge almeno l’importo di cui alla sezione 162 paragrafo 4

Sezione 7

Fondo di riserva e warrant
§ 217

(1) La Società crea un fondo di riserva al momento e per l’importo determinato dallo Statuto e dalla presente Legge.

(2) L’azienda è obbligata a creare un fondo di riserva dall’utile netto riportato nel bilancio regolare per l’anno in cui genera per primo un utile netto, nella misura di almeno il 20% dell’utile netto, ma non superiore a 10% del capitale sociale. Questo fondo è integrato annualmente dall’importo determinato dallo Statuto, ma almeno il 5% dell’utile netto, fino al raggiungimento dell’importo del fondo di riserva specificato nello Statuto, ma almeno fino al 20% del capitale sociale. Ciò non si applica se il fondo di riserva ha già creato supplementi superiori al prezzo di emissione delle azioni. Il fondo di riserva così creato, fino al 20% del capitale sociale, può essere utilizzato solo per la copertura delle perdite.

(3) Il Consiglio di amministrazione decide sull’uso del fondo di riserva, salvo diversa disposizione dello Statuto o della presente Legge.

§ 217a

Warrant
(1) Una società per azioni ha il diritto di emettere titoli designati come warrant per l’esercizio di un diritto di prelazione ai sensi della Sezione 160, Paragrafi 1 e 6 e ai sensi della Sezione 204a.

(2) I warrant ai sensi del paragrafo 1 (di seguito “warrant”) possono essere emessi solo come titoli al portatore. Il mandato può essere emesso sia in forma cartacea che in formato cartaceo.

(3) Il mandato deve indicare:

a) ragione sociale e sede legale,

b) quante azioni e di che tipo, forma e forma o quante obbligazioni convertibili o prioritarie della società, in quale forma, forma e in quale valore nominale si può ottenere,

c) momento e luogo per l’esercizio del diritto di priorità,

d) il prezzo di emissione di azioni o obbligazioni per le quali può essere esercitato il diritto di opzione, o le modalità per la sua determinazione,

(e) un’indicazione che è stato consegnato al portatore.

(4) Il warrant emesso in forma cartacea deve contenere anche la data di emissione, la firma o le firme dei membri del Consiglio di Amministrazione autorizzati ad agire per conto della società e la designazione numerica dell’azione o obbligazione per la quale è stata rilasciato.

(5) Se la società ha emesso mandati in forma di registrazione contabile, il giorno decisivo (§ 156b) per l’esercizio del diritto di priorità è il giorno in cui questo diritto avrebbe potuto essere esercitato per la prima volta.

(6) Se la società ha emesso warrant sotto forma di registrazione contabile, deve presentare alla persona che tiene il registro dei titoli contabili un ordine di emissione di titoli, se il diritto di prelazione è stato esercitato in tempo e senza indebito ritardo dopo rispettando le condizioni per l’emissione di tali titoli, ordina la revoca dei warrant dai quali è stato esercitato il diritto di prelazione. Decorso il termine per l’esercizio del diritto di prelazione, la società depositerà il provvedimento di revoca dei warrant per i quali non è stato esercitato il diritto di prelazione.

Sezione 8

Liquidazione e liquidazione della società
§ 218

Le disposizioni degli articoli da 68 a 75c si applicano allo scioglimento e allo scioglimento della società, salvo diversa disposizione.

§ 219

(1) Il liquidatore sarà nominato e rimosso dall’Assemblea generale, salvo diversa disposizione di legge.

(2) Salvo diversa disposizione dello Statuto, gli azionisti di cui alla Sezione 181 (1) possono richiedere al tribunale, indicando le ragioni, di licenziare il liquidatore nominato dall’Assemblea generale e di sostituirlo con un’altra persona. Ciò non influisce sulle disposizioni del § 71 par.4.

(3) Un liquidatore che non è stato nominato da un tribunale può essere rimosso dall’Assemblea generale e sostituito da un altro liquidatore.

§ 220

(1) Il saldo di liquidazione è diviso tra gli azionisti in proporzione ai valori nominali delle loro azioni. Le disposizioni del § 159 par.1 non sono interessate da questo. Il diritto alla partecipazione al saldo di liquidazione è trasferibile separatamente dalla data in cui è stata approvata la proposta di distribuzione del saldo di liquidazione.

(2) Se il saldo di liquidazione non è sufficiente a pagare il valore nominale delle azioni, il saldo di liquidazione viene suddiviso nella parte appartenente ai possessori di azioni privilegiate e altre azioni nella misura determinata dallo Statuto. Parti del saldo di liquidazione sono ripartite tra gli azionisti in una proporzione corrispondente al valore nominale versato delle loro azioni.

(3) Il diritto al pagamento di una quota del saldo di liquidazione sorge per gli azionisti restituendo le azioni cartacee della società presentate su richiesta del liquidatore. Il liquidatore distruggerà le azioni restituite. Se l’azionista non restituisce le azioni cartacee su richiesta del liquidatore, il liquidatore procederà di conseguenza in conformità con le disposizioni della Sezione 214.

(4) Qualora la società abbia emesso azioni dematerializzate, il diritto al pagamento di una quota del saldo di liquidazione sorge il giorno in cui, su ordine del liquidatore, le quote della società nel registro dei titoli dematerializzati sono state cancellate.

(5) Il tribunale del registro cancella una società dal registro delle imprese solo se è dimostrato che tutte le azioni della società sono state distrutte, dichiarate nulle o annullate.

Sezione 9
annullato

Fusione di società per azioni
annullato

§ 220a – § 220o
annullato

Sezione 10
annullato

§ 220p
annullato

Sezione 11
annullato

Divisione con la costituzione di nuove persone giuridiche
annullato

§ 220r – § 220z, § 220za, § 220zb
annullato

Sezione 2
annullato

§ 220zc
annullato

Titolo II

SQUADRA
Parte I

Fornitura di base
§ 221

(1) Una cooperativa è una comunità di un numero aperto di persone costituite allo scopo di fare affari o provvedere ai bisogni economici, sociali o di altro tipo dei suoi membri.

(2) Una cooperativa che provvede al fabbisogno abitativo dei suoi membri è una cooperativa abitativa.

(3) L’azienda di una cooperativa deve contenere la denominazione “cooperativa”.

(4) La squadra deve avere almeno cinque membri; ciò non si applica se i suoi membri sono almeno due persone giuridiche. La durata della squadra non è influenzata dall’adesione di altri membri o dalla cessazione dell’adesione di membri esistenti, se la squadra soddisfa le condizioni della frase precedente.

§ 222

(1) la cooperativa è una persona giuridica. È responsabile della violazione dei suoi obblighi con tutte le sue proprietà.

(2) I membri non sono responsabili per gli obblighi della cooperativa. Lo statuto può prevedere che i soci della cooperativa o alcuni di essi abbiano, in base alla decisione dell’assemblea dei soci, nei confronti della cooperativa un obbligo di rimborso fino ad un certo importo eccedente la quota associativa a copertura delle perdite della cooperativa. Tuttavia, l’obbligo di rimborso del socio non può superare il triplo della quota associativa.

§ 223

(1) Il capitale sociale di una cooperativa è costituito dalla somma delle quote associative, che i soci della cooperativa si sono impegnati a rimborsare.

(2) Lo Statuto determina l’ammontare del capitale sociale di una cooperativa, che è iscritto nel Registro delle Imprese (capitale sociale registrato). Il capitale sociale registrato deve essere di almeno 50.000 CZK.

(3) Condizione per la costituzione dell’adesione è il rimborso della quota associativa determinata dallo statuto (quota associativa base) o dallo statuto della parte specificata della quota associativa base (quota iscrizione).

(4) I soci della cooperativa possono, se lo statuto lo consente, impegnarsi a versare un’altra quota associativa ea partecipare all’attività della cooperativa alle condizioni specificate nello statuto.

(5) I depositi non monetari devono essere valutati secondo le modalità stabilite dallo statuto o dalla costituzione della cooperativa concordata da tutti i membri.

(6) Un membro è obbligato a rimborsare la quota associativa eccedente il deposito iniziale entro tre anni, a meno che lo statuto non specifichi un periodo più breve. Lo statuto può prevedere che i soci siano obbligati, se lo smarrimento della cooperativa lo richiede, a rimborsare la parte non pagata della quota associativa prima della scadenza, in base alla decisione dell’assemblea dei soci.

§ 224

Costituzione di una cooperativa
(1) La costituzione di una cooperativa richiede una riunione di partecipazione della cooperativa.

(2) Assemblee costitutive della cooperativa:

a) determina il capitale sociale registrato,

b) approva lo statuto,

c) elegge il Consiglio di Amministrazione e l’Audit Committee.

(3) Alla riunione inaugurale della cooperativa hanno diritto di voto le persone che hanno presentato la domanda alla cooperativa. Prima di decidere sulle questioni di cui al paragrafo 2, l’assemblea costituente dei membri elegge il proprio presidente. Fino alla sua elezione, l’assemblea è presieduta dal convocatore.

(4) Le riunioni costitutive della cooperativa eleggono e adottano deliberazioni a maggioranza dei presenti. Un richiedente l’adesione può ritirare la sua domanda immediatamente dopo la votazione sullo statuto se ha votato contro la loro adozione.

(5) La riunione inaugurale di una cooperativa porterà alla sua costituzione se i richiedenti l’adesione si sono impegnati a far sì che le quote associative raggiungano un determinato importo del capitale sociale registrato. La quota di iscrizione o di iscrizione di base deve essere versata entro 15 giorni dalla riunione inaugurale della cooperativa al membro designato del Consiglio Direttivo secondo le modalità stabilite dall’assemblea dei soci.

(6) Lo svolgimento della riunione inaugurale della cooperativa deve essere certificato da un atto notarile, in appendice al quale si trova un elenco dei membri e l’importo delle quote di adesione individuali a cui si sono impegnati nella riunione inaugurale. La delibera dell’assemblea costitutiva sull’approvazione dello Statuto deve essere autenticata, che deve contenere anche il testo approvato dello Statuto.

§ 225

(1) Una cooperativa è costituita il giorno dell’iscrizione nel registro di commercio. Almeno la metà del capitale sociale deve essere versato prima della presentazione della domanda di registrazione.

(2) Il Consiglio di Amministrazione è tenuto a presentare una proposta di registrazione. La proposta di iscrizione è firmata da tutti i membri del Consiglio di Amministrazione.

(3) La domanda di registrazione deve essere accompagnata da:

a) una copia dell’atto notarile dell’assemblea costituente della cooperativa e una copia dell’atto notarile della decisione dell’assemblea costituente della cooperativa sull’approvazione dello statuto,

b) lo statuto della cooperativa,

c) prova del rimborso di una determinata parte del capitale sociale registrato.

§ 226

(1) Lo statuto della cooperativa deve contenere:

a) il nome e la sede legale della cooperativa,

b) oggetto dell’attività (attività),

c) costituzione e cessazione dell’adesione, diritti e obblighi dei soci alla cooperativa e delle cooperative ai soci,

d) l’ ammontare della quota associativa di base, ovvero l’importo della quota di iscrizione, le modalità di rimborso delle quote associative e il saldo della quota associativa alla cessazione dell’iscrizione,

e) gli organi della cooperativa e il numero dei loro membri, la durata del loro mandato, le modalità di costituzione, l’ambito e le modalità della loro convocazione e del loro agire,

f) le modalità di utilizzo del profitto e la compensazione di eventuali perdite,

g) creazione e utilizzo di un fondo indivisibile,

h) altre disposizioni, se derivano dalla presente legge.

(2) Se, secondo lo statuto, la condizione per l’adesione è anche il rapporto di lavoro di un socio con la cooperativa, lo statuto può contenere un adeguamento di tale rapporto. Questo regolamento non deve contraddire le norme del diritto del lavoro, a meno che il regolamento non sia più vantaggioso per il membro. A meno che non vi sia una regolamentazione speciale nello statuto, si applicano le norme del diritto del lavoro.

(3) L’assemblea dei membri decide sulla modifica dello statuto. Il Consiglio di Amministrazione della cooperativa è tenuto a darne comunicazione al tribunale del registro entro 30 giorni dall’approvazione della modifica statutaria. Le disposizioni della Sezione 173, Paragrafo 4 si applicano mutatis mutandis.

Seconda parte

Costituzione e cessazione dell’affiliazione
§ 227

(1) I membri di una cooperativa possono essere persone fisiche o giuridiche. Se, per statuto, l’adesione è condizionata da un rapporto di lavoro con la cooperativa, può aderire una persona fisica che abbia compiuto la scuola dell’obbligo e abbia compiuto i 15 anni.

(2) Dopo aver adempiuto alle condizioni derivanti dalla legge e dallo statuto, l’adesione si pone:

a) quando si costituisce una cooperativa il giorno della costituzione della cooperativa,

b) per la durata della cooperativa accettando come socio sulla base di domanda scritta di adesione,

(c) trasferimento dell’adesione, o

d) in altro modo prescritto dalla legge.

(3) Se, ai sensi dello statuto, la condizione per l’adesione è il rapporto di lavoro del socio con la cooperativa e salvo diversa disposizione statutaria, l’adesione nasce nel giorno concordato come data di assunzione e termina alla data di risoluzione del rapporto di lavoro del socio con la cooperativa.

(4) L’iscrizione non si verifica prima del pagamento della quota di iscrizione.

(5) Un regolamento più dettagliato sull’affiliazione, la sua costituzione e cessazione sarà regolato dallo Statuto.

§ 228

Il team mantiene un elenco di tutti i suoi membri. Oltre alla società o al nome e alla sede legale della persona giuridica o al nome e alla residenza della persona fisica in qualità di socio, nell’elenco deve essere iscritto l’importo della sua quota associativa e l’importo di cui è stata rimborsata. Tutte le modifiche ai fatti registrati devono essere contrassegnate nell’elenco senza indebito ritardo. Il Consiglio di Amministrazione consentirà a chiunque dimostri un interesse legale di visionare l’elenco. Un membro della squadra ha il diritto di visualizzare l’elenco e richiedere il rilascio di una conferma della sua appartenenza e il contenuto della sua iscrizione nell’elenco.

§ 229

(1) Un membro può trasferire i diritti e gli obblighi di associazione a un altro membro della cooperativa, a meno che lo statuto non lo precluda. L’accordo sul trasferimento dei diritti e degli obblighi di appartenenza ad un’altra persona è soggetto all’approvazione del Consiglio di Amministrazione. Lo statuto può specificare i motivi che precludono il trasferimento. Un membro può presentare ricorso contro una decisione negativa a una riunione dei membri. Con delibera del Consiglio di Amministrazione o dell’assemblea dei soci che approva l’accordo sul trasferimento dei diritti e degli obblighi associativi, il cessionario dei diritti e degli obblighi associativi diventa socio della cooperativa nell’ambito dei diritti e degli obblighi del socio cedente.

(2) Lo Statuto può specificare i casi in cui il Consiglio di amministrazione non può rifiutare il consenso al trasferimento dei diritti e degli obblighi di associazione o il consenso del Consiglio di amministrazione non è richiesto.

§ 230

Il trasferimento dei diritti e degli obblighi connessi all’adesione a una cooperativa di alloggio sulla base di un accordo non è soggetto al consenso degli enti cooperativi. I diritti e gli obblighi associativi connessi con l’adesione passano al cessionario in relazione alla cooperativa presentando un contratto di trasferimento della partecipazione alla cooperativa interessata o in una data successiva specificata nel presente contratto. Gli stessi effetti della presentazione di un contratto per il trasferimento di appartenenza si verificano non appena la cooperativa interessata riceve la comunicazione scritta dell’attuale socio circa il trasferimento di appartenenza e il consenso scritto del socio titolare.

§ 231

(1) L’iscrizione termina con accordo scritto, dimissioni, espulsione, dichiarazione di fallimento della proprietà del membro, rigetto della petizione di insolvenza per mancanza di proprietà del membro, consegna della notifica di asta ripetuta non riuscita in procedimenti esecutivi o esecuzione o se i diritti e gli obblighi di adesione non sono trasferibili., mediante un ordine definitivo per l’esecuzione di una decisione che influisce sui diritti o sugli obblighi di appartenenza, o con l’ordine di esecuzione per incidere sui diritti e sugli obblighi dei membri dopo la scadenza del periodo specificato nell’invito ad adempiere all’obbligo imposto ai sensi della normativa speciale 22 ) e l’esecuzione, dopo la forza giuridica della decisione sulla presente proposta o lo scioglimento della cooperativa.

(2) Se il fallimento per la proprietà di un membro è stato annullato per motivi diversi dall’adempimento della risoluzione del programma o perché la proprietà del debitore è completamente insufficiente, la sua iscrizione è rinnovata; se la cooperativa ha già versato la propria quota di liquidazione, deve sostituirla alla cooperativa entro 2 mesi dall’annullamento del fallimento. Ciò vale anche nel caso in cui l’esecuzione della decisione sia stata revocata inficiando i diritti e gli obblighi di membro di un membro della cooperativa o l’esecuzione sia stata revocata ai sensi di una normativa legale speciale.

(3) Il recesso fa cessare l’associazione al momento specificato nello statuto, ma non oltre sei mesi dalla data in cui il socio ha notificato per iscritto il recesso al consiglio di amministrazione della cooperativa.

(4) Un membro può essere espulso se ripetutamente e tramite un avvertimento viola gli obblighi di iscrizione, o per altri importanti motivi specificati nello statuto. Una persona fisica può anche essere espulsa se è stata condannata per un reato intenzionale commesso contro una cooperativa o un membro di una cooperativa. L’espulsione, che deve essere comunicata al socio per iscritto, è deliberata dal Consiglio Direttivo, salvo diversa disposizione statutaria. Un membro ha il diritto di presentare ricorso contro una decisione di espulsione a una riunione dei soci. Se il diritto di ricorso non viene esercitato entro tre mesi dalla data in cui il socio è venuto a conoscenza o avrebbe potuto venire a conoscenza della decisione di espulsione, decade.

(5) Il tribunale, su proposta del membro a cui si riferisce la decisione, dichiarerà invalida la decisione dell’assemblea dei membri sull’espulsione se è in conflitto con le norme legali o lo statuto. Se il diritto di presentare una proposta non viene esercitato entro 3 mesi dalla data dell’assemblea dei soci che conferma l’esclusione, o se non è stata debitamente convocata, dal giorno in cui il socio ha saputo dell’assemblea dei soci confermando l’esclusione, ma no oltre un anno dalla sua condotta scade.

(6) Se il motivo della proposta ai sensi del paragrafo 5 è che la presunta decisione non è stata adottata dalla riunione dei membri perché non l’ha votata, o che il contenuto della presunta decisione non corrisponde alla decisione adottata dal assemblea dei soci, la proposta può essere presentata entro 3 mesi dalla presunta decisione, ma non oltre un anno dalla data della presunta riunione dei soci.

(7) La cooperativa informa i soci senza indebito ritardo mediante comunicazione scritta presso la sede legale della cooperativa e nel condominio di proprietà della cooperativa in cui si trova l’appartamento, a cui il debitore ha un diritto di locazione relativo alla quota soggetto ad esecuzione forzata; ai sensi della legge che disciplina l’esecuzione delle decisioni che incidono sui diritti e obblighi associativi e che il presente decreto sull’asta è disponibile per la consultazione presso la sede della cooperativa. La cooperativa invia copia dell’avviso di asta al socio che ne faccia richiesta a sue spese e rischio, all’indirizzo indicato nella richiesta.

§ 232

(1) L’ appartenenza di una persona fisica scade alla morte. L’erede dei diritti e degli obblighi di associazione del testatore può chiedere alla cooperativa di diventare membro. La legge o lo statuto possono specificare quando il consiglio di amministrazione non può rifiutare l’iscrizione dell’erede o quando non è richiesto il consenso del consiglio di amministrazione all’acquisizione di diritti e obblighi di associazione da parte dell’erede.

(2) Il consenso del Consiglio di Amministrazione non è richiesto se l’erede ha acquisito i diritti e gli obblighi connessi con l’adesione ad una cooperativa edilizia.

(3) Un erede che non è diventato membro ha diritto alla quota di liquidazione del membro la cui iscrizione è scaduta.

(4) L’ appartenenza di una persona giuridica a una cooperativa termina con la sua entrata in liquidazione o dichiarazione di fallimento, o con la sua risoluzione. Se una persona giuridica ha un successore legale, il successore assume tutti i suoi attuali diritti e obblighi di appartenenza.

§ 233

(1) In caso di cessazione dell’affiliazione per la durata della cooperativa, l’attuale socio ha diritto ad una quota di liquidazione.

(2) La quota di liquidazione sarà determinata dal rapporto tra la quota di iscrizione rimborsata del membro attuale moltiplicata per il numero di anni compiuti della sua appartenenza alla somma dei contributi di iscrizione rimborsati di tutti i membri moltiplicata per gli anni compiuti della loro iscrizione.

(3) Per la determinazione della quota di liquidazione è determinante lo stato del patrimonio netto della cooperativa rispetto al bilancio dell’esercizio in cui è scaduta l’adesione. Nella determinazione dell’ammontare degli interessi di regolamento non si tiene conto del capitale che è in un fondo indivisibile e, se risulta dallo statuto, anche in altri fondi speculativi. Non si tiene inoltre conto dei contributi dei soci con meno di un anno di adesione alla data di redazione dei conti regolari.

(4) Il diritto alla quota di liquidazione è pagabile tre mesi dopo l’approvazione del bilancio per l’anno in cui è scaduta l’adesione. Il diritto alla partecipazione agli utili sorge solo per il periodo di adesione.

(5) Le disposizioni dei paragrafi da 2 a 4 si applicano solo a meno che lo statuto non disponga diversamente.

§ 234

(1) La quota di regolamento è pagata in contanti. Lo Statuto può prevedere che nei casi in cui la quota associativa sia consistita in tutto o in parte nel trasferimento della proprietà del bene alla cooperativa, il socio può chiedere la liquidazione restituendo il bene, per l’importo registrato nel patrimonio della cooperativa a l’ora della risoluzione. Se l’importo della quota di liquidazione è inferiore al valore del bene immobile restituito, il socio acquirente è obbligato a versare la differenza in denaro alla cooperativa. Lo Statuto può prevedere che la procedura sia analoga nel caso in cui la quota associativa consistesse nell’erogazione di un altro vantaggio materiale. Una cooperativa è responsabile nei confronti di un socio se dispone della sua proprietà in un modo che renderebbe impossibile tale restituzione.

(2) Un membro ai sensi del paragrafo 1 ha diritto alla restituzione dei terreni agricoli investiti in una cooperativa anche se questo diritto non è determinato dallo statuto.

§ 235

Fondo indivisibile
(1) All’inizio la cooperativa è obbligata a costituire un fondo indivisibile, almeno nella misura del 10% del capitale sociale. Tale fondo è integrato dalla cooperativa almeno del 10% dell’utile netto annuo, fino a quando l’importo del fondo indivisibile non raggiunge un importo pari alla metà del capitale sociale della cooperativa. Lo statuto può prevedere la creazione di un fondo indivisibile superiore o di altri fondi speculativi.

(2) Un fondo indivisibile non può essere utilizzato per la durata di una cooperativa per la distribuzione tra i membri.

§ 236

Distribuzione dei profitti
(1) L’assemblea dei soci decide sulla determinazione dell’utile da distribuire tra i soci durante la discussione del bilancio periodico.

(2) Salvo quanto diversamente disposto nello Statuto, la quota di un membro nell’utile destinato alla distribuzione tra i membri sarà determinata dal rapporto tra l’importo del suo deposito versato e i depositi versati di tutti i membri; per i membri la cui adesione è durata solo una parte dell’anno nell’anno di riferimento, tale quota è relativamente ridotta.

(3) Lo statuto della cooperativa o la delibera dell’assemblea dei soci, se consentito dallo statuto, può specificare un altro modo di definire la quota di utile da distribuire tra i soci.

Parte III

Organismi cooperativi
§ 237

Gli organi della cooperativa sono:

a) riunione dei membri,

b) il Consiglio di Amministrazione,

c) commissione di controllo,

d) altri organi della cooperativa ai sensi dello statuto.

§ 238

(1) Solo un membro della cooperativa può essere un organismo della cooperativa o un suo membro; le disposizioni della Sezione 244a e le disposizioni legali speciali sull’elezione dei membri dell’Audit Committee da parte dei dipendenti non sono interessate. La scelta effettuata in violazione non è valida.

(2) Se un membro di un organo eletto di una cooperativa è una persona giuridica, i diritti e gli obblighi associati alla sua appartenenza al corpo della cooperativa devono essere esercitati da una persona fisica autorizzata a farlo; la procura deve essere in forma scritta. L’agente deve soddisfare le stesse condizioni di se fosse un membro dell’organo eletto della cooperativa in persona, fatta eccezione per l’appartenenza alla cooperativa, e non può concedere un’altra procura a tal fine a un terzo.

(3) Salvo diversa disposizione della presente legge, la validità di una delibera di un’assemblea dei membri, del Consiglio di amministrazione e del Comitato di verifica richiede la loro regolare convocazione, la presenza della maggioranza assoluta dei membri e il consenso della maggioranza dei voti dei membri presenti. Questa legge o lo statuto determinano quali deliberazioni richiedono il consenso della maggioranza qualificata.

Riunione dei soci
§ 239

(1) L’organo più alto della cooperativa è l’assemblea dei membri della cooperativa (di seguito denominata “riunione dei soci”).

(2) L’ assemblea dei membri si riunisce entro i termini specificati nello statuto, almeno una volta all’anno. La convocazione di una riunione dei soci deve essere comunicata ai soci secondo le modalità previste dallo statuto. Su richiesta di un terzo dei soci della cooperativa o della commissione di controllo, o di 3 delegati, il Consiglio di Amministrazione inserisce all’ordine del giorno della riunione dei soci la materia da loro determinata. Disposizioni del § 182 par.1 let. a) si applicano mutatis mutandis.

(3) Deve essere convocata un’assemblea dei soci se richiesto per iscritto da almeno un terzo di tutti i soci della cooperativa, della commissione di controllo, nonché negli altri casi, se così stabilito dallo statuto. Se il Consiglio di Amministrazione non convoca una riunione dei soci da tenersi entro 40 giorni dal ricevimento della richiesta, la persona autorizzata per iscritto dalle persone o dall’ente che richiede la convocazione dell’assemblea ha diritto a convocare la riunione stessa. I membri del Consiglio di Amministrazione sono tenuti in solido a rilasciare a tale soggetto, su sua richiesta, un elenco dei soci o delegati della cooperativa.

(4) Lo scopo della riunione dei membri include:

a) modificare lo statuto sociale,

b) eleggere e revocare i membri del Consiglio di amministrazione e dell’Audit Committee,

c) approvare il bilancio regolare,

d) decidere in merito alla distribuzione e all’utilizzo dell’utile o al metodo di compensazione della perdita,

e) decidere l’aumento o la diminuzione del capitale sociale,

f) decidere sulle questioni fondamentali del concetto di sviluppo cooperativo,

g) deliberare sullo scioglimento della cooperativa con liquidazione o sulla trasformazione della cooperativa,

h) decidere in merito alla conclusione di contratti ai sensi della Sezione 67a e ad altre disposizioni rilevanti in materia di proprietà,

i) decidere in merito alla vendita o altra disposizione di beni immobili in cui si trovano le abitazioni o di abitazioni; tale decisione può essere presa dall’assemblea dei membri solo con il previo consenso scritto della maggioranza dei membri dell’associazione per l’edilizia abitativa che sono inquilini dell’immobile a cui si riferisce la decisione; ciò non si applica se la cooperativa è obbligata a trasferire l’appartamento o lo spazio non residenziale nella proprietà del socio inquilino.

(5) L’ assemblea dei membri decide su altre questioni riguardanti la cooperativa e le sue attività, se così previsto dalla presente legge, dallo statuto, o se ha riservato la decisione su determinate questioni.

(6) Lo statuto della cooperativa può prevedere che le riunioni dei membri si tengano sotto forma di riunioni parziali. Durante la votazione vengono sommati i voti espressi in tutte le riunioni dei membri parziali. Le assemblee parziali dei soci non possono deliberare sullo scioglimento della cooperativa, sulla trasformazione della cooperativa secondo un apposito regolamento di legge e negli altri casi, se così determinati dallo statuto.

(7) Se, viste le dimensioni della cooperativa, non è possibile convocare un’assemblea dei soci, lo statuto può prevedere che, nella misura da essi specificata, l’assemblea dei membri dell’assemblea dei delegati svolga lo scopo della riunione dei membri. Ogni delegato è eletto con lo stesso numero di voti. Lo statuto può prevedere scostamenti se necessari per la struttura organizzativa della cooperativa.

(8) Se la riunione dei soci non è in grado di approvare una risoluzione, il Consiglio di amministrazione deve convocare una riunione dei soci supplenti in modo che abbia luogo entro 3 settimane dal giorno in cui si sarebbe tenuta la riunione dei soci originariamente convocata. Una riunione dei membri supplenti deve essere convocata da un nuovo invito con un ordine del giorno invariato. L’invito deve essere inviato entro e non oltre 15 giorni dalla data in cui è stata convocata la riunione originaria dei membri, ma non oltre 10 giorni prima della riunione dei membri supplenti. La riunione dei membri supplenti può approvare una risoluzione indipendentemente dalle disposizioni del § 238 paragrafo 3. La procedura è simile se la riunione dei membri è stata tenuta sotto forma di riunioni dei membri parziali e riunioni dell’assemblea dei delegati.

§ 240

(1) Al momento del voto, ogni membro dispone di un voto, a meno che lo statuto non disponga diversamente. In caso di voto su questioni di cui al § 239 par.4 lett. a), g) eh) ogni membro ha un solo voto.

(2) Un membro di una cooperativa può autorizzare un altro membro della cooperativa o un’altra persona per iscritto a rappresentarlo alla riunione dei soci.

§ 241

(1) Di ogni riunione dei soci sarà redatto un verbale che dovrà contenere:

a) data e luogo dell’incontro,

b) deliberazioni adottate,

c) risultati delle votazioni,

d) le obiezioni dei membri che hanno richiesto la registrazione non sono state accettate.

(2) L’ allegato al verbale è costituito dall’elenco dei partecipanti alla riunione, dall’invito ad essa e dai documenti presentati per gli argomenti in discussione.

(3) Ogni membro ha il diritto di richiedere la registrazione e i suoi allegati per l’ispezione.

(4) Deve essere redatto un atto notarile della decisione dell’assemblea dei soci di modificare lo statuto della cooperativa, che deve contenere anche il testo approvato della modifica dello statuto.

§ 242

(1) Su proposta di un membro, il tribunale dichiara invalida la risoluzione dell’assemblea dei soci se la risoluzione è in conflitto con le norme legali o lo statuto della cooperativa. Una mozione del tribunale può essere presentata da un membro se ha chiesto di registrare l’obiezione all’assemblea dei membri che ha adottato la delibera, o se ha notificato l’obiezione al Consiglio di amministrazione entro un mese dalla riunione e in caso contrario convocato correttamente entro un mese dalla giornata, ma non oltre un anno dopo la riunione dei membri. L’istanza giudiziaria può essere presentata solo entro un mese dalla data in cui il socio ha richiesto il deposito dell’opposizione o dalla notifica dell’opposizione al Consiglio di Amministrazione.

(2) Se il motivo della mozione ai sensi del paragrafo 1 è che la presunta decisione non è stata adottata dall’assemblea dei soci perché non l’ha votata, o che il contenuto della presunta decisione non corrisponde alla decisione adottata dal riunione dei membri, l’azione può essere presentata entro un mese.ha appreso della presunta decisione, ma non oltre un anno dalla data della presunta riunione della riunione dei membri. Per altri aspetti, le disposizioni del § 131 si applicano mutatis mutandis.

§ 243

Consiglio di Amministrazione
(1) Il consiglio di amministrazione gestisce le attività della cooperativa e decide su tutte le questioni della cooperativa che non sono riservate dalla presente legge o dallo statuto ad un altro organo.

(2) Il Consiglio di Amministrazione è l’organo statutario della cooperativa.

(3) Il Consiglio di Amministrazione si attiene alla delibera dell’assemblea dei soci ed è responsabile nei suoi confronti delle proprie attività. Salvo quanto diversamente previsto dallo Statuto, il Presidente o il Vicepresidente agisce per conto del Consiglio di Amministrazione. Tuttavia, se per un atto giuridico compiuto dal Consiglio di Amministrazione è prescritta una forma scritta, sono necessarie le firme di almeno due membri del Consiglio di Amministrazione.

(4) Il Consiglio di Amministrazione si riunisce secondo necessità. Deve riunirsi entro 10 giorni dal ricevimento del reclamo del comitato di ispezione, se le carenze non sono state corrette su sua richiesta.

(5) Il consiglio di amministrazione elegge tra i suoi membri il presidente della cooperativa (consiglio di amministrazione) o il vicepresidente, a meno che lo statuto non preveda che siano eletti dall’assemblea dei soci. Il Vicepresidente sostituisce il Presidente in sua assenza. Anche altri membri del Consiglio di amministrazione possono essere autorizzati a rappresentarli in un determinato ordine stabilito dal Consiglio di amministrazione.

(6) Il presidente della cooperativa organizza e gestisce le riunioni del consiglio di amministrazione. Se così stabilito dallo statuto, organizza e gestisce anche le normali attività della cooperativa.

(7) Lo Statuto può prevedere che le normali attività della cooperativa siano organizzate e gestite da un amministratore nominato e revocato dal Consiglio di Amministrazione.

(8) La Sezione 193 (2), la Sezione 194 (2), dalla prima alla quinta frase e la Sezione 194 (da 4) a (7) si applicano mutatis mutandis ai membri del Consiglio di amministrazione o ai membri di altri organi che partecipano ai procedimenti.

§ 243a

(1) Ogni socio ha il diritto di intentare un’azione per conto della cooperativa contro un membro del consiglio di amministrazione o contro un membro di un altro ente coinvolto nella gestione della cooperativa o della sua unità organizzativa per il risarcimento dei danni causati alla cooperativa . Una persona diversa da un socio della cooperativa che ha intentato la causa, o una persona da lui autorizzata, non può agire nel procedimento per conto o per conto della cooperativa.

(2) Le disposizioni del paragrafo 1 non si applicano se il Consiglio di amministrazione sta recuperando i danni.

§ 244

Commissione di controllo
(1) La commissione di controllo ha il diritto di controllare tutte le attività della cooperativa e discute i reclami dei suoi membri. Corrisponde solo all’assemblea dei soci ed è indipendente dagli altri organi della cooperativa. L’Audit Committee è composto da almeno tre membri.

(2) L’Audit Committee commenterà i rendiconti finanziari regolari e la proposta per la distribuzione dell’utile o la compensazione della perdita della cooperativa.

(3) Il Collegio dei Revisori richiama l’attenzione del Consiglio di Amministrazione sulle carenze individuate e richiede che venga predisposto un rimedio.

(4) La Commissione di controllo si riunisce, se necessario, almeno una volta ogni tre mesi.

(5) La Commissione di Controllo elegge tra i suoi membri un presidente o un vicepresidente, a meno che lo Statuto non preveda che siano eletti dall’assemblea dei membri.

(6) L’Audit Committee ha facoltà di richiedere al Consiglio di Amministrazione qualsiasi informazione sulla gestione della cooperativa. Il Consiglio di Amministrazione ha l’obbligo di comunicare senza indebito ritardo all’Audit Committee tutti i fatti che possono avere gravi conseguenze nella gestione o posizione della cooperativa e dei suoi membri. Lo stesso vale per il regista.

(7) La commissione di controllo può autorizzare uno o più membri per singoli atti autorizzati a richiedere informazioni in materia nell’ambito dell’autorizzazione della commissione di audit.

(8) L’ articolo 243 paragrafo 8 si applica ai membri della commissione di controllo.

§ 244a

(1) Se, con le modalità e alle condizioni previste dalla Legge sulle trasformazioni di società e cooperative, i dipendenti della cooperativa successore hanno il diritto di eleggere e rimuovere uno o più membri del consiglio di sorveglianza della cooperativa dopo l’iscrizione della fusione transfrontaliera nel registro delle imprese nel territorio della Repubblica ceca, la cooperativa è tenuta a istituire una commissione di controllo; le disposizioni del § 245 non si applicano qui. Il numero dei membri dell’Audit Committee eletti dai dipendenti non può mai superare il numero dei membri dell’Audit Committee eletti dall’assemblea dei soci. Le disposizioni della Sezione 200, paragrafi da 5 a 7 si applicano mutatis mutandis.

(2)Se una cooperativa che, dopo la registrazione di una fusione transfrontaliera ha la propria sede legale nella Repubblica Ceca e in cui i dipendenti hanno il diritto di eleggere e rimuovere uno o più membri del Comitato di verifica, partecipa alla fusione nazionale entro il tempo limite fissato dalla Legge sulle Trasformazioni di Società e Cooperative, lo stesso diritto e, alle stesse condizioni, i dipendenti della cooperativa successore o del suo avente diritto dopo l’iscrizione della fusione nazionale nel registro di commercio; ciò non si applica se la legge sulla trasformazione delle società e delle cooperative prevede diversamente. Le disposizioni della prima frase si applicano anche ai casi della seconda e di altre fusioni nazionali in cui la cooperativa o il suo successore legale, che hanno la loro sede legale nel territorio della Repubblica ceca dopo la registrazione della fusione transfrontaliera nel Registro commerciale,

(3) Qualora i dipendenti cessino il diritto all’adesione di una o più persone elette dai dipendenti alla commissione di controllo della cooperativa alle condizioni e con le modalità previste dalla Legge sulle Trasformazioni di Società e Cooperative, l’adesione di persone elette dal i dipendenti della commissione di controllo scade e la cooperativa può procedere ai sensi del § 245. se le condizioni ivi specificate.

§ 245

Piccoli enti cooperativi
(1) In una cooperativa con meno di cinquanta soci, lo statuto può prevedere che i poteri del consiglio di amministrazione e della commissione di controllo siano esercitati dall’assemblea dei soci.

(2) L’organo statutario è il presidente o un altro membro autorizzato dall’assemblea dei soci.

(3) Nelle cooperative con l’appartenenza a persone giuridiche che hanno meno di cinque membri, lo statuto determina il metodo del processo decisionale e l’organo statutario.

Disposizioni comuni sull’adesione agli organismi di cooperazione
§ 246

(1) La durata del mandato dei membri degli organi della cooperativa è determinata dallo statuto, ma non può superare i cinque anni.

(2) I membri dei primi organi dopo la costituzione di una cooperativa possono essere eletti solo per un periodo massimo di tre anni.

(3) Salvo disposizione contraria dello statuto, i membri degli organi della cooperativa possono essere rieletti.

§ 247

(1) Le funzioni di un membro del Consiglio di Amministrazione e di un membro dell’Audit Committee sono tra loro incompatibili.

(2) Lo statuto può specificare altri casi di incompatibilità di funzioni o circostanze per le quali un membro della cooperativa non può essere membro di alcun organo eletto della cooperativa.

§ 248

(1) Un membro di una cooperativa che viene eletto alla sua carica può dimettersi dalla sua carica, ma è obbligato a notificare l’ente di cui è membro. Il suo mandato termina il giorno in cui le dimissioni sono state discusse dall’organo a ciò autorizzato ai sensi di Statuto. Salvo disposizione contraria dello statuto, le dimissioni saranno discusse dall’organo che lo ha eletto. L’autorità competente deve discutere le dimissioni nella riunione successiva dopo aver appreso delle dimissioni, ma non oltre tre mesi. Trascorso invano tale termine, le dimissioni si considerano discusse.

(2) Determinare se lo statuto dei membri supplenti eletti degli organi cooperativi, prende il posto del membro in pensione dalla data di efficacia del recesso ai sensi di un ordine fisso.

(3) Se un supplente non viene eletto, l’organo può convocare un membro supplente fino a quando non può essere effettuata un’elezione corretta di un nuovo membro. Il membro sostituto ha i diritti e gli obblighi di un membro a pieno titolo.

(4) Le disposizioni dei paragrafi 2 e 3 si applicano anche nel caso in cui l’appartenenza all’ente scada in caso di morte.

§ 249

Divieto di concorrenza
I membri del consiglio di amministrazione e della commissione di controllo della cooperativa, i procuratori e l’amministratore non possono essere imprenditori o membri degli organi statutari e di controllo di persone giuridiche con analogo oggetto di attività. Lo Statuto può disciplinare in modo diverso la portata del divieto di concorrenza.

§ 250

Votazione nel Consiglio di amministrazione e nel Comitato di controllo
(1) Ogni membro del consiglio di amministrazione e della commissione di controllo della cooperativa dispone di un voto. La votazione avviene mediante votazione pubblica, a meno che lo statuto non preveda che alcune questioni siano a scrutinio segreto. L’organo negoziale può decidere a scrutinio segreto in singoli casi.

(2) Se lo statuto lo consente, la risoluzione può essere adottata mediante votazione per iscritto o mediante tecnologia di comunicazione, se tutti i membri dell’organo concordano con questo metodo di voto. In questo caso, gli elettori sono considerati presenti (§ 238 paragrafo 3).

§ 251

Le pretese della cooperativa dalla responsabilità dei componenti degli organi della cooperativa per danni sono fatte valere dal Consiglio di Amministrazione. La commissione di controllo fa valere le pretese dei soci della cooperativa nei confronti dei membri del Consiglio di Amministrazione tramite un membro da essa designato.

Parte IV

Rendiconti finanziari regolari e relazione annuale
§ 252

(1) La cooperativa è obbligata a redigere i rendiconti finanziari di ogni anno.

(2) Unitamente al bilancio periodico, il Consiglio di Amministrazione propone anche il metodo di distribuzione e utilizzo dell’utile, ovvero il metodo di compensazione delle perdite.

(3) I membri della cooperativa possono richiedere regolari rendiconti finanziari e una proposta per la distribuzione degli utili e la compensazione delle perdite per l’ispezione.

§ 253

Se così stabilito dallo Statuto o da un’apposita norma di legge 7 ) , il Consiglio di Amministrazione provvederà alla predisposizione di una relazione annuale sulle finanze della cooperativa, che contenga una panoramica delle attività economiche svolte nell’anno passato e le ipotesi sulle sue ulteriori attività . La relazione annuale è presentata dal Consiglio di Amministrazione unitamente al bilancio periodico per la discussione in assemblea.

Parte V

Cancellazione, liquidazione e modifica della forma giuridica della cooperativa
§ 254

(1) Una cooperativa termina con la cancellazione dal registro di commercio. La cooperativa che partecipa alla fusione transfrontaliera cesserà di esistere il giorno in cui la fusione transfrontaliera sarà registrata nel Registro delle Imprese o nel Registro delle Imprese Estere.

(2) La squadra è sciolta:

a) con delibera dell’assemblea dei soci,

b) annullamento del fallimento dopo il rispetto della risoluzione del programma o annullamento del fallimento per il motivo che i beni del debitore sono completamente insufficienti,

c) con decisione del tribunale,

d) allo scadere del periodo per il quale la cooperativa è stata costituita,

e) raggiungimento dello scopo per il quale la cooperativa è stata costituita.

(3) Deve essere redatto un atto notarile della decisione dell’assemblea dei soci sull’annullamento.

§ 255, § 256
annullato

§ 257

(1) Il tribunale può, su proposta di un ente statale, organo o membro di una cooperativa o di una persona che dimostra un interesse legale, decidere sullo scioglimento della cooperativa e sulla sua liquidazione se:

a) il numero dei soci della cooperativa è sceso al di sotto del numero stabilito al § 221 par.4,

b) la somma delle quote associative è scesa al di sotto dell’importo specificato nella Sezione 223 (2),

c) sono trascorsi due anni dalla data di scadenza del mandato degli organi della cooperativa e non sono stati eletti nuovi organi, oppure è stato violato l’obbligo di convocazione dell’assemblea dei soci, oppure la cooperativa non ha esercitato alcuna attività da più di due anni,

d) la cooperativa ha violato l’obbligo di creare un fondo indivisibile,

e) la cooperativa viola le disposizioni del § 56 par.3,

f) la legge è stata violata dalla costituzione, fusione o fusione della cooperativa.

(2) Prima di decidere sullo scioglimento di una cooperativa, il tribunale stabilisce un termine per la rimozione del motivo per il quale è stato proposto lo scioglimento, se la sua rimozione è possibile.

§ 258

(1) Un’assemblea dei membri può decidere che una cooperativa costituita per un periodo determinato continuerà a funzionare anche dopo la fine di questo periodo.

(2) Tuttavia, questa decisione deve essere presa prima dell’inizio della distribuzione del saldo di liquidazione.

§ 259

(1) Salvo diversa disposizione di legge, la cooperativa sciolta entra in liquidazione. I liquidatori sono nominati secondo le modalità previste dallo statuto della cooperativa, altrimenti sono nominati dall’assemblea dei soci.

(2) Prima della distribuzione del saldo di liquidazione, i liquidatori sono tenuti a preparare una proposta per la sua distribuzione, che viene discussa dall’assemblea dei soci. Una proposta per la divisione deve essere presentata a ciascun membro della squadra su richiesta.

(3) Il saldo di liquidazione sarà distribuito tra i membri secondo le modalità specificate nello Statuto. Salvo diversa disposizione statutaria, ai membri sarà corrisposta la parte pagata della loro quota associativa. Il residuo del saldo di liquidazione sarà distribuito tra i soci la cui adesione sia durata almeno un anno alla data di scioglimento della cooperativa. Salvo disposizione contraria dello statuto, il resto del saldo di liquidazione sarà distribuito tra questi membri in base alla misura in cui partecipano al capitale della cooperativa. Le disposizioni della Sezione 234 (1) si applicano mutatis mutandis alla restituzione di depositi non monetari.

(4) Ciascun membro della cooperativa o altra persona autorizzata può, entro tre mesi dalla data della riunione dei soci, proporre al tribunale di dichiarare invalida la delibera dell’assemblea dei soci sulla distribuzione del saldo di liquidazione per violazione delle norme di legge o gli statuti. Se il tribunale accoglie il ricorso, deciderà anche sulla distribuzione del saldo di liquidazione. Il saldo di liquidazione non può essere distribuito fino alla scadenza del periodo di tre mesi o fino a una decisione definitiva del tribunale.

§ 260

Applicazione della normativa aziendale
Salvo disposizione contraria del presente titolo, le disposizioni del titolo I, parte I (sezioni da 56 a 75c) della presente parte della legge si applicano mutatis mutandis alla cooperativa.

PARTE TERZA

RAPPORTI COMMERCIALI
Titolo I

CONDIZIONI GENERALI
Parte I

Oggetto della legislazione e sua natura
§ 261

(1) Questa parte della legge disciplina i rapporti contrattuali tra gli imprenditori, se alla loro origine è chiaro, tenendo conto di tutte le circostanze, che si riferiscono alle loro attività commerciali.

(2) Questa parte della legge disciplina anche i rapporti contrattuali tra lo Stato o l’unità territoriale di autogoverno e gli imprenditori nelle loro attività commerciali, se si riferiscono alla fornitura di bisogni pubblici. A tal fine, anche le organizzazioni statali che non sono imprenditori sono considerate lo stato quando concludono contratti, il cui contenuto mostra che il loro contenuto è la soddisfazione dei bisogni pubblici.

(3) Questa parte della legge disciplinerà, indipendentemente dalla natura dei partecipanti, gli obblighi

(a) tra i fondatori di società, tra un socio e una società, nonché tra i soci, per quanto concerne i rapporti aventi ad oggetto la partecipazione nella società nonché i rapporti derivanti dai contratti di cessione della quota di socio,

b) tra i soci fondatori della cooperativa e tra il socio e la cooperativa, nonché tra i soci della cooperativa, se risultano dal rapporto di appartenenza alla cooperativa, nonché dagli accordi sul trasferimento dei diritti di associazione e obblighi,

c) da contratti per interessi pecuniari relativi a valori mobiliari e alla loro intermediazione (Sezione 642),

d) da un contratto di vendita di una società o di sue parti (§ 476), un contratto di locazione di una società (§ 488b), un privilegio su una quota aziendale (§ 117a), un contratto di prestito (§ 497) , un contratto sulle attività di controllo (§ 591), contratti di spedizione (§ 601), contratti per l’esercizio di un mezzo di trasporto (§ 638), contratti per tacito (§ 673), contratti per l’apertura di una lettera di credito (§ 682), contratti per addebito diretto (§ 692), contratti per depositi bancari (§ 700), contratti di conto corrente (§ 708) e contratti di conto di deposito (§ 716),

e) da una garanzia bancaria (§ 313), da un assegno di viaggio (§ 720) e una promessa di risarcimento (§ 725),

f) tra la società o cooperativa e una persona che è un ente statutario o altro ente o suo membro,

g) tra i fondatori e il gestore del deposito,

h) dalla garanzia finanziaria 19 ) .

(4) Questa parte della legge disciplina anche i rapporti derivanti dall’assicurazione dell’adempimento degli obblighi nei rapporti contrattuali, che sono regolati dalla presente parte della legge ai sensi dei paragrafi precedenti e il privilegio sui titoli nella misura specificata da una legge speciale.

(5) Nell’applicazione di questa parte della legge ai sensi dei paragrafi 1 e 2, il fattore decisivo è la natura dei partecipanti alla costituzione di un rapporto contrattuale.

(6) I contratti tra le persone di cui ai paragrafi 1 e 2, che non sono regolati nel titolo II di questa parte della legge e sono disciplinati come un tipo di contratto nel codice civile, sono regolati dalle disposizioni pertinenti su questo tipo di contratto nel codice civile e nel codice commerciale. Tuttavia, un contratto di scambio relativo all’attività delle parti è regolato dalla presente legge e le disposizioni della presente legge sul contratto di acquisto si applicano mutatis mutandis ad esso; nell’adempimento dell’obbligo di consegna della merce, ciascuna delle parti ha lo status di venditore e nel prendere in consegna la merce lo status di acquirente.

(7) Il contratto di assicurazione è regolato dal codice civile e da leggi speciali.

§ 262

(1) Le parti possono convenire che il loro rapporto contrattuale, che non rientra nei rapporti di cui al § 261, è regolato dalla presente legge. Se un tale accordo è volto a deteriorare la posizione giuridica di una parte del contratto che non è un imprenditore, non è valido.

(2) L’accordo ai sensi del paragrafo 1 richiede una forma scritta.

(3) Questa parte della legge disciplina anche i rapporti derivanti dalla garanzia degli obblighi derivanti da contratti per i quali le parti hanno scelto di applicare la presente legge ai sensi del paragrafo 1, se la persona che fornisce la garanzia concorda o sa al momento della garanzia che l’obbligo garantito è regolato da questa parte della legge.

(4) Nei rapporti ai sensi della Sezione 261 o subordinati al Codice commerciale mediante accordo ai sensi del paragrafo 1, le disposizioni della presente parte si applicano a entrambe le parti, salvo diversa disposizione della presente Legge o di disposizioni legali speciali; tuttavia, le disposizioni del codice civile o della normativa speciale in materia di contratti dei consumatori, contratti di adesione, clausole abusive e altre disposizioni volte alla tutela dei consumatori devono essere applicate ogniqualvolta sia a favore di una parte non imprenditoriale. Una parte contraente che non è un imprenditore è responsabile per la violazione degli obblighi derivanti da questi rapporti ai sensi del codice civile e le disposizioni del codice civile si applicano alle sue obbligazioni congiunte.

§ 263

(1)Le parti possono deviare dalle disposizioni di questa parte dell’Atto o escluderne le singole disposizioni, ad eccezione delle disposizioni dei § 261 e 262, § 263 a 272, § 273, § 276 a 288, § 301, 303, 304 , § 306 para 2 e 3, § 308, § 311 para 1, § 312, § 321 para 4, § 322, § 323, 324, § 340 para da 4 a 6, § 341, 343a, 343b, 344, 365, 370, 371, 376, 382, ​​384, § da 386 a 408, § 444, 458, 459, 477, 478, § 479 para 2, § 480, § 483 para 3, § 488, 488a, § da 488c a 488e, § 493 para 1 seconda frase, § 499, § 509 para 1, § 528, 535, 592, 597, 608, § 612 a 614, § 620, § 622 para 4, § 628, 629, 655, 655a, 658, 659a, 659b, 659c, § 660 par.4 e 5, § 662 par.2 e 3, § 662a par.3, § 668 par.2, 3, 4 e 6, § 669 paragrafo 6, § 669a paragrafo 2, § 672a, § 673 (2), § 678, § 679 (1), § 680, 707, § 709 (3), § 710 (2) e (3) , § 713 (2), § 714 (4), § 715a, § 718 paragrafo 1,§ 719a, § 722-724, § 729, 743 e § 745 para.2.

(2) Le parti non possono discostarsi dalle disposizioni di base di questa parte e dalle disposizioni che prescrivono la forma scritta obbligatoria di un atto giuridico.

§ 264

(1) Nel determinare i diritti e gli obblighi derivanti dal rapporto contrattuale, devono essere prese in considerazione anche le pratiche commerciali mantenute nel settore di attività pertinente, a condizione che non siano in conflitto con il contenuto del contratto o con la legge.

(2) Le pratiche commerciali che devono essere prese in considerazione ai sensi del contratto devono essere applicate prima di quelle disposizioni della presente legge che non sono di natura coercitiva.

§ 265

L’esercizio di un diritto contrario ai principi del commercio equo non gode di tutela giuridica.

Seconda parte

Alcune disposizioni sugli atti giuridici
§ 266

(1) L’espressione della volontà deve essere interpretata secondo l’intenzione della persona che agisce, se questa intenzione era nota o doveva essere nota alla parte a cui è destinata l’espressione della volontà.

(2) Nei casi in cui l’espressione di volontà non può essere interpretata ai sensi del paragrafo 1, l’espressione di volontà deve essere interpretata secondo il significato che le sarebbe normalmente attribuito da una persona nella posizione della persona alla quale l’espressione di volontà è stata determinata. I termini utilizzati nei rapporti d’affari devono essere interpretati in conformità con il significato ad essi normalmente associato in tali rapporti.

(3) Nell’interpretare il testamento ai sensi dei paragrafi 1 e 2, si terrà debitamente conto di tutte le circostanze relative all’espressione della volontà, comprese le negoziazioni sulla conclusione del contratto e la prassi stabilita tra le parti, nonché successivo comportamento delle parti.

(4) Una manifestazione di volontà che contiene un termine che consente una diversa interpretazione deve, in dubbio, essere interpretata a scapito della parte che è stata la prima a utilizzare tale termine nel procedimento.

(5) Se, ai sensi di questa parte della legge, la sede decisiva è la sede di affari, la sede di attività o lo stabilimento o la residenza di una parte del contratto, il luogo decisivo sarà quello specificato nel contratto fino a quando la modifica è notificato all’altra parte.

§ 267

(1) Se l’invalidità di un atto giuridico è determinata solo per la protezione di un partecipante, tale invalidità può essere invocata solo da quel partecipante. Ciò non si applica ai contratti conclusi ai sensi della parte seconda della presente legge.

(2) Le disposizioni della sezione 49 del codice civile non si applicano nei rapporti regolati dalla presente legge.

(3) Se un contratto altrimenti non valido include un accordo sulla scelta della legge o la presente legge (§ 262) o un accordo sulla risoluzione di una controversia tra le parti contraenti, questi accordi non sono validi solo se il motivo dell’invalidità si applica a loro . D’altro canto, l’invalidità di tali accordi non inficia l’invalidità del contratto di cui fanno parte.

§ 268

Chi ha causato l’invalidità di un atto giuridico è tenuto a risarcire il danno alla persona alla quale l’atto giuridico è stato determinato, a meno che questa persona non sia a conoscenza dell’invalidità dell’atto giuridico. Le disposizioni sul risarcimento del danno causato dalla violazione di un obbligo contrattuale (artt. 373 e seguenti) si applicheranno mutatis mutandis al risarcimento di tale danno.

Parte III

Alcune disposizioni sulla conclusione di un contratto
Sezione 1

Trattative per la conclusione di un contratto
§ 269

(1) Le disposizioni che disciplinano nel titolo II di questa parte della legge i singoli tipi di contratti si applicano solo ai contratti il ​​cui contenuto concordato dalle parti comprende le parti essenziali del contratto stabilite nella disposizione di base per ciascuno di questi contratti.

(2) I partecipanti possono anche stipulare un contratto che non è regolamentato come un tipo di contratto. Tuttavia, se i partecipanti non determinano sufficientemente l’oggetto dei loro obblighi, il contratto non è concluso.

(3) Un accordo su una determinata parte del contratto può essere sostituito da un accordo delle parti su un metodo che consenta un’ulteriore determinazione del contenuto dell’obbligazione, se questo metodo non dipende solo dalla volontà di una delle parti. Se la parte mancante del contratto deve essere determinata da un tribunale o da una determinata persona, l’accordo deve essere in forma scritta e il § 291 si applica mutatis mutandis.

§ 270

(1) Un accordo alla conclusione di un contratto che una certa parte insignificante del contratto sarà concordata tra le parti dopo la sua conclusione è considerato una condizione di validità della parte concordata del contratto, a meno che le parti non abbiano indubbiamente indicato prima della sua conclusione tale mancato raggiungimento di un accordo aggiuntivo pregiudica la validità del contratto concluso. In caso di dubbio, la condizione ha effetti sospensivi.

(2) Se le parti convengono per iscritto nei casi di cui al paragrafo 1 che il contenuto mancante del contratto deve essere determinato da un tribunale o da una persona specificata nell’accordo, le disposizioni del § 291. La parte concordata del contratto non entrerà in vigore fino a quando il contenuto mancante del contratto non sarà stato concordato o determinato, e la sua validità scadrà con la risoluzione dell’obbligo di concordare il contenuto mancante del contratto (§ 292 par. 4 e 5), a meno che le parti non abbiano ha convenuto che la parte concordata del contratto deve rimanere in vigore.

§ 271

Se le parti si forniscono reciprocamente informazioni contrassegnate come riservate durante le negoziazioni per la conclusione del contratto, la parte a cui tali informazioni sono state fornite non può divulgarle a terzi o utilizzarle in contrasto con il suo scopo per le proprie esigenze, indipendentemente dal concludere o meno il contratto. Chi viola tale obbligo è tenuto al risarcimento dei danni, analogamente in conformità a quanto previsto dal § 373 e segg.

§ 272

(1) Il contratto richiede una forma scritta per la sua validità solo nei casi previsti dalla presente legge o quando almeno una delle parti, nel negoziare la conclusione del contratto, esprime la volontà che il contratto sia concluso per iscritto.

(2) Se un contratto stipulato per iscritto contiene una disposizione che può essere modificato o annullato solo previo accordo scritto delle parti, il contratto può essere modificato o annullato solo per iscritto.

§ 273

(1) Parte del contenuto del contratto può essere determinato anche in riferimento ai termini e alle condizioni generali redatti da organizzazioni professionali o di interesse o in riferimento ad altri termini e condizioni noti alle parti che concludono il contratto o allegati al proposta.

(2) Le disposizioni divergenti nel contratto prevarranno sulla formulazione delle condizioni commerciali di cui al paragrafo 1.

(3) I moduli contrattuali utilizzati nei rapporti d’affari possono essere utilizzati per la conclusione di un contratto.

§ 274

Qualora le parti del contratto applichino una delle clausole previste dalle regole interpretative utilizzate, si considera che le parti abbiano inteso conseguire gli effetti giuridici previsti dalle regole interpretative invocate dalle parti del contratto, altrimenti dall’interpretazione regole che, tenuto conto della natura del contratto, vengono abitualmente utilizzate.

§ 275

(1) Se più contratti vengono conclusi durante la stessa negoziazione o inclusi in un documento, ciascuno di questi contratti deve essere valutato separatamente.

(2) Tuttavia, se dalla natura o dallo scopo noto dei contratti di cui al paragrafo 1 al momento della loro conclusione risulta che questi contratti sono interdipendenti, la creazione di ciascuno di questi contratti è una condizione per la creazione di altri contratti. La risoluzione di uno di questi contratti in un modo diverso dalla prestazione o in un modo che sostituisce la prestazione provoca la risoluzione di altri contratti dipendenti, con effetti giuridici simili.

(3) Le disposizioni del paragrafo 2 si applicano mutatis mutandis se dalla natura o dallo scopo dei contratti deriva che solo uno o più di questi contratti dipendono da uno o più contratti di altri.

(4) Tenendo conto del contenuto della proposta di conclusione del contratto o in conseguenza della prassi stabilita dalle parti, o tenendo conto delle pratiche applicabili ai sensi della presente legge, la persona cui è rivolta la proposta può esprimere acconsentire alla proposta compiendo un determinato atto (es. inviando la merce o pagando il prezzo di acquisto) senza avvisare il proponente. In tal caso l’accettazione della proposta ha effetto dal momento in cui tale atto è stato compiuto, se è avvenuto prima della scadenza del termine determinante per l’accettazione della proposta.

Sezione 2

Proposta pubblica per la conclusione del contratto e suoi effetti
§ 276

(1) L’espressione di volontà, con cui il firmatario si rivolge a persone incerte allo scopo di concludere un contratto, è una proposta pubblica per la conclusione di un contratto (di seguito denominata “proposta pubblica”), se il contenuto è conforme a § 269.

(2) Un’iniziativa per concludere un contratto che non abbia i requisiti di cui al paragrafo 1 è considerata solo un invito a presentare proposte per la conclusione di un contratto.

§ 277

Una mozione pubblica può essere revocata se il ricorrente notifica il ricorso prima di accettare la mozione pubblica con le modalità in cui la mozione pubblica è stata pubblicata.

§ 278

Sulla base di una proposta pubblica, il contratto è concluso con una persona che, in conformità con il contenuto della proposta pubblica ed entro il termine ivi specificato, altrimenti entro un termine ragionevole, notifica prima al proponente di accettare la proposta e il il proponente conferma la conclusione del contratto. Se una proposta pubblica viene accettata da più persone contemporaneamente, il proponente può scegliere quale destinatario confermerà la conclusione del contratto.

§ 279

(1) Il proponente è tenuto a confermare la conclusione del contratto al beneficiario senza indebito ritardo dopo aver ricevuto la proposta ai sensi della Sezione 278.

(2) Se il proponente conferma la conclusione del contratto al beneficiario più tardi di quanto stabilito al paragrafo 1, il contratto non viene creato se il beneficiario rifiuta di concludere il contratto e invia una relazione al proponente senza indebito ritardo dopo il ritardo del richiedente conferma della conclusione.

§ 280

Se espressamente previsto nella proposta pubblica, il contratto si intende concluso con tutti i soggetti che hanno accettato la proposta pubblica entro il termine ivi indicato.

Sezione 3

Gara d’affari
§ 281

Chi bandisce un’offerta (di seguito “annunciatore”) per la proposta più idonea per la conclusione di un contratto (gara pubblica commerciale), effettua un invito a presentare proposte per la conclusione di un contratto (di seguito denominata “proposta “).

§ 282

(1) L’annuncio di una gara d’appalto (di seguito denominata “gara”) richiede che l’oggetto dell’obbligo richiesto e i principi dell’altro contenuto del contratto previsto, su cui insiste il proponente, il metodo di presentazione delle proposte , il termine entro il quale le proposte e il termine per la notifica della proposta selezionata (di seguito “condizioni di concorrenza”).

(2) Il contenuto delle condizioni del concorso deve essere pubblicato in modo appropriato.

§ 283

L’annunciatore non può modificare o annullare le condizioni pubblicate del concorso, a meno che non si sia riservato questo diritto nelle condizioni pubblicate del concorso e abbia pubblicato la modifica o l’annullamento nel modo in cui ha annunciato le condizioni del concorso.

§ 284

(1) Una proposta può essere inclusa nel concorso solo se il suo contenuto corrisponde alle condizioni pubblicate del concorso. La proposta può discostarsi dalle condizioni del concorso solo nella misura consentita dalle condizioni del concorso.

(2) Una proposta presentata dopo il termine fissato nelle condizioni del concorso non può essere inclusa nel concorso.

(3) I candidati hanno diritto al rimborso dei costi associati alla partecipazione al concorso solo se gli viene concesso questo diritto dalle condizioni del concorso.

§ 285

(1) La proposta presentata non può essere revocata dopo la scadenza del termine fissato nelle condizioni del concorso per la presentazione delle proposte, a meno che le condizioni del concorso non concedano ai proponenti il ​​diritto di revocare la proposta anche dopo la scadenza di questo periodo. I termini del concorso possono prevedere che la proposta non possa essere revocata dopo che è stata presentata.

(2) La proposta può essere modificata o integrata solo nel momento in cui, ai sensi del paragrafo 1, la proposta può essere revocata, a meno che non si tratti solo di una correzione di errori sorti durante la preparazione della proposta e le condizioni del concorso non precludere tale correzione. La proposta può essere modificata o integrata nei casi specificati nelle condizioni del concorso.

§ 286

(1) L’ annunciatore selezionerà la più idonea delle proposte presentate e ne comunicherà l’accettazione secondo le modalità ed entro il termine stabilito dalle condizioni del concorso.

(2) Se le condizioni del concorso non specificano il metodo di selezione della proposta più idonea, l’annunciatore ha il diritto di scegliere la proposta più adatta a lui.

§ 287

(1) L’ annunciatore è obbligato ad accettare la proposta, che è stata selezionata nel modo specificato al § 286. Se l’annunciatore annuncia l’accettazione della proposta dopo il termine specificato nelle condizioni del concorso, il contratto non si conclude se il Il partecipante selezionato informa senza indebito ritardo l’annunciatore che rifiuta di concludere il contratto.

(2) L’ annunciatore ha il diritto di rifiutare tutte le proposte presentate se si è riservato questo diritto nelle condizioni del concorso.

§ 288

L’annunciatore è obbligato senza indebito ritardo dopo la fine del concorso a notificare ai partecipanti al concorso che non hanno avuto successo nel concorso che le loro proposte sono state respinte.

Parte IV

Contratto per la conclusione di un contratto futuro
§ 289

Fornitura di base
(1) L’ accordo sul contratto futuro impegna una o entrambe le parti a concludere un contratto a tempo determinato futuro con l’oggetto della prestazione, che è determinato almeno in modo generale.

(2) Il contratto richiede una forma scritta.

§ 290

(1) La parte obbligata è obbligata a concludere il contratto senza indebito ritardo dopo essere stata richiesta in tal senso dalla parte avente diritto in conformità con il contratto alla conclusione del contratto futuro.

(2) Se la parte obbligata non adempie all’obbligo di concludere il contratto ai sensi del paragrafo 1, la parte avente diritto può richiedere che il contenuto del contratto sia determinato da un tribunale o persona specificata nel contratto o può chiedere il risarcimento del danno causato ad esso in violazione dell’obbligo di concludere il contratto. Il diritto al risarcimento del danno oltre alla determinazione del contenuto del contratto può essere rivendicato dall’avente diritto solo se il soggetto obbligato si è ingiustificatamente rifiutato di negoziare la conclusione del contratto.

§ 291

Le disposizioni del § 290 e § 292 par.1 e 2 si applicano mutatis mutandis all’accordo scritto delle parti secondo cui il contratto concluso sarà integrato dall’adeguamento di alcune questioni se il contenuto mancante del contratto deve essere determinato da un tribunale o altra persona designata dalle parti nel presente accordo, nel caso in cui non sia concordato dalle parti. Una o entrambe le parti possono impegnarsi a integrare il contenuto mancante del contratto; in caso di dubbio, l’impegno si considera sostenuto da entrambe le parti.

§ 292

(1) Il contenuto del contratto sarà determinato in base allo scopo apparentemente perseguito dalla conclusione del contratto futuro, tenendo conto delle circostanze in cui è stato concluso il contratto sulla conclusione del contratto futuro, nonché del principio di commercio equo e solidale.

(2) Il diritto di determinare il contenuto di un contratto futuro da parte di un tribunale o di una persona specificata nel contratto e il diritto al risarcimento del danno ai sensi del § 290 paragrafo 2 decade dopo un anno dal giorno in cui la parte avente diritto ha invitato la parte obbligata a concludere il contratto ai sensi del § 290 par. a meno che il contratto per la conclusione di un contratto futuro non preveda una scadenza diversa. Tuttavia, il periodo concordato non può essere più lungo del periodo di prescrizione risultante dal § 391 e segg. di questa legge.

(3) L’obbligo di concludere un contratto futuro scade se la parte avente diritto non invita la parte obbligata ad adempiere a tale obbligo entro il termine specificato nel contratto alla conclusione del contratto futuro.

(4) L’obbligo di integrare il contenuto mancante del contratto scade se la parte avente diritto non invita la parte obbligata ad adempiere a tale obbligo entro il termine specificato nell’accordo sull’integrazione del contenuto del contratto (§ 291), altrimenti entro uno anno dalla conclusione di questo accordo.

(5) L’obbligo di concludere un contratto futuro o di integrare il contenuto mancante del contratto scade anche se le circostanze su cui le parti apparentemente si basavano quando è sorto tale obbligo sono cambiate a tal punto che la parte obbligata non può essere ragionevolmente tenuta a concludere il contrarre. Tuttavia, la risoluzione avverrà solo se la parte obbligata ha notificato il cambiamento delle circostanze alla parte avente diritto senza indebito ritardo.

Parte V

Alcune disposizioni sugli obblighi comuni e sui diritti comuni
§ 293

Se più persone sono responsabili in solido per la stessa prestazione, sono in dubbio considerate responsabili in solido. Il creditore può richiedere l’adempimento su uno qualsiasi di essi, ma è tenuto ad accettare l’adempimento offerto da un altro debitore congiunto.

§ 294

Se dal contratto o dalla natura dell’obbligazione deriva che i debitori non sono responsabili in solido per la stessa prestazione, ciascun co-debitore è responsabile solo nella misura della sua quota di obbligazione. In caso di dubbio, i co-debitori sono vincolati allo stesso modo.

§ 295

Se più persone assumono un’obbligazione, la cui natura implica che essa può essere adempiuta solo attraverso la cooperazione di tutti i co-debitori, i co-debitori sono obbligati ad adempiere all’obbligazione insieme.

§ 296

Se il debitore è obbligato a più creditori per l’adempimento indivisibile allo stesso tempo, l’adempimento può essere richiesto da uno qualsiasi dei creditori, salvo diversa disposizione di legge o contratto.

Parte VI

Garantire un impegno
Sezione 1
annullato

§ 297 – § 299
annullato

Sezione 2

Alcune disposizioni sulle sanzioni contrattuali
§ 300

Le circostanze che escludono la responsabilità (§ 374) non influiscono sull’obbligo di pagare una penale contrattuale.

§ 301

Il tribunale può ridurre la pena contrattuale sproporzionatamente elevata, tenendo conto del valore e della rilevanza dell’obbligazione garantita, fino all’importo del danno subito fino al momento della decisione del tribunale in violazione dell’obbligo contrattuale a cui si applica la sanzione contrattuale. Il danneggiato ha diritto al risarcimento dei danni successivamente subiti fino all’importo della penale contrattuale ai sensi degli articoli 373 e ss.

§ 302

Il recesso dal contratto non pregiudica il diritto al pagamento di una penale contrattuale.

Sezione 3

Responsabilità
§ 303

Diventa garante del debitore chi dichiara per iscritto al creditore che lo soddisferà se il debitore non adempie ad una certa obbligazione nei suoi confronti.

§ 304

(1) La responsabilità può garantire solo un’obbligazione valida del debitore o parte di essa. Tuttavia, non esclude il sorgere di una garanzia se l’obbligazione del debitore è invalida solo a causa della mancanza di capacità del debitore di assumere obbligazioni di cui il garante era a conoscenza al momento della sua dichiarazione di garanzia.

(2) La responsabilità può anche garantire una responsabilità che insorge in futuro o il cui verificarsi dipende dall’adempimento di una condizione.

§ 305

Il creditore è obbligato a informare il garante senza indebito ritardo su richiesta dell’importo del suo credito garantito.

§ 306

(1) Il creditore ha il diritto di esigere l’adempimento dell’obbligo a carico del garante solo se il debitore non ha adempiuto all’obbligo dovuto entro un termine ragionevole dopo essere stato invitato a farlo per iscritto dal creditore. Questa richiesta non è necessaria se il creditore non è in grado di ottemperare ad essa o se non vi è dubbio che il debitore non adempirà alla sua obbligazione.

(2) Il garante può sollevare contro il creditore tutte le obiezioni che il debitore ha il diritto di sollevare e utilizzare per compensare il credito del debitore nei confronti del creditore, se il debitore avrebbe il diritto di compensare se il creditore ha fatto valere il suo credito contro di lui. Il garante può anche utilizzare i suoi crediti nei confronti del creditore per compensare.

(3) Se il garante solleva obiezioni infruttuose contro il creditore, che gli sono state comunicate dal debitore, il debitore è obbligato a rimborsare al garante i costi sostenuti.

§ 307

(1) Se più garanti garantiscono lo stesso obbligo, ciascuno di essi garantisce l’intero obbligo. Il garante ha gli stessi diritti nei confronti degli altri garanti del co-debitore.

(2) Se solo una parte dell’obbligazione è garantita da una garanzia, la portata della garanzia non sarà ridotta dall’adempimento parziale dell’obbligo, se l’obbligazione rimane inadempiuta per l’importo in cui è garantita dalla garanzia.

(3) Al momento della cessione del credito garantito, i diritti dalla responsabilità passano al cessionario nel momento in cui la cessione viene notificata al garante dal cessionario o dimostrata dal cessionario.

§ 308

Il garante, che adempie all’obbligazione per la quale garantisce, acquisisce i diritti del creditore nei confronti del debitore ed ha facoltà di richiedere tutti i documenti e gli aiuti di cui dispone il creditore e che sono necessari per far valere un credito nei confronti del debitore.

§ 309

Se il fideiussore soddisfa il creditore all’insaputa del debitore, il debitore può sollevare contro il fideiussore tutte le obiezioni che aveva il diritto di sollevare nei confronti del creditore se il creditore ha eseguito l’esecuzione contro di lui. Tuttavia, il debitore non può sollevare obiezioni contro il garante che il debitore non ha notificato al garante senza indebito ritardo dopo aver ricevuto il messaggio che il creditore ha fatto valere crediti dal garante.

§ 310

Il diritto del creditore nei confronti del fideiussore non decade prima della scadenza del diritto nei confronti del debitore.

§ 311

(1) La responsabilità si estingue con la cessazione dell’obbligo che fornisce la garanzia.

(2) Tuttavia, la responsabilità non decade se l’obbligazione è scaduta a causa dell’impossibilità di adempimento del debitore e l’obbligo può essere adempiuto dal garante o per la risoluzione della persona giuridica che è il debitore.

§ 312

Le disposizioni delle sezioni da 305 a 311 si applicano mutatis mutandis alla responsabilità derivante dalla legge.

Sezione 4

garanzia bancaria
§ 313

Fornitura di base
Una garanzia bancaria viene creata dalla dichiarazione scritta di una banca nell’atto di garanzia che soddisferà il creditore fino a un certo importo in base al contenuto dell’atto di garanzia se un determinato terzo (debitore) non adempie a un determinato obbligo o altre condizioni previste nell’atto di garanzia.

§ 314

Se un credito non monetario è garantito da una garanzia bancaria, il credito pecuniario che il creditore avrebbe nei confronti del debitore si considera garantito fino all’importo specificato nel documento di garanzia nel caso in cui il debitore viola l’obbligo garantito dal garanzia bancaria.

§ 315

(1) Se la garanzia bancaria è confermata da un’altra banca, il creditore può far valere crediti dalla garanzia bancaria nei confronti di una di queste banche.

(2) Se una banca che ha confermato una garanzia bancaria ha fornito una prestazione sulla base di essa, avrà diritto a tale prestazione nei confronti della banca che ha richiesto la conferma della garanzia bancaria.

(3) Se una banca notifica che un’altra banca ha fornito una garanzia, la banca notificante non avrà alcuna responsabilità ai sensi della garanzia. Tuttavia, la banca notificante è responsabile dei danni causati dall’inesattezza della sua notifica.

§ 316

(1) La Banca è responsabile dell’adempimento dell’obbligo garantito fino all’importo e alle condizioni specificate nel documento di garanzia. La Banca può sollevare nei confronti del creditore solo contestazioni la cui applicazione è consentita dal documento di garanzia.

(2) La garanzia bancaria non è pregiudicata dall’adempimento parziale dell’obbligazione da parte del debitore se il saldo dell’obbligazione è pari o superiore all’importo a cui si riferisce il documento di garanzia.

§ 317

Salvo diversa indicazione nella lettera di garanzia, la banca non può sollevare obiezioni che il debitore avrebbe il diritto di sollevare nei confronti del creditore e la banca è tenuta ad adempiere ai propri obblighi quando richiesto per iscritto dal creditore. Una richiesta preventiva affinché il debitore adempia al suo obbligo è richiesta solo se il documento di garanzia lo prevede.

§ 318

Se, secondo l’atto di garanzia, il creditore ha il diritto di esercitare i suoi diritti derivanti dalla garanzia bancaria solo se il debitore non adempie ai suoi obblighi, il creditore può cedere i suoi diritti sulla garanzia bancaria solo con la cessione del credito garantito dal garanzia bancaria.

§ 319

La banca adempie al suo obbligo derivante dalla garanzia bancaria solo se gli è stato richiesto per iscritto dal creditore. Se la prestazione della banca in virtù della garanzia bancaria è condizionata nel documento di garanzia dalla presentazione di determinati documenti, tali documenti devono essere presentati a tale richiesta o successivamente senza indebito ritardo.

§ 320

Se la banca è obbligata ad adempiere secondo il documento di garanzia a favore del beneficiario ad un’altra banca, è obbligata ad adempiere per conto del beneficiario presso questa banca.

§ 321

(1) Se il periodo di validità del documento di garanzia è limitato, la garanzia bancaria scade se il creditore non notifica alla banca per iscritto i suoi crediti dalla garanzia bancaria durante la sua validità.

(2) Il debitore è tenuto a pagare alla banca ciò che la banca ha adempiuto in base ai suoi obblighi dal documento di garanzia emesso in conformità con il contratto concluso con il debitore.

(3) Il debitore non può sollevare obiezioni contro la banca che potrebbe sollevare contro il creditore se il contratto tra la banca e il debitore non conteneva l’obbligo della banca di includere nel documento di garanzia l’applicazione di tali obiezioni nei confronti del creditore.

(4) Un creditore che, sulla base di una garanzia bancaria, abbia ottenuto prestazioni a cui non aveva diritto nei confronti del debitore, restituisce la prestazione al debitore e gli risarcisce il danno causato.

§ 322

(1) Le disposizioni sulla responsabilità si applicano per analogia, mutatis mutandis, alla garanzia bancaria.

(2) Il rapporto tra la banca e il debitore è regolato dalle disposizioni del contratto di mandato.

Sezione 5

Riconoscimento di un’obbligazione
§ 323

(1) Se qualcuno riconosce per iscritto un suo determinato obbligo, si ritiene che tale obbligo duri al momento del riconoscimento in misura riconosciuta. Questi effetti si verificano anche se il credito del creditore è già scaduto al momento del riconoscimento.

(2) Anche gli atti giuridici di cui alla sezione 407 (2) e (3) devono essere considerati come riconoscimento di un obbligo non scaduto.

(3) Il riconoscimento di un’obbligazione ha effetti anche nei confronti del garante.

Sezione 6
annullato

§ 323a
annullato

Garanzia finanziaria mediante pegno su uno strumento finanziario
annullato

§ 323b, § 323c
annullato

Garanzia finanziaria tramite pegno sui fondi
annullato

§ 323d – § 323i
annullato

Parte VII

Cessazione dell’obbligo mediante adempimento
Sezione 1

Metodo di esecuzione
§ 324

(1) L’obbligo decade se il creditore viene adempiuto in modo tempestivo e corretto.

(2) L’obbligazione scade anche con l’adempimento tardivo del debitore, a meno che prima di tale adempimento l’obbligazione sia già scaduta con il recesso del creditore dal contratto.

(3) Se il debitore fornisce una prestazione difettosa e il creditore non ha il diritto di recedere dal contratto o non esercita tale diritto, il contenuto dell’obbligazione cambia in modo corrispondente alle pretese del creditore derivanti dalla prestazione difettosa, e l’obbligo scade al loro soddisfacimento.

(4) Le disposizioni dei paragrafi 2 e 3 non riguardano le richieste di risarcimento danni e le sanzioni contrattuali.

§ 325

Se le parti hanno obblighi reciproci, l’adempimento dell’obbligazione da parte dell’altra parte può essere richiesto solo dalla parte che ha già adempiuto al proprio obbligo o è pronto e in grado di adempierlo contemporaneamente all’altra parte, salvo diversa disposizione contrattuale, di legge o la natura di qualche obbligo.

§ 326

(1) Se una parte è obbligata ad adempiere all’obbligo prima di adempiere all’obbligo dell’altra parte, può rifiutare la sua esecuzione fino a quando l’esecuzione dell’altra parte non è fornita o sufficientemente garantita, se dopo la conclusione del contratto diventa chiaro che l’altra parte non adempirà alla propria obbligazione per mancanza di capacità di fornire la prestazione o per la sua condotta nel prepararsi ad adempiere all’obbligazione.

(2) Nei casi di cui al paragrafo 1, la parte avente diritto può fissare un termine ragionevole per l’altra parte per garantire ulteriormente l’esecuzione e può recedere dal contratto dopo la scadenza di tale termine. Senza questo periodo, una parte può recedere dal contratto se i beni dell’altra parte vengono dichiarati falliti.

(3) Salvo disposizione contraria dei paragrafi 1 e 2, nessuna delle parti ha il diritto di rifiutare l’esecuzione o di recedere dal contratto per il motivo che l’obbligo dell’altra parte ai sensi di un altro contratto non è stato adempiuto correttamente o in tempo.

§ 327

(1) Se l’obbligazione può essere adempiuta in diversi modi, il debitore ha il diritto di determinare il metodo di esecuzione, a meno che dal contratto non risulti che questo diritto appartiene al creditore. Tuttavia, se il creditore non specifica questo metodo entro il tempo specificato nel contratto, altrimenti entro il tempo specificato per l’adempimento, il debitore può specificare il metodo di esecuzione.

(2) Se, sulla base del suo diritto, il debitore o il creditore autorizzato a farlo sceglie il metodo di esecuzione e lo comunica all’altra parte, non può cambiare questo metodo senza il consenso dell’altra parte.

§ 328

Se l’oggetto dell’adempimento dell’obbligazione è determinato dalla tipologia, il debitore è obbligato a fornire al creditore una cosa idonea agli scopi per i quali la cosa dello stesso tipo è normalmente utilizzata in base a contratti simili.

§ 329

Il creditore è tenuto ad accettare l’adempimento parziale dell’obbligazione, se l’adempimento parziale non contraddice la natura dell’obbligazione o lo scopo economico perseguito dal creditore alla conclusione del contratto, se tale scopo è espresso nel contratto o noto al debitore al momento della conclusione del contratto.

§ 330

(1) Se più obblighi devono essere adempiuti dallo stesso debitore nei confronti del creditore e la prestazione fornita non è sufficiente per adempiere a tutti gli obblighi, l’obbligo determinato durante l’adempimento dal debitore è adempiuto. Se il debitore che non adempie all’obbligazione non determina, l’obbligazione è adempiuta prima dovuta, prima i suoi accessori.

(2) Nell’adempimento di un’obbligazione monetaria, il pagamento viene accreditato prima sugli interessi e poi sul capitale, a meno che il debitore non decida diversamente.

(3) Se il debitore ha più obbligazioni monetarie nei confronti del creditore e il debitore non determina quale obbligazione sta adempiendo, il pagamento deve prima riguardare l’obbligazione il cui adempimento non è garantito o è meno garantito, altrimenti l’obbligo è dovuto per primo .

(4) Il pagamento si riferisce al risarcimento del danno solo quando è stato adempiuto un obbligo pecuniario, la cui violazione ha dato luogo all’obbligo di risarcire il danno, a meno che il debitore non determini lo scopo del pagamento.

§ 331

Se il debitore adempie al suo obbligo con l’aiuto di un’altra persona, è responsabile come se avesse adempiuto lui stesso all’obbligo, salvo diversa disposizione della presente legge.

§ 332

(1) Se l’adempimento dell’obbligazione non è legato alle caratteristiche personali del debitore, il creditore è obbligato ad accettare l’adempimento della sua obbligazione offerta da un terzo, se il debitore è d’accordo. Il consenso del debitore non è richiesto se il terzo garantisce la responsabilità o altrimenti ne assicura l’adempimento e il debitore ha violato il suo obbligo.

(2) A meno che il rapporto giuridico tra il debitore e una terza parte non implichi diversamente, la terza parte entra nei diritti del creditore adempiendo all’obbligo del debitore, che è obbligato a rilasciarlo e trasferirgli tutte le sue prove.

§ 333

(1) Se la prestazione è presa in carico direttamente dal creditore, il debitore ha il diritto di richiedere una conferma dell’oggetto e della portata della prestazione e di rifiutarla fino a quando la conferma non gli viene rilasciata contestualmente.

(2) Se il debitore fornisce la prestazione a una persona che presenta la conferma dell’accettazione della prestazione da parte del creditore, la prestazione avrà gli effetti come se il debitore avesse eseguito il creditore.

§ 334

L’apertura di una lettera di credito, nonché l’emissione di una cambiale o di un assegno, mediante il quale deve essere adempiuto un obbligo pecuniario ai sensi del contratto, non incidono sulla durata di tale obbligo. Tuttavia, il creditore ha il diritto di esigere l’adempimento di un’obbligazione monetaria a carico del debitore ai sensi del contratto solo se non può ottenerne l’adempimento da una lettera di credito, cambiale o assegno.

Sezione 2

Luogo di esecuzione
§ 335

Il corretto adempimento dell’obbligo richiede che l’obbligo sia adempiuto in un luogo specificato.

§ 336

Se il luogo di adempimento non è specificato nel contratto e salvo diversa conseguenza della natura dell’obbligazione, il debitore è obbligato ad adempiere all’obbligazione nel luogo in cui aveva la sua sede legale o sede di attività o residenza al momento della conclusione il contratto. Tuttavia, se è sorto un obbligo in relazione al funzionamento dell’impianto o dello stabilimento del debitore, il debitore è tenuto ad adempiere all’obbligo nel luogo in cui si trova l’impianto o lo stabilimento di tale debitore.

§ 337

(1) L’obbligazione finanziaria deve essere adempiuta dal debitore a proprio rischio e a proprie spese presso la sede legale o la sede di attività o residenza del creditore, a meno che il contratto o la presente legge non dispongano diversamente.

(2) Se il creditore cambia la sua sede legale o sede di attività o residenza dopo la conclusione del contratto, sopporta i maggiori costi e il maggior rischio associato al pagamento dell’obbligazione monetaria, che sorgerà per il debitore.

§ 338

Se è sorta un’obbligazione pecuniaria in relazione al funzionamento dell’impianto o dello stabilimento del creditore, il debitore è obbligato ad adempiere all’obbligo presso il sito di tale impianto o stabilimento se l’obbligazione pecuniaria deve avvenire contemporaneamente all’altra parte nel sito di tale impianto o stabilimento.

§ 339

L’obbligazione pecuniaria può essere adempiuta anche sul conto del creditore presso il prestatore di servizi di pagamento o tramite vaglia postale, purché ciò non sia in contrasto con i termini di pagamento concordati tra le parti.

Sezione 3

Tempo di riempimento
§ 340

(1) Il debitore è obbligato ad adempiere all’obbligo entro il periodo specificato nel contratto.

(2) Se il periodo di esecuzione non è specificato nel contratto, il creditore ha il diritto di richiedere l’adempimento dell’obbligazione immediatamente dopo la conclusione del contratto e il debitore è obbligato ad adempiere all’obbligazione senza indebito ritardo dopo essere stato richiesto dal creditore per le prestazioni.

(3) Il debitore è obbligato a pagare il prezzo per la consegna di beni o la prestazione di servizi nei rapporti ai sensi del § 261 par.1 o l’obbligo di consegnare beni o fornire servizi per il pagamento al debitore entro 30 giorni

a) dalla data in cui ha ricevuto la fattura o altro invito di natura simile,

b) anche senza invito a eseguire

1.dalla data di consegna della merce o prestazione del servizio, se non è possibile determinare la data di consegna della fattura o altro invito di natura simile, o se la fattura o altro invito di natura simile è consegnati a lui prima della merce o del servizio,

2. dalla data di presa in consegna, se è stato concordato di prendere in consegna i beni o servizi, o di verificare che l’obbligo sia stato debitamente adempiuto, e se una fattura o altra comunicazione di natura simile è ricevuta prima della presa in consegna o verificare i beni o servizi.

(4) Le parti contraenti possono concordare una scadenza superiore a 60 giorni solo se ciò non è gravemente ingiusto per il creditore.

(5) Se si accetta di rilevare i beni o servizi, o di verificare se sono stati debitamente adempiuti, il periodo concordato di tale acquisizione o verifica non può essere superiore a 30 giorni. Un periodo di acquisizione o verifica di più di 30 giorni può essere concordato solo se ciò non è gravemente ingiusto per il creditore.

(6) Se il debitore è un’amministrazione aggiudicatrice, una scadenza superiore a 30 giorni può essere concordata solo se giustificata dalla natura dell’obbligazione e la scadenza non supera i 60 giorni, e la data di consegna di una fattura o altro invito di natura simile non possono essere oggetto di un accordo contrattuale; le disposizioni del paragrafo 4 non si applicano. Le disposizioni della prima frase si applicano anche al rapporto tra il creditore e il subappaltatore, se il creditore adempie all’obbligo nei confronti dell’amministrazione aggiudicatrice tramite il subappaltatore.

§ 340a

Le disposizioni del § 340 non pregiudicano il diritto delle parti contraenti di organizzare la prestazione sotto forma di rate.

§ 341

Se, in base al contratto, il debitore ha il diritto di determinare il periodo di adempimento e non lo specifica entro un termine ragionevole, il tribunale determina il periodo di adempimento su istanza del creditore, tenendo conto della natura e del luogo dell’adempimento e del motivo per lasciare il debitore.

§ 342

(1) Salvo quanto diversamente stabilito nel contratto o nelle disposizioni della presente legge, l’intenzione decisiva delle parti espressa alla conclusione del contratto o la natura della prestazione è quella di determinare se il periodo di esecuzione è fissato a favore di entrambe le parti o solo a favore di uno di loro.

(2) Se il periodo di adempimento è fissato a favore del debitore, prima di questo periodo il creditore non ha il diritto di esigere l’adempimento, ma il debitore ha il diritto di adempiere ai suoi obblighi.

(3) Se il periodo di adempimento è fissato a favore del creditore, il creditore ha il diritto di richiedere l’adempimento prima di questo periodo, ma il debitore non ha il diritto di adempiere ai propri obblighi.

(4) Se il periodo di adempimento è fissato a favore di entrambe le parti, il creditore non ha il diritto di esigere l’adempimento prima di tale periodo e il debitore adempiere al suo obbligo.

§ 343

Se il debitore adempie all’obbligazione monetaria prima del periodo di adempimento specificato, non ha il diritto di detrarre dall’importo gli interessi dovuti senza il consenso del creditore corrispondente al periodo per il quale ha eseguito in precedenza.

§ 343a

L’accordo sul periodo di adempimento che devia dal § 340 par. Da 4 a 6 e l’accordo sull’importo degli interessi di mora, se è gravemente ingiusto per il creditore, non è valido. Può invocare la sua nullità anche una persona giuridica costituita con l’obiettivo di difendere gli interessi degli imprenditori 22 ) .

§ 343b

(1) L’accordo che esclude gli interessi di mora è gravemente iniquo.

(2) Un accordo che esclude il rimborso dei costi associati all’affermazione di un credito è considerato gravemente iniquo.

Parte VIII

Alcune disposizioni sulla risoluzione di un’obbligazione in sospeso
Sezione 1

Recesso dal contratto
§ 344

Il contratto può essere revocato solo nei casi previsti dal contratto o dalla presente legge.

§ 345

(1) Se il ritardo del debitore (§ 365) o del creditore (§ 370) significa una violazione sostanziale del suo obbligo contrattuale, l’altra parte ha il diritto di recedere dal contratto se notifica alla parte in ritardo senza indebito ritardo dopo apprendere questa violazione.

(2) Ai fini della presente legge, una violazione del contratto è materiale se la parte in violazione del contratto sapeva al momento della conclusione del contratto o in quel momento era ragionevole anticipare, tenendo conto dello scopo del contratto derivanti dal suo contenuto o dalle circostanze … l’altra parte non sarà interessata ad adempiere agli obblighi in caso di tale violazione del contratto. In caso di dubbio, si ritiene che la violazione del contratto non sia materiale.

(3) Se una parte autorizzata a richiedere l’adempimento dell’obbligo contrattuale dell’altra parte notifica di adempiere a tale obbligo o se non si avvale del diritto di recedere dal contratto in tempo utile ai sensi del paragrafo 1, ha il diritto di recedere dal contratto solo nelle modalità previste per inadempimenti contrattuali minori; se fissa un termine per l’esecuzione aggiuntiva, ha il diritto di recedere dal contratto dopo la scadenza di tale termine.

§ 346

(1) Se il ritardo del debitore o del creditore costituisce una violazione insignificante dell’obbligazione contrattuale, l’altra parte può recedere dal contratto nel caso in cui la parte inadempiente non adempia al proprio obbligo anche entro un ulteriore ragionevole periodo concesso.

(2) Tuttavia, se la parte inadempiente dichiara di non adempiere ai propri obblighi, l’altra parte può recedere dal contratto senza fornire un ulteriore ragionevole periodo di esecuzione o prima della sua scadenza.

§ 347

(1) Se l’inadempienza del debitore o del creditore si riferisce solo a una parte dell’obbligazione dovuta, l’altra parte ha il diritto di recedere dal contratto solo in relazione alla prestazione relativa a questa parte dell’obbligazione.

(2) Nel caso di contratti con adempimento parziale graduale, è possibile recedere dal contratto solo per l’adempimento parziale con cui il debitore è in arretrato.

(3) Per quanto riguarda la parte della prestazione per la quale non vi è stato alcun ritardo, o per quanto riguarda una prestazione parziale che è già stata accettata o che avrà luogo solo in futuro, il contratto può essere revocato se questa parte o questa la prestazione parziale non sembra essere dovuta alla natura della rilevanza economica legittimata senza che il resto della prestazione rispetto alla quale si è verificato il ritardo o l’inadempimento nel suo insieme costituisca una violazione sostanziale del contratto.

§ 348

(1) Per quanto riguarda l’obbligo da adempiere in futuro, il contratto può essere revocato se il comportamento della parte responsabile o altre circostanze dimostrano indubbiamente prima del termine stabilito per l’adempimento dell’obbligo contrattuale che tale obbligo sarà sostanzialmente violato e la parte responsabile non fornisce garanzie sufficienti senza indebito ritardo su richiesta dell’avente diritto.

(2) Per quanto riguarda l’obbligo da adempiere in futuro, è possibile recedere dal contratto anche se il soggetto obbligato dichiara di non adempiere al proprio obbligo.

§ 349

(1) Il recesso dal contratto pone fine al contratto se, ai sensi della presente legge, viene consegnata all’altra parte l’espressione della volontà della parte avente diritto di recedere dal contratto; trascorso tale periodo, gli effetti del recesso non possono essere revocati o modificati senza il consenso dell’altra parte.

(2) La parte avente diritto non può recedere dal contratto dopo aver ricevuto il messaggio che l’obbligo, la cui violazione era motivo di recesso dal contratto, è già stato adempiuto.

(3) Se dal contenuto del contratto risulta che il creditore non è interessato ad adempiere all’obbligazione dopo il termine fissato per la sua esecuzione, gli effetti del recesso dal contratto si verificano all’inizio del ritardo del debitore se il creditore lo fa non notificare prima di questo momento che insiste sulle prestazioni.

§ 350

(1) Se il periodo aggiuntivo previsto per l’adempimento è sproporzionato e l’avente diritto recede dal contratto dopo la sua scadenza, o l’avente diritto recede dal contratto senza prevedere un termine aggiuntivo per l’esecuzione, gli effetti del recesso si verificano solo dopo un periodo aggiuntivo ragionevole da prevedere per adempiere agli obblighi.

(2) Quando si concede un periodo aggiuntivo, la parte avente diritto può dichiarare all’altra parte che recede dal contratto se l’altra parte non adempie ai propri obblighi entro tale periodo. In tal caso, gli effetti del recesso avranno effetto allo scadere di tale periodo invano, se ragionevole, o allo scadere di un periodo ragionevole se il periodo stabilito non era ragionevole.

§ 351

(1) Il recesso dal contratto pone fine a tutti i diritti e gli obblighi delle parti del contratto. Tuttavia, il recesso dal contratto non pregiudica il diritto al risarcimento dei danni causati dalla violazione del contratto, o disposizioni contrattuali riguardanti la scelta della legge o la scelta della presente legge ai sensi del § 262, risoluzione delle controversie tra le parti e altre disposizioni che secondo l’espresso volontà delle parti o per loro natura anche successivamente alla risoluzione del contratto.

(2) Una parte a cui è stata fornita la prestazione dall’altra parte prima del recesso dal contratto deve restituire questa prestazione, nel caso di un’obbligazione monetaria insieme agli interessi nell’importo concordato nel contratto per questo caso contratto, ha diritto al rimborso dei relativi costi.

Sezione 2

Alcune disposizioni sull’ulteriore impossibilità di esecuzione
§ 352

(1) Un’obbligazione si considera esecutiva anche se può essere adempiuta con l’aiuto di un’altra persona.

(2) Un’obbligazione diventa inapplicabile anche se disposizioni legali emanate dopo la conclusione del contratto e la cui efficacia non è limitata nel tempo vietano al debitore di comportarsi a cui è obbligato o richiedono un’autorizzazione ufficiale che non è stata il debitore, anche se adeguatamente adoperato.

(3) Il creditore può recedere dal contratto per la parte della prestazione che non è diventata impossibile se questa parte perde di valore economico, a causa della sua natura o tenendo conto dello scopo dell’importanza del contratto senza fornire una prestazione che è diventata impossibile. Lo stesso vale per l’esecuzione parziale.

(4) Il debitore è obbligato a dimostrare l’impossibilità di esecuzione.

§ 353

Il debitore, il cui obbligo è decaduto per impossibilità di adempimento, è tenuto a risarcire il danno causato al creditore, a meno che l’impossibilità di adempimento sia stata causata da circostanze che escludono la responsabilità (§ 374). Le disposizioni del § 373 e seguenti si applicano mutatis mutandis al risarcimento del danno.

§ 354

In caso di risoluzione dell’obbligazione per impossibilità di esecuzione o sua parte, si verificheranno analogamente gli effetti specificati nel § 351.

Sezione 3

Trattamento di fine rapporto
§ 355

(1) Se le parti includono nel contratto un accordo che una delle parti o una delle parti ha il diritto di recedere dal contratto pagando un determinato importo come TFR, il contratto viene risolto dal momento della sua conclusione, quando comunica alla controparte che esercita i propri diritti e le sarà corrisposto il TFR. Le disposizioni della Sezione 351 (1) si applicano mutatis mutandis agli effetti della risoluzione del contratto.

(2) La parte ai sensi del paragrafo 1 non ha diritto a una parte che ha già accettato l’adempimento dell’obbligo dell’altra parte o di una sua parte, o che ha adempiuto a un suo obbligo o parte di esso.

Sezione 4

Interruzione dello scopo del contratto
§ 356

(1) Se, dopo la conclusione del contratto, il suo scopo fondamentale, che è stato espressamente dichiarato in esso, viene perso a seguito di un cambiamento sostanziale delle circostanze in cui il contratto è stato concluso, la parte interessata dall’annullamento del oggetto del contratto può recedere dallo stesso.

(2) Un cambiamento delle circostanze ai sensi del paragrafo 1 non è considerato un cambiamento nei rapporti di proprietà di una parte e un cambiamento nella situazione economica o di mercato.

§ 357

Una parte che ha recesso dal contratto ai sensi della Sezione 356 è obbligata a risarcire l’altra parte per il danno subito recedendo dal contratto. La Sezione 351 si applica mutatis mutandis agli effetti del recesso dal contratto.

Parte IX

Alcune disposizioni sulla compensazione
§ 358

I crediti che possono essere fatti valere in tribunale possono beneficiare della compensazione. Tuttavia, la compensazione non la impedisce se il credito è prescritto, ma il termine di prescrizione non si è verificato fino a quando i crediti sono diventati ammissibili alla compensazione.

§ 359

Un credito scaduto non può essere compensato con un credito scaduto, a meno che non sia un credito nei confronti di un debitore che non è in grado di adempiere ai propri obblighi finanziari.

§ 360

È anche possibile compensare un credito non dovuto solo perché il creditore, su richiesta del debitore, ha posticipato la scadenza della sua obbligazione senza modificarne il contenuto.

§ 361

Una parte che mantiene un conto corrente o di deposito per l’altra parte in base a un contratto può utilizzare i fondi in questi conti solo per compensare la propria pretesa reciproca nei confronti del titolare del conto ai sensi del contratto per il mantenimento di questi conti.

§ 362

I crediti per cassa denominati in valute diverse sono ammissibili solo se queste valute sono liberamente convertibili. Determinante per l’ammontare della compensazione di tali crediti è il tasso di cambio medio in vigore il giorno in cui i crediti sono diventati ammissibili alla compensazione. Fattore determinante è il tasso di cambio in vigore nel luogo della sede legale o del luogo di attività o residenza del soggetto che ha manifestato la volontà di compensare il credito.

§ 363

Se un credito è stato progressivamente trasferito a più persone, il debitore può utilizzare solo il credito che aveva al momento del trasferimento nei confronti del primo creditore e il credito che aveva nei confronti dell’ultimo creditore.

§ 364

Di comune accordo tra le parti, eventuali crediti reciproci possono essere compensati.

Parte X

Violazione degli obblighi contrattuali e sue conseguenze
Sezione 1

Inadempienza del debitore
§ 365

Il debitore è in arretrato se non adempie correttamente e puntualmente al suo obbligo, fino al momento della prestazione della corretta esecuzione o fino a quando l’obbligo scade in altro modo. Tuttavia, il debitore non è in arretrato se non è in grado di adempiere ai suoi obblighi a causa dell’inadempienza del creditore.

§ 366

Salvo diversa disposizione di legge per singole tipologie di contratto, il creditore può insistere sul corretto adempimento dell’obbligazione in caso di inadempimento del debitore.

§ 367

Il creditore ha il diritto di chiedergli un risarcimento in caso di ritardo del debitore ai sensi degli articoli 373 e segg. Ha diritto di recedere dal contratto nei casi previsti dalla legge o dal contratto.

§ 368

(1) Se il debitore è in arretrato con la consegna o restituzione della cosa al creditore o se gestisce la cosa che deve consegnare o restituire al creditore in conflitto con gli obblighi derivanti dal rapporto contrattuale, passa a lui per il periodo durante il quale è in arretrato o viola tali obblighi, il rischio di danni alla proprietà, se tale pericolo non è già stato sopportato prima.

(2) il danno alla proprietà ai sensi della presente legge è la perdita, la distruzione, il danneggiamento o la distruzione di cose, indipendentemente dalle ragioni per cui si sono verificate.

(3) Il debitore deve risarcire il creditore per il danno alla cosa se si è verificato nel momento in cui ha sostenuto il rischio di danno alla cosa, a meno che questo danno sia stato causato dal creditore o dal proprietario della cosa o si sarebbe verificato anche quando gli obblighi del debitore sono stati adempiuti. La diminuzione del valore della cosa è determinante per il risarcimento, tenendo conto delle condizioni di prezzo al momento del danno alla cosa. Il diritto al risarcimento di altri danni ai sensi del § 373 e segg. non è influenzato.

§ 369

(1) Se il debitore è in arretrato con l’adempimento di un obbligo monetario o parte di esso e il tasso di interesse di mora non è concordato, il debitore è obbligato a pagare gli interessi di mora specificati nel contratto, altrimenti specificato dalle norme di diritto civile . Oltre agli interessi di mora, il creditore ha diritto al rimborso dell’importo minimo dei costi associati all’esercizio del suo credito nella misura e alle condizioni stabilite da un regolamento governativo.

(2) Il creditore ha diritto al risarcimento del danno causato da un ritardo nell’adempimento di un obbligo monetario, solo se questo danno non è coperto da interessi di mora.

§ 369a
annullato

Sezione 2

Prestatore del creditore
§ 370

Il creditore è in arretrato se, contrariamente ai suoi obblighi derivanti dal rapporto contrattuale, non si assume la prestazione debitamente offerta o non fornisce la collaborazione necessaria al debitore per adempiere alla sua obbligazione.

§ 371

(1) Il debitore può richiedere al creditore arretrato di adempiere ai suoi obblighi, a meno che la legge non disponga diversamente.

(2) Il debitore ha il diritto di chiedere un risarcimento al creditore che è in arretrato ai sensi della sezione 373 e segg. Il debitore può recedere dal contratto nei casi previsti dalla legge o dal contratto.

§ 372

(1) Se l’oggetto della prestazione è una cosa che il creditore non assume in violazione dei suoi obblighi, il rischio di danni alla cosa passa al creditore per il periodo del suo ritardo (§ 368 par.2), se tale rischio era in precedenza sostenuto dal debitore.

(2) Se il danno alla cosa è sorto nel momento in cui è stato sopportato dal creditore, il debitore non è obbligato a risarcirlo o rimuoverlo, a meno che il danno non sia stato causato da una violazione degli obblighi del debitore.

Sezione 3

Danni
§ 373

Una persona che viola i propri obblighi ai sensi del rapporto obbligazionario è tenuta a risarcire il danno causato all’altra parte, a meno che non dimostri che la violazione degli obblighi è stata causata da circostanze che escludono la responsabilità.

§ 374

(1) Una circostanza di esclusione sarà considerata un ostacolo che si è verificato indipendentemente dalla volontà della parte responsabile e le impedisce di adempiere ai propri obblighi, a meno che non si possa ragionevolmente presumere che la parte responsabile eviti o superi questo ostacolo o il suo conseguenze, e ha anticipato questo ostacolo nel momento in cui è sorto l’impegno.

(2) La responsabilità non è esclusa da un ostacolo che si è verificato solo in un momento in cui il responsabile era in arretrato con l’adempimento dei suoi obblighi o è derivato dalla sua situazione economica.

(3) Gli effetti di esclusione sono limitati alla durata dell’ostacolo a cui tali effetti sono associati.

§ 375

Se la violazione dell’obbligo è stata causata da una terza parte alla quale la parte responsabile ha affidato l’adempimento della sua obbligazione, la parte responsabile è esclusa dalla responsabilità solo se la sua responsabilità è esclusa ai sensi del § 374 e anche la terza parte non sarebbe responsabile ai sensi di questa disposizione, se l’avente diritto era direttamente obbligato anziché il soggetto obbligato.

§ 376

Il danneggiato non ha diritto al risarcimento se l’inadempimento delle obbligazioni del soggetto obbligato è stato causato dalle azioni del danneggiato o dalla mancanza di collaborazione a cui il danneggiato era obbligato.

§ 377

(1) Una parte che viola i propri obblighi o che, tenendo conto di tutte le circostanze, dovrebbe sapere di aver violato i propri obblighi ai sensi del rapporto di obbligazione, è tenuta a notificare all’altra parte la natura dell’ostacolo che le impedisce o le impedirà di adempiere ai propri obblighi e alle sue conseguenze. La segnalazione deve essere effettuata senza indebito ritardo dopo che il responsabile è venuto a conoscenza dell’ostacolo o ha potuto scoprirlo, con la dovuta diligenza.

(2) Se la parte obbligata non adempie a tale obbligo o la denuncia non viene consegnata in tempo alla parte avente diritto, la parte lesa ha diritto al risarcimento del danno causato.

§ 378

Il danno viene risarcito in denaro; tuttavia, se l’avente diritto lo richiede e se possibile e usuale, il danno sarà risarcito riportandolo allo stato precedente.

§ 379

Salvo disposizione contraria della presente legge, i danni effettivi e la perdita di profitti saranno risarciti. Non viene rimborsato un danno eccedente il danno che il soggetto obbligato aveva previsto al momento dell’obbligazione come possibile conseguenza di una violazione dei suoi obblighi o che avrebbe potuto essere previsto tenendo conto dei fatti noti al soggetto obbligato in quel momento.

§ 380

È considerato danno anche il danno subito dal danneggiato in conseguenza del dover sostenere costi in conseguenza dell’obbligazione dell’altra parte.

§ 381

Invece dell’effettiva perdita di profitto, la parte lesa può chiedere un risarcimento per il profitto normalmente ottenuto con un commercio equo a condizioni simili a quelle del contratto violato nell’area di attività in cui opera.

§ 382

Il danneggiato non ha diritto al risarcimento della parte del danno derivante dall’inadempimento previsto dalle norme di legge emanate al fine di prevenire il verificarsi del danno o di limitarne l’entità.

§ 383

Se più persone sono obbligate a risarcire, queste persone sono obbligate a risarcire il danno in solido e saldare tra loro secondo l’entità della loro responsabilità.

§ 384

(1) Una persona che è in pericolo di danno è obbligata, tenendo conto delle circostanze del caso, a prendere le misure necessarie per scongiurare il danno o per mitigarlo. La persona responsabile non è obbligata a risarcire i danni causati dall’inadempimento del danneggiato.

(2) La parte obbligata è tenuta a rimborsare i costi sostenuti dall’altra parte per adempiere all’obbligo di cui al paragrafo 1.

§ 385

Se la parte lesa recede dal contratto in violazione dell’obbligo contrattuale dell’altra parte, non ha diritto al risarcimento del danno causato dal mancato utilizzo della possibilità di concludere un contratto sostitutivo in tempo utile ai fini del contratto dal quale la parte lesa si è ritirata .

§ 386

(1) Nei rapporti regolati dalla presente legge si può rinunciare convenzionalmente al diritto al risarcimento del danno o tale diritto può essere limitato anche prima della violazione dell’obbligo da cui il danno può derivare. Tuttavia, il diritto al risarcimento del danno causato intenzionalmente non può essere rinunciato o limitato prima di una violazione dell’obbligo che può comportare un danno.

(2) Il tribunale non può ridurre il risarcimento del danno.

Parte XI

Periodo di prescrizione
Sezione 1

Oggetto di limitazione
§ 387

(1) Il diritto scade alla scadenza del termine di prescrizione previsto dalla legge.

(2) Tutti i diritti derivanti da rapporti contrattuali sono soggetti a limitazione, ad eccezione del diritto di risolvere un contratto concluso a tempo indeterminato.

(3) I diritti di garanzia finanziaria e l’accordo su di essa non scadono prima che scada l’ultimo dei crediti di natura finanziaria garantiti dal relativo contratto di garanzia finanziaria.

Sezione 2

Effetti della limitazione
§ 388

(1) Il diritto di adempiere all’obbligo dell’altra parte non scade per limitazione, ma non può essere concesso o riconosciuto da un tribunale se il responsabile si oppone alla limitazione dopo la scadenza del termine di prescrizione.

(2) Tuttavia, anche dopo la scadenza del termine di prescrizione, l’avente diritto può esercitare il proprio diritto in difesa o in caso di compensazione se:

a) entrambi i diritti si riferiscono allo stesso contratto oa più contratti conclusi sulla base di un unico atto o di più atti correlati, o

b) il diritto può essere esercitato in qualsiasi momento prima della scadenza del termine di prescrizione di compensare un credito fatto valere dall’altra parte.

§ 389

Se il debitore ha adempiuto alla sua obbligazione dopo la scadenza del termine di prescrizione, non ha il diritto di esigere il rimborso di quanto adempiuto, anche se non sapeva al momento dell’adempimento che il termine di prescrizione era già scaduto.

§ 390

Se il diritto di eseguire un atto legale scade, gli effetti di tale atto legale non si verificheranno nei confronti della persona che si oppone al termine di prescrizione.

Sezione 3

Inizio e durata del periodo di prescrizione
§ 391

(1) Nel caso di diritti applicabili in tribunale, il periodo di prescrizione decorre dal giorno in cui il diritto avrebbe potuto essere esercitato in tribunale, salvo diversa disposizione della presente legge.

(2) In caso di diritti di esecuzione di un atto legale, il periodo di prescrizione decorre dal giorno in cui l’atto legale avrebbe potuto essere eseguito, salvo diversa disposizione della presente legge.

§ 392

(1) Nel caso del diritto di adempiere all’obbligo, il termine di prescrizione decorre dal giorno in cui l’obbligo avrebbe dovuto essere adempiuto o il suo adempimento avrebbe dovuto iniziare (periodo di scadenza). Se il contenuto dell’obbligo consiste nell’obbligo di svolgere una determinata attività in modo continuativo, di astenersi da una determinata attività o di tollerare qualcosa, il termine di prescrizione inizia a decorrere dalla violazione di tale obbligo.

(2) In caso di diritto a una prestazione parziale, il termine di prescrizione per ciascuna prestazione parziale decorre separatamente. Se, a causa dell’inadempimento di un’obbligazione parziale, l’obbligazione dovuta diventa integralmente, il termine di prescrizione decorre dalla data di scadenza dell’obbligazione non adempiuta.

§ 393

(1) In caso di diritti derivanti da una violazione del dovere, il periodo di prescrizione decorre dal giorno in cui il dovere è stato violato, a meno che non sia prevista una disposizione speciale per il periodo di prescrizione di alcuni di questi diritti.

(2) In caso di diritti derivanti da vizi di cose, il termine di prescrizione decorre dal giorno della loro consegna al soggetto avente diritto o alla persona da lui designata o dal giorno in cui è stato violato l’obbligo di subentro. Per i reclami in garanzia di qualità, il periodo di prescrizione decorre sempre dalla data della tempestiva notifica del difetto durante il periodo di garanzia e per i reclami per vizi legali derivanti dall’esercizio del diritto da parte di terzi.

§ 394

(1) In caso di diritti derivanti dal recesso dal contratto, il termine di prescrizione decorre dal giorno in cui il beneficiario si è ritirato dal contratto.

(2) In caso di diritto alla restituzione della prestazione eseguita in base a un contratto non valido, il termine di prescrizione inizia a decorrere dal giorno in cui la prestazione ha avuto luogo.

(3) Nel caso del diritto al risarcimento del danno ai sensi della Sezione 268, il periodo di prescrizione decorre dal giorno in cui l’atto legale è diventato invalido.

§ 395

Nel caso del diritto di richiedere il rilascio di un elemento depositato o immagazzinato e il rilascio di elementi nell’ambito di un contratto per il deposito di titoli e altri valori, il periodo di prescrizione inizia a decorrere dalla data di cessazione del deposito, stoccaggio o depositario di titoli o altri titoli. Ciò non pregiudica il diritto di richiedere il rilascio della cosa sulla base dei diritti di proprietà.

§ 396

In caso di diritto a fondi depositati su un conto corrente o di deposito, il periodo di prescrizione decorre dalla data di risoluzione del contratto di mantenimento di tali conti.

§ 397

A meno che la legge non preveda diritti individuali, il termine di prescrizione è di quattro anni.

§ 398

In caso di diritto al risarcimento, il termine di prescrizione decorre dal giorno in cui il danneggiato ha appreso o avrebbe potuto venire a conoscenza del danno e chi è tenuto a risarcirlo; tuttavia, cesserà entro e non oltre 10 anni dalla data in cui si è verificata la violazione.

§ 399

I diritti derivanti dal danneggiamento della merce trasportata e dalla ritardata consegna della spedizione allo spedizioniere e al vettore scadono dopo un anno. In caso di diritti derivanti dalla distruzione totale o dalla perdita di una spedizione, il termine di prescrizione decorre dalla data in cui la spedizione doveva essere consegnata al destinatario e per gli altri diritti dalla data in cui la spedizione è stata consegnata. Il periodo di prescrizione generale di cui al § 397 si applica ai danni causati intenzionalmente.

§ 400

Un cambiamento nella persona del debitore o del creditore non influisce sulla decorrenza del termine di prescrizione.

§ 401

La parte contro la quale il diritto è prescritto può, mediante dichiarazione scritta all’altra parte, prorogare il termine di prescrizione, anche ripetutamente; il periodo di prescrizione totale non può superare i 10 anni dal momento in cui ha iniziato a decorrere per la prima volta. Questa dichiarazione può essere resa anche prima dell’inizio del periodo di prescrizione.

Sezione 4

Costruzione e interruzione del termine di prescrizione
§ 402

Il termine di prescrizione cessa di decorrere quando il creditore, al fine di soddisfare o determinare il suo diritto, prende un atto giuridico che, ai sensi della legge che disciplina il procedimento giudiziario, è considerato l’inizio del procedimento o l’esercizio di un diritto nel procedimento già istituito.

§ 403

(1) Il termine di prescrizione cessa di scadere se il creditore avvia un procedimento arbitrale sulla base di una convenzione arbitrale valida secondo le modalità specificate nella convenzione arbitrale o nelle norme che disciplinano il procedimento arbitrale.

(2) Se non è possibile determinare l’inizio del procedimento arbitrale ai sensi del paragrafo 1, il procedimento arbitrale si considera iniziato il giorno in cui la proposta di decisione nel procedimento arbitrale viene consegnata all’altra parte presso la sua sede legale o luogo di lavoro o residenza.

§ 404

(1) Se un diritto soggetto a limitazione è stato esercitato in un procedimento giudiziario o arbitrale sotto forma di domanda riconvenzionale, il termine di prescrizione cesserà il giorno in cui è stato avviato il procedimento giudiziario o arbitrale in relazione al diritto contro il quale la domanda riconvenzionale è rivolta, quindi, la domanda riconvenzionale si riferisce allo stesso contratto oa più contratti conclusi sulla base di una o più trattative correlate.

(2) Nei casi in cui non si applica il paragrafo 1, la domanda riconvenzionale si considera presentata il giorno in cui la mozione per la sua udienza è stata presentata in tribunale o in un procedimento arbitrale.

§ 404a

Il periodo di prescrizione cessa di scadere se la mediazione viene avviata in conformità con la legge sulla mediazione.

§ 405

(1) Se il diritto è stato esercitato prima del periodo di prescrizione ai sensi delle Sezioni da 402 a 404, ma nel presente procedimento non è stata decisa alcuna decisione sul merito, il periodo di prescrizione non cesserà di scadere.

(2) Se al momento della fine del procedimento giudiziario o arbitrale di cui al paragrafo 1 il periodo di prescrizione è già scaduto o se manca meno di un anno alla sua fine, il periodo di prescrizione è esteso in modo che non termini prima di un anno dalla data in cui si è concluso il procedimento giudiziario o arbitrale.

§ 406

(1) Il procedimento giudiziario o arbitrale avviato contro un co-debitore o la mediazione avviata con un co-debitore fa cessare il termine di prescrizione nei confronti di un altro co-debitore, che è solidalmente responsabile con lui in relazione al credito contestato, a cessare se il creditore gli notifica per iscritto il procedimento o la mediazione avviati prima della scadenza del termine di prescrizione.

(2) Se viene avviato un procedimento giudiziario o arbitrale contro un creditore il cui diritto è prescritto da una terza parte o se viene avviata una mediazione tra il creditore e la terza parte in merito all’obbligo di utilizzo da parte del creditore della prestazione fornita dal debitore, il termine di prescrizione il creditore se notifica per iscritto al debitore prima della scadenza del termine di prescrizione che il suddetto procedimento è stato avviato contro di lui o che è stata avviata la mediazione contro questa terza parte.

(3) Se il procedimento giudiziario, il procedimento arbitrale o la mediazione di cui ai paragrafi 1 e 2 terminano, il periodo di prescrizione relativo al diritto del creditore non cesserà di scadere, ma non scadrà prima di un anno dopo la fine di tale procedimento o mediazione .

§ 407

(1) Se il debitore riconosce il suo obbligo per iscritto, da tale riconoscimento decorre un nuovo termine di prescrizione di quattro anni. Se il riconoscimento riguarda solo una parte dell’obbligazione, decorre un nuovo termine di prescrizione per quella parte.

(2) Il pagamento di interessi è considerato come riconoscimento di una passività in relazione all’importo da cui vengono pagati gli interessi.

(3) Se il debitore adempie parzialmente alla sua obbligazione, questa prestazione ha gli effetti di riconoscere il resto del debito, se si può concludere che il debitore riconosce anche il resto dell’obbligazione per esecuzione.

(4) Gli effetti del riconoscimento di un’obbligazione secondo le modalità specificate nel paragrafo 1 si verificano anche se il diritto corrispondente è già scaduto al momento del riconoscimento.

Sezione 5

Limitazione generale del periodo di prescrizione
§ 408

(1) Nonostante le altre disposizioni della presente legge, il periodo di prescrizione terminerà entro e non oltre 10 anni dalla data in cui ha iniziato a decorrere per la prima volta. Il periodo durante il quale viene condotta la mediazione non è compreso nel periodo di cui alla prima frase. Tuttavia, un’eccezione di limitazione non può essere sollevata in procedimenti giudiziari o arbitrali iniziati prima della scadenza di tale termine.

(2) Se il diritto è stato validamente concesso in tribunale o in un procedimento arbitrale oltre tre mesi prima o dopo la scadenza del periodo di prescrizione, la decisione può essere eseguita in tribunale se il procedimento per la sua esecuzione è stato avviato entro tre mesi dal giorno in cui potrebbe essere stato avviato.

Titolo II

DISPOSIZIONI SPECIALI PER ALCUNI OBBLIGHI COMMERCIALI
Parte I

Contratto di acquisto
Sezione 1

Definizione del contratto di acquisto
§ 409

Fornitura di base
(1) Con il contratto di acquisto, il venditore si impegna a consegnare all’acquirente una cosa mobile (merce) determinata individualmente o in termini di quantità e tipo ea trasferirgli il diritto di proprietà su questa cosa e l’acquirente si impegna a pagare l’acquisto prezzo.

(2) Il prezzo di acquisto deve essere concordato nel contratto o almeno il metodo della sua determinazione aggiuntiva deve essere specificato in esso, a meno che le trattative sulla conclusione del contratto non comportino la volontà delle parti di concluderlo senza determinare l’acquisto prezzo. In questo caso, l’acquirente è tenuto a pagare il prezzo di acquisto determinato ai sensi del § 448.

§ 410

(1) Un contratto per la fornitura di beni da produrre deve essere considerato un contratto di acquisto, a meno che la parte a cui la merce deve essere consegnata non si sia impegnata a consegnare all’altra parte una parte sostanziale degli articoli necessari per fabbricare le merci.

(2) Un contratto di acquisto non è considerato un contratto in base al quale la maggior parte dell’obbligo della parte che deve consegnare la merce consiste nell’esecuzione di attività o l’obbligo di questa parte include l’assemblaggio di merci.

Sezione 2

Obblighi del venditore
§ 411

Il venditore è obbligato a consegnare la merce all’acquirente, a consegnare i documenti relativi alla merce e a consentire all’acquirente di acquisire la proprietà della merce in conformità con il contratto e la presente legge.

Consegna della merce
§ 412

(1) Se il venditore non è obbligato dal contratto a consegnare la merce in un determinato luogo, la consegna della merce viene effettuata consegnandola al primo vettore per il trasporto per l’acquirente, se il contratto prevede la spedizione di merce da parte del venditore. Il venditore consentirà all’acquirente di esercitare i diritti previsti dal contratto di trasporto nei confronti del vettore, se l’acquirente non dispone di tali diritti ai sensi del contratto di trasporto.

(2) Se il contratto non prevede una disposizione sulla spedizione delle merci da parte del venditore e le merci sono specificate individualmente o determinate per tipo nel contratto, ma devono essere consegnate da determinate scorte o essere prodotte e le parti lo sapevano al momento della conclusione del contratto nel luogo in cui si trovano o dove devono essere fabbricati, la consegna avviene quando l’acquirente è autorizzato a disporre della merce in questo luogo.

(3) Nei casi non contemplati dai paragrafi 1 e 2, il venditore adempie all’obbligo di consegnare la merce consentendo all’acquirente di disporre della merce nel luogo in cui il venditore ha la sua sede legale o sede di attività, o residenza o unità organizzativa, se il venditore è al suo posto, avvisare tempestivamente l’acquirente.

§ 413

Se la merce viene consegnata tramite spedizione e la merce consegnata al vettore non è chiaramente e sufficientemente contrassegnata come spedizione per l’acquirente, gli effetti della consegna si verificano solo se il venditore notifica all’acquirente senza indebito ritardo la spedizione e specifica la spedizione merci nella notifica. Se il venditore non lo fa, la consegna avviene solo con la consegna della merce da parte del vettore all’acquirente.

§ 414

(1) Il venditore è tenuto a consegnare la merce:

a) la data specificata nel contratto o determinata secondo le modalità specificate nel contratto,

(b) in qualsiasi momento durante il periodo specificato nel contratto o determinato nel modo specificato nel contratto, a meno che il contratto o lo scopo del contratto, che era noto al venditore al momento della conclusione, dimostri che il termine di consegna entro tale periodo è determinato dall’acquirente.

(2) Salvo quanto diversamente stabilito nel contratto, il periodo entro il quale la merce deve essere consegnata decorre dalla data di conclusione del contratto. Tuttavia, se, in base al contratto, l’acquirente deve adempiere a determinati obblighi prima della consegna della merce (ad esempio, inviare i disegni necessari per la produzione della merce, pagare il prezzo di acquisto o parte di esso o garantire il pagamento), questo periodo inizia a decorrere solo dalla data di adempimento di tale obbligo.

(3) Se il venditore consegna la merce prima del tempo specificato, l’acquirente ha il diritto di prendere in consegna la merce o rifiutarla.

§ 415

A meno che le pratiche commerciali o la prassi precedente stabilita tra le parti non indichino diversamente, il termine:

a) “inizio del periodo”: i primi 10 giorni di tale periodo;

(b) “metà mese” dal decimo al ventesimo giorno del mese,

c) “metà trimestre”: il secondo mese del trimestre;

d) “fine periodo”: gli ultimi 10 giorni del periodo;

(e) “immediatamente” per alimenti e materie prime entro due giorni, per macchinari 10 giorni, per altre merci cinque giorni.

§ 416

Se il tempo di consegna della merce non è concordato, il venditore è obbligato a consegnare la merce senza richiesta dell’acquirente entro un periodo di tempo ragionevole, tenendo conto della natura della merce e del luogo di consegna.

Documenti relativi alla merce
§ 417

Il venditore è tenuto a consegnare all’acquirente i documenti necessari per il ricevimento e l’utilizzo della merce, nonché altri documenti specificati nel contratto.

§ 418

La consegna dei documenti per i quali non si applica il § 419 avviene nel momento e nel luogo specificati nel contratto, altrimenti al momento della consegna della merce nel luogo di tale consegna. Se il venditore ha consegnato i documenti prima del tempo specificato, può, fino a quel momento, eliminare i difetti dei documenti, a condizione che ciò non causi all’acquirente difficoltà o spese sproporzionate. Il diritto al risarcimento non è pregiudicato.

§ 419

(1) Il venditore è obbligato a consegnare all’acquirente i documenti necessari per la presa in consegna della merce trasportata o per la libera movimentazione o importazione per lo sdoganamento nel luogo di pagamento del prezzo di acquisto, se la consegna deve avvenire durante tale pagamento, altrimenti presso la sede legale o luogo di lavoro o residenza dell’acquirente.

(2) Il venditore deve consegnare i documenti di cui al paragrafo 1 all’acquirente in tempo utile in modo che l’acquirente possa disporre liberamente della merce o prendere in consegna la merce trasportata al momento del suo arrivo a destinazione e sdoganare le merci importate senza indebito ritardo.

Quantità, qualità, design e confezionamento delle merci
§ 420

(1) Il venditore è tenuto a consegnare la merce nella quantità, qualità e design specificati nel contratto e deve imballare o organizzare il trasporto secondo le modalità specificate nel contratto.

(2) Se il contratto non specifica la qualità o il design dei beni, il venditore è obbligato a consegnare i beni con una qualità e un design adatti allo scopo specificato nel contratto, o se questo scopo non è specificato nel contratto, per lo scopo per il quale tali beni sono normalmente goduti.

(3) Se la merce deve essere consegnata secondo un campione o un modello, il venditore è obbligato a consegnare la merce con le proprietà del campione o del modello che ha presentato all’acquirente. In caso di discrepanza tra la determinazione della qualità o delle prestazioni delle merci secondo questo campione o modello e la determinazione delle merci descritte nel contratto, la determinazione descritta nel contratto è decisiva. A meno che non vi sia un conflitto tra queste designazioni, le merci devono avere le caratteristiche di entrambe le designazioni.

(4) Se il contratto non specifica come le merci devono essere imballate o fornite per il trasporto, il venditore è obbligato a imballare o organizzare le merci per il trasporto nel modo usuale per tali merci in commercio, o se questo metodo non può essere determinato, secondo le modalità necessarie alla conservazione e protezione dei beni.

§ 421

(1) Se dal contratto risulta che la quantità di merci è specificata nel contratto solo approssimativamente, il venditore ha il diritto di determinare la quantità esatta di merci da consegnare, a meno che il contratto non conceda questo diritto all’acquirente. Salvo diversa disposizione contrattuale, la tolleranza non può superare il 5% della quantità specificata nel contratto.

(2) Se dalla natura della merce deriva che la sua quantità specificata nel contratto è solo approssimativa, la differenza tra la quantità di merci specificata nel contratto e la quantità di merci effettivamente consegnata non può superare il 5% della quantità specificata nel contratto, le parti o le pratiche commerciali non implicano diversamente.

(3) Nei casi di cui ai paragrafi 1 e 2, il venditore ha diritto al pagamento del prezzo di acquisto della merce effettivamente consegnata.

Difetti della merce
§ 422

(1) Se il venditore viola gli obblighi di cui al § 420, la merce è difettosa. Sono considerati vizi della merce anche la consegna di merce diversa da quella specificata nel contratto e vizi nei documenti necessari per l’utilizzo della merce.

(2) Se il documento di trasporto, il documento di consegna della merce o la dichiarazione del venditore dimostrano che la merce viene consegnata in quantità minori o solo una parte della merce, le disposizioni sui difetti delle merci non si applicano alle merci mancanti.

§ 423

Se i beni consegnati dall’acquirente sono stati utilizzati nella produzione di beni oggetto del contratto, il venditore non è responsabile per i difetti causati dall’uso di questi beni, se il venditore non ha potuto esercitare la cura professionale per rilevare l’inadeguatezza di questi beni o avvisare l’acquirente, ma l’acquirente ha insistito sul loro utilizzo.

§ 424

Il venditore non è responsabile per i difetti della merce, che l’acquirente conosceva al momento della conclusione del contratto o tenendo conto delle circostanze in cui il contratto è stato concluso, a meno che non avesse difetti relativi alle caratteristiche della merce che la merce doveva hanno in base al contratto.

§ 425

(1) Il venditore è responsabile del difetto che presenta la merce nel momento in cui il rischio di danneggiamento della merce passa all’acquirente, anche se il difetto si manifesta solo dopo tale termine. Restano fermi gli obblighi del venditore derivanti dalla garanzia sulla qualità della merce.

(2) Il venditore è anche responsabile per qualsiasi difetto che si manifesti dopo il periodo di cui al paragrafo 1, se è causato da una violazione dei suoi obblighi.

§ 426

Se il venditore consegna la merce con il consenso dell’acquirente prima del termine fissato per la consegna, può fino ad allora consegnare la parte mancante o la quantità mancante di merce consegnata o consegnare merce sostitutiva per merce difettosa consegnata o riparare i difetti della merce consegnata, se l’esercizio di questo diritto non causa difficoltà sproporzionate spese sproporzionate. Tuttavia, l’acquirente conserva il diritto al risarcimento.

§ 427

(1) L’ acquirente è obbligato a ispezionare la merce il prima possibile dopo il trasferimento del rischio di danneggiamento della merce, tenendo conto della natura della merce.

(2) Se il contratto prevede la spedizione della merce da parte del venditore, l’ispezione può essere posticipata fino a quando la merce non viene trasportata a destinazione. Tuttavia, se le merci vengono instradate verso un’altra destinazione durante il trasporto o rispedite dall’acquirente senza che l’acquirente abbia una ragionevole natura per ispezionare le merci e il venditore sapeva o avrebbe dovuto sapere della possibilità di un tale cambiamento di destinazione o -spedizione al momento del contratto, l’ispezione può essere posticipata fino al trasporto della merce alla nuova destinazione.

(3) Se l’acquirente non ispeziona le merci o non dispone che vengano ispezionate al momento del rischio di danni alle merci, può richiedere i danni per difetti rilevabili durante questa ispezione solo se dimostra che le merci già presentava questi difetti al momento del rischio di danneggiamento della merce.

§ 428

(1) Il diritto dell’acquirente ai difetti delle merci non può essere concesso in un procedimento giudiziario se l’acquirente non denuncia al venditore i difetti delle merci senza indebito ritardo dopo

a) l’ acquirente ha scoperto i difetti,

b) l’ acquirente, esercitando la cura professionale, ha dovuto scoprire i difetti durante l’ispezione, che è obbligato a eseguire ai sensi del § 427 par.1 e 2, o

(c) i vizi possono essere stati scoperti successivamente con la dovuta diligenza, ma non oltre due anni dal momento della consegna della merce, o dal momento dell’arrivo della merce nel luogo specificato nel contratto. Per i difetti coperti dalla garanzia di qualità, si applica invece il periodo di garanzia.

(2) Gli effetti di cui al paragrafo 1 devono essere presi in considerazione solo se il venditore obietta in un procedimento giudiziario che l’acquirente non ha adempiuto al suo obbligo di denunciare tempestivamente i difetti della merce.

(3) Gli effetti dei paragrafi 1 e 2 non si verificano se i difetti della merce sono il risultato di fatti di cui il venditore conosceva o doveva conoscere al momento della consegna della merce.

Qualità garantita
§ 429

(1) Garantendo la qualità della merce, il venditore presume per iscritto che la merce consegnata sarà adatta all’uso per lo scopo concordato, altrimenti usuale per un certo periodo di tempo o che manterrà le proprietà convenute, altrimenti usuali.

(2) L’assunzione di un obbligo derivante dalla garanzia può derivare dal contratto o dalla dichiarazione del venditore, in particolare sotto forma di certificato di garanzia. L’indicazione della durata del periodo di garanzia o della durata di conservazione o dell’utilizzabilità della merce fornita sull’imballaggio ha anche l’effetto di assumere questo obbligo. Se il periodo di garanzia è diverso nel contratto o nella dichiarazione di garanzia del venditore, questo periodo si applica.

§ 430

Salvo diversa indicazione nel contenuto del contratto o della dichiarazione di garanzia, il periodo di garanzia decorre dalla data di consegna della merce. Se il venditore è obbligato a spedire la merce, il periodo di garanzia decorre dal giorno in cui la merce arriva a destinazione. Il periodo di garanzia non decorre per un periodo durante il quale l’acquirente non può utilizzare la merce per i suoi difetti, per i quali il venditore è responsabile.

§ 431

La responsabilità del venditore per i difetti coperti dalla garanzia di qualità non sussiste se questi difetti sono stati causati dopo il rischio di danni alla merce da eventi esterni e non sono stati causati dal venditore o dalle persone con il cui aiuto il venditore ha adempiuto ai suoi obblighi.

§ 432

Le disposizioni degli articoli da 426 a 428 e da 436 a 441 si applicano anche ai difetti delle merci coperte dalla garanzia.

Difetti legali della merce
§ 433

(1) Le merci hanno difetti legali se le merci vendute sono gravate dai diritti di terzi, a meno che l’acquirente non abbia accettato questa restrizione.

(2) Se il diritto di una terza parte da cui i beni sono gravati deriva da proprietà industriale o da altra proprietà intellettuale, i beni hanno difetti legali,

a) se tale diritto gode di protezione giuridica ai sensi della legge dello Stato nel cui territorio il venditore è stabilito o ha la sua sede di attività o, o

(b) se, al momento della conclusione del contratto, il venditore sapeva o avrebbe dovuto sapere di godere di protezione giuridica ai sensi della legge dello Stato nel cui territorio l’acquirente ha la sua sede legale o sede di attività o residenza o ai sensi della legge dello Stato in cui la merce doveva essere rivenduta o dove avrebbe dovuto essere utilizzata, e il venditore conosceva questa vendita o luogo di utilizzo al momento della conclusione del contratto.

§ 434

Il diritto a vizi legali non sorge se l’acquirente conosceva il diritto di una terza parte al momento della conclusione del contratto o il venditore era obbligato a seguire i documenti presentati dall’acquirente nell’adempimento dei suoi obblighi.

§ 435

(1) L’acquirente è tenuto a notificare al venditore l’esercizio del diritto specificato al § 433 da parte di terzi, dichiarandone la natura, senza indebito ritardo dopo averlo appreso.

(2) I diritti dell’acquirente per vizi legali della merce non possono essere concessi in un procedimento giudiziario se l’acquirente non adempie all’obbligo di cui al paragrafo 1 e il venditore in un procedimento giudiziario contesta l’inadempimento dell’acquirente a tale obbligo.

(3) Questi effetti non si verificano se il venditore era a conoscenza dell’esercizio del diritto da parte di terzi nel momento in cui l’acquirente ne è venuto a conoscenza.

(4) Le disposizioni delle sezioni da 436 a 441 si applicano ai reclami dell’Acquirente per i difetti legali delle merci.

Reclami per vizi della merce
§ 436

(1) Se la consegna di merci con difetti viola il contratto in modo sostanziale (§ 345 par.2), l’acquirente può:

a) richiedere l’eliminazione dei difetti mediante la consegna di merci sostitutive per merci difettose, la consegna di merci mancanti e richiedere l’eliminazione dei vizi legali,

b) esigere l’eliminazione dei difetti mediante riparazione della merce, se i difetti sono riparabili,

(c) richiedere uno sconto ragionevole dal prezzo di acquisto, o

d) recedere dal contratto.

(2) La scelta tra i reclami di cui al paragrafo 1 spetta all’acquirente solo se notifica al venditore tempestivamente i difetti o senza indebito ritardo dopo tale notifica. Il reclamo non può essere modificato dall’acquirente senza il consenso del venditore. Tuttavia, se si scopre che i vizi della merce sono irreparabili o che la loro riparazione comporterebbe costi sproporzionati, l’acquirente può richiedere la consegna della merce sostitutiva, se il venditore lo richiede senza indebito ritardo dopo che il venditore lo ha notificato. Se il venditore non elimina i difetti della merce entro un ragionevole periodo aggiuntivo o se annuncia prima della sua scadenza che non eliminerà i difetti, l’acquirente può recedere dal contratto o richiedere un ragionevole sconto sul prezzo di acquisto.

(3) Se l’acquirente non notifica la scelta del suo reclamo entro il termine specificato al paragrafo 2, ha diritto ai difetti della merce come nel caso di una violazione del contratto minore.

(4) Oltre alle pretese di cui al paragrafo 1, l’acquirente ha diritto al risarcimento del danno, nonché a una penale contrattuale, se concordata.

§ 437

(1) Se la consegna di merci con difetti viola il contratto in modo irrilevante, l’acquirente può richiedere la consegna della merce mancante e la rimozione di altri difetti della merce o uno sconto sul prezzo di acquisto.

(2) Fino a quando l’acquirente non esercita il diritto a uno sconto sul prezzo di acquisto o recede dal contratto ai sensi del paragrafo 5, il venditore è tenuto a consegnare la merce mancante e rimuovere i difetti legali della merce. Ha l’obbligo di eliminare altri difetti di sua scelta riparando la merce o consegnando la merce sostitutiva; tuttavia, il metodo di eliminazione dei difetti non deve causare all’acquirente costi sproporzionati.

(3) Se l’acquirente richiede l’eliminazione dei difetti della merce, prima della scadenza di un ulteriore periodo ragionevole, che è obbligato a fornire a tal fine al venditore, far valere altri reclami per difetti, ad eccezione di danni e penali contrattuali, a meno che il venditore informa l’acquirente che non adempie ai propri obblighi entro tale termine.

(4) Fino a quando l’acquirente non fissa un periodo ai sensi del paragrafo 3 o richiede uno sconto sul prezzo di acquisto, il venditore può informare l’acquirente che eliminerà i difetti entro un certo periodo. Se l’acquirente non notifica al venditore il suo disaccordo senza indebito ritardo al ricevimento di tale notifica, tale notifica avrà l’effetto di fissare un limite di tempo conformemente al paragrafo 3.

(5) Se il venditore non elimina i difetti della merce entro il periodo risultante dal paragrafo 3 o 4, l’acquirente può richiedere uno sconto sul prezzo di acquisto o recedere dal contratto se notifica al venditore l’intenzione di recedere dal il contratto quando si fissa il periodo di cui al paragrafo 3 o entro un termine ragionevole prima del recesso dal contratto. Il reclamo scelto non può essere modificato dall’acquirente senza il consenso del venditore.

§ 438

Al momento della consegna della merce sostitutiva, il venditore ha il diritto di esigere che l’acquirente restituisca la merce sostituita a sue spese nello stato in cui è stata consegnata. Le disposizioni del § 441 si applicano in modo analogo.

§ 439

(1) Il diritto di ridurre il prezzo di acquisto corrisponde alla differenza tra il valore della merce che dovrebbe essere esente da vizi, e il valore della merce consegnata con vizi, e per determinare il valore del tempo critico in cui deve essere trattenuta correttamente implementato.

(2) L’ acquirente può ridurre il prezzo di acquisto pagato al venditore mediante uno sconto; se il prezzo di acquisto è già stato pagato, l’acquirente può chiederne la restituzione dell’importo dello sconto unitamente agli interessi pattuiti nel contratto, altrimenti determinati in modo analogo ai sensi del § 502.

(3) Se il difetto non è stato segnalato in tempo (§ 428 para 1 e § 435 para 1), l’acquirente può solo, con il consenso del venditore, esercitare i diritti di cui al paragrafo 2 o utilizzare il diritto a uno sconto per compensare il credito del venditore. Questa restrizione non si applica se il venditore era a conoscenza dei difetti al momento della consegna della merce; in caso di vizi legali, il periodo decisivo è stabilito al § 435 par.1.

(4) Fino all’eliminazione dei difetti, l’acquirente non è obbligato a pagare la parte del prezzo di acquisto che corrisponderebbe al suo diritto allo sconto se i difetti non fossero rimossi.

§ 440

(1) I reclami per vizi della merce non pregiudicano il diritto al risarcimento del danno o una penale contrattuale. L’acquirente, che ha diritto ad uno sconto sul prezzo di acquisto, non ha diritto a chiedere il risarcimento del mancato guadagno per mancanza delle caratteristiche della merce a cui si applica lo sconto.

(2) La soddisfazione, che può essere ottenuta facendo valere una delle rivendicazioni per vizi della merce ai sensi degli articoli 436 e 437, non può essere ottenuta facendo valere un reclamo per un altro motivo legale.

§ 441

(1) L’ acquirente non può recedere dal contratto se non ha notificato tempestivamente al venditore i difetti.

(2) Gli effetti del recesso dal contratto non sorgono o scadono se l’acquirente non può restituire i beni nelle condizioni in cui li ha ricevuti.

(3) Tuttavia, le disposizioni del paragrafo 2 non si applicano,

(a) se l’impossibilità di restituire i beni nelle condizioni ivi specificate non è dovuta ad atti od omissioni dell’acquirente; o

(b) se le condizioni delle merci sono cambiate a seguito di un’ispezione debitamente eseguita per rilevare i difetti delle merci.

(4) Le disposizioni del paragrafo 2 non si applicano inoltre se, prima della scoperta dei difetti, l’acquirente ha venduto la merce o parte di essa o ha consumato le merci in tutto o in parte o le ha alterate durante il normale utilizzo. In questo caso, è tenuto a restituire la merce non venduta o non consumata o la merce cambiata e fornire al venditore un risarcimento fino all’importo di cui ha beneficiato di detto utilizzo della merce.

Consegna di grandi quantità di merce
§ 442

(1) Se il venditore consegna una quantità di merce superiore a quella specificata nel contratto, l’acquirente può accettare la consegna o può rifiutarsi di accettare la quantità di merce in eccesso.

(2) Se l’acquirente accetta la consegna di tutta o parte della merce in eccedenza, è obbligato a pagare per essa il prezzo di acquisto corrispondente al prezzo di acquisto specificato nel contratto.

Sezione 3

Acquisizione della proprietà
§ 443

(1) L’ acquirente acquisisce la proprietà della merce non appena la merce consegnata gli viene consegnata.

(2) Prima della consegna, l’acquirente acquisisce la proprietà della merce trasportata quando ottiene il diritto di disporre della spedizione.

§ 444

Le parti possono concordare per iscritto che l’acquirente acquisirà la proprietà prima del periodo specificato al § 443, se l’oggetto dell’acquisto è designato individualmente beni o beni determinati dal tipo e al momento del trasferimento di proprietà saranno sufficientemente contrassegnati per distinguerli da altra merce, secondo le modalità concordate tra le parti, altrimenti senza indebito ritardo comunicata all’acquirente.

§ 445

Le parti possono concordare che l’acquirente acquisisca la proprietà della merce più tardi di quanto specificato al § 443. A meno che il contenuto di questa riserva di proprietà non indichi diversamente, si considera che l’acquirente debba acquisire la proprietà solo con il pagamento completo del prezzo di acquisto.

§ 446

L’acquirente acquisisce la proprietà anche se il venditore non è il proprietario della merce venduta, a meno che nel momento in cui l’acquirente avesse il diritto di acquistare, sapeva o avrebbe dovuto sapere e avrebbe potuto sapere che il venditore non è il proprietario e non ha diritto per disporre della merce in vendita.

Sezione 4

Obblighi dell’acquirente
§ 447

L’acquirente è tenuto a pagare il prezzo di acquisto della merce e prendere in consegna la merce consegnata in conformità con il contratto.

§ 448

(1) L’ acquirente è tenuto a pagare il prezzo di acquisto concordato.

(2) Se il prezzo non è concordato nel contratto e se il metodo per la sua determinazione non è specificato e se il contratto è valido tenendo conto del § 409 par.2, il venditore può richiedere il pagamento del prezzo di acquisto al quale tale o beni comparabili venivano solitamente venduti al momento della conclusione del contratto a condizioni contrattuali simili al contenuto del presente contratto.

(3) Se il prezzo di acquisto è determinato in base al peso della merce, il peso netto della merce è senza dubbio determinante.

§ 449

Se il prezzo di acquisto deve essere pagato al momento della consegna della merce o dei documenti, l’acquirente è tenuto a pagare il prezzo di acquisto nel luogo di consegna.

§ 450

(1) Salvo quanto diversamente stabilito nel contratto, l’acquirente è tenuto a pagare il prezzo di acquisto se il venditore, in conformità con il contratto e la presente legge, consente all’acquirente di disporre della merce o dei documenti che consentono all’acquirente di disporre della merce . Il venditore può subordinare la consegna della merce o dei documenti al pagamento del prezzo di acquisto. Per le merci soggette a rapida distruzione o che hanno un periodo legale speciale di durata di conservazione minima limitata o la cui utilizzabilità o qualità è biologicamente limitata, l’acquirente è obbligato a pagare il prezzo di acquisto entro 30 giorni.

(2) Se il venditore deve inviare la merce in base al contratto, può farlo a condizione che la merce oi documenti che consentono la manipolazione della merce siano consegnati all’acquirente solo dopo il pagamento del prezzo di acquisto, a meno che questa condizione è in conflitto con il metodo di pagamento concordato.

(3) L’ acquirente non è obbligato a pagare il prezzo di acquisto fino a quando non ha la possibilità di ispezionare la merce, a meno che il metodo di consegna della merce concordato o il pagamento del prezzo di acquisto non siano in conflitto con questo.

§ 451

L’acquirente è obbligato a eseguire le azioni richieste dal contratto e dalla presente legge affinché il venditore possa consegnare la merce. L’acquirente è tenuto a prendere in consegna la merce consegnata, a meno che dal contratto o dalla presente legge non consegua che egli possa rifiutarsi di prenderla in consegna.

§ 452

(1) Se l’acquirente deve determinare in aggiunta la forma, le dimensioni o le proprietà dei beni ai sensi del contratto e non lo fa entro il periodo concordato e se il periodo non è concordato, entro un periodo ragionevole dalla richiesta del venditore, il venditore possono determinarli tenendo conto delle esigenze dell’acquirente, sono noti. Ciò non influisce su altri reclami del venditore.

(2) Se il venditore ha preso la decisione personalmente, deve informare l’acquirente dei dettagli e fissare un termine ragionevole entro il quale l’acquirente può informare il venditore della diversa determinazione. Se l’acquirente non lo fa dopo aver ricevuto tale notifica entro il periodo specificato, la designazione notificata dal venditore è vincolante.

§ 453

Il venditore può richiedere all’acquirente di pagare il prezzo di acquisto, prendere in consegna la merce e adempiere ad altri obblighi fino a quando il venditore non abbia esercitato un diritto di violazione del contratto incompatibile con tale requisito.

§ 454

Se è stato concordato di garantire l’obbligo di pagare il prezzo di acquisto, l’acquirente è tenuto a fornire al venditore i documenti comprovanti che il pagamento del prezzo di acquisto è stato garantito in conformità con il contratto al momento concordato, altrimenti in tempo prima del tempo concordato per la consegna della merce. Se l’acquirente non adempie a tale obbligo, il venditore può rifiutare la consegna della merce fino alla consegna di questi documenti. Se l’acquirente non garantisce il pagamento del prezzo di acquisto entro un periodo ragionevole aggiuntivo stabilito dal venditore, il venditore può recedere dal contratto.

Sezione 5

Rischio di danni alla merce
§ 455

Il rischio di danneggiamento della merce (§ 368 par.2) passa all’acquirente nel momento in cui prende in consegna la merce dal venditore, o se non lo fa in tempo, nel momento in cui il venditore gli consente di smaltire la merce e l’acquirente viola il contratto non prendendo in consegna la merce.

§ 456

Se l’acquirente deve prendere in consegna la merce da una persona diversa dal venditore, il rischio di danni alla merce passa all’acquirente al momento specificato per la consegna della merce, se in quel momento l’acquirente è stato autorizzato a disporre della merci e l’acquirente conosceva questa possibilità. Se l’acquirente è autorizzato a smaltire la merce o viene a conoscenza di questa possibilità in un secondo momento, il pericolo passa nel momento in cui ha questa opzione e ne viene a conoscenza.

§ 457

Se il venditore è obbligato dal contratto a consegnare la merce al vettore in un determinato luogo per il trasporto della merce all’acquirente, l’acquirente passa il rischio di danneggiamento della merce consegnandola al vettore in questo luogo. Se il contratto di acquisto include l’obbligo del venditore di inviare la merce, ma il venditore non è obbligato a consegnare la merce al vettore in un determinato luogo, il rischio di danneggiamento della merce passa all’acquirente quando la merce viene consegnata a il primo vettore per il trasporto a destinazione. Il fatto che il venditore tratti i documenti relativi alla merce trasportata non incide sul trasferimento del rischio di danneggiamento della merce.

§ 458

Tuttavia, il rischio di danneggiamento delle merci determinato dal tipo e non preso in carico dall’acquirente non passa all’acquirente fino a quando le merci non sono chiaramente contrassegnate ai fini del contratto mediante marcatura sulla merce o sui documenti di trasporto o specificate in un messaggio inviato all’acquirente o altrimenti definito.

§ 459

Le parti possono convenire che il rischio di danni alle merci passi prima del periodo specificato nei § 455 e 458 solo per le merci determinate individualmente o per le merci determinate per tipo, se queste merci sono al momento del passaggio del rischio di danno sufficientemente separate e distinte da altri beni dello stesso tipo.

§ 460

Se la merce è già trasportata al momento della conclusione del contratto, il rischio di danneggiamento della merce passa al primo vettore. Tuttavia, se il venditore sapeva al momento della conclusione del contratto o, tenendo conto di tutte le circostanze, avrebbe dovuto sapere che il danno alla merce si era già verificato, il venditore si farà carico del danno.

§ 461

(1) Il danneggiamento della merce, insorto dopo il trasferimento del suo rischio all’acquirente, non pregiudica il suo obbligo di pagare il prezzo di acquisto, a meno che il danno alla merce non si sia verificato a seguito di una violazione degli obblighi del venditore.

(2) Gli effetti del paragrafo 1 non si verificano se l’acquirente ha esercitato il diritto di richiedere la consegna di merci sostitutive o il diritto di recedere dal contratto.

Sezione 6

Conservazione delle merci
§ 462

Se l’acquirente è in ritardo con la presa in consegna della merce o il pagamento del prezzo di acquisto nei casi in cui la consegna della merce e il pagamento del prezzo di acquisto devono avvenire contemporaneamente e il venditore ha la merce con sé o può altrimenti disporla, il il venditore deve adottare misure adeguate per preservare la merce. Il venditore ha il diritto di trattenere la merce fino a quando l’acquirente non rimborsa i costi ragionevoli sostenuti dal venditore.

§ 463

Se l’acquirente ha preso in consegna la merce e intende rifiutarla, è tenuto ad adottare misure adeguate alle circostanze per la conservazione della merce. Fino a quando il venditore non paga i costi ragionevoli sostenuti dall’acquirente, l’acquirente ha il diritto di trattenere la merce da restituire al venditore.

§ 464

Se, dopo il trasporto della merce a destinazione, l’acquirente ha la possibilità di disporne ed esercita il diritto di rifiutarla, è obbligato a prendere in consegna la merce e ad averla con sé per conto del venditore, se può farlo senza pagare il prezzo di acquisto e senza difficoltà e spese irragionevoli. Tuttavia, tale obbligo non sorge per l’acquirente se il venditore o una persona autorizzata dal venditore a prendersi cura della merce è presente nel luogo di destinazione. Al ricevimento della merce da parte dell’acquirente, i suoi diritti e obblighi ai sensi del § 463 sono regolati.

§ 465

Gli obblighi ai sensi degli articoli da § 462 a 464 possono anche essere adempiuti dalla parte obbligata depositando la merce nel magazzino di una terza parte per conto dell’altra parte e può richiedere il pagamento di costi ragionevoli sostenuti nel processo.

§ 466

Può essere richiesta una parte che è in ritardo con l’accettazione o il ritiro della merce o con il pagamento del prezzo di acquisto da effettuare al ricevimento della merce o con il pagamento dei costi associati all’adempimento degli obblighi di cui ai § 462-464 per adempiere a tale obbligo. L’altra parte ha il diritto di fissare un termine ragionevole nell’invito a prendere in consegna la merce ea venderla in modo adeguato dopo la sua inutile scadenza invano. Prima di questa vendita, tuttavia, è tenuto a notificare alla parte in ritardo la sua intenzione di vendere la merce. Questa intenzione può essere comunicata anche al momento della definizione del termine per l’accettazione.

§ 467

Se le merci sono deperibili o se il loro immagazzinamento comporta costi sproporzionati, la parte responsabile ai sensi dei § 462-464 deve adottare misure ragionevoli per venderle e, se possibile, informare l’altra parte della vendita prevista.

§ 468

La parte che ha venduto la merce ha il diritto di trattenere dai proventi della vendita un importo corrispondente ai costi ragionevoli associati all’adempimento degli obblighi di cui ai § 462-464 e alla vendita di merci. È obbligato a pagare il resto dei proventi ottenuti all’altra parte senza indebito ritardo.

Sezione 7

Disposizioni speciali sui danni
§ 469

Se una parte si è ritirata dal contratto in conformità con la presente legge e l’acquirente ha effettuato un acquisto sostitutivo o la vendita sostitutiva del venditore della merce a cui si è applicato il recesso in un tempo ragionevole dopo il recesso, la richiesta di risarcimento danni ai sensi della presente legge include il differenza tra il prezzo di acquisto., che doveva essere pagato sulla base del contratto e al prezzo concordato nel negozio di sostituzione. Nel determinare questa differenza si tiene conto del contenuto del contratto. Il diritto al risarcimento del danno residuo non è pregiudicato.

§ 470

(1) Nei casi in cui non si applica il § 469, la richiesta di risarcimento danni della parte che si è ritirata dal contratto relativa ai beni al prezzo corrente include la differenza tra il prezzo di acquisto da pagare in base al contratto e il prezzo normale raggiunto per i beni della stessa natura e della stessa qualità o comparabile a condizioni contrattuali simili. Il diritto al risarcimento del danno residuo non è pregiudicato.

(2) Sono determinanti i prezzi raggiunti al momento del recesso dal contratto; tuttavia, se la merce è stata presa in consegna prima del recesso dal contratto, saranno determinanti i prezzi normali raggiunti al momento di tale presa in consegna.

Seconda parte

Accordi in relazione al contratto di acquisto
Sezione 1

Acquista in prova
§ 471

L’acquisto per il test viene creato concludendo un contratto di acquisto a condizione che l’acquirente approvi la merce entro la fine del periodo di prova. Se il periodo di prova non è specificato nel contratto, si considera di tre mesi dalla conclusione del contratto.

§ 472

(1) Se l’acquirente non ha preso in consegna la merce, la condizione ha la natura di una condizione sospensiva e questa condizione è considerata contrastata se l’acquirente non informa il venditore durante il periodo di prova che approva la merce.

(2) Se l’acquirente ha preso in consegna la merce, la condizione ha il carattere di una condizione di svincolo ed è valido che l’acquirente abbia approvato le merci, a meno che non le rifiuti per iscritto durante il periodo di prova.

(3) L’ acquirente non ha il diritto di rifiutare la merce se non può restituire la merce nelle condizioni in cui l’ha ricevuta.

Sezione 2

Clausola di prezzo
§ 473

Se, nella determinazione del prezzo, le parti convengono che il suo importo debba essere successivamente adeguato per tenere conto dei costi di produzione e non specificano quali componenti dei costi di produzione sono determinanti, il prezzo di acquisto varia in proporzione alle variazioni di prezzo delle principali materie prime necessario per produrre la merce venduta.

§ 474

(1) Se le parti non specificano nel contratto il momento decisivo per la valutazione delle variazioni di prezzo, i prezzi devono essere presi in considerazione al momento della conclusione del contratto e al momento in cui il venditore avrebbe dovuto consegnare la merce. Se la consegna della merce deve avvenire entro un certo periodo, è determinante il momento dell’effettiva esecuzione tempestiva, altrimenti la fine di tale periodo.

(2) Se il venditore è in ritardo con la consegna della merce, e al momento della consegna effettiva, i prezzi per le componenti rilevanti dei costi di produzione sono inferiori ai prezzi entro il tempo stabilito ai sensi del paragrafo 1, questi prezzi inferiori deve essere preso in considerazione.

§ 475

I diritti e gli obblighi delle parti ai sensi della clausola scadono se l’avente diritto non esercita i propri diritti nei confronti dell’altra parte senza indebito ritardo dopo la consegna della merce.

Parte III

Contratto di vendita aziendale
§ 476

Fornitura di base
(1) Con il contratto di vendita della società, il venditore si impegna a cedere la società all’acquirente e trasferire il diritto di proprietà alla società a lui, e l’acquirente si impegna ad assumersi gli obblighi del venditore relativi alla società ea pagare il prezzo di acquisto.

(2) Il contratto richiede una forma scritta.

§ 477

(1) Tutti i diritti e gli obblighi a cui si applica la vendita passano all’acquirente.

(2) il trasferimento dei crediti è altrimenti disciplinato dalle disposizioni in materia di cessione dei crediti.

(3) Il consenso del creditore non è richiesto per il trasferimento dell’obbligazione, ma il venditore è responsabile dell’adempimento degli obblighi trasferiti da parte dell’acquirente.

(4) L’ acquirente è tenuto a notificare ai creditori senza indebito ritardo l’assunzione di obbligazioni e il venditore ai debitori del trasferimento dei crediti all’acquirente.

§ 478

(1) Se la recuperabilità del credito di un creditore si deteriora senza dubbio a causa della vendita di un’impresa, il creditore può richiedere un reclamo in tribunale entro 60 giorni dal giorno in cui ha appreso della vendita dell’impresa, (§ 488 par.1) affinché il giudice stabilisca che il trasferimento dell’obbligo del venditore all’acquirente è inefficace nei suoi confronti.

(2) Se il venditore non è registrato nel registro delle imprese, è possibile presentare un’obiezione al tribunale entro 60 giorni dal giorno in cui il creditore viene a conoscenza della vendita dell’attività, ma non oltre sei mesi dalla data di conclusione del contratto.

(3) Se il creditore esercita con successo il diritto di cui al paragrafo 1 o 2, il venditore è obbligato ad adempiere all’obbligo nei suoi confronti alla data di scadenza ed ha il diritto di richiedere all’acquirente la prestazione fornita con gli accessori.

§ 479

(1) Tutti i diritti derivanti dalla proprietà industriale o di altra natura intellettuale relativi alle attività commerciali della società ceduta vengono trasferiti all’acquirente. Se l’acquisizione o il mantenimento di questi diritti è decisivo per lo svolgimento di una determinata attività commerciale, è inclusa l’attività dell’acquirente svolta dopo la vendita dell’impresa, nonché l’attività svolta durante l’attività dell’impresa prima della sua vendita. in questa attività.

(2) Tuttavia, il trasferimento del diritto ai sensi del paragrafo 1 non ha luogo se ciò sarebbe contrario al contratto relativo all’esercizio dei diritti di proprietà industriale o altri diritti di proprietà intellettuale o alla natura di tali diritti.

§ 480

I diritti e gli obblighi derivanti dai rapporti di lavoro con i dipendenti della società vengono trasferiti dal venditore all’acquirente.

§ 481
annullato

§ 482

Il prezzo di acquisto si considera determinato sulla base dei dati sulla somma delle cose, dei diritti e degli obblighi riportati nelle scritture contabili della società ceduta alla data di conclusione del contratto e sulla base degli altri valori riportati in il contratto se non incluso nelle scritture contabili. Qualora il contratto abbia efficacia in un secondo momento, il prezzo di acquisto viene modificato per tenere conto degli aumenti o diminuzioni di attività nel frattempo intervenuti.

§ 483

(1) A partire dalla data di efficacia del contratto, il venditore è obbligato a consegnare e l’acquirente a prendere in consegna gli articoli inclusi nella vendita. All’accettazione dovrà essere redatto un verbale firmato da entrambe le parti.

(2) Prendendo in consegna le cose, il rischio di danni a queste cose passa dal venditore all’acquirente.

(3) La proprietà delle cose che sono incluse nella vendita passa dal venditore all’acquirente con effetto del contratto. La proprietà dell’immobile passa per deposito nel catasto immobiliare. Le disposizioni delle sezioni da 444 a 446 si applicano mutatis mutandis.

§ 484

Il venditore è tenuto a notificare all’acquirente eventuali difetti degli articoli trasferiti, diritti o altri beni di cui è a conoscenza o di cui deve conoscere, altrimenti è responsabile dei danni che avrebbero potuto essere prevenuti da questo avviso nel verbale redatto ai sensi del § 483 cpv.

§ 485

Le merci mancanti e gli articoli difettosi devono essere indicati nella registrazione della presa in consegna degli articoli ai sensi della Sezione 483 (1). Gli articoli che il venditore non ha consegnato all’acquirente sono considerati mancanti, sebbene secondo i registri contabili e il contratto, questi articoli debbano far parte del patrimonio dell’azienda venduta. Nel valutare il difetto degli articoli, verrà presa in considerazione la loro capacità di servire il funzionamento dell’azienda e il tempo del loro utilizzo in base alle registrazioni contabili.

§ 486

(1) L’ acquirente ha diritto a uno sconto ragionevole dal prezzo di acquisto corrispondente agli articoli mancanti o difettosi. Se le cose mancanti o i difetti identificabili della cosa non sono stati registrati nel record ai sensi del § 483 par.1, il diritto allo sconto non può essere concesso in un procedimento giudiziario, a meno che il venditore non ne fosse a conoscenza al momento della consegna . Nel caso di difetti rilevabili solo durante l’attività della società, questi effetti si verificano se l’acquirente non notifica al venditore tale difetto senza indebito ritardo dopo averlo scoperto o in cura professionale, ma non oltre sei mesi dalla data di efficacia del il contratto (§ 482). Le disposizioni del § 428 paragrafo 2 e § 439 si applicano in modo analogo.

(2) L’ acquirente ha il diritto di recedere dal contratto se la società non è ammissibile per l’operazione specificata nel contratto ei difetti segnalati per tempo sono irrimediabili o il venditore non li elimina entro un ulteriore ragionevole periodo stabilito dall’acquirente. Le disposizioni del § 441 si applicano mutatis mutandis.

(3) L’ acquirente può richiedere uno sconto sul prezzo di acquisto in relazione alle passività che gli sono state trasferite e non sono state registrate nei registri contabili al momento del contratto (§ 482), a meno che l’acquirente non ne fosse a conoscenza in quel momento di concludere il contratto.

(4) Le sezioni da 433 a 435 si applicano mutatis mutandis ai vizi legali della società venduta.

(5) I diritti di cui ai paragrafi precedenti non pregiudicano le richieste di risarcimento danni. Le disposizioni del § 440 si applicano in modo analogo.

§ 487

Le disposizioni degli articoli da 477 a 486 si applicano anche ai contratti con i quali viene venduta una parte di un’impresa che forma un’unità organizzativa separata.

§ 488

(1) Se un’impresa registrata da una persona iscritta nel registro delle imprese vende, propone l’implementazione di un’iscrizione sulla vendita dell’impresa o la sua parte in questo registro.

(2) Una persona giuridica che ha venduto un’impresa che forma le sue attività può terminare la sua liquidazione ed essere cancellata dal registro delle imprese solo dopo un anno dalla vendita, se non è stato avviato alcun procedimento legale in questo momento ai sensi del § 478, o successivamente quando sono state sequestrate o le rivendicazioni che sono state affermate con successo in questo procedimento sono state soddisfatte.

§ 488a

§ 672a si applica in modo simile a un contratto per la vendita di un’azienda. La clausola di concorrenza può limitare l’attività del venditore.

Parte IIIA

Contratto di locazione aziendale
§ 488b

Fornitura di base
(1) Con un contratto di locazione di un’impresa, il locatore si impegna a lasciare la sua impresa al locatario per gestirla e gestirla in modo indipendente a proprie spese e rischio e di riceverne benefici. L’inquilino si impegna a pagare l’affitto al locatore.

(2) L’importo del canone di locazione o il metodo per la sua determinazione devono essere concordati nel contratto.

(3) Il contratto di locazione dell’azienda deve essere in forma scritta.

(4) Un contratto di locazione di un’impresa non può avere effetto prima della data di pubblicazione ai sensi della Sezione 33 (1).

§ 488c

(1) L’ azienda non può essere subaffittata.

(2) Salvo disposizione contraria della presente legge, § 664, § 665 para 1, § 667 e 670 del codice civile si applicano all’affitto di un’impresa.

§ 488d

L’inquilino può essere solo un imprenditore iscritto nel Registro delle Imprese che possiede la relativa licenza commerciale, altrimenti il ​​contratto non è valido.

§ 488e

(1) Il locatario è obbligato a gestire l’attività con cura professionale e senza il consenso del locatore non è autorizzato a modificare l’oggetto dell’attività svolta nell’attività locata.

(2) I diritti e gli obblighi che appartengono alla società affittata passeranno all’efficacia del contratto di locazione della società al locatario. Ciò vale anche per i diritti e gli obblighi derivanti dai rapporti di lavoro. Le disposizioni della Sezione 477, paragrafi da 2 a 4 si applicano mutatis mutandis. Il locatore è responsabile per le passività che appartengono all’attività locata e sorte prima della data di efficacia del contratto. Il locatario gestisce un’attività in leasing sotto la sua azienda.

(3) Il creditore può esigere che il tribunale dichiari che tutti gli obblighi del locatore, che appartengono all’impresa locata, sono dovuti per l’efficacia del contratto di locazione dell’impresa, se il contratto di locazione dell’impresa ne compromette le prestazioni. Se tale diritto non viene esercitato entro tre mesi dalla data di efficacia del contratto di locazione, decade.

(4) I diritti e gli obblighi derivanti da rapporti di lavoro che durano alla data di cessazione del contratto di locazione e da contratti di locazione in corso per locali non residenziali saranno trasferiti al locatore. Diventano esigibili altre passività relative all’attività locata.

§ 488f

(1) Salvo patto contrario, il contratto di locazione è prorogato per il periodo per il quale il contratto di locazione è stato concluso, anche ripetutamente, se dopo la scadenza del periodo per il quale il contratto di locazione è stato concluso, entrambe le parti continuano ad eseguirlo.

(2) Se un contratto per l’affitto di un’impresa è stato concluso per un periodo indefinito, può essere risolto entro e non oltre sei mesi prima della fine del periodo contabile nell’ultimo giorno del periodo contabile, a meno che il contratto non preveda un diverso periodo di preavviso.

§ 488g

(1) Sulla base di un contratto di locazione, il locatario ha il diritto di utilizzare la designazione, il know-how e la proprietà industriale appartenenti al locatore e relativi all’impresa locata nella misura necessaria per il corretto funzionamento dell’impresa, per il durata del contratto di locazione. Il pagamento per l’uso fa parte dell’affitto. Restano salve le disposizioni di disposizioni legali speciali sul contratto di licenza e la registrazione della licenza nei relativi registri.

(2) Con l’ efficacia del contratto di locazione di una società o di una sua parte, il diritto di proprietà sulle merci in magazzino, sul materiale destinato alla lavorazione, sui pezzi di ricambio e altre cose determinate in base alla tipologia, che vengono consumate o lavorate in connessione con l’attività della società o che vengono utilizzati per la vendita, al locatario. Tuttavia, il trasferimento di proprietà avverrà solo se le parti concordano una remunerazione adeguata per questi articoli all’interno o all’esterno del canone di locazione. Le parti sono obbligate a redigere un verbale di ricevimento di tali articoli, in cui verrà fornito il loro elenco.

(3) L’ autorizzazione ai sensi del paragrafo 1 scade al termine del contratto di locazione, o all’iscrizione della risoluzione della licenza nei relativi registri sulla base della risoluzione del contratto di locazione. La proprietà dei beni di cui al comma 2 passa al locatore al momento della scadenza del contratto di locazione. Le parti sono obbligate a redigere un verbale della consegna di questi articoli al proprietario e il proprietario è obbligato a pagare il prezzo degli articoli sulla base di un accordo speciale.

§ 488h

Le disposizioni della Sezione 672a si applicano mutatis mutandis al contratto di locazione di un’impresa o di parte di essa. L’attività del locatore può essere limitata dalla clausola di concorrenza per la durata del contratto di locazione; dopo la fine del contratto di locazione, l’attività del conduttore può essere limitata da una clausola di concorrenza.

§ 488i

Le disposizioni degli articoli da 488b a 488g si applicano, mutatis mutandis, ai contratti con i quali è affittata una parte di un’impresa che costituisce un’unità organizzativa separata.

Parte IV

Contratto per acquisto immobile locato
§ 489

Fornitura di base
(1) Con un contratto per l’acquisto di un oggetto in leasing, le parti concordano nel contratto di leasing o dopo la sua conclusione che il locatario ha il diritto di acquistare l’oggetto in leasing o un insieme di articoli in leasing durante la validità del contratto di leasing o dopo la sua cessazione.

(2) Un contratto per l’acquisto di un bene in leasing richiede una forma scritta.

§ 490

Se il locatario ha il diritto, in base al contratto, di acquistare l’oggetto in leasing durante la durata del leasing, previa consegna di una comunicazione scritta dell’esercizio di tale diritto in conformità con il contratto di acquisto dell’oggetto in leasing, il leasing scade, anche se è stato concordato per un certo periodo.

§ 491

Se il locatario ha il diritto, in base al contratto, di acquistare l’oggetto in leasing dopo la risoluzione del contratto di locazione, tale diritto decade, a meno che la parte avente diritto notifichi all’altra parte per iscritto la volontà di acquistare l’oggetto in leasing senza indebito ritardo dopo la risoluzione del il contratto di locazione.

§ 492

Qualora l’avente diritto comunichi per iscritto all’altra parte, ai sensi del contratto di acquisto del bene locato, che esercita il diritto di acquistare la cosa che è o era oggetto del contratto di locazione, il contratto di compravendita si costituisce con riguardo a questa cosa. La parte avente diritto ha lo status di acquirente e l’altra parte ha lo status di venditore.

§ 493

(1) Con la creazione del contratto di acquisto (§ 492), il diritto di proprietà sul bene mobile passa all’acquirente. La proprietà dell’immobile passa per deposito nel catasto immobiliare.

(2) Il rischio di danneggiamento della merce passa all’acquirente alla creazione del contratto di acquisto (§ 492).

§ 494

(1) Se l’accordo non specifica il prezzo di acquisto decisivo per l’esercizio del diritto di acquistare l’oggetto in leasing o il metodo per la sua determinazione, l’acquirente è obbligato a pagare il prezzo di acquisto determinato ai sensi del § 448 paragrafo 2. per il quale il inquilino è responsabile.

(2) L’ acquirente è tenuto a pagare il prezzo di acquisto senza indebito ritardo dopo la creazione del contratto di acquisto.

§ 495

(1) I fattori decisivi per la valutazione dei difetti di una cosa sono le caratteristiche che dovrebbe avere la cosa in leasing.

(2) I termini per la denuncia dei vizi dell’oggetto acquistato sono calcolati a partire dal giorno in cui il locatario ha preso in consegna l’oggetto locato.

(3) Se il diritto di proprietà sull’oggetto locato non passa all’acquirente e il venditore non elimina questo difetto entro un tempo aggiuntivo ragionevole determinato dall’acquirente, l’acquirente può recedere dal contratto.

§ 496

(1) Il contratto può stabilire che dopo un certo periodo di validità del contratto di locazione, il locatario ha il diritto di acquisire la proprietà della cosa in leasing gratuitamente, se esercita questo diritto nei confronti del locatore.

(2) Il cessionario del diritto di proprietà ai sensi del paragrafo 1 non ha il diritto di far valere i suoi difetti sull’oggetto locato, ad eccezione dei vizi legali, a meno che non gli sia fornita una garanzia di qualità.

Parte V

Contratto di prestito
§ 497

Fornitura di base
In base al contratto di prestito, il creditore si impegna a fornire fondi a suo favore fino a un certo importo su richiesta del debitore e il debitore si impegna a restituire i fondi forniti ea pagare gli interessi.

§ 498

Le parti possono determinare i fondi oggetto del contratto, anche in una valuta diversa dalla valuta ceca, a condizione che ciò non sia in conflitto con le normative sui cambi. Salvo diverso accordo tra le parti, il debitore è obbligato a rimborsare i fondi nella valuta in cui sono stati forniti ea pagare gli interessi nella stessa valuta.

§ 499

Può essere concordata una commissione per disporre l’obbligo del creditore di fornire fondi su richiesta se l’erogazione del prestito è l’oggetto dell’attività del creditore.

§ 500

(1) Il debitore ha il diritto di richiedere la fornitura di fondi entro il periodo specificato nel contratto. Se tale periodo non è previsto nel contratto, il debitore può esercitare tale diritto fino alla risoluzione del prestito da parte di una delle parti.

(2) A meno che il contratto non preveda un diverso periodo di preavviso, la fornitura del prestito può essere risolta dal debitore con effetto immediato e dal creditore alla fine del mese di calendario successivo al mese in cui l’avviso è stato consegnato al debitore.

§ 501

(1) Il creditore è tenuto a fornire fondi al debitore se gli è stato richiesto dal debitore in conformità con il contratto, entro il termine specificato nella richiesta, altrimenti senza indebito ritardo.

(2) Se il contratto prevede che il prestito possa essere utilizzato solo per uno scopo specifico, il creditore può limitare l’erogazione di fondi solo all’adempimento degli obblighi del debitore assunti in relazione a tale scopo.

§ 502

(1) Dal momento della fornitura di fondi, il debitore è obbligato a pagare gli interessi su di essi nell’importo concordato, altrimenti nell’importo massimo consentito stabilito dalla legge o sulla base della legge. Se non vengono fissati interessi in questo modo, il debitore è tenuto a pagare gli interessi usuali richiesti per i prestiti erogati dalle banche nel luogo della sede del debitore al momento della conclusione del contratto. Se le parti concordano su interessi superiori a quelli consentiti dalla legge o dalla legge, il debitore è obbligato a pagare gli interessi per l’importo massimo consentito.

(2) In caso di dubbio, si considera che l’importo concordato degli interessi si riferisce al periodo annuale.

§ 503

(1) L’obbligo di pagare gli interessi è dovuto insieme all’obbligo di restituzione dei fondi utilizzati. Se il termine per il rimborso dei fondi forniti è superiore a un anno, gli interessi sono dovuti alla fine di ogni anno solare. Nel momento in cui deve essere restituito il resto dei fondi forniti, sono dovuti anche gli interessi relativi ad esso.

(2) Se i fondi forniti devono essere restituiti a rate, anche gli interessi su questa rata saranno pagabili alla data di scadenza di ciascuna rata.

(3) Il debitore ha il diritto di restituire i fondi forniti prima del periodo specificato nel contratto. È obbligato a pagare gli interessi solo per il periodo compreso tra la fornitura e il rimborso.

§ 504

Il debitore è obbligato a restituire i fondi forniti entro il periodo concordato, altrimenti entro un mese dal giorno in cui la restituzione è stata richiesta dal creditore.

§ 505

Se la garanzia per la restituzione dei fondi forniti scade o si deteriora durante la durata del contratto, il debitore è obbligato a ricostituire la garanzia nella misura originaria. Se il debitore non lo fa entro un termine ragionevole, il creditore può recedere dal contratto e chiedere al debitore di rimborsare l’importo dovuto con gli interessi. Il recesso del creditore dal contratto non pregiudica la garanzia degli obblighi ai sensi del presente contratto.

§ 506

Se il debitore è in arretrato con il rimborso di più di due rate o di una rata per più di tre mesi, il creditore ha diritto di recedere dal contratto ed esigere che il debitore rimborsi l’importo dovuto con gli interessi. Il recesso del creditore dal contratto non pregiudica la garanzia degli obblighi ai sensi del presente contratto.

§ 507

Se i fondi forniti in base al contratto devono essere utilizzati dal debitore solo per uno scopo specifico e il debitore li utilizza per un altro scopo o se il loro utilizzo per lo scopo concordato è impossibile, il creditore ha il diritto di recedere dal contratto e chiedere che il debitore restituisce i fondi usati e non rimborsati senza indebito ritardo, con interessi. Il recesso del creditore dal contratto non pregiudica la garanzia degli obblighi ai sensi del presente contratto.

Parte VI

Contratto di licenza per oggetti di proprietà industriale
§ 508

Fornitura di base
(1) Il contratto di licenza per la proprietà industriale autorizza l’acquirente all’esercizio dei diritti di proprietà industriale (di seguito denominato “diritto”) nella misura concordata e nel territorio concordato, e l’acquirente si impegna a fornire una certa remunerazione o altra proprietà valore.

(2) Il contratto richiede una forma scritta.

§ 509

(1) Se un regolamento speciale lo prevede, l’esercizio di un diritto concesso sulla base di un contratto richiede l’iscrizione nel relativo registro di tali diritti.

(2) Se la durata del diritto dipende dal suo esercizio, il cessionario è obbligato a farlo.

§ 510

Il Fornitore è tenuto a mantenere il diritto per la durata del contratto, se la natura di tale diritto lo richiede.

§ 511

(1) Il Fornitore ha comunque il diritto di esercitare il diritto oggetto del contratto e di prestarne l’esercizio ad altre persone.

(2) Il cessionario non ha il diritto di lasciare l’esercizio del diritto ad altre persone.

§ 512

Il Fornitore è obbligato senza indebito ritardo dopo la conclusione del contratto a fornire all’Acquirente tutti i documenti e le informazioni necessari per l’esercizio del diritto contrattuale.

§ 513

L’Acquirente è tenuto a mantenere riservati i documenti e le informazioni forniti da terzi, a meno che dal contratto o dalla natura dei documenti e delle informazioni forniti non derivi che il Fornitore non sia interessato alla loro segretezza. Non si considerano terze parti le persone che partecipano all’attività dell’imprenditore e che sono vincolate alla riservatezza dall’imprenditore. Dopo la risoluzione del contratto, l’acquirente è obbligato a restituire i documenti forniti e a mantenere segrete ulteriormente le informazioni fornite fino a quando non diventano generalmente note.

§ 514

(1) Se il cessionario è soggetto a limitazioni nell’esercizio del diritto da parte di altre persone o se scopre che altre persone stanno violando questo diritto, è obbligato a segnalarlo al fornitore senza indebito ritardo.

(2) Il fornitore è obbligato senza indebito ritardo a prendere le misure legali necessarie per proteggere l’esercizio del diritto da parte del cessionario. In queste misure, l’acquirente è obbligato a fornire al fornitore la necessaria collaborazione.

§ 515

Se il contratto non è stato concluso per un periodo determinato, può essere risolto. A meno che il contratto non preveda un diverso periodo di preavviso, l’avviso avrà effetto un anno dopo la fine del mese civile in cui l’avviso è stato consegnato all’altra parte.

Parte VII

Contratto per il deposito della cosa
§ 516

Fornitura di base
(1) Con il contratto di deposito, il depositario si impegna a prendersi cura del depositante con lui / lei temporaneamente a titolo gratuito per il depositante in relazione al contatto commerciale con il depositante.

(2) Se il contratto non specifica se la cosa è da custodire a pagamento o gratuitamente e la custodia non è soggetta a badanti aziendali, è vero che le parti hanno stipulato un accordo per salvare le cose.

§ 517

Il tutore ha l’obbligo di prendersi cura della cosa con attenzione e di prendersene cura, tenendo conto della sua natura e delle sue possibilità, in modo da non arrecargli danno. Se la custodia richiede misure speciali, il depositario è obbligato a prenderle se sono specificate nel contratto o se ne è stato informato dal depositante prima della conclusione del contratto. Il custode è tenuto ad assicurare i beni contro i danni solo se previsto dal contratto.

§ 518

Sebbene il custode si sia impegnato a prevedere la proprietà in un certo modo nel contratto, può discostarsi da questo metodo se si verificano circostanze che il custode non poteva prevedere al momento della conclusione del contratto e che rendono l’adempimento dell’obbligazione irragionevolmente gravoso per lui. Il caregiver è tenuto a notificare tempestivamente al depositante il verificarsi di tali circostanze.

§ 519

(1) Se il tutore affida la custodia della cosa a una terza parte senza il consenso del depositante, sarà responsabile come se si fosse preso cura della cosa lui stesso. Se lo fa con il consenso del depositante, sarà responsabile come agente.

(2) Se il custode affida la custodia della cosa a terzi in violazione del contratto, il rischio di danneggiamento della cosa passerà al custode. Le disposizioni del § 518 non sono interessate da questo.

§ 520

Il depositario non può utilizzare la cosa o consentire a terzi di utilizzarla senza il consenso del depositante.

§ 521

(1) Il depositante è obbligato a risarcire il custode per il danno causato dalla cosa a lui imposta, se il custode non poteva evitarlo esercitando la cura specificata nel § 517. Inoltre

(2) In caso di costi straordinari che erano imprevedibili al momento della conclusione del contratto, la banca depositaria è obbligata a richiedere il consenso del depositante prima che siano sostenuti, se possibile. Se il depositante non comunica il proprio dissenso al prestatore di cure senza indebito ritardo, si considera che abbia accettato le spese.

(3) Se la banca depositaria sostiene i costi di cui al paragrafo 2 senza aver prima chiesto il necessario consenso del depositante e la banca depositaria non acconsente successivamente alle loro spese, la banca depositaria può chiedere il rimborso dei costi nella misura in cui il depositante risparmiando questi costi.

(4) Il depositante è obbligato a pagare i costi, che il depositario ha il diritto di rimborsare, senza indebito ritardo dopo essere stato richiesto dal depositario, ma non oltre la presa in consegna della cosa.

§ 522

Il tutore è tenuto a consegnare l’oggetto depositato al depositante nel luogo in cui l’articolo doveva essere depositato in base al contratto, altrimenti nella sua sede legale o sede di attività o residenza, o nel luogo in cui la sua unità organizzativa è la custode.

§ 523

(1) Anche se il periodo per il quale la cosa deve essere depositata è stato concordato, il depositario è obbligato a consegnare la cosa senza indebito ritardo dopo essere stato richiesto dal depositante.

(2) Il tutore ha il diritto di richiedere che il depositante prenda in consegna l’oggetto depositato senza indebito ritardo prima della scadenza del periodo di deposito concordato, se l’ulteriore adempimento dei doveri causasse al custode difficoltà irragionevoli che non poteva prevedere al momento del conclusione del contratto, cose memorizzate.

§ 524

Se non è concordato e le circostanze in base alle quali il contratto è stato concluso non indicano per quanto tempo la cosa deve essere depositata, il depositario è obbligato a consegnare la cosa al depositante non appena il depositante lo richiede, e il depositante è obbligato a prendere in consegna la cosa senza indebito ritardo dopo che il suo caregiver l’ha richiesto.

§ 525

Se il depositante non prende in consegna la cosa in tempo, il depositario può fissare un termine ragionevole per farlo. Dopo la sua inutile scadenza, il depositario può recedere dal contratto e, se avvisa il depositante quando fissa un periodo aggiuntivo, ha il diritto di vendere la cosa sul conto del depositante in modo appropriato o di conservarla a spese del depositante presso un terzo festa.

§ 526

Le disposizioni degli articoli da 517 a 525 si applicano mutatis mutandis alla determinazione dei diritti e degli obblighi delle parti anche nei casi in cui, in base alle disposizioni della presente legge, in relazione a contratti diversi dai contratti di deposito di una cosa, una parte è obbligata prendersi cura dell’altro a meno che queste disposizioni non prevedano un trattamento diverso.

Parte VIII

Contratto di magazzinaggio
§ 527

Fornitura di base
(1) Con il contratto di magazzinaggio, il magazziniere si impegna a prendere in consegna la cosa per immagazzinarla e prendersene cura, e il depositante si impegna a pagargli una commissione per questo (stoccaggio).

(2) Se il contratto non specifica se la cosa deve essere presa in carico a pagamento o gratuitamente e la cura della cosa è oggetto dell’attività del depositario, si applica che le parti hanno stipulato un contratto di magazzinaggio .

§ 528

(1) Il depositario è obbligato a prendere in consegna la cosa al momento della consegna da parte del depositante e a confermare la presa in consegna della merce per iscritto.

(2) Una conferma di accettazione di una cosa per lo stoccaggio può avere la natura di una garanzia alla quale è associato il diritto di richiedere l’emissione di una cosa immagazzinata (certificato di magazzino).

(3) La ricevuta di magazzino può essere rilasciata al portatore oa nome. Se è il portatore, il magazziniere è tenuto a consegnare la merce alla persona che presenta la ricevuta di magazzino. Se suona nel nome, è obbligato a consegnare l’oggetto alla persona indicata nell’elenco di archiviazione. La persona autorizzata può trasferire la ricevuta di magazzino ad altre persone tramite girata, a meno che il trasferimento non la escluda. Analogamente alla girata si applicano le disposizioni in materia di cambiali.

(4) Una persona autorizzata a richiedere l’emissione di una cosa sulla base di un certificato di magazzino ha lo status di depositante ed è tenuta a confermare la ricezione dell’articolo immagazzinato sul certificato di magazzino su richiesta del depositario, non obbligato a pagare la tassa di deposito. Se la tassa di giacenza non viene pagata, il depositario non è obbligato a consegnare la merce se esercita il diritto di ritenzione sulla merce immagazzinata in magazzino.

(5) L’elenco di archiviazione deve contenere almeno

a) il nome o il nome e la sede legale della persona giuridica o il nome e il luogo di attività o la residenza dell’addetto al magazzinaggio,

b) il nome o la ragione sociale e la sede legale della persona giuridica o il nome e il luogo di attività o residenza del depositante,

c) la designazione e la quantità, il peso o il volume delle merci immagazzinate,

d) l’ indicazione se il certificato di magazzino è stato rilasciato al portatore o alla riga con il nome o la società o il nome della persona sulla cui riga è stato emesso,

e) indicazione del luogo in cui è immagazzinata la merce,

f) il periodo di immagazzinamento della merce,

g) il luogo e la data di rilascio del certificato di magazzinaggio e la firma dell’ammassatore.

(6) Se il documento di deposito non contiene il nome della persona sulla cui linea è stato emesso, si considera rilasciato al depositante.

§ 529

Salvo quanto diversamente stabilito nel contratto, il contratto si risolve se il depositante non consegna la cosa all’ammassatore per l’archiviazione entro il periodo specificato nel contratto, altrimenti entro sei mesi dalla conclusione del contratto.

§ 530

Il depositario è obbligato a immagazzinare l’articolo separatamente dagli altri articoli immagazzinati con l’indicazione che è l’articolo del depositante. Il depositante ha il diritto di verificare le condizioni dell’articolo immagazzinato e prelevarne dei campioni.

§ 531

(1) Il depositante paga la tassa di deposito dal giorno della presa in consegna della cosa nella quantità e nelle modalità concordate nel contratto.

(2) Se la quantità di stoccaggio non è concordata nel contratto, il depositante è obbligato a pagare la normale conservazione al momento della conclusione del contratto, tenendo conto della natura della cosa, della durata e delle modalità di conservazione.

(3) Se lo stoccaggio dura più di sei mesi, la tariffa di stoccaggio viene pagata semestralmente in anticipo. La tariffa di stoccaggio per un periodo di sei mesi incompiuto e la tariffa di stoccaggio per un periodo di stoccaggio più breve vengono pagate al momento del ritiro dell’articolo immagazzinato. Anche dopo la risoluzione del contratto, il depositario ha diritto alla giacenza per il periodo per il quale l’oggetto immagazzinato è stato depositato presso di lui per il fatto che il depositante non lo ha ritirato in tempo.

(4) Lo stoccaggio copre tutti i costi associati allo stoccaggio, ma non include i costi di assicurazione; il magazziniere ne ha diritto se è obbligato ad assicurare la cosa secondo il contratto.

§ 532

(1) Se lo stoccaggio è concordato per un periodo di tempo definito, il depositante può ritirare l’oggetto prima della scadenza, ma deve prima pagare la tassa di stoccaggio per l’intero periodo concordato. Prima della scadenza del periodo concordato, il depositante può nuovamente richiedere che l’oggetto sia preso in consegna per lo stoccaggio entro la fine di questo periodo ed è tenuto a rimborsare al depositario i costi ad esso associati.

(2) Se il periodo per il quale il contratto è concluso non è specificato, si considera concluso a tempo indeterminato. Il depositante può richiedere lo svincolo dell’oggetto in qualsiasi momento ed è obbligato a pagare la tassa di deposito per il momento in cui l’oggetto è stato immagazzinato. Ritirando l’articolo, il contratto scade.

(3) Il magazziniere ha il diritto di risolvere il contratto con un mese di preavviso. Il periodo di preavviso inizia il primo giorno del mese successivo a quello in cui l’avviso è stato consegnato al depositante.

§ 533

(1) Il depositario è responsabile dei danni agli articoli immagazzinati che si sono verificati dopo la presa in consegna dell’articolo, fino al suo rilascio, a meno che non abbia potuto evitare questo danno esercitando la cura professionale.

(2) Il magazziniere non è responsabile per danni a cose, se causati

a) il depositante o proprietario della cosa,

(b) il difetto o la natura naturale delle merci immagazzinate; o

c) imballaggio difettoso, che il depositario ha avvertito il depositante al momento della presa in consegna e ha incluso tale avvertenza nella conferma di presa in consegna della cosa; se il depositario non ha evidenziato il difetto dell’imballo, non risponde del danneggiamento della merce solo se il difetto dell’imballo non fosse riconoscibile.

(3) Se il danno si è verificato secondo le modalità specificate al paragrafo 2, il depositario è tenuto ad esercitare una cura professionale in modo che il danno sia il più piccolo possibile.

§ 534

(1) Il magazziniere può recedere dal contratto,

a) se il depositante nasconde la pericolosità della cosa e se l’addetto allo stoccaggio corre il pericolo di danni significativi,

b) se il depositante è debitore dell’ammasso per un periodo di almeno tre mesi,

c) in caso di rischio di danni sostanziali alle merci depositate che l’ammassatore non può evitare, o

d) se il depositante non ritira l’oggetto dopo la fine del periodo per il quale il depositante è obbligato a immagazzinare l’articolo.

(2) Dopo il recesso dal contratto, il magazziniere può fissare un termine ragionevole per il ritiro dell’articolo con un avviso che altrimenti venderà la merce. Trascorso invano tale periodo, il depositario può vendere la merce immagazzinata in modo adeguato al conto del depositante. Dal ricavato della vendita, che il depositario è tenuto a versare al depositante senza indebito ritardo, può detrarre non solo le spese di magazzinaggio, ma anche le spese sostenute in relazione alla vendita.

§ 535

Per garantire le sue pretese ai sensi del contratto di stoccaggio, il magazziniere ha un privilegio legale sugli articoli immagazzinati fintanto che sono con lui. Questo privilegio legale ha la precedenza su altri privilegi.

Parte IX

Contratto di lavoro
Sezione 1

Fornitura di base
§ 536

(1) Un contratto di lavoro impegna l’appaltatore all’esecuzione di un determinato lavoro e il cliente si impegna a pagare il prezzo per la sua esecuzione.

(2) Per opera si intende la fabbricazione di una determinata cosa, a meno che non rientri in un contratto di acquisto, l’assemblaggio di una determinata cosa, la sua manutenzione, l’esecuzione di una riparazione o modifica concordata di una determinata cosa o il risultato materialmente acquisito di un’altra attività. Per opera si intende sempre la costruzione, il montaggio, la manutenzione, la riparazione o la modifica di un edificio o parte di esso.

(3) Il prezzo deve essere concordato nel contratto o almeno deve essere specificato il metodo per la sua determinazione, a meno che le trattative sulla conclusione del contratto non implichino la volontà delle parti di concludere il contratto senza tale determinazione.

Sezione 2

Esecuzione del lavoro
§ 537

(1) L’Appaltatore è obbligato a eseguire il lavoro a proprie spese e rischio all’orario concordato, altrimenti entro un termine ragionevole, tenendo conto della natura del lavoro. Salvo quanto diversamente stabilito nel contratto o la natura del lavoro, l’appaltatore può eseguire il lavoro prima del tempo concordato.

(2) Il cliente è obbligato a prendere in consegna il lavoro svolto.

(3) Durante l’esecuzione del lavoro, l’appaltatore procede in modo indipendente e non è vincolato dalle istruzioni del cliente nel determinare il metodo di esecuzione del lavoro, a meno che non si sia espressamente impegnato al loro adempimento.

§ 538

L’Appaltatore può affidare l’esecuzione di un altro lavoro a un’altra persona, a meno che il contratto o la natura del lavoro non implichino diversamente. Quando il lavoro viene eseguito da un’altra persona, l’appaltatore ha la responsabilità come se stesse eseguendo il lavoro da solo.

Sezione 3

Cose destinate all’esecuzione di un’opera
§ 539

(1) È obbligato a consegnare le cose che il cliente deve provvedere per l’esecuzione del lavoro in base al contratto entro il tempo specificato nel contratto, altrimenti senza indebito ritardo dopo la conclusione del contratto. In caso di dubbio, si considera che il prezzo di queste cose non riduce il prezzo per l’esecuzione del lavoro.

(2) Se il cliente non fornisce la merce in tempo, il contraente può fornirgli un periodo di tempo ragionevole e dopo la sua scadenza inutile, può procurarsi la merce per conto del cliente previo avviso. Il Cliente è obbligato a pagare il prezzo e i costi ragionevoli ad esso associati senza indebito ritardo su richiesta dell’Appaltatore.

(3) Il contraente è tenuto a fornire le cose necessarie per l’esecuzione del lavoro e per la cui fornitura il cliente non è obbligato dal contratto.

§ 540

(1) Il Cliente si assume il rischio di danneggiamento degli oggetti che ha fornito per l’esecuzione del lavoro e ne resta il proprietario fino al momento in cui diventano parte dell’oggetto dell’opera.

(2) L’ appaltatore è responsabile della cosa presa in custodia dal cliente ai fini della sua elaborazione durante l’esecuzione del lavoro o ai fini della sua riparazione o modifica.

(3) Dopo il completamento del lavoro o dopo la cessazione dell’obbligo di eseguire il lavoro, l’appaltatore è obbligato a restituire al cliente senza indebito ritardo gli articoli da lui presi in consegna, che non sono stati elaborati durante l’esecuzione del lavoro .

§ 541

Per quanto riguarda le cose che l’appaltatore ha previsto per l’esecuzione dei lavori, ha la qualifica di venditore, salvo che le disposizioni che disciplinano il contratto di lavoro non dispongano diversamente. In caso di dubbio, si considera che il prezzo di acquisto di questi articoli è compreso nel prezzo per l’esecuzione dell’opera.

Sezione 4

Proprietà del manufatto e rischio di danneggiamento dello stesso
§ 542

(1) Se l’appaltatore costruisce la cosa presso la sede del cliente, sul suo terreno o sul terreno fornito dal cliente, il cliente si assume il rischio di danni ai prodotti fabbricati ed è il suo proprietario, a meno che il contratto non disponga diversamente.

(2) Nei casi in cui non si applica il paragrafo 1, l’appaltatore si assume il rischio di danni ai prodotti fabbricati ed è il suo proprietario. Per determinare il trasferimento del rischio di danno ai prodotti fabbricati dall’appaltatore al cliente, si applicano mutatis mutandis le disposizioni sul trasferimento del rischio di danni ai beni dal venditore all’acquirente.

(3) L’appaltatore non sarà responsabile di alcun rischio di danni all’oggetto che è oggetto di manutenzione, riparazione o modifica, né di proprietà dello stesso.

§ 543

(1) Se l’appaltatore ha il diritto di proprietà sulla cosa completata e l’obbligo di eseguire il lavoro scade per un motivo per il quale il cliente non è responsabile, il cliente ha il diritto di richiedere il pagamento del prezzo delle cose prese in consegna dall’appaltatore , che l’appaltatore ha elaborato durante il lavoro. Il diritto del cliente al risarcimento del danno non è pregiudicato.

(2) Se l’obbligo di eseguire il lavoro è scaduto per un motivo per il quale il cliente è responsabile, il cliente ha il diritto di richiedere il pagamento per ciò che l’appaltatore ha arricchito.

§ 544

(1) Se il cliente ha il diritto di proprietà sull’oggetto fabbricato e la cosa non può essere restituita o consegnata all’appaltatore a causa della sua natura, il cliente è obbligato a pagare all’appaltatore ciò che il cliente ha arricchito realizzando la cosa, se l’obbligo è scaduto per un motivo per il quale il cliente non è responsabile.

(2) Se l’obbligo è scaduto nei casi di cui al paragrafo 1 per motivi imputabili al cliente, il contraente può richiedere il pagamento del prezzo delle cose che ha intenzionalmente fornito e che sono diventate parte dell’articolo completato, se il prezzo di queste cose non è incluso nel contraente § 548 paragrafo 2.

§ 545

Le disposizioni del § 544 si applicano analogamente nei casi in cui l’oggetto del lavoro è l’assemblaggio, la manutenzione, la riparazione o la modifica della cosa.

Sezione 5

Prezzo per il lavoro
§ 546

(1) Il Cliente è tenuto a pagare all’Appaltatore il prezzo concordato nel contratto o determinato secondo le modalità specificate nel contratto. Se il prezzo non è così concordato o determinabile e il contratto è ancora valido (§ 536 par.3), il cliente è obbligato a pagare il prezzo che viene solitamente pagato per un lavoro comparabile al momento della conclusione del contratto in condizioni commerciali simili .

(2) La negoziazione e la fornitura di anticipi sul prezzo dell’opera non incide sugli effetti ai sensi degli articoli 548 e 549.

§ 547

Prezzo in base al budget
(1) L’importo del prezzo non è influenzato dal fatto che il prezzo è stato determinato sulla base del budget, che fa parte del contratto o è stato comunicato al cliente dal contraente fino alla conclusione del contratto.

(2) Tuttavia, se il prezzo è stato determinato sulla base di un budget rispetto al quale il contratto non garantisce la sua completezza, l’appaltatore può richiedere un ragionevole aumento del prezzo se l’esecuzione del lavoro richiede attività non incluse nel budget, se tali attività non erano prevedibili al momento della conclusione del contratto.

(3) Se il prezzo è stato determinato sulla base del budget, che in base al contratto è considerato non vincolante, il contraente può richiedere che un aumento di prezzo sia determinato da un importo in base al quale i costi opportunamente sostenuti dal contraente saranno inevitabilmente superare i costi inclusi nel budget.

(4) Se il cliente non è d’accordo con l’aumento del prezzo, il tribunale ne determina l’aumento su proposta del contraente.

(5) Il Cliente può recedere dal contratto senza indebito ritardo se l’Appaltatore richiede un aumento del prezzo ai sensi dei paragrafi 2 e 3 di un importo superiore di oltre il 10% al prezzo determinato sulla base del budget. In questo caso, il cliente è tenuto a rimborsare all’appaltatore la parte del prezzo corrispondente all’entità dell’esecuzione parziale del lavoro secondo il budget.

(6) Il Contraente cesserà di avere il diritto di determinare l’aumento di prezzo ai sensi dei paragrafi 2 e 3 se non notifica la necessità di superare l’importo preventivato e l’importo dell’aumento di prezzo richiesto senza indebito ritardo dopo che è diventato evidente che il superamento del prezzo determinato sulla base del budget è inevitabile.

§ 548

(1) Il Cliente è tenuto a pagare al Contraente il prezzo al momento concordato nel contratto. Salvo quanto diversamente stabilito nel contratto o nella presente legge, il diritto al prezzo nasce dall’esecuzione del lavoro.

(2) Se il contraente recede dal contratto per il ritardo del cliente e se l’ostacolo all’adempimento dell’obbligo del cliente non risiede in circostanze che escludono la responsabilità (§ 374), il contraente ha diritto al prezzo a cui è diritto ai sensi del contratto. Tuttavia, ciò che l’appaltatore ha risparmiato non eseguendo completamente il lavoro verrà detratto da questo prezzo.

§ 549

(1) Se, dopo la conclusione del contratto, le parti convengono di limitare la portata del lavoro e se le sue conseguenze sull’importo del prezzo non sono concordate, il cliente è obbligato a pagare solo il prezzo ragionevolmente ridotto; se concorda in questo modo di prolungare il lavoro, il cliente è tenuto a pagare un prezzo ragionevolmente maggiorato.

(2) Se le parti convengono dopo la conclusione del contratto di modificare l’opera e non sono d’accordo sulle sue conseguenze per il prezzo, il cliente è obbligato a pagare un prezzo maggiorato o ridotto, tenendo conto della differenza nella portata del necessario attività e costi ragionevoli associati al lavoro modificato.

Sezione 6

Metodo di esecuzione del lavoro
§ 550

Il Cliente ha il diritto di controllare l’esecuzione del lavoro. Se il Cliente rileva che l’Appaltatore esegue il lavoro in violazione dei suoi obblighi, il Cliente ha il diritto di richiedere che l’Appaltatore elimini i difetti causati da una prestazione difettosa e svolga il lavoro correttamente. Se il contraente non lo fa anche entro un periodo di tempo ragionevole a lui fornito e l’azione del contraente porterebbe senza dubbio a una violazione materiale del contratto (§ 345 paragrafo 2), il cliente ha il diritto di recedere dal contratto.

§ 551

(1) L’Appaltatore è tenuto a notificare al Cliente senza indebito ritardo la natura inadeguata degli articoli presi in consegna dal Cliente o le istruzioni fornite dal Cliente per eseguire il lavoro, se l’Appaltatore ha riscontrato tale inadeguatezza con cura professionale . Se cose o istruzioni inappropriate interferiscono con la corretta esecuzione del lavoro, l’appaltatore è obbligato a interromperne l’esecuzione nella misura necessaria fino allo scambio di cose o modifiche nelle istruzioni del cliente o comunicazione scritta che il cliente insiste a eseguire il lavoro utilizzando il consegnato cose e dato istruzioni. Il periodo previsto per il suo completamento è prolungato per il tempo per il quale si è dovuta interrompere l’esecuzione dei lavori. L’Appaltatore ha altresì diritto al rimborso delle spese connesse all’interruzione dell’esecuzione dei lavori o all’utilizzo di cose non idonee fino a quando non sia stata riscontrata la loro inadeguatezza.

(2) Un appaltatore che ha adempiuto all’obbligo di cui al paragrafo 1 non sarà responsabile dell’impossibilità di portare a termine il lavoro o di difetti nel lavoro completato causati da cose o istruzioni inadeguate, se il cliente ha insistito sul loro utilizzo nell’esecuzione del lavoro per iscritto. In caso di lavori non ultimati, l’appaltatore ha diritto al prezzo ridotto di quanto risparmiato non eseguendo integralmente il lavoro.

(3) L’Appaltatore che non abbia adempiuto all’obbligo di cui al comma 1 è responsabile dei difetti del lavoro causati dall’utilizzo di oggetti non idonei consegnati dal Cliente o da istruzioni impartitegli dal Cliente.

§ 552

(1) Se l’Appaltatore scopre ostacoli nascosti durante l’esecuzione del lavoro, relativi alla cosa da riparare o modificare, o al luogo in cui il lavoro deve essere eseguito, e questi ostacoli impediscono l’esecuzione del lavoro nel modo concordato , l’Appaltatore è tenuto a segnalarlo senza inutili ritardi al cliente e proporgli una modifica del lavoro. Fino al raggiungimento di un accordo sulla modifica dell’opera, l’appaltatore ha il diritto di sospendere l’esecuzione dei lavori. Se le parti non accettano di modificare il contratto entro un termine ragionevole, ciascuna delle parti può recedere dal contratto.

(2) Se l’appaltatore non ha violato il suo obbligo di conoscere prima dell’inizio dell’esecuzione del lavoro gli ostacoli di cui al paragrafo 1, nessuna delle parti ha diritto al risarcimento del danno; l’appaltatore ha diritto a un premio per la parte del lavoro che è stata eseguita fino a quando non ha potuto rilevare ostacoli nell’esercizio della cura professionale.

§ 553

(1) Se il contratto prevede che il cliente abbia il diritto di ispezionare l’oggetto del lavoro in una determinata fase della sua esecuzione, l’appaltatore è obbligato a invitare il cliente in tempo utile per eseguire l’ispezione.

(2) Se il contraente non adempie all’obbligo di cui al paragrafo 1, è obbligato a consentire al cliente di eseguire un’ispezione aggiuntiva e sostenere i costi ad essa associati.

(3) Se il cliente non si è presentato per l’ispezione, alla quale è stato debitamente invitato o che doveva svolgersi secondo il calendario concordato, l’appaltatore può continuare a eseguire il lavoro. Tuttavia, se la partecipazione del cliente all’ispezione è stata impedita da un ostacolo che non ha potuto evitare, il cliente può richiedere senza indebito ritardo un’ispezione aggiuntiva, ma è obbligato a rimborsare l’appaltatore per i costi causati da ritardi nell’ispezione.

Sezione 7

Esecuzione del lavoro
§ 554

(1) L’Appaltatore deve adempiere al suo obbligo di eseguire il lavoro mediante il suo corretto completamento e la consegna dell’oggetto del lavoro al Cliente nel luogo concordato, altrimenti nel luogo specificato dalla presente Legge. Se il luogo di consegna è un luogo diverso da quelli specificati nei paragrafi 2 e 4, l’Appaltatore invita il Cliente a prendere in consegna i lavori.

(2) Se questo luogo non è concordato e il contratto prevede l’obbligo del contraente di inviare l’oggetto dell’opera, l’oggetto dell’opera viene consegnato consegnandolo al primo vettore che deve effettuare il trasporto a la destinazione. Il Contraente consentirà al Cliente di esercitare i diritti derivanti dal contratto di trasporto, se il Cliente non ha più tali diritti sulla base del presente contratto.

(3) Se il contratto non specifica il luogo di consegna o l’obbligo del contraente di inviare l’oggetto dell’opera, la consegna avrà luogo nel luogo in cui, secondo il contratto, il lavoro doveva essere eseguito; se questo luogo non è specificato nel contratto, la consegna avviene in un luogo di cui il cliente sapeva o doveva sapere al momento della conclusione del contratto che l’appaltatore eseguirà i lavori lì.

(4) Nei casi in cui non si applicano i paragrafi da 1 a 3, la consegna dei lavori avrà luogo nel luogo in cui l’appaltatore ha la propria sede legale o sede di attività, o residenza o unità organizzativa, se notifica al cliente il suo posto nel tempo.

(5) Consegnando l’articolo completato, il cliente ne acquisisce la proprietà, se l’appaltatore lo aveva a questo punto, e il rischio di danni all’articolo completato passa al cliente, se è stato trasportato dall’appaltatore in questo momento . Le disposizioni di § 444 a 446, § 455 a 459 e § 461 si applicano mutatis mutandis.

(6) Se una delle parti lo richiede, deve essere redatto un verbale della consegna dell’oggetto del lavoro, che deve essere firmato da entrambe le parti.

§ 555

(1) Se il contratto non include l’obbligo del contraente di inviare l’oggetto del lavoro, il contraente deve adempiere al proprio obbligo di eseguire il lavoro se consente al cliente di smaltire il lavoro correttamente eseguito nel luogo specificato al § 554. Se l’obbligo dell’appaltatore di installare, l’obbligo è soddisfatto dalla corretta esecuzione di questo montaggio.

(2) Se, secondo il contratto, la corretta esecuzione del lavoro deve essere dimostrata dall’esecuzione di prove concordate, l’esecuzione del lavoro si considera completata solo quando queste prove sono state eseguite con successo. Il contraente è obbligato a invitare il cliente in tempo a parteciparvi.

(3) La mancata partecipazione del Cliente ai test, per la cui esecuzione il Cliente è stato invitato per tempo, non impedisce l’esecuzione dei test. Le disposizioni della Sezione 553 (3) sulla ripetizione delle prove si applicano mutatis mutandis.

(4) Il risultato delle prove deve essere registrato in un verbale firmato da entrambe le parti. Se il cliente non è presente, il verbale deve essere firmato da una persona credibile e imparziale che ha preso parte alle prove.

§ 556

Se il lavoro consiste in un risultato di attività diversa dalla fabbricazione della cosa, montaggio, manutenzione, riparazione o modifica della cosa, l’appaltatore è obbligato a procedere con tale attività all’interno del contratto specificato con cura professionale in modo da ottenere risultato dell’attività specificata nel contratto. L’Appaltatore è tenuto a consegnare al Cliente il risultato materialmente acquisito.

§ 557

L’appaltatore ha il diritto di fornire il risultato dell’attività, che è oggetto del lavoro ai sensi del § 556, a persone diverse dal cliente, se il contratto lo consente. Se il contratto non contiene un divieto di questa disposizione, l’appaltatore ne ha diritto, a meno che non sia contrario agli interessi del cliente a causa della natura del lavoro.

§ 558

Se l’oggetto dell’opera ai sensi del § 556 è il risultato di un’attività, che è protetta da diritti di proprietà industriale o altri diritti di proprietà intellettuale, il cliente ha il diritto di utilizzarlo solo per lo scopo derivante dal contratto concluso per il lavoro. Ha il diritto di utilizzarlo per altri scopi solo con il consenso del contraente.

§ 559

L’Appaltatore sarà responsabile della violazione del diritto di un’altra persona alla proprietà industriale o di altra proprietà intellettuale a seguito dell’uso dell’oggetto dell’opera, se tale violazione si verifica secondo la legge cecoslovacca o secondo la legge dello stato in cui il soggetto del lavoro deve essere utilizzato e l’Appaltatore lo sapeva. Le sezioni 434 e 435 si applicano mutatis mutandis ai vizi legali dell’opera.

Sezione 8

Difetti del lavoro
§ 560

(1) Un’opera presenta difetti se l’esecuzione dell’opera non corrisponde al risultato specificato nel contratto.

(2) L’Appaltatore sarà responsabile per i difetti del lavoro al momento della sua consegna (Sezione 554); tuttavia, se il rischio di danneggiamento della merce completata passa successivamente al cliente, il momento di questo trasferimento è determinante. L’Appaltatore è responsabile per i difetti del lavoro coperto dalla garanzia di qualità nella misura di questa garanzia.

(3) Il contraente è responsabile dei difetti del lavoro sorti dopo il periodo di cui al paragrafo 2, se causati da una violazione dei suoi obblighi.

(4) Se il lavoro consiste nella fabbricazione di un oggetto, le disposizioni delle sezioni da 420 a 422 e della sezione 426 si applicano mutatis mutandis.

§ 561

L’Appaltatore non sarà responsabile per difetti nel lavoro se questi difetti sono stati causati dall’uso di articoli consegnatigli per l’elaborazione da parte del Cliente se l’Appaltatore non è riuscito a scoprire l’inadeguatezza di questi articoli o ha esercitato l’insistenza del Cliente e ha insistito il loro uso. L’Appaltatore non sarà inoltre responsabile per difetti causati dal rispetto di istruzioni inadeguate fornitegli dal Cliente, se l’Appaltatore ha sottolineato l’inadeguatezza di queste istruzioni e il Cliente ha insistito sulla loro osservanza o se l’Appaltatore non ha potuto determinare tale inadeguatezza.

§ 562

(1) Il Cliente è tenuto a ispezionare l’oggetto dell’opera o provvedere al suo controllo il prima possibile dopo la consegna dell’oggetto dell’opera.

(2) Il tribunale non concede al cliente il diritto ai difetti del lavoro se il cliente non notifica i difetti del lavoro

(a) senza indebito ritardo dopo averli trovati,

b) senza indebito ritardo dopo essere stati identificati nel corso dell’ispezione effettuata in conformità al paragrafo 1,

c) senza indebito ritardo dopo che avrebbero potuto essere successivamente individuati con l’esercizio della cura professionale, ma non oltre il termine di due anni e per le costruzioni entro cinque anni dalla consegna dell’oggetto dell’opera. Per i difetti coperti dalla garanzia, si applica invece il periodo di garanzia.

(3) Le disposizioni della Sezione 428 (2) e (3) si applicano mutatis mutandis agli effetti specificati nel paragrafo 2.

§ 563

(1) Il periodo di garanzia relativo all’opera inizia con la consegna dell’opera.

(2) Le disposizioni delle sezioni da 429 a 431 si applicano mutatis mutandis alla garanzia della qualità del lavoro.

§ 564

In caso di difetti del lavoro, si applicano mutatis mutandis le Sezioni da 436 a 441. Tuttavia, il Cliente non è autorizzato a richiedere l’esecuzione di un’opera sostitutiva se l’oggetto dell’opera non può essere restituito o consegnato all’Appaltatore a causa della sua natura.

§ 565

Se il Cliente esercita il diritto di recedere dal contratto relativo all’oggetto del lavoro, che non può essere restituito o consegnato all’Appaltatore, si applica il § 441. Tuttavia, il Cliente non ha il diritto di recedere dal contratto se lo ha fatto non notificare tempestivamente all’Appaltatore i difetti.

Parte X

Contratto di mandato
§ 566

(1) Il contratto di mandato obbliga l’agente a organizzare una determinata questione d’affari per il preponente per suo conto a pagamento eseguendo atti legali per conto del preponente o svolgendo un’altra attività, e il preponente si impegna a pagargli una commissione.

(2) Se l’accertamento della questione è oggetto dell’attività commerciale dell’agente, si considera che la remunerazione sia stata concordata.

§ 567

(1) L’ agente è tenuto a procedere con cura professionale nell’organizzazione della questione.

(2) L’attività per la quale l’agente si è impegnato è obbligato a svolgere secondo le istruzioni del cliente e in conformità con i suoi interessi, che l’agente conosce o deve conoscere. L’agente è obbligato a informare il cliente di tutte le circostanze che ha scoperto durante la risoluzione della questione e che possono influire sulla modifica delle istruzioni del cliente.

(3) L’ agente può deviare dalle istruzioni del cliente solo se è urgentemente necessario nell’interesse del cliente e l’agente non può ottenere il suo consenso in tempo. Tuttavia, anche in questi casi, l’agente non può discostarsi dalle istruzioni se ciò è vietato dal contratto o dal cliente.

§ 568

(1) L’ agente è obbligato a organizzare la questione di persona solo se stipulato nel contratto. In caso di violazione di tale obbligo, è responsabile del danno arrecato al cliente.

(2) Il preponente è obbligato a consegnare tempestivamente all’agente le cose e le informazioni necessarie per risolvere la questione, a meno che dalla loro natura non consegua che debbano essere procurate dall’agente.

(3) Se la struttura richiede che le cose compiano atti legali per conto del preponente, il preponente è obbligato a rilasciare la procura necessaria per iscritto all’agente in modo tempestivo.

(4) Se la procura non è inclusa nel contratto, non deve essere sostituita dall’assunzione di un obbligo contrattuale da parte dell’agente di agire per conto del preponente, anche se la persona con cui l’agente negozia ne è a conoscenza obbligo.

§ 569

L’agente è obbligato a consegnare al preponente senza indebito ritardo gli articoli che ha assunto per suo conto durante la risoluzione della questione.

§ 570

L’agente è responsabile dei danni agli oggetti presi in consegna dal mandante all’accertamento della questione e agli oggetti presi in consegna durante il suo concordato da terzi, a meno che non abbia potuto scongiurare tale danno anche con l’esercizio della cura professionale. L’agente è obbligato ad assicurare queste cose in tempo solo quando il contratto lo stipula o quando il preponente lo richiede, per conto del mandante.

§ 571

(1) Se l’importo della remunerazione non è specificato nel contratto, il preponente è obbligato a pagare all’agente la commissione che è usuale al momento della conclusione del contratto per un’attività simile all’attività svolta dall’agente nell’organizzare la questione .

(2) Salvo quanto diversamente stabilito nel contratto, l’agente ha diritto alla remunerazione se svolge regolarmente l’attività per la quale era obbligato, indipendentemente dal fatto che abbia portato o meno il risultato atteso. Se ci si può aspettare che l’agente debba sostenere costi significativi nella gestione della questione, l’agente può richiedere un ragionevole pagamento anticipato dopo la conclusione del contratto.

§ 572

Il preponente è tenuto a rimborsare all’agente i costi che l’agente ha necessariamente o opportunamente sostenuto per adempiere alla sua obbligazione, a meno che dalla loro natura non consegua che siano già inclusi nella remunerazione.

§ 573

L’agente non è responsabile per la violazione dell’obbligo della persona con la quale ha concluso il contratto nell’organizzare la questione, a meno che nel contratto non abbia garantito l’adempimento delle obbligazioni assunte da altre persone in relazione alla disposizione della controversia.

§ 574

(1) Il cliente può risolvere il contratto in qualsiasi momento, in tutto o in parte.

(2) A meno che la denuncia non preveda un effetto successivo, avrà effetto il giorno in cui l’agente l’ha saputo o avrebbe potuto venirne a conoscenza.

(3) Dalla data di efficacia della risoluzione, l’agente è obbligato a non continuare l’attività per la quale si applica la risoluzione. Tuttavia, è tenuto a richiamare l’attenzione del cliente sulle misure necessarie per prevenire il verificarsi di danni che minacciano immediatamente il cliente non riuscendo a portare a termine le attività relative alla risoluzione della questione.

(4) Per un’attività debitamente svolta fino all’entrata in vigore della risoluzione, l’agente ha diritto al rimborso dei costi sostenuti ai sensi della Sezione 572 e ad una parte ragionevole della remunerazione.

§ 575

(1) L’ agente può risolvere il contratto con effetto alla fine del mese di calendario successivo al mese in cui l’avviso è stato consegnato al preponente, a meno che dall’avviso non risulti un periodo successivo.

(2) La data effettiva di cessazione pone termine all’impegno del candidato a svolgere le attività per le quali si è impegnato. Se questa interruzione delle attività provocherebbe un danno al cliente, l’agente è obbligato ad avvertirlo delle misure da prendere per evitarlo. Se il preponente non può prendere queste misure con l’aiuto di altre persone e chiede all’agente di farle lui stesso, l’agente è obbligato a farlo.

(3) L’obbligo dell’agente scade alla sua morte, se è una persona fisica, o alla sua cessazione, se è una persona giuridica.

(4) Relativamente alle attività svolte dalla data di cessazione fino alla sua efficacia e svolte ai sensi del paragrafo 2, l’agente ha diritto al rimborso dei costi ai sensi dell’articolo 572 e ad una parte del compenso commisurata al risultato conseguito in sistemare la questione.

§ 576

Le disposizioni delle sezioni da 567 a 575 si applicano mutatis mutandis nei casi in cui vi è un obbligo ai sensi di altre disposizioni della presente legge di organizzare una determinata questione per conto di un altro, a meno che qualcos’altro derivi da queste altre disposizioni.

Parte XI

Contratto di commissione
§ 577

Fornitura di base
Con un contratto di commissione, il commissionario si impegna a organizzare una determinata questione commerciale per il cliente a proprio nome e per suo conto, e il cliente si impegna a pagargli una commissione.

§ 578

(1) Il commissionario è tenuto ad agire con la necessaria cura professionale nell’organizzare la questione secondo le istruzioni del cliente.

(2) Il commissionario può deviare dalle istruzioni del cliente solo se ciò è nell’interesse del cliente e se non può richiedere il suo tempestivo consenso. In caso di violazione di tale obbligo, il cliente non è tenuto a riconoscere la condotta commessa per proprio conto se ha rifiutato per se stesso l’efficacia della condotta senza indebito ritardo dopo aver appreso il contenuto della trattativa.

§ 579

(1) Il commissionario è tenuto a tutelare gli interessi del cliente a lui noti in relazione alla risoluzione della questione e ad informarlo di tutte le circostanze che possono influire sulla modifica degli ordini del cliente. Il commissionario è obbligato a stipulare un’assicurazione solo quando stipulato nel contratto o quando ha ricevuto un ordine in tal senso dal cliente, per conto del cliente.

(2) Il commissionario è obbligato a presentare al cliente relazioni sull’organizzazione della questione secondo le modalità specificate nel contratto, altrimenti su richiesta del cliente.

§ 580

(1) A meno che il contratto non disponga diversamente, il commissionario è obbligato a utilizzare un’altra persona per l’adempimento del contratto, se non può adempiere personalmente ai suoi obblighi.

(2) Se il commissionario utilizza un’altra persona per adempiere all’obbligo, sarà responsabile come se si fosse procurato la questione lui stesso.

§ 581

La provvigione non dà luogo ad alcun diritto o obbligo per il cliente nei confronti di terzi. Tuttavia, il mandante può chiedere direttamente al terzo di emettere la questione o di adempiere all’obbligo datogli dal commissionario, se il commissionario non può farlo a causa di circostanze che lo riguardano.

§ 582

Il preponente può richiedere al commissionario di adempiere l’obbligo di una terza parte senza adempiere al suo obbligo nei confronti del commissionario solo se il commissionario ha accettato tale obbligo per iscritto o se ha violato gli ordini del cliente riguardanti la persona con cui è stato stipulato il contratto essere concluso. In tal caso, le disposizioni sulla responsabilità si applicano mutatis mutandis.

§ 583

(1) Il cliente ha il diritto di proprietà sui beni mobili affidati al commissionario in vendita fino a quando non vengono acquisiti da terzi. Il cliente acquisisce il diritto di proprietà sui beni mobili acquisiti per il cliente consegnandoli al commissionario.

(2) Il commissionario è responsabile dei danni agli oggetti di cui al paragrafo 1 in conformità con le disposizioni del contratto di magazzinaggio.

§ 584

(1) Dopo che la questione è stata risolta, il commissionario è obbligato a riferire il risultato al cliente e fare una dichiarazione.

(2) Nella relazione, il commissionario indica la persona con la quale ha concluso il contratto. In caso contrario, il cliente ha il diritto di far valere nei confronti del commissionario il diritto di adempiere agli obblighi previsti dal presente contratto.

§ 585

Il commissionario è obbligato senza indebito ritardo a trasferire al cliente i diritti acquisiti durante l’organizzazione della questione e a dargli tutto ciò che ha ottenuto nel processo, e il cliente è obbligato a riprenderli.

§ 586

Se la persona con la quale il commissionario ha concluso il contratto nella disposizione della questione viola i suoi obblighi, il commissionario è obbligato a far valere l’adempimento di questi obblighi per conto del cliente, o se il cliente accetta, a cedere i crediti corrispondenti a tali obblighi .

§ 587

(1) Se l’importo del compenso non è stato concordato, il commissionario avrà diritto a un compenso commisurato all’attività svolta e al risultato conseguito, tenuto conto del compenso normalmente previsto per un’attività analoga al momento della conclusione del contratto.

(2) Un commissionario ha diritto alla remunerazione non appena adempie gli obblighi di cui alle sezioni da 584 a 586.

§ 588

Contestualmente al pagamento, il cliente è tenuto a rimborsare al commissionario i costi che il commissionario ha necessariamente o utilmente sostenuto per adempiere alla sua obbligazione. In caso di dubbio si ritiene che il rimborso comprenda anche il rimborso delle spese.

§ 589

Le disposizioni degli articoli 574 e 575 si applicano mutatis mutandis al contratto di commissione.

§ 590

Se l’oggetto dell’obbligo del commissionario è un’attività permanente, le disposizioni che disciplinano il contratto di agenzia si applicano mutatis mutandis anche al rapporto tra il mandante e il commissionario.

Parte XII

Contratto sulle attività di controllo
§ 591

Fornitura di base
Con il contratto sulle attività di ispezione, l’ispettore dell’ispezione si impegna ad accertare in modo imparziale lo stato di una determinata cosa o verificare il risultato di una determinata attività e rilascia un certificato di ispezione e il cliente dell’ispezione si impegna a pagargli una commissione.

§ 592

(1) L’ispettore è obbligato a eseguire l’ispezione in modo imparziale e a descrivere la condizione rilevata nel certificato di ispezione.

(2) Le disposizioni del contratto che impongono all’esecutore dell’ispezione obblighi che potrebbero incidere sull’imparzialità dell’ispezione eseguita o sull’accuratezza del certificato di ispezione non sono valide.

§ 593

L’ispettore è obbligato a eseguire l’ispezione con la dovuta diligenza, tenendo conto del metodo di ispezione specificato, del tempo, del luogo e della portata dell’ispezione, nonché delle condizioni in cui si trovava l’oggetto dell’ispezione al momento dell’ispezione .

§ 594

(1) L’ispettore ha l’obbligo di eseguirlo nella misura e secondo le modalità specificate nel contratto, altrimenti nella misura e con le modalità usuali per ispezioni simili.

(2) Salvo quanto diversamente stabilito nel contratto, si ritiene che l’ispezione debba avvenire senza indebito ritardo nel luogo in cui, secondo il contratto, si trova l’oggetto dell’ispezione. Se questo luogo non è specificato nel contratto, il cliente è tenuto a comunicare tempestivamente all’ispettore l’ora e il luogo in cui deve avvenire l’ispezione.

§ 595

(1) L’ispettore ha diritto al pagamento dopo aver adempiuto all’obbligo di eseguire l’ispezione e rilasciare il certificato di ispezione.

(2) Se il pagamento non è concordato, il cliente è tenuto a pagare il normale pagamento al momento della conclusione del contratto per quanto riguarda l’oggetto, l’ambito, il metodo e il luogo di ispezione.

(3) Oltre alla remunerazione, il cliente è tenuto a rimborsare all’ispettore i costi necessari e intenzionalmente sostenuti sostenuti durante l’ispezione, a meno che dalla loro natura non consegua che siano già inclusi nella remunerazione.

§ 596

Il cliente è tenuto a fornire all’ispettore la collaborazione necessaria per eseguire l’ispezione, in particolare per consentirgli il necessario accesso all’oggetto dell’ispezione.

§ 597

L’esecuzione dell’ispezione non pregiudica i rapporti giuridici tra il cliente e altre persone, in particolare le persone a cui è destinata o da cui proviene l’oggetto dell’ispezione.

§ 598

Se l’ispettore non ha eseguito correttamente l’ispezione, non ha alcuna pretesa ai sensi della Sezione 595 e il cliente può recedere dal contratto dopo la scadenza del periodo stabilito per l’ispezione.

§ 599

L’esecutore dell’ispezione è obbligato a risarcire il danno causato dalla violazione dell’obbligo di eseguire correttamente l’ispezione, solo se tale danno non può essere risarcito dal reclamo del cliente nei confronti del responsabile della prestazione difettosa, che è l’oggetto dell’ispezione. Tuttavia, a titolo di risarcimento del danno, il cliente non può chiedere un risarcimento per ciò che non ha comunicato o imposto in tempo contro il soggetto responsabile della prestazione difettosa dell’oggetto del controllo, o ciò che il cliente non può far valere a causa dell’accordo concluso con tale persona

§ 600

Se l’ispettore è obbligato a risarcire il danno ai sensi della Sezione 599, i crediti che il cliente ha nei confronti della persona responsabile per la prestazione difettosa dell’oggetto di ispezione, come se questi crediti fossero stati trasferiti a lui, gli vengono trasferiti a pagamento di questo compenso.

Parte XIII

Contratto di spedizione
§ 601

Fornitura di base
(1) Con un contratto di spedizione, lo spedizioniere si impegna al mandante che organizzerà il trasporto di merci da un certo luogo a un certo altro luogo per proprio conto e per suo conto, e il mandante si impegna a pagare una tariffa allo spedizioniere.

(2) Lo spedizioniere ha il diritto di richiedere che gli venga dato un ordine scritto di procurare il trasporto (ordine di spedizione), se il contratto non è in forma scritta.

§ 602

(1) Nell’ambito del contratto, lo spedizioniere è tenuto a seguire le istruzioni del committente. Lo spedizioniere è tenuto ad avvertire l’ordinante di palese inesattezza delle sue istruzioni. Se lo spedizioniere non riceve le istruzioni necessarie dall’ordinante, è obbligato a chiedere all’ordinante di completarle. Tuttavia, in caso di rischio di ritardo, è obbligato a procedere senza queste istruzioni in modo da tutelare il più possibile gli interessi del mandante, che sono noti allo spedizioniere.

(2) Se il contratto prevede che prima dell’emissione di una spedizione o di un documento che consente la gestione della spedizione, lo spedizioniere raccolga una certa somma di denaro dal destinatario o compia un altro atto di raccolta, le disposizioni sulla raccolta documentale bancaria (§ 697 e seguenti .) Si applica mutatis mutandis.

§ 603

(1) Nell’adempimento dell’obbligo, lo spedizioniere è tenuto a concordare con cura professionale le modalità e le condizioni di trasporto corrispondenti nel miglior modo possibile agli interessi del committente derivanti dal contratto e dai suoi ordini o che sono altrimenti noti al spedizioniere.

(2) Lo spedizioniere è responsabile per i danni alla spedizione accettata causati durante l’appalto di trasporto, a meno che non possa evitarlo durante l’esercizio della cura professionale.

(3) Lo spedizioniere è tenuto ad assicurare la spedizione solo se prevista nel contratto.

§ 604

Il Cliente è tenuto a fornire allo Spedizioniere le informazioni corrette sul contenuto della spedizione e sulla sua natura, nonché altri fatti necessari per la conclusione del contratto di trasporto ed è responsabile per i danni arrecati allo Spedizioniere in violazione di questo obbligo.

§ 605

(1) Se ciò non è in contraddizione con il contratto o se il cliente non lo vieta al più tardi all’inizio del trasporto, lo spedizioniere può effettuare il trasporto che deve procurarsi.

(2) Se lo spedizioniere utilizza un altro spedizioniere (spedizioniere intermedio) per procurarsi il trasporto, sarà responsabile come se si fosse procurato lui stesso il trasporto.

§ 606

(1) Lo spedizioniere è tenuto a denunciare al committente il danno che la spedizione minaccia o che si è verificato su di essa non appena ne viene a conoscenza, altrimenti è responsabile del danno arrecato al committente in mancanza di adempiere a questo obbligo.

(2) Se c’è una minaccia imminente di danno sostanziale alla spedizione e se non c’è tempo per richiedere le istruzioni del mandante o se il mandante ritarda con tali istruzioni, lo spedizioniere può vendere la spedizione in modo adeguato al conto del mandante.

§ 607

(1) Lo spedizioniere ha diritto a una tariffa contrattuale o, se non concordata, a una tariffa consueta al momento della conclusione del contratto quando si procura un trasporto simile. Inoltre, lo spedizioniere ha diritto al rimborso delle spese necessarie e utili sostenute dallo spedizioniere per adempiere ai propri obblighi. Inoltre, lo spedizioniere ha diritto al rimborso delle spese che ha opportunamente sostenuto per adempiere al suo obbligo.

(2) L’ordinante è tenuto a fornire allo spedizioniere un ragionevole pagamento anticipato per i costi associati all’adempimento dell’obbligo dello spedizioniere, prima che lo spedizioniere inizi l’adempimento.

(3) L’ordinante è tenuto a pagare allo spedizioniere la tariffa e le spese sostenute senza indebito ritardo dopo che lo spedizioniere si è assicurato la fornitura del trasporto stipulando i necessari contratti con i vettori, o tra spedizionieri e segnalati al mandante.

§ 608

Per garantire le sue pretese nei confronti del mandante, lo spedizioniere ha un privilegio sulla spedizione fintanto che la spedizione è con lo spedizioniere o qualcuno che ce l’ha per suo conto, o finché lo spedizioniere ha documenti che lo autorizzano a gestire la spedizione.

§ 609

In alternativa, al contratto di spedizione si applicano le disposizioni del contratto di commissione.

Parte XIV

Contratto per il trasporto di merci
§ 610

Fornitura di base
Con un contratto per il trasporto di merci, il vettore si impegna allo speditore a trasportare la merce (spedizione) da un determinato luogo (luogo di spedizione) a un certo altro luogo (luogo di destinazione), e lo speditore si impegna a pagargli un tassa (trasporto).

§ 611

(1) Il vettore ha il diritto di richiedere che lo speditore confermi il trasporto richiesto nel documento di trasporto e lo speditore ha il diritto di richiedere che il vettore confermi per iscritto la ricezione della spedizione.

(2) Se per eseguire il trasporto sono necessari documenti speciali, lo speditore è obbligato a consegnarli al vettore al più tardi al momento della consegna della spedizione per il trasporto. Il mittente è responsabile dei danni causati al vettore dalla mancata consegna di questi documenti o da loro inesattezze.

(3) Salvo quanto diversamente stabilito nel contratto, il contratto si risolve se lo speditore non ha richiesto al vettore di prendere in carico la spedizione entro il periodo specificato nel contratto, altrimenti entro sei mesi dalla conclusione del contratto.

§ 612

(1) In base al contratto, il vettore può essere obbligato a rilasciare una lettera di vettura allo speditore al ricevimento della spedizione per il trasporto.

(2) Una lettera di vettura è un documento al quale è associato il diritto di richiedere al vettore di emettere una spedizione conformemente al contenuto del presente documento. Il vettore è obbligato a consegnare la spedizione alla persona autorizzata secondo la lettera di vettura, se questa persona gli presenta la lettera di vettura e su di essa conferma il ricevimento della spedizione.

§ 613

(1) La polizza di carico può essere rilasciata allo speditore, al nome di una determinata persona o ai suoi ranghi.

(2) I diritti dalla lettera di vettura al portatore sono trasferiti consegnando la lettera di vettura alla persona che deve acquisire tali diritti. I diritti derivanti dalla polizza di carico intestata possono essere trasferiti ad un’altra persona in conformità con le disposizioni sulla cessione del credito. I diritti derivanti dalla polizza di carico rilasciata all’avente diritto possono essere trasferiti mediante girata completa o incompleta. Se non è indicato nella polizza di carico sulla cui riga è emessa, è valido che sia emesso sulla riga del mittente.

§ 614

(1) Il vettore è tenuto a dichiarare nella lettera di vettura:

a) il nome o il nome e la sede legale della persona giuridica o il nome e il luogo di attività o residenza della persona fisica del vettore,

b) il nome o la ragione sociale e la sede legale della persona giuridica o il nome e il luogo di attività o residenza della persona fisica del mittente,

c) marcatura della merce trasportata,

d) un’indicazione se la lettera di vettura è stata rilasciata allo speditore o il nome del destinatario, o un’indicazione che gli è stata rilasciata,

e) destinazione,

f) il luogo e la data di rilascio della lettera di vettura e la firma del vettore.

(2) Se la polizza di carico è stata emessa in più copie, il loro numero deve essere segnato su ciascuna di esse. Dopo che la spedizione è stata rilasciata alla persona autorizzata per una copia, le altre copie scadono.

§ 615

Per una lettera di vettura distrutta o smarrita, il vettore è obbligato a rilasciare una nuova lettera di vettura allo speditore, indicando che si tratta di una lettera di vettura sostitutiva. In caso di uso improprio della polizza di carico originale, lo speditore è obbligato a risarcire i danni causati al vettore.

§ 616

Il contenuto della lettera di vettura è determinante per le pretese dell’avente diritto in base alla lettera di vettura. Il vettore può invocare nei suoi confronti le disposizioni del contratto concluso con lo speditore solo se queste sono contenute nella lettera di vettura o se tali disposizioni vi sono espressamente richiamate. Il vettore può sollevare obiezioni alla persona avente diritto in base alla lettera di vettura solo che derivano dal contenuto della lettera di vettura o dal rapporto del vettore con la persona autorizzata. Le disposizioni del § 627 non sono interessate da questo.

§ 617

(1) Il vettore ha l’obbligo di effettuare il trasporto fino alla destinazione con cura professionale entro il periodo concordato, altrimenti senza indebito ritardo. In caso di dubbio, il termine inizia a decorrere dal giorno successivo al ricevimento della spedizione da parte del vettore.

(2) Se il destinatario è a conoscenza del destinatario, è obbligato a consegnargli la spedizione o se, in base al contratto, il destinatario deve ritirare la spedizione a destinazione, informarlo della cessazione del trasporto .

§ 618

(1) Fino a quando il vettore non ha consegnato la spedizione al destinatario, lo speditore ha il diritto di richiedere l’interruzione del trasporto e la restituzione della spedizione, o che sia altrimenti smaltita, e deve rimborsare i costi opportunamente sostenuti ad esso associati. Tuttavia, se è stata emessa una lettera di vettura, lo speditore può richiederla solo sulla base della lettera di vettura. Se la lettera di vettura è già stata consegnata alla persona autorizzata a richiedere il rilascio della spedizione, tali ordini possono essere impartiti solo da tale persona. Se è stata emessa più di una copia della lettera di vettura, devono essere presentate tutte le copie.

(2) Se il contratto prevede che prima della consegna della spedizione, il vettore ritiri una certa somma di denaro dal destinatario o compia un altro atto di raccolta, si applicano mutatis mutandis le disposizioni sulla raccolta documentale bancaria (articolo 697 e seguenti).

§ 619

Se il destinatario della spedizione è specificato nel contratto, acquisisce i diritti dal contratto quando richiede la consegna della spedizione dopo il suo arrivo a destinazione o dopo la scadenza del periodo in cui avrebbe dovuto arrivarvi. A questo punto passano anche al destinatario i reclami per danni alla spedizione. Tuttavia, il vettore non deve consegnare la spedizione al destinatario se ciò sarebbe in conflitto con le istruzioni impartitegli dallo speditore ai sensi della sezione 618. In questo caso, lo speditore ha ancora il diritto di disporre della spedizione. Se lo speditore designa un’altra persona come destinatario del vettore, tale persona acquisisce i diritti derivanti dal contratto allo stesso modo del destinatario originario.

§ 620

(1) Se è stata emessa una lettera di vettura, la persona autorizzata a farlo ai sensi della lettera di vettura ha il diritto di richiedere il rilascio della spedizione al momento della sua presentazione. Questa persona è:

a) secondo la polizza di carico a nome della persona in essa designata,

b) secondo la lettera di vettura, la persona alla quale è stata rilasciata la lettera di vettura, se non è stata trasferita mediante girata o se la lettera di vettura è stata trasferita, la persona nominata per ultima nella serie ininterrotta di girate, o lo speditore della lettera di vettura con l’ultima girata in bianco,

c) in base alla lettera di vettura, la persona che presenta la lettera di vettura al vettore.

(2) Se la polizza di carico è stata trasferita mediante girata, il vettore è liberato dall’obbligo se emette una spedizione in buona fede alla persona che ha acquisito la polizza di carico sulla base della girata, indipendentemente dal fatto in base al contratto sono stati trasferiti ad esso. Le disposizioni sulle cambiali si applicano analogamente alla girata.

§ 621

Il vettore può adempiere ai propri obblighi con l’aiuto di un altro vettore ed è responsabile come se stesse effettuando il trasporto.

§ 622

(1) Il vettore è responsabile per i danni alla spedizione, sorti dopo la sua accettazione da parte del vettore fino alla sua consegna al destinatario, a meno che il vettore non abbia potuto evitarlo mentre esercitava la cura professionale.

(2) Tuttavia, il vettore non è responsabile dei danni alla spedizione se dimostra che sono stati causati da:

a) lo speditore, il destinatario o il proprietario della partita,

b) il difetto o la natura naturale del contenuto della spedizione, compreso il normale deterioramento; o

c) imballaggio difettoso che il vettore ha notificato allo speditore quando la spedizione è stata accettata per il trasporto e, se è stata emessa una lettera di vettura o una polizza di carico, il difetto nell’imballaggio è stato segnalato in essa; Se il vettore non ha segnalato un difetto dell’imballo, il vettore non sarà responsabile per danni alla spedizione causati da tale difetto solo se il difetto non era riconoscibile al ricevimento della spedizione.

(3) In caso di danni a una spedizione subiti ai sensi del paragrafo 2, il vettore è obbligato a esercitare un’attenzione professionale in modo che il danno sia il più piccolo possibile.

(4) La responsabilità può essere estesa dal contratto ai sensi dei paragrafi precedenti. Le disposizioni del contratto che limitano la responsabilità del vettore stabilite ai sensi dei commi da 1 a 3 sono nulle.

§ 623

(1) Il vettore è tenuto a presentare tempestivamente al mittente una denuncia di danni alla spedizione subiti prima della sua consegna al destinatario. Tuttavia, se il destinatario ha acquisito i diritti di rilascio della spedizione, è obbligato a inviare questo messaggio al destinatario. Il vettore è responsabile dei danni causati al mittente o al destinatario dalla violazione di tale obbligo.

(2) Se esiste una minaccia imminente di danni sostanziali alla spedizione e se non c’è tempo per richiedere le istruzioni del mittente o se il mittente ritarda con tali istruzioni, il vettore può vendere la spedizione in modo adeguato per conto del mittente.

§ 624

(1) In caso di perdita o distruzione di una spedizione, il vettore è obbligato a sostituire il prezzo che la spedizione aveva al momento in cui è stata consegnata al vettore.

(2) In caso di danneggiamento o deterioramento di una spedizione, il vettore è obbligato a sostituire la differenza tra il prezzo che la spedizione aveva al momento della sua ricezione da parte del vettore e il prezzo che la spedizione danneggiata o degradata avrebbe avuto a quella volta.

§ 625

(1) Il vettore ha diritto alla tariffa concordata o, se non concordata, alla tariffa usuale al momento della conclusione del contratto, tenuto conto del contenuto dell’obbligo del vettore.

(2) Il vettore ha diritto al trasporto dopo il trasporto fino alla destinazione, a meno che il contratto non preveda un tempo diverso per il periodo decisivo.

(3) Se il vettore non è in grado di completare il trasporto per i fatti per i quali non è responsabile, ha diritto a una parte del prezzo di trasporto, tenendo conto del trasporto già effettuato.

§ 626

Lo speditore è tenuto a fornire al vettore informazioni corrette sul contenuto della spedizione e sulla sua natura ed è responsabile dei danni causati al vettore in violazione di tale obbligo.

§ 627

Accettando la spedizione, il destinatario si assume la responsabilità per il pagamento dei crediti del vettore nei confronti del mittente ai sensi del contratto relativo al trasporto della spedizione, se il destinatario conosceva o avrebbe dovuto essere a conoscenza di tali crediti.

§ 628

(1) Per garantire i suoi crediti derivanti dal contratto, il vettore ha un privilegio sulla spedizione fintanto che può gestirla.

(2) Se alla spedizione sono associati più privilegi, il privilegio del vettore ha la precedenza sui privilegi precedentemente creati e il privilegio del vettore ha la precedenza sul privilegio dello spedizioniere.

§ 629

Le norme di attuazione possono derogare al trasporto ferroviario, aereo, stradale, per vie navigabili interne e marittimo per quanto riguarda l’origine del contratto, i documenti di trasporto, l’esclusione delle merci dal trasporto, la presa in carico e la consegna della partita da parte del vettore, la portata dei reclami nei confronti del vettore e il loro esercizio; tuttavia, questo regolamento non può limitare la responsabilità del vettore per i danni alla spedizione di cui agli articoli 622 e 624.

Parte XV

Contratto per la locazione di un mezzo di trasporto
§ 630

Fornitura di base
(1) Con un contratto di locazione di un mezzo di trasporto, il locatore si impegna a lasciare il mezzo di trasporto al locatario per un uso temporaneo e il locatario si impegna a pagare un canone (affitto).

(2) Il contratto richiede una forma scritta.

§ 631

(1) Il Locatore è obbligato a consegnare il mezzo di trasporto al Locatario insieme ai documenti necessari all’ora specificata nel contratto, altrimenti senza indebito ritardo dopo la conclusione del contratto. Il mezzo di trasporto deve essere idoneo all’uso e all’uso specificato nel contratto, altrimenti per l’uso per il quale il mezzo di trasporto è normalmente utilizzato.

(2) Il locatore è responsabile dei danni causati dal locatario dal fatto che il mezzo di trasporto non è ammissibile ai sensi del paragrafo 1. Il locatore è esonerato da questa responsabilità se dimostra di non essere stato in grado di scoprire o prevedere l’inammissibilità del mezzo di trasporto mantenendo la cura professionale fino alla presa in carico del locatario.

§ 632

(1) Il Locatario ha il diritto di utilizzare i mezzi di trasporto per gli scopi specificati nel § 631 par.1.

(2) Salvo disposizione contraria del contratto, il locatario non può lasciare l’uso del mezzo di trasporto ad un’altra persona.

(3) Il Locatario è tenuto a fare in modo che non si verifichino danni al mezzo di trasporto. I danni al mezzo di trasporto sono a carico del locatore, a meno che il danno non sia stato causato dal locatario o da persone alle quali il locatario ha consentito l’accesso al mezzo di trasporto. Il locatario è tenuto ad assicurare il mezzo di trasporto solo se previsto dal contratto.

(4) Il diritto del locatore al risarcimento del danno a un mezzo di trasporto decade se il locatore non richiede tale risarcimento al locatario entro sei mesi dalla restituzione del mezzo di trasporto.

§ 633

(1) Il Locatario è obbligato a mantenere il mezzo di trasporto per conto del Locatore nelle condizioni in cui ha preso in consegna il mezzo di trasporto, tenuto conto della consueta usura.

(2) Il Locatario è tenuto a comunicare al Locatore senza indebito ritardo la necessità di riparazioni, per il cui adempimento è tenuto ai sensi del paragrafo 1. Se non adempie a tale obbligo, perde il diritto al rimborso delle spese, ma può esigere ciò che il locatore si è arricchito con la riparazione.

(3) Il locatario deve esercitare il diritto alle spese di cui al paragrafo 1 entro tre mesi dal momento in cui sono state sostenute, se non lo fa, il diritto non può essere concesso in un procedimento giudiziario se il locatore giustamente obietta che il diritto non è stato esercitato in tempo.

§ 634

(1) Il Locatario è obbligato a pagare l’affitto nell’importo concordato, altrimenti il ​​canone usuale al momento della conclusione del contratto, tenendo conto della natura del veicolo noleggiato e del metodo specificato del suo utilizzo.

(2) Salvo diversa disposizione del contratto, il locatario è tenuto a pagare l’affitto dopo la cessazione dell’uso del mezzo di trasporto, tuttavia, se il contratto di locazione è concluso per più di tre mesi, alla fine di ogni mese solare in cui è stato utilizzato il mezzo di trasporto.

§ 635

(1) Il Locatario non è obbligato a pagare l’affitto per il periodo durante il quale non ha potuto utilizzare il mezzo di trasporto a causa dell’incapacità del mezzo di trasporto o della necessità di ripararlo, a meno che l’impossibilità di utilizzare il mezzo di trasporto abbia causato il Locatario o le persone alle quali il Locatario ha consentito l’accesso al mezzo di trasporto.

(2) Se il locatario non notifica al locatore l’impossibilità di utilizzare il mezzo di trasporto senza indebito ritardo, il suo obbligo di pagare l’affitto continua.

§ 636

(1) Il diritto di utilizzare un mezzo di trasporto decade alla scadenza del periodo per il quale è stato concluso il contratto o alla distruzione del mezzo di trasporto.

(2) Un contratto di locazione di un mezzo di trasporto concordato a tempo indeterminato può essere risolto con preavviso.

(3) La risoluzione avrà effetto allo scadere di 30 giorni, a meno che il contratto di locazione di un mezzo di trasporto non preveda un diverso periodo di preavviso o un periodo successivo non sia successivo alla risoluzione. Il contratto può prevedere che possa essere risolto con preavviso.

§ 637

Dopo la cessazione del diritto di utilizzo del mezzo di trasporto, il locatario è tenuto a restituire il mezzo di trasporto nel luogo in cui lo ha preso in consegna, salvo diversa disposizione contrattuale.

Parte XVI

Contratto per l’esercizio di un mezzo di trasporto
§ 638

Fornitura di base
(1) Con un contratto relativo alla gestione di un mezzo di trasporto, il fornitore del funzionamento di un mezzo di trasporto (operatore) si impegna a trasportare il carico specificato dal cliente del mezzo di trasporto ea tal fine con il mezzo effettuare uno o più viaggi predeterminati si impegna a pagare la quota.

(2) Il contratto richiede una forma scritta.

§ 639

(1) L’ operatore è obbligato a garantire che il mezzo di trasporto sia adatto alle strade oggetto del contratto e utilizzabile per il trasporto specificato nel contratto. § 631 si applica in modo simile alla responsabilità dell’operatore.

(2) L’ operatore è obbligato a fornire i mezzi di trasporto con un equipaggio adeguato e carburanti e altre cose necessarie per i viaggi concordati.

§ 640

Il cliente può cedere ad altra persona il diritto di richiedere la gestione contrattuale del mezzo di trasporto.

§ 641

Se, in base al contratto, il carico è preso in carico dall’operatore della nave, le disposizioni che disciplinano il contratto di trasporto si applicano mutatis mutandis alla determinazione dei diritti e degli obblighi delle parti, se la natura del contratto di trasporto lo consente.

Parte XVII

Contratto di mediazione
§ 642

Fornitura di base
In base a un contratto di intermediazione, l’intermediario si impegna a svolgere attività volte a dare al richiedente la possibilità di stipulare un determinato contratto con un terzo, e il richiedente si impegna a pagare un compenso (commissione) all’intermediario.

§ 643

Il mediatore ha l’obbligo di informare senza indebito ritardo l’interessato delle circostanze importanti per la sua decisione sulla conclusione del contratto mediato e l’interessato è obbligato a informare il mediatore dei fatti che sono decisivi per lui per la conclusione del presente contratto.

§ 644

Un intermediario ha diritto a una commissione se viene concluso un contratto, che è oggetto di mediazione.

§ 645

Se dal contratto risulta che l’intermediario è obbligato solo a procurare all’interessato la possibilità di concludere un contratto con un terzo di un determinato contenuto, l’intermediario ha diritto ad una provvigione già procurando tale opportunità.

§ 646

Se, in base al contratto, l’intermediario acquisisce il diritto alla provvigione solo adempiendo all’obbligo del terzo derivante dal contratto mediato, l’intermediario acquisisce tale diritto anche se l’obbligo del terzo nei confronti dell’interessato è scaduto o l’obbligo del terzo è stato ritardato per motivi per i quali l’interessato è responsabile. Se la base per determinare l’importo della commissione è l’entità dell’obbligazione del terzo adempiuto, anche la prestazione non eseguita per motivi di cui è responsabile il richiedente è inclusa in questa base.

§ 647

(1) L’ intermediario ha diritto alla commissione concordata, altrimenti usuale per la mediazione di contratti simili al momento della conclusione del contratto di mediazione. Tuttavia, l’intermediario non ha diritto a una commissione se il contratto con il terzo è stato concluso senza la sua collaborazione o se, contrariamente al contratto, fungeva anche da intermediario per la persona con la quale è stato concluso il contratto mediato.

(2) Oltre alla commissione, l’intermediario ha diritto al rimborso dei costi legati alla mediazione solo se questo è stato espressamente concordato, e in caso di dubbio solo quando sorge il diritto alla commissione.

§ 648

L’intermediario è tenuto a conservare per le esigenze del richiedente i documenti acquisiti in relazione all’attività di intermediario, per il periodo durante il quale tali documenti possono essere importanti per la tutela degli interessi del richiedente.

§ 649

(1) Il mediatore non è responsabile per l’adempimento dell’obbligo di terzi con i quali ha mediato la conclusione del contratto; tuttavia, non può proporre al richiedente la conclusione di un contratto con una persona rispetto alla quale conosce o deve sapere che vi è un ragionevole dubbio che adempirà ai suoi obblighi ai sensi del contratto di mediazione in modo corretto e tempestivo.

(2) Se il richiedente lo richiede, l’intermediario è tenuto a fornirgli i dati necessari per valutare la credibilità della persona con cui l’intermediario propone la conclusione di un contratto.

§ 650

Il contratto di mediazione scade se il contratto oggetto della mediazione non è concluso entro il termine specificato nel contratto di mediazione. Se questo periodo non è così determinato, ciascuna delle parti può risolvere il contratto dandone notifica all’altra parte.

§ 651

Il fatto che il diritto alla provvigione dell’intermediario non sia ostacolato dal fatto che solo dopo la risoluzione del contratto di mediazione viene concluso un contratto con una terza parte (§ 644) o il contratto adempiuto (§ 646) a cui si applicava la sua attività di intermediazione.

Parte XVIII

Contratto di agenzia
§ 652

(1) Contratto sul rappresentante di vendita della concessionaria in qualità di imprenditore indipendente impegnato a lungo rappresentato a lavorare per la conclusione di un certo tipo di contratti (di seguito “negozi”) o per negoziare e concludere transazioni per conto della persona rappresentata e per suo conto .

(2) Non può essere un rappresentante di vendita

a) una persona che, in qualità di autorità, può vincolare una persona giuridica,

(b) un partner o un membro autorizzato dalla legge a vincolare altri partner o membri; o

c) il curatore o curatore fallimentare.

(3) Le disposizioni sulla rappresentanza commerciale non si applicano a

(a) rappresentanti di vendita non retribuiti; o

b) le persone che operano su un mercato regolamentato europeo o un mercato estero simile a un mercato regolamentato o su un sistema multilaterale di negoziazione europeo o su una borsa di merci.

(4) Il contratto di agenzia deve essere in forma scritta.

§ 653

Il rappresentante di vendita è tenuto a svolgere con cura professionale l’attività oggetto del suo obbligo nella zona territoriale indicata. Se questa area territoriale non è specificata nel contratto, si considera che il rappresentante di vendita deve operare nel territorio della Repubblica Ceca.

§ 654

(1) Oggetto dell’obbligo del rappresentante di vendita è la ricerca di coloro che sono interessati a concludere le operazioni, che sono definite nel contratto.

(2) Se il contratto prevede che il rappresentante commerciale compia atti legali per conto della parte rappresentata, i diritti e gli obblighi relativi alle disposizioni del contratto saranno regolati dal mandato.

(3) Senza una procura, il rappresentante di vendita non è autorizzato a concludere transazioni per conto del preponente, ad accettare qualsiasi cosa per lui o ad eseguire altri atti legali.

§ 655

(1) Il rappresentante di vendita è tenuto a svolgere l’attività a cui è tenuto, onestamente, con cura professionale, in buona fede, è tenuto a rispettare gli interessi del rappresentato, ad agire secondo le istruzioni autorizzate e ragionevoli del rappresentati e comunicare le informazioni necessarie ai rappresentati disponibili.

(2) Il rappresentante di vendita presenta al preponente una relazione sull’andamento del mercato e su tutte le circostanze importanti per gli interessi del preponente, in particolare per il suo processo decisionale relativo alla conclusione delle negoziazioni.

(3) Se il contratto comprende anche la conclusione di transazioni da parte di un agente commerciale per conto del preponente, l’agente commerciale è obbligato a concludere tali transazioni solo alle condizioni commerciali stabilite dal preponente, a meno che il preponente non abbia dato il suo consenso ad un altro procedura.

(4) Se il rappresentante non è in grado di svolgere la sua attività, deve segnalarlo alla parte rappresentata senza indebito ritardo.

§ 655a

(1) Nei rapporti con un rappresentante di vendita, la parte rappresentata è obbligata ad agire in modo onesto e in buona fede. La persona rappresentata è particolarmente obbligata

a) fornisce al rappresentante la documentazione necessaria relativa all’oggetto delle operazioni; e

(b) fornire all’agente le informazioni necessarie per adempiere agli obblighi del contratto di agenzia, in particolare per informare l’agente entro un termine ragionevole che prevede una riduzione significativa della portata delle attività rispetto a quanto l’agente potrebbe normalmente aspettarsi.

(2) La parte rappresentata è tenuta a informare il rappresentante di vendita entro un termine ragionevole che ha accettato, rifiutato o omesso di eseguire l’atto procurato dal rappresentante.

§ 656

Il rappresentante di vendita è tenuto a cooperare nell’ambito dei suoi obblighi nell’esecuzione delle transazioni concluse secondo le istruzioni del rappresentato e nell’interesse del rappresentato, che sono o devono essere conosciuti dal rappresentante di vendita, in particolare per la risoluzione delle irregolarità derivanti da transazioni concluse.

§ 657

Il rappresentante di vendita non può divulgare le informazioni ottenute dal preponente nel corso delle sue attività senza il consenso del preponente ad altre persone o utilizzarle per sé o per altre persone se ciò sarebbe contrario agli interessi del preponente. Tale obbligo continua anche dopo la risoluzione del contratto di agenzia.

§ 658

(1) Salvo diversa disposizione in questo lavoro, le disposizioni del contratto di agenzia si applicano al contratto di agenzia.

(2) Il rappresentante è responsabile per l’adempimento degli obblighi da parte di un terzo con il quale ha proposto di concludere una transazione o con il quale ha concluso una transazione per conto del preponente solo se si è impegnato a farlo per iscritto e riceve un apposito tassa per la presa in carico della responsabilità. In tal caso, i suoi diritti e obblighi sono regolati dalle disposizioni sulla responsabilità.

§ 659

(1) Un rappresentante di vendita ha diritto a una commissione concordata, altrimenti corrispondente alla dogana in base al luogo della sua attività e in relazione al tipo di merce oggetto del contratto di agenzia. In assenza di tali pratiche, l’agente commerciale ha diritto a una remunerazione ragionevole che tenga conto di tutte le circostanze dell’atto compiuto. Ogni parte della remunerazione, che varia in base al numero e al valore dei casi aziendali, è considerata una componente della commissione.

(2) Un rappresentante di vendita ha diritto al rimborso dei costi associati alla sua attività oltre alla commissione, solo se è stato concordato e se non diversamente stabilito nel contratto, solo se ha diritto a una commissione dall’azienda a cui il i costi si riferiscono.

(3) Il diritto a una commissione e al rimborso concordato dei costi non sorge nei casi in cui il rappresentante di vendita agiva in qualità di rappresentante di vendita o intermediario per la persona con la quale l’agente ha stipulato la transazione al momento della conclusione della transazione.

§ 659a

(1) Il rappresentante ha diritto a una commissione per gli atti compiuti durante la durata dell’obbligo contrattuale,

a) se l’operazione è stata conclusa a seguito della sua attività; o

b) se la transazione è stata conclusa con un terzo da lui acquisito come cliente prima dell’entrata in vigore del contratto di agenzia al fine di eseguire operazioni di questo tipo.

(2) Per gli atti compiuti durante la durata dell’obbligo contrattuale, il rappresentante di vendita ha diritto a una provvigione anche se è stata concordata un’agenzia esclusiva per un determinato territorio o gruppo di persone e se è stata svolta l’attività o l’attività ad esso rivolta con un cliente appartenente a quel territorio oa questo gruppo di persone, a meno che non si tratti di un caso di cui al § 659 par.3.

§ 659b

In caso di atti compiuti dopo la risoluzione del contratto, il rappresentante ha diritto a una commissione,

a) se l’atto è stato eseguito principalmente come risultato delle attività dell’agente, se il contratto è concluso entro un termine ragionevole dopo la risoluzione del contratto, o

b) se, in conformità con le condizioni specificate al § 659a, l’ordine del terzo è stato ricevuto dal rappresentante o rappresentante di vendita prima della risoluzione del contratto.

§ 659c

Un rappresentante di vendita non ha diritto a una commissione ai sensi della Sezione 659a se il precedente rappresentante di vendita ne ha diritto ai sensi della Sezione 659b, a meno che, a causa delle circostanze, non sia giusto distribuire la commissione tra i due rappresentanti di vendita.

§ 660

(1) Il diritto alla commissione, se non è stato concluso alcun accordo ai sensi della Sezione 661, sorge nel momento in cui

a) il preponente ha adempiuto all’obbligo contrattuale,

(b) il preponente era tenuto ad adempiere a un obbligo derivante da un contratto concluso con una terza parte; o

(c) il terzo ha adempiuto a un obbligo previsto dal contratto.

(2) Il diritto alla commissione sorge al più tardi quando il terzo ha adempiuto alla sua parte dell’obbligo o era obbligato ad adempierlo, se la persona rappresentata ha adempiuto alla sua parte. Tuttavia, se il terzo deve adempiere al suo obbligo più di sei mesi dopo la conclusione della transazione, l’agente commerciale ha diritto a una commissione dopo la conclusione della transazione.

(3) La commissione è pagabile entro e non oltre l’ultimo giorno del mese successivo alla fine del trimestre in cui ne è sorto il diritto.

(4) Le disposizioni dei paragrafi 2 e 3 possono essere derogate previo accordo solo a favore del rappresentante di vendita.

(5) Se la base per determinare la commissione è l’entità dell’obbligo adempiuto di una terza parte, anche la prestazione non eseguita per i motivi per i quali è responsabile la persona rappresentata deve essere inclusa in questa base.

§ 661

Se dal contratto risulta che il rappresentante di vendita è obbligato solo a procurare un’opportunità per la parte rappresentata in modo che la parte rappresentata possa concludere uno scambio con un determinato contenuto con una terza parte, l’agente commerciale ha diritto a una commissione fornendo questo opportunità.

§ 662

(1) Il diritto alla provvigione scade se è chiaro che il contratto tra il preponente e il terzo non sarà adempiuto e se l’inadempienza non è il risultato di circostanze imputabili al preponente, a meno che il contratto non disponga diversamente.

(2) Una commissione già pagata deve essere rimborsata se il diritto ad essa è scaduto ai sensi del paragrafo precedente.

(3) Le disposizioni del paragrafo 1 possono essere derogate previo accordo solo a favore del rappresentante di vendita.

§ 662a

(1) La parte rappresentata deve presentare al rappresentante di vendita una dichiarazione della commissione dovuta entro e non oltre l’ultimo giorno del mese successivo al trimestre in cui è diventata dovuta. Questa dichiarazione contiene i componenti principali sulla base dei quali è stata calcolata la commissione.

(2) Il rappresentante di vendita ha il diritto di richiedere che gli vengano forniti tutti i dati, in particolare un estratto dei libri contabili detenuti dal mandante e di cui il rappresentante di vendita ha bisogno per verificare l’ammontare delle commissioni a lui dovute.

(3) Le disposizioni dei paragrafi 1 e 2 possono essere derogate previo accordo solo a favore del rappresentante di vendita.

§ 663

(1) La parte rappresentata è obbligata a consegnare al rappresentante di vendita tutti i documenti e gli aiuti necessari per l’adempimento degli obblighi del rappresentante di vendita.

(2) I documenti e gli ausili necessari ai sensi del paragrafo 1 rimangono di proprietà della parte rappresentata e il rappresentante di vendita è obbligato a restituirli dopo la risoluzione del contratto se il rappresentante di vendita, per loro natura, non li ha consumati nell’adempimento il suo obbligo.

(3) Il rappresentante di vendita è tenuto a conservare per le esigenze del mandante i documenti acquisiti in relazione alla sua attività, per il periodo durante il quale tali documenti possono essere significativi per la tutela degli interessi del mandante.

§ 664

Rappresentanza di vendita non esclusiva
Salvo quanto diversamente stabilito nel contratto, il preponente può anche affidare ad altre persone l’agenzia rappresentata dall’agente commerciale, e l’agente commerciale può svolgere l’attività a cui il preponente si è impegnato per altre persone o concludere transazioni che sono oggetto del agenzia., per proprio conto o per conto di un’altra persona.

Rappresentanza di vendita esclusiva
§ 665

Se è stata concordata una rappresentanza esclusiva, la parte rappresentata è obbligata a non utilizzare un altro rappresentante di vendita nell’area territoriale specificata e per la gamma di transazioni specificata, e il rappresentante di vendita non è autorizzato a svolgere la rappresentanza di vendita per altre persone o concludere transazioni per suo conto. proprio account o account di un’altra persona.

§ 666

La persona rappresentata ha il diritto di concludere transazioni alle quali si applica l’agenzia commerciale esclusiva anche senza la collaborazione del rappresentante di vendita, ma è obbligata, a meno che il contratto non disponga diversamente, a pagare una commissione da tali transazioni al rappresentante di vendita come se tali transazioni fossero concluso con la sua collaborazione (§ 659a paragrafo 2).

Cessazione della rappresentanza di vendita
§ 667

L’obbligo del rappresentante di vendita scade alla fine del periodo per il quale è stato concluso il contratto. Se, trascorso tale periodo, le parti continuano ad essere regolate dal contratto, esso viene modificato in un contratto concluso a tempo indeterminato.

§ 668

(1) Un contratto è concluso a tempo indeterminato, se il contratto lo prevede o se il contratto non contiene disposizioni sul periodo per il quale è stato concluso, o se la limitazione non risulta dallo scopo del contratto.

(2) Un contratto concluso per un periodo indeterminato può essere risolto da entrambe le parti dell’avviso.

(3) La durata del periodo di preavviso è di un mese per il primo anno, due mesi per il secondo anno, tre mesi per il terzo e gli anni successivi dell’obbligazione contrattuale. Le parti non possono concordare un periodo di preavviso più breve.

(4) Se le parti contraenti concordano periodi di preavviso più lunghi di quelli previsti al paragrafo 3, il periodo entro il quale la persona rappresentata è vincolata non può essere inferiore al periodo che il rappresentante di vendita deve osservare.

(5) Salvo diverso accordo tra le parti, il periodo di preavviso deve terminare alla fine del mese di calendario.

(6) I paragrafi precedenti si applicano anche ai contratti conclusi per un periodo di tempo determinato, che sono stati trasformati in contratti a tempo indeterminato ai sensi della Sezione 667, a condizione che il periodo di preavviso sia calcolato tenendo conto della durata certa passata del contratto obbligo che ha preceduto la trasformazione in contratto a tempo indeterminato.

§ 669

Diritto al risarcimento

(1) Un rappresentante di vendita ha diritto a un risarcimento in caso di risoluzione del contratto se

(a) il preponente ha acquisito nuovi clienti o ha sviluppato in modo significativo affari con i clienti esistenti e il preponente ha ancora vantaggi significativi derivanti dall’attività con loro, e

b) il pagamento di tale compensazione è equo se si tiene conto di tutte le circostanze, in particolare della commissione che l’agente commerciale perde e che risulta dalle transazioni effettuate con tali clienti; queste circostanze includono anche l’uso o la non applicazione di una clausola di non concorrenza ai sensi del § 672a.

(2) L’importo del compenso non può superare la commissione annuale calcolata dalla media annuale della retribuzione ricevuta dal rappresentante negli ultimi cinque anni, e se il contratto è durato meno di cinque anni, deve essere calcolato dalla media dell’intero durata del contratto.

(3) L’assegnazione del risarcimento non priva il rappresentante di vendita del diritto al risarcimento del danno.

(4) Il diritto al risarcimento sorge anche se la risoluzione del contratto avviene per decesso del rappresentante di vendita.

(5) Un rappresentante commerciale perde il diritto al risarcimento ai sensi del paragrafo 1 se non notifica alla parte rappresentata entro un anno dalla risoluzione del contratto che sta esercitando i suoi diritti.

(6) Le parti non possono accordarsi prima della scadenza del periodo di validità del contratto concordato, in deroga ai paragrafi precedenti, a danno del rappresentante di vendita.

§ 669a

(1) Il diritto al risarcimento ai sensi della Sezione 669 non sorgerà,

a) se il preponente ha risolto il contratto per una tale violazione dell’obbligo contrattuale da parte del rappresentante di vendita che gli avrebbe consentito di recedere dal contratto,

(b) se l’agente commerciale ha risolto il contratto, se tale risoluzione non è giustificata dalle circostanze del preponente o se non è giustificata dall’età, invalidità o malattia dell’agente commerciale, a meno che non possa essere ragionevolmente richiesto di continuare ;

(c) se, in virtù di un accordo con il preponente, l’agente commerciale trasferisce a terzi i diritti e gli obblighi del contratto di agenzia.

(2) Le parti non possono concordarsi prima della scadenza del periodo di validità del contratto concordato a danno del rappresentante di vendita, in deroga al paragrafo precedente.

§ 670

Se la rappresentanza esclusiva è stata concordata per un periodo determinato, ciascuna delle parti può risolvere il contratto nel modo specificato al § 668 paragrafo 3, se il volume degli scambi non ha raggiunto il volume degli scambi specificato nel contratto negli ultimi 12 mesi, altrimenti commisurato con opportunità di vendita.

§ 671
annullato

§ 672

(1) Se l’agente utilizza un altro rappresentante di vendita quando organizza un’agenzia di vendita esclusiva, il rappresentante di vendita ha il diritto di recedere dal contratto.

(2) Se l’agente commerciale, quando organizza un’agenzia commerciale esclusiva, svolge un’attività che è oggetto del suo obbligo nei confronti del preponente, anche per altre persone, il preponente può recedere dal contratto.

§ 672a

Clausole di concorrenza
(1) Nel contratto di agenzia, può essere convenuto per iscritto che il rappresentante di vendita non può, per un periodo determinato, ma non oltre 2 anni dopo la risoluzione del contratto, in un territorio specificato o contro un gruppo specifico di persone in quel territorio era oggetto di un’agenzia commerciale o altra attività che fosse competitiva rispetto all’attività della società rappresentata.

(2) Una clausola di concorrenza contraria alle condizioni di cui al paragrafo 1 non è valida.

(3) In caso di dubbio, il tribunale può limitare o dichiarare la clausola di non concorrenza, che limiterebbe il rappresentante più di quanto richiesto dal livello di protezione richiesto della parte rappresentata.

Parte XIX

Trattato comunitario silenzioso
§ 673

Fornitura di base
(1) Il contratto di tacito si impegna a fornire all’imprenditore un certo deposito e partecipare alla sua attività e l’imprenditore si impegna a pagare una parte dell’utile netto dopo aver dedotto l’allocazione obbligatoria al fondo di riserva, se l’imprenditore è obbligato a crearlo fondo, derivante dalla quota del partner silenzioso del risultato aziendale. Nel contratto di società tacita, l’entità concordata della partecipazione della società tacita al profitto o alla perdita deve essere la stessa.

(2) Il contratto richiede una forma scritta.

§ 674

(1) L’oggetto di un deposito può essere una certa somma di denaro, una certa cosa, un diritto o un altro valore di proprietà utilizzabile negli affari.

(2) Il partner silenzioso è obbligato a consegnare l’oggetto del deposito all’imprenditore o consentirgli di utilizzarlo negli affari al momento concordato, altrimenti senza indebito ritardo dopo la conclusione del contratto.

(3) A meno che il contratto non disponga diversamente, l’imprenditore diventa proprietario rilevando la cosa, ad eccezione degli immobili. Se l’oggetto del deposito è un bene immobile, l’imprenditore ha il diritto di utilizzarlo per la durata del contratto. Se l’oggetto del deposito è la legge e il contratto non prevede diversamente, l’imprenditore ha il diritto di eseguirlo per la durata del contratto.

§ 675

Il partner silenzioso ha diritto di prendere visione dei documenti aziendali e delle scritture contabili relative all’attività in cui partecipa ed ha diritto di richiedere copia del bilancio.

§ 676

(1) Il bilancio è decisivo per determinare la quota di un partner silenzioso nel risultato aziendale.

(2) Il partner silenzioso ha diritto a una quota dell’utile entro 30 giorni dalla redazione del bilancio. Se l’imprenditore è una persona giuridica, questo periodo decorre dall’approvazione del presente bilancio in conformità con il suo statuto, statuto o legge.

(3) In caso di perdita successiva, il partner non è obbligato a restituire la quota di profitto ricevuta.

§ 677

(1) Il contributo del partner silenzioso è ridotto della quota del danno. Il deposito ridotto è aumentato della quota di profitto negli anni successivi e il diritto alla quota di profitto sorge per il partner dopo aver raggiunto l’importo originario del deposito.

(2) Il partner silenzioso non è obbligato a ricostituire il suo deposito in caso di partecipazione alla perdita dall’azienda, e partecipa alla perdita solo fino all’importo del suo contributo.

§ 678

(1) I diritti e gli obblighi nei confronti di terzi derivanti dall’attività imprenditoriale derivano solo dagli imprenditori.

(2) Tuttavia, un partner silenzioso è responsabile per gli obblighi dell’imprenditore se

(a) il suo nome è contenuto nella società dell’imprenditore, o

b) dichiara alla persona con la quale l’imprenditore sta negoziando il contratto che entrambi fanno affari insieme.

§ 679

(1) La partecipazione del partner silenzioso all’attività scade:

a) allo scadere del periodo per il quale è stato concluso,

b) risoluzione se il contratto non è stato concluso per un periodo determinato,

c) se la quota di danno del partner silenzioso raggiunge l’importo del suo contributo,

d) cessazione dell’attività cui si applica il contratto,

e) dichiarare fallimento sulla proprietà dell’imprenditore o respingere la domanda di insolvenza sulla proprietà dell’imprenditore per mancanza di proprietà,

f) dichiarando fallimento sui beni del partner tacito; le disposizioni del § 148 paragrafo 4 si applicano mutatis mutandis.

(2) A meno che il contratto non preveda un diverso periodo di preavviso, il contratto può essere risolto al più tardi sei mesi prima della fine dell’anno civile.

§ 679a

Prima della scadenza del termine fissato per la durata del partenariato tacito, il giudice può essere chiamato a risolvere gli obblighi derivanti dal presente contratto se sussistono importanti motivi per farlo. Ciò vale anche per un contratto concluso a tempo indeterminato.

§ 680

L’imprenditore è tenuto a restituire al partner tacito la cauzione aumentata o diminuita della sua quota nel risultato aziendale.

§ 681

Salvo disposizione contraria delle disposizioni degli articoli da 673 a 680, il partner silenzioso ha lo status giuridico del suo deposito come il creditore ha il suo credito, ma non ha il diritto di chiedere il rimborso del suo deposito prima della risoluzione del contratto.

Parte XX

Lettera di contratto di credito
§ 682

Fornitura di base
(1) Con un contratto sull’apertura di una lettera di credito, la banca si impegna alla parte ordinante a fornire una determinata prestazione a una determinata persona (avente diritto) per conto della parte ordinante se la parte avente diritto soddisfa le condizioni specificate entro un un certo periodo di tempo.

(2) Il contratto richiede una forma scritta.

§ 683

(1) Conformemente all’accordo, la Banca notifica per iscritto all’avente diritto che sta aprendo una lettera di credito a suo favore e ne informa il contenuto. La lettera di credito deve specificare la prestazione alla quale la banca si impegna, il periodo di validità della lettera di credito e le condizioni della lettera di credito che il beneficiario deve soddisfare in tale periodo per poter pretendere la prestazione nei confronti della banca.

(2) La banca effettua la notifica ai sensi del paragrafo 1 senza indebito ritardo dopo la conclusione del contratto, a meno che dal contratto non consegua che lo deve fare solo nel momento in cui il committente le dà istruzioni in tal senso.

(3) L’obbligo della banca nei confronti del beneficiario deriva dalla notifica di cui al paragrafo 1.

(4) L’obbligo del pagatore nei confronti della banca deriva dall’apertura di una lettera di credito.

(5) Una lettera di credito può in particolare contenere l’obbligo della banca di pagare un determinato importo o accettare una cambiale.

§ 684

Se il pagamento per l’apertura della lettera di credito non è concordato, il pagatore è tenuto a versare alla banca il normale pagamento al momento della conclusione del contratto.

Il rapporto della banca con il beneficiario
§ 685

L’obbligo della banca derivante dalla lettera di credito è indipendente dal rapporto giuridico tra il pagatore e il beneficiario.

§ 686

(1) Se la lettera di credito non prevede che la lettera di credito sia revocabile, la banca può modificare o annullare la lettera di credito solo con il consenso dell’avente diritto e del pagatore.

(2) Se la lettera di credito prevede che la lettera di credito è revocabile, la banca può modificarla o annullarla in relazione al beneficiario fino a quando il beneficiario non soddisfa le condizioni stabilite nella lettera di credito.

(3) La lettera di credito può essere modificata o annullata solo per iscritto.

§ 687

(1) Se una lettera di credito irrevocabile è confermata da un’altra banca su iniziativa della banca da essa vincolata, l’avente diritto ha diritto di adempimento nei confronti di tale banca dal momento in cui notifica all’avente diritto la conferma della lettera di credito. La banca che ha richiesto la conferma della lettera di credito e la banca che ha confermato la lettera di credito sono solidalmente responsabili nei confronti del beneficiario.

(2) Il consenso della banca confermante è richiesto anche per la modifica o l’annullamento di una lettera di credito confermata da un’altra banca.

(3) Se la banca che ha confermato la lettera di credito ha fornito al beneficiario la prestazione conformemente al contenuto della lettera di credito, ha diritto a tale prestazione nei confronti della banca che ha richiesto la conferma della lettera di credito.

§ 688

Una banca che si limita a notificare al beneficiario che un’altra banca ha aperto una lettera di credito per questo è responsabile del danno causato dall’inesattezza di questa notifica, ma non incorre in una responsabilità dalla lettera di credito.

Lettera di credito documentaria
§ 689

Nel caso di una lettera di credito documentaria, la banca è obbligata a fornire la prestazione autorizzata se i documenti specificati nella lettera di credito sono debitamente presentati alla banca durante il periodo di validità della lettera di credito.

§ 690

(1) La Banca è tenuta a esaminare con cura professionale il reciproco collegamento dei documenti presentati e se il loro contenuto corrisponde chiaramente alle condizioni stabilite nella lettera di credito.

(2) La Banca è responsabile per i danni causati al committente dalla perdita, distruzione o danneggiamento di documenti presi in consegna dall’avente diritto, a meno che non possa scongiurare tale danno neppure con l’esercizio della cura professionale.

§ 691

Altre lettere di credito
Le disposizioni degli articoli 689 e 690 si applicano mutatis mutandis alle lettere di credito, secondo le quali l’adempimento può essere richiesto se sono soddisfatte condizioni diverse dalla presentazione dei documenti.

Parte XXI

Accordo di addebito diretto
§ 692

Fornitura di base
Con l’accordo di addebito diretto, la banca si impegna a far accettare al pagatore l’accettazione dell’adempimento di un determinato credito monetario da un determinato debitore oa procurare un altro atto di addebito diretto.

§ 693

(1) La Banca richiede al debitore di pagare una somma di denaro o di compiere un atto richiesto da un contratto concluso con il pagatore. Se il debitore rifiuta di pagare l’importo richiesto o esegue l’atto legale richiesto, o se non lo fa senza indebito ritardo, la banca ne informa immediatamente il pagatore.

(2) Quando si procede all’addebito diretto, la banca è obbligata a procedere con cura professionale secondo l’ordine del pagatore, ma non è responsabile del fatto che l’addebito diretto non avrà luogo.

§ 694

La banca è obbligata a consegnare al pagatore l’importo monetario ricevuto oi titoli oggetto dell’operazione di incasso senza indebito ritardo. La Banca è responsabile dei danni causati dalla perdita, distruzione o danneggiamento di questi documenti, a meno che non possa impedire loro di esercitare la cura professionale.

§ 695

Se, in base al contratto, la banca deve disporre l’addebito diretto tramite un’altra banca designata dal pagatore, l’addebito diretto viene effettuato da questa banca a spese e rischio del pagatore.

§ 696

Se la commissione per l’organizzazione dell’incasso non è specificata nel contratto, il pagatore è obbligato a pagare alla banca la tariffa normale al momento della conclusione del contratto.

Collezione di documentari bancari
§ 697

In base a un contratto di addebito diretto documentario bancario, la banca si impegna a rilasciare a terzi documenti che autorizzano la movimentazione di merci o altri documenti, se viene pagata una certa somma di denaro al momento della loro emissione o viene eseguito un altro atto di raccolta.

§ 698

La banca è obbligata a subentrare e custodire con cura professionale i documenti specificati nel contratto.

§ 699

I diritti e gli obblighi delle parti sono disciplinati in subordine dalle disposizioni del contratto di mandato.

Parte XXII

Contratto di deposito bancario
§ 700

Con un contratto di deposito bancario, la banca si impegna a rilevare alcuni elementi diversi dai titoli (oggetto di deposito) al fine di depositarli e gestirli, e il depositante si impegna a pagare una commissione per questo.

§ 701

(1) La Banca è obbligata a rilevare l’oggetto del deposito e ad utilizzarlo per esercitare la cura professionale per proteggerlo da perdita, distruzione, danneggiamento o deterioramento.

(2) Se l’importo della commissione non è stato concordato, la banca ha il diritto di richiedere la normale commissione al momento della conclusione del contratto.

§ 702

(1) Tenuto conto della natura dell’oggetto del deposito, la banca è obbligata a compiere con cura professionale tutti gli atti necessari per esercitare e preservare i diritti derivanti dall’oggetto del deposito e a consegnargli senza indebito ritardo ciò che ha accettato dall’esercizio di tali diritti.

(2) Il depositante è tenuto a rilasciare la procura alla banca, necessaria per gli atti giuridici di cui al paragrafo 1, ea rimborsare le spese sostenute dalla banca nell’adempimento dei propri obblighi.

§ 703

Il depositante ha il diritto in qualsiasi momento di richiedere il rilascio dell’articolo immagazzinato o di parte di esso e di depositarlo nuovamente, se nel frattempo il contratto non è scaduto. Dopo l’emissione della voce di deposito fino alla sua restituzione, la banca non ha gli obblighi di cui ai § 701 e 702.

§ 704

La Banca è responsabile dei danni causati al depositante dalla perdita, distruzione o danneggiamento dell’oggetto del deposito, a meno che non abbia potuto evitarlo esercitando una cura professionale.

§ 705

Entrambe le parti possono risolvere il contratto in qualsiasi momento con effetto immediato. Il contratto scade anche se il depositante ha ritirato tutti gli oggetti oggetto del deposito e non ha manifestato la volontà di proseguire il contratto.

§ 706

Dopo la risoluzione del contratto, la banca è obbligata a rilasciare il deposito al depositante e il depositante è obbligato a prenderlo in consegna senza indebito ritardo e saldare il pagamento in sospeso per il periodo di deposito.

§ 707

Per garantire i propri diritti dal contratto sul deposito di altri valori, la Banca ha un privilegio sull’argomento del deposito fintanto che è con essa.

Parte XXIII

Contratto di conto corrente
§ 708

Fornitura di base
(1) Con un contratto di conto corrente, la banca si impegna a creare un conto per il suo proprietario in una determinata valuta da un certo momento, a ricevere fondi sul conto stabilito, a pagare fondi da esso o ad eseguire altre operazioni di pagamento da o ad esso.

(2) Il contratto di conto corrente richiede una forma scritta.

(3) La sezione 708 (2), la sezione 709 (1) e (2), le sezioni da 710 a 714 e la sezione 715 (da 1) a (3) non si applicano a un contratto di conto corrente che è un contratto di servizi di pagamento ai sensi del legge che disciplina le operazioni di pagamento.

§ 709

(1) Nel contratto di conto corrente, la banca designa il titolare del conto indicando la ragione sociale o la sede legale del titolare e il numero di identificazione, se assegnato, se si tratta di una persona giuridica, o indicando il nome, cognome, indirizzo e numero di nascita o data di nascita del proprietario, o ragione sociale, sede dell’attività e numero di identificazione, se si tratta di una persona fisica.

(2) Il contratto di conto corrente può contenere ulteriormente

a) le persone autorizzate a gestire i fondi sul conto e il metodo di trattarli,

b) l’ importo o il metodo per determinare l’importo del tasso di interesse, il periodo di scadenza degli interessi che la banca paga dal saldo dei fondi sul conto al suo proprietario, o l’accordo che gli interessi non saranno pagati,

c) i termini entro i quali la banca notifica al titolare del conto i depositi e i pagamenti ricevuti e i pagamenti effettuati e i pagamenti effettuati e l’importo del saldo dei fondi sul conto, nonché la forma di tale notifica,

d) l’ ammontare o il modo per determinare l’importo della commissione e il modo in cui il titolare del conto dovrà pagare tale commissione alla banca, o un accordo in base alla quale la commissione non sarà richiesta dalla banca. L’importo del canone può essere concordato anche facendo riferimento al listino prezzi della banca.

(3) Il titolare del conto ha facoltà di concludere o modificare il contratto di conto corrente o di risolvere il rapporto instaurato dal contratto di conto corrente (di seguito “gestione del conto”). Una persona diversa dal titolare del conto può gestire il conto solo sulla base di una procura speciale rilasciata dal titolare del conto, sulla quale viene ufficialmente verificata la sua firma. La verifica della firma ufficiale non è richiesta se la procura viene rilasciata davanti alla banca.

(4) Se viene stabilito un conto per più di una persona, ciascuna di esse ha lo status di titolare del conto. I comproprietari gestiscono il conto insieme, a meno che non concordino nel contratto di conto corrente con la banca che uno di loro gestisce il conto. Salvo diversa disposizione del contratto di conto corrente o della decisione del tribunale, le quote di tutti i comproprietari nel saldo dei fondi del conto sono le stesse.

§ 710

(1) La Banca è obbligata ad accettare sul conto nella valuta in cui si chiamano depositi o pagamenti effettuati a beneficio del titolare del conto e ad effettuare pagamenti o pagamenti al titolare del conto o alle persone da lui designate secondo l’ordine del titolare del conto o delle persone autorizzate ai sensi del paragrafo 2.

(2) Solo le persone specificate nelle firme modello presentate dal titolare del conto alla banca, altre persone hanno il diritto di gestire i fondi sul conto solo alle condizioni stipulate nel contratto di conto corrente. Gli esemplari di firma devono avere i requisiti di una procura. La Banca ha facoltà di disporre dei fondi sul conto, se così previsto dalla legge o dal contratto di conto corrente.

(3) La banca è tenuta a effettuare i pagamenti in modo corretto e puntuale se il titolare del conto ha ottemperato ai requisiti previsti dalla legge e dal contratto di conto corrente.

(4) Se l’importo della commissione o il metodo della sua determinazione non sono concordati nel contratto di conto corrente, il titolare del conto è obbligato a pagare la tariffa usuale al momento del servizio.

§ 711

Il contratto di conto corrente può prevedere che la banca esegua ordini di pagamento fino a un determinato importo, anche se sul conto non sono presenti fondi sufficienti. Se i diritti e gli obblighi delle parti nel fornire tali fondi non sono concordati nel contratto di conto corrente, sono disciplinati dalla modifica del contratto di prestito (§ 497 e segg.).

§ 712

(1) Salvo disposizione contraria del contratto di conto corrente, la banca è tenuta a notificare al titolare del conto dopo la fine del mese di calendario ogni deposito e pagamento ricevuto e ogni pagamento e pagamento effettuato in quel mese di calendario e dopo la fine del calendario anno è obbligato a informare il titolare del conto dei fondi del saldo sul conto, mediante un estratto conto.

(2) La banca deve dimostrare al titolare del conto, su sua richiesta, che i pagamenti sono stati effettuati.

§ 713

(1) La Banca è obbligata ad addebitare i fondi sul conto il giorno determinato dalla persona autorizzata a disporre dei fondi sul conto, se questa persona invia un ordine eseguibile entro il tempo concordato con la banca; se questo giorno non è specificato, entro il periodo specificato nel contratto di conto corrente, e se non viene specificato alcun periodo, non oltre il giorno lavorativo successivo all’invio dell’ordine.

(2) La Banca è obbligata ad accreditare i fondi sul conto entro e non oltre i termini fissati da un’apposita normativa di legge.

(3) Salvo che una normativa legale speciale o un contratto di conto corrente non preveda il limite di tempo, la banca accrediterà i fondi sul conto entro e non oltre il giorno lavorativo successivo dopo aver acquisito il diritto di disporne.

§ 714

(1) Salvo diversa disposizione del contratto di conto corrente, la banca pagherà gli interessi al titolare del conto sul saldo dei fondi del conto.

(2) Gli interessi sui fondi del conto appartengono al titolare del conto dal giorno in cui i fondi sono stati accreditati sul suo conto in conformità con § 713 paragrafo 2 o 3, fino al giorno precedente il giorno in cui erano stati accreditati i fondi del conto accreditato, cancellato o pagato al proprietario.

(3) Il tasso di interesse è fissato come annuale. Gli interessi sono dovuti, a meno che il contratto di conto corrente non disponga diversamente, alla fine di ogni mese di calendario e la banca è obbligata ad accreditarlo sul saldo del conto entro e non oltre cinque giorni lavorativi dalla fine del mese di calendario per il quale è accreditato il saldo del conto.

(4) Se l’importo del tasso di interesse o il metodo per la sua determinazione non è concordato nel contratto di conto corrente, il tasso di interesse è la metà del tasso di sconto fissato dalla Banca nazionale ceca il giorno in cui gli interessi vengono accreditati a il saldo di cassa sul conto.

§ 715

(1) Un contratto di conto corrente può essere risolto dal titolare del conto in qualsiasi momento per iscritto, anche se è stato concluso per un periodo determinato. Il giorno in cui l’avviso viene consegnato alla banca, il contratto di conto corrente scade.

(2) La Banca può risolvere il contratto di conto corrente in qualsiasi momento per iscritto. Il contratto di conto corrente scade con effetto dalla fine del mese solare successivo a quello in cui l’avviso è stato consegnato al titolare del conto.

(3) Se la banca risolve il contratto di conto corrente perché il titolare del conto ha sostanzialmente violato gli obblighi previsti dal contratto di conto corrente, il contratto di conto corrente termina il giorno della consegna della comunicazione al titolare del conto. In tal caso, la comunicazione deve essere inviata tramite raccomandata a / r all’indirizzo specificato nel contratto di conto corrente. Se il destinatario rifiuta di accettare l’avviso o l’avviso non può essere consegnato, gli effetti della consegna decorrono dal giorno in cui il titolare della licenza postale ha restituito l’avviso alla banca.

(4) Se il contratto di conto corrente scade, la banca salda i crediti e le passività relativi al conto senza indebiti ritardi in conformità con la legge sul sistema di pagamento, in particolare effettua i pagamenti effettuati tramite carte di pagamento e assegni, se utilizzati prima della scadenza del contratto di conto corrente, e la banca ha inoltre facoltà di compensare i propri crediti nei confronti dell’intestatario del conto ai sensi del contratto di conto corrente. Il titolare del conto è tenuto a restituire alla banca le carte di pagamento e i moduli di assegno a lui rilasciati sul conto.

(5) Dopo il regolamento dei crediti e dei debiti relativi al conto, la banca cancellerà il conto. La banca versa il saldo dei fondi del conto cancellato al titolare del conto, a meno che non abbia ordinato alla banca di trasferirlo su un altro conto o di versarlo alle persone da lui designate. La Banca ha il diritto di compensare il suo credito per il pagamento per il trasferimento del saldo di cassa del conto cancellato su un altro conto, o il suo credito per il pagamento dei costi associati alla custodia del saldo di cassa, se non poteva essere pagato o trasferito a un altro account. Dopo aver cancellato il conto, la banca è tenuta a notificare per iscritto al proprietario la data in cui il conto è stato cancellato.

§ 715a

(1) Il contratto di conto corrente non scade alla morte del titolare del conto. La Banca continua ad eseguire le operazioni di pagamento sulla base degli ordini impartitele dal titolare del conto e da persone da lui autorizzate.

(2) Se la banca apprende in modo attendibile che il titolare del conto è deceduto, interrompe il giorno successivo le operazioni di pagamento dal conto per cui il titolare del conto ha stabilito che la banca non deve continuare dopo la sua morte.

(3) La procura rilasciata dal titolare del conto per la gestione dei fondi sul conto non scadrà alla sua morte, a meno che dal suo contenuto non risulti che durerà solo per la vita del titolare del conto.

(4) Se è dimostrato in modo credibile alla banca che è stato nominato un amministratore di eredità autorizzato a gestire il conto corrente del titolare del conto deceduto, questi avrà i diritti e gli obblighi del titolare del conto e la banca seguirà i suoi ordini .

Parte XXIV

Accordo sul conto di deposito
§ 716

Fornitura di base
(1) Con un contratto di conto di deposito, la banca si impegna ad aprire un conto per il suo proprietario in una determinata valuta ea pagare gli interessi sui fondi del conto dai fondi, e il titolare del conto si impegna a depositare fondi sul conto, lasciare il loro uso alla banca per un periodo determinato o indefinito con un periodo di preavviso predeterminato.

(2) Il contratto di conto di deposito richiede una forma scritta.

(3) La sezione 716 (2), la sezione 716a, la sezione 717 (1) e la sezione 718 non si applicano a un contratto di conto di deposito, che è un contratto di servizi di pagamento ai sensi della legge che disciplina le operazioni di pagamento.

§ 716a

L’accordo sul conto di deposito può inoltre contenere

a) persone autorizzate a gestire fondi sul conto,

b) l’ importo o il metodo per determinare l’importo del tasso di interesse e la data di scadenza degli interessi che la banca paga dal saldo del conto al suo proprietario,

c) i termini entro i quali la banca notifica al titolare del conto i depositi e i pagamenti ricevuti e i pagamenti effettuati e i pagamenti effettuati e l’importo del saldo dei fondi sul conto, nonché la forma di tale notifica,

d) un accordo sulla possibilità e sulle condizioni in cui il titolare del conto può utilizzare i fondi nel conto prima della scadenza del periodo specificato nel contratto di conto di deposito o prima della scadenza del periodo di preavviso (§ 717 par.1).

§ 717

(1) Se il titolare del conto gestisce i fondi sul conto prima del periodo specificato nel contratto di conto di deposito, o se questo periodo non è specificato in esso, prima della scadenza del periodo di preavviso, il diritto agli interessi scade o viene ridotto nel modalità specificate nel contratto di conto di deposito. Gli effetti della decadenza o riduzione del diritto agli interessi sono relativi ai soli interessi sull’importo per il quale non è stato rispettato il periodo di preavviso.

(2) Se stabilito nel contratto del conto di deposito, il titolare del conto non ha il diritto di disporre dei fondi sul conto prima della scadenza del periodo di cui al paragrafo 1.

(3) Il titolare del conto può concordare con la banca che il periodo specificato nel contratto del conto di deposito venga ripetutamente prolungato.

(4) Se il contratto di conto di deposito è concluso per un periodo indefinito, anche parte del deposito può essere risolto.

§ 718

(1) La banca è obbligata a pagare al titolare del conto gli interessi concordati nel contratto di conto deposito. Se il tasso di interesse o il metodo di determinazione non è concordato nel contratto di conto deposito, il tasso di interesse è la metà del tasso lombardo fissato dalla Banca nazionale ceca alla data in cui gli interessi sono accreditati sul saldo dei fondi nel account.

(2) Se i fondi vengono depositati per un periodo inferiore a un anno, gli interessi sono pagabili dopo la scadenza del periodo per il quale i fondi sono legati al conto, o dopo che la risoluzione ha effetto ai sensi del § 717 paragrafo 1. Se il accordo sul conto di deposito non è stato concordato per un periodo determinato, gli interessi sono pagabili entro e non oltre la fine di ogni anno solare.

(3) Se i fondi vengono depositati per un periodo superiore a un anno, la banca è obbligata, su richiesta del titolare del conto, a pagare gli interessi dopo la fine dell’anno solare.

(4) Gli interessi sui fondi del conto appartengono al titolare del conto dal giorno in cui i fondi sono stati accreditati sul suo conto fino al giorno precedente il giorno in cui i fondi sono stati addebitati sul conto del titolare o al quale sono stati pagati.

§ 719

La banca è obbligata a pagare o trasferire i fondi rilasciati al titolare del conto o alle persone da lui designate secondo l’ordine del titolare del conto.

§ 719a

Le disposizioni del § 715a si applicano al contratto di conto di deposito in modo simile.

§ 719b

Salvo disposizione contraria delle disposizioni degli articoli da 716 a 719a, le disposizioni del contratto di conto corrente si applicano mutatis mutandis al contratto di conto di deposito.

Parte XXV

Assegno di viaggio
§ 720

Fornitura di base
Un assegno di viaggio è una garanzia che autorizza la persona in esso indicata ad accettare l’importo in esso specificato al momento della presentazione per il pagamento, in conformità con le condizioni stabilite dall’emittente dell’assegno.

§ 721

La persona che ha emesso il traveller’s cheque è obbligata a riscattare il traveller’s cheque oa provvedere al suo rimborso.

§ 722

(1) Il traveler’s cheque deve contenere:

a) un’indicazione che si tratta di un traveller’s cheque,

b) un ordine o promessa di pagare un determinato importo alla persona avente diritto,

c) il nome, il nome o la ragione sociale dell’espositore, la sua firma o una sufficiente sostituzione della firma.

(2) Se un assegno di viaggio contiene un ordine di pagamento, deve contenere anche la designazione della persona a cui è indirizzato l’ordine.

(3) Se il traveler’s cheque non riporta il nome della persona autorizzata, il pagamento dell’assegno può essere richiesto da chi presenta l’assegno.

(4) L’assegno di un viaggiatore può essere emesso in una valuta diversa dalla valuta ceca.

§ 723

(1) Quando presenta un traveller’s cheque, il pagatore ha il diritto di richiedere la carta d’identità del mittente e la sua firma di controllo sull’assegno di viaggio.

(2) Il pagamento di un assegno deve essere confermato dalla firma di una persona autorizzata.

§ 724

Un traveler’s cheque non è soggetto alla legislazione in materia di cambiali e assegni.

Parte XXVI

Promessa di risarcimento
§ 725

Fornitura di base
(1) Con la promessa di risarcimento, la parte promettente si impegna a risarcire il destinatario della promessa per il danno derivante da alcune delle sue azioni, per le quali la parte promettente lo richiede e per il quale il destinatario della promessa non è obbligato.

(2) La promessa di risarcimento deve essere fatta per iscritto.

§ 726

(1) L’obbligo della promessa deriva dalla consegna di una dichiarazione scritta che promette al suo destinatario.

(2) Il destinatario di una promessa è obbligato a svolgere le trattative richieste dal promettente solo se si è impegnato a farlo.

§ 727

Il Promotore è tenuto a rimborsare i costi e tutti i danni subiti dal destinatario della Promessa in relazione alle azioni richieste dal Promotore.

§ 728

Il destinatario della promessa è tenuto, per conto della promessa, a prendere tempestivamente le misure necessarie per scongiurare il danno o limitarlo al minimo necessario.

Titolo III

DISPOSIZIONI SPECIALI PER IMPEGNI NEL COMMERCIO INTERNAZIONALE
Parte I

Oggetto di adeguamento
§ 729

Le disposizioni del presente titolo si applicano, in aggiunta alle altre disposizioni della presente legge, ai rapporti contrattuali di cui agli articoli 261 e 262, nello stabilimento di cui almeno un partecipante che abbia la propria sede legale o sede di attività o residenza in il territorio di uno stato diverso da quello degli altri partecipanti, regolato dalla legge cecoslovacca.

Seconda parte

Condizioni generali
§ 730

Dogana
Ai sensi della Sezione 264, si terrà conto delle pratiche commerciali generalmente mantenute nel commercio internazionale nel settore commerciale pertinente.

§ 731

Permesso ufficiale
(1) Il debitore è obbligato a richiedere debitamente un permesso di esportazione, un permesso di transito o un altro permesso ufficiale, necessario per l’adempimento dei suoi obblighi nel luogo di esecuzione.

(2) Il creditore è tenuto a richiedere debitamente un permesso di importazione o un altro permesso ufficiale, necessario per l’accettazione della prestazione nel luogo di esecuzione specificato.

(3) L’obbligo di cui al paragrafo 1 sorge se le autorizzazioni ivi specificate sono richieste al momento dell’esecuzione, indipendentemente dal fatto che fossero già richieste al momento della conclusione del contratto.

(4) Se al richiedente viene legalmente negata una richiesta di autorizzazione, si verificheranno gli effetti dell’impossibilità di esecuzione. La parte che ha chiesto senza successo il permesso è obbligata a risarcire l’altra parte per il danno causato dalla risoluzione dell’obbligo, a meno che il contratto non sia stato concluso con una condizione sospensiva per il rilascio del permesso.

(5) La sezione 47 del codice civile non si applica agli obblighi regolati dalla presente parte della legge.

§ 732

Valuta della passività monetaria
(1) Il debitore è obbligato ad adempiere alla propria obbligazione monetaria nella valuta in cui è stata concordata l’obbligazione monetaria. In caso di dubbio, è obbligato a risarcire nella stessa valuta il danno di cui è responsabile in caso di violazione del contratto o cessazione dell’obbligo.

(2) Se la legislazione dello Stato nel cui territorio il debitore ha la sua sede legale o sede di attività, o residenza, o altra legislazione applicabile impedisce il pagamento nella valuta di cui al paragrafo 1, il debitore è tenuto a risarcire il danno causato al creditore mediante pagamento in un’altra valuta.

§ 733

Conversione di valuta
Se la prestazione monetaria è concordata dalle parti in una determinata valuta e il debitore in virtù di un contratto concluso con il creditore o in virtù di un accordo internazionale o di un’altra normativa legale ha l’obbligo di eseguire in un’altra valuta, il fattore decisivo per la conversione di valuta è il mezzo tasso di cambio tra le due valute prestazione monetaria nel luogo indicato nel contratto, altrimenti nel luogo in cui il creditore ha la sua sede legale o sede di attività, o residenza.

§ 734

Prezzo o commissione usuali
Se la presente legge stabilisce che il prezzo o la commissione usuale è pari all’importo di un’obbligazione monetaria, devono essere presi in considerazione i prezzi e le commissioni usuali sul mercato internazionale.

§ 735

Ritardo nell’adempimento di un obbligo monetario
In caso di ritardato pagamento di un’obbligazione pecuniaria, gli interessi di mora devono essere pagati nella stessa valuta dell’obbligazione pecuniaria.

§ 736

Circostanze che escludono la responsabilità
La mancata concessione di un permesso ufficiale, che deve essere richiesto ai sensi della Sezione 731, non sarà considerata una circostanza che esclude la responsabilità.

§ 737

(1) Quando si applica il § 381, viene preso in considerazione l’importo del profitto normalmente conseguito nello stato in cui ha la sede legale o il luogo di lavoro o la residenza della persona avente diritto.

(2) Quando si applica la Sezione 470, viene preso in considerazione il prezzo corrente, che è concordato nel luogo in cui le merci devono essere consegnate o, in mancanza di tale prezzo, il prezzo corrente in un altro luogo comparabile, tenendo conto tenere conto della differenza nei costi di trasporto.

§ 738

Se il rappresentante di vendita ha una sede legale o una sede di attività o residenza al di fuori del territorio della Repubblica Ceca, il territorio dello stato nel cui territorio il rappresentante di vendita ha una sede legale o una sede di attività o residenza al momento della conclusione dell’agenzia l’accordo è decisivo.

Parte III

Accordi speciali
Sezione 1

Divieto di ulteriori esportazioni
§ 739

Se il contratto di acquisto prevede per iscritto che all’acquirente è vietata la riesportazione della merce acquistata, l’acquirente è responsabile nei confronti del venditore nel caso in cui la merce sia stata esportata da qualcuno dell’area specificata. L’acquirente è tenuto a risarcire il venditore per il danno causatogli dalla violazione di tale obbligo, indipendentemente dal fatto che la merce sia stata esportata dall’acquirente stesso o da qualcun altro e indipendentemente dal fatto che l’acquirente si sia impegnato a non esportare verso altri acquirenti.

§ 740

L’acquirente, che si è assunto l’obbligo di non esportare la merce, è tenuto a dimostrare, su richiesta del venditore, dove si trova la merce o che è stata consumata senza essere stata esportata.

§ 741

Se è dubbio da quale territorio è vietata la riesportazione, si considera il territorio dello stato in cui la merce doveva essere inviata dal venditore ai sensi del contratto di acquisto, altrimenti il ​​territorio dello stato in cui l’acquirente aveva la sua sede legale o sede di attività al momento della consegna., o residenza.

Sezione 2

Accordi di restrizione delle vendite
§ 742

(1) Con un accordo di restrizione della vendita, il venditore si impegna a non vendere determinati beni a una certa cerchia di clienti oa un certo stato, o che venderà questi beni solo in misura limitata o alle condizioni stabilite nell’accordo .

(2) Il presente contratto richiede una forma scritta e la sua validità dipende dalla validità del contratto di acquisto di cui è parte o in relazione al quale è stato stipulato.

§ 743

Se lo scopo dell’accordo ai sensi del § 742 non è l’adempimento degli obblighi stipulati da un accordo internazionale o la prevenzione della violazione dei diritti di proprietà industriale o altri diritti di proprietà intellettuale, questo accordo cesserà di essere vincolante per violazione del contratto da parte dell’acquirente o no. entro due anni dalla consegna.

Sezione 3

Clausola valutaria
§ 744

(1) Se il contratto prevede che il prezzo o altra obbligazione monetaria si intenda a un determinato tasso di cambio della valuta in cui l’obbligazione deve essere adempiuta (valuta coperta) in relazione a una determinata altra valuta (valuta di copertura), e se dopo la conclusione del contratto di variazione del tasso di cambio di entrambe le valute, il debitore è obbligato a pagare un importo ridotto o aumentato in modo che l’importo nella valuta di copertura rimanga invariato.

(2) Se il contratto non specifica quali tassi di cambio sono presi in considerazione, i tassi di cambio centrali pertinenti si considerano validi nello stato in cui il debitore ha la sua sede legale o luogo di lavoro o residenza, al momento di concludere il contratto e nel momento in cui l’obbligo pecuniario è adempiuto.

(3) Se nella clausola viene utilizzata più di una valuta, la media dei tassi di cambio tra la valuta coperta e le valute di copertura è determinante, salvo diversa indicazione nella clausola.

Sezione 4

Contratto di vendita in esclusiva
§ 745

Fornitura di base
(1) Con un contratto di vendita in esclusiva, il fornitore si impegna a non consegnare la merce specificata nel contratto in una determinata area a una persona diversa dal cliente.

(2) Se il contratto non è concluso per iscritto o se non specifica l’area o i tipi di beni a cui si applica il contratto, non è valido.

§ 746

Durante la validità del contratto, il fornitore non può consegnare direttamente o indirettamente la merce specificata a soggetti diversi nell’area riservata dal cliente, oa persone autorizzate dal contratto. Il contratto non priva il fornitore della facoltà di svolgere attività di promozione e ricerche di mercato nell’area riservata.

§ 747

Le vendite individuali nell’ambito di un contratto di vendita in esclusiva vengono effettuate sulla base di accordi di acquisto separati. Parte del contenuto di questi contratti può già essere concordato nel contratto di vendita esclusiva.

§ 748

Se il contratto non specifica il periodo per il quale è concluso, il contratto scade un anno dopo la sua conclusione. Se dal contratto risulta che le parti intendevano concluderlo a tempo indeterminato e non hanno concordato un periodo di preavviso, ciascuna delle parti può risolverlo con effetto alla fine del mese di calendario successivo al mese in cui l’avviso è stato dato all’altra parte.

§ 749

(1) Se il cliente non ha rispettato i tempi per la presa in consegna della merce prevista nel contratto o se prende la merce oggetto del contratto di vendita in esclusiva da un altro fornitore, anche se tale diritto non è stato concesso in contratto, il fornitore può recedere dal contratto per danni.

(2) Se il fornitore consegna in violazione del contratto ad altri clienti, il cliente può recedere dal contratto.

Sezione 5

Accordi commerciali vincolati
§ 750

Contratti dipendenti
Se risulta dal contratto o dalle circostanze in cui il contratto è stato concluso e che sono note ad entrambe le parti al momento della conclusione del contratto che la prestazione ai sensi del presente contratto (contratto principale) dipende dall’esecuzione di un altro contratto (contratto secondario) , si ritiene che l’esecuzione del contratto accessorio costituisca una condizione sospensiva dell’efficacia del contratto principale. Se deve essere o deve essere adempiuto in anticipo rispetto al contratto principale, l’inadempimento del contratto secondario ha natura di condizione sospensiva.

Baratto multilaterale
§ 751

Ai fini della presente legge, le operazioni di baratto multilaterale sono operazioni in cui più persone concludono un contratto o più contratti correlati, in base ai quali le merci devono essere consegnate tra partecipanti aventi la loro sede legale o sede di attività o residenza nel territorio di stati diversi , ma il prezzo è da regolare solo tra i partecipanti che hanno la propria sede legale o sede di attività o residenza nel territorio dello stesso Stato.

§ 752

I rapporti derivanti da operazioni di baratto multilaterale sono regolati dalle disposizioni del contratto di acquisto. Ciascun partecipante ha diritto all’esecuzione del contratto da lui determinato secondo le disposizioni sui contratti a favore di terzi. Tuttavia, i partecipanti non possono annullare o modificare il contratto senza il consenso del partecipante a cui è destinata la prestazione interessata dall’annullamento o dalla modifica.

§ 753

Nessuno dei partecipanti ad una permuta multilaterale può differire la consegna della merce ad un partecipante che ha la propria sede legale o sede di attività o residenza nel territorio di un altro Stato, semplicemente perché non ha adempiuto ad altro partecipante che ha la propria sede o luogo di attività o residenza nel territorio dello stesso Stato.

§ 754

I partecipanti al baratto multilaterale che hanno la loro sede legale o sede di attività o residenza nel territorio dello stesso Stato sono responsabili in solido per l’adempimento di ciascuno di essi nei confronti dei partecipanti che hanno la loro sede legale o sede di attività o residenza nel territorio di un altro stato.

§ 755

Un partecipante a un baratto multilaterale non ha il diritto di recedere dal contratto se uno degli altri partecipanti è in ritardo se un altro partecipante ha già adempiuto ai propri obblighi, a meno che il partecipante che recede dal contratto non risarcisca il danno causato dal recesso dal contratto a un partecipante che abbia già adempiuto al proprio obbligo.

PARTE QUARTA

DISPOSIZIONI COMUNI, TRANSITORIE E FINALI
§ 756

Le disposizioni della presente legge si applicano solo se l’accordo internazionale, che è vincolante per la Repubblica ceca ed è stato pubblicato nella Raccolta delle leggi, non contiene un regolamento diverso.

§ 757

Le disposizioni del § 373 e seguenti si applicheranno mutatis mutandis alla responsabilità per danni causati da una violazione degli obblighi previsti dalla presente legge.

§ 758

(1) Quando si stipulano contratti a cui partecipano solo persone con sede legale o sede di attività o residenza nella Repubblica ceca, le disposizioni della presente legge sulla determinazione del prezzo o della remunerazione forniti per la prestazione si applicano solo se tale determinazione è non in conflitto con le normative legali sui prezzi generalmente vincolanti. In caso contrario, sorge l’obbligo di pagare il prezzo o il compenso nella misura consentita dal presente regolamento.

(2) I prezzi, i compensi e le altre prestazioni pecuniarie che sono oggetto di obblighi derivanti da contratti disciplinati dalla presente legge e sono oggetto di regolamentazione dei regolamenti di cui al paragrafo 1 sono considerati prezzi ai sensi del presente regolamento.

§ 759

Se il contratto, le parti a cui sono persone con sede legale o sede di attività, o residenza nel territorio della Repubblica Ceca, o che hanno una società o una sua unità organizzativa in questo territorio, stabilisce la qualità della materia in conflitto con disposizioni di legge, è consentito l’uso delle disposizioni di queste norme di qualità; ciò non si applica se risulta dal contratto o dalla dichiarazione della parte che deve acquisire la cosa o dall’oggetto della sua attività che la cosa deve essere esportata.

§ 760

Le disposizioni della presente legge sugli obblighi relativi all’applicazione della legge in tribunale, procedimenti giudiziari o decisioni giudiziarie si applicano mutatis mutandis all’applicazione della legge dinanzi a un arbitro, ai procedimenti arbitrali o al lodo arbitrale se sono basati su un arbitrato valido accordo.

§ 761

(1) Il diritto delle organizzazioni statali di gestire la proprietà statale è disciplinato dai regolamenti esistenti, comprese le disposizioni delle sezioni 64, 65 e delle sezioni da 72 a 74b del codice commerciale, fino a un nuovo emendamento alla legge dell’Assemblea federale e nazionale I consigli vengono emessi.

(2) Le disposizioni delle sezioni da 70 a 75 si applicano mutatis mutandis alla liquidazione di persone giuridiche diverse dalle società commerciali, a meno che non abbiano un successore legale e le norme legali che le disciplinano non dispongano diversamente.

§ 762

(1) Le disposizioni che disciplinano una garanzia bancaria, un contratto per l’apertura di una lettera di credito, un contratto di addebito diretto, un contratto di deposito bancario, un contratto di conto corrente, un contratto di conto di deposito si applicano anche ai casi in cui un’altra persona fornisce un fideiussione bancaria e stipula i suddetti accordi, che ha facoltà di farlo.

(2) Le disposizioni del § 187 par.1 let. c), 191, § 211 par.1, § 211 par.3, § 215 e § 216 par.1 della presente legge non si applicano se la Banca nazionale ceca decide di ridurre il capitale sociale della banca ai sensi di una regolamento.

§ 763

(1) La presente legge disciplina i rapporti giuridici sorti dalla sua data di entrata in vigore. I rapporti giuridici stabiliti prima della data di entrata in vigore della presente legge ei diritti da essi derivanti, nonché i diritti derivanti dalla responsabilità per violazione degli obblighi derivanti da contratti economici e di altro tipo stipulati prima della data di entrata in vigore della presente legge sono disciplinati dalla normativa vigente. Tuttavia, i contratti di conto corrente, i contratti di conto di deposito, i contratti di deposito di titoli e altri titoli sono disciplinati dalla presente legge dalla data di entrata in vigore, anche se sono stati conclusi prima di tale data.

(2) Ai sensi della normativa vigente, tutti i termini che hanno avuto inizio prima della data di entrata in vigore della presente legge, nonché i termini per l’esercizio dei diritti che sono regolati dalla normativa vigente ai sensi del paragrafo precedente, devono essere valutati fino alla loro risoluzione,

§ 764

(1) La natura giuridica delle società commerciali pubbliche, delle società in accomandita semplice, delle società a responsabilità limitata e delle società per azioni, che sono state costituite in conformità con le normative vigenti, è disciplinata dalle disposizioni della presente legge dalla data della sua efficacia.

(2) Le disposizioni dell’accordo di partenariato, o lo statuto delle società di cui al paragrafo 1, che contraddicono le disposizioni imperative della presente legge, cesseranno di essere vincolanti il ​​giorno della sua entrata in vigore; i soci, o gli organi delle società, adeguano lo statuto o lo statuto sociale alla modifica della presente legge entro un anno da tale data e li trasmettono al tribunale del registro. Se non lo fanno, sono invitati a farlo dal tribunale di registrazione, che allo stesso tempo fissa un termine ragionevole aggiuntivo nella richiesta. Dopo la scadenza invano di questo periodo aggiuntivo, il tribunale scioglierà la società e ne ordinerà la liquidazione.

(3) Le azioni emesse prima dell’entrata in vigore della presente legge, che sono associate a vantaggi non consentiti dalla presente legge, perderanno tali benefici il giorno dell’entrata in vigore della presente legge.

§ 765

(1) Le cooperative costituite prima dell’entrata in vigore della presente legge devono essere trasformate in società o cooperative ai sensi della presente legge secondo le modalità previste da una legge speciale.

(2) Le cooperative trasformate ai sensi del paragrafo 1 adeguano i propri statuti alla presente legge entro il termine stabilito dalla legge speciale di cui al paragrafo 1. Nel frattempo, presentano al Registro i propri statuti adeguati alla regolamentazione delle cooperative ai sensi della presente legge. Tribunale con richiesta di apportare le modifiche necessarie nel registro delle imprese. Allo stesso tempo, con lo statuto adattato, sottoporrà il verbale dell’assemblea dei soci in cui è stata approvata la modifica dello statuto. La registrazione includerà l’importo approvato del capitale sociale registrato e le azioni dei membri in esso. Inserendo le modifiche, le cooperative esistenti sono considerate cooperative costituite ai sensi della presente legge.

(3) La natura giuridica delle cooperative di cui al paragrafo 1 è disciplinata dalle disposizioni di legge vigenti e dallo statuto fino all’iscrizione delle modifiche nel Registro di commercio ai sensi del paragrafo 2.

(4) Se le cooperative di cui al paragrafo 1 non richiedono modifiche nel Registro di commercio entro il termine stabilito e non lo fanno anche dopo la richiesta del tribunale, il tribunale ordina la liquidazione della cooperativa.

(5) Per la determinazione della quota del saldo di liquidazione si applicano anche le disposizioni della legge speciale di cui al comma 1, che regolano le quote di proprietà del patrimonio netto aziendale di una cooperativa. Se la divisione non è approvata dall’Assemblea generale delle persone autorizzate, il tribunale decide sulla divisione.

§ 766

(1) Fondatori di imprese cooperative ai sensi della legge n. 162/1990 Coll., Sulle cooperative agricole, Legge n. 176/1990 Coll., Su abitazioni, consumatori, cooperative di produzione e altre, fondatori di imprese (strutture economiche) di civica le associazioni ei partecipanti a società miste ai sensi del codice commerciale trasferiranno le dette imprese a società commerciali o cooperative ai sensi della presente legge, entro e non oltre un anno dalla data della sua entrata in vigore, o le aboliranno entro tale termine. Se ciò non avviene, il tribunale ordinerà la liquidazione delle dette società anche senza mozione. Lo stesso vale per le società in accomandita semplice. Le disposizioni del § 69 si applicano mutatis mutandis.

(2) La natura giuridica e le relazioni interne delle persone giuridiche di cui al comma 1 fino alla loro trasformazione in società commerciali o cooperative, o fino al loro scioglimento, sono disciplinate dalle norme di legge vigenti.

(3) Se il fondatore delle persone giuridiche di cui al paragrafo 1 è una cooperativa, il periodo di un anno specificato nel paragrafo 1 decorre dall’entrata in vigore di una legge speciale (§ 765 paragrafo 1).

§ 767

(1) La liquidazione delle persone giuridiche ai sensi delle sezioni 764 e 766 deve essere eseguita in conformità con le disposizioni della presente legge. Tuttavia, il saldo di liquidazione viene distribuito secondo i regolamenti, statuti, statuti, società o altri contratti esistenti; se la divisione non è così regolamentata, si applicano mutatis mutandis le disposizioni della presente legge, il cui contenuto è il più vicino possibile alla forma della persona giuridica liquidata.

(2) La durata di altre entità giuridiche impegnate in attività commerciali diverse da quelle elencate nelle sezioni da 764 a 766 e sorte prima dell’entrata in vigore della presente legge ai sensi delle precedenti normative legali rimane inalterata dalla presente legge. La loro natura giuridica e i rapporti giuridici interni sono regolati dalla legislazione in base alla quale sono stati stabiliti.

§ 768

(1) Si considerano iscrizioni nel registro delle imprese ai sensi della presente legge le iscrizioni nel registro delle imprese tenuto in conformità alla normativa vigente.

(2) Le persone giuridiche che, ai sensi della normativa vigente, saranno iscritte nel Registro delle Imprese saranno iscritte nel Registro delle Imprese dall’entrata in vigore della presente Legge.

(3) Le iscrizioni nel registro delle imprese che non sono conformi alle disposizioni della presente legge devono essere conformate alla presente legge entro un anno dalla sua entrata in vigore. Se la persona registrata non lo fa, il tribunale la inviterà a modificare la registrazione e fisserà un termine ragionevole. Questo non si applica alle persone giuridiche elencate nel § 766.

(4) Le persone giuridiche o le loro unità organizzative che sono registrate nel registro delle imprese ai sensi della presente legge e non sono registrate nel registro delle imprese alla data di entrata in vigore della presente legge sono obbligate a presentare una proposta di iscrizione entro sei mesi dell’entrata in vigore della presente legge.

§ 769

L’obbligo di pubblicazione dei dati previsto dalla presente legge è adempiuto con la loro pubblicazione nella Gazzetta Commerciale.

§ 770

Il governo della Repubblica Ceca stabilirà mediante regolamento l’ambito e le modalità di pubblicazione dei dati richiesti dalla presente legge e i dettagli sulle modalità di documentazione dei fatti iscritti nel registro delle imprese.

§ 771

Il Governo della Repubblica Ceca emanerà regolamenti di attuazione ai sensi della Sezione 629 mediante regolamento.

§ 772

Vengono cancellati i seguenti:

1. Sezione 352 del codice civile n. 141/1950 Coll.,

2. Legge n. 101/1963 Coll., Sulle relazioni legali nel commercio internazionale (codice del commercio internazionale),

3. Codice economico n. 109/1964 Coll., Come modificato dalla legge n. 82/1966 Coll., Misura legislativa n. 13/1967 Coll., Legge n. 69/1967 Coll., Legge n. 72/1970 Coll. ., Legge n. 138/1970 Coll., Legge n. 144/1975 Coll., Legge n. 165/1982 Coll., Legge n. 98/1988 Coll. e legge n. 103/1990 Coll.,

4. Legge n. 173/1988 Coll., Su un’impresa con proprietà straniera, modificata dalla legge n. 112/1990 Coll.,

5. Legge n. 67/1989 Coll., Sulla pianificazione economica nazionale,

6. Legge n. 104/1990 Coll., Sulle società per azioni,

7. Legge n. 162/1990 Coll., Sulle cooperative agricole,

8. Legge n. 176/1990 Coll., Su abitazioni, consumatori, produzione e altre cooperative,

9. Sezione 1 paragrafo 2, sezione 3 paragrafo 2 e sezione 4 della legge n. 174/1950 Coll., Sulle aste fuori esecuzione,

10. Legge n. 42/1980 Coll., Sulle relazioni economiche con l’estero, modificata dalla legge n. 102/1988 Coll. e Legge n. 113/1990 Coll., ad eccezione delle disposizioni dei § 2, 3, da 13 a 16, § 17 par. c), § 18 par.1, § 19 par.1 lett. i), § 22 lettera j), § da 43 a 56, 58 e 64,

11. § 13 paragrafo 1 e § 16 paragrafo 3 della legge n. 83/1990 Coll., Sull’associazione dei cittadini,

12. Regolamento del governo della Repubblica federale ceca e slovacca n. 81/1989 Coll., Sulla negoziazione obbligatoria dei rapporti fornitore-cliente e sulla specificazione degli output vincolanti del piano statale per le forniture di produzione,

13. Regolamento del Governo della Repubblica Federale Ceca e Slovacca n. 256/1990 Coll., Che stabilisce le esportazioni e le importazioni di merci e altre attività per la cui realizzazione è richiesta un’autorizzazione per attività di commercio estero,

14. Regolamento del Governo della Repubblica Federale Ceca e Slovacca n. 132/1991 Coll., Che stabilisce i casi in cui un’impresa con proprietà straniera può essere stabilita senza permesso,

15. Decreto del Ministero della Difesa Nazionale n. 118/1964 Coll., Che fissa le condizioni di base per la fornitura di prodotti e lavori di sviluppo destinati a garantire la difesa dello Stato, come modificato dal Decreto n. 144/1989 Coll. ,

16. Decreto dei Ministeri dell’ingegneria generale e dell’ingegneria pesante n. 135/1964 Coll., Che stabilisce le condizioni di base per la fornitura di prodotti di ingegneria, come modificato dal decreto n. 57/1972 Coll., N. 107/1981 Coll. . e n. 28/1990 Coll.,

17. Decreto del Ministero dell’Ingegneria Generale n. 136/1964 Coll., Che emana le condizioni di base per la fornitura di riparazioni di prodotti di ingegneria, come modificato dal Decreto n. 27/1990 Coll.,

18. Decreto del Ministero dell’Ingegneria Generale n. 137/1964 Coll., Che stabilisce le condizioni di base per la fornitura di riparazioni di veicoli stradali per il trasporto a motore, come modificato dal Regolamento del Governo n. 38/1966 Coll. e decreto n. 26/1990 Coll.,

19. Decreto dell’Amministrazione statale delle riserve materiali n. 174/1964 Coll., Che stabilisce le condizioni di base per la fornitura di riserve statali, come modificato dal decreto n. 181/1989 Coll.,

20. Decreto della Commissione statale per la tecnologia, Ministero delle finanze e arbitro capo della Repubblica socialista cecoslovacca n. 87/1966 Coll., Su alcune misure economiche nella costruzione del capitale, come modificato dal regolamento governativo della Repubblica socialista cecoslovacca n. 136 / 1973 Coll.,

21. Decreto del Ministero dell’agricoltura e della nutrizione e del Ministero delle foreste e della gestione delle acque n. 73/1967 Coll., Che stabilisce le condizioni di base per la fornitura di riparazioni di attrezzature di meccanizzazione agricola e forestale, campo e movimento terra, chimica e altro lavori agricoli, come modificato dal Decreto n. 147/1989 Coll.,

22. Decreto dei Ministeri dell’Industria Chimica, Edilizia, Industria dei Consumatori, Industria Pesante e Commercio Estero n. 187/1968 Coll., Che stabilisce i periodi di garanzia per le forniture per la costruzione di edifici residenziali,

23. Decreto del Ministero federale dei trasporti n. 152/1971 Coll., Sugli obblighi economici nel trasporto di merci su strada,

24. Decreto del Ministero federale dei trasporti n. 156/1971 Coll., Sugli obblighi economici nel trasporto di merci per via d’acqua domestica,

25. Decreto del Presidente della Banca di Stato del Ministero delle Finanze cecoslovacco e federale n. 118/1972 Coll., Sulle operazioni di tesoreria nelle organizzazioni socialiste,

26. Decreto del Ministero federale per lo sviluppo tecnico e degli investimenti n. 101/1973 Coll., Sui concorsi di progetto, come modificato dal decreto n. 124/1991 Coll.,

27. Decreto dell’Arbitrato di Stato della Repubblica Socialista Cecoslovacca n. 104/1973 Coll., Che stabilisce le condizioni di base per la fornitura di lavori di costruzione,

28. Decreto del Ministero federale per lo sviluppo tecnico e degli investimenti e l’arbitrato statale della Repubblica socialista cecoslovacca n. 77/1977 Coll., Sulla regolamentazione centrale dei prodotti e dei materiali da costruzione,

29. Decreto del Ministero federale della metallurgia e dell’ingegneria pesante n. 82/1977 Coll., Che stabilisce le condizioni di base per la fornitura di prodotti metallurgici, minerali, prodotti di magnesite e rifiuti metallici, come modificato dal decreto n. 30/1990 Coll. .,

30. Decreto del Ministero Federale dei Combustibili e dell’Energia n. 106/1977 Coll., Che stabilisce le condizioni di base per la fornitura di combustibili solidi, come modificato dal decreto n. 1/1987 Coll. e decreto n. 3/1990 Coll.,

31. Decreto dell’Arbitrato di Stato della Repubblica Socialista Cecoslovacca n. 44/1978 Coll., Che stabilisce le condizioni di base per la fornitura di prodotti dell’industria chimica, come modificato dai Decreti n. 26/1982 Coll. e n. 12/1988 Coll.,

32. Decreto del Ministero Federale dell’Agricoltura e della Nutrizione n. 84/1978 Coll., Che stabilisce le condizioni di base per la fornitura di riparazioni di macchine agricole, come modificato dal decreto n. 148/1989 Coll.,

33. Decreto del Ministero Federale dei Trasporti n. 1/1980 Coll., Che stabilisce le condizioni di base per la fornitura di lavoro aereo in agricoltura, silvicoltura e gestione delle acque, come modificato dal decreto n. 37/1990 Coll.,

34. Decreto dell’Arbitrato di Stato della Repubblica Socialista Cecoslovacca n. 28/1980 Coll., Che stabilisce le condizioni di base per la fornitura di prodotti di stampa, come modificato dal decreto n. 199/1989 Coll.,

35. Decreto dell’Arbitrato di Stato della Repubblica Socialista Cecoslovacca n. 38/1980 Coll., Che stabilisce le condizioni di base per la fornitura di prodotti forniti dalle organizzazioni di categoria interna, come modificato dal decreto n. 200/1989 Coll.,

36. Decreto del Ministero Federale del Commercio Estero n. 61/1980 Coll., Sulla costituzione e le attività delle unità organizzative delle entità legali cecoslovacche all’estero,

37. Decreto del Ministero federale del commercio estero n. 62/1980 Coll., Sul controllo delle attività di commercio estero,

38. Decreto del Ministero federale del commercio estero e del Ministero federale per lo sviluppo tecnico e degli investimenti n. 64/1980 Coll., Sulla procedura per il trattamento dei diritti industriali e delle conoscenze tecniche di produzione in relazione ai paesi esteri,

39. Decreto del Ministero federale del commercio estero n. 140/1980 Coll., Sul controllo preventivo delle merci esportate e importate e sul certificato di uso e utilizzazione delle merci importate,

40. Decreto dell’Arbitrato di Stato della Repubblica Socialista Cecoslovacca n. 27/1981 Coll., Che stabilisce le condizioni di base per la fornitura di prodotti medici e veterinari, come modificato dal decreto n. 142/1989 Coll.,

41. Decreto del Ministero federale del commercio estero n. 53/1981 Coll., Sulle condizioni per la fornitura di servizi economici esteri nel settore dei trasporti,

42. Decreto del Ministero della Cultura della Repubblica Socialista Ceca n. 57/1981 Coll., Sulla concessione, modifica e revoca dei permessi per la fornitura di servizi economici stranieri nel campo della cultura e sul controllo di questi servizi,

43. Decreto del Ministero della Cultura della Repubblica Socialista Slovacca n. 61/1981 Coll., Sulla concessione, modifica e revoca dei permessi per la fornitura di servizi economici stranieri nel campo della cultura e sul controllo di questi servizi,

44. Decreto dell’Arbitrato di Stato della Repubblica Socialista Cecoslovacca n. 91/1981 Coll., Che stabilisce le condizioni di base per la fornitura di ortaggi e frutta tra organizzazioni di categoria interna e per la trasformazione industriale, come modificato dal decreto n. 180/1989 Coll.,

45. Decreto del Ministero federale delle finanze n. 179/1982 Coll., Sulla portata e le condizioni dell’assicurazione contrattuale delle organizzazioni socialiste,

46. Decreto del Ministero federale per lo sviluppo tecnico e degli investimenti n. 181/1982 Coll., Sulle condizioni di base della fornitura per garantire lo sviluppo scientifico e tecnico, modificato dal decreto n. 154/1989 Coll.,

47. Decreto del Ministero della Salute della Repubblica Socialista Ceca n. 23/1983 Coll., Sulla concessione, modifica e revoca dei permessi per la fornitura di servizi economici esteri nel campo delle cure termali e sul controllo di questi servizi,

48. Decreto dell’Arbitrato di Stato della Repubblica Socialista Cecoslovacca n. 24/1983 Coll., Sulle condizioni di base per la fornitura di materie prime collettive, come modificato dal decreto n. 140/1989 Coll.,

49. Decreto del Ministero federale del commercio estero n. 104/1983 Coll., Sull’importazione di quote di investimento,

50. Decreto del Ministero federale dei trasporti n. 8/1984 Coll., Sulle condizioni di base di alcune attività svolte dalle Ferrovie dello Stato cecoslovacche in relazione ai trasporti,

51. Decreto dell’Arbitrato di Stato della Repubblica Socialista Cecoslovacca n. 11/1984 Coll., Sulle condizioni di base per la fornitura di materiali da costruzione e componenti,

52. Decreto del Ministero della Salute della Repubblica Socialista Slovacca n. 61/1984 Coll., Sulla concessione, modifica e revoca dei permessi per la fornitura di servizi economici esteri nel campo delle cure termali e sul controllo di questi servizi,

53. Decreto del Ministero federale della metallurgia e dell’ingegneria pesante, Ministero federale dell’ingegneria generale e Ministero federale dell’ingegneria elettrica n. 13/1985 Coll. 29/1990 Coll.,

54. Decreto dell’Ufficio federale di statistica n. 49/1985 Coll., Sulle condizioni di base per la fornitura di lavori e servizi nel campo del trattamento automatizzato dei dati, come modificato dal decreto n. 170/1989 Coll.,

55. Decreto del Ministero federale del commercio estero, del Ministero federale della metallurgia e dell’ingegneria pesante, del Ministero federale dell’ingegneria generale e del Ministero federale dell’ingegneria elettrica n. 31/1986 Coll., Sulle condizioni di base per la fornitura di esportazione unità di investimento,

56. Decreto del Ministero federale dell’agricoltura e dell’alimentazione n. 130/1988 Coll., Sui principi di vendita dei prodotti agricoli ai membri e ai dipendenti delle organizzazioni socialiste con produzione agricola,

57. Decreto del Ministero federale dell’agricoltura e della nutrizione n. 155/1988 Coll., Sulle condizioni di base per la fornitura di prodotti agricoli,

58. Decreto del Ministero federale dell’agricoltura e della nutrizione n. 156/1988 Coll., Sulle condizioni di base per la fornitura di cibo e di alcuni altri prodotti,

59. Decreto del Ministero federale dei trasporti e delle comunicazioni n. 143/1989 Coll., Sul contratto di preparazione delle spedizioni di vagoni ferroviari,

60 ° decreto dell’arbitrato statale della Repubblica socialista cecoslovacca n. 57/1990 Coll., Sulla deroga temporanea agli obblighi economici dalle disposizioni del § 295 par. Edilizia e industria edile della Repubblica socialista slovacca,

61. Decreto del Ministero federale del commercio estero n. 265/1990 Coll., Sulla costituzione e il funzionamento di agenzie commerciali di persone straniere,

62. Decreto del Ministero federale del commercio estero n. 533/1990 Coll., Sulla concessione di permessi per attività di commercio estero, sullo svolgimento di attività di commercio estero senza registrazione o permessi e sullo svolgimento di attività di commercio estero da parte di persone straniere,

63. Decreto della Banca di Stato della Cecoslovacchia n. 386/1991 Coll., Sul sistema di pagamento e regolamento,

64. Decreto della Banca di Stato della Cecoslovacchia n. 414/1991 Coll., Sul sistema di pagamento e regolamento interbancario,

65. Decreto del Ministero federale dei trasporti n. 17.525 / 1981, sulla procedura delle organizzazioni cecoslovacche nella fornitura di servizi economici esteri nel trasporto di merci (registrato nella sezione 33/1981 Coll.),

66. Decreto dell’Arbitrato Statale della Repubblica Socialista Cecoslovacca n. 2/1984 del 15 novembre 1984, che prevede una regolamentazione deviante degli obblighi economici per la costruzione di parti di energia nucleare della centrale di Temelín (registrata nella sezione 1/1985 Coll.),

67. Decreto del Ministero del Commercio Interno n. 4/1952 GU l., che emana regolamenti più dettagliati sulle aste fuori esecuzione,

68. le condizioni di base per la fornitura di prodotti esportati dalle organizzazioni per il commercio estero Chemapol Prague e Chemapol Bratislava, emanate dal Ministro del Commercio estero il 25 luglio 1964, come modificate dal decreto n. 12/1977 della Gazzetta ufficiale del Ministero federale del commercio estero,

69. condizioni di base per la fornitura di prodotti importati dalle organizzazioni per il commercio estero Chemapol Prague e Chemapol Bratislava, emanate dal Ministro del Commercio estero il 25 luglio 1964, come modificate dal Supplemento del 30 marzo 1965 e dal Decreto del Ministero Federale degli Affari Esteri Commercio n. 10/1977 commercio,

70. le condizioni di base per la fornitura di prodotti esportati dalle organizzazioni per il commercio estero Metalimex e Kerametal, emanate dal ministro del Commercio estero il 25 luglio 1964, come modificate dal decreto n. 27/1977 della Gazzetta ufficiale del Ministero federale del commercio estero ,

71. le condizioni di base per la fornitura di prodotti importati dalle organizzazioni per il commercio estero Metalimex e Kerametal, emanate dal Ministro del Commercio estero il 25 luglio 1964, come modificate dal Supplemento del 30 marzo 1965 e dal Decreto n. 26/1977 del Ministero del Commercio Estero Ministero del Commercio Estero,

72. le condizioni di base per la fornitura di prodotti esportati dall’impresa di commercio estero Pragoexport, emanate dal ministro del Commercio estero il 25 luglio 1964, come modificate dal decreto n. 11/1977 della Gazzetta ufficiale del ministero federale del Commercio estero,

73. le condizioni di base per la fornitura di prodotti esportati dalle organizzazioni per il commercio estero Ligna Praha e Drevounia Bratislava, emanate dal Ministro del Commercio estero il 25 luglio 1964, come modificate dal decreto n. 13/1977 della Gazzetta ufficiale del Ministero federale del commercio estero,

74. condizioni di base per la fornitura di prodotti importati dalle organizzazioni per il commercio estero Ligna Praha e Drevounia Bratislava, emanate dal Ministro del Commercio estero il 25 luglio 1964, come modificate dalla modifica del 30 marzo 1965 e dal Decreto del Ministero Federale degli Affari Esteri Rivista n. 9/1977 del Ministero federale del commercio estero,

75. le condizioni di base per la fornitura di prodotti esportati dall’impresa cecoslovacca per il commercio estero della ceramica, emanate dal ministro del Commercio estero il 25 luglio 1964, come modificate dal decreto n.

76. condizioni di base per la fornitura di prodotti importati dall’impresa cecoslovacca del commercio estero della ceramica, emanate dal ministro del Commercio estero il 25 luglio 1964, come modificate dal supplemento del 30 marzo 1965 e dal decreto n. 24/1977 del ministero federale Commercio estero commercio estero,

77. le condizioni di base per la fornitura di prodotti di ingegneria per l’esportazione, emanate dal ministro del Commercio estero il 25 luglio 1964, come modificate dal decreto n. 5/1977 della Gazzetta ufficiale del Ministero federale del commercio estero,

78. le condizioni di base per la fornitura di prodotti di ingegneria importati, emanate dal Ministro del Commercio estero il 25 luglio 1964, come modificate dal Supplemento del 30 marzo 1965 e dal Decreto n. 5/1980 della Gazzetta Ufficiale del Ministero Federale del Commercio Estero ,

79. le condizioni di base per la fornitura di prodotti esportati dalle organizzazioni per il commercio estero Centrotex, Exico e Karaexport, emanate dal Ministro del Commercio estero il 25 luglio 1964, come modificato dal decreto n. 6/1979 della Gazzetta ufficiale del Ministero federale del Commercio estero,

80. le condizioni di base per l’approvvigionamento di materie prime, materiali e prodotti importati dalle organizzazioni per il commercio estero Centrotex, Exico e Karaexport, emanate dal Ministro del Commercio estero il 25 luglio 1964, come modificate dal Supplemento del 30 marzo 1965 e dal Decreto del Ministero Federale del Commercio Estero n. 5/1979 Gazzetta del Ministero Federale del Commercio Estero,

81. le condizioni di base per la fornitura di prodotti esportati dall’impresa di commercio estero Ferromet, emanate dal ministro del Commercio estero il 25 luglio 1964, come modificate dal decreto n. 7/1978 della Gazzetta ufficiale del Ministero federale del commercio estero,

82. condizioni di base per la fornitura di prodotti importati dalla società di commercio estero Artia a come Slovart, emanate dal ministro del Commercio estero il 25 luglio 1964, come modificate dalla modifica del 30 marzo 1965 e dal decreto del Ministero federale del commercio estero N. 19/1981 il Ministero Federale del Commercio Estero,

83. condizioni di base per la fornitura di prodotti esportati dalla società di commercio estero Artia a come Slovart, emanate dal ministro del Commercio estero il 25 luglio 1964, come modificate dalla modifica del 30 marzo 1965 e dal decreto del Ministero federale del commercio estero N. 18/1981 il Ministero Federale del Commercio Estero,

84. le condizioni di base di consegna per l’esportazione di prodotti alimentari e agricoli, emanate dal Ministro del Commercio estero il 25 luglio 1964, come modificate dal decreto n. 33/1977 della Gazzetta ufficiale del Ministero federale del commercio estero,

85. condizioni di base per l’approvvigionamento di derrate alimentari e prodotti agricoli di importazione, emanate dal Ministro del Commercio Estero il 25 luglio 1964, come modificate dal Supplemento del 30 marzo 1965 e dal Decreto del Ministero Federale del Commercio Estero n. 19/1983 della Gazzetta ufficiale del Ministero federale degli affari esteri,

86. Decreto del Ministero federale del commercio estero del 7 luglio 1978 che stabilisce le condizioni di base per la fornitura di prodotti in vetro esportati da Skloexport, as.

§ 773

Le disposizioni dei regolamenti sui trasporti e dei regolamenti di attuazione della legge n. 61/1952 Coll., Sulla navigazione marittima, sulla responsabilità per danni a una spedizione, sono inapplicabili se sono in conflitto con le sezioni 622 e 624 della presente legge; le altre disposizioni del presente regolamento rimangono inalterate.

§ 774

Il decreto del Ministero federale delle finanze n. 63/1989 Coll., Sui verificatori (revisori) e sulle loro attività, si applica dopo l’efficacia della presente legge anche per le attività dei revisori ai sensi dell’articolo 39 della presente legge, fino alla nuova legge regolamento.

§ 775

La presente legge entra in vigore il 1 ° gennaio 1992.

Disposizioni transitorie introdotte dalla legge n. 142/1996 Coll. Arte. II
1. Le società per azioni iscritte nel registro delle imprese alla data di entrata in vigore della presente legge sono tenute ad adeguare il loro statuto alla nuova legislazione entro il 30 giugno 1997. Disposizioni statutarie che sono in conflitto con l’articolo I della presente legge cesserà di essere valido alla data della sua entrata in vigore.

2. Se il procedimento è già stato avviato in materia di iscrizione nel registro delle imprese alla data di entrata in vigore della presente legge, sarà completato in conformità con la legislazione vigente, a meno che il firmatario ritiri la proposta o la modifichi.

3. Se l’assemblea generale di una società per azioni decide di aumentare o diminuire il capitale sociale, annullare la negoziazione pubblica di azioni, modificare la forma delle azioni o limitare la trasferibilità prima della data di entrata in vigore della presente legge, si applicano le norme vigenti, a meno che l’assemblea generale decide diversamente.

4. Se la presente legge richiede che una società per azioni crei un fondo di riserva a causa dell’acquisizione di proprie azioni, è obbligata a creare questo fondo di riserva in relazione alle azioni che possiede a partire dalla data di entrata in vigore della presente legge, no successivamente al 30 giugno 1997, in caso contrario è obbligato a possedere azioni o certificati provvisori o ridurre il capitale sociale del loro valore nominale. Se la società non adempie a tale obbligo, il tribunale può annullarlo senza mozione e ordinare la sua liquidazione.

5. Le persone che, alla data di entrata in vigore della presente legge, raggiungono una quota dei diritti di voto specificati nella Sezione 183d, sono obbligate ad adempiere all’obbligo di notifica specificato in questa disposizione entro 60 giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge.

6. Se, a partire dalla data di entrata in vigore della presente legge, l’entità controllata o l’entità controllata dall’entità controllata possiede azioni nell’entità controllante, le disposizioni della Sezione 161f del 1 ° gennaio 1997 si applicheranno a tali azioni i termini entro i quali l’entità controllata è obbligata a disporre delle azioni dell’entità controllante.

7. Se, a partire dalla data di entrata in vigore della presente legge, un azionista detiene una quota di azioni della società quotate in borsa nella misura in cui stabilisce l’obbligo di redigere un progetto pubblico di acquisto di azioni ai sensi del § 183b, non è obbligato a un progetto pubblico di contratto di acquisto di azioni a meno che non sussistano le condizioni per il verificarsi di un obbligo ai sensi della Sezione 183b.

9. Se la presente legge richiede l’iscrizione di determinati dati nel registro delle imprese, le persone iscritte nel registro delle imprese sono obbligate a presentare una proposta di autorizzazione all’inserimento di tali dati entro il 31 dicembre 1996.

10. Se i dirigenti, i membri dei consigli di amministrazione e dei consigli di sorveglianza non soddisfano i requisiti di cui alla sezione 194 (7) dalla data di entrata in vigore della presente legge, il loro ufficio scadrà il 31 dicembre 1996 se non soddisfano tali requisiti a quel punto.

11. Le persone iscritte nel registro delle imprese alla data di entrata in vigore della presente legge sono obbligate a depositare nella raccolta dei documenti la formulazione completa degli articoli costitutivi e degli statuti e presentare una proposta di registrazione dei dati richiesti dalla presente legge non più tardi rispetto al 30 giugno 1997. bilancio dell’esercizio 1996.

12. Se è stato pubblicato un avviso dell’Assemblea generale o è stato inviato un invito all’Assemblea generale a partire dalla data di entrata in vigore della presente legge, si dovrà valutare se la convocazione dell’Assemblea generale sia corretta, in conformità con i regolamenti esistenti .

13. Se, alla data di entrata in vigore della presente legge, è stata presa una decisione in merito a una fusione, fusione, scissione o trasformazione della società, si applicano le norme vigenti.

Disposizioni comuni introdotte dalla legge n. 370/2000 Coll. Arte. VII
1. Quando la legislazione utilizza il termine “capitale sociale”, si intende “capitale sociale”.

2. Quando la legislazione utilizza il termine “capitale sociale”, significa “capitale sociale”.

3. Se la legislazione in vigore prima del 1 ° gennaio 2001 utilizza il termine “nome commerciale”, si intende, a seconda dei casi, “ragione sociale” o “società, nome e cognome di una persona fisica, inclusa l’appendice o il nome di una persona giuridica “.

4. Quando la presente legge utilizza il termine “rendiconti finanziari annuali”, significa “rendiconti finanziari regolari”.

Disposizioni transitorie alla parte uno sono state introdotte dalla legge n. 370/2000 Coll. Arte. VIII
1. Le modifiche dei termini risultanti dalla parte prima, che riguardano i dati inseriti nel registro delle imprese, devono essere apportate dal tribunale del registro nel registro delle imprese senza mozione e senza procedimento entro due anni dalla data di entrata in vigore di questa legge.

2. Se la presente legge impone a una persona che non sorge il giorno dell’iscrizione nel registro delle imprese l’obbligo di iscriversi nel registro delle imprese, questa persona è obbligata a presentare una proposta di iscrizione nel registro delle imprese entro sei mesi dal data di entrata in vigore della presente legge.

3. Se la presente legge impone l’obbligo di registrare nel registro di commercio un fatto che non è stato ancora registrato o di depositare un documento nella raccolta di documenti che non è stato ancora depositato, la persona alla quale tale obbligo porta la prova deve depositare una proposta di iscrizione nel registro di commercio o di raccolta di documenti entro un anno dalla data di entrata in vigore della presente legge, a meno che questa non disponga diversamente. Tali obblighi non si applicano alle registrazioni e ai documenti relativi alla trasformazione di persone giuridiche avvenuta in base alla normativa vigente.

4. I documenti commerciali esistenti prestampati (§ 13a), che non hanno i requisiti previsti dalla presente legge, possono essere utilizzati per un periodo massimo di sei mesi dall’entrata in vigore della presente legge. Gli imprenditori sono obbligati ad adeguare la propria azienda ai requisiti della presente legge entro due anni dalla data di entrata in vigore.

5. Se la società è già stata costituita prima della data di entrata in vigore della presente legge, la società procederà fino alla costituzione della società in conformità con le disposizioni legali esistenti, a meno che i fondatori non concordino la procedura ai sensi della presente legge.

6. Se prima della data di entrata in vigore della presente legge è stata presa la decisione di aumentare o diminuire il capitale sociale della società, l’aumento o la diminuzione del capitale sociale nel Registro delle Imprese procederà secondo le disposizioni di legge vigenti, a meno che il L’assemblea generale decide entro tre mesi dalla presente legge che questa legge deve essere seguita.

7. Se una decisione sullo scioglimento o la trasformazione della società è stata decisa prima della data di entrata in vigore della presente legge, si applicano le disposizioni di legge vigenti, a meno che gli azionisti o l’organo competente della società non decidano entro tre mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge per applicare la procedura ai sensi della presente legge. Le ragioni che precludono la possibilità di intentare un’azione di nullità della delibera dell’Assemblea si applicano anche alla decisione di scioglimento senza liquidazione della società, presa prima della data di entrata in vigore della presente legge. Le disposizioni della presente legge per la protezione dei creditori e le disposizioni relative ai supplementi di liquidazione si applicano anche ai casi in cui la decisione di sciogliere la società è stata presa prima della data di entrata in vigore della presente legge e non è stata iscritta nel registro delle imprese a partire dal la data di entrata in vigore della presente legge.

8. Se una bozza pubblica del contratto di acquisto di azioni è stata redatta prima della data di entrata in vigore della presente legge, si applicano le disposizioni legali esistenti.

9. Se una decisione è stata presa ai sensi della Sezione 186a prima della data di entrata in vigore della presente Legge, si applicano le disposizioni legali esistenti.

10. Se un avviso di dimissioni è stato consegnato alla società prima della data di entrata in vigore della presente legge ai sensi della sezione 66, paragrafo 1, devono essere seguite le disposizioni legali esistenti.

11. Se un contratto di controllo o un contratto di trasferimento degli utili, un contratto di locazione per una società o parte di esso è stato concluso prima della data di entrata in vigore della presente legge, le parti dell’accordo sono obbligate ad adattarlo ai requisiti della presente Act, presentare una proposta di iscrizione nel registro delle imprese e depositare i documenti dell’accordo entro un anno dalla data di entrata in vigore della presente legge. L’accordo di controllo o l’accordo sul trasferimento dell’utile o sulla locazione della società o di una sua parte deve essere approvato dall’Assemblea generale ai sensi della presente legge entro un anno dalla data di entrata in vigore della presente legge, altrimenti scade.

12. Le disposizioni della Sezione 66a, Paragrafi 14 e 15 sulla responsabilità e la responsabilità si applicheranno alle responsabilità dopo la data di entrata in vigore della presente Legge.

13. Se i procedimenti per lo scioglimento della società ai sensi della Sezione 69b sono stati avviati prima della data di entrata in vigore della presente legge, il tribunale continuerà il procedimento ai sensi delle disposizioni della presente legge sull’invalidità della società.

14. Le disposizioni sulla responsabilità dei soci di una società a responsabilità limitata ai sensi della presente legge non si applicano alle responsabilità sorte prima della data di entrata in vigore della presente legge.

15. Le disposizioni della presente legge sulla forma dell’accordo di partenariato, dell’accordo istitutivo, dello statuto e dei loro emendamenti non si applicano agli accordi di partenariato, agli accordi istitutivi, allo statuto e ai loro emendamenti concordati o risolti prima della data di entrata in vigore della presente legge.

16. Le disposizioni della Sezione 120, Paragrafi 2 e 3 si applicano anche, dalla data di entrata in vigore della presente Legge, alle azioni aziendali acquisite da una società o da una persona da essa controllata prima dell’entrata in vigore della presente Legge.

17. Se i procedimenti sono stati avviati ai sensi degli articoli 131, 183 o 242 prima della data di entrata in vigore della presente legge, il tribunale proseguirà il procedimento ai sensi della presente legge.

18. Le società a responsabilità limitata e le società di capitali costituite ai sensi della normativa vigente non sono tenute ad aumentare il capitale sociale fino all’importo stabilito dalla presente legge, ma non possono decidere di ridurre il capitale sociale al di sotto dell’importo stabilito dalla presente legge. Tuttavia, se queste società aumentano il capitale sociale dopo l’entrata in vigore della presente legge, lo aumenteranno almeno fino a raggiungere l’importo del capitale sociale richiesto dalla presente legge.

19. Se, a partire dalla data di entrata in vigore della presente legge, una persona fisica è l’unico azionista di più di tre società a responsabilità limitata o se l’unico azionista è l’unico azionista di un’altra società, è obbligato a rendere conforme il suo status giuridico con la presente legge entro due anni dalla data di entrata in vigore della presente legge, altrimenti il ​​tribunale può, senza mozione, sciogliere tutte queste società e ordinare la loro liquidazione.

20. Le società sono obbligate a conformare lo statuto e lo statuto alle disposizioni della presente legge entro un anno dalla data di entrata in vigore della presente legge, salvo diversa disposizione delle disposizioni della presente legge, altrimenti il ​​tribunale può sciogliere la società senza mozione e disporre la sua liquidazione. Un partner che abusa della sua posizione nella società o vincola l’adattamento del contratto di partnership o dello statuto a vantaggi ingiustificati e di conseguenza ostacola l’adattamento del contratto di partnership o dello statuto ai requisiti della presente legge è responsabile per altri soci e creditori della società.

21. Salvo disposizione contraria della presente legge, le disposizioni degli accordi di partenariato e degli statuti che disciplinano i diritti e gli obblighi dei partner o delle società in conflitto con le disposizioni imperative della presente legge cesseranno di essere valide alla data di entrata in vigore della presente Atto. Ciò non si applica alle regole sulla convocazione di un’assemblea generale.

22. Se le azioni nominative sono state date in pegno prima della data di entrata in vigore della presente legge, le disposizioni della presente legge si applicheranno alla vendita di tali azioni costituite in pegno.

23. Se il titolare di un’azione nominativa ha chiesto all’organismo della società il consenso al trasferimento della quota prima della data di entrata in vigore della presente legge e l’organo competente della società non decide in merito alla domanda entro due mesi dal la data di entrata in vigore della presente legge

24. Se prima della data di entrata in vigore della presente legge gli azionisti hanno il diritto di riacquistare azioni nominative ai sensi del § 156 paragrafo 4 del codice commerciale, si applicano le disposizioni legali in vigore, a meno che i partecipanti non concordino entro un mese dalla data di entrata in vigore della presente legge.

25. Le azioni dei dipendenti esistenti cessano di essere un tipo speciale di azioni il giorno in cui l’Assemblea generale decide di cambiare le azioni dei dipendenti in azioni ordinarie senza diritti speciali ai sensi del § 158 o decide di modificare lo Statuto, che regola le condizioni per l’acquisizione di azioni ordinarie da parte dei dipendenti della società ai sensi del § 158 della presente legge, tuttavia, entro due anni dalla data di entrata in vigore della presente legge. Fino ad allora, la legislazione esistente si applicherà alle azioni dei dipendenti.

26. Nel caso in cui a seguito dell’applicazione della presente legge sorga un rapporto tra la persona controllante e la persona controllata, sebbene secondo la normativa vigente non fossero tali persone, sono obbligate a conformare i loro rapporti reciproci questa legge entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, se non hanno ancora avuto tale obbligo. L’entità controllata è obbligata ad alienare la quota o le azioni dell’entità controllante, di cui è proprietaria, entro 18 mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, altrimenti il ​​tribunale può annullarla senza mozione e ordinare la sua liquidazione.

27. L’entità controllata è obbligata a creare un fondo di riserva richiesto ai sensi della presente legge entro 12 mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, se alla data di entrata in vigore della presente legge possiede una o più azioni dell’entità controllante e non ha ancora avuto tale obbligo, altrimenti è obbligato senza indebito differimento di tali azioni o quote di azienda.

28. A partire dalla data di entrata in vigore della presente legge, chi soddisfa le condizioni stabilite nella presente legge per l’obbligo di fare un’offerta pubblica di acquisto, anche se non l’aveva ai sensi della legislazione vigente, non è obbligato a fare un’offerta pubblica di acquisto ai sensi della questo atto.

29. Le persone che alla data di entrata in vigore della presente legge soddisfano le condizioni per il verificarsi della notifica della partecipazione ai diritti di voto ai sensi delle disposizioni della presente legge sono tenute ad adempiere all’obbligo di notifica imposto dalla presente legge entro sei mesi dalla data di entrata in forza della presente legge, a meno che non siano obbligati a notificare un aumento o una riduzione della quota dei diritti di voto prima della scadenza di tale periodo.

30. Se prima della data di entrata in vigore della presente legge l’Assemblea generale è stata convocata il giorno successivo alla data di entrata in vigore della presente legge e il testo dell’invito all’assemblea generale non può più essere modificato, ai requisiti della convocazione all’Assemblea o dell’avviso si applica il regolamento.

31. Le disposizioni della presente legge sugli accordi sull’esercizio dei diritti di voto si applicano anche agli accordi sull’esercizio dei diritti di voto conclusi prima della data di entrata in vigore della presente legge.

32. Le disposizioni della presente legge sull’onere della prova in relazione alla prova dell’adempimento dell’obbligo di agire con la dovuta diligenza non si applicano agli atti che hanno avuto luogo prima della data di entrata in vigore della presente legge.

33. Se, dalla data di entrata in vigore della presente legge, i membri del consiglio di sorveglianza di una società per azioni sono eletti dipendenti di persone che non soddisfano i requisiti della presente legge, il loro mandato scade al più tardi 1 anno dalla data di entrata in vigore della presente legge.

34. Se, a partire dalla data di entrata in vigore della presente legge, l’organo statutario, il suo membro o un membro di un altro organo di una persona giuridica che è un imprenditore, le persone che non soddisfano i requisiti della presente legge o di una normativa legale speciale devono cessano le loro funzioni entro 3 mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge.

35. La validità dei contratti di agenzia conclusi prima della data di entrata in vigore della presente legge deve essere valutata in conformità con le normative legali esistenti. I diritti e gli obblighi delle parti contraenti derivanti da tali contratti conclusi sono regolati dalla presente legge, a meno che la legge non consenta alle parti contraenti di concordare diversamente.

36. Le disposizioni della presente legge, che stabiliscono chi può essere un partner di una società pubblica e un socio accomandatario, non si applicano alle persone che sono tali partner a partire dalla data di entrata in vigore della presente legge, a meno che non perdano questa capacità dopo l’entrata in vigore della presente legge.

37. Le licenze commerciali o altre licenze commerciali rilasciate a partire dalla data di entrata in vigore della presente legge o altri permessi, consensi o documenti simili a nome commerciale di persone fisiche non scadono e non devono essere conformi al § 8 e segg. codice commerciale.

38. Le disposizioni degli accordi di società tacita che sono in conflitto con le disposizioni coercitive della presente legge cesseranno di avere effetto alla data di entrata in vigore della presente legge.

39. La disposizione del § 369 paragrafo 1 sugli interessi di mora si applicherà anche ai rapporti stabiliti prima dell’entrata in vigore della presente legge, se il ritardo si è verificato in qualsiasi momento dalla data di entrata in vigore della presente legge.

Disposizioni transitorie introdotte dalla legge n. 88/2003 Coll. Arte. II
1. Le disposizioni dell’articolo I, punto 3, si applicano per la prima volta dal periodo contabile che inizia nel 2002.

2. Procedimenti ai sensi della Sezione 131, Paragrafi 1 e 2 del Codice di commercio avviato prima della data di entrata in vigore della Legge n. 501/2001 Coll. deve essere completata in conformità con la legislazione in vigore il 31 dicembre 2001, se il tribunale non ha ancora deciso sulla nomina di un rappresentante comune alla data di entrata in vigore della presente legge.

La disposizione transitoria è stata introdotta dalla legge n. 344/2007 Coll. Arte. II
L’obbligo di preparare e depositare documenti depositati nella raccolta di documenti in lingua ceca ai sensi della Sezione 38k paragrafo 4 del Codice commerciale non si applica ai documenti depositati nella raccolta di documenti prima della data di entrata in vigore della presente legge.

Disposizioni transitorie introdotte dalla legge n. 104/2008 Coll. § 66
1. Se l’azionista principale ha esercitato il suo diritto ai sensi del § 183i paragrafo 1 o se l’Assemblea generale ha approvato l’accordo di fusione alle condizioni ai sensi del § 220m paragrafo 1 o 2 della legge n. 513/1991 Coll., Codice commerciale, come modificato, in vigore fino alla data di acquisizione dell’efficacia della presente legge, le norme legali esistenti si applicheranno alla procedura di rimborso dei titoli partecipanti.

2. Se è sorto l’obbligo di redigere una bozza di contratto pubblico ai sensi della Sezione 186a (3) della Legge n. 513/1991 Coll., Il codice commerciale, come modificato fino alla data di entrata in vigore della presente legge, le disposizioni legali esistenti si applica alla procedura per una bozza di contratto pubblico.

3. Chiunque soddisfi le condizioni ai sensi della Sezione 183i (1) a partire dalla data di entrata in vigore della presente Legge avrà il diritto di richiedere la convocazione di un’Assemblea Generale ai sensi della Sezione 183i (1) ai sensi della nuova legislazione.

La disposizione transitoria è stata introdotta dalla legge n. 126/2008 Coll. Arte. III
Se l’accordo di controllo o l’accordo sul trasferimento dell’utile è stato concluso prima della data di entrata in vigore della presente legge, la normativa legale esistente si applica alla modifica dell’accordo di controllo e dell’accordo sul trasferimento dell’utile e la risoluzione delle responsabilità derivanti da un atto giuridico, se tali atti giuridici sono già stati approvati dall’autorità competente della Parte contraente o dei suoi partner.

La disposizione transitoria è stata introdotta dalla legge n. 215/2009 Coll. Arte. II
Se il tribunale ha nominato un esperto ai sensi della sezione 59 (3) del codice commerciale prima della data di entrata in vigore della presente legge, le disposizioni delle sezioni da 59a a 59c del codice commerciale, come modificato, non si applicano.

La disposizione transitoria è stata introdotta dalla legge n. 351/2011 Coll. Arte. II
Su richiesta della persona interessata, i tribunali del registro rimuovono dalla raccolta di documenti la firma modello della persona autorizzata ad agire per conto della persona giuridica, la firma modello del capo dell’unità organizzativa della persona giuridica e il reddito d’impresa contratto di distribuzione se questi documenti sono stati inseriti nella raccolta efficacia di questa legge.

Disposizioni transitorie introdotte dalla legge n. 396/2012 Coll. Arte. VIII
Disposizione transitoria
Le disposizioni del § 38i paragrafo 1 let. o), § 61 paragrafo 2, § 88 paragrafo 1 let. f), § 102 par. 1 e 2, § 148 par. 2 e § 231 par. 1 della legge n. 513/1991 Coll., come modificato in vigore fino alla data di entrata in vigore della presente legge, si applicano in relazione con procedimenti di esecuzione delle decisioni o mediante procedimenti di esecuzione condotti in conformità alla parte prima, articolo II e parte seconda, articolo IV, punto 1.

La disposizione transitoria è stata introdotta dalla legge n. 134/2013 Coll. § 9
Gli azionisti che detengono azioni cartacee nominative comunicano alla società il numero di conto bancario al fine di mantenere l’elenco degli azionisti ai sensi della presente legge entro la data della prima assemblea generale della società tenuta dopo la data di entrata in vigore della presente legge; la società comunicherà agli azionisti tale obbligo mediante avviso pubblicato insieme all’invito all’assemblea generale. Fino alla scadenza del periodo di cui alla frase precedente, la società procederà in conformità alle disposizioni di legge vigenti per l’erogazione di eventuali benefici monetari agli azionisti.

Una disposizione transitoria introdotta dalla legge n. 179/2013 Coll. Arte. II
Se si verifica un ritardo nell’adempimento dell’obbligo prima della data di entrata in vigore della presente legge, gli effetti di tale ritardo devono essere valutati in conformità con le normative legali vigenti.

Havel vr

Dubček vr

Čalfa vr

Note a piè di pagina
1 ) Prima Direttiva del Consiglio 68/151 / CEE del 9 marzo 1968 relativa al coordinamento delle garanzie che, per la tutela degli interessi dei soci e di altri, sono richieste dagli Stati membri delle società ai sensi dell’articolo 58 del Trattato, in ordine per ottenere l’equivalenza delle misure.
Seconda Direttiva 77/91 / CEE del Consiglio, del 13 dicembre 1976, relativa al coordinamento delle garanzie richieste negli Stati membri dalle società ai sensi dell’articolo 58, secondo comma, del Trattato per la costituzione di società per azioni e per il mantenimento e variazione del capitale sociale, al fine di ottenere l’equivalenza di tali misure.
Terza direttiva 78/855 / CEE del Consiglio del 9 ottobre 1978 basata sull’articolo 54, paragrafo 3, lettera a) g) Contratti di fusione di società per azioni.
Sesta direttiva 82/891 / CEE del Consiglio del 17 dicembre 1982 basata sull’articolo 54, paragrafo 3, lettera a) g) Contratti di scissione di società per azioni.
Direttiva 84/450 / CEE del Consiglio, del 10 settembre 1984, relativa al ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari e amministrative degli Stati membri in materia di pubblicità ingannevole.
Direttiva 84/647 / CEE del Consiglio, del 19 dicembre 1984, relativa all’uso di veicoli noleggiati senza conducente per il trasporto di merci su strada.
Direttiva 86/653 / CEE del Consiglio, del 18 dicembre 1986, relativa al coordinamento delle legislazioni degli Stati membri relative agli agenti commerciali autonomi.
Direttiva 89/117 / CEE del Consiglio, del 13 febbraio 1989, relativa agli obblighi delle succursali stabilite in uno Stato membro da enti finanziari e creditizi con sede legale al di fuori di tale Stato membro per quanto riguarda la pubblicazione dei conti annuali.
Undicesima direttiva 89/666 / CEE del Consiglio, del 21 dicembre 1989, relativa agli obblighi di pubblicità per le succursali aperte in uno Stato membro da determinati tipi di società disciplinate dalla legislazione di un altro Stato membro.
Dodicesima Direttiva 89/667 / CEE del Consiglio del 21 dicembre 1989 in materia di diritto societario sulle società a responsabilità limitata con un unico socio.
Direttiva 92/101 / CEE del Consiglio, del 23 novembre 1992, che modifica la direttiva 77/91 / CEE relativa alla costituzione di società per azioni, al mantenimento e alla modifica del loro capitale.
Direttiva 97/55 / ​​CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 6 ottobre 1997, che modifica la direttiva 84/450 / CEE relativa alla pubblicità ingannevole per includervi la pubblicità comparativa.
Direttiva 2000/35 / CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 29 giugno 2000, relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali.
Direttiva 2003/58 / CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 luglio 2003, che modifica la direttiva 68/151 / CEE del Consiglio, per quanto riguarda gli obblighi di informativa per taluni tipi di società.
Direttiva 2002/47 / CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 6 giugno 2002, relativa ai contratti di garanzia finanziaria.

2 ) Legge n. 365/2000 Coll., Sui sistemi informativi della pubblica amministrazione e sulle modifiche ad alcuni altri atti, come modificato.

2a ) Legge n. 111/2009 Coll., Sui registri di base.

1a ) Direttiva 2004/38 / CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 29 aprile 2004, sul diritto dei cittadini dell’Unione e dei loro familiari di circolare e soggiornare liberamente nel territorio degli Stati membri, che modifica il regolamento (CEE) N. 1612/68 e che abroga le direttive 64/221 / CEE, 68/360 / CEE, 72/194 / CEE, 73/148 / CEE, 75/34 / CEE, 75/35 / CEE, 90/364 / CEE, 90 / 365 / CEE e 93/96 / CEE.

1b ) Direttiva 2003/109 / CE del Consiglio, del 25 novembre 2003, relativa allo status dei cittadini di paesi terzi residenti di lungo periodo.

1c ) Quarta direttiva 78/660 / CEE del Consiglio del 25 luglio 1978 basata sull’articolo 54, paragrafo 3, lettera a) g) Contratti sui conti annuali di alcune società.

1e ) Legge n. 563/1991 Coll., Sulla contabilità, come modificata.

5 ) Legge n. 256/2004 Coll., Sul fare affari sul mercato dei capitali.

4a ) Sezione 17a paragrafo 3 della legge n. 21/1992 Coll., Sulle banche, come modificata.

7 ) Legge n. 563/1991 Coll., Sulla contabilità, come modificata.

6 ) Legge n. 21/1992 Coll., Sulle banche, come modificata.

8 ) Direttiva 2002/47 / CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 6 giugno 2002, relativa ai contratti di garanzia finanziaria.

10 ) Legge n. 21/1992 Coll., Sulle banche, come modificata.

11 ) Articolo 2, paragrafo 3, della direttiva 2000/12 / CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 marzo 2000, relativa all’avvio e all’esercizio dell’attività degli enti creditizi.

6b ) Direttiva 2000/12 / CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 marzo 2000, relativa all’avvio e all’esercizio dell’attività degli enti creditizi.

6c ) Legge n. 363/1999 Coll., Sull’assicurazione e sulla modifica di alcuni atti correlati (la legge sulle assicurazioni), come modificata.

6d ) Legge n. 256/2004 Coll., Sul fare affari sul mercato dei capitali, e successive modifiche.

6e ) Legge n. 189/2004 Coll., Sugli investimenti collettivi, come modificata.

6f ) Legge n. 42/1994 Coll., Sull’assicurazione pensionistica complementare con contributo statale e sulle modifiche ad alcune leggi relative alla sua introduzione, come modificata.

12 ) § 82 paragrafo 5 della legge n. 256/2004 Coll., Sul fare affari sul mercato dei capitali.
§ 24 paragrafo 2 della legge n. 124/2002 Coll., Sui trasferimenti di fondi, mezzi elettronici di pagamento e sistemi di pagamento (legge sui sistemi di pagamento), come modificata dalla legge n. 257/2004 Coll.

13 ) Legge n. 87/1995 Coll., Sulle cooperative di credito e di risparmio e alcune misure correlate e sulle modifiche alla legge del Consiglio nazionale ceco n. 586/1992 Coll., Sulle imposte sul reddito, e successive modifiche.

14 ) Direttiva 2000/12 / CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 marzo 2000, relativa all’avvio e all’esercizio dell’attività degli enti creditizi.

15 ) § 2 lettera m) del Decreto n. 333/2002 Coll., che stabilisce le regole di prudenza negli affari degli enti controllanti su base consolidata.

9 ) Sezione 3 della legge n. 256/2004 Coll.

16 ) Sezioni 8a, Sezioni da 40 a 42 e Sezioni 43, paragrafi da 1 a 4 della Legge n. 591/1992 Coll., Sui titoli, come modificata dalla Legge n. 15/1998 Coll., Legge n. 70/2000 Coll. , Legge n. 362/2000 Coll., Legge n. 501/2001 Coll., Legge n. 308/2002 Coll., Sentenza della Corte costituzionale promulgata sotto n. 476/2002 Coll., Legge n. 88/2003 Coll. . e legge n. 257/2004 Coll.

17 ) Codice Civile.
Codice di procedura civile.
Ordine di esecuzione.
Legge n. 26/2000 Coll., Sulle aste pubbliche, come modificata.
Legge n. 591/1992 Coll., Come modificata.
Legge n. 256/2004 Coll.

19 ) Legge n. 408/2010 Coll., Sulla sicurezza finanziaria.

19 ) Sezione 55 paragrafo 2 della legge n. 256/2004 Coll., On Doing Business on the Capital Market, modificata dalla legge n. 230/2008 Coll. e legge n. 188/2011 Coll.

20 ) Sezione 193 della legge n. 256/2004 Coll., On Doing Business on the Capital Market, modificata dalla legge n. 409/2010 Coll.

21 ) Legge n. 262/2006 Coll., Codice del lavoro, come modificato.

22 ) Sezione 46 paragrafo 6 delle Regole di esecuzione.

22 ) Direttiva 2011/7 / UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 febbraio 2011, relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali.

 

Link utili:

Studio Praga

Start up in Repubblica Ceca per Società

Traduzioni Ceco

Traduzioni giurate italiano-ceco e ceco-italiano

Targa Ceca

Pratiche auto in Repubblica Ceca, immatricolazioni auto italiane e tedesche

Venice web agency

Sviluppo siti internet dinamici

Do Benatek

Překlady Italština

 Traduzioni asseverate italiano ceco di diplomi, bilanci di società ecc.

Gestioni Praga

Gestione di condomini, alberghi

Hotel Trevi

Centrale, tutte le camere sono con wifi e bagno privato

Società Ceche

Costituzione società commerciali in Repubblica Ceca

Società Praga

Iniziare una attività commerciale a Praga

Traduzioni Ceco

Traduzioni di certificati di nascita e di dichiarazioni di parternità

Italstina Preklady

Traduzioni giurate ed asseverate

Gestione fiduciaria

Costituzione di fondi patrimoniali dove è possibile apportare contanti, azioni, immobili o altri beni di valore.

Società Cechia

Costituzione di società a Responsabilità limitata in Repubblica Ceca a Praga o a Plzen.

Altri link

Principale motore di ricerca in Repubblia Ceca

Trasporti a Praga

Mercato dell’usato on line

e shop 

Orari ferroviari in Repubblica Ceca

Ricerca prodotti in Repubblica Ceca

Annunci immobiliare a pagamento

Mercato dell’usato on line

e shop infomartica

Annunci immobiliare gratuiri

News sulla Repubblia Ceca

Supermercato con line

Ambasciata italiana a Praga

e shop informatica

Bricolage e giardinaggio

Istituto italiano di cultura 

News sulla Repubblia Ceca

Ricerca società in Repubblica Ceca

Open chat