Seleziona una pagina

LEGGE 296 del 31 ottobre 2007

che modifica la legge n. 182/2006 Coll., sul fallimento

LEGGE 296 del 31 ottobre 2007

che modifica la legge n. 182/2006 Coll., sul fallimento e i modi per risolverla (Legge sull’insolvenza), come modificata, e alcuni atti in relazione alla sua adozione

Il Parlamento ha approvato la seguente legge della Repubblica ceca:

PRIMA PARTE

Modifica della legge sui fallimenti e modi per risolverla (legge sull’insolvenza)
Arte. E

La legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e i modi per risolverla (Legge sull’insolvenza), come modificata dalla Legge n. 312/2006 Coll., È modificata come segue:

1. Nel § 6, paragrafo 1, lettera g), compresa la nota n. 2a, si legge:

” g) una struttura sanitaria istituzionale pubblica senza scopo di lucro, istituita ai sensi della legge speciale 2a) ,

2a ) Legge n. 245/2006 Coll., Sulle strutture sanitarie istituzionali pubbliche senza scopo di lucro e sugli emendamenti ad alcune leggi, come modificata dalla sentenza della Corte costituzionale promulgata ai sensi del n. 483/2006 Coll. “.

2. Nella sezione 11, paragrafo 2, la parola “insolvenza” è inserita dopo la parola “dare”.

3. Nella Sezione 18, Paragrafo 4, la parola “insolvenza” è inserita dopo le parole “non ammissibile”.

4. Nella sezione 21, paragrafo 1, le parole “(di seguito” l’elenco “)” sono soppresse.

5. Nel § 21, paragrafi 2 e 3, inclusa la nota n. 9a, si legge come segue:

” (2) I requisiti dell’elenco degli amministratori fallimentari, i dati in esso inseriti, la sua divisione, la gestione e le condizioni di registrazione in esso e l’origine del diritto di esercitare le attività di amministratore fallimentare e curatore fallimentare ospite sono regolamentati da un apposito regolamento legale 9a) .

(3) Ai fini della presente legge, per curatore fallimentare si intende anche un curatore fallimentare ospite.

9a ) Legge n. 312/2006 Coll., Sugli amministratori di insolvenza, come modificata dalla legge n. 296/2007 Coll. “.

6. Nella sezione 22, paragrafo 1, la parola “insolvenza” è inserita dopo la parola “disposizione”.

7. Nella sezione 22, paragrafi 1 e 2, le parole “amministratori fallimentari” sono inserite dopo la parola “elenco”.

8. Nel § 23, le parole “; la conclusione del presente contratto è una condizione per l’iscrizione nell’elenco ai sensi del § 21 paragrafo 1 e per la nomina di un curatore fallimentare ai sensi del § 22 paragrafo 2” saranno cancellate.

9. Nella sezione 24 (2), la parola “insolvenza” è inserita dopo la parola “funzione”.

10. In § 31 (1) e § 32 (1), la parola “insolvenza” è inserita dopo la parola “udienza”.

11. Nella sezione 37 (4), la parola “insolvenza” è inserita dopo la parola “era”.

12. Nella sezione 38, dopo il paragrafo 3 è inserito il nuovo paragrafo 4 seguente:

” (4) Durante la procedura di insolvenza, il tribunale fallimentare può decidere di pagare un anticipo al curatore fallimentare, anche di nuovo.”

L’attuale paragrafo 4 è rinumerato come paragrafo 5.

13. Nella sezione 47 (2), la parola “rappresentante” è sostituita dalla parola “consiglio”.

14. Nella sezione 48 (2), le parole “questo amministratore” sono sostituite dalle parole “curatore fallimentare”.

15. Nel § 58 paragrafo 2 lett. f) la parola “chiusura” è sostituita da “chiusura”.

16. Nella sezione 62 (1), la parola “insolvenza” è eliminata.

17. Nella sezione 97, dopo il paragrafo 1 è inserito il nuovo paragrafo 2 seguente:

” (2) Una petizione di insolvenza deve recare la firma ufficialmente verificata della persona che l’ha depositata o la sua firma elettronica garantita; altrimenti non sarà presa in considerazione.”.

L’attuale paragrafo 2 è rinumerato come paragrafo 3.

18. Nel § 102 paragrafo 1 lettera g) si legge:

” g) la Banca nazionale ceca, se il debitore è un partecipante a un sistema di pagamento elencato dalla Banca nazionale ceca ai sensi della legge che disciplina i pagamenti 1) o un partecipante a un sistema di regolamento ai sensi della legge che disciplina le attività del mercato dei capitali 18) , “.

19. Nella sezione 102, paragrafo 1, la lettera h) è abrogata.

20. Nella sezione 107 (1), la parola “proprietà” è inserita dopo la parola “a”.

21. Nella sezione 107, paragrafo 3, la parola “insolvenza” deve essere inserita dopo la parola “quando”.

22. Nella sezione 107 (4), la parola “insolvenza” deve essere inserita dopo la parola “prima”.

23. Nella sezione 112, paragrafo 4, la parola “insolvenza” è inserita dopo le parole “presentato entro il termine”.

24. Nella sezione 137 (1), la parola “insolvenza” è eliminata.

25. Nella sezione 137 (3), la parola “insolvenza” è inserita dopo la parola “convocare”.

26. Nella sezione 138 (2), la parola “separatamente” è inserita dopo la parola “formulazione”.

27. Nel § 161, terza frase, la parola “insolvenza” è inserita dopo la parola “può”.

28. Nel § 168 paragrafo 1 lettera a) si legge:

” A) il rimborso delle spese di cassa e la remunerazione del fiduciario preliminare; ciò non si applica se si trattava di un curatore provvisorio nominato curatore fallimentare”.

29. Nella sezione 168, paragrafo 1, la seguente nuova lettera b) è inserita dopo la lettera a):

” b) il rimborso delle spese necessarie e la remunerazione del liquidatore del debitore nominato dal tribunale e dall’amministratore dell’attività del debitore per la collaborazione fornita al curatore provvisorio o al curatore fallimentare,”.

Le lettere da b) ad) esistenti sono indicate come lettere da c) ad e).

30. Nella sezione 214 (2), le parole “in tribunale” sono cancellate.

31. Nella sezione 216 (1), le parole “Sezione 213” sono sostituite dalle parole “Sezione 214”.

32. Nella sezione 218 (1), la parola “insolvenza” è inserita dopo la parola “aggiungere”.

33. Nella sezione 224 (1), la parola “insolvenza” deve essere inserita dopo le parole “questa persona” e dopo le parole “per la quale”.

34. Nella sezione 231 (2), la parola “rappresentante” è sostituita dalla parola “consiglio”.

35. Nella sezione 235 (2), la parola “insolvenza” è inserita dopo la parola “decisione”.

36. Nel § 237, il paragrafo 3 è soppresso.

Gli attuali paragrafi 4 e 5 sono rinumerati come paragrafi 3 e 4.

37. Nel § 256 paragrafo 1, le parole “§ 711” sono cancellate e le parole “non interessato da questo” sono sostituite dalle parole “in quali casi ea quali condizioni il proprietario può risolvere il contratto di locazione dell’appartamento, questo è non affetto”.

38. Nella Sezione 266, Paragrafo 2, la parola “Partecipante” è sostituita dalle parole “Salvo diversa disposizione, dal Partecipante”.

39. Nella sezione 267 (2), le parole “Sezione 202 (5)” sono sostituite dalle parole “Sezione 203 (5)”.

40. Nella sezione 277 (4), la parola “stato patrimoniale” è sostituita dalle parole “stato patrimoniale o conto economico, spese, attività e passività”.

41. Nel § 285 paragrafo 3, le parole “in caso di autorizzazione a risolvere il contratto di locazione di un appartamento ai sensi del § 711 paragrafo 1 lettera d) del codice civile” devono essere sostituite dalle parole “al termine del locazione di un appartamento.

42. Nella sezione 298 (2), la parola “insolvenza” è inserita dopo la parola “remunerazione”.

43. Nel § 300, la parola “insolvenza” è inserita dopo le parole “sulla base di una decisione”.

44. Al § 302, è aggiunto il seguente paragrafo 4:

” (4) Il curatore fallimentare redige i rendiconti finanziari alla data della relazione finale.”

45. Nella seconda frase della Sezione 304 (3), la parola “insolvenza” deve essere inserita dopo le parole “per questa condotta”.

46. Nella sezione 304 (4), la parola “insolvenza” deve essere inserita dopo le parole “relazione e regolamento”.

47. Nella sezione 305 (2), le parole “Sezione 168 (1) (d)” sono sostituite dalle parole “Sezione 168 (1) (e)”.

48. Nella sezione 306 (2), la parola “insolvenza” è inserita dopo la parola “presentato”.

49. Nella sezione 307 (3), la parola “insolvenza” è inserita dopo la parola “loro”.

50. Nella prima frase della Sezione 307 (4), la parola “insolvenza” deve essere inserita dopo le parole “in custodia”.

51. Nella sezione 313 (3), la parola “insolvenza” è inserita dopo le parole “paragrafo 2”.

52. Nel § 316 par.

53. Nel § 316 par. Le parole “; le disposizioni del paragrafo 3 non saranno modificate” saranno aggiunte.

54. Nella sezione 316 (5), la parola “paragrafo” è sostituita dalle parole “restrizioni ai sensi del paragrafo”.

55. Nella sezione 321 (1), le parole “Sezione 67” sono sostituite dalle parole “Sezione 107”.

56. Nella sezione 330 (6), la parola “data di chiusura” è sostituita dalla parola “data di chiusura”.

57. In § 339 paragrafo 4 e § 363 paragrafo 1 let. e) le parole “paragrafo 3” sono sostituite dalle parole “paragrafo 4”.

58. Nella sezione 350 (2), la parola “insolvenza” deve essere inserita dopo la parola “decisione”.

59. Nella sezione 360 ​​(1), la parola “insolvenza” è inserita dopo le parole “forza giuridica della decisione”.

60. Nel § 363 paragrafo 1 let. b) la parola “insolvenza” è inserita dopo la parola “estensione”.

61. Nel § 373 par. b), § 373 paragrafo 4, § 374 paragrafo 1 let. b), § 374 paragrafo 3, § 385 paragrafo 2 lett. b) e § 385 paragrafo 4, le parole “[§ 2 lettera f)]” sono sostituite dalle parole “[§ 2 lettera g)]”.

62. Nella sezione 374 (2), la parola “insolvenza” è inserita dopo la parola “inviato”.

63. Nella sezione 382 (1), le parole “Sezione 380” sono sostituite dalle parole “Sezione 379”.

64. Nella sezione 385 (4), le parole “Sezione 380” sono sostituite dalle parole “Sezione 379” e le parole “Sezione 387” sono sostituite dalle parole “Sezione 386”.

65. Nella sezione 402 (4), il numero “2” è sostituito dal numero “3”.

66. Nella sezione 406 (2), lettera a) si legge:

” (a) fornire informazioni su chi è l’amministratore fallimentare,”.

67. Nella sezione 411 (2), la parola “insolvenza” è inserita dopo la parola “decisione”.

68. Nel § 419, il paragrafo 5 è cancellato.

69. Nella sezione 422 (3), la parola “insolvenza” è inserita dopo le parole “paragrafi 1 e 2”.

70. Nella sezione 425 (1), le parole “Se la procedura di insolvenza viene chiusa legalmente” sono sostituite dalle parole “Dopo 5 anni dall’entrata in vigore della decisione che pone fine alla procedura di insolvenza”.

71. Nella lettera § 431 a) le parole “i requisiti per una comunicazione scritta che nega un credito in fase di riorganizzazione” sono soppresse.

72. Nel § 431, la lettera b) è abrogata.

Le lettere da c) ad f) esistenti sono indicate come lettere da b) ad e).

73. Nel § 432, il testo attuale è indicato come paragrafo 1 e sono aggiunti i paragrafi da 2 a 4, che recitano come segue:

” (2) Se l’istanza di insolvenza del tribunale fallimentare si presenta al di fuori dell’orario di lavoro programmato del tribunale fallimentare o nei giorni non lavorativi entro il 31 dicembre 2008, l’obbligo del tribunale fallimentare di pubblicare il decreto che annuncia l’inizio della procedura di insolvenza in il registro fallimentare entro 2 ore dopo aver ricevuto la petizione di insolvenza (§ 101 paragrafo 1), la ritiene soddisfatta anche se il tribunale fallimentare lo fa entro 2 ore dall’inizio dell’orario di lavoro programmato.

(3) Fino al 31 dicembre 2008, il registro delle insolvenze contiene un elenco di amministratori fallimentari, un elenco di debitori e documenti e informazioni accessibili al pubblico dal fascicolo di insolvenza.

(4) Nel caso della procedura di cui alla Sezione 422, paragrafi 1 e 2, le informazioni sulla natura dei dati personali non pubblicate non saranno aggiunte fino al 31 dicembre 2008. “.

SECONDA PARTE

Modifica al Bill of Exchange and Check Act
Arte. II

La legge n. 191/1950 Coll., The Bill of Exchange and Check Act, come modificata dalla legge n. 29/2000 Coll., È modificata come segue:

1. Nella Sezione 43, Paragrafo 2, Punti 2 e 3, inclusa la nota n. 1, leggi come segue:

” 2. se, in relazione al patrimonio del vaglia cambiari, che abbia accettato o meno il cambiale, è stata emessa una decisione di fallimento 1) o un rigetto dell’istanza di insolvenza 1) per mancanza di beni , se l’intestatario del vaglia cambiari ha sospeso il suo stipendio o la sua proprietà;

3. se, per quanto riguarda il patrimonio dell’emittente della cambiale, che ne ha vietato la presentazione per l’accettazione, è stata emessa sentenza di fallimento o di rigetto dell’istanza di insolvenza per mancanza di beni.

1 ) Legge n. 182/2006 Coll., Sulla bancarotta e modi per risolverla (Legge sull’insolvenza), come modificata. “.

2. Nel § 44, il paragrafo 6 recita:

” (6) Se, per quanto riguarda la proprietà della cambiale, se ha accettato o meno la cambiale o l’emittente della cambiale che ne ha proibito la presentazione per l’accettazione, si è deciso di fallire o respingere la domanda di insolvenza per mancanza di beni è sufficiente presentare le relative decisioni giudiziarie per esercitare il diritto di sanzione. “.

PARTE TERZA
annullato

Arte. III
annullato

PARTE QUARTA
annullato

Arte. IV
annullato

PARTE QUINTA

Modifica del codice di procedura civile
Arte. NEL

237/2004 Coll., Legge n. 257/2004 Coll., Legge n. 340/2004 Coll., Legge n. 436/2004 Coll., Legge n. 501/2004 Coll., Legge n. 554/2004 Coll. , Legge n. 555/2004 Coll., Legge n. 628/2004 Coll., Legge n. 59/2005 Coll., Legge n. 170/2005 Coll., Legge n. 205/2005 Coll., Legge n. 216 / 2005 Coll., Legge n. 342/2005 Coll., Legge n. 377/2005 Coll., Legge n. 383/2005 Coll., Legge n. 413/2005 Coll., Legge n. 56/2006 Coll., Legge n. 57/2006 Coll., Legge n. 79/2006 Coll., Legge n. 112/2006 Coll., Legge n. 113/2006 Coll., Legge n. 115/2006 Coll., Legge n. 133 / 2006 Coll., Legge n. 134/2006 Coll., Legge n. 135/2006 Coll., Legge n. 189/2006 Coll., Legge n. 216/2006 Coll., Legge n. 233/2006 Coll., Legge 264/2006 Coll., Legge n. 267/2006 Coll., Legge n. 308/2006 Coll. e la legge n. 315/2006 Coll., è modificata come segue: 501/2004 Coll., Legge n. 554/2004 Coll., Legge n. 555/2004 Coll., Legge n. 628/2004 Coll., Legge n. 59/2005 Coll., Legge n. 170/2005 Coll. , Legge n. 205/2005 Coll., Legge n. 216/2005 Coll., Legge n. 342/2005 Coll., Legge n. 377/2005 Coll., Legge n. 383/2005 Coll., Legge n. 413 / 2005 Coll., Legge n. 56/2006 Coll., Legge n. 57/2006 Coll., Legge n. 79/2006 Coll., Legge n. 112/2006 Coll., Legge n. 113/2006 Coll., Legge n. 115/2006 Coll., Legge n. 133/2006 Coll., Legge n. 134/2006 Coll., Legge n. 135/2006 Coll., Legge n. 189/2006 Coll., Legge n. 216 / 2006 Coll., Legge n. 233/2006 Coll., Legge n. 264/2006 Coll., Legge n. 267/2006 Coll., Legge n. 308/2006 Coll. e la legge n. 315/2006 Coll., è modificata come segue: 501/2004 Coll., Legge n. 554/2004 Coll., Legge n. 555/2004 Coll., Legge n. 628/2004 Coll., Legge n. 59/2005 Coll., Legge n. 170/2005 Coll. , Legge n. 205/2005 Coll., Legge n. 216/2005 Coll., Legge n. 342/2005 Coll., Legge n. 377/2005 Coll., Legge n. 383/2005 Coll., Legge n. 413 / 2005 Coll., Legge n. 56/2006 Coll., Legge n. 57/2006 Coll., Legge n. 79/2006 Coll., Legge n. 112/2006 Coll., Legge n. 113/2006 Coll., Legge n. 115/2006 Coll., Legge n. 133/2006 Coll., Legge n. 134/2006 Coll., Legge n. 135/2006 Coll., Legge n. 189/2006 Coll., Legge n. 216 / 2006 Coll., Legge n. 233/2006 Coll., Legge n. 264/2006 Coll., Legge n. 267/2006 Coll., Legge n. 308/2006 Coll. e la legge n. 315/2006 Coll., è modificata come segue: Legge n. 342/2005 Coll., Legge n. 377/2005 Coll., Legge n. 383/2005 Coll., Legge n. 413/2005 Coll., Legge n. 56/2006 Coll., Legge n. 57 / 2006 Coll., Legge n. 79/2006 Coll., Legge n. 112/2006 Coll., Legge n. 113/2006 Coll., Legge n. 115/2006 Coll., Legge n. 133/2006 Coll., Legge Legge n. 134/2006 Coll., Legge n. 135/2006 Coll., Legge n. 189/2006 Coll., Legge n. 216/2006 Coll., Legge n. 233/2006 Coll., Legge n. 264/2006 Coll., Legge n. 267/2006 Coll., Legge n. 308/2006 Coll. e la legge n. 315/2006 Coll., è modificata come segue: Legge n. 342/2005 Coll., Legge n. 377/2005 Coll., Legge n. 383/2005 Coll., Legge n. 413/2005 Coll., Legge n. 56/2006 Coll., Legge n. 57 / 2006 Coll., Legge n. 79/2006 Coll., Legge n. 112/2006 Coll., Legge n. 113/2006 Coll., Legge n. 115/2006 Coll., Legge n. 133/2006 Coll., Legge Legge n. 134/2006 Coll., Legge n. 135/2006 Coll., Legge n. 189/2006 Coll., Legge n. 216/2006 Coll., Legge n. 233/2006 Coll., Legge n. 264/2006 Coll., Legge n. 267/2006 Coll., Legge n. 308/2006 Coll. e la legge n. 315/2006 Coll., è modificata come segue: 233/2006 Coll., Legge n. 264/2006 Coll., Legge n. 267/2006 Coll., Legge n. 308/2006 Coll. e la legge n. 315/2006 Coll., è modificata come segue: 233/2006 Coll., Legge n. 264/2006 Coll., Legge n. 267/2006 Coll., Legge n. 308/2006 Coll. e la legge n. 315/2006 Coll., è modificata come segue:

1. Nel § 9 paragrafo 3 lett. i) la parola “insolvenza” è inserita dopo le parole “fondo a” e la parola “fallimento” è sostituita dalla parola “proprietà”.

2. Nella Sezione 9, Paragrafo 3, le lettere s) et) sono cancellate.

Le lettere esistenti da u) a x) sono indicate come lettere da s) a v).

3. Nel § 9, un nuovo paragrafo 4 è inserito dopo il paragrafo 3, che, inclusa la nota n. 53c, recita come segue:

” (4) I tribunali regionali decidono anche come tribunali di primo grado nelle procedure di insolvenza e nelle controversie incidentali 53c) .

53c ) Legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverlo (Legge sull’insolvenza), come modificata. “.

L’attuale paragrafo 4 è rinumerato come paragrafo 5.

4. Nella Sezione 35, Paragrafo 1, Lettera k) si legge:

“( k) trattare l’insolvenza o l’imminente insolvenza del debitore, comprese le controversie incidentali, e la moratoria 53c) ,”.

5. Nella sezione 85, dopo il paragrafo 3 è inserito il nuovo paragrafo 4 seguente:

” (4) Il tribunale generale dell’amministratore fallimentare nell’esercizio della sua funzione è il tribunale distrettuale nel cui distretto ha la sua sede legale.

Gli attuali paragrafi da 4 a 6 sono rinumerati come paragrafi da 5 a 7.

6. Nella Sezione 87, il testo esistente diventerà il paragrafo 1 e sarà aggiunto il paragrafo 2, che, compresa la nota a piè di pagina n. 62f, sarà letto come segue:

” (2) Nel caso di procedure di insolvenza in cui deve essere risolto il fallimento o il fallimento imminente di una persona che forma un gruppo 62f) , il tribunale in cui ha luogo la procedura di insolvenza che risolve il fallimento o il fallimento imminente del debitore.

62f ) Sezione 66a del codice commerciale. “.

7. Al § 88, la lettera i) è cancellata.

Le lettere esistenti da j) a p) sono indicate come lettere da i) ad o).

8. Nella sezione 118b (1), le parole “in controversie derivanti da fallimento e liquidazione” sono sostituite dalle parole “in controversie incidentali nell’ambito di procedure di insolvenza 53c) “.

9. Nella sezione 235 bis (1), le parole “paragrafi 2 e 3” sono sostituite dalle parole “paragrafi da 2 a 4”.

10. Nel § 238a paragrafo 1 lettera a) si legge:

” (a) nelle procedure di insolvenza 53c) ,”.

11. Nel § 260b paragrafo 2 lettera a) si legge:

” A) è in corso una procedura concorsuale, che risolve il fallimento o l’imminente fallimento coatto 53c) e per la durata degli effetti della moratoria sui beni del debitore”.

12. Nella sezione 260b (2), le lettere b) ec) sono cancellate.

L’attuale lettera d) è indicata come lettera b).

13. Nella sezione 338i (1), le parole “amministratori fallimentari” sono sostituite dalle parole “amministratori fallimentari”.

14. La nota 94 recita come segue:

” 94) Sezione 21 della legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverla (Legge sull’insolvenza), come modificata dalla Legge n. 296/2007 Coll.”.

15. Nella sezione 338i (2), le parole “amministratori della massa fallimentare” sono sostituite dalle parole “amministratori fallimentari”.

PARTE SESTA
annullato

Arte. VI
annullato

PARTE SETTIMA

Modifica alla legge sulla protezione e l’utilizzo delle risorse minerarie (legge sull’estrazione mineraria)
Arte. VII

Legge n. 44/1988 Coll., Sulla protezione e l’uso della ricchezza mineraria (Legge sull’estrazione mineraria), modificata dalla Legge n. 541/1991 Coll., Legge n. 10/1993 Coll., Legge n. Coll., Legge n. 132/2000 Coll., Legge n. 258/2000 Coll., Legge n. 366/2000 Coll., Legge n. 315/2001 Coll., Legge n. 61/2002 Coll., Legge n. . 320/2002 Coll., Legge n. 150/2003 Coll., Legge n. 3/2005 Coll., Legge n. 386/2005 Coll., Legge n. 186/2006 Coll. e la legge n. 313/2006 Coll., è modificata come segue:

1. Nella sezione 37a (2), le parole “fallimento commesso sulla proprietà del debitore o oggetto di transazione” sono sostituite dalle parole “incluso nella sostanza della proprietà”.

2. La nota 20b recita:

” 20b) Legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverlo (Legge sull’insolvenza), come modificata.”.

3. Nella sezione 37a (6), le parole “attività fallimentari” sono sostituite dalle parole “attività”.

PARTE OTTAVA

Modifica della legge sulle attività minerarie, gli esplosivi e l’amministrazione statale mineraria
Arte. VIII

Nella sezione 33, paragrafo 3 della legge n. 61/1988 Coll., Sulle attività minerarie, gli esplosivi e l’amministrazione statale mineraria, come modificata dalla legge n. 315/2001 Coll., Le parole “curatore fallimentare” sono sostituite dalle parole “curatore fallimentare”.

Arte. IX

Disposizione transitoria
In caso di procedimento ai sensi della legge n. 328/1991 Coll., In caso di fallimento e regolamento, come modificato, validamente non completato entro la data di entrata in vigore della presente legge, si applica l’obbligo di cui alla sezione 33 (3) all’amministratore della massa fallimentare.

PARTE NONA
annullato

Arte. X, art. XI
annullato

PARTE DECIMA

Modifica della legge sulle associazioni nei partiti politici e nei movimenti politici
Arte. XII

Legge n. 424/1991 Coll., Sull’associazione a partiti politici e movimenti politici, come modificata dalla legge n. 468/1991 Coll., Legge n. 68/1993 Coll., Legge n. 189/1993 Coll., Legge n. . 117/1994 Coll., Sentenza della Corte costituzionale promulgata ai sensi del n. 296/1995 Coll., Legge n. 322/1996 Coll., Legge n. 340/2000 Coll., Sentenza della Corte costituzionale promulgata ai sensi del n. 98 / 2001 Coll., Legge n. 104/2001 Coll., Legge n. 170/2001 Coll., Legge n. 151/2002 Coll., Legge n. 501/2004 Coll., Legge n. 556/2004 Coll. e la legge n. 342/2006 Coll., è modificata come segue:

1. Nel § 9 paragrafo 3 lettera f) si legge:

” f) l’ apertura di una procedura di insolvenza, la decisione sull’insolvenza, la decisione su come risolvere l’insolvenza, la decisione che chiude la procedura di insolvenza, il nome, il cognome (ragione sociale) e la sede legale del curatore fallimentare.”

2. Nella sezione 12, paragrafo 4, le parole “proporre una dichiarazione di fallimento” sono sostituite dalle parole “presentare un’istanza di insolvenza”.

PARTE UNDICI
annullato

Arte. XIII, art. XIV
annullato

PARTE DODICESIMA
annullato

Arte. XV
annullato

PARTE TERZA

Modifica della legge sulle spese giudiziarie
Arte. XVI

Legge n. 549/1991 Coll., Sulle spese processuali, come modificata dalla Legge n. 271/1992 Coll., Legge n. 273/1994 Coll., Legge n. 36/1995 Coll., Legge n. 118/1995 Coll. ., Legge n. 160/1995 Coll., Legge n. 151/1997 Coll., Legge n. 209/1997 Coll., Legge n. 227/1997 Coll., Legge n. 103/2000 Coll., Legge n. 155/2000 Coll., Legge n. 241/2000 Coll., Legge n. 255/2000 Coll., Legge n. 451/2001 Coll., Legge n. 151/2002 Coll., Legge n. 309/2002 Coll. , Legge n. 192/2003 Coll., Legge n. 555/2004 Coll., Legge n. 628/2004 Coll., Legge n. 357/2005 Coll., Legge n. 72/2006 Coll., Legge n. 112 / 2006 Coll., Legge n. 115/2006 Coll., Legge n. 159/2006 Coll. e la legge n. 189/2006 Coll., è modificata come segue:

1. Al § 2 paragrafo 1, la lettera c) è soppressa.

Le lettere esistenti da d) ad f) sono indicate come lettere da c) ad e).

2. Nel § 11 paragrafo 1 let. i) le parole “in caso di fallimento” sono sostituite dalle parole “la cui insolvenza o insolvenza imminente è oggetto di procedure di insolvenza in cui è già stata emessa una decisione di fallimento”.

3. Nel § 11 paragrafo 1 lettera j) si legge:

” j) in cui viene risolta l’insolvenza o l’imminente insolvenza del debitore (procedura di insolvenza), ad eccezione delle controversie incidentali,”.

4. Nel § 11 paragrafo 2 lett. r) le parole “curatore fallimentare” sono sostituite da “curatori fallimentari” e le parole “curatori fallimentari” sono sostituite da “attivi”.

5. Nel § 11 (4), la virgola dopo la parola “decisione” è sostituita dalla parola “e” e le parole “e sui procedimenti di transazione” sono cancellate.

6. Ai punti 1 e 2 dell’allegato, Tariffa dei diritti, il seguente punto 4 è inserito dopo il punto 3 delle note ai punti 1 e 2:

” 4. La domanda per l’avvio di un procedimento per la determinazione della proprietà di altri beni è addebitata solo in conformità al punto 2, lettera c), e una sola volta, indipendentemente dal numero di casi cui si riferisce la determinazione richiesta., In il caso di altre cose o l’esclusione di altre cose, ciò si applica mutatis mutandis. “

Gli attuali paragrafi da 4 a 6 delle note ai punti 1 e 2 sono rinumerati come paragrafi da 5 a 7.

7. Al punto 3 dell’allegato, Tariffa dei diritti, la nota è soppressa.

8. Al punto 8 dell’allegato, Tariffa delle tasse, è aggiunto alle note il seguente punto 3:

” 3. La tassa di cui a questa voce non è riscossa per procedimenti in materia di registro delle imprese avviati su proposta di un organismo contributivo istituito da un’unità di autogoverno territoriale.”.

9. Il punto 9 dell’allegato, Tariffa dei diritti, è formulato come segue:

“Articolo 9

Per la proposta di dichiarare una moratoria CZK 50.000 “.

10. Il punto 10 dell’allegato, Tariffa delle tasse, comprese le note, recita come segue:

“Articolo 10

1.000 CZK per una proposta di avvio di procedimenti in controversie accidentali

Commento:

1. La tariffa di questa voce sarà addebitata una sola volta per proposta.

2. In base a questa voce verrà addebitata una commissione per una proposta di esclusione di una cosa, un diritto o altra proprietà dalla proprietà in controversie incidentali. “

11. Al punto 17 dell’allegato, Tariffa delle tasse, al punto 6 delle note, dopo le parole “comproprietà” sono inserite le parole “in una controversia incidentale”.

12. Al punto 17 dell’allegato, Tariffa dei diritti, dopo il punto 6 delle note è inserito il seguente punto 7:

” 7. In caso di ricorso contro un’unica decisione di un tribunale di primo grado, la tassa di cui alla lettera e) di questa voce è riscossa una sola volta.”

L’attuale punto 7 delle Note è denominato punto 8.

13. Al punto 18 dell’allegato, Tariffa delle tasse, al punto 2 delle note, le parole “e che non superano l’importo di 100 000 CZK” sono inserite dopo le parole “in contanti”.

14. Al punto 18 dell’allegato, Tariffa delle tasse, al punto 4 delle note, dopo le parole “comproprietà”, sono inserite le parole “in una controversia incidentale”.

15. Al punto 18 dell’allegato, Tariffa dei diritti, dopo il punto 4 delle note è inserito il seguente punto 5:

” 5. Se il ricorso è presentato contro un’unica decisione della Corte d’Appello, la tariffa di cui alla lettera b) di questa voce sarà addebitata una sola volta.”

L’attuale punto 5 delle Note è indicato come punto 6.

Arte. XVII

Disposizione transitoria
Le commissioni vengono riscosse per i procedimenti avviati prima della data di entrata in vigore della presente legge in conformità con le normative legali esistenti, anche se scadono dopo la data di entrata in vigore della presente legge. Le tariffe per ricorsi o ricorsi presentati dopo l’entrata in vigore della presente legge devono essere riscossi in conformità con la presente legge.

PARTE QUATTORDICESIMA

Modifica della legge sulla compagnia di assicurazione sanitaria generale della Repubblica ceca
Arte. XVIII

Nel § 3 della legge n. 551/1991 Coll., Sulla compagnia di assicurazione sanitaria generale della Repubblica ceca, modificata dalla legge n. 220/2000 Coll. e la legge n. 455/2003 Coll., la seconda frase, compreso il riferimento alla nota n. 1 e alla nota n. 1, è soppressa.

PARTE QUINDICI

Modifica della legge sulla contabilità
Arte. XIX

Legge n. 563/1991 Coll., Sulla contabilità, modificata dalla Legge n. 117/1994 Coll., Legge n. 227/1997 Coll., Legge n. 492/2000 Coll., Legge n. 353/2001 Coll. , Legge n. 575/2002 Coll., Legge n. 437/2003 Coll., Legge n. 257/2004 Coll., Legge n. 669/2004 Coll., Legge n. 179/2005 Coll., Legge n. 495 / 2005 Coll., Legge n. 57/2006 Coll., Legge n. 81/2006 Coll., Legge n. 230/2006 Coll., Legge n. 264/2006 Coll., Legge n. 69/2007 Coll. e la legge n. 261/2007 Coll., è modificata come segue:

1. Nella Sezione 17, Paragrafo 1, Lettere da e) aj) recitano come segue:

” e) alla data in cui ha effetto la decisione di insolvenza o la decisione del tribunale sulla conversione della riorganizzazione in fallimento,

f) il giorno successivo a quello in cui si verificano gli effetti dell’annullamento del fallimento,

g) alla data in cui ha effetto l’approvazione del piano di riorganizzazione,

h) il giorno successivo a quello in cui hanno effetto gli effetti dell’adempimento del piano di riorganizzazione,

(i) il giorno successivo a quello in cui sono scaduti gli effetti del piano di cancellazione del debito, o

(j) in una data che sarà determinata da una normativa speciale per la compilazione del bilancio di apertura. “

2. Nel § 17 paragrafo 1, la lettera k) è soppressa.

3. Nella Sezione 17, Paragrafo 2, Lettere da e) aj) recitano come segue:

” e) il giorno precedente la data in cui ha effetto la decisione di insolvenza o la decisione del tribunale sulla conversione della riorganizzazione in fallimento,

f) il giorno in cui si verificano gli effetti dell’annullamento del fallimento,

g) il giorno precedente il giorno in cui decorrono gli effetti dell’approvazione del piano di riorganizzazione,

h) alla data in cui decorrono gli effetti dell’adempimento del piano di riorganizzazione,

i) alla data in cui vengono effettuati gli effetti del piano di cancellazione del debito; o

j) alla data in cui l’obbligo di chiudere i libri o di redigere i conti prevede una normativa speciale. “.

4. Nel § 17 paragrafo 2, la lettera k) è soppressa.

5. Al § 17 è aggiunto il seguente paragrafo 5:

” (5) Se la legislazione impone a un’entità l’obbligo di redigere bilanci regolari o straordinari e allo stesso tempo bilanci intermedi, non devono essere redatti bilanci intermedi.”.

6. Nel § 20 paragrafo 1, la parte introduttiva della disposizione recita: “Salvo disposizione contraria della presente legge, queste unità contabili sono obbligate a far verificare il proprio bilancio regolare o straordinario da un revisore dei conti”.

7. Nel § 20, il paragrafo 2 recita:

” (2) Le entità di cui al paragrafo 1 non sono tenute a disporre di conti certificati

a) redatto durante il fallimento, per un periodo continuativo di 36 mesi di calendario, a partire dal primo giorno del mese di calendario successivo al giorno in cui hanno avuto effetto gli effetti della dichiarazione di fallimento, a meno che il comitato dei creditori non decida sulla sua verifica dal revisore,

b) redatto il giorno precedente il giorno in cui ha effetto l’approvazione del piano di riorganizzazione, salvo che la verifica da parte del revisore sia decisa dal comitato dei creditori,

c) se il fallimento è stato annullato per il fatto che i beni del debitore sono del tutto insufficienti a soddisfare i creditori,

d) laddove la legislazione speciale lo preveda. “

8. Al § 20, il paragrafo 3 è soppresso.

9. Nella seconda frase del § 29 (1), le parole “e ai fini del deposito di una proposta di transazione” sono cancellate.

10. Nel § 31 paragrafo 3 let. a) le parole “curatore fallimentare” sono sostituite dalle parole “curatore fallimentare”.

11. Nel § 31 paragrafo 3 let. b) le parole “ad (h)” sono inserite dopo le parole “punto (d)”.

Arte. XX

Disposizione transitoria
Le disposizioni della legge n. 563/1991 Coll., Sulla contabilità, come modificata prima della data di entrata in vigore della presente legge, si applicano alle procedure fallimentari avviate ai sensi della legge n. 328/1991 Coll., Fallimento e regolamento, come modificato.

PARTE SEDICI

Modifica della legge sull’organizzazione e l’attuazione della sicurezza sociale
Arte. XXI

Nel § 14 paragrafo 3 let. a) della legge n. 582/1991 Coll., sull’organizzazione e l’attuazione della sicurezza sociale, come modificata dalla legge n. 241/1994 Coll. e la legge n. 151/2002 Coll., le parole “o se questi organi conducono procedimenti in caso di fallimento e liquidazione del debitore dei premi di sicurezza sociale e dei contributi alla politica statale per l’occupazione” sono sostituite dalle parole “; devono anche fornire questo informazioni a un altro ente di previdenza sociale su richiesta;, se è parte di una procedura di insolvenza in cui viene risolto il fallimento o il fallimento imminente del debitore dei premi di sicurezza sociale e dei contributi alla politica statale per l’occupazione, o al tribunale che conduce tali procedimenti al curatore fallimentare nominato nel procedimento “.

PARTE DICIASSETTESIMA

Modifica della legge bancaria
Arte. XXII

Legge n. 21/1992 Coll., Sulle banche, come modificata dalla Legge n. 264/1992 Coll., Legge n. 292/1993 Coll., Legge n. 156/1994 Coll., Legge n. 83/1995 Coll. , Legge n. 84/1995 Coll., Legge n. 61/1996 Coll., Legge n. 306/1997 Coll., Legge n. 16/1998 Coll., Legge n. 127/1998 Coll., Legge n. 165 / 1998 Coll., Legge n. 120/2001 Coll., Legge n. 239/2001 Coll., Legge n. 319/2001 Coll., Legge n. 126/2002 Coll., Legge n. 453/2003 Coll., Legge n. 257/2004 Coll., Legge n. 439/2004 Coll., Legge n. 377/2005 Coll., Legge n. 413/2005 Coll., Legge n. 56/2006 Coll., Legge n. 57 / 2006 Coll., Legge n. 62/2006 Coll., Legge n. 70/2006 Coll., N. 159/2006 Coll., Legge n. 189/2006 Coll. e la legge n. 261/2007 Coll., è modificata come segue:

1. Nel § 25a paragrafo 4 let. a) il termine “fallimento” è sostituito dal termine “fallimento”.

2. Nella sezione 38f (2), le parole “sulla dichiarazione di fallimento” sono sostituite dalle parole “sull’emissione di una decisione di fallimento e sulla dichiarazione di fallimento”.

3. Nella sezione 41a (4), la parola “fallimento” è sostituita dalla parola “insolvenza”.

4. Nella sezione 41d (3), le parole “amministratore della massa fallimentare” sono sostituite dalle parole “curatore fallimentare”.

PARTE DICIOTTESIMA

Modifica alla legge sugli scambi di merci
Arte. XXIII

Nella sezione 22, paragrafo 1 della legge n. 229/1992 Coll., Sulle borse delle merci, la lettera b), inclusa la nota n. 4, recita come segue:

” B) le persone i cui beni sono stati dichiarati falliti o il tribunale fallito è stato annullato tranne che per ordinanza di annullamento del fallimento dopo l’adempimento della risoluzione o la delibera di rigetto della domanda di dichiarazione di fallimento perché il patrimonio del debitore è completamente insufficiente, o il tribunale ha respinto un’istanza di insolvenza perché i beni del debitore non saranno sufficienti a coprire i costi della procedura di insolvenza, per un periodo di due anni dopo la fine della procedura di insolvenza 4) ,

4 ) Legge n. 182/2006 Coll., Sulla bancarotta e modi per risolverla (Legge sull’insolvenza), come modificata. “.

PARTE XIX
annullato

Arte. XXIV, art. XXV
annullato

PARTE VENTESIMA

Modifica alla legge sulle compagnie di assicurazione sanitaria dipartimentali, filiali, aziendali e altre
Arte. XXVI

Nella sezione 6a, paragrafo 4 della legge n. 280/1992 Coll., Sulle compagnie di assicurazione sanitaria dipartimentali, filiali, aziendali e altre, come modificata dalla legge n. 149/1996 Coll., Le parole “istanza di dichiarazione di fallimento” sono sostituita dalle parole “petizione di insolvenza” “.

PARTE VENTUNA
annullato

Arte. XXVII, art. XXVIII
annullato

PARTE VENTIDUE

Modifica alla legge sull’imposta sugli immobili
Arte. XXIX

Nel § 13a paragrafo 3 della legge n. 338/1992 Coll., Sull’imposta sugli immobili, come modificata dalla legge n. 242/1994 Coll. e la legge n. 576/2002 Coll., le parole “la cui proprietà è stata dichiarata fallita ai sensi di un regolamento legale speciale” deve essere sostituita dalle parole “il cui fallimento o fallimento imminente è risolto in una procedura di insolvenza 19) “.

La nota 19 recita:

“19) Legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverlo (Legge sull’insolvenza), come modificata.”.

Arte. XXX

Disposizione transitoria
Se i procedimenti ai sensi della legge n. 328/1991 Coll., In caso di fallimento e regolamento, come modificato, sono stati avviati prima della data di entrata in vigore della presente legge e non sono stati validamente terminati entro la data di entrata in vigore della presente legge, la dichiarazione dei redditi deve essere presentata ai sensi della sezione 13a paragrafo 3 della legge n. 338/1992 Coll., sull’imposta sugli immobili, come modificata fino alla data di entrata in vigore della presente legge.

PARTE VENTO-TRE
annullato

Modifica alla legge sull’imposta sulle successioni, l’imposta sulle donazioni e l’imposta sul trasferimento di beni immobili
annullato

Arte. XXXI, art. XXXII
annullato

PARTE VENTIQUATTRO

Modifica della legge sui notai e sulle loro attività (codice notarile)
Arte. XXXIII

Nel § 3 della legge n. 358/1992 Coll., Sui notai e le loro attività (codice notarile), come modificato dalla legge n. 30/2000 Coll., Il paragrafo 3 recita:

” (3) Un notaio può anche svolgere la funzione di curatore fallimentare, curatore fallimentare preliminare, curatore fallimentare aggiunto, curatore fallimentare separato e curatore fallimentare speciale nelle procedure di insolvenza.”

PARTE VENTICINQUE

Modifica alla legge sull’imposta sul reddito
Arte. XXXIV

, Legge n. 342/2005 Coll., Legge n. 357/2005 Coll., Legge n. 441/2005 Coll., Legge n. 530/2005 Coll., Legge n. 545/2005 Coll., Legge n. 552 / 2005 Coll., Legge n. 56/2006 Coll., Legge n. 57/2006 Coll., Legge n. 109/2006 Coll., Legge n. 112/2006 Coll., Legge n. 179/2006 Coll., Legge n. 189/2006 Coll., Legge n. 203/2006 Coll., Legge n. 223/2006 Coll., Legge n. 245/2006 Coll., Legge n. 264/2006 Coll., Legge n. 267 / 2006 Sb. e la legge n. 261/2007 Coll., è modificata come segue:

1. Nel § 4 paragrafo 1 lettera x), inclusa la nota a piè di pagina n. 19a, si legge:

“( x) proventi derivanti dalla cancellazione di passività in caso di riorganizzazione o cancellazione di debiti effettuata in conformità con la legislazione speciale 19a) ,

19a ) Legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverlo (Legge sull’insolvenza), come modificata. “.

2. Nel § 4 comma 1 lett. zn) le parole “in due periodi d’imposta immediatamente successivi al periodo d’imposta” sono sostituite dalle parole “in un periodo d’imposta immediatamente successivo al periodo d’imposta”, la parola “fallito” è sostituita dalla parola “debitore” e le parole “in li “sono sostituiti dalle parole” in lui “.

3. Nel § 7 paragrafo 2 lettera d) si legge:

” d) redditi derivanti dalle attività del curatore fallimentare, compresi i redditi delle attività del curatore fallimentare preliminare, del curatore fallimentare aggiunto, del curatore fallimentare separato e del curatore fallimentare speciale, che non sono attività commerciali o attività ai sensi della normativa speciale 19 bis) . “.

4. Nel § 19 paragrafo 1 let. (h) le parole “regolamento o regolamento coatto , 19a) ” sono sostituiti dai termini “cancellazione del debito o riorganizzazione effettuata in conformità con una norma giuridica speciale 19a) ,”.

5. Nel § 19 (1), lettera zo) si legge:

“zo) reddito di cui alla sezione 18 fluente al debitore nel periodo d’imposta in cui si è deciso di autorizzare il risanamento ai sensi della normativa speciale 19a) , e in un periodo d’imposta immediatamente successivo al periodo d’imposta in cui si è deciso di autorizzare il risanamento , a meno che per completare la riorganizzazione. “

6. Nel § 24 paragrafo 2 lett. y) i punti 1 e 2, compresa la nota 26i, recitano come segue:

” 1. in cui il tribunale ha annullato il fallimento 26i) perché i beni del debitore sono completamente insufficienti e il credito è stato registrato dal contribuente presso il tribunale fallimentare e doveva essere risolto nel merito,

2. chi è in fallimento o è in pericolo di fallimento 26i) sulla base dei risultati di procedure concorsuali,

26i ) Legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverlo (Legge sull’insolvenza), come modificata. “.

7. Nel § 26 paragrafo 7 let. a) al punto 3, le parole “, autorizzazione a riorganizzare o approvare il piano di cancellazione del debito” sono inserite dopo le parole “dichiarazione di fallimento”.

8. Nel § 26 paragrafo 7 let. c) le parole “che è stato dichiarato fallito” sono sostituite dalle parole “che è o è a rischio di insolvenza”.

9. Nel § 26 paragrafo 7 let. d) le parole “paragrafo 3” sono sostituite dalle parole “paragrafo 2”.

10. Nel § 35a paragrafo 2 let. b) la parola “fallimento” è sostituita dalla parola “proprietà”.

11. Nel § 35a paragrafo 2 let. b) dopo le parole “legislazione speciale” è inserito un riferimento alla nota 19 bis.

12. Nel § 35a paragrafo 2 let. c) la parola “fallimento” è sostituita dalla parola “insolvenza”.

13. La sezione 38gb, compreso il titolo e la nota a piè di pagina n. 41d, recita:

Ҥ 38gb

Dichiarazione dei redditi nelle procedure concorsuali
(1) Il contribuente di cui al § 2 quando la decisione su come risolvere il suo fallimento, su presentazione della relazione finale quando la domanda di revoca del fallimento, l’annullamento del fallimento o incontra altri mezzi per risolvere l’insolvenza 19a) dichiarazione dei redditi ai sensi di una legge speciale 41d) in cui non rivendica la parte non imponibile della base imponibile, gli elementi deducibili dalla base imponibile, il rimborso fiscale o il vantaggio fiscale. La base imponibile per la parte passata del periodo d’imposta è determinata sulla base della differenza tra entrate (entrate) e spese (costi). La procedura è analoga per il trasferimento del diritto di disporre di beni appartenenti alla proprietà ai sensi di una disposizione di legge speciale 19a) .

(2) Alla fine dell’anno fiscale in cui è stata presa la decisione su come risolvere il fallimento, presentare una relazione finale per presentare una domanda di revoca del fallimento, annullare un fallimento o incontrare altri mezzi per risolvere l’insolvenza 19a) , il contribuente deve presentare la dichiarazione dei redditi 41d) per l’intero periodo d’imposta. Se soddisfa le condizioni specificate, deve indicare nella dichiarazione la parte non imponibile della base imponibile, gli elementi deducibili dalla base imponibile, il rimborso fiscale e il beneficio fiscale.

(3) Dopo la fine del periodo fiscale in cui è stato deciso il metodo di risoluzione dell’insolvenza e anche per presentare una relazione finale per presentare una domanda di revoca del fallimento, annullare un fallimento o per soddisfare altri mezzi per risolvere l’insolvenza 19a) deve fornire al contribuente una dichiarazione dei redditi 41d) per l’intero periodo d’imposta. Se soddisfa le condizioni specificate, deve indicare nella dichiarazione la parte non imponibile della base imponibile, gli elementi deducibili dalla base imponibile, il rimborso fiscale e il beneficio fiscale. In caso di presentazione di una relazione finale, presentazione di istanza di fallimento, annullamento del fallimento o adempimento di un altro metodo per risolvere l’insolvenza 19a)l’ultimo giorno del periodo d’imposta, il contribuente presenta una dichiarazione dei redditi per l’intero periodo d’imposta, a condizione che se soddisfa le condizioni specificate, indichi nella dichiarazione la parte non imponibile della base imponibile, elementi deducibili dall’imposta base, sconto fiscale e vantaggi fiscali. La procedura è analoga per il trasferimento del diritto di disporre di beni appartenenti alla proprietà ai sensi di una disposizione di legge speciale 19a) .

(4) Una passività fiscale derivante da una dichiarazione dei redditi ai sensi del paragrafo 1 è considerata un anticipo sull’imposta dopo la valutazione di una passività fiscale ai sensi di una dichiarazione dei redditi presentata ai sensi dei paragrafi 2 e 3.

(5) Nell’anno fiscale successivo all’anno fiscale in cui è stato deciso il metodo di risoluzione dell’insolvenza e inoltre non è stata presentata una relazione finale per l’annullamento del fallimento non è stato annullato il fallimento o non ha incontrato nessun altro modo di in caso di fallimento 19a) , fornisce la dichiarazione dei redditi del contribuente per ogni periodo d’imposta. Se soddisfa le condizioni specificate, deve indicare nella dichiarazione la parte non imponibile della base imponibile, gli elementi deducibili dalla base imponibile, il rimborso fiscale e il beneficio fiscale.

41d ) Articoli 40 e 40b della legge n. 337/1992 Coll., Sull’amministrazione di imposte e tasse, come modificata. “.

14. La nota 41c è soppressa.

15. Nel § 38m, il paragrafo 2 è soppresso.

Gli attuali paragrafi da 3 a 8 sono rinumerati come paragrafi da 2 a 7.

16. La nota 102 è soppressa.

17. Nel § 38m paragrafo 2 let. c) la parola “precedente” è sostituita dalla parola “precedente”.

18. Nel § 38m paragrafo 4 della parte introduttiva della disposizione, il numero “3” è sostituito dal numero “2”.

19. Nel § 38m paragrafo 7 lettera c) si legge:

” (c) una società incorporata o scissa o una cooperativa per il periodo dalla data decisiva della trasformazione 70) alla data di iscrizione della trasformazione 70) nel registro delle imprese .”.

Arte. XXXV

Disposizioni temporanee
1. Se i procedimenti ai sensi della legge n. 328/1991 Coll., In caso di fallimento e regolamento, come modificato, sono stati avviati prima della data di entrata in vigore della presente legge e non sono stati definitivamente risolti entro la data di entrata in vigore della presente legge, l’imposta sul reddito relativa con la presente procedura le disposizioni della legge n. 586/1992 Coll., sulle imposte sul reddito, come modificata fino all’entrata in vigore della presente legge.

2. Per il periodo o periodo d’imposta sono addebitati interessi su prestiti e prestiti derivanti da contratti conclusi prima del 1 ° gennaio 2008 per i quali non sono state concordate modifiche dopo il 31 dicembre 2007 che modificano l’importo del prestito o del credito concesso o l’importo degli interessi pagati a cui è depositata la dichiarazione dei redditi, depositata nel 2008 e nel 2009, si applicano le disposizioni del § 25 comma 1 lett. w) della legge n. 586/1992 Coll., come modificata fino al 31 dicembre 2007. Per il periodo d’imposta o per il periodo per il quale viene presentata la dichiarazione dei redditi, iniziato nel 2010 e successivamente, le disposizioni del § 25 par. w) della legge n. 586/1992 Coll., come modificata in vigore dal 1 gennaio 2008, per tutti gli oneri finanziari (costi) derivanti da tutti i contratti, comprese le loro modifiche.

PARTE VENTESIMA

Modifica della legge sui premi di sicurezza sociale e sui contributi alla politica statale per l’occupazione
Arte. XXXVI

361/2005 Coll., Legge n. 377/2005 Coll., Legge n. 62/2006 Coll., Legge n. 189/2006 Coll., Legge n. 264/2006 Coll., Legge n. 585/2006 Coll. , Legge n. 153/2007 Coll., Legge n. 181/2007 Coll. e la legge n. 261/2007 Coll., è modificata come segue:

Primo nel § 20 paragrafo 3, terza frase, le parole “dichiarazione di procedura fallimentare o procedura di transazione sulla sua proprietà ai sensi di una legge speciale 45) o dalla data di forza giuridica di un tribunale che rifiuta una proposta di dichiarazione di procedura fallimentare per mancanza del debitore di assicurazione sulla proprietà “sono sostituite dalle parole” dalla data della decisione sulla dichiarazione di fallimento del bene del pagatore del premio o dalla decisione sul fallimento del pagatore del premio “.

La nota a piè di pagina 45 è eliminata.

2. Nella Sezione 20, Paragrafo 5, Lettera e), inclusa la nota n. 45, va letto come segue:

” e) per il periodo dalla data di emanazione della decisione sulla dichiarazione di fallimento sulla proprietà del pagatore dei premi assicurativi fino alla data di forza giuridica della delibera del tribunale che annulla il fallimento 45) ,

45 ) Legge n. 182/2006 Coll., Sulla bancarotta e modi per risolverla (Legge sull’insolvenza), come modificata. “.

3. Nel § 20 paragrafo 5 lettera g) si legge:

” G) per il periodo dalla forza legale di un tribunale, che ha respinto un’istanza di insolvenza perché pagatore di assicurazione sulla proprietà a coprire i costi della procedura di insolvenza o annullamento del fallimento dopo aver ritenuto il tribunale che il debitore dell’assicurazione sulla proprietà è del tutto insufficiente a soddisfare i creditori. “.

4. Nel § 20a comma, infatti, il pagatore del premio che richiede il pagamento delle rate è tenuto a darne comunicazione scritta all’amministrazione distrettuale preposta alla previdenza sociale entro 8 giorni dal giorno in cui si sono verificate. “

5. Nel § 20a paragrafo 6 lett. b) le parole “procedura di fallimento o di liquidazione e relative attività sono state dichiarate o se l’ordinanza di procedura di fallimento è stata respinta da un ordine del tribunale per mancanza di beni del pagatore del premio” sono sostituite da “se una decisione sul fallimento del premio il pagatore è stato emesso “.

PARTE VENTISETTESIMA
annullato

Arte. XXXVII
annullato

PARTE VENTI – OTTAVA

Modifica della legge sui premi per l’assicurazione sanitaria generale
Arte. XXXVIII

Legge n. 592/1992 Coll., Sui premi assicurativi per l’assicurazione sanitaria generale, come modificata dalla legge n. 10/1993 Coll., Legge n. 15/1993 Coll., Legge n. 161/1993 Coll., Legge n. Coll. 324/1993, Legge n. 42/1994 Coll., Legge n. 241/1994 Coll., Legge n. 59/1995 Coll., Legge n. 149/1996 Coll., Legge n. 48/1997 Coll. , Legge n. 127/1998 Coll., Legge n. 29/2000 Coll., Legge n. 118/2000 Coll., Legge n. 258/2000 Coll., Legge n. 492/2000 Coll., Legge n. 138 / 2001 Coll., Legge n. 49/2002 Coll., Legge n. 176/2002 Coll., Legge n. 309/2002 Coll., Legge n. 424/2003 Coll., Legge n. 437/2003 Coll., Legge n. 455/2003 Coll., Legge n. 53/2004 Coll., Legge n. 438/2004 Coll., Legge n. 123/2005 Coll., Legge n. 381/2005 Coll., Legge n. 413 / 2005 Coll., Legge n. 545/2005 Coll., Legge n. 62/2006 Coll., Legge n. 117/2006 Coll., Legge n. 189/2006 Coll., Legge n. 214/2006 Coll., Legge n. 264/2006 Sb. e legge n. 261/2007 Coll.

1. Nella Sezione 23, Paragrafo 3, le parole “procedura fallimentare o confermata in procedura di transazione . 39a) ” sono sostituite dalle parole “procedura di insolvenza ai sensi di una norma giuridica speciale 39a) .”.

2. La nota 39a recita:

” 39a) Legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverlo (Legge sull’insolvenza), come modificata.”.

3. Nel § 23 paragrafo 6 lett. b) i termini “procedure di fallimento e liquidazione” sono sostituiti da “procedure di insolvenza che risolvono insolvenza o insolvenza imminente”.

4. La nota 41 recita come segue:

” 41 ) Ad esempio, Legge n. 182/2006 Coll., Legge n. 549/1991 Coll., Sulle spese processuali, come modificata, Legge n. 21/1992 Coll., Sulle banche, come modificata.”

PARTE VENTO-NOVE

Modifica della legge sulle riserve per la determinazione della base imponibile sul reddito
Arte. XXXIX

Legge n. 593/1992 Coll., Sulle riserve per la determinazione della base imponibile sul reddito, come modificata dalla legge n. 157/1993 Coll., Legge n. 323/1993 Coll., Legge n. 244/1994 Coll., Legge n. . 132/1995 Coll., Legge n. 211/1997 Coll., Legge n. 333/1998 Coll., Legge n. 363/1999 Coll., Legge n. 492/2000 Coll., Legge n. 126/2002 Coll. ., Legge n. 260/2002 Coll., Legge n. 176/2003 Coll., Legge n. 438/2003 Coll., Legge n. 669/2004 Coll., Legge n. 377/2005 Coll., Legge n. 545/2005 Coll., Legge n. 223/2006 Coll. e la legge n. 261/2007 Coll., è modificata come segue:

1. Al paragrafo 4, paragrafo 1, terza frase, le parole “decisione su” sono inserite dopo le parole “o il giorno precedente la data di entrata in vigore”.

2. Nel § 5a (1), le parole “il corso del fallimento” sono sostituite dalle parole “il corso della procedura di insolvenza per la durata degli effetti della dichiarazione di fallimento”.

3. Nella sezione 7 (1), alla fine della lettera b), il punto è sostituito da una virgola e dalla lettera c), che, inclusa la nota 12b, recita come segue:

” (c) sono in corso di riorganizzazione o cancellazione di debiti ai sensi della normativa speciale 12b) e la cui proprietà dei beni materiali per i quali è stata costituita la riserva non è stata influenzata dal corso della procedura di insolvenza o dalla chiusura definitiva della procedura di insolvenza.

12b ) Legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverlo (Legge sull’insolvenza), come modificata. “.

4. Nel § 7 paragrafo 3 let. (d) le parole “nelle procedure di fallimento e liquidazione. 23) ” sono sostituite dalle parole “nei confronti dei cui beni continuano gli effetti della dichiarazione di fallimento ai sensi della normativa speciale 12b) .”.

5. La nota 23 è eliminata.

6. La sezione 8, compreso il titolo, recita:

Ҥ 8

Fondi per crediti verso debitori in procedure concorsuali
(1) Accantonamenti per crediti verso debitori in procedure concorsuali, che costituiscono una spesa (costo) per il conseguimento, la garanzia e il mantenimento del reddito 1) , possono essere creati dai contribuenti che tengono una contabilità, fino al valore di bilancio dei crediti non scaduti depositate presso il tribunale entro il termine fissato dalla sentenza del tribunale in materia di fallimento, nel periodo per il quale viene presentata la dichiarazione dei redditi e in cui sono state presentate. Se è stata consentita la riorganizzazione, invece di presentare un reclamo, è sufficiente che il debitore abbia correttamente inserito il credito del creditore nell’elenco dei suoi obblighi ai sensi di un’apposita norma di legge 12b). Per i crediti depositati dopo la scadenza del periodo specificato nella decisione del tribunale in materia di fallimento e per i crediti esclusi al § 2 paragrafo 2, non è possibile creare accantonamenti che siano una spesa (costo) per il conseguimento, la garanzia e il mantenimento del reddito 1) in conformità con questa disposizione.

(2) Gli accantonamenti devono essere annullati in relazione ai risultati di procedure di insolvenza o nel caso in cui il credito sia stato effettivamente negato dall’amministratore fallimentare, dal creditore o dal debitore e una disposizione legale speciale 12b) concede a queste persone il diritto di negare il credito.

(3) Se i motivi dell’esistenza di una disposizione creata ai sensi di questa disposizione o sulla base della decisione di un contribuente cessano di esistere, è possibile ridurre l’accantonamento creato a un livello che potrebbe essere creato ai sensi del § 8a. Il contribuente continua quindi a creare un accantonamento ai sensi della Sezione 8a. “.

7. Le note a piè di pagina 13c, 13d e 13e sono cancellate.

8. La nota 13h recita:

” 13h) Codice di procedura amministrativa.”

9. Nella sezione 10a (6), le parole “attività fallimentare 23) ” sono sostituite dalle parole “attività del contribuente nella procedura di insolvenza 12b) “.

Arte. XL

Disposizione transitoria
Se i procedimenti ai sensi della legge n. 328/1991 Coll., In caso di fallimento e regolamento, come modificato, sono stati avviati prima della data di entrata in vigore della presente legge e non sono stati definitivamente risolti entro la data di entrata in vigore della presente legge, l’imposta sul reddito relativa a questa si applicano le disposizioni della legge n. 593/1992 Coll., sulle riserve per la determinazione della base imponibile sul reddito, come modificata fino all’entrata in vigore della presente legge.

PARTE TRENTA
annullato

Arte. XLI
annullato

PARTE TRENTUNA

Modifica alla legge sulla tassazione stradale
Arte. XLII

Nella sezione 15, paragrafo 1 della legge n. 16/1993 Coll., Sulla tassa stradale, come modificata dalla legge n. 302/1993 Coll., Legge n. 143/1996 Coll. e la legge n. 207/2002 Coll., le parole “chi è in una procedura fallimentare” sono sostituite dalle parole “il cui fallimento o fallimento imminente è risolto in una procedura di insolvenza”.

Arte. XLIII

Disposizione transitoria
Se i procedimenti ai sensi della legge n. 328/1991 Coll., In caso di fallimento e regolamento, come modificato, sono stati avviati prima della data di entrata in vigore della presente legge e non sono stati risolti definitivamente entro la data di entrata in vigore della presente legge, le disposizioni delle disposizioni di si applica la presente legge § 15 della legge n. 16/1993 Coll., Sulla tassa di circolazione, come modificata fino all’entrata in vigore della presente legge.

PARTE TRENTADUE

Modifica della legge sul commercio estero di materiale militare e sulla modifica della legge n. 455/1991 coll., Sulle licenze commerciali (legge sulle licenze commerciali), come modificata, e della legge n. 140/1961 coll., Codice penale, come modificato
Arte. XLIV

Legge n. 38/1994 Coll., Sul commercio estero di materiale militare e sugli emendamenti alla legge n. 455/1991 Coll., Sulle licenze commerciali (Legge sulle licenze commerciali), come modificato, e Legge n. 140/1961 Coll., Legge penale, come modificata, come modificata dalla legge n. 310/2002 Coll., Legge n. 357/2004 Coll. e la legge n. 413/2005 Coll., è modificata come segue:

1. Nella sezione 11, paragrafo 2, le parole “fallimento, dopo la conferma della transazione e della transazione forzata o la decisione del tribunale che respinge l’istanza di dichiarazione di fallimento per mancanza di beni” sono sostituite dalle parole “procedura di insolvenza”.

2. Nel § 13 paragrafo 1 lettera b) si legge:

” b) una decisione sull’insolvenza di una persona giuridica,”.

PARTE TRENTA TERZA TERZA

Modifica della legge sull’assicurazione pensionistica complementare con contributo statale e modifiche ad alcune leggi relative alla sua introduzione
Arte. XLV

Nella legge n. 42/1994 Coll., Sull’assicurazione pensionistica complementare con contributo statale e sugli emendamenti ad alcune leggi relative alla sua introduzione, come modificata dalla legge n. 61/1996 Coll., Legge n. 15/1998 Coll., Legge Coll. N. 170/1999, Legge n. 353/2001 Coll., Legge n. 309/2002 Coll., Legge n. 36/2004 Coll., Legge n. 237/2004 Coll., Legge n. 257/2004 Coll., Legge n. 377/2005 Coll., Legge n. 444/2005 Coll., Legge n. 56/2006 Coll., Legge n. 57/2006 Coll., Legge n. 70/2006 Coll. e la legge n. 342/2006 Coll., la sezione 53 è abrogata.

PARTE TRENTA – QUATTRO
annullato

Arte. XLVI
annullato

PARTE TRENTACINQUE

Modifica della legge che modifica la legge n. 424/1991 Coll., Sull’associazione nei partiti politici e nei movimenti politici, come modificata, Legge n. 99/1963 Coll., Codice di procedura civile, come modificata, integra la Legge n. 166/1993 Coll., Sull’Ufficio supremo dei conti, come modificato dalla legge n. 331/1993 Coll., E dalla legge n. 328/1991 Coll., Sul fallimento e la risoluzione, come modificato dalla legge n. 122/1993 Coll., E modifica la legge n. 563/1991 Coll., sulla contabilità
Arte. XLVII

Legge n. 117/1994 Coll., Modifica e integrazione della legge n. 424/1991 Coll., Sull’associazione a partiti politici e movimenti politici, come modificata, Legge n. 99/1963 Coll., Regole di procedura civile, come emendate, supplemento Legge n. 166/1993 Coll., Sull’Ufficio supremo dei conti, come modificata dalla legge n. 331/1993 Coll., E Legge n. 328/1991 Coll., Sul fallimento e la transazione, come modificata dalla legge n. 122/1993 Coll., E modifica la legge n. 563/1991 Coll., Sulla contabilità, l’articolo IV è abrogato.

PARTE TRENTESIMA

L’emendamento alla legge che modifica la legge n. 21/1992 Coll., Sulle banche, come modificata, integra la legge n. 513/1991 Coll., Il codice commerciale, come modificato, e la legge n. 328/1991 Coll., Sul fallimento e liquidazione, come modificata
Arte. XLVIII

Nella legge n. 156/1994 Coll., Modifica e integrazione della legge n. 21/1992 Coll., Sulle banche, come modificata, integra la legge n. 513/1991 Coll., Il codice commerciale, come modificato, e la legge n. 328 / 1991 Coll., Fallimento e regolamento, come modificato, l’articolo III è abrogato.

PARTE TRENTASETTESIMA
annullato

Arte. XLIX
annullato

PARTE TRENTOTTO

Modifica della legge sull’arbitrato e sull’esecuzione dei lodi arbitrali
Arte. L

Nella sezione 2, paragrafo 1 della legge n. 216/1994 Coll., Sull’arbitrato e l’esecuzione dei lodi arbitrali, le parole “controversie causate da fallimento o transazione” sono sostituite dalle parole “controversie incidentali”.

PARTE TRENTANOTE

Modifica della legge che modifica la legge n. 92/1991 Coll., Sulle condizioni per il trasferimento della proprietà statale ad altre persone, come modificata dalla legge n. 92/1992 Coll., Legge n. 264/1992 Coll., Legge costituzionale 541/1992 Coll., Legge n. 544/1992 Coll., Legge n. 210/1993 Coll. e Legge n. 306/1993 Coll., Atto del Consiglio nazionale ceco n. 171/1991 Coll., sulla competenza degli organi della Repubblica ceca in materia di trasferimenti di proprietà statali ad altre persone e sul Fondo per la proprietà nazionale della Repubblica ceca, come modificata dalla legge n. 285/1991 Coll., Atto del Consiglio nazionale ceco n. 438/1991 Coll., Atto del Consiglio nazionale ceco n. 569/1991 Coll., Atto del Consiglio nazionale ceco Consiglio n. 282/1992 Coll. e la legge n. 210/1993 Coll., integra la legge n. 328/1991 Coll., sul fallimento e la risoluzione, come modificata dalla legge n. 122/1993 Coll., legge n. 42/1994 Coll., legge n. 74 / 1994 Coll., Legge n. 117/1994 Coll. e Legge n. 156/1994 Coll., e Legge n. 166/1993 Coll., sull’Ufficio superiore di revisione contabile, come modificato dalla legge n. 331/1993 Coll. e legge n. 117/1994 Coll.
Arte. SE

Nella legge n. 224/1994 Coll., Che modifica e integra la legge n. 92/1991 Coll., Sulle condizioni per il trasferimento della proprietà statale ad altre persone, come modificata dalla legge n. 92/1992 Coll., Legge n. 264/1992 Coll., Legge costituzionale n. 541/1992 Coll., Legge n. 544/1992 Coll., Legge n. 210/1993 Coll. e Legge n. 306/1993 Coll., Atto del Consiglio nazionale ceco n. 171/1991 Coll., sulla competenza degli organi della Repubblica ceca in materia di trasferimenti di proprietà statali ad altre persone e sul Fondo per la proprietà nazionale della Repubblica ceca, come modificata dalla legge n. 285/1991 Coll., Atto del Consiglio nazionale ceco n. 438/1991 Coll., Atto del Consiglio nazionale ceco n. 569/1991 Coll., Atto del Consiglio nazionale ceco Consiglio n. 282/1992 Coll. e la legge n. 210/1993 Coll., integra la legge n. 328/1991 Coll., sul fallimento e la risoluzione, come modificata dalla legge n. 122/1993 Coll., legge n. 42/1994 Coll., legge n. 74 / 1994 Coll., Legge n. 117/1994 Coll. e la legge n. 156/1994 Coll. e la legge n. 166/1993 Coll., On the Supreme Audit Office, come modificato dalla legge n. 331/1993 Coll. e la legge n. 117/1994 Coll., come modificata dalla legge n. 179/2005 Coll., l’articolo III è abrogato.

PARTE QUARANTA

Modifica della legge sulle ferrovie
Arte. LII

Legge n. 266/1994 Coll., Sulle ferrovie, modificata dalla Legge n. 189/1999 Coll., Legge n. 23/2000 Coll., Legge n. 71/2000 Coll., Legge n. 132/2000 Coll. , Legge n. 77/2002 Coll., Sentenza della Corte costituzionale promulgata ai sensi del n. 144/2002 Coll., Legge n. 175/2002 Coll., Legge n. 309/2002 Coll., Legge n. 320/2002 Coll. ., Legge n. 103/2004 Coll., Legge n. 1/2005 Coll., Legge n. 181/2006 Coll., Legge n. 186/2006 Coll. e la legge n. 191/2006 Coll., è modificata come segue:

1. Nella sezione 27a, paragrafo 3, le parole “è stata dichiarata bancarotta per la sua proprietà o un’istanza di fallimento è stata respinta per mancanza di proprietà” sono sostituite dalle parole “se è in corso una procedura di insolvenza in cui il suo fallimento o imminente fallimento “.

2. La nota 6b recita:

” 6b ) Legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverlo (Legge sull’insolvenza), come modificata.”.

PARTE QUARANTUNESIMA

Modifica della legge che modifica la legge n. 530/1990 Coll., Sulle obbligazioni, come modificata, Legge n. 513/1991 Coll., Codice commerciale, come modificato, Legge n. modificato, Legge n. 99/1963 Coll., Codice di procedura civile, come modificato, e Legge n. 21/1992 Coll., sulle banche, come modificato
Arte. LIII

Nella legge n. 84/1995 Coll., Modifica e integrazione della legge n. 530/1990 Coll., Sulle obbligazioni, come modificata, Legge n. 513/1991 Coll., Codice commerciale, come modificata, Legge n. 328/1991 Coll. ., su Fallimento e regolamento, come modificato, Legge n. 99/1963 Coll., Codice di procedura civile, come modificato, e Legge n. 21/1992 Coll., sulle banche, come modificato la formulazione dei regolamenti successivi, come modificato dalla legge n. 257/2004 Coll., l’articolo III è abrogato.

PARTE QUARANTADUE

Modifica della legge sulle cooperative di credito e di risparmio e alcune misure correlate e alla modifica della legge del Consiglio nazionale ceco n. 586/1992 Coll., Sulle imposte sul reddito, e successive modifiche
Arte. LIV

Legge n. 87/1995 Coll., Sulle cooperative di credito e di risparmio e alcune misure correlate e sugli emendamenti alla legge del Consiglio nazionale ceco n. 586/1992 Coll., Sulle imposte sul reddito, come modificata, modificata dalla legge n. 100 / 2000 Coll., Legge n. 406/2001 Coll., Legge n. 212/2002 Coll., Legge n. 257/2004 Coll., Legge n. 280/2004 Coll., Legge n. 377/2005 Coll., Legge n. 413/2005 Coll., Legge n. 56/2006 Coll., Legge n. 57/2006 Coll. e la legge n. 70/2006 Coll., è modificata come segue:

1. Nel § 2a paragrafo 7 lettera c) si legge:

” (c) per i cui attivi non è stata emessa alcuna decisione di insolvenza,”.

2. Nel § 2a paragrafo 7 lett. d) le parole “istanza di insolvenza presentata contro tale persona giuridica” sono sostituite da “istanza di insolvenza”.

3. Nel § 2a, paragrafo 8, lettera a) si legge:

” (a) il tribunale

1. annullare il fallimento se non con delibera sull’annullamento del fallimento dopo l’adempimento della delibera di programma o con una delibera sul rigetto dell’istanza di dichiarazione di fallimento perché i beni del debitore sono del tutto insufficienti,

2. respingere l’istanza di insolvenza sulla base del fatto che il patrimonio del debitore non sarà sufficiente a coprire i costi della procedura di insolvenza, “.

4. Nella sezione 5a (4), le parole “amministratore della massa fallimentare” sono sostituite dalle parole “curatore fallimentare” e le parole “amministratore della massa fallimentare” sono sostituite dalle parole “curatore fallimentare”.

5. La nota 5a recita:

“5a) Legge n. 182/2006 Coll., Sulla bancarotta e modi per risolverla (Legge sull’insolvenza), come modificata.”.

6. Nel § 22, il paragrafo 5 recita:

” (5) La Banca nazionale ceca informa immediatamente l’autorità di vigilanza competente dello Stato membro dell’Unione europea in cui l’unione di credito ha una filiale 5a) della decisione di fallimento e della dichiarazione di fallimento dei beni dell’unione di credito . La Banca nazionale ceca si adopererà per coordinare le proprie attività con gli Stati membri dell’Unione europea in cui l’unione di credito ha una succursale. “

7. Nel § 25a paragrafo 4 let. a) il termine “fallimento” è sostituito dal termine “fallimento”.

8. Nella sezione 27a (6), le parole “Fiduciario fallimentare” sono sostituite dalle parole “Fiduciario fallimentare”.

9. Nella sezione 27c (2), le parole “amministratore della massa fallimentare” sono sostituite dalle parole “curatore fallimentare”.

PARTE QUARTA – TERZA

Modifica della legge sull’assicurazione pensionistica
Arte. LV

Nel § 9 par.3 let. e) della legge n. 155/1995 Coll., sull’assicurazione pensionistica, come modificata dalla legge n. 425/2003 Coll., Legge n. 85/2004 Coll. e la legge n. 189/2006 Coll., le parole “amministratore della massa fallimentare, compreso l’amministratore preliminare, l’amministratore straordinario e l’amministratore di liquidazione” sono sostituite dalle parole “curatore fallimentare o altro amministratore”.

PARTE QUARANTAQUATTRO
annullato

Arte. LVI
annullato

PARTE QUARANTACINQUE

Modifica alla legge sull’advocacy
Arte. LVII

Legge n. 85/1996 Coll., On Advocacy, come modificata dalla Legge n. 210/1999 Coll., Legge n. 120/2001 Coll., Legge n. 6/2002 Coll., Legge n. 228/2002 Coll. , Sentenza della Corte costituzionale promulgata ai sensi del n. 349/2002 Coll., Legge n. 192/2003 Coll., Legge n. 237/2004 Coll., Legge n. 284/2004 Coll., Legge n. 555/2004 Coll. ., Legge n. 205/2005 Coll., Legge n. 79/2006 Coll. e la legge n. 312/2006 Coll., è modificata come segue:

1. Nel § 7b paragrafo 1 lettere e) ed f) leggi:

” e) la persona dichiarata fallita viene rimossa dall’elenco degli avvocati alla data in cui la decisione di dichiarare il fallimento diventa definitiva,

f) chi è un partner di una persona giuridica costituita per lo svolgimento di attività di difesa (§ 15), contro la quale è stato dichiarato il fallimento, viene rimosso dall’elenco degli avvocati il ​​giorno della forza giuridica della decisione di dichiarare fallimento, ” .

2. Nel § 8b paragrafo 1 lettere a) eb) si legge come segue:

” a) il cui fallimento è stato dichiarato fallito è sospeso dalla data in cui hanno avuto effetto gli effetti della dichiarazione di fallimento,

b) chi è socio di una persona giuridica costituita per l’esercizio della difesa (§ 15), contro la quale è stata dichiarata bancarotta, la pratica dell’avvocatura è sospesa il giorno in cui si sono verificati gli effetti della dichiarazione di fallimento “.

3. Nel § 9 paragrafo 2 lettera c) si legge:

” c) se è stata avviata una procedura di insolvenza in cui viene risolto il fallimento o il fallimento imminente di un avvocato o di una persona giuridica costituita per esercitare la professione (Sezione 15), di cui è socio.”

4. Al § 15, alla fine del paragrafo 1, è aggiunta la frase “Solo una società per azioni può aver registrato come oggetto di affari lo svolgimento delle attività di un curatore fallimentare”.

5. Nel § 56, paragrafo 1, inclusa la nota n. 17, si legge:

” (1) Un avvocato ha il diritto di amministrare i beni di terzi, compreso lo svolgimento della funzione di curatore fallimentare ai sensi di una normativa legale speciale 17) .

17 ) Sezioni da 36 a 40 della legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverla (Legge sull’insolvenza), come modificata dalla Legge n. 296/2007 Coll. “.

6 Nel § 56 par. 2, la seconda frase è sostituita dalla frase “Un avvocato non dovrà segretezza ai sensi del § 21 su questioni su cui ha imparato in connessione con i compiti del curatore fallimentare, le disposizioni di un regolamento speciale 17b) di l’obbligo di riservatezza da parte dell’amministratore fallimentare non sono interessati. “

La nota 17b recita:

” 17b) Legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverlo (Legge sull’insolvenza), come modificata.”.

PARTE QUARANTESIMA

Modifica della legge che modifica la legge n. 328/1991 Coll., Fallimento e regolamento, come modificata, Legge n. 455/1991 Coll., Sulla licenza commerciale (Legge sulle licenze commerciali), come modificata, Legge n. 513/1991 Coll. ., Codice commerciale, come modificato, e Legge n. 40/1964 Coll., Codice civile, come modificato
Arte. LVIII

Nella legge n. 94/1996 Coll., Modifica e integrazione della legge n. 328/1991 Coll., Su fallimento e regolamento, come modificata, Legge n. 455/1991 Coll., Sulla licenza commerciale (Legge sulle licenze commerciali), come modificata , Legge n. 513/1991 Coll., Codice commerciale, come modificato, e Legge n. 40/1964 Coll., Codice civile, come modificato, Articoli I e VI sono abrogati.

PARTE QUARANTASETTESIMA

Modifica della legge sull’uso pacifico dell’energia nucleare e delle radiazioni ionizzanti (Atomic Act) e sulle modifiche ad alcune leggi
Arte. LIX

Nella sezione 17, paragrafo 1 della legge n. 18/1997 Coll., Sull’uso pacifico dell’energia nucleare e delle radiazioni ionizzanti (Atomic Act) e sugli emendamenti ad alcune leggi, come modificata dalla legge n. 13/2002 Coll., Lettera l) recita:

“( l) informa l’Ufficio senza indebito ritardo dell’apertura di una procedura di insolvenza,”.

PARTE QUARANTOTTO

Modifica della legge sull’assicurazione sanitaria pubblica e modifica di alcuni atti correlati
Arte. LX

Nel § 53a paragrafo 3 let. b) della legge n. 48/1997 Coll., sull’assicurazione sanitaria pubblica e sugli emendamenti ad alcuni atti correlati, come modificata dalla legge n. 176/2002 Coll., le parole “istanza di dichiarazione di fallimento” sono sostituite dalle parole “petizione di insolvenza 47b) “.

La nota 47b recita:

“47b) Legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverlo (Legge sull’insolvenza), come modificata.”.

PARTE quarantanove

Modifica allo State Enterprise Act
Arte. LXI

Legge n. 77/1997 Coll., Su un’impresa statale, come modificata dalla Legge n. 30/2000 Coll., Legge n. 220/2000 Coll., Legge n. 103/2001 Coll., Legge n. 77/2002 Coll., Legge n. 202/2002 Coll. e la legge n. 480/2003 Coll., è modificata come segue:

1. Nella sezione 6, paragrafo 5, le parole “amministratore della massa fallimentare” sono sostituite dalle parole “curatore fallimentare”.

2. La nota 7 recita come segue:

” 7 ) Legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverlo (Legge sull’insolvenza), come modificata.”.

PARTE CINQUANTA

Modifica della legge sugli alimenti e sui prodotti del tabacco
Arte. LXII

Nella legge n. 110/1997 Coll., Sugli alimenti e sui prodotti del tabacco e sugli emendamenti ad alcuni atti correlati, come modificata dalla legge n. 166/1999 Coll., Legge n. 119/2000 Coll., Legge n. 306/2000 Coll., Legge n. 146/2002 Coll., Legge n. 131/2003 Coll., Legge n. 274/2003 Coll., Legge n. 94/2004 Coll., Legge n. 316/2004 Coll., Legge N. 558/2004 Coll., Legge n. 392/2005 Coll., Legge n. 444/2005 Coll. e la legge n. 229/2006 Coll., nota a piè di pagina n. 3 è abrogata, compreso il riferimento alla nota a piè di pagina.

PARTE CINQUANTA PRIMA

Modifica della legge sulla valutazione della proprietà e sulle modifiche ad alcune leggi (legge sulla valutazione della proprietà)
Arte. LXIII

Nella legge n. 151/1997 Coll., Sulla valutazione della proprietà e sugli emendamenti ad alcuni atti (Legge sulla valutazione della proprietà), come modificata dalla legge n. 121/2000 Coll., Legge n. 237/2004 Coll. e la legge n. 257/2004 Coll., parte quarta, compreso il titolo, è abrogata.

PARTE CINQUANTA DUE
annullato

Arte. LXIV
annullato

PARTE CINQUANTA – TERZA

Modifica della legge sulla vigilanza del mercato dei capitali e modifiche ad altri atti
Arte. LXV

Legge n. 15/1998 Coll., Sulla vigilanza del mercato dei capitali e sugli emendamenti ad altri atti, come modificata dalla Legge n. 30/2000 Coll., Legge n. 362/2000 Coll., Legge n. 370/2000 Coll., Legge n. 308/2002 Coll., Legge n. 257/2004 Coll., Legge n. 626/2004 Coll., Legge n. 381/2005 Coll., Legge n. 56/2006 Coll., Legge n. 57 / 2006 Coll., Legge n. 70/2006 Coll., Legge n. 224/2006 Coll. e la legge n. 342/2006 Coll., è modificata come segue:

1. Nel § 26 paragrafo 2 lett. c) al punto 1, i termini “curatore fallimentare, curatore provvisorio, liquidatore” sono sostituiti dai termini “curatore fallimentare”.

2. Nel § 26 paragrafo 2 lett. g) la parola “fallimento” è sostituita dalla parola “insolvenza” e la parola “fallimento” dalla parola “debitore”.

PARTE CINQUANTA QUATTRO

Modifica alla legge sull’istruzione superiore
Arte. LXVI

Legge n. 111/1998 Coll., Sugli istituti di istruzione superiore e sugli emendamenti ad altri atti (Legge sugli istituti di istruzione superiore), come modificata dalla Legge n. 210/2000 Coll., Legge n. 147/2001 Coll., Legge n. 362/2003 Coll., Legge n. 96/2004 Coll., Legge n. 121/2004 Coll., Legge n. 436/2004 Coll., Legge n. 473/2004 Coll., Legge n. 562/2004 Coll. ., Legge n. 342/2005 Coll., Legge n. 552/2005 Coll., Legge n. 161/2006 Coll., Legge n. 165/2006 Coll. e la legge n. 310/2006 Coll., è modificata come segue:

1. Nel § 42 paragrafo 1 let. f) le parole “dichiarazione o risoluzione del fallimento secondo le norme generali in materia di fallimento e liquidazione, 13) ” sono sostituite dalle parole “dichiarazione o risoluzione del fallimento secondo le norme che disciplinano il fallimento e le modalità per risolverlo 13) , “.

La nota 13 recita:

” 13 ) Legge n. 182/2006 Coll., Sulla bancarotta e modi per risolverla (Legge sull’insolvenza), come modificata.”.

2. Nella sezione 101 (6), le parole “in materia di fallimento e liquidazione” sono sostituite dalle parole “disciplina del fallimento e metodi per risolverlo”.

PARTE CINQUANTACINQUE

Modifica della legge sull’assicurazione di responsabilità per i danni causati dal funzionamento di un veicolo e sulla modifica di alcuni atti correlati (legge sull’assicurazione di responsabilità per l’esercizio del veicolo)
Arte. LXVII

Legge n. 168/1999 Coll., Sull’assicurazione di responsabilità per danni causati dall’uso del veicolo e sulle modifiche ad alcuni atti correlati (legge sull’assicurazione di responsabilità per l’esercizio del veicolo), come modificata dalla legge n. 307/1999 Coll., Legge n. 56/2001 Coll., Legge n. 320/2002 Coll., Legge n. 47/2004 Coll., Legge n. 377/2005 Coll. e la legge n. 57/2006 Coll., è modificata come segue:

1. Nella sezione 24, paragrafo 3, la seconda frase è sostituita dalla frase “Il credito dell’Ufficio per il risarcimento della prestazione ai sensi del paragrafo 2, lettere b) ec) è considerato un credito che si considera registrato ai sensi regolamento di legge speciale 22c) .

La nota 22c recita:

” 22c) Legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverlo (Legge sull’insolvenza), come modificata.”.

2. Nell’ultima frase della Sezione 26 (1), le parole “se questa persona è in fallimento, l’amministratore della massa fallimentare” sarà cancellata.

3. Nel § 26, alla fine del paragrafo 1, la frase “Se viene risolta una procedura di insolvenza in cui viene risolto il fallimento o il fallimento imminente del proprietario del veicolo, l’amministratore dell’insolvenza esegue gli obblighi del proprietario del veicolo ai sensi della presente legge dopo la sua nomina, proprietà del proprietario del veicolo “.

PARTE CINQUANTESIMO
annullato

Arte. LXVIII
annullato

PARTE CINQUANTESIMA

Modifica alla legge sulle aste pubbliche
Arte. LXIX

Legge n. 26/2000 Coll., Sulle aste pubbliche, come modificata dalla Legge n. 120/2001 Coll., Legge n. 517/2002 Coll., Legge n. 257/2004 Coll., Sentenza della Corte costituzionale promulgata ai sensi N. 181/2005 Coll., Legge n. 377/2005 Coll., Legge n. 56/2006 Coll. e la legge n. 315/2006 Coll., è modificata come segue:

1. Nel § 3, paragrafo 2, inclusa la nota 2, si legge:

” (2) I partecipanti all’asta non possono essere persone che non possono acquisire la proprietà e i diritti sugli oggetti dell’asta 2) , le persone la cui proprietà è stata dichiarata fallita o una domanda di insolvenza per la proprietà di tale persona è stata respinta perché la sua proprietà è non sufficiente a coprire i costi di insolvenza, per un periodo di 3 anni dalla forza giuridica di tale decisione, nessuno può presentare un’offerta per essi.

2 ) Legge n. 219/1995 Coll., Legge sui cambi, come modificata. “.

2. Nella sezione 17, paragrafo 4, le parole “amministratore della massa fallimentare” sono sostituite dalle parole “curatore fallimentare”.

3. Nella sezione 18, paragrafo 3, le parole “amministratore della massa fallimentare” sono sostituite dalle parole “curatore fallimentare”.

4. Nel § 22, paragrafo 1, lettera e), inclusa la nota n. 14a, si legge:

” e) se è stata avviata una procedura di insolvenza, o se l’oggetto dell’asta o una parte di essa è stata inclusa nella proprietà ai sensi della norma legale speciale 14a) , se il firmatario non è un curatore fallimentare,

14a ) Legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverlo (Legge sull’insolvenza), come modificata. “.

5. Nel § 46 paragrafo 1 lettera f) si legge:

” f) se è stata avviata una procedura di insolvenza in cui viene risolto il fallimento o il fallimento imminente del proprietario, o se l’oggetto dell’asta o parte di essa è stato incluso nella proprietà ai sensi della normativa legale speciale 14a) , se il richiedente è non un curatore fallimentare, “.

PARTE CINQUANTOTTA

Modifica della legge che modifica alcune leggi in relazione all’adozione della legge sulle aste pubbliche
Arte. LXX

Nella legge n. 27/2000 Coll., Che modifica alcuni atti in relazione all’adozione della legge sulle aste pubbliche, come modificata dalla legge n. 499/2004 Coll., La parte dieci, compreso il titolo, è abrogata.

PARTE CINQUANTA NONA

Modifica della legge che modifica la legge n. 99/1963 Coll., Il codice di procedura civile, come modificato, e alcuni altri atti
Arte. LXXI

Nella Legge n. 30/2000 Coll., Legge di modifica n. 99/1963 Coll., Codice di procedura civile, come modificato, e alcuni altri atti, come modificato dalla Legge n. 6/2002 Coll. e la legge n. 413/2005 Coll., parte sei, compreso il titolo, è abrogata.

PARTE SESSANTA

Modifica della legge che modifica la legge n. 328/1991 Coll., Fallimento e regolamento, come modificato, e alcuni altri atti
Arte. LXXII

Nella legge n. 105/2000 Coll., Nella legge di modifica n. 328/1991 Coll., In materia di bancarotta e regolamento, come modificata, e alcuni altri atti, la Parte Uno, compreso il titolo, e l’Articolo VII sono abrogati.

PARTE SESSANTUNA

Modifica della legge sulla protezione dei dipendenti in caso di insolvenza del datore di lavoro e modifiche ad alcune leggi
Arte. LXXIII

Legge n. 118/2000 Coll., Sulla protezione dei dipendenti in caso di insolvenza del datore di lavoro e sulla modifica di alcune leggi, come modificata dalla legge n. 436/2004 Coll. e la legge n. 73/2006 Coll., è modificata come segue:

1. Nel § 3 lettera a) ec) e § 5 comma 1, le parole “istanza di dichiarazione di fallimento” sono sostituite dalle parole “istanza di insolvenza”.

2. La nota 5 recita come segue:

” 5 ) Legge n. 182/2006 Coll., Sulla bancarotta e modi per risolverla (Legge sull’insolvenza), come modificata.”.

3. Nella sezione 4, paragrafo 4, le parole “entro e non oltre 5 giorni lavorativi dalla notifica al tribunale del deposito dell’istanza di dichiarazione di fallimento” sono sostituite dalle parole “immediatamente dopo che il tribunale gli ha notificato l’avvio di una procedura di insolvenza, “.

4. Nel § 4 paragrafo 5, le parole “3 mesi” sono sostituite dalle parole “1 mese” e le parole “l’istanza per la dichiarazione di fallimento è respinta 5c) o respinta, questo procedimento è chiuso 6) o il fallimento è annullato, 7) “sono sostituite dalle parole” decise in procedure di insolvenza diverse dall’emissione di una decisione di fallimento 5) , “.

5. Le note 5c, 6 e 7 sono cancellate.

6. In § 5 (2) e § 9 (1) e (7), le parole “petizione per dichiarare fallimento” sono sostituite dalle parole “petizione di insolvenza”.

7. Nel § 7 (1), le parole “entro 7 giorni” sono sostituite dalla parola “immediatamente” e il numero “14” è sostituito dal numero “7”.

8. Nella sezione 7, paragrafo 2, le parole “dichiarazione di fallimento” sono sostituite dalle parole “decisione di fallimento” e le parole “curatore fallimentare 10) ” sono sostituite dalle parole ” curatore fallimentare 5) “.

9. La nota 10 è eliminata.

10. Nella Sezione 9, Paragrafo 4, le parole “istanza di dichiarazione di fallimento. 11) ” sono sostituite dalle parole “istanza di insolvenza 11) .”.

11. Nella sezione 11, paragrafo 2, le parole “procedura fallimentare. 14) ” sono sostituite dalle parole “procedura fallimentare 5) .”.

12. La nota 14 è soppressa.

13. Nella sezione 11, paragrafo 3, la seconda frase è sostituita dalla frase “Se è stata emessa una decisione sul fallimento del datore di lavoro, l’Ufficio del lavoro fa valere le pretese dei singoli dipendenti in una procedura di insolvenza 5) .”.

14. La nota 15 è soppressa.

15. Nel § 12, i paragrafi 1 e 2 recitano:

” (1) Salvo diversa disposizione, l’obbligo del datore di lavoro di rimborsare l’ufficio del lavoro per i fondi versati ai dipendenti ai sensi della presente legge e gli importi corrispondenti a detrazioni e prelievi pagati dall’ufficio del lavoro ai sensi di disposizioni legali speciali, nella misura in cui tali crediti hanno non è stato soddisfatto, cesserà. nelle procedure di insolvenza, il giorno in cui ha valore legale la risoluzione che chiude la procedura di insolvenza.

(2) Il datore di lavoro è tenuto a rimborsare all’Ufficio del lavoro i fondi versati al dipendente ai sensi della presente legge e gli importi corrispondenti a detrazioni e prelievi pagati dall’Ufficio del lavoro ai sensi di disposizioni legali speciali, entro 3 settimane dalla decisione del tribunale effetto giuridico.

a) ha deciso sulla domanda di insolvenza diversa dall’emissione di una decisione di fallimento 5) ,

b) decide che il debitore non è insolvente,

(c) annulla la procedura di insolvenza per motivi diversi dal rispetto della risoluzione schedulata o perché i beni del debitore sono del tutto insufficienti. “.

16. Le note da 16 a 18 sono cancellate.

PARTE Sessantadue

Modifica della legge sull’esplorazione, l’esplorazione e l’estrazione di risorse minerarie dai fondali marini oltre i confini della competenza statale e sulla modifica di alcune leggi
Arte. LXXIV

Nella Sezione 17, Paragrafo 2 della Legge n. 158/2000 Coll., Sull’esplorazione, esplorazione ed estrazione di risorse minerarie dal fondo marino oltre i confini degli Stati e sulla modifica di alcuni atti, la Lettera c) recita come segue:

” c) mediante decisione di insolvenza, rigetto della domanda di insolvenza in quanto i beni dell’avente diritto non sono sufficienti a coprire i costi della procedura di insolvenza,”.

PARTE SESTA TERZA

Modifica della legge sulla proprietà della Repubblica ceca e suo aspetto nelle relazioni legali
Arte. LXXV

Legge n. 219/2000 Coll., Sulla proprietà della Repubblica Ceca e la sua comparsa nei rapporti giuridici, come modificata dalla Legge n. 492/2000 Coll., Legge n. 229/2001 Coll., Legge n. 320/2001 Coll., Legge n. 501/2001 Coll., Legge n. 202/2002 Coll., Legge n. 280/2002 Coll., Sentenza della Corte costituzionale promulgata sotto n. 476/2002 Coll., Legge n. 88 / 2003 Coll., Legge n. 354/2003 Coll., Legge n. 480/2003 Coll., Legge n. 41/2004 Coll., Legge n. 218/2004 Coll., Legge n. 217/2005 Coll., Legge N. 359/2005 Coll., Legge n. 22/2006 Coll., Legge n. 140/2006 Coll. e la legge n. 342/2006 Coll., è modificata come segue:

1. La sezione 33, inclusa la nota a piè di pagina n. 56, recita:

Ҥ 33

La soddisfazione proporzionale del credito può essere raggiunta solo nell’ambito della riorganizzazione o della cancellazione del debito 56) .

56 ) Legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverlo (Legge sull’insolvenza), come modificata. “.

2. Nella sezione 43, paragrafo 1, le parole “fallimento o liquidazione” sono sostituite dalle parole “procedura di insolvenza”.

3. Nella sezione 56 (6), la parola “tutti” è inserita dopo la parola “di chi” e le parole “fallimento o liquidazione” sono sostituite dalle parole “procedura di insolvenza”.

4. Nella sezione 60c (1), le parole “fallimento e liquidazione” sono sostituite dalle parole “per quanto riguarda la cui proprietà è in corso la procedura di insolvenza”.

Arte. LXXVI

Disposizione transitoria
Se i procedimenti ai sensi della legge n. 328/1991 Coll., In caso di fallimento e regolamento, come modificato, sono stati avviati prima della data di entrata in vigore della presente legge e non sono stati validamente terminati entro la data di entrata in vigore della presente legge , è possibile procedere in tali procedimenti crediti solo nell’ambito della transazione.

PARTE Sessantaquattro

Modifica della legge sulle misure economiche per le situazioni di crisi e sulle modifiche ad alcuni atti correlati
Arte. LXXVII

Nella sezione 16, paragrafo 4 della legge n. 241/2000 Coll., Sulle misure economiche per situazioni di crisi e sulla modifica di alcuni atti correlati, la lettera b) si legge come segue:

” b) viene emessa una decisione del tribunale fallimentare sul fallimento del fornitore della fornitura di mobilizzazione o il tribunale fallimentare respinge l’istanza di insolvenza perché i beni del fornitore della fornitura di mobilizzazione non saranno sufficienti a coprire i costi di la procedura di insolvenza, “

PARTE Sessantacinque

Modifica della legge sui revisori dei conti e modifica della legge n. 165/1998 Coll.
Arte. LXXVIII

Legge n. 254/2000 Coll., Sui revisori e modifica della legge n. 165/1998 Coll., Come modificata dalla legge n. 209/2002 Coll., Legge n. 169/2004 Coll., Legge n. 284/2004 Coll. ., Legge n. 56/2006 Coll., Legge n. 57/2006 Coll. e la legge n. 70/2006 Coll., è modificata come segue:

1. Nel § 8 comma 2 lett. c) le parole “procedure di fallimento e liquidazione” sono sostituite dalle parole “procedure di insolvenza”.

2. Nel § 11 paragrafo 2 lettera e) si legge:

” e) la persona dichiarata fallita viene rimossa dall’elenco dei revisori o dall’elenco delle imprese di revisione alla data in cui la decisione di dichiarare il fallimento diventa definitiva,”.

3. Nel § 18 paragrafo 2 lett. f) le parole “curatore fallimentare” sono sostituite da “curatore fallimentare”.

4. Nel § 18 paragrafo 3 let. b) le parole “curatore fallimentare, liquidatore” sono sostituite da “curatore fallimentare”.

5. Nel § 18 paragrafo 4 let. e) le parole “curatore fallimentare” sono sostituite da “curatore fallimentare”.

PARTE SESSANTESIMA

Modifica della legge sulla protezione della salute pubblica e sulla modifica di alcuni atti correlati
Arte. LXXIX

Legge n. 258/2000 Coll., Sulla protezione della salute pubblica e sulla modifica di alcuni atti correlati, come modificata dalla Legge n. 254/2001 Coll., Legge n. 274/2001 Coll., Legge n. 13 / Coll. 2002, Legge n. 76/2002 Coll., Legge n. 86/2002 Coll., Legge n. 120/2002 Coll., Legge n. 309/2002 Coll., Legge n. 320/2002 Coll., Legge Legge n. 274/2003 Coll., Legge n. 356/2003 Coll., Legge n. 362/2003 Coll., Legge n. 167/2004 Coll., Legge n. 326/2004 Coll., Legge n. 562 / Coll. 2004, Legge n. 125/2005 Coll., Legge n. 253/2005 Coll., Legge n. 381/2005 Coll., Legge n. 392/2005 Coll., Legge n. 444/2005 Coll., Legge Legge n. 59/2006 Coll., Legge n. 74/2006 Coll., Legge n. 186/2006 Coll., Legge n. 189/2006 Coll., Legge n. 222/2006 Coll., Legge n. 264/2006 Coll. e la legge n. 342/2006 Coll., è modificata come segue:

1. Nel § 83d paragrafo 1 lettera e) si legge:

” e) per fallimento o rigetto della domanda di insolvenza perché i beni del titolare sono insufficienti a coprire i costi della procedura di insolvenza, o per l’entrata in liquidazione del titolare dell’autorizzazione.”

2. La nota 59 recita come segue:

” 59) Legge n. 182/2006 Coll., Sulla bancarotta e modi per risolverla (Legge sull’insolvenza), come modificata.”.

PARTE Sessantasette

Modifica della Legge sui magazzini agricoli e sui magazzini pubblici agricoli e sulla modifica di alcuni atti connessi
Arte. LXXX

La legge n. 307/2000 Coll., Sui certificati di stoccaggio agricolo e sui magazzini pubblici agricoli e sulla modifica di alcuni atti correlati, come modificata dalla legge n. 444/2005 Coll., È modificata come segue:

1. Nel § 16 paragrafo 4 lett. b) le parole “fallimento o liquidazione consentita” sono sostituite dalle parole “fallimento”.

Secondo nel § 32 paragrafo 1, la parola “fallimento” è sostituita dalla parola “fallimento” e la parola “fallimento” è sostituita da “i beni ai sensi di una norma legale speciale 10a) “.

La nota 10a recita:

” 10a ) Legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverla (Legge sull’insolvenza), come modificata.”.

3. Nella sezione 32 (2), prima frase, le parole “Fiduciario in fallimento” sono sostituite dalle parole “Fiduciario fallimentare” e la parola “attività” è sostituita dalle parole “attività”.

4. Nella sezione 32, paragrafo 3, prima frase, le parole “amministratore della massa fallimentare” sono sostituite dalle parole “curatore fallimentare” e la seconda frase è sostituita dalla frase “La parte insoddisfatta dei crediti dei titolari di lo stoccaggio certifica questi crediti. “

PARTE SESSANTOTTO

Modifica della legge che modifica la legge n. 513/1991 Coll., Il codice commerciale, come modificato, Legge n. 358/1992 Coll., Sui notai e le loro attività (codice notarile), come modificata, legge n. 15/1998 Coll. ., Sulla Securities Commission e sugli emendamenti ad altri atti, come modificato dalla legge n. 30/2000 Coll., Legge n. 200/1990 Coll., Sulle infrazioni, come modificata, Legge n. 99/1963 Coll., Codice di procedura civile, come modificata, e legge n. 328/1991 Coll., Fallimento e regolamento, come modificata
Arte. LXXXI

Nella legge n. 370/2000 Coll., Legge di modifica n. 513/1991 Coll., Codice commerciale, come modificato, Legge n. 358/1992 Coll., Sui notai e le loro attività (Codice notarile), come modificato, Legge n. 15/1998 Coll., Sulla Commissione per i titoli e sugli emendamenti ad altri atti, come modificata dalla legge n. 30/2000 Coll., Legge n. 200/1990 Coll., Sui reati, come modificata dai regolamenti successivi, Legge N. 99/1963 Coll., Codice di procedura civile, come modificato, e Legge n. 328/1991 Coll., Su Fallimento e Transazione, come modificato, come modificato dalla Legge n. 501/2001 Coll., Sentenza del Corte costituzionale promulgata con n. 476/2002 Coll. e la Legge n. 88/2003 Coll., Parte Sei, compreso il titolo, e l’Articolo IX, compreso il titolo, sono abrogati.

PARTE Sessantanovesima

Modifica della legge sulle condizioni commerciali e il rendimento dell’amministrazione statale nei settori dell’energia e sulle modifiche ad alcune leggi (legge sull’energia)
Arte. LXXXII

Legge n. 458/2000 Coll., Sulle condizioni commerciali e le prestazioni dell’amministrazione statale nei settori dell’energia e sulla modifica di alcune leggi (Legge sull’energia), come modificata dalla Legge n. 151/2002 Coll., Legge n. 262 / 2002 Coll., Legge n. 309/2002 Coll., Legge n. 278/2003 Coll., Legge n. 356/2003 Coll., Legge n. 670/2004 Coll., Legge n. 186/2006 Coll. e la legge n. 342/2006 Coll., è modificata come segue:

1. Nella sezione 5 (6), la parola “fallimento” è sostituita dalla parola “fallimento” dopo le parole “3 anni” e le parole “fallimento sono annullate perché i beni del fallito sono insufficienti a coprire i costi del fallimento o della mancanza di beni “sono sostituite dalle parole” respinta l’istanza di insolvenza perché i beni del debitore non saranno sufficienti a coprire i costi della procedura concorsuale, oppure ha deciso di annullare il fallimento perché i beni del debitore sono del tutto insufficienti “.

2. Nel § 10 paragrafo 3 lettera b) si legge:

” (b) è stata emessa una decisione di fallimento in relazione ai beni del licenziatario o la petizione di insolvenza è stata respinta perché i beni del licenziatario non sono sufficienti a coprire i costi della procedura di insolvenza o il licenziatario è entrato in liquidazione,”.

3. Nel § 37, 42, § 67 paragrafo 13 e § 85 lettera c) si legge:

” c) emettendo una decisione di fallimento riguardante i beni del titolare dell’autorizzazione o l’istanza di insolvenza è stata respinta perché i beni del titolare dell’autorizzazione sono insufficienti a coprire i costi della procedura di insolvenza,”.

PARTE SETTANTA

Modifica della legge sulle raccolte pubbliche e sulla modifica di alcuni atti (legge sulle raccolte pubbliche)
Arte. LXXXIII

Nel § 5 paragrafo 4 let. b) della legge n. 117/2001 Coll., sulle raccolte pubbliche e sulla modifica di alcuni atti (legge sulle raccolte pubbliche), le parole “non è stata dichiarata alcuna procedura di fallimento o non è stata avviata alcuna procedura di transazione o la petizione di fallimento è stata non è stato respinto per mancanza di attività “sono sostituite dalle parole” che, sulla base della sua istanza di insolvenza, non vi è alcuna procedura di insolvenza in cui sia risolta la sua insolvenza o insolvenza imminente o che non sia stata decisa alcuna insolvenza in merito , “.

PARTE SETTENTANTA PRIMA

Modifica della legge sugli ufficiali giudiziari e le attività di esecuzione (norme di esecuzione) e sulle modifiche ad altri atti
Arte. LXXXIV

Legge n. 120/2001 Coll., Sugli ufficiali giudiziari e le attività di esecuzione (norme di esecuzione) e sugli emendamenti ad altri atti, come modificato dalla Legge n. 6/2002 Coll., Legge n. 279/2003 Coll., Legge n. 360 / 2003 Coll., Legge n. 53/2004 Coll., Legge n. 257/2004 Coll., Legge n. 284/2004 Coll., Legge n. 499/2004 Coll., Legge n. 501/2004 Coll., Legge n. 377/2005 Coll., Legge n. 57/2006 Coll., Legge n. 70/2006 Coll., Legge n. 79/2006 Coll., Legge n. 133/2006 Coll. e la legge n. 253/2006 Coll., è modificata come segue:

1. Nella sezione 70 (3), la seconda frase è eliminata.

2. La quarta parte, compreso il titolo, è soppressa.

PARTE SETTENTANTA SECONDA

Modifica della legge sulla protezione della concorrenza e sulla modifica di alcune leggi (legge sulla protezione della concorrenza)
Arte. LXXXV

Nel § 12 paragrafo 8 della legge n. 143/2001 Coll., Sulla protezione della concorrenza e che modifica alcune leggi (Legge sulla protezione della concorrenza), come modificato dalla legge n. . 9) “sono sostituite da” curatore fallimentare 9) . “.

La nota 9 recita:

” 9) Legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverlo (Legge sull’insolvenza), come modificata.”.

PARTE SETTANTATRE
annullato

Arte. LXXXVI
annullato

PARTE SETTIMA QUATTRO

Modifica della legge sul funzionamento delle trasmissioni radiotelevisive e sugli emendamenti ad altri atti
Arte. LXXXVII

Nel § 13 paragrafo 3 let. a) della Legge n. 231/2001 Coll., sul funzionamento delle trasmissioni radiofoniche e televisive e sulla modifica di altri atti, come modificato dalla Legge n. 341/2004 Coll., le parole “non è stato dichiarato fallimento o liquidazione non è stata avviata alcuna procedura sulla sua proprietà “sono sostituite dalle parole” non è stata emessa alcuna decisione di insolvenza “.

PARTE SETTIMA CINQUE

Modifica alla legge sulla caccia
Arte. LXXXVIII

Legge n. 449/2001 Coll., Sulla caccia, come modificata dalla Legge n. 320/2002 Coll., Legge n. 59/2003 Coll., Legge n. 444/2005 Coll. e la legge n. 267/2006 Coll., è modificata come segue:

1. Nella sezione 25 (1), il punto alla fine della lettera d) è sostituito da una virgola ed è aggiunta la seguente lettera e):

” (e) l’ annullamento del fallimento dopo l’adempimento della risoluzione del programma o l’annullamento del fallimento per il motivo che i beni del debitore sono completamente insufficienti.”.

2. Nella sezione 25 (2), le parole “proporre una dichiarazione di fallimento” sono sostituite dalle parole “presentare un’istanza di insolvenza”.

3. Nel § 28, paragrafo 3, lettera h) si legge:

” h) l’ apertura di procedure di insolvenza, la dichiarazione di insolvenza, il nome, il cognome (ragione sociale) e la sede legale del curatore fallimentare.”

PARTE SETTANTESIMA

Modifica alla legge sugli imballaggi
Arte. LXXXIX

Nella legge n. 477/2001 Coll., Sull’imballaggio e sulla modifica di determinate leggi (Legge sugli imballaggi), come modificata dalla Legge n. 274/2003 Coll., Legge n. 94/2004 Coll., Legge n. 237 / 2004 Coll., Legge n. 257/2004 Coll., Legge n. 444/2005 Coll. e la legge n. 66/2006 Coll., nota a piè di pagina n. 20 recita:

“20) Legge n. 182/2006 Coll., Sulla bancarotta e modi per risolverla (Legge sull’insolvenza), come modificata.”.

PARTE SETTANTESIMA

Modifica della legge sulla libertà di religione e lo status delle chiese e delle società religiose e sulla modifica di alcuni atti (legge sulle chiese e le società religiose)
Arte. XC

Legge n. 3/2002 Coll., Sulla libertà di religione e lo status delle chiese e delle società religiose e sugli emendamenti ad alcuni atti (Legge sulle chiese e le società religiose), come modificata dalla sentenza della Corte costituzionale promulgata ai sensi del n. 4 / 2003 Coll., Legge n. 562/2004 Sb. e la legge n. 495/2005 Coll., è modificata come segue:

1. Nel § 18 paragrafo 1 let. g), § 19 paragrafo 1 lett. g) e § 20 comma 1 lett. g) le parole “dichiarazione di fallimento e dati anagrafici del curatore fallimentare, rigetto della domanda di insolvenza per mancanza di beni e apertura di procedure di transazione” sono sostituite dalle parole “decisione di fallimento, rigetto della domanda di insolvenza perché i beni non saranno sufficienti per coprire le procedure concorsuali; annullamento del fallimento perché l’immobile è del tutto insufficiente, e il nome, cognome (ragione sociale) e sede legale del curatore fallimentare “.

2. Nel § 22 paragrafo 1 let. (b) la parola “annullamento” è sostituita dalle parole “annullamento” e le parole “non è sufficiente a coprire i costi del fallimento o respingendo l’istanza di dichiarazione di fallimento per mancanza di beni” sono sostituite da “è completamente insufficiente oppure la petizione di insolvenza viene respinta perché i beni della chiesa o una società religiosa o un’unione di chiese e società religiose non saranno sufficienti a coprire i costi delle procedure di insolvenza “.

3. Nel § 23, le parole “istanza di fallimento” sono sostituite dalle parole “istanza di insolvenza”.

4. La nota 16 recita come segue:

” 16 ) Codice commerciale.
Legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverlo (Legge sull’insolvenza), come modificato.”.

5. Nel § 26 paragrafo 1 let. (d) le parole “è insufficiente a coprire i costi della procedura di insolvenza o dopo il rigetto della domanda di insolvenza per mancanza di beni” sono sostituite dalle parole “è completamente insufficiente o dopo il rigetto della domanda di insolvenza perché i suoi beni saranno non essere sufficiente a coprire la procedura di insolvenza “.

6. Nella sezione 26 (7), le parole “nessuna istanza di fallimento presentata” devono essere sostituite dalle parole “la sua proprietà nessuna istanza di insolvenza presentata”.

PARTE SETTANTOTTO
annullato

Arte. XCI
annullato

PARTE SETTANTA NONA

Modifica della legge che modifica alcuni atti in relazione all’adozione della legge sui sistemi di pagamento
Arte. XCII

Nella legge n. 125/2002 Coll., Che modifica alcuni atti in relazione all’adozione della legge sui sistemi di pagamento, la parte quattro, compreso il titolo, è abrogata.

PARTE OTTANTA

Modifica della legge sul sostegno alla ricerca e sviluppo con fondi pubblici e sulla modifica di alcuni atti correlati (legge sul sostegno alla ricerca e sviluppo)
Arte. XCIII

Nella sezione 18, paragrafo 2 della legge n. 130/2002 Coll., Sul sostegno alla ricerca e sviluppo da fondi pubblici e sulla modifica di alcuni atti correlati (legge sul sostegno alla ricerca e sviluppo), come modificata dalla legge n. 342/2005 Coll., Lettera c), inclusa la nota 24, recita:

” c) non è in liquidazione e il cui fallimento o fallimento imminente non è risolto in una procedura di insolvenza 24) ,

24 ) Legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverlo (Legge sull’insolvenza), come modificata. “.

PARTE OTTANTA PRIMA

Modifica della legge sull’istituto centrale di ispezione e analisi agricola e sulla modifica di alcuni atti correlati (legge sull’istituto centrale di ispezione e analisi agricola)
Arte. XCIV

Nel § 4 paragrafo 1 della legge n. 147/2002 Coll., Sull’Istituto centrale di ispezione e prova agricola e sulla modifica di alcuni atti correlati (Legge sull’Istituto centrale di ispezione e prova agricola), lettera d) inclusa la nota n. 5b recita:

” (d) non è stato oggetto di una decisione di fallimento ai sensi della legislazione speciale 5b) ,

5b ) Legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverlo (Legge sull’insolvenza), come modificata. “.

PARTE OTTAVA SECONDA

Modifica della legge su alcune misure relative al divieto di armi batteriologiche (biologiche) e tossiche e sulla modifica della legge sulle licenze commerciali
Arte. XCV

Legge n. 281/2002 Coll., Su alcune misure relative al divieto di armi batteriologiche (biologiche) e tossiche e sulla modifica della legge sulle licenze commerciali, come modificata dalla legge n. 186/2004 Coll. e la legge n. 413/2005 Coll., è modificata come segue:

1. Nel § 10 paragrafo 2 lettera e) si legge:

” e) una dichiarazione attestante che non è stata emessa alcuna decisione di insolvenza in relazione ai beni della persona giuridica o che l’istanza di insolvenza non è stata respinta perché i beni di tale persona sono insufficienti a coprire i costi della procedura di insolvenza,”.

2. Al § 13, lettera f) si legge:

” f) informa l’Ufficio senza indebito ritardo dell’apertura di una procedura di insolvenza.”.

PARTE OTTAVA TERZA

Modifica della legge sulle accise
Arte. XCVI

Legge n. 353/2003 Coll., Sulle accise, come modificata dalla legge n. 479/2003 Coll., Legge n. 237/2004 Coll., Legge n. 313/2004 Coll., Legge n. 558/2004 Coll. ., Legge n. 693/2004 Coll., Legge n. 179/2005 Coll., Legge n. 217/2005 Coll., Legge n. 377/2005 Coll., Legge n. 379/2005 Coll., Legge n. 545/2005 Coll., Legge n. 310/2006 Coll., Legge n. 575/2006 Coll. e la legge n. 261/2007 Coll., è modificata come segue:

1. Nella sezione 13, paragrafo 5, la prima frase è sostituita dalla frase “La direzione delle dogane decide in merito al rilascio di un’autorizzazione speciale solo al firmatario che non è in procedura di liquidazione o insolvenza ai sensi di una normativa legale speciale 20) . “.

2. La nota 20 recita come segue:

” 20 ) Legge n. 182/2006 Coll., Sulla bancarotta e modi per risolverla (Legge sull’insolvenza), come modificata.”.

3. Nel § 13 paragrafo 21 lettera e) si legge:

” e) la data in cui ha effetto giuridico la decisione del tribunale che dichiara insolvenza sulla proprietà dell’utente, o”.

4. Nel § 18, il paragrafo 4 recita:

” (4) La dichiarazione dei redditi, presentata durante la procedura di insolvenza 20) , è regolata al § 136a.”.

5. Nel § 20, paragrafo 5, la prima frase è sostituita dalla frase “La Direzione delle dogane decide in merito al rilascio di un’autorizzazione solo se la domanda di autorizzazione contiene i requisiti di cui al paragrafo 2 e il firmatario non è in procedure di liquidazione o insolvenza ai sensi di un’apposita normativa di legge. “.

6. Nella Sezione 20, Paragrafo 17, Lettera c) recita:

” C) la data di entrata in vigore della decisione del tribunale sulla dichiarazione di fallimento del debitore, o”.

7. Nella sezione 22, paragrafo 5, la prima frase è sostituita dalla frase “La direzione delle dogane decide in merito al rilascio di un’autorizzazione solo se la domanda di autorizzazione contiene i requisiti di cui al paragrafo 2 e il firmatario non è in procedure di liquidazione o insolvenza ai sensi di un’apposita normativa di legge. “.

8. Nella Sezione 22, Paragrafo 17, Lettera c) recita:

” (c) dalla data in cui la decisione del tribunale che dichiara insolvenza dei beni del beneficiario ha effetto giuridico, o”.

9 ° Nel § 23a paragrafo 3, la prima frase sostituita da “la direzione doganale decide di rilasciare un’autorizzazione solo se una proposta di autorizzazione contiene gli elementi di cui al paragrafo 1 e il proponente non è in procedura di liquidazione o insolvenza ai sensi della legislazione speciale 20) . “.

10. Nel § 23a paragrafo 15 lettera c) si legge:

” c) alla data di entrata in vigore della decisione del tribunale che dichiara fallimento sulla proprietà del rappresentante fiscale,”

11. Nel § 36, il paragrafo 6 recita:

” (6) L’ufficio doganale rilascia un’autorizzazione se la domanda di rilascio di un’autorizzazione contiene i requisiti di cui al paragrafo 5 e il firmatario non è in procedura di liquidazione o insolvenza ai sensi di una norma giuridica speciale 20) .”.

12. Nella Sezione 36, Paragrafo 12, Lettera c) recita:

” c) dalla data in cui la decisione del tribunale che dichiara insolvenza sui beni del titolare ha effetto giuridico, o”.

13. Nella sezione 60a (4), la prima frase è sostituita dalla frase “La direzione delle dogane decide in merito al rilascio di un’autorizzazione solo al firmatario che non è in procedura di liquidazione o insolvenza ai sensi di una normativa legale speciale 20) . “.

14. Nella Sezione 60a, Paragrafo 17, Lettera d) si legge:

” D) la data di entrata in vigore della decisione del tribunale sulla dichiarazione di licenziatario di fallimento o”.

15. Nella sezione 72 (3), la prima frase è sostituita dalla frase “Dopo la dichiarazione di fallimento della proprietà dell’utente o lo scioglimento dell’attività dell’utente, l’alcol esente può essere fornito a un altro utente.”.

16. Una nuova Sezione 136a è inserita dopo la Sezione 136, che recita, compreso il titolo:

Ҥ 136a

Periodo d’imposta, dichiarazione dei redditi e imposta dovuta durante procedure concorsuali
(1) Nel caso di un debitore il cui fallimento o fallimento imminente è risolto in una procedura di insolvenza, il periodo fiscale in corso termina il giorno precedente la data di efficacia della decisione di fallimento. Il periodo d’imposta successivo del debitore inizia dalla data di efficacia della decisione di fallimento e termina l’ultimo giorno del mese di calendario in cui la decisione è stata emessa dal tribunale fallimentare. Per il periodo successivo della procedura di insolvenza, il periodo d’imposta del contribuente è un mese di calendario.

(2) L’attuale periodo d’imposta del pagatore termina il giorno in cui si conclude la procedura di insolvenza. Il periodo d’imposta successivo del debitore inizia il giorno successivo al giorno della conclusione della procedura di insolvenza e termina l’ultimo giorno del mese di calendario in cui è stata chiusa la procedura di insolvenza.

(3) L’amministratore fallimentare, o un’altra persona che ha il diritto di disporre effettivamente di beni appartenenti alla proprietà ai sensi di una norma legale speciale 20) è obbligato a presentare la dichiarazione dei redditi per il periodo d’imposta di cui ai paragrafi 1 e 2 dal 25 ° giorno dopo la fine del periodo fiscale.

(4) L’ imposta per il periodo d’imposta di cui ai paragrafi 1 e 2 deve essere pagata entro il quarantesimo giorno dalla fine del periodo d’imposta in cui è sorto l’obbligo di dichiarare e pagare l’imposta. “.

Arte. XCVII

Disposizione transitoria
Le disposizioni della presente legge si applicano anche alle accise relative a procedimenti avviati e validamente non terminati ai sensi della legge n. 328/1991 Coll., Fallimento e regolamento, come modificato, prima della data di entrata in vigore della presente legge .

PARTE OTTAVA QUARTA

Modifica della legge sul trattamento dei diamanti grezzi, sulle condizioni della loro importazione, esportazione e transito e sulla modifica di alcune leggi
Arte. XCVIII

Nel § 6 paragrafo 2 della legge n. 440/2003 Coll., Sul trattamento dei diamanti grezzi, sulle condizioni della loro importazione, esportazione e transito e sulla modifica di alcuni atti, come modificato dalla legge n. 60/2005 Coll. ., I termini “procedura di fallimento e liquidazione” sono sostituiti da “procedura di insolvenza”.

PARTE OTTAVA QUINTA

Modifica della legge sui marchi e modifica della legge n. 6/2002 Coll., Su tribunali, giudici, associati e l’amministrazione statale dei tribunali e sulle modifiche ad alcuni altri atti (legge su tribunali e giudici), come modificato, (legge sui marchi )
Arte. XCIX

Legge n. 441/2003 Coll., Sui marchi e sugli emendamenti alla legge n. 6/2002 Coll., Su tribunali, giudici, associati e l’amministrazione statale dei tribunali e sulle modifiche ad alcuni altri atti (legge su tribunali e giudici) , come modificato, (Legge sui marchi), come modificato dalla Legge n. 501/2004 Coll. e la legge n. 221/2006 Coll., è modificata come segue:

1. Nella sezione 17 (1), le parole “attività fallimentari in procedure fallimentari o nell’elenco delle attività in procedure concorsuali” sono sostituite dalle parole “attività ai sensi della normativa legale speciale 6a) “.

La nota 6a recita:

” 6a ) Legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverlo (Legge sull’insolvenza), come modificata.”.

2. Nel § 53, le parole “procedura fallimentare, procedura di transazione” sono sostituite dalle parole “procedura di insolvenza”.

PARTE DICIOTTESIMA

Modifica alla legge sulle obbligazioni
Arte. CII

Legge n. 190/2004 Coll., Sulle obbligazioni, come modificata dalla Legge n. 378/2005 Coll., Legge n. 56/2006 Coll. e la legge n. 57/2006 Coll., è modificata come segue:

1. Nel § 7 comma 2 lett. o) il punto 2 è sostituito dal seguente:

” 2. l’ emissione di una decisione sul fallimento dell’emittente,”.

2. Nel § 7 comma 2 lett. o) il punto 3 è soppresso.

L’attuale punto 4 è indicato come punto 3.

3. Al § 34, paragrafo 1, lettera b) si legge:

” b) l’ emissione di una decisione sull’insolvenza dell’emittente, o”.

4. Nella sezione 34, comma 1, la lettera c) è abrogata.

L’attuale lettera d) è indicata come lettera c).

PARTE OTTAVA NOVE

Modifica della legge sull’imposta sul valore aggiunto
Arte. CIII

Legge n. 235/2004 Coll., Sull’imposta sul valore aggiunto, come modificata dalla legge n. 635/2004 Coll., Legge n. 669/2004 Coll., Legge n. 124/2005 Coll., Legge n. 215/2005 Coll., Legge n. 217/2005 Coll., Legge n. 377/2005 Coll., Legge n. 441/2005 Coll., Legge n. 545/2005 Coll., Legge n. 109/2006 Coll., Legge n. . 230/2006 Coll., Legge n. 319/2006 Coll. e la legge n. 261/2007 Coll., è modificata come segue:

1. Nella sezione 87 (7), le parole “nelle procedure di fallimento o di transazione” sono sostituite dalle parole “se non è in corso una procedura di insolvenza in cui si sta risolvendo il fallimento o il fallimento imminente del firmatario”.

2. Nel § 87 paragrafo 12 lettera c) si legge:

” c) dalla data in cui la decisione del tribunale che dichiara insolvenza sui beni del titolare ha effetto giuridico, o”.

3. Nel § 99, il paragrafo 11 recita:

” (11)In caso di decisione di fallimento, il periodo fiscale in corso termina il giorno precedente la data in cui la decisione di fallimento ha effetto. Il periodo fiscale successivo del debitore inizia il giorno in cui ha effetto la decisione di fallimento e termina l’ultimo giorno del mese civile in cui ha effetto la decisione di fallimento. Per il periodo successivo alla data di entrata in vigore della decisione di insolvenza in cui si svolge la procedura di insolvenza, il periodo d’imposta del contribuente è un mese di calendario. Se la procedura di insolvenza viene chiusa, il periodo fiscale termina il giorno in cui è stata chiusa la procedura di insolvenza e il periodo fiscale successivo inizia il giorno successivo a quello in cui è stata chiusa la procedura di insolvenza. Dopo la fine della procedura di insolvenza, il periodo d’imposta del contribuente fino alla fine dell’anno civile è un mese civile e il periodo d’imposta per l’anno civile successivo è determinato conformemente ai paragrafi da 1 a 3.

4. Nel § 101, il paragrafo 2 recita:

” (2) Il termine per la presentazione di una dichiarazione dei redditi per un periodo d’imposta che termina alla data di efficacia della decisione di fallimento è di 30 giorni dalla fine del periodo d’imposta. Per la presentazione di una dichiarazione dei redditi di 25 giorni dalla fine del periodo d’imposta. “.

5. Nella sezione 105 (1), la terza frase è eliminata.

Arte. CIV

Disposizione transitoria
Le disposizioni della presente legge si applicano anche all’imposta sul valore aggiunto relativa a procedimenti avviati e non definitivamente terminati ai sensi della legge n. 328/1991 Coll., Fallimento e regolamento, come modificata, prima della data di entrata in vigore della presente legge.

PARTE NOVE

Modifica al Capital Market Business Act
Arte. CV

Legge n. 256/2004 Coll., Sul fare affari sul mercato dei capitali, come modificata dalla Legge n. 635/2004 Coll., Legge n. 179/2005 Coll., Legge n. 377/2005 Coll., Legge n. 56/2006 Coll., Legge n. 57/2006 Coll., Legge n. 62/2006 Coll., Legge n. 70/2006 Coll. e la legge n. 159/2006 Coll., è modificata come segue:

1. Nella sezione 80, paragrafo 4, le parole “massa fallimentare” sono sostituite dalle parole “beni” e le parole “In caso di fallimento, l’amministratore è la massa fallimentare” sono sostituite dalle parole “Nel caso di una decisione di fallimento, l’amministratore fallimentare è “.

2. Nella sezione 86, paragrafo 2, della parte introduttiva della disposizione, le parole “Dichiarazione di fallimento sulla proprietà” sono sostituite dalle parole “Decisione di fallimento”.

3. Nel § 86 paragrafo 2 lett. a) i termini “fallimento” sono sostituiti da “decisione di fallimento”.

4. Nel § 86 paragrafo 2 lettera b) si legge:

” b) al momento della decisione sull’insolvenza o l’imposizione di un’altra misura o dopo la decisione sull’insolvenza o l’imposizione di un’altra misura e sono stati risolti il ​​giorno della decisione sull’insolvenza o l’imposizione di un’altra misura, se tutti i partecipanti nel sistema di liquidazione dimostrare loro che la decisione sul fallimento o l’imposizione di un altro provvedimento non era stata notificata dalla Banca nazionale ceca, né erano altrimenti noti “.

5. Nella sezione 86, paragrafo 3, della parte introduttiva della disposizione, le parole “Dichiarazione di fallimento sulla proprietà” sono sostituite dalle parole “Decisione di fallimento”.

6. Nella sezione 89, paragrafi 2 e 3, le parole “dichiarazione di fallimento per proprietà” sono sostituite dalle parole “decisione di fallimento”.

7. Nel § 107a (1), le parole “dichiarazione di fallimento sulla sua proprietà, è l’amministratore della massa fallimentare” sono sostituite dalle parole “decisione sul fallimento, è l’amministratore fallimentare”.

8. Nella sezione 107a (2), le parole “amministratore della massa fallimentare” sono sostituite dalle parole “curatore fallimentare”.

9. Nella sezione 107a, paragrafi 4, 6, 7 e 9, le parole “amministratore della massa fallimentare” sono sostituite dalle parole “curatore fallimentare”.

10. Nella sezione 107a (5), le parole “amministratore della massa fallimentare” sono sostituite dalle parole “curatore fallimentare”.

11. La nota 1f recita:

” 1f ) Sezione 291 della legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverlo (legge sull’insolvenza).”

12. Nel § 108 paragrafo 2 let. b) il punto 3 è sostituito dal seguente:

” 3. che nei suoi confronti è stata aperta una procedura di insolvenza.”.

13. Nel § 109, il paragrafo 6 recita:

” (6) Un partecipante a un depositario centrale non può essere una persona

a) quale riorganizzazione è stata autorizzata, per un periodo di 5 anni dalla fine della riorganizzazione,

b) per i cui beni è stato dichiarato fallimento, per un periodo di 5 anni dall’annullamento del fallimento all’adempimento della risoluzione programmatica, o perché i beni del debitore sono del tutto insufficienti,

c) il cui piano di cancellazione del debito è stato approvato dal tribunale, per un periodo di 5 anni dall’adempimento del piano di cancellazione del debito,

d) se il tribunale ha respinto la domanda di insolvenza se i beni del debitore non sono sufficienti a coprire i costi della procedura di insolvenza. “

14. Nel § 115 paragrafo 1 lettera f) si legge:

” f) un curatore fallimentare ai fini di una procedura di insolvenza di cui è parte il proprietario del veicolo di investimento;”.

15. All’articolo 115, comma 1, la lettera g) è abrogata.

L’attuale lettera h) è indicata come lettera g) e le attuali lettere k) e k) sono indicate come lettere h) e i).

16. Nella sezione 117 (1), le parole “curatore fallimentare, curatore fallimentare” sono sostituite dalle parole “curatore fallimentare”.

17. Nel § 117 paragrafo 2 let. j) la parola “fallimento” è sostituita dalla parola “insolvenza”.

18. Nel § 130 paragrafo 1 let. b) le parole “dichiarato fallimento delle attività” sono sostituite dalle parole “ha emesso una decisione di fallimento”.

19. Nella sezione 130 (11), la parola “fallimento” è sostituita dalla parola “fallimento” e le parole “amministratore della massa fallimentare” sono sostituite dalle parole “curatore fallimentare”.

20. Nella sezione 131 (1), la parola “fallimento” è sostituita dalla parola “fallimento”, la parola “fallimento” è sostituita dalla parola “fallimento” e le parole “curatore fallimentare” sono sostituite dalle parole “insolvenza amministratore”.

21. La nota 4 recita come segue:

” 4 ) Sezione 189 della legge sull’insolvenza.”.

22. Nel § 131, il paragrafo 4 è soppresso.

23. Nel § 132, il titolo recita: “Emissione di proprietà dei clienti dopo l’emissione di una decisione di fallimento e dichiarazione di fallimento sulla proprietà del commerciante di valori mobiliari”.

24. Nel § 132, paragrafo 1, inclusa la nota n. 4a, si legge:

” (1) La proprietà del cliente non fa parte della proprietà del commerciante di valori mobiliari ai sensi del regolamento legale speciale 4a) , e se viene emessa una decisione sul fallimento del commerciante di valori mobiliari, l’amministratore fallimentare è obbligato a rilasciarla ai clienti senza indebito ritardo.

4a ) Sezione 205 della Legge sull’insolvenza. “.

25. Nel § 132, paragrafo 4, comprese le note 4b e 4c, recita:

” (4) Nella misura in cui il diritto di svincolare la proprietà del cliente non può essere soddisfatto ai sensi del paragrafo 2 o 3, è un reclamo che l’amministratore fallimentare è tenuto a far valere in una procedura di insolvenza ai sensi della normativa legale speciale 4b) su richiesta; di questa rivendicazione, la rivendicazione può essere fatta valere come legata alla condizione 4c) .

4b ) Legge sull’insolvenza.

4c ) Sezione 173 paragrafo 3 della Legge sull’insolvenza. “.

26. Nel § 132, il paragrafo 5 recita:

” (5) L’ amministratore fallimentare ha diritto al rimborso delle spese in contanti e della remunerazione per le attività di cui ai paragrafi da 1 a 4, che costituiscono un credito per la proprietà; le spese e la remunerazione dell’amministratore fallimentare, il loro importo massimo il metodo di pagamento è determinato da un regolamento giuridico di attuazione. “.

27. Nel § 141 lettera b) i termini “dichiarazione di insolvenza” sono sostituiti da “fallimento”.

28. Nel § 145 paragrafo 1 lettera a) si legge:

” a) contro il quale è stata emessa una decisione di insolvenza o l’istanza di insolvenza è stata respinta perché i beni di tale persona non saranno sufficienti a coprire i costi della procedura di insolvenza, o”.

29. Nel § 145 paragrafo 6 lettera a) si legge:

” a) per la quale è stata emessa una decisione di fallimento o il tribunale ha respinto la domanda di insolvenza sulla base del fatto che il suo patrimonio non sarà sufficiente a coprire i costi della procedura di insolvenza, o”.

30. Nel § 189, il paragrafo 2 è soppresso.

L’attuale paragrafo 3 è rinumerato come paragrafo 2.

31. Nella sezione 189 (2), le parole “e 2” sono cancellate.

32. Nel § 199 paragrafo 2 lett. r) le parole “curatore fallimentare” sono sostituite dalle parole “curatore fallimentare”.

PARTE NOVANTA PRIMA

Modifica della legge che modifica alcuni atti in relazione all’adozione del Capital Market Business Act, del Collective Investment Schemes Act e del Bonds Act
Arte. CVI

Legge n. 257/2004 Coll., Modifica di determinati atti in relazione all’adozione della Legge sugli affari del mercato dei capitali, della Legge sugli investimenti collettivi e della Legge sulle obbligazioni, come modificata dalla Legge n. 669/2004 Coll., Legge n. 413 / 2005 Sb. e la legge n. 264/2006 Coll., parti undicesima e trentanovesima, compresi i titoli, sono abrogate.

PARTE NOVANTA SECONDA

Modifica della legge sul gruppo europeo di interesse economico (GEIE) e modifica della legge n. 513/1991 Coll., Il codice commerciale, come modificato, e della legge n. 586/1992 Coll., Sulle imposte sul reddito, come modificata, (European Legge sui gruppi di interesse economico)
Arte. CVII

Legge n. 360/2004 Coll., Sul gruppo europeo di interesse economico (GEIE) e che modifica la legge n. 513/1991 Coll., Il codice commerciale, come modificato, e la Legge n. 586/1992 Coll., Sulle imposte sul reddito, come modificato, (Atto europeo sui gruppi di interesse economico), è così modificato:

1. Nella sezione 3 (4), le parole “curatore fallimentare, curatore liquidatore” sono sostituite dalle parole “curatore fallimentare”.

2. Al § 12, le parole “oa causa del rigetto dell’istanza di dichiarazione di fallimento della proprietà dell’azionista per mancanza di beni” sono sostituite dalle parole “o per il rigetto dell’istanza di insolvenza perché la proprietà dell’azionista è insufficiente per coprire i costi di procedure concorsuali o per bancarotta che i beni del partner siano del tutto insufficienti ».

PARTE NOVE TRE

Modifica alla legge sui consulenti in brevetti e alla modifica alla legge sulle misure per la protezione della proprietà industriale
Arte. CVIII

La legge n. 417/2004 Coll., Sui consulenti in brevetti e sugli emendamenti alla legge sulle misure per la protezione della proprietà industriale, è modificata come segue:

1. Nel § 8 paragrafo 1 lett. (f) la parola “fallimento” è sostituita dalla parola “fallimento” e le parole “rigetto dell’istanza di insolvenza” sono sostituite dalle parole “che l’istanza di insolvenza è stata respinta perché i beni del debitore non sono sufficienti a coprire i costi del procedure concorsuali o perché il fallimento è stato annullato perché i beni del debitore sono del tutto insufficienti “.

2. Nella Sezione 14, Paragrafo 1, Lettere f) eg) recitano come segue:

” f) se il fallimento è stato dichiarato riguardo alla sua proprietà, alla data in cui hanno avuto effetto gli effetti della dichiarazione di fallimento,

g) se è socio o azionista di una società di consulenti in brevetti (§ 10), sui cui beni è stato dichiarato fallimento, il giorno in cui si sono verificati gli effetti della dichiarazione di fallimento. “.

3. Al § 15, paragrafo 1, lettera c) si legge:

” c) quando è stata aperta una procedura di insolvenza in cui si sta risolvendo l’insolvenza o l’imminente insolvenza del consulente in brevetti o della società dei consulenti in brevetti di cui è socio o azionista.”

4. Nel § 18 paragrafo 3 lettera b) si legge:

” b) per i cui beni è stato dichiarato fallimento, alla data in cui la decisione di dichiarare fallimento diventa definitiva,”.

PARTE NOVANTA QUATTRO

Modifica della legge sull’archiviazione e la gestione dei documenti e sulle modifiche ad alcune leggi
Arte. CIX

Nella legge n. 499/2004 Coll., Sull’archiviazione e il servizio di archiviazione e sulla modifica di alcuni atti, come modificata dalla legge n. 413/2005 Coll., Legge n. 444/2005 Coll. e la legge n. 112/2006 Coll., parte sei, compreso il titolo, è abrogata.

PARTE NOVANTA QUINTA

Modifica della legge sull’istruzione prescolare, di base, secondaria, professionale superiore e di altro tipo (legge sulla scuola)
Arte. CX

Legge n. 561/2004 Coll., Sull’istruzione prescolare, primaria, secondaria, professionale superiore e di altro tipo (Legge sulla scuola), come modificata dalla Legge n. 383/2005 Coll., Legge n. 112/2006 Coll., Legge Legge n. 158/2006 Coll., Legge n. 161/2006 Coll., Legge n. 165/2006 Coll., Legge n. 179/2006 Coll., Legge n. 342/2006 Coll. e la legge n. 624/2006 Coll., è modificata come segue:

1. Nel § 126 paragrafo 3 lettera e) si legge:

” (e) respingendo la petizione di insolvenza perché le attività dell’entità giuridica della scuola non saranno sufficienti a coprire i costi della procedura di insolvenza, o annullando il fallimento perché le attività dell’entità giuridica della scuola sono completamente insufficienti, o dopo la risoluzione del programma è stata rispettata. “

2. Nel § 147 (1), lettera n) si legge:

“( n) una dichiarazione solenne del fondatore di un’entità giuridica scolastica o di un’organizzazione contributiva che non è in corso una procedura di insolvenza in cui il suo fallimento o imminente fallimento è in corso di risoluzione o che non è stato deciso alcun fallimento, non è in liquidazione, non ha arretrati fiscali, assicurazione sanitaria o previdenza sociale e che la persona registrata, il fondatore di cui era il fondatore, non è stata cancellata dal registro scolastico negli ultimi tre anni per i motivi di cui al § 150 (1) (c) a (f), che si applica anche ad altre persone giuridiche che svolgeranno le attività della scuola o della struttura scolastica e dei loro organi statutari, “.

3. Nel § 154 paragrafo 1 lettera j) si legge:

” j) la decisione sull’insolvenza e il nome, cognome (ragione sociale) o nome, luogo di residenza e indirizzo del curatore fallimentare,”.

4. Nella sezione 154 (1), la lettera k) è eliminata.

Le lettere esistenti l) em) sono indicate come lettere k) e l).

5. Nel § 155 paragrafo 1 lettera f), inclusa la nota 35a, si legge:

” (f) una decisione di un tribunale ai sensi della legge sui fallimenti e le modalità per risolverla 35a) , vale a dire una delibera di aprire una procedura di insolvenza, una risoluzione sui provvedimenti provvisori, una decisione sul fallimento o altra decisione sull’insolvenza, una risoluzione sul fallimento e approvazione della relazione finale, autorizzazione alla riorganizzazione e risoluzione di approvazione del piano di riorganizzazione e delle sue modifiche, risoluzione di approvazione del piano di cancellazione del debito e delle sue modifiche, risoluzione di chiusura della procedura di insolvenza.

35a ) Legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverlo (Legge sull’insolvenza), come modificata. “.

6. La nuova sezione 159a seguente è inserita dopo la sezione 159:

Ҥ 159a

Una persona giuridica che svolge le attività di una scuola o di una struttura scolastica è tenuta a notificare immediatamente all’autorità che tiene il registro scolastico che è stata avviata una procedura di insolvenza in cui è stato risolto il suo fallimento o fallimento imminente o che è stata deliberata la sua bancarotta deciso. “.

PARTE NONA SEI

Modifica alla legge sulle società europee
Arte. CXI

Nella sezione 46, paragrafo 8 della legge n. 627/2004 Coll., Sulle società europee, le parole “fallimento, liquidazione o” sono sostituite dalle parole “procedura di insolvenza o”.

PARTE NOVANTA OTTAVA

Modifica della legge che modifica alcuni atti in connessione con l’adozione della legge sull’abolizione del fondo nazionale per la proprietà della Repubblica ceca
Arte. CXIII

Nella legge n. 179/2005 coll., Che modifica alcuni atti in relazione all’adozione della legge sull’abolizione del fondo di proprietà nazionale della Repubblica ceca, come modificata dalla legge n. 138/2006 coll., Parte venti- il nono, compreso il titolo, è abrogato.

PARTE NOVANTA NONA

Modifica della legge sugli istituti pubblici di ricerca
Arte. CXIV

Legge n. 341/2005 Coll., Sugli istituti di ricerca pubblici, come modificata dalla legge n. 633/2006 Coll., È modificata come segue:

1. Nel § 6 comma 3 lett. o) le parole “curatore fallimentare o liquidatore e luogo di residenza permanente nella Repubblica ceca, o residenza all’estero e luogo di residenza nella Repubblica ceca” sono sostituite dalle parole “o la società del curatore fallimentare e la sua sede legale”.

2. Nel § 6 comma 3 lett. q) le parole “petizione di insolvenza” sono sostituite dalle parole “petizione di insolvenza”.

3. Nella Sezione 6, Paragrafo 3, le lettere r) es) sono cancellate.

Le lettere esistenti da t) a v) sono indicate come lettere da r) a t).

4. Nel § 8 lettera i) le parole “fallimento e liquidazione” sono sostituite dalle parole “disciplina dell’insolvenza e metodi per risolverla”.

5. Nel § 10 paragrafo 2 lett. e) le parole “petizione di insolvenza” sono sostituite da “petizione di insolvenza” e le parole “insufficiente a coprire i costi dell’insolvenza” sono sostituite da “completamente inadeguato”.

PRIMA PARTE

Modifica della legge sulla protezione delle informazioni classificate e sulla competenza in materia di sicurezza
Arte. CXV

Legge n. 412/2005 Coll., Sulla protezione delle informazioni classificate e nulla osta di sicurezza, come modificata dalla legge n. 119/2007 Coll. e la legge n. 177/2007 Coll., è modificata come segue:

1. Nella Sezione 17, Paragrafo 1, Lettere b) ec), compresa la nota n. 15, leggere come segue:

” (b) per il quale il tribunale ha dichiarato una moratoria 15) ,

c) nei confronti dei cui beni è emessa una decisione di fallimento 15) ,

15 ) Legge n. 182/2006 Coll., Sulla bancarotta e modi per risolverla (Legge sull’insolvenza), come modificata. “.

2. La nota 16 è eliminata.

3. Nella sezione 17, comma 1, la lettera d) è abrogata.

L’attuale lettera e) è indicata come lettera d).

4. Nel § 97, le lettere da n) a p) recitano come segue:

“( n) dettagli sulla presentazione di una petizione di insolvenza,

o) informazioni sulla decisione sulla petizione di insolvenza,

(p) dettagli su come affrontare l’insolvenza “,

PARTE TERZA TERZA

Modifica al codice del lavoro
Arte. CXVIII

Legge n. 262/2006 Coll., Codice del lavoro, come modificato dalla Legge n. 585/2006 Coll., Legge n. 181/2007 Coll. e la legge n. 261/2007 Coll., è modificata come segue:

1. Nella sezione 62 (5), le parole “è stato dichiarato il fallimento” sono sostituite dalle parole “è stata emessa una decisione di fallimento 21a) “.

La nota 21a recita:

” 21a ) Legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverlo (Legge sull’insolvenza), come modificata.”.

2. Nella sezione 63, le parole “se il datore di lavoro è stato dichiarato fallito o il risarcimento è stato autorizzato” sono sostituite dalle parole “se è stata emessa una decisione di fallimento 21a) del datore di lavoro”.

3. Nella sezione 289 (1), le parole “fallimento e liquidazione 81) ” sono sostituite dalle parole “procedura di insolvenza 21a) “.

4. La nota 81 è eliminata.

PARTE PRIMA QUINTA

Modifica alla legge sugli amministratori in caso di insolvenza
Arte. CXX

La legge n. 312/2006 Coll., Sugli amministratori fallimentari, come modificata dalla legge n. 108/2007 Coll., È modificata come segue:

1. Nel § 3 paragrafo 2, § 17 paragrafo 3, § 28 paragrafo 1 e § 31 lett. c) la parola “centrale” è inserita dopo le parole “commerciante di valori mobiliari”.

2. Nel § 34, la parola “o” è inserita dopo la parola “ripetutamente”.

3. Nella sezione 39, le parole “e nella sezione 8 (1) (c)” sono sostituite dalle parole “, nella sezione 8 (1) (c) e nella sezione 27 (1) (b)”.

PARTE PRIMA SESTA

Disposizioni abilitanti
Arte. CXXI

Il Primo Ministro è autorizzato a pubblicare nella Raccolta delle leggi il testo completo della Legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverlo (Legge sull’insolvenza), come segue da atti successivi.

PARTE PRIMA SETTE

EFFICIENZA
Arte. CXXII

La presente legge entrerà in vigore il 1 ° gennaio 2008, ad eccezione delle disposizioni dell’articolo XXXVI, punto 5, e delle disposizioni dell’articolo LV, che entreranno in vigore il 1 ° gennaio 2009.

LEGGE 296 del 31 ottobre 2007

che modifica la legge n. 182/2006 Coll., sul fallimento e i modi per risolverla (Legge sull’insolvenza), come modificata, e alcuni atti in relazione alla sua adozione

Il Parlamento ha approvato la seguente legge della Repubblica ceca:

PRIMA PARTE

Modifica della legge sui fallimenti e modi per risolverla (legge sull’insolvenza)
Arte. E

La legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e i modi per risolverla (Legge sull’insolvenza), come modificata dalla Legge n. 312/2006 Coll., È modificata come segue:

1. Nel § 6, paragrafo 1, lettera g), compresa la nota n. 2a, si legge:

” g) una struttura sanitaria istituzionale pubblica senza scopo di lucro, istituita ai sensi della legge speciale 2a) ,

2a ) Legge n. 245/2006 Coll., Sulle strutture sanitarie istituzionali pubbliche senza scopo di lucro e sugli emendamenti ad alcune leggi, come modificata dalla sentenza della Corte costituzionale promulgata ai sensi del n. 483/2006 Coll. “.

2. Nella sezione 11, paragrafo 2, la parola “insolvenza” è inserita dopo la parola “dare”.

3. Nella Sezione 18, Paragrafo 4, la parola “insolvenza” è inserita dopo le parole “non ammissibile”.

4. Nella sezione 21, paragrafo 1, le parole “(di seguito” l’elenco “)” sono soppresse.

5. Nel § 21, paragrafi 2 e 3, inclusa la nota n. 9a, si legge come segue:

” (2) I requisiti dell’elenco degli amministratori fallimentari, i dati in esso inseriti, la sua divisione, la gestione e le condizioni di registrazione in esso e l’origine del diritto di esercitare le attività di amministratore fallimentare e curatore fallimentare ospite sono regolamentati da un apposito regolamento legale 9a) .

(3) Ai fini della presente legge, per curatore fallimentare si intende anche un curatore fallimentare ospite.

9a ) Legge n. 312/2006 Coll., Sugli amministratori di insolvenza, come modificata dalla legge n. 296/2007 Coll. “.

6. Nella sezione 22, paragrafo 1, la parola “insolvenza” è inserita dopo la parola “disposizione”.

7. Nella sezione 22, paragrafi 1 e 2, le parole “amministratori fallimentari” sono inserite dopo la parola “elenco”.

8. Nel § 23, le parole “; la conclusione del presente contratto è una condizione per l’iscrizione nell’elenco ai sensi del § 21 paragrafo 1 e per la nomina di un curatore fallimentare ai sensi del § 22 paragrafo 2” saranno cancellate.

9. Nella sezione 24 (2), la parola “insolvenza” è inserita dopo la parola “funzione”.

10. In § 31 (1) e § 32 (1), la parola “insolvenza” è inserita dopo la parola “udienza”.

11. Nella sezione 37 (4), la parola “insolvenza” è inserita dopo la parola “era”.

12. Nella sezione 38, dopo il paragrafo 3 è inserito il nuovo paragrafo 4 seguente:

” (4) Durante la procedura di insolvenza, il tribunale fallimentare può decidere di pagare un anticipo al curatore fallimentare, anche di nuovo.”

L’attuale paragrafo 4 è rinumerato come paragrafo 5.

13. Nella sezione 47 (2), la parola “rappresentante” è sostituita dalla parola “consiglio”.

14. Nella sezione 48 (2), le parole “questo amministratore” sono sostituite dalle parole “curatore fallimentare”.

15. Nel § 58 paragrafo 2 lett. f) la parola “chiusura” è sostituita da “chiusura”.

16. Nella sezione 62 (1), la parola “insolvenza” è eliminata.

17. Nella sezione 97, dopo il paragrafo 1 è inserito il nuovo paragrafo 2 seguente:

” (2) Una petizione di insolvenza deve recare la firma ufficialmente verificata della persona che l’ha depositata o la sua firma elettronica garantita; altrimenti non sarà presa in considerazione.”.

L’attuale paragrafo 2 è rinumerato come paragrafo 3.

18. Nel § 102 paragrafo 1 lettera g) si legge:

” g) la Banca nazionale ceca, se il debitore è un partecipante a un sistema di pagamento elencato dalla Banca nazionale ceca ai sensi della legge che disciplina i pagamenti 1) o un partecipante a un sistema di regolamento ai sensi della legge che disciplina le attività del mercato dei capitali 18) , “.

19. Nella sezione 102, paragrafo 1, la lettera h) è abrogata.

20. Nella sezione 107 (1), la parola “proprietà” è inserita dopo la parola “a”.

21. Nella sezione 107, paragrafo 3, la parola “insolvenza” deve essere inserita dopo la parola “quando”.

22. Nella sezione 107 (4), la parola “insolvenza” deve essere inserita dopo la parola “prima”.

23. Nella sezione 112, paragrafo 4, la parola “insolvenza” è inserita dopo le parole “presentato entro il termine”.

24. Nella sezione 137 (1), la parola “insolvenza” è eliminata.

25. Nella sezione 137 (3), la parola “insolvenza” è inserita dopo la parola “convocare”.

26. Nella sezione 138 (2), la parola “separatamente” è inserita dopo la parola “formulazione”.

27. Nel § 161, terza frase, la parola “insolvenza” è inserita dopo la parola “può”.

28. Nel § 168 paragrafo 1 lettera a) si legge:

” A) il rimborso delle spese di cassa e la remunerazione del fiduciario preliminare; ciò non si applica se si trattava di un curatore provvisorio nominato curatore fallimentare”.

29. Nella sezione 168, paragrafo 1, la seguente nuova lettera b) è inserita dopo la lettera a):

” b) il rimborso delle spese necessarie e la remunerazione del liquidatore del debitore nominato dal tribunale e dall’amministratore dell’attività del debitore per la collaborazione fornita al curatore provvisorio o al curatore fallimentare,”.

Le lettere da b) ad) esistenti sono indicate come lettere da c) ad e).

30. Nella sezione 214 (2), le parole “in tribunale” sono cancellate.

31. Nella sezione 216 (1), le parole “Sezione 213” sono sostituite dalle parole “Sezione 214”.

32. Nella sezione 218 (1), la parola “insolvenza” è inserita dopo la parola “aggiungere”.

33. Nella sezione 224 (1), la parola “insolvenza” deve essere inserita dopo le parole “questa persona” e dopo le parole “per la quale”.

34. Nella sezione 231 (2), la parola “rappresentante” è sostituita dalla parola “consiglio”.

35. Nella sezione 235 (2), la parola “insolvenza” è inserita dopo la parola “decisione”.

36. Nel § 237, il paragrafo 3 è soppresso.

Gli attuali paragrafi 4 e 5 sono rinumerati come paragrafi 3 e 4.

37. Nel § 256 paragrafo 1, le parole “§ 711” sono cancellate e le parole “non interessato da questo” sono sostituite dalle parole “in quali casi ea quali condizioni il proprietario può risolvere il contratto di locazione dell’appartamento, questo è non affetto”.

38. Nella Sezione 266, Paragrafo 2, la parola “Partecipante” è sostituita dalle parole “Salvo diversa disposizione, dal Partecipante”.

39. Nella sezione 267 (2), le parole “Sezione 202 (5)” sono sostituite dalle parole “Sezione 203 (5)”.

40. Nella sezione 277 (4), la parola “stato patrimoniale” è sostituita dalle parole “stato patrimoniale o conto economico, spese, attività e passività”.

41. Nel § 285 paragrafo 3, le parole “in caso di autorizzazione a risolvere il contratto di locazione di un appartamento ai sensi del § 711 paragrafo 1 lettera d) del codice civile” devono essere sostituite dalle parole “al termine del locazione di un appartamento.

42. Nella sezione 298 (2), la parola “insolvenza” è inserita dopo la parola “remunerazione”.

43. Nel § 300, la parola “insolvenza” è inserita dopo le parole “sulla base di una decisione”.

44. Al § 302, è aggiunto il seguente paragrafo 4:

” (4) Il curatore fallimentare redige i rendiconti finanziari alla data della relazione finale.”

45. Nella seconda frase della Sezione 304 (3), la parola “insolvenza” deve essere inserita dopo le parole “per questa condotta”.

46. Nella sezione 304 (4), la parola “insolvenza” deve essere inserita dopo le parole “relazione e regolamento”.

47. Nella sezione 305 (2), le parole “Sezione 168 (1) (d)” sono sostituite dalle parole “Sezione 168 (1) (e)”.

48. Nella sezione 306 (2), la parola “insolvenza” è inserita dopo la parola “presentato”.

49. Nella sezione 307 (3), la parola “insolvenza” è inserita dopo la parola “loro”.

50. Nella prima frase della Sezione 307 (4), la parola “insolvenza” deve essere inserita dopo le parole “in custodia”.

51. Nella sezione 313 (3), la parola “insolvenza” è inserita dopo le parole “paragrafo 2”.

52. Nel § 316 par.

53. Nel § 316 par. Le parole “; le disposizioni del paragrafo 3 non saranno modificate” saranno aggiunte.

54. Nella sezione 316 (5), la parola “paragrafo” è sostituita dalle parole “restrizioni ai sensi del paragrafo”.

55. Nella sezione 321 (1), le parole “Sezione 67” sono sostituite dalle parole “Sezione 107”.

56. Nella sezione 330 (6), la parola “data di chiusura” è sostituita dalla parola “data di chiusura”.

57. In § 339 paragrafo 4 e § 363 paragrafo 1 let. e) le parole “paragrafo 3” sono sostituite dalle parole “paragrafo 4”.

58. Nella sezione 350 (2), la parola “insolvenza” deve essere inserita dopo la parola “decisione”.

59. Nella sezione 360 ​​(1), la parola “insolvenza” è inserita dopo le parole “forza giuridica della decisione”.

60. Nel § 363 paragrafo 1 let. b) la parola “insolvenza” è inserita dopo la parola “estensione”.

61. Nel § 373 par. b), § 373 paragrafo 4, § 374 paragrafo 1 let. b), § 374 paragrafo 3, § 385 paragrafo 2 lett. b) e § 385 paragrafo 4, le parole “[§ 2 lettera f)]” sono sostituite dalle parole “[§ 2 lettera g)]”.

62. Nella sezione 374 (2), la parola “insolvenza” è inserita dopo la parola “inviato”.

63. Nella sezione 382 (1), le parole “Sezione 380” sono sostituite dalle parole “Sezione 379”.

64. Nella sezione 385 (4), le parole “Sezione 380” sono sostituite dalle parole “Sezione 379” e le parole “Sezione 387” sono sostituite dalle parole “Sezione 386”.

65. Nella sezione 402 (4), il numero “2” è sostituito dal numero “3”.

66. Nella sezione 406 (2), lettera a) si legge:

” (a) fornire informazioni su chi è l’amministratore fallimentare,”.

67. Nella sezione 411 (2), la parola “insolvenza” è inserita dopo la parola “decisione”.

68. Nel § 419, il paragrafo 5 è cancellato.

69. Nella sezione 422 (3), la parola “insolvenza” è inserita dopo le parole “paragrafi 1 e 2”.

70. Nella sezione 425 (1), le parole “Se la procedura di insolvenza viene chiusa legalmente” sono sostituite dalle parole “Dopo 5 anni dall’entrata in vigore della decisione che pone fine alla procedura di insolvenza”.

71. Nella lettera § 431 a) le parole “i requisiti per una comunicazione scritta che nega un credito in fase di riorganizzazione” sono soppresse.

72. Nel § 431, la lettera b) è abrogata.

Le lettere da c) ad f) esistenti sono indicate come lettere da b) ad e).

73. Nel § 432, il testo attuale è indicato come paragrafo 1 e sono aggiunti i paragrafi da 2 a 4, che recitano come segue:

” (2) Se l’istanza di insolvenza del tribunale fallimentare si presenta al di fuori dell’orario di lavoro programmato del tribunale fallimentare o nei giorni non lavorativi entro il 31 dicembre 2008, l’obbligo del tribunale fallimentare di pubblicare il decreto che annuncia l’inizio della procedura di insolvenza in il registro fallimentare entro 2 ore dopo aver ricevuto la petizione di insolvenza (§ 101 paragrafo 1), la ritiene soddisfatta anche se il tribunale fallimentare lo fa entro 2 ore dall’inizio dell’orario di lavoro programmato.

(3) Fino al 31 dicembre 2008, il registro delle insolvenze contiene un elenco di amministratori fallimentari, un elenco di debitori e documenti e informazioni accessibili al pubblico dal fascicolo di insolvenza.

(4) Nel caso della procedura di cui alla Sezione 422, paragrafi 1 e 2, le informazioni sulla natura dei dati personali non pubblicate non saranno aggiunte fino al 31 dicembre 2008. “.

SECONDA PARTE

Modifica al Bill of Exchange and Check Act
Arte. II

La legge n. 191/1950 Coll., The Bill of Exchange and Check Act, come modificata dalla legge n. 29/2000 Coll., È modificata come segue:

1. Nella Sezione 43, Paragrafo 2, Punti 2 e 3, inclusa la nota n. 1, leggi come segue:

” 2. se, in relazione al patrimonio del vaglia cambiari, che abbia accettato o meno il cambiale, è stata emessa una decisione di fallimento 1) o un rigetto dell’istanza di insolvenza 1) per mancanza di beni , se l’intestatario del vaglia cambiari ha sospeso il suo stipendio o la sua proprietà;

3. se, per quanto riguarda il patrimonio dell’emittente della cambiale, che ne ha vietato la presentazione per l’accettazione, è stata emessa sentenza di fallimento o di rigetto dell’istanza di insolvenza per mancanza di beni.

1 ) Legge n. 182/2006 Coll., Sulla bancarotta e modi per risolverla (Legge sull’insolvenza), come modificata. “.

2. Nel § 44, il paragrafo 6 recita:

” (6) Se, per quanto riguarda la proprietà della cambiale, se ha accettato o meno la cambiale o l’emittente della cambiale che ne ha proibito la presentazione per l’accettazione, si è deciso di fallire o respingere la domanda di insolvenza per mancanza di beni è sufficiente presentare le relative decisioni giudiziarie per esercitare il diritto di sanzione. “.

PARTE TERZA
annullato

Arte. III
annullato

PARTE QUARTA
annullato

Arte. IV
annullato

PARTE QUINTA

Modifica del codice di procedura civile
Arte. NEL

237/2004 Coll., Legge n. 257/2004 Coll., Legge n. 340/2004 Coll., Legge n. 436/2004 Coll., Legge n. 501/2004 Coll., Legge n. 554/2004 Coll. , Legge n. 555/2004 Coll., Legge n. 628/2004 Coll., Legge n. 59/2005 Coll., Legge n. 170/2005 Coll., Legge n. 205/2005 Coll., Legge n. 216 / 2005 Coll., Legge n. 342/2005 Coll., Legge n. 377/2005 Coll., Legge n. 383/2005 Coll., Legge n. 413/2005 Coll., Legge n. 56/2006 Coll., Legge n. 57/2006 Coll., Legge n. 79/2006 Coll., Legge n. 112/2006 Coll., Legge n. 113/2006 Coll., Legge n. 115/2006 Coll., Legge n. 133 / 2006 Coll., Legge n. 134/2006 Coll., Legge n. 135/2006 Coll., Legge n. 189/2006 Coll., Legge n. 216/2006 Coll., Legge n. 233/2006 Coll., Legge 264/2006 Coll., Legge n. 267/2006 Coll., Legge n. 308/2006 Coll. e la legge n. 315/2006 Coll., è modificata come segue: 501/2004 Coll., Legge n. 554/2004 Coll., Legge n. 555/2004 Coll., Legge n. 628/2004 Coll., Legge n. 59/2005 Coll., Legge n. 170/2005 Coll. , Legge n. 205/2005 Coll., Legge n. 216/2005 Coll., Legge n. 342/2005 Coll., Legge n. 377/2005 Coll., Legge n. 383/2005 Coll., Legge n. 413 / 2005 Coll., Legge n. 56/2006 Coll., Legge n. 57/2006 Coll., Legge n. 79/2006 Coll., Legge n. 112/2006 Coll., Legge n. 113/2006 Coll., Legge n. 115/2006 Coll., Legge n. 133/2006 Coll., Legge n. 134/2006 Coll., Legge n. 135/2006 Coll., Legge n. 189/2006 Coll., Legge n. 216 / 2006 Coll., Legge n. 233/2006 Coll., Legge n. 264/2006 Coll., Legge n. 267/2006 Coll., Legge n. 308/2006 Coll. e la legge n. 315/2006 Coll., è modificata come segue: 501/2004 Coll., Legge n. 554/2004 Coll., Legge n. 555/2004 Coll., Legge n. 628/2004 Coll., Legge n. 59/2005 Coll., Legge n. 170/2005 Coll. , Legge n. 205/2005 Coll., Legge n. 216/2005 Coll., Legge n. 342/2005 Coll., Legge n. 377/2005 Coll., Legge n. 383/2005 Coll., Legge n. 413 / 2005 Coll., Legge n. 56/2006 Coll., Legge n. 57/2006 Coll., Legge n. 79/2006 Coll., Legge n. 112/2006 Coll., Legge n. 113/2006 Coll., Legge n. 115/2006 Coll., Legge n. 133/2006 Coll., Legge n. 134/2006 Coll., Legge n. 135/2006 Coll., Legge n. 189/2006 Coll., Legge n. 216 / 2006 Coll., Legge n. 233/2006 Coll., Legge n. 264/2006 Coll., Legge n. 267/2006 Coll., Legge n. 308/2006 Coll. e la legge n. 315/2006 Coll., è modificata come segue: Legge n. 342/2005 Coll., Legge n. 377/2005 Coll., Legge n. 383/2005 Coll., Legge n. 413/2005 Coll., Legge n. 56/2006 Coll., Legge n. 57 / 2006 Coll., Legge n. 79/2006 Coll., Legge n. 112/2006 Coll., Legge n. 113/2006 Coll., Legge n. 115/2006 Coll., Legge n. 133/2006 Coll., Legge Legge n. 134/2006 Coll., Legge n. 135/2006 Coll., Legge n. 189/2006 Coll., Legge n. 216/2006 Coll., Legge n. 233/2006 Coll., Legge n. 264/2006 Coll., Legge n. 267/2006 Coll., Legge n. 308/2006 Coll. e la legge n. 315/2006 Coll., è modificata come segue: Legge n. 342/2005 Coll., Legge n. 377/2005 Coll., Legge n. 383/2005 Coll., Legge n. 413/2005 Coll., Legge n. 56/2006 Coll., Legge n. 57 / 2006 Coll., Legge n. 79/2006 Coll., Legge n. 112/2006 Coll., Legge n. 113/2006 Coll., Legge n. 115/2006 Coll., Legge n. 133/2006 Coll., Legge Legge n. 134/2006 Coll., Legge n. 135/2006 Coll., Legge n. 189/2006 Coll., Legge n. 216/2006 Coll., Legge n. 233/2006 Coll., Legge n. 264/2006 Coll., Legge n. 267/2006 Coll., Legge n. 308/2006 Coll. e la legge n. 315/2006 Coll., è modificata come segue: 233/2006 Coll., Legge n. 264/2006 Coll., Legge n. 267/2006 Coll., Legge n. 308/2006 Coll. e la legge n. 315/2006 Coll., è modificata come segue: 233/2006 Coll., Legge n. 264/2006 Coll., Legge n. 267/2006 Coll., Legge n. 308/2006 Coll. e la legge n. 315/2006 Coll., è modificata come segue:

1. Nel § 9 paragrafo 3 lett. i) la parola “insolvenza” è inserita dopo le parole “fondo a” e la parola “fallimento” è sostituita dalla parola “proprietà”.

2. Nella Sezione 9, Paragrafo 3, le lettere s) et) sono cancellate.

Le lettere esistenti da u) a x) sono indicate come lettere da s) a v).

3. Nel § 9, un nuovo paragrafo 4 è inserito dopo il paragrafo 3, che, inclusa la nota n. 53c, recita come segue:

” (4) I tribunali regionali decidono anche come tribunali di primo grado nelle procedure di insolvenza e nelle controversie incidentali 53c) .

53c ) Legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverlo (Legge sull’insolvenza), come modificata. “.

L’attuale paragrafo 4 è rinumerato come paragrafo 5.

4. Nella Sezione 35, Paragrafo 1, Lettera k) si legge:

“( k) trattare l’insolvenza o l’imminente insolvenza del debitore, comprese le controversie incidentali, e la moratoria 53c) ,”.

5. Nella sezione 85, dopo il paragrafo 3 è inserito il nuovo paragrafo 4 seguente:

” (4) Il tribunale generale dell’amministratore fallimentare nell’esercizio della sua funzione è il tribunale distrettuale nel cui distretto ha la sua sede legale.

Gli attuali paragrafi da 4 a 6 sono rinumerati come paragrafi da 5 a 7.

6. Nella Sezione 87, il testo esistente diventerà il paragrafo 1 e sarà aggiunto il paragrafo 2, che, compresa la nota a piè di pagina n. 62f, sarà letto come segue:

” (2) Nel caso di procedure di insolvenza in cui deve essere risolto il fallimento o il fallimento imminente di una persona che forma un gruppo 62f) , il tribunale in cui ha luogo la procedura di insolvenza che risolve il fallimento o il fallimento imminente del debitore.

62f ) Sezione 66a del codice commerciale. “.

7. Al § 88, la lettera i) è cancellata.

Le lettere esistenti da j) a p) sono indicate come lettere da i) ad o).

8. Nella sezione 118b (1), le parole “in controversie derivanti da fallimento e liquidazione” sono sostituite dalle parole “in controversie incidentali nell’ambito di procedure di insolvenza 53c) “.

9. Nella sezione 235 bis (1), le parole “paragrafi 2 e 3” sono sostituite dalle parole “paragrafi da 2 a 4”.

10. Nel § 238a paragrafo 1 lettera a) si legge:

” (a) nelle procedure di insolvenza 53c) ,”.

11. Nel § 260b paragrafo 2 lettera a) si legge:

” A) è in corso una procedura concorsuale, che risolve il fallimento o l’imminente fallimento coatto 53c) e per la durata degli effetti della moratoria sui beni del debitore”.

12. Nella sezione 260b (2), le lettere b) ec) sono cancellate.

L’attuale lettera d) è indicata come lettera b).

13. Nella sezione 338i (1), le parole “amministratori fallimentari” sono sostituite dalle parole “amministratori fallimentari”.

14. La nota 94 recita come segue:

” 94) Sezione 21 della legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverla (Legge sull’insolvenza), come modificata dalla Legge n. 296/2007 Coll.”.

15. Nella sezione 338i (2), le parole “amministratori della massa fallimentare” sono sostituite dalle parole “amministratori fallimentari”.

PARTE SESTA
annullato

Arte. VI
annullato

PARTE SETTIMA

Modifica alla legge sulla protezione e l’utilizzo delle risorse minerarie (legge sull’estrazione mineraria)
Arte. VII

Legge n. 44/1988 Coll., Sulla protezione e l’uso della ricchezza mineraria (Legge sull’estrazione mineraria), modificata dalla Legge n. 541/1991 Coll., Legge n. 10/1993 Coll., Legge n. Coll., Legge n. 132/2000 Coll., Legge n. 258/2000 Coll., Legge n. 366/2000 Coll., Legge n. 315/2001 Coll., Legge n. 61/2002 Coll., Legge n. . 320/2002 Coll., Legge n. 150/2003 Coll., Legge n. 3/2005 Coll., Legge n. 386/2005 Coll., Legge n. 186/2006 Coll. e la legge n. 313/2006 Coll., è modificata come segue:

1. Nella sezione 37a (2), le parole “fallimento commesso sulla proprietà del debitore o oggetto di transazione” sono sostituite dalle parole “incluso nella sostanza della proprietà”.

2. La nota 20b recita:

” 20b) Legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverlo (Legge sull’insolvenza), come modificata.”.

3. Nella sezione 37a (6), le parole “attività fallimentari” sono sostituite dalle parole “attività”.

PARTE OTTAVA

Modifica della legge sulle attività minerarie, gli esplosivi e l’amministrazione statale mineraria
Arte. VIII

Nella sezione 33, paragrafo 3 della legge n. 61/1988 Coll., Sulle attività minerarie, gli esplosivi e l’amministrazione statale mineraria, come modificata dalla legge n. 315/2001 Coll., Le parole “curatore fallimentare” sono sostituite dalle parole “curatore fallimentare”.

Arte. IX

Disposizione transitoria
In caso di procedimento ai sensi della legge n. 328/1991 Coll., In caso di fallimento e regolamento, come modificato, validamente non completato entro la data di entrata in vigore della presente legge, si applica l’obbligo di cui alla sezione 33 (3) all’amministratore della massa fallimentare.

PARTE NONA
annullato

Arte. X, art. XI
annullato

PARTE DECIMA

Modifica della legge sulle associazioni nei partiti politici e nei movimenti politici
Arte. XII

Legge n. 424/1991 Coll., Sull’associazione a partiti politici e movimenti politici, come modificata dalla legge n. 468/1991 Coll., Legge n. 68/1993 Coll., Legge n. 189/1993 Coll., Legge n. . 117/1994 Coll., Sentenza della Corte costituzionale promulgata ai sensi del n. 296/1995 Coll., Legge n. 322/1996 Coll., Legge n. 340/2000 Coll., Sentenza della Corte costituzionale promulgata ai sensi del n. 98 / 2001 Coll., Legge n. 104/2001 Coll., Legge n. 170/2001 Coll., Legge n. 151/2002 Coll., Legge n. 501/2004 Coll., Legge n. 556/2004 Coll. e la legge n. 342/2006 Coll., è modificata come segue:

1. Nel § 9 paragrafo 3 lettera f) si legge:

” f) l’ apertura di una procedura di insolvenza, la decisione sull’insolvenza, la decisione su come risolvere l’insolvenza, la decisione che chiude la procedura di insolvenza, il nome, il cognome (ragione sociale) e la sede legale del curatore fallimentare.”

2. Nella sezione 12, paragrafo 4, le parole “proporre una dichiarazione di fallimento” sono sostituite dalle parole “presentare un’istanza di insolvenza”.

PARTE UNDICI
annullato

Arte. XIII, art. XIV
annullato

PARTE DODICESIMA
annullato

Arte. XV
annullato

PARTE TERZA

Modifica della legge sulle spese giudiziarie
Arte. XVI

Legge n. 549/1991 Coll., Sulle spese processuali, come modificata dalla Legge n. 271/1992 Coll., Legge n. 273/1994 Coll., Legge n. 36/1995 Coll., Legge n. 118/1995 Coll. ., Legge n. 160/1995 Coll., Legge n. 151/1997 Coll., Legge n. 209/1997 Coll., Legge n. 227/1997 Coll., Legge n. 103/2000 Coll., Legge n. 155/2000 Coll., Legge n. 241/2000 Coll., Legge n. 255/2000 Coll., Legge n. 451/2001 Coll., Legge n. 151/2002 Coll., Legge n. 309/2002 Coll. , Legge n. 192/2003 Coll., Legge n. 555/2004 Coll., Legge n. 628/2004 Coll., Legge n. 357/2005 Coll., Legge n. 72/2006 Coll., Legge n. 112 / 2006 Coll., Legge n. 115/2006 Coll., Legge n. 159/2006 Coll. e la legge n. 189/2006 Coll., è modificata come segue:

1. Al § 2 paragrafo 1, la lettera c) è soppressa.

Le lettere esistenti da d) ad f) sono indicate come lettere da c) ad e).

2. Nel § 11 paragrafo 1 let. i) le parole “in caso di fallimento” sono sostituite dalle parole “la cui insolvenza o insolvenza imminente è oggetto di procedure di insolvenza in cui è già stata emessa una decisione di fallimento”.

3. Nel § 11 paragrafo 1 lettera j) si legge:

” j) in cui viene risolta l’insolvenza o l’imminente insolvenza del debitore (procedura di insolvenza), ad eccezione delle controversie incidentali,”.

4. Nel § 11 paragrafo 2 lett. r) le parole “curatore fallimentare” sono sostituite da “curatori fallimentari” e le parole “curatori fallimentari” sono sostituite da “attivi”.

5. Nel § 11 (4), la virgola dopo la parola “decisione” è sostituita dalla parola “e” e le parole “e sui procedimenti di transazione” sono cancellate.

6. Ai punti 1 e 2 dell’allegato, Tariffa dei diritti, il seguente punto 4 è inserito dopo il punto 3 delle note ai punti 1 e 2:

” 4. La domanda per l’avvio di un procedimento per la determinazione della proprietà di altri beni è addebitata solo in conformità al punto 2, lettera c), e una sola volta, indipendentemente dal numero di casi cui si riferisce la determinazione richiesta., In il caso di altre cose o l’esclusione di altre cose, ciò si applica mutatis mutandis. “

Gli attuali paragrafi da 4 a 6 delle note ai punti 1 e 2 sono rinumerati come paragrafi da 5 a 7.

7. Al punto 3 dell’allegato, Tariffa dei diritti, la nota è soppressa.

8. Al punto 8 dell’allegato, Tariffa delle tasse, è aggiunto alle note il seguente punto 3:

” 3. La tassa di cui a questa voce non è riscossa per procedimenti in materia di registro delle imprese avviati su proposta di un organismo contributivo istituito da un’unità di autogoverno territoriale.”.

9. Il punto 9 dell’allegato, Tariffa dei diritti, è formulato come segue:

“Articolo 9

Per la proposta di dichiarare una moratoria CZK 50.000 “.

10. Il punto 10 dell’allegato, Tariffa delle tasse, comprese le note, recita come segue:

“Articolo 10

1.000 CZK per una proposta di avvio di procedimenti in controversie accidentali

Commento:

1. La tariffa di questa voce sarà addebitata una sola volta per proposta.

2. In base a questa voce verrà addebitata una commissione per una proposta di esclusione di una cosa, un diritto o altra proprietà dalla proprietà in controversie incidentali. “

11. Al punto 17 dell’allegato, Tariffa delle tasse, al punto 6 delle note, dopo le parole “comproprietà” sono inserite le parole “in una controversia incidentale”.

12. Al punto 17 dell’allegato, Tariffa dei diritti, dopo il punto 6 delle note è inserito il seguente punto 7:

” 7. In caso di ricorso contro un’unica decisione di un tribunale di primo grado, la tassa di cui alla lettera e) di questa voce è riscossa una sola volta.”

L’attuale punto 7 delle Note è denominato punto 8.

13. Al punto 18 dell’allegato, Tariffa delle tasse, al punto 2 delle note, le parole “e che non superano l’importo di 100 000 CZK” sono inserite dopo le parole “in contanti”.

14. Al punto 18 dell’allegato, Tariffa delle tasse, al punto 4 delle note, dopo le parole “comproprietà”, sono inserite le parole “in una controversia incidentale”.

15. Al punto 18 dell’allegato, Tariffa dei diritti, dopo il punto 4 delle note è inserito il seguente punto 5:

” 5. Se il ricorso è presentato contro un’unica decisione della Corte d’Appello, la tariffa di cui alla lettera b) di questa voce sarà addebitata una sola volta.”

L’attuale punto 5 delle Note è indicato come punto 6.

Arte. XVII

Disposizione transitoria
Le commissioni vengono riscosse per i procedimenti avviati prima della data di entrata in vigore della presente legge in conformità con le normative legali esistenti, anche se scadono dopo la data di entrata in vigore della presente legge. Le tariffe per ricorsi o ricorsi presentati dopo l’entrata in vigore della presente legge devono essere riscossi in conformità con la presente legge.

PARTE QUATTORDICESIMA

Modifica della legge sulla compagnia di assicurazione sanitaria generale della Repubblica ceca
Arte. XVIII

Nel § 3 della legge n. 551/1991 Coll., Sulla compagnia di assicurazione sanitaria generale della Repubblica ceca, modificata dalla legge n. 220/2000 Coll. e la legge n. 455/2003 Coll., la seconda frase, compreso il riferimento alla nota n. 1 e alla nota n. 1, è soppressa.

PARTE QUINDICI

Modifica della legge sulla contabilità
Arte. XIX

Legge n. 563/1991 Coll., Sulla contabilità, modificata dalla Legge n. 117/1994 Coll., Legge n. 227/1997 Coll., Legge n. 492/2000 Coll., Legge n. 353/2001 Coll. , Legge n. 575/2002 Coll., Legge n. 437/2003 Coll., Legge n. 257/2004 Coll., Legge n. 669/2004 Coll., Legge n. 179/2005 Coll., Legge n. 495 / 2005 Coll., Legge n. 57/2006 Coll., Legge n. 81/2006 Coll., Legge n. 230/2006 Coll., Legge n. 264/2006 Coll., Legge n. 69/2007 Coll. e la legge n. 261/2007 Coll., è modificata come segue:

1. Nella Sezione 17, Paragrafo 1, Lettere da e) aj) recitano come segue:

” e) alla data in cui ha effetto la decisione di insolvenza o la decisione del tribunale sulla conversione della riorganizzazione in fallimento,

f) il giorno successivo a quello in cui si verificano gli effetti dell’annullamento del fallimento,

g) alla data in cui ha effetto l’approvazione del piano di riorganizzazione,

h) il giorno successivo a quello in cui hanno effetto gli effetti dell’adempimento del piano di riorganizzazione,

(i) il giorno successivo a quello in cui sono scaduti gli effetti del piano di cancellazione del debito, o

(j) in una data che sarà determinata da una normativa speciale per la compilazione del bilancio di apertura. “

2. Nel § 17 paragrafo 1, la lettera k) è soppressa.

3. Nella Sezione 17, Paragrafo 2, Lettere da e) aj) recitano come segue:

” e) il giorno precedente la data in cui ha effetto la decisione di insolvenza o la decisione del tribunale sulla conversione della riorganizzazione in fallimento,

f) il giorno in cui si verificano gli effetti dell’annullamento del fallimento,

g) il giorno precedente il giorno in cui decorrono gli effetti dell’approvazione del piano di riorganizzazione,

h) alla data in cui decorrono gli effetti dell’adempimento del piano di riorganizzazione,

i) alla data in cui vengono effettuati gli effetti del piano di cancellazione del debito; o

j) alla data in cui l’obbligo di chiudere i libri o di redigere i conti prevede una normativa speciale. “.

4. Nel § 17 paragrafo 2, la lettera k) è soppressa.

5. Al § 17 è aggiunto il seguente paragrafo 5:

” (5) Se la legislazione impone a un’entità l’obbligo di redigere bilanci regolari o straordinari e allo stesso tempo bilanci intermedi, non devono essere redatti bilanci intermedi.”.

6. Nel § 20 paragrafo 1, la parte introduttiva della disposizione recita: “Salvo disposizione contraria della presente legge, queste unità contabili sono obbligate a far verificare il proprio bilancio regolare o straordinario da un revisore dei conti”.

7. Nel § 20, il paragrafo 2 recita:

” (2) Le entità di cui al paragrafo 1 non sono tenute a disporre di conti certificati

a) redatto durante il fallimento, per un periodo continuativo di 36 mesi di calendario, a partire dal primo giorno del mese di calendario successivo al giorno in cui hanno avuto effetto gli effetti della dichiarazione di fallimento, a meno che il comitato dei creditori non decida sulla sua verifica dal revisore,

b) redatto il giorno precedente il giorno in cui ha effetto l’approvazione del piano di riorganizzazione, salvo che la verifica da parte del revisore sia decisa dal comitato dei creditori,

c) se il fallimento è stato annullato per il fatto che i beni del debitore sono del tutto insufficienti a soddisfare i creditori,

d) laddove la legislazione speciale lo preveda. “

8. Al § 20, il paragrafo 3 è soppresso.

9. Nella seconda frase del § 29 (1), le parole “e ai fini del deposito di una proposta di transazione” sono cancellate.

10. Nel § 31 paragrafo 3 let. a) le parole “curatore fallimentare” sono sostituite dalle parole “curatore fallimentare”.

11. Nel § 31 paragrafo 3 let. b) le parole “ad (h)” sono inserite dopo le parole “punto (d)”.

Arte. XX

Disposizione transitoria
Le disposizioni della legge n. 563/1991 Coll., Sulla contabilità, come modificata prima della data di entrata in vigore della presente legge, si applicano alle procedure fallimentari avviate ai sensi della legge n. 328/1991 Coll., Fallimento e regolamento, come modificato.

PARTE SEDICI

Modifica della legge sull’organizzazione e l’attuazione della sicurezza sociale
Arte. XXI

Nel § 14 paragrafo 3 let. a) della legge n. 582/1991 Coll., sull’organizzazione e l’attuazione della sicurezza sociale, come modificata dalla legge n. 241/1994 Coll. e la legge n. 151/2002 Coll., le parole “o se questi organi conducono procedimenti in caso di fallimento e liquidazione del debitore dei premi di sicurezza sociale e dei contributi alla politica statale per l’occupazione” sono sostituite dalle parole “; devono anche fornire questo informazioni a un altro ente di previdenza sociale su richiesta;, se è parte di una procedura di insolvenza in cui viene risolto il fallimento o il fallimento imminente del debitore dei premi di sicurezza sociale e dei contributi alla politica statale per l’occupazione, o al tribunale che conduce tali procedimenti al curatore fallimentare nominato nel procedimento “.

PARTE DICIASSETTESIMA

Modifica della legge bancaria
Arte. XXII

Legge n. 21/1992 Coll., Sulle banche, come modificata dalla Legge n. 264/1992 Coll., Legge n. 292/1993 Coll., Legge n. 156/1994 Coll., Legge n. 83/1995 Coll. , Legge n. 84/1995 Coll., Legge n. 61/1996 Coll., Legge n. 306/1997 Coll., Legge n. 16/1998 Coll., Legge n. 127/1998 Coll., Legge n. 165 / 1998 Coll., Legge n. 120/2001 Coll., Legge n. 239/2001 Coll., Legge n. 319/2001 Coll., Legge n. 126/2002 Coll., Legge n. 453/2003 Coll., Legge n. 257/2004 Coll., Legge n. 439/2004 Coll., Legge n. 377/2005 Coll., Legge n. 413/2005 Coll., Legge n. 56/2006 Coll., Legge n. 57 / 2006 Coll., Legge n. 62/2006 Coll., Legge n. 70/2006 Coll., N. 159/2006 Coll., Legge n. 189/2006 Coll. e la legge n. 261/2007 Coll., è modificata come segue:

1. Nel § 25a paragrafo 4 let. a) il termine “fallimento” è sostituito dal termine “fallimento”.

2. Nella sezione 38f (2), le parole “sulla dichiarazione di fallimento” sono sostituite dalle parole “sull’emissione di una decisione di fallimento e sulla dichiarazione di fallimento”.

3. Nella sezione 41a (4), la parola “fallimento” è sostituita dalla parola “insolvenza”.

4. Nella sezione 41d (3), le parole “amministratore della massa fallimentare” sono sostituite dalle parole “curatore fallimentare”.

PARTE DICIOTTESIMA

Modifica alla legge sugli scambi di merci
Arte. XXIII

Nella sezione 22, paragrafo 1 della legge n. 229/1992 Coll., Sulle borse delle merci, la lettera b), inclusa la nota n. 4, recita come segue:

” B) le persone i cui beni sono stati dichiarati falliti o il tribunale fallito è stato annullato tranne che per ordinanza di annullamento del fallimento dopo l’adempimento della risoluzione o la delibera di rigetto della domanda di dichiarazione di fallimento perché il patrimonio del debitore è completamente insufficiente, o il tribunale ha respinto un’istanza di insolvenza perché i beni del debitore non saranno sufficienti a coprire i costi della procedura di insolvenza, per un periodo di due anni dopo la fine della procedura di insolvenza 4) ,

4 ) Legge n. 182/2006 Coll., Sulla bancarotta e modi per risolverla (Legge sull’insolvenza), come modificata. “.

PARTE XIX
annullato

Arte. XXIV, art. XXV
annullato

PARTE VENTESIMA

Modifica alla legge sulle compagnie di assicurazione sanitaria dipartimentali, filiali, aziendali e altre
Arte. XXVI

Nella sezione 6a, paragrafo 4 della legge n. 280/1992 Coll., Sulle compagnie di assicurazione sanitaria dipartimentali, filiali, aziendali e altre, come modificata dalla legge n. 149/1996 Coll., Le parole “istanza di dichiarazione di fallimento” sono sostituita dalle parole “petizione di insolvenza” “.

PARTE VENTUNA
annullato

Arte. XXVII, art. XXVIII
annullato

PARTE VENTIDUE

Modifica alla legge sull’imposta sugli immobili
Arte. XXIX

Nel § 13a paragrafo 3 della legge n. 338/1992 Coll., Sull’imposta sugli immobili, come modificata dalla legge n. 242/1994 Coll. e la legge n. 576/2002 Coll., le parole “la cui proprietà è stata dichiarata fallita ai sensi di un regolamento legale speciale” deve essere sostituita dalle parole “il cui fallimento o fallimento imminente è risolto in una procedura di insolvenza 19) “.

La nota 19 recita:

“19) Legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverlo (Legge sull’insolvenza), come modificata.”.

Arte. XXX

Disposizione transitoria
Se i procedimenti ai sensi della legge n. 328/1991 Coll., In caso di fallimento e regolamento, come modificato, sono stati avviati prima della data di entrata in vigore della presente legge e non sono stati validamente terminati entro la data di entrata in vigore della presente legge, la dichiarazione dei redditi deve essere presentata ai sensi della sezione 13a paragrafo 3 della legge n. 338/1992 Coll., sull’imposta sugli immobili, come modificata fino alla data di entrata in vigore della presente legge.

PARTE VENTO-TRE
annullato

Modifica alla legge sull’imposta sulle successioni, l’imposta sulle donazioni e l’imposta sul trasferimento di beni immobili
annullato

Arte. XXXI, art. XXXII
annullato

PARTE VENTIQUATTRO

Modifica della legge sui notai e sulle loro attività (codice notarile)
Arte. XXXIII

Nel § 3 della legge n. 358/1992 Coll., Sui notai e le loro attività (codice notarile), come modificato dalla legge n. 30/2000 Coll., Il paragrafo 3 recita:

” (3) Un notaio può anche svolgere la funzione di curatore fallimentare, curatore fallimentare preliminare, curatore fallimentare aggiunto, curatore fallimentare separato e curatore fallimentare speciale nelle procedure di insolvenza.”

PARTE VENTICINQUE

Modifica alla legge sull’imposta sul reddito
Arte. XXXIV

, Legge n. 342/2005 Coll., Legge n. 357/2005 Coll., Legge n. 441/2005 Coll., Legge n. 530/2005 Coll., Legge n. 545/2005 Coll., Legge n. 552 / 2005 Coll., Legge n. 56/2006 Coll., Legge n. 57/2006 Coll., Legge n. 109/2006 Coll., Legge n. 112/2006 Coll., Legge n. 179/2006 Coll., Legge n. 189/2006 Coll., Legge n. 203/2006 Coll., Legge n. 223/2006 Coll., Legge n. 245/2006 Coll., Legge n. 264/2006 Coll., Legge n. 267 / 2006 Sb. e la legge n. 261/2007 Coll., è modificata come segue:

1. Nel § 4 paragrafo 1 lettera x), inclusa la nota a piè di pagina n. 19a, si legge:

“( x) proventi derivanti dalla cancellazione di passività in caso di riorganizzazione o cancellazione di debiti effettuata in conformità con la legislazione speciale 19a) ,

19a ) Legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverlo (Legge sull’insolvenza), come modificata. “.

2. Nel § 4 comma 1 lett. zn) le parole “in due periodi d’imposta immediatamente successivi al periodo d’imposta” sono sostituite dalle parole “in un periodo d’imposta immediatamente successivo al periodo d’imposta”, la parola “fallito” è sostituita dalla parola “debitore” e le parole “in li “sono sostituiti dalle parole” in lui “.

3. Nel § 7 paragrafo 2 lettera d) si legge:

” d) redditi derivanti dalle attività del curatore fallimentare, compresi i redditi delle attività del curatore fallimentare preliminare, del curatore fallimentare aggiunto, del curatore fallimentare separato e del curatore fallimentare speciale, che non sono attività commerciali o attività ai sensi della normativa speciale 19 bis) . “.

4. Nel § 19 paragrafo 1 let. (h) le parole “regolamento o regolamento coatto , 19a) ” sono sostituiti dai termini “cancellazione del debito o riorganizzazione effettuata in conformità con una norma giuridica speciale 19a) ,”.

5. Nel § 19 (1), lettera zo) si legge:

“zo) reddito di cui alla sezione 18 fluente al debitore nel periodo d’imposta in cui si è deciso di autorizzare il risanamento ai sensi della normativa speciale 19a) , e in un periodo d’imposta immediatamente successivo al periodo d’imposta in cui si è deciso di autorizzare il risanamento , a meno che per completare la riorganizzazione. “

6. Nel § 24 paragrafo 2 lett. y) i punti 1 e 2, compresa la nota 26i, recitano come segue:

” 1. in cui il tribunale ha annullato il fallimento 26i) perché i beni del debitore sono completamente insufficienti e il credito è stato registrato dal contribuente presso il tribunale fallimentare e doveva essere risolto nel merito,

2. chi è in fallimento o è in pericolo di fallimento 26i) sulla base dei risultati di procedure concorsuali,

26i ) Legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverlo (Legge sull’insolvenza), come modificata. “.

7. Nel § 26 paragrafo 7 let. a) al punto 3, le parole “, autorizzazione a riorganizzare o approvare il piano di cancellazione del debito” sono inserite dopo le parole “dichiarazione di fallimento”.

8. Nel § 26 paragrafo 7 let. c) le parole “che è stato dichiarato fallito” sono sostituite dalle parole “che è o è a rischio di insolvenza”.

9. Nel § 26 paragrafo 7 let. d) le parole “paragrafo 3” sono sostituite dalle parole “paragrafo 2”.

10. Nel § 35a paragrafo 2 let. b) la parola “fallimento” è sostituita dalla parola “proprietà”.

11. Nel § 35a paragrafo 2 let. b) dopo le parole “legislazione speciale” è inserito un riferimento alla nota 19 bis.

12. Nel § 35a paragrafo 2 let. c) la parola “fallimento” è sostituita dalla parola “insolvenza”.

13. La sezione 38gb, compreso il titolo e la nota a piè di pagina n. 41d, recita:

Ҥ 38gb

Dichiarazione dei redditi nelle procedure concorsuali
(1) Il contribuente di cui al § 2 quando la decisione su come risolvere il suo fallimento, su presentazione della relazione finale quando la domanda di revoca del fallimento, l’annullamento del fallimento o incontra altri mezzi per risolvere l’insolvenza 19a) dichiarazione dei redditi ai sensi di una legge speciale 41d) in cui non rivendica la parte non imponibile della base imponibile, gli elementi deducibili dalla base imponibile, il rimborso fiscale o il vantaggio fiscale. La base imponibile per la parte passata del periodo d’imposta è determinata sulla base della differenza tra entrate (entrate) e spese (costi). La procedura è analoga per il trasferimento del diritto di disporre di beni appartenenti alla proprietà ai sensi di una disposizione di legge speciale 19a) .

(2) Alla fine dell’anno fiscale in cui è stata presa la decisione su come risolvere il fallimento, presentare una relazione finale per presentare una domanda di revoca del fallimento, annullare un fallimento o incontrare altri mezzi per risolvere l’insolvenza 19a) , il contribuente deve presentare la dichiarazione dei redditi 41d) per l’intero periodo d’imposta. Se soddisfa le condizioni specificate, deve indicare nella dichiarazione la parte non imponibile della base imponibile, gli elementi deducibili dalla base imponibile, il rimborso fiscale e il beneficio fiscale.

(3) Dopo la fine del periodo fiscale in cui è stato deciso il metodo di risoluzione dell’insolvenza e anche per presentare una relazione finale per presentare una domanda di revoca del fallimento, annullare un fallimento o per soddisfare altri mezzi per risolvere l’insolvenza 19a) deve fornire al contribuente una dichiarazione dei redditi 41d) per l’intero periodo d’imposta. Se soddisfa le condizioni specificate, deve indicare nella dichiarazione la parte non imponibile della base imponibile, gli elementi deducibili dalla base imponibile, il rimborso fiscale e il beneficio fiscale. In caso di presentazione di una relazione finale, presentazione di istanza di fallimento, annullamento del fallimento o adempimento di un altro metodo per risolvere l’insolvenza 19a)l’ultimo giorno del periodo d’imposta, il contribuente presenta una dichiarazione dei redditi per l’intero periodo d’imposta, a condizione che se soddisfa le condizioni specificate, indichi nella dichiarazione la parte non imponibile della base imponibile, elementi deducibili dall’imposta base, sconto fiscale e vantaggi fiscali. La procedura è analoga per il trasferimento del diritto di disporre di beni appartenenti alla proprietà ai sensi di una disposizione di legge speciale 19a) .

(4) Una passività fiscale derivante da una dichiarazione dei redditi ai sensi del paragrafo 1 è considerata un anticipo sull’imposta dopo la valutazione di una passività fiscale ai sensi di una dichiarazione dei redditi presentata ai sensi dei paragrafi 2 e 3.

(5) Nell’anno fiscale successivo all’anno fiscale in cui è stato deciso il metodo di risoluzione dell’insolvenza e inoltre non è stata presentata una relazione finale per l’annullamento del fallimento non è stato annullato il fallimento o non ha incontrato nessun altro modo di in caso di fallimento 19a) , fornisce la dichiarazione dei redditi del contribuente per ogni periodo d’imposta. Se soddisfa le condizioni specificate, deve indicare nella dichiarazione la parte non imponibile della base imponibile, gli elementi deducibili dalla base imponibile, il rimborso fiscale e il beneficio fiscale.

41d ) Articoli 40 e 40b della legge n. 337/1992 Coll., Sull’amministrazione di imposte e tasse, come modificata. “.

14. La nota 41c è soppressa.

15. Nel § 38m, il paragrafo 2 è soppresso.

Gli attuali paragrafi da 3 a 8 sono rinumerati come paragrafi da 2 a 7.

16. La nota 102 è soppressa.

17. Nel § 38m paragrafo 2 let. c) la parola “precedente” è sostituita dalla parola “precedente”.

18. Nel § 38m paragrafo 4 della parte introduttiva della disposizione, il numero “3” è sostituito dal numero “2”.

19. Nel § 38m paragrafo 7 lettera c) si legge:

” (c) una società incorporata o scissa o una cooperativa per il periodo dalla data decisiva della trasformazione 70) alla data di iscrizione della trasformazione 70) nel registro delle imprese .”.

Arte. XXXV

Disposizioni temporanee
1. Se i procedimenti ai sensi della legge n. 328/1991 Coll., In caso di fallimento e regolamento, come modificato, sono stati avviati prima della data di entrata in vigore della presente legge e non sono stati definitivamente risolti entro la data di entrata in vigore della presente legge, l’imposta sul reddito relativa con la presente procedura le disposizioni della legge n. 586/1992 Coll., sulle imposte sul reddito, come modificata fino all’entrata in vigore della presente legge.

2. Per il periodo o periodo d’imposta sono addebitati interessi su prestiti e prestiti derivanti da contratti conclusi prima del 1 ° gennaio 2008 per i quali non sono state concordate modifiche dopo il 31 dicembre 2007 che modificano l’importo del prestito o del credito concesso o l’importo degli interessi pagati a cui è depositata la dichiarazione dei redditi, depositata nel 2008 e nel 2009, si applicano le disposizioni del § 25 comma 1 lett. w) della legge n. 586/1992 Coll., come modificata fino al 31 dicembre 2007. Per il periodo d’imposta o per il periodo per il quale viene presentata la dichiarazione dei redditi, iniziato nel 2010 e successivamente, le disposizioni del § 25 par. w) della legge n. 586/1992 Coll., come modificata in vigore dal 1 gennaio 2008, per tutti gli oneri finanziari (costi) derivanti da tutti i contratti, comprese le loro modifiche.

PARTE VENTESIMA

Modifica della legge sui premi di sicurezza sociale e sui contributi alla politica statale per l’occupazione
Arte. XXXVI

361/2005 Coll., Legge n. 377/2005 Coll., Legge n. 62/2006 Coll., Legge n. 189/2006 Coll., Legge n. 264/2006 Coll., Legge n. 585/2006 Coll. , Legge n. 153/2007 Coll., Legge n. 181/2007 Coll. e la legge n. 261/2007 Coll., è modificata come segue:

Primo nel § 20 paragrafo 3, terza frase, le parole “dichiarazione di procedura fallimentare o procedura di transazione sulla sua proprietà ai sensi di una legge speciale 45) o dalla data di forza giuridica di un tribunale che rifiuta una proposta di dichiarazione di procedura fallimentare per mancanza del debitore di assicurazione sulla proprietà “sono sostituite dalle parole” dalla data della decisione sulla dichiarazione di fallimento del bene del pagatore del premio o dalla decisione sul fallimento del pagatore del premio “.

La nota a piè di pagina 45 è eliminata.

2. Nella Sezione 20, Paragrafo 5, Lettera e), inclusa la nota n. 45, va letto come segue:

” e) per il periodo dalla data di emanazione della decisione sulla dichiarazione di fallimento sulla proprietà del pagatore dei premi assicurativi fino alla data di forza giuridica della delibera del tribunale che annulla il fallimento 45) ,

45 ) Legge n. 182/2006 Coll., Sulla bancarotta e modi per risolverla (Legge sull’insolvenza), come modificata. “.

3. Nel § 20 paragrafo 5 lettera g) si legge:

” G) per il periodo dalla forza legale di un tribunale, che ha respinto un’istanza di insolvenza perché pagatore di assicurazione sulla proprietà a coprire i costi della procedura di insolvenza o annullamento del fallimento dopo aver ritenuto il tribunale che il debitore dell’assicurazione sulla proprietà è del tutto insufficiente a soddisfare i creditori. “.

4. Nel § 20a comma, infatti, il pagatore del premio che richiede il pagamento delle rate è tenuto a darne comunicazione scritta all’amministrazione distrettuale preposta alla previdenza sociale entro 8 giorni dal giorno in cui si sono verificate. “

5. Nel § 20a paragrafo 6 lett. b) le parole “procedura di fallimento o di liquidazione e relative attività sono state dichiarate o se l’ordinanza di procedura di fallimento è stata respinta da un ordine del tribunale per mancanza di beni del pagatore del premio” sono sostituite da “se una decisione sul fallimento del premio il pagatore è stato emesso “.

PARTE VENTISETTESIMA
annullato

Arte. XXXVII
annullato

PARTE VENTI – OTTAVA

Modifica della legge sui premi per l’assicurazione sanitaria generale
Arte. XXXVIII

Legge n. 592/1992 Coll., Sui premi assicurativi per l’assicurazione sanitaria generale, come modificata dalla legge n. 10/1993 Coll., Legge n. 15/1993 Coll., Legge n. 161/1993 Coll., Legge n. Coll. 324/1993, Legge n. 42/1994 Coll., Legge n. 241/1994 Coll., Legge n. 59/1995 Coll., Legge n. 149/1996 Coll., Legge n. 48/1997 Coll. , Legge n. 127/1998 Coll., Legge n. 29/2000 Coll., Legge n. 118/2000 Coll., Legge n. 258/2000 Coll., Legge n. 492/2000 Coll., Legge n. 138 / 2001 Coll., Legge n. 49/2002 Coll., Legge n. 176/2002 Coll., Legge n. 309/2002 Coll., Legge n. 424/2003 Coll., Legge n. 437/2003 Coll., Legge n. 455/2003 Coll., Legge n. 53/2004 Coll., Legge n. 438/2004 Coll., Legge n. 123/2005 Coll., Legge n. 381/2005 Coll., Legge n. 413 / 2005 Coll., Legge n. 545/2005 Coll., Legge n. 62/2006 Coll., Legge n. 117/2006 Coll., Legge n. 189/2006 Coll., Legge n. 214/2006 Coll., Legge n. 264/2006 Sb. e legge n. 261/2007 Coll.

1. Nella Sezione 23, Paragrafo 3, le parole “procedura fallimentare o confermata in procedura di transazione . 39a) ” sono sostituite dalle parole “procedura di insolvenza ai sensi di una norma giuridica speciale 39a) .”.

2. La nota 39a recita:

” 39a) Legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverlo (Legge sull’insolvenza), come modificata.”.

3. Nel § 23 paragrafo 6 lett. b) i termini “procedure di fallimento e liquidazione” sono sostituiti da “procedure di insolvenza che risolvono insolvenza o insolvenza imminente”.

4. La nota 41 recita come segue:

” 41 ) Ad esempio, Legge n. 182/2006 Coll., Legge n. 549/1991 Coll., Sulle spese processuali, come modificata, Legge n. 21/1992 Coll., Sulle banche, come modificata.”

PARTE VENTO-NOVE

Modifica della legge sulle riserve per la determinazione della base imponibile sul reddito
Arte. XXXIX

Legge n. 593/1992 Coll., Sulle riserve per la determinazione della base imponibile sul reddito, come modificata dalla legge n. 157/1993 Coll., Legge n. 323/1993 Coll., Legge n. 244/1994 Coll., Legge n. . 132/1995 Coll., Legge n. 211/1997 Coll., Legge n. 333/1998 Coll., Legge n. 363/1999 Coll., Legge n. 492/2000 Coll., Legge n. 126/2002 Coll. ., Legge n. 260/2002 Coll., Legge n. 176/2003 Coll., Legge n. 438/2003 Coll., Legge n. 669/2004 Coll., Legge n. 377/2005 Coll., Legge n. 545/2005 Coll., Legge n. 223/2006 Coll. e la legge n. 261/2007 Coll., è modificata come segue:

1. Al paragrafo 4, paragrafo 1, terza frase, le parole “decisione su” sono inserite dopo le parole “o il giorno precedente la data di entrata in vigore”.

2. Nel § 5a (1), le parole “il corso del fallimento” sono sostituite dalle parole “il corso della procedura di insolvenza per la durata degli effetti della dichiarazione di fallimento”.

3. Nella sezione 7 (1), alla fine della lettera b), il punto è sostituito da una virgola e dalla lettera c), che, inclusa la nota 12b, recita come segue:

” (c) sono in corso di riorganizzazione o cancellazione di debiti ai sensi della normativa speciale 12b) e la cui proprietà dei beni materiali per i quali è stata costituita la riserva non è stata influenzata dal corso della procedura di insolvenza o dalla chiusura definitiva della procedura di insolvenza.

12b ) Legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverlo (Legge sull’insolvenza), come modificata. “.

4. Nel § 7 paragrafo 3 let. (d) le parole “nelle procedure di fallimento e liquidazione. 23) ” sono sostituite dalle parole “nei confronti dei cui beni continuano gli effetti della dichiarazione di fallimento ai sensi della normativa speciale 12b) .”.

5. La nota 23 è eliminata.

6. La sezione 8, compreso il titolo, recita:

Ҥ 8

Fondi per crediti verso debitori in procedure concorsuali
(1) Accantonamenti per crediti verso debitori in procedure concorsuali, che costituiscono una spesa (costo) per il conseguimento, la garanzia e il mantenimento del reddito 1) , possono essere creati dai contribuenti che tengono una contabilità, fino al valore di bilancio dei crediti non scaduti depositate presso il tribunale entro il termine fissato dalla sentenza del tribunale in materia di fallimento, nel periodo per il quale viene presentata la dichiarazione dei redditi e in cui sono state presentate. Se è stata consentita la riorganizzazione, invece di presentare un reclamo, è sufficiente che il debitore abbia correttamente inserito il credito del creditore nell’elenco dei suoi obblighi ai sensi di un’apposita norma di legge 12b). Per i crediti depositati dopo la scadenza del periodo specificato nella decisione del tribunale in materia di fallimento e per i crediti esclusi al § 2 paragrafo 2, non è possibile creare accantonamenti che siano una spesa (costo) per il conseguimento, la garanzia e il mantenimento del reddito 1) in conformità con questa disposizione.

(2) Gli accantonamenti devono essere annullati in relazione ai risultati di procedure di insolvenza o nel caso in cui il credito sia stato effettivamente negato dall’amministratore fallimentare, dal creditore o dal debitore e una disposizione legale speciale 12b) concede a queste persone il diritto di negare il credito.

(3) Se i motivi dell’esistenza di una disposizione creata ai sensi di questa disposizione o sulla base della decisione di un contribuente cessano di esistere, è possibile ridurre l’accantonamento creato a un livello che potrebbe essere creato ai sensi del § 8a. Il contribuente continua quindi a creare un accantonamento ai sensi della Sezione 8a. “.

7. Le note a piè di pagina 13c, 13d e 13e sono cancellate.

8. La nota 13h recita:

” 13h) Codice di procedura amministrativa.”

9. Nella sezione 10a (6), le parole “attività fallimentare 23) ” sono sostituite dalle parole “attività del contribuente nella procedura di insolvenza 12b) “.

Arte. XL

Disposizione transitoria
Se i procedimenti ai sensi della legge n. 328/1991 Coll., In caso di fallimento e regolamento, come modificato, sono stati avviati prima della data di entrata in vigore della presente legge e non sono stati definitivamente risolti entro la data di entrata in vigore della presente legge, l’imposta sul reddito relativa a questa si applicano le disposizioni della legge n. 593/1992 Coll., sulle riserve per la determinazione della base imponibile sul reddito, come modificata fino all’entrata in vigore della presente legge.

PARTE TRENTA
annullato

Arte. XLI
annullato

PARTE TRENTUNA

Modifica alla legge sulla tassazione stradale
Arte. XLII

Nella sezione 15, paragrafo 1 della legge n. 16/1993 Coll., Sulla tassa stradale, come modificata dalla legge n. 302/1993 Coll., Legge n. 143/1996 Coll. e la legge n. 207/2002 Coll., le parole “chi è in una procedura fallimentare” sono sostituite dalle parole “il cui fallimento o fallimento imminente è risolto in una procedura di insolvenza”.

Arte. XLIII

Disposizione transitoria
Se i procedimenti ai sensi della legge n. 328/1991 Coll., In caso di fallimento e regolamento, come modificato, sono stati avviati prima della data di entrata in vigore della presente legge e non sono stati risolti definitivamente entro la data di entrata in vigore della presente legge, le disposizioni delle disposizioni di si applica la presente legge § 15 della legge n. 16/1993 Coll., Sulla tassa di circolazione, come modificata fino all’entrata in vigore della presente legge.

PARTE TRENTADUE

Modifica della legge sul commercio estero di materiale militare e sulla modifica della legge n. 455/1991 coll., Sulle licenze commerciali (legge sulle licenze commerciali), come modificata, e della legge n. 140/1961 coll., Codice penale, come modificato
Arte. XLIV

Legge n. 38/1994 Coll., Sul commercio estero di materiale militare e sugli emendamenti alla legge n. 455/1991 Coll., Sulle licenze commerciali (Legge sulle licenze commerciali), come modificato, e Legge n. 140/1961 Coll., Legge penale, come modificata, come modificata dalla legge n. 310/2002 Coll., Legge n. 357/2004 Coll. e la legge n. 413/2005 Coll., è modificata come segue:

1. Nella sezione 11, paragrafo 2, le parole “fallimento, dopo la conferma della transazione e della transazione forzata o la decisione del tribunale che respinge l’istanza di dichiarazione di fallimento per mancanza di beni” sono sostituite dalle parole “procedura di insolvenza”.

2. Nel § 13 paragrafo 1 lettera b) si legge:

” b) una decisione sull’insolvenza di una persona giuridica,”.

PARTE TRENTA TERZA TERZA

Modifica della legge sull’assicurazione pensionistica complementare con contributo statale e modifiche ad alcune leggi relative alla sua introduzione
Arte. XLV

Nella legge n. 42/1994 Coll., Sull’assicurazione pensionistica complementare con contributo statale e sugli emendamenti ad alcune leggi relative alla sua introduzione, come modificata dalla legge n. 61/1996 Coll., Legge n. 15/1998 Coll., Legge Coll. N. 170/1999, Legge n. 353/2001 Coll., Legge n. 309/2002 Coll., Legge n. 36/2004 Coll., Legge n. 237/2004 Coll., Legge n. 257/2004 Coll., Legge n. 377/2005 Coll., Legge n. 444/2005 Coll., Legge n. 56/2006 Coll., Legge n. 57/2006 Coll., Legge n. 70/2006 Coll. e la legge n. 342/2006 Coll., la sezione 53 è abrogata.

PARTE TRENTA – QUATTRO
annullato

Arte. XLVI
annullato

PARTE TRENTACINQUE

Modifica della legge che modifica la legge n. 424/1991 Coll., Sull’associazione nei partiti politici e nei movimenti politici, come modificata, Legge n. 99/1963 Coll., Codice di procedura civile, come modificata, integra la Legge n. 166/1993 Coll., Sull’Ufficio supremo dei conti, come modificato dalla legge n. 331/1993 Coll., E dalla legge n. 328/1991 Coll., Sul fallimento e la risoluzione, come modificato dalla legge n. 122/1993 Coll., E modifica la legge n. 563/1991 Coll., sulla contabilità
Arte. XLVII

Legge n. 117/1994 Coll., Modifica e integrazione della legge n. 424/1991 Coll., Sull’associazione a partiti politici e movimenti politici, come modificata, Legge n. 99/1963 Coll., Regole di procedura civile, come emendate, supplemento Legge n. 166/1993 Coll., Sull’Ufficio supremo dei conti, come modificata dalla legge n. 331/1993 Coll., E Legge n. 328/1991 Coll., Sul fallimento e la transazione, come modificata dalla legge n. 122/1993 Coll., E modifica la legge n. 563/1991 Coll., Sulla contabilità, l’articolo IV è abrogato.

PARTE TRENTESIMA

L’emendamento alla legge che modifica la legge n. 21/1992 Coll., Sulle banche, come modificata, integra la legge n. 513/1991 Coll., Il codice commerciale, come modificato, e la legge n. 328/1991 Coll., Sul fallimento e liquidazione, come modificata
Arte. XLVIII

Nella legge n. 156/1994 Coll., Modifica e integrazione della legge n. 21/1992 Coll., Sulle banche, come modificata, integra la legge n. 513/1991 Coll., Il codice commerciale, come modificato, e la legge n. 328 / 1991 Coll., Fallimento e regolamento, come modificato, l’articolo III è abrogato.

PARTE TRENTASETTESIMA
annullato

Arte. XLIX
annullato

PARTE TRENTOTTO

Modifica della legge sull’arbitrato e sull’esecuzione dei lodi arbitrali
Arte. L

Nella sezione 2, paragrafo 1 della legge n. 216/1994 Coll., Sull’arbitrato e l’esecuzione dei lodi arbitrali, le parole “controversie causate da fallimento o transazione” sono sostituite dalle parole “controversie incidentali”.

PARTE TRENTANOTE

Modifica della legge che modifica la legge n. 92/1991 Coll., Sulle condizioni per il trasferimento della proprietà statale ad altre persone, come modificata dalla legge n. 92/1992 Coll., Legge n. 264/1992 Coll., Legge costituzionale 541/1992 Coll., Legge n. 544/1992 Coll., Legge n. 210/1993 Coll. e Legge n. 306/1993 Coll., Atto del Consiglio nazionale ceco n. 171/1991 Coll., sulla competenza degli organi della Repubblica ceca in materia di trasferimenti di proprietà statali ad altre persone e sul Fondo per la proprietà nazionale della Repubblica ceca, come modificata dalla legge n. 285/1991 Coll., Atto del Consiglio nazionale ceco n. 438/1991 Coll., Atto del Consiglio nazionale ceco n. 569/1991 Coll., Atto del Consiglio nazionale ceco Consiglio n. 282/1992 Coll. e la legge n. 210/1993 Coll., integra la legge n. 328/1991 Coll., sul fallimento e la risoluzione, come modificata dalla legge n. 122/1993 Coll., legge n. 42/1994 Coll., legge n. 74 / 1994 Coll., Legge n. 117/1994 Coll. e Legge n. 156/1994 Coll., e Legge n. 166/1993 Coll., sull’Ufficio superiore di revisione contabile, come modificato dalla legge n. 331/1993 Coll. e legge n. 117/1994 Coll.
Arte. SE

Nella legge n. 224/1994 Coll., Che modifica e integra la legge n. 92/1991 Coll., Sulle condizioni per il trasferimento della proprietà statale ad altre persone, come modificata dalla legge n. 92/1992 Coll., Legge n. 264/1992 Coll., Legge costituzionale n. 541/1992 Coll., Legge n. 544/1992 Coll., Legge n. 210/1993 Coll. e Legge n. 306/1993 Coll., Atto del Consiglio nazionale ceco n. 171/1991 Coll., sulla competenza degli organi della Repubblica ceca in materia di trasferimenti di proprietà statali ad altre persone e sul Fondo per la proprietà nazionale della Repubblica ceca, come modificata dalla legge n. 285/1991 Coll., Atto del Consiglio nazionale ceco n. 438/1991 Coll., Atto del Consiglio nazionale ceco n. 569/1991 Coll., Atto del Consiglio nazionale ceco Consiglio n. 282/1992 Coll. e la legge n. 210/1993 Coll., integra la legge n. 328/1991 Coll., sul fallimento e la risoluzione, come modificata dalla legge n. 122/1993 Coll., legge n. 42/1994 Coll., legge n. 74 / 1994 Coll., Legge n. 117/1994 Coll. e la legge n. 156/1994 Coll. e la legge n. 166/1993 Coll., On the Supreme Audit Office, come modificato dalla legge n. 331/1993 Coll. e la legge n. 117/1994 Coll., come modificata dalla legge n. 179/2005 Coll., l’articolo III è abrogato.

PARTE QUARANTA

Modifica della legge sulle ferrovie
Arte. LII

Legge n. 266/1994 Coll., Sulle ferrovie, modificata dalla Legge n. 189/1999 Coll., Legge n. 23/2000 Coll., Legge n. 71/2000 Coll., Legge n. 132/2000 Coll. , Legge n. 77/2002 Coll., Sentenza della Corte costituzionale promulgata ai sensi del n. 144/2002 Coll., Legge n. 175/2002 Coll., Legge n. 309/2002 Coll., Legge n. 320/2002 Coll. ., Legge n. 103/2004 Coll., Legge n. 1/2005 Coll., Legge n. 181/2006 Coll., Legge n. 186/2006 Coll. e la legge n. 191/2006 Coll., è modificata come segue:

1. Nella sezione 27a, paragrafo 3, le parole “è stata dichiarata bancarotta per la sua proprietà o un’istanza di fallimento è stata respinta per mancanza di proprietà” sono sostituite dalle parole “se è in corso una procedura di insolvenza in cui il suo fallimento o imminente fallimento “.

2. La nota 6b recita:

” 6b ) Legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverlo (Legge sull’insolvenza), come modificata.”.

PARTE QUARANTUNESIMA

Modifica della legge che modifica la legge n. 530/1990 Coll., Sulle obbligazioni, come modificata, Legge n. 513/1991 Coll., Codice commerciale, come modificato, Legge n. modificato, Legge n. 99/1963 Coll., Codice di procedura civile, come modificato, e Legge n. 21/1992 Coll., sulle banche, come modificato
Arte. LIII

Nella legge n. 84/1995 Coll., Modifica e integrazione della legge n. 530/1990 Coll., Sulle obbligazioni, come modificata, Legge n. 513/1991 Coll., Codice commerciale, come modificata, Legge n. 328/1991 Coll. ., su Fallimento e regolamento, come modificato, Legge n. 99/1963 Coll., Codice di procedura civile, come modificato, e Legge n. 21/1992 Coll., sulle banche, come modificato la formulazione dei regolamenti successivi, come modificato dalla legge n. 257/2004 Coll., l’articolo III è abrogato.

PARTE QUARANTADUE

Modifica della legge sulle cooperative di credito e di risparmio e alcune misure correlate e alla modifica della legge del Consiglio nazionale ceco n. 586/1992 Coll., Sulle imposte sul reddito, e successive modifiche
Arte. LIV

Legge n. 87/1995 Coll., Sulle cooperative di credito e di risparmio e alcune misure correlate e sugli emendamenti alla legge del Consiglio nazionale ceco n. 586/1992 Coll., Sulle imposte sul reddito, come modificata, modificata dalla legge n. 100 / 2000 Coll., Legge n. 406/2001 Coll., Legge n. 212/2002 Coll., Legge n. 257/2004 Coll., Legge n. 280/2004 Coll., Legge n. 377/2005 Coll., Legge n. 413/2005 Coll., Legge n. 56/2006 Coll., Legge n. 57/2006 Coll. e la legge n. 70/2006 Coll., è modificata come segue:

1. Nel § 2a paragrafo 7 lettera c) si legge:

” (c) per i cui attivi non è stata emessa alcuna decisione di insolvenza,”.

2. Nel § 2a paragrafo 7 lett. d) le parole “istanza di insolvenza presentata contro tale persona giuridica” sono sostituite da “istanza di insolvenza”.

3. Nel § 2a, paragrafo 8, lettera a) si legge:

” (a) il tribunale

1. annullare il fallimento se non con delibera sull’annullamento del fallimento dopo l’adempimento della delibera di programma o con una delibera sul rigetto dell’istanza di dichiarazione di fallimento perché i beni del debitore sono del tutto insufficienti,

2. respingere l’istanza di insolvenza sulla base del fatto che il patrimonio del debitore non sarà sufficiente a coprire i costi della procedura di insolvenza, “.

4. Nella sezione 5a (4), le parole “amministratore della massa fallimentare” sono sostituite dalle parole “curatore fallimentare” e le parole “amministratore della massa fallimentare” sono sostituite dalle parole “curatore fallimentare”.

5. La nota 5a recita:

“5a) Legge n. 182/2006 Coll., Sulla bancarotta e modi per risolverla (Legge sull’insolvenza), come modificata.”.

6. Nel § 22, il paragrafo 5 recita:

” (5) La Banca nazionale ceca informa immediatamente l’autorità di vigilanza competente dello Stato membro dell’Unione europea in cui l’unione di credito ha una filiale 5a) della decisione di fallimento e della dichiarazione di fallimento dei beni dell’unione di credito . La Banca nazionale ceca si adopererà per coordinare le proprie attività con gli Stati membri dell’Unione europea in cui l’unione di credito ha una succursale. “

7. Nel § 25a paragrafo 4 let. a) il termine “fallimento” è sostituito dal termine “fallimento”.

8. Nella sezione 27a (6), le parole “Fiduciario fallimentare” sono sostituite dalle parole “Fiduciario fallimentare”.

9. Nella sezione 27c (2), le parole “amministratore della massa fallimentare” sono sostituite dalle parole “curatore fallimentare”.

PARTE QUARTA – TERZA

Modifica della legge sull’assicurazione pensionistica
Arte. LV

Nel § 9 par.3 let. e) della legge n. 155/1995 Coll., sull’assicurazione pensionistica, come modificata dalla legge n. 425/2003 Coll., Legge n. 85/2004 Coll. e la legge n. 189/2006 Coll., le parole “amministratore della massa fallimentare, compreso l’amministratore preliminare, l’amministratore straordinario e l’amministratore di liquidazione” sono sostituite dalle parole “curatore fallimentare o altro amministratore”.

PARTE QUARANTAQUATTRO
annullato

Arte. LVI
annullato

PARTE QUARANTACINQUE

Modifica alla legge sull’advocacy
Arte. LVII

Legge n. 85/1996 Coll., On Advocacy, come modificata dalla Legge n. 210/1999 Coll., Legge n. 120/2001 Coll., Legge n. 6/2002 Coll., Legge n. 228/2002 Coll. , Sentenza della Corte costituzionale promulgata ai sensi del n. 349/2002 Coll., Legge n. 192/2003 Coll., Legge n. 237/2004 Coll., Legge n. 284/2004 Coll., Legge n. 555/2004 Coll. ., Legge n. 205/2005 Coll., Legge n. 79/2006 Coll. e la legge n. 312/2006 Coll., è modificata come segue:

1. Nel § 7b paragrafo 1 lettere e) ed f) leggi:

” e) la persona dichiarata fallita viene rimossa dall’elenco degli avvocati alla data in cui la decisione di dichiarare il fallimento diventa definitiva,

f) chi è un partner di una persona giuridica costituita per lo svolgimento di attività di difesa (§ 15), contro la quale è stato dichiarato il fallimento, viene rimosso dall’elenco degli avvocati il ​​giorno della forza giuridica della decisione di dichiarare fallimento, ” .

2. Nel § 8b paragrafo 1 lettere a) eb) si legge come segue:

” a) il cui fallimento è stato dichiarato fallito è sospeso dalla data in cui hanno avuto effetto gli effetti della dichiarazione di fallimento,

b) chi è socio di una persona giuridica costituita per l’esercizio della difesa (§ 15), contro la quale è stata dichiarata bancarotta, la pratica dell’avvocatura è sospesa il giorno in cui si sono verificati gli effetti della dichiarazione di fallimento “.

3. Nel § 9 paragrafo 2 lettera c) si legge:

” c) se è stata avviata una procedura di insolvenza in cui viene risolto il fallimento o il fallimento imminente di un avvocato o di una persona giuridica costituita per esercitare la professione (Sezione 15), di cui è socio.”

4. Al § 15, alla fine del paragrafo 1, è aggiunta la frase “Solo una società per azioni può aver registrato come oggetto di affari lo svolgimento delle attività di un curatore fallimentare”.

5. Nel § 56, paragrafo 1, inclusa la nota n. 17, si legge:

” (1) Un avvocato ha il diritto di amministrare i beni di terzi, compreso lo svolgimento della funzione di curatore fallimentare ai sensi di una normativa legale speciale 17) .

17 ) Sezioni da 36 a 40 della legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverla (Legge sull’insolvenza), come modificata dalla Legge n. 296/2007 Coll. “.

6 Nel § 56 par. 2, la seconda frase è sostituita dalla frase “Un avvocato non dovrà segretezza ai sensi del § 21 su questioni su cui ha imparato in connessione con i compiti del curatore fallimentare, le disposizioni di un regolamento speciale 17b) di l’obbligo di riservatezza da parte dell’amministratore fallimentare non sono interessati. “

La nota 17b recita:

” 17b) Legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverlo (Legge sull’insolvenza), come modificata.”.

PARTE QUARANTESIMA

Modifica della legge che modifica la legge n. 328/1991 Coll., Fallimento e regolamento, come modificata, Legge n. 455/1991 Coll., Sulla licenza commerciale (Legge sulle licenze commerciali), come modificata, Legge n. 513/1991 Coll. ., Codice commerciale, come modificato, e Legge n. 40/1964 Coll., Codice civile, come modificato
Arte. LVIII

Nella legge n. 94/1996 Coll., Modifica e integrazione della legge n. 328/1991 Coll., Su fallimento e regolamento, come modificata, Legge n. 455/1991 Coll., Sulla licenza commerciale (Legge sulle licenze commerciali), come modificata , Legge n. 513/1991 Coll., Codice commerciale, come modificato, e Legge n. 40/1964 Coll., Codice civile, come modificato, Articoli I e VI sono abrogati.

PARTE QUARANTASETTESIMA

Modifica della legge sull’uso pacifico dell’energia nucleare e delle radiazioni ionizzanti (Atomic Act) e sulle modifiche ad alcune leggi
Arte. LIX

Nella sezione 17, paragrafo 1 della legge n. 18/1997 Coll., Sull’uso pacifico dell’energia nucleare e delle radiazioni ionizzanti (Atomic Act) e sugli emendamenti ad alcune leggi, come modificata dalla legge n. 13/2002 Coll., Lettera l) recita:

“( l) informa l’Ufficio senza indebito ritardo dell’apertura di una procedura di insolvenza,”.

PARTE QUARANTOTTO

Modifica della legge sull’assicurazione sanitaria pubblica e modifica di alcuni atti correlati
Arte. LX

Nel § 53a paragrafo 3 let. b) della legge n. 48/1997 Coll., sull’assicurazione sanitaria pubblica e sugli emendamenti ad alcuni atti correlati, come modificata dalla legge n. 176/2002 Coll., le parole “istanza di dichiarazione di fallimento” sono sostituite dalle parole “petizione di insolvenza 47b) “.

La nota 47b recita:

“47b) Legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverlo (Legge sull’insolvenza), come modificata.”.

PARTE quarantanove

Modifica allo State Enterprise Act
Arte. LXI

Legge n. 77/1997 Coll., Su un’impresa statale, come modificata dalla Legge n. 30/2000 Coll., Legge n. 220/2000 Coll., Legge n. 103/2001 Coll., Legge n. 77/2002 Coll., Legge n. 202/2002 Coll. e la legge n. 480/2003 Coll., è modificata come segue:

1. Nella sezione 6, paragrafo 5, le parole “amministratore della massa fallimentare” sono sostituite dalle parole “curatore fallimentare”.

2. La nota 7 recita come segue:

” 7 ) Legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverlo (Legge sull’insolvenza), come modificata.”.

PARTE CINQUANTA

Modifica della legge sugli alimenti e sui prodotti del tabacco
Arte. LXII

Nella legge n. 110/1997 Coll., Sugli alimenti e sui prodotti del tabacco e sugli emendamenti ad alcuni atti correlati, come modificata dalla legge n. 166/1999 Coll., Legge n. 119/2000 Coll., Legge n. 306/2000 Coll., Legge n. 146/2002 Coll., Legge n. 131/2003 Coll., Legge n. 274/2003 Coll., Legge n. 94/2004 Coll., Legge n. 316/2004 Coll., Legge N. 558/2004 Coll., Legge n. 392/2005 Coll., Legge n. 444/2005 Coll. e la legge n. 229/2006 Coll., nota a piè di pagina n. 3 è abrogata, compreso il riferimento alla nota a piè di pagina.

PARTE CINQUANTA PRIMA

Modifica della legge sulla valutazione della proprietà e sulle modifiche ad alcune leggi (legge sulla valutazione della proprietà)
Arte. LXIII

Nella legge n. 151/1997 Coll., Sulla valutazione della proprietà e sugli emendamenti ad alcuni atti (Legge sulla valutazione della proprietà), come modificata dalla legge n. 121/2000 Coll., Legge n. 237/2004 Coll. e la legge n. 257/2004 Coll., parte quarta, compreso il titolo, è abrogata.

PARTE CINQUANTA DUE
annullato

Arte. LXIV
annullato

PARTE CINQUANTA – TERZA

Modifica della legge sulla vigilanza del mercato dei capitali e modifiche ad altri atti
Arte. LXV

Legge n. 15/1998 Coll., Sulla vigilanza del mercato dei capitali e sugli emendamenti ad altri atti, come modificata dalla Legge n. 30/2000 Coll., Legge n. 362/2000 Coll., Legge n. 370/2000 Coll., Legge n. 308/2002 Coll., Legge n. 257/2004 Coll., Legge n. 626/2004 Coll., Legge n. 381/2005 Coll., Legge n. 56/2006 Coll., Legge n. 57 / 2006 Coll., Legge n. 70/2006 Coll., Legge n. 224/2006 Coll. e la legge n. 342/2006 Coll., è modificata come segue:

1. Nel § 26 paragrafo 2 lett. c) al punto 1, i termini “curatore fallimentare, curatore provvisorio, liquidatore” sono sostituiti dai termini “curatore fallimentare”.

2. Nel § 26 paragrafo 2 lett. g) la parola “fallimento” è sostituita dalla parola “insolvenza” e la parola “fallimento” dalla parola “debitore”.

PARTE CINQUANTA QUATTRO

Modifica alla legge sull’istruzione superiore
Arte. LXVI

Legge n. 111/1998 Coll., Sugli istituti di istruzione superiore e sugli emendamenti ad altri atti (Legge sugli istituti di istruzione superiore), come modificata dalla Legge n. 210/2000 Coll., Legge n. 147/2001 Coll., Legge n. 362/2003 Coll., Legge n. 96/2004 Coll., Legge n. 121/2004 Coll., Legge n. 436/2004 Coll., Legge n. 473/2004 Coll., Legge n. 562/2004 Coll. ., Legge n. 342/2005 Coll., Legge n. 552/2005 Coll., Legge n. 161/2006 Coll., Legge n. 165/2006 Coll. e la legge n. 310/2006 Coll., è modificata come segue:

1. Nel § 42 paragrafo 1 let. f) le parole “dichiarazione o risoluzione del fallimento secondo le norme generali in materia di fallimento e liquidazione, 13) ” sono sostituite dalle parole “dichiarazione o risoluzione del fallimento secondo le norme che disciplinano il fallimento e le modalità per risolverlo 13) , “.

La nota 13 recita:

” 13 ) Legge n. 182/2006 Coll., Sulla bancarotta e modi per risolverla (Legge sull’insolvenza), come modificata.”.

2. Nella sezione 101 (6), le parole “in materia di fallimento e liquidazione” sono sostituite dalle parole “disciplina del fallimento e metodi per risolverlo”.

PARTE CINQUANTACINQUE

Modifica della legge sull’assicurazione di responsabilità per i danni causati dal funzionamento di un veicolo e sulla modifica di alcuni atti correlati (legge sull’assicurazione di responsabilità per l’esercizio del veicolo)
Arte. LXVII

Legge n. 168/1999 Coll., Sull’assicurazione di responsabilità per danni causati dall’uso del veicolo e sulle modifiche ad alcuni atti correlati (legge sull’assicurazione di responsabilità per l’esercizio del veicolo), come modificata dalla legge n. 307/1999 Coll., Legge n. 56/2001 Coll., Legge n. 320/2002 Coll., Legge n. 47/2004 Coll., Legge n. 377/2005 Coll. e la legge n. 57/2006 Coll., è modificata come segue:

1. Nella sezione 24, paragrafo 3, la seconda frase è sostituita dalla frase “Il credito dell’Ufficio per il risarcimento della prestazione ai sensi del paragrafo 2, lettere b) ec) è considerato un credito che si considera registrato ai sensi regolamento di legge speciale 22c) .

La nota 22c recita:

” 22c) Legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverlo (Legge sull’insolvenza), come modificata.”.

2. Nell’ultima frase della Sezione 26 (1), le parole “se questa persona è in fallimento, l’amministratore della massa fallimentare” sarà cancellata.

3. Nel § 26, alla fine del paragrafo 1, la frase “Se viene risolta una procedura di insolvenza in cui viene risolto il fallimento o il fallimento imminente del proprietario del veicolo, l’amministratore dell’insolvenza esegue gli obblighi del proprietario del veicolo ai sensi della presente legge dopo la sua nomina, proprietà del proprietario del veicolo “.

PARTE CINQUANTESIMO
annullato

Arte. LXVIII
annullato

PARTE CINQUANTESIMA

Modifica alla legge sulle aste pubbliche
Arte. LXIX

Legge n. 26/2000 Coll., Sulle aste pubbliche, come modificata dalla Legge n. 120/2001 Coll., Legge n. 517/2002 Coll., Legge n. 257/2004 Coll., Sentenza della Corte costituzionale promulgata ai sensi N. 181/2005 Coll., Legge n. 377/2005 Coll., Legge n. 56/2006 Coll. e la legge n. 315/2006 Coll., è modificata come segue:

1. Nel § 3, paragrafo 2, inclusa la nota 2, si legge:

” (2) I partecipanti all’asta non possono essere persone che non possono acquisire la proprietà e i diritti sugli oggetti dell’asta 2) , le persone la cui proprietà è stata dichiarata fallita o una domanda di insolvenza per la proprietà di tale persona è stata respinta perché la sua proprietà è non sufficiente a coprire i costi di insolvenza, per un periodo di 3 anni dalla forza giuridica di tale decisione, nessuno può presentare un’offerta per essi.

2 ) Legge n. 219/1995 Coll., Legge sui cambi, come modificata. “.

2. Nella sezione 17, paragrafo 4, le parole “amministratore della massa fallimentare” sono sostituite dalle parole “curatore fallimentare”.

3. Nella sezione 18, paragrafo 3, le parole “amministratore della massa fallimentare” sono sostituite dalle parole “curatore fallimentare”.

4. Nel § 22, paragrafo 1, lettera e), inclusa la nota n. 14a, si legge:

” e) se è stata avviata una procedura di insolvenza, o se l’oggetto dell’asta o una parte di essa è stata inclusa nella proprietà ai sensi della norma legale speciale 14a) , se il firmatario non è un curatore fallimentare,

14a ) Legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverlo (Legge sull’insolvenza), come modificata. “.

5. Nel § 46 paragrafo 1 lettera f) si legge:

” f) se è stata avviata una procedura di insolvenza in cui viene risolto il fallimento o il fallimento imminente del proprietario, o se l’oggetto dell’asta o parte di essa è stato incluso nella proprietà ai sensi della normativa legale speciale 14a) , se il richiedente è non un curatore fallimentare, “.

PARTE CINQUANTOTTA

Modifica della legge che modifica alcune leggi in relazione all’adozione della legge sulle aste pubbliche
Arte. LXX

Nella legge n. 27/2000 Coll., Che modifica alcuni atti in relazione all’adozione della legge sulle aste pubbliche, come modificata dalla legge n. 499/2004 Coll., La parte dieci, compreso il titolo, è abrogata.

PARTE CINQUANTA NONA

Modifica della legge che modifica la legge n. 99/1963 Coll., Il codice di procedura civile, come modificato, e alcuni altri atti
Arte. LXXI

Nella Legge n. 30/2000 Coll., Legge di modifica n. 99/1963 Coll., Codice di procedura civile, come modificato, e alcuni altri atti, come modificato dalla Legge n. 6/2002 Coll. e la legge n. 413/2005 Coll., parte sei, compreso il titolo, è abrogata.

PARTE SESSANTA

Modifica della legge che modifica la legge n. 328/1991 Coll., Fallimento e regolamento, come modificato, e alcuni altri atti
Arte. LXXII

Nella legge n. 105/2000 Coll., Nella legge di modifica n. 328/1991 Coll., In materia di bancarotta e regolamento, come modificata, e alcuni altri atti, la Parte Uno, compreso il titolo, e l’Articolo VII sono abrogati.

PARTE SESSANTUNA

Modifica della legge sulla protezione dei dipendenti in caso di insolvenza del datore di lavoro e modifiche ad alcune leggi
Arte. LXXIII

Legge n. 118/2000 Coll., Sulla protezione dei dipendenti in caso di insolvenza del datore di lavoro e sulla modifica di alcune leggi, come modificata dalla legge n. 436/2004 Coll. e la legge n. 73/2006 Coll., è modificata come segue:

1. Nel § 3 lettera a) ec) e § 5 comma 1, le parole “istanza di dichiarazione di fallimento” sono sostituite dalle parole “istanza di insolvenza”.

2. La nota 5 recita come segue:

” 5 ) Legge n. 182/2006 Coll., Sulla bancarotta e modi per risolverla (Legge sull’insolvenza), come modificata.”.

3. Nella sezione 4, paragrafo 4, le parole “entro e non oltre 5 giorni lavorativi dalla notifica al tribunale del deposito dell’istanza di dichiarazione di fallimento” sono sostituite dalle parole “immediatamente dopo che il tribunale gli ha notificato l’avvio di una procedura di insolvenza, “.

4. Nel § 4 paragrafo 5, le parole “3 mesi” sono sostituite dalle parole “1 mese” e le parole “l’istanza per la dichiarazione di fallimento è respinta 5c) o respinta, questo procedimento è chiuso 6) o il fallimento è annullato, 7) “sono sostituite dalle parole” decise in procedure di insolvenza diverse dall’emissione di una decisione di fallimento 5) , “.

5. Le note 5c, 6 e 7 sono cancellate.

6. In § 5 (2) e § 9 (1) e (7), le parole “petizione per dichiarare fallimento” sono sostituite dalle parole “petizione di insolvenza”.

7. Nel § 7 (1), le parole “entro 7 giorni” sono sostituite dalla parola “immediatamente” e il numero “14” è sostituito dal numero “7”.

8. Nella sezione 7, paragrafo 2, le parole “dichiarazione di fallimento” sono sostituite dalle parole “decisione di fallimento” e le parole “curatore fallimentare 10) ” sono sostituite dalle parole ” curatore fallimentare 5) “.

9. La nota 10 è eliminata.

10. Nella Sezione 9, Paragrafo 4, le parole “istanza di dichiarazione di fallimento. 11) ” sono sostituite dalle parole “istanza di insolvenza 11) .”.

11. Nella sezione 11, paragrafo 2, le parole “procedura fallimentare. 14) ” sono sostituite dalle parole “procedura fallimentare 5) .”.

12. La nota 14 è soppressa.

13. Nella sezione 11, paragrafo 3, la seconda frase è sostituita dalla frase “Se è stata emessa una decisione sul fallimento del datore di lavoro, l’Ufficio del lavoro fa valere le pretese dei singoli dipendenti in una procedura di insolvenza 5) .”.

14. La nota 15 è soppressa.

15. Nel § 12, i paragrafi 1 e 2 recitano:

” (1) Salvo diversa disposizione, l’obbligo del datore di lavoro di rimborsare l’ufficio del lavoro per i fondi versati ai dipendenti ai sensi della presente legge e gli importi corrispondenti a detrazioni e prelievi pagati dall’ufficio del lavoro ai sensi di disposizioni legali speciali, nella misura in cui tali crediti hanno non è stato soddisfatto, cesserà. nelle procedure di insolvenza, il giorno in cui ha valore legale la risoluzione che chiude la procedura di insolvenza.

(2) Il datore di lavoro è tenuto a rimborsare all’Ufficio del lavoro i fondi versati al dipendente ai sensi della presente legge e gli importi corrispondenti a detrazioni e prelievi pagati dall’Ufficio del lavoro ai sensi di disposizioni legali speciali, entro 3 settimane dalla decisione del tribunale effetto giuridico.

a) ha deciso sulla domanda di insolvenza diversa dall’emissione di una decisione di fallimento 5) ,

b) decide che il debitore non è insolvente,

(c) annulla la procedura di insolvenza per motivi diversi dal rispetto della risoluzione schedulata o perché i beni del debitore sono del tutto insufficienti. “.

16. Le note da 16 a 18 sono cancellate.

PARTE Sessantadue

Modifica della legge sull’esplorazione, l’esplorazione e l’estrazione di risorse minerarie dai fondali marini oltre i confini della competenza statale e sulla modifica di alcune leggi
Arte. LXXIV

Nella Sezione 17, Paragrafo 2 della Legge n. 158/2000 Coll., Sull’esplorazione, esplorazione ed estrazione di risorse minerarie dal fondo marino oltre i confini degli Stati e sulla modifica di alcuni atti, la Lettera c) recita come segue:

” c) mediante decisione di insolvenza, rigetto della domanda di insolvenza in quanto i beni dell’avente diritto non sono sufficienti a coprire i costi della procedura di insolvenza,”.

PARTE SESTA TERZA

Modifica della legge sulla proprietà della Repubblica ceca e suo aspetto nelle relazioni legali
Arte. LXXV

Legge n. 219/2000 Coll., Sulla proprietà della Repubblica Ceca e la sua comparsa nei rapporti giuridici, come modificata dalla Legge n. 492/2000 Coll., Legge n. 229/2001 Coll., Legge n. 320/2001 Coll., Legge n. 501/2001 Coll., Legge n. 202/2002 Coll., Legge n. 280/2002 Coll., Sentenza della Corte costituzionale promulgata sotto n. 476/2002 Coll., Legge n. 88 / 2003 Coll., Legge n. 354/2003 Coll., Legge n. 480/2003 Coll., Legge n. 41/2004 Coll., Legge n. 218/2004 Coll., Legge n. 217/2005 Coll., Legge N. 359/2005 Coll., Legge n. 22/2006 Coll., Legge n. 140/2006 Coll. e la legge n. 342/2006 Coll., è modificata come segue:

1. La sezione 33, inclusa la nota a piè di pagina n. 56, recita:

Ҥ 33

La soddisfazione proporzionale del credito può essere raggiunta solo nell’ambito della riorganizzazione o della cancellazione del debito 56) .

56 ) Legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverlo (Legge sull’insolvenza), come modificata. “.

2. Nella sezione 43, paragrafo 1, le parole “fallimento o liquidazione” sono sostituite dalle parole “procedura di insolvenza”.

3. Nella sezione 56 (6), la parola “tutti” è inserita dopo la parola “di chi” e le parole “fallimento o liquidazione” sono sostituite dalle parole “procedura di insolvenza”.

4. Nella sezione 60c (1), le parole “fallimento e liquidazione” sono sostituite dalle parole “per quanto riguarda la cui proprietà è in corso la procedura di insolvenza”.

Arte. LXXVI

Disposizione transitoria
Se i procedimenti ai sensi della legge n. 328/1991 Coll., In caso di fallimento e regolamento, come modificato, sono stati avviati prima della data di entrata in vigore della presente legge e non sono stati validamente terminati entro la data di entrata in vigore della presente legge , è possibile procedere in tali procedimenti crediti solo nell’ambito della transazione.

PARTE Sessantaquattro

Modifica della legge sulle misure economiche per le situazioni di crisi e sulle modifiche ad alcuni atti correlati
Arte. LXXVII

Nella sezione 16, paragrafo 4 della legge n. 241/2000 Coll., Sulle misure economiche per situazioni di crisi e sulla modifica di alcuni atti correlati, la lettera b) si legge come segue:

” b) viene emessa una decisione del tribunale fallimentare sul fallimento del fornitore della fornitura di mobilizzazione o il tribunale fallimentare respinge l’istanza di insolvenza perché i beni del fornitore della fornitura di mobilizzazione non saranno sufficienti a coprire i costi di la procedura di insolvenza, “

PARTE Sessantacinque

Modifica della legge sui revisori dei conti e modifica della legge n. 165/1998 Coll.
Arte. LXXVIII

Legge n. 254/2000 Coll., Sui revisori e modifica della legge n. 165/1998 Coll., Come modificata dalla legge n. 209/2002 Coll., Legge n. 169/2004 Coll., Legge n. 284/2004 Coll. ., Legge n. 56/2006 Coll., Legge n. 57/2006 Coll. e la legge n. 70/2006 Coll., è modificata come segue:

1. Nel § 8 comma 2 lett. c) le parole “procedure di fallimento e liquidazione” sono sostituite dalle parole “procedure di insolvenza”.

2. Nel § 11 paragrafo 2 lettera e) si legge:

” e) la persona dichiarata fallita viene rimossa dall’elenco dei revisori o dall’elenco delle imprese di revisione alla data in cui la decisione di dichiarare il fallimento diventa definitiva,”.

3. Nel § 18 paragrafo 2 lett. f) le parole “curatore fallimentare” sono sostituite da “curatore fallimentare”.

4. Nel § 18 paragrafo 3 let. b) le parole “curatore fallimentare, liquidatore” sono sostituite da “curatore fallimentare”.

5. Nel § 18 paragrafo 4 let. e) le parole “curatore fallimentare” sono sostituite da “curatore fallimentare”.

PARTE SESSANTESIMA

Modifica della legge sulla protezione della salute pubblica e sulla modifica di alcuni atti correlati
Arte. LXXIX

Legge n. 258/2000 Coll., Sulla protezione della salute pubblica e sulla modifica di alcuni atti correlati, come modificata dalla Legge n. 254/2001 Coll., Legge n. 274/2001 Coll., Legge n. 13 / Coll. 2002, Legge n. 76/2002 Coll., Legge n. 86/2002 Coll., Legge n. 120/2002 Coll., Legge n. 309/2002 Coll., Legge n. 320/2002 Coll., Legge Legge n. 274/2003 Coll., Legge n. 356/2003 Coll., Legge n. 362/2003 Coll., Legge n. 167/2004 Coll., Legge n. 326/2004 Coll., Legge n. 562 / Coll. 2004, Legge n. 125/2005 Coll., Legge n. 253/2005 Coll., Legge n. 381/2005 Coll., Legge n. 392/2005 Coll., Legge n. 444/2005 Coll., Legge Legge n. 59/2006 Coll., Legge n. 74/2006 Coll., Legge n. 186/2006 Coll., Legge n. 189/2006 Coll., Legge n. 222/2006 Coll., Legge n. 264/2006 Coll. e la legge n. 342/2006 Coll., è modificata come segue:

1. Nel § 83d paragrafo 1 lettera e) si legge:

” e) per fallimento o rigetto della domanda di insolvenza perché i beni del titolare sono insufficienti a coprire i costi della procedura di insolvenza, o per l’entrata in liquidazione del titolare dell’autorizzazione.”

2. La nota 59 recita come segue:

” 59) Legge n. 182/2006 Coll., Sulla bancarotta e modi per risolverla (Legge sull’insolvenza), come modificata.”.

PARTE Sessantasette

Modifica della Legge sui magazzini agricoli e sui magazzini pubblici agricoli e sulla modifica di alcuni atti connessi
Arte. LXXX

La legge n. 307/2000 Coll., Sui certificati di stoccaggio agricolo e sui magazzini pubblici agricoli e sulla modifica di alcuni atti correlati, come modificata dalla legge n. 444/2005 Coll., È modificata come segue:

1. Nel § 16 paragrafo 4 lett. b) le parole “fallimento o liquidazione consentita” sono sostituite dalle parole “fallimento”.

Secondo nel § 32 paragrafo 1, la parola “fallimento” è sostituita dalla parola “fallimento” e la parola “fallimento” è sostituita da “i beni ai sensi di una norma legale speciale 10a) “.

La nota 10a recita:

” 10a ) Legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverla (Legge sull’insolvenza), come modificata.”.

3. Nella sezione 32 (2), prima frase, le parole “Fiduciario in fallimento” sono sostituite dalle parole “Fiduciario fallimentare” e la parola “attività” è sostituita dalle parole “attività”.

4. Nella sezione 32, paragrafo 3, prima frase, le parole “amministratore della massa fallimentare” sono sostituite dalle parole “curatore fallimentare” e la seconda frase è sostituita dalla frase “La parte insoddisfatta dei crediti dei titolari di lo stoccaggio certifica questi crediti. “

PARTE SESSANTOTTO

Modifica della legge che modifica la legge n. 513/1991 Coll., Il codice commerciale, come modificato, Legge n. 358/1992 Coll., Sui notai e le loro attività (codice notarile), come modificata, legge n. 15/1998 Coll. ., Sulla Securities Commission e sugli emendamenti ad altri atti, come modificato dalla legge n. 30/2000 Coll., Legge n. 200/1990 Coll., Sulle infrazioni, come modificata, Legge n. 99/1963 Coll., Codice di procedura civile, come modificata, e legge n. 328/1991 Coll., Fallimento e regolamento, come modificata
Arte. LXXXI

Nella legge n. 370/2000 Coll., Legge di modifica n. 513/1991 Coll., Codice commerciale, come modificato, Legge n. 358/1992 Coll., Sui notai e le loro attività (Codice notarile), come modificato, Legge n. 15/1998 Coll., Sulla Commissione per i titoli e sugli emendamenti ad altri atti, come modificata dalla legge n. 30/2000 Coll., Legge n. 200/1990 Coll., Sui reati, come modificata dai regolamenti successivi, Legge N. 99/1963 Coll., Codice di procedura civile, come modificato, e Legge n. 328/1991 Coll., Su Fallimento e Transazione, come modificato, come modificato dalla Legge n. 501/2001 Coll., Sentenza del Corte costituzionale promulgata con n. 476/2002 Coll. e la Legge n. 88/2003 Coll., Parte Sei, compreso il titolo, e l’Articolo IX, compreso il titolo, sono abrogati.

PARTE Sessantanovesima

Modifica della legge sulle condizioni commerciali e il rendimento dell’amministrazione statale nei settori dell’energia e sulle modifiche ad alcune leggi (legge sull’energia)
Arte. LXXXII

Legge n. 458/2000 Coll., Sulle condizioni commerciali e le prestazioni dell’amministrazione statale nei settori dell’energia e sulla modifica di alcune leggi (Legge sull’energia), come modificata dalla Legge n. 151/2002 Coll., Legge n. 262 / 2002 Coll., Legge n. 309/2002 Coll., Legge n. 278/2003 Coll., Legge n. 356/2003 Coll., Legge n. 670/2004 Coll., Legge n. 186/2006 Coll. e la legge n. 342/2006 Coll., è modificata come segue:

1. Nella sezione 5 (6), la parola “fallimento” è sostituita dalla parola “fallimento” dopo le parole “3 anni” e le parole “fallimento sono annullate perché i beni del fallito sono insufficienti a coprire i costi del fallimento o della mancanza di beni “sono sostituite dalle parole” respinta l’istanza di insolvenza perché i beni del debitore non saranno sufficienti a coprire i costi della procedura concorsuale, oppure ha deciso di annullare il fallimento perché i beni del debitore sono del tutto insufficienti “.

2. Nel § 10 paragrafo 3 lettera b) si legge:

” (b) è stata emessa una decisione di fallimento in relazione ai beni del licenziatario o la petizione di insolvenza è stata respinta perché i beni del licenziatario non sono sufficienti a coprire i costi della procedura di insolvenza o il licenziatario è entrato in liquidazione,”.

3. Nel § 37, 42, § 67 paragrafo 13 e § 85 lettera c) si legge:

” c) emettendo una decisione di fallimento riguardante i beni del titolare dell’autorizzazione o l’istanza di insolvenza è stata respinta perché i beni del titolare dell’autorizzazione sono insufficienti a coprire i costi della procedura di insolvenza,”.

PARTE SETTANTA

Modifica della legge sulle raccolte pubbliche e sulla modifica di alcuni atti (legge sulle raccolte pubbliche)
Arte. LXXXIII

Nel § 5 paragrafo 4 let. b) della legge n. 117/2001 Coll., sulle raccolte pubbliche e sulla modifica di alcuni atti (legge sulle raccolte pubbliche), le parole “non è stata dichiarata alcuna procedura di fallimento o non è stata avviata alcuna procedura di transazione o la petizione di fallimento è stata non è stato respinto per mancanza di attività “sono sostituite dalle parole” che, sulla base della sua istanza di insolvenza, non vi è alcuna procedura di insolvenza in cui sia risolta la sua insolvenza o insolvenza imminente o che non sia stata decisa alcuna insolvenza in merito , “.

PARTE SETTENTANTA PRIMA

Modifica della legge sugli ufficiali giudiziari e le attività di esecuzione (norme di esecuzione) e sulle modifiche ad altri atti
Arte. LXXXIV

Legge n. 120/2001 Coll., Sugli ufficiali giudiziari e le attività di esecuzione (norme di esecuzione) e sugli emendamenti ad altri atti, come modificato dalla Legge n. 6/2002 Coll., Legge n. 279/2003 Coll., Legge n. 360 / 2003 Coll., Legge n. 53/2004 Coll., Legge n. 257/2004 Coll., Legge n. 284/2004 Coll., Legge n. 499/2004 Coll., Legge n. 501/2004 Coll., Legge n. 377/2005 Coll., Legge n. 57/2006 Coll., Legge n. 70/2006 Coll., Legge n. 79/2006 Coll., Legge n. 133/2006 Coll. e la legge n. 253/2006 Coll., è modificata come segue:

1. Nella sezione 70 (3), la seconda frase è eliminata.

2. La quarta parte, compreso il titolo, è soppressa.

PARTE SETTENTANTA SECONDA

Modifica della legge sulla protezione della concorrenza e sulla modifica di alcune leggi (legge sulla protezione della concorrenza)
Arte. LXXXV

Nel § 12 paragrafo 8 della legge n. 143/2001 Coll., Sulla protezione della concorrenza e che modifica alcune leggi (Legge sulla protezione della concorrenza), come modificato dalla legge n. . 9) “sono sostituite da” curatore fallimentare 9) . “.

La nota 9 recita:

” 9) Legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverlo (Legge sull’insolvenza), come modificata.”.

PARTE SETTANTATRE
annullato

Arte. LXXXVI
annullato

PARTE SETTIMA QUATTRO

Modifica della legge sul funzionamento delle trasmissioni radiotelevisive e sugli emendamenti ad altri atti
Arte. LXXXVII

Nel § 13 paragrafo 3 let. a) della Legge n. 231/2001 Coll., sul funzionamento delle trasmissioni radiofoniche e televisive e sulla modifica di altri atti, come modificato dalla Legge n. 341/2004 Coll., le parole “non è stato dichiarato fallimento o liquidazione non è stata avviata alcuna procedura sulla sua proprietà “sono sostituite dalle parole” non è stata emessa alcuna decisione di insolvenza “.

PARTE SETTIMA CINQUE

Modifica alla legge sulla caccia
Arte. LXXXVIII

Legge n. 449/2001 Coll., Sulla caccia, come modificata dalla Legge n. 320/2002 Coll., Legge n. 59/2003 Coll., Legge n. 444/2005 Coll. e la legge n. 267/2006 Coll., è modificata come segue:

1. Nella sezione 25 (1), il punto alla fine della lettera d) è sostituito da una virgola ed è aggiunta la seguente lettera e):

” (e) l’ annullamento del fallimento dopo l’adempimento della risoluzione del programma o l’annullamento del fallimento per il motivo che i beni del debitore sono completamente insufficienti.”.

2. Nella sezione 25 (2), le parole “proporre una dichiarazione di fallimento” sono sostituite dalle parole “presentare un’istanza di insolvenza”.

3. Nel § 28, paragrafo 3, lettera h) si legge:

” h) l’ apertura di procedure di insolvenza, la dichiarazione di insolvenza, il nome, il cognome (ragione sociale) e la sede legale del curatore fallimentare.”

PARTE SETTANTESIMA

Modifica alla legge sugli imballaggi
Arte. LXXXIX

Nella legge n. 477/2001 Coll., Sull’imballaggio e sulla modifica di determinate leggi (Legge sugli imballaggi), come modificata dalla Legge n. 274/2003 Coll., Legge n. 94/2004 Coll., Legge n. 237 / 2004 Coll., Legge n. 257/2004 Coll., Legge n. 444/2005 Coll. e la legge n. 66/2006 Coll., nota a piè di pagina n. 20 recita:

“20) Legge n. 182/2006 Coll., Sulla bancarotta e modi per risolverla (Legge sull’insolvenza), come modificata.”.

PARTE SETTANTESIMA

Modifica della legge sulla libertà di religione e lo status delle chiese e delle società religiose e sulla modifica di alcuni atti (legge sulle chiese e le società religiose)
Arte. XC

Legge n. 3/2002 Coll., Sulla libertà di religione e lo status delle chiese e delle società religiose e sugli emendamenti ad alcuni atti (Legge sulle chiese e le società religiose), come modificata dalla sentenza della Corte costituzionale promulgata ai sensi del n. 4 / 2003 Coll., Legge n. 562/2004 Sb. e la legge n. 495/2005 Coll., è modificata come segue:

1. Nel § 18 paragrafo 1 let. g), § 19 paragrafo 1 lett. g) e § 20 comma 1 lett. g) le parole “dichiarazione di fallimento e dati anagrafici del curatore fallimentare, rigetto della domanda di insolvenza per mancanza di beni e apertura di procedure di transazione” sono sostituite dalle parole “decisione di fallimento, rigetto della domanda di insolvenza perché i beni non saranno sufficienti per coprire le procedure concorsuali; annullamento del fallimento perché l’immobile è del tutto insufficiente, e il nome, cognome (ragione sociale) e sede legale del curatore fallimentare “.

2. Nel § 22 paragrafo 1 let. (b) la parola “annullamento” è sostituita dalle parole “annullamento” e le parole “non è sufficiente a coprire i costi del fallimento o respingendo l’istanza di dichiarazione di fallimento per mancanza di beni” sono sostituite da “è completamente insufficiente oppure la petizione di insolvenza viene respinta perché i beni della chiesa o una società religiosa o un’unione di chiese e società religiose non saranno sufficienti a coprire i costi delle procedure di insolvenza “.

3. Nel § 23, le parole “istanza di fallimento” sono sostituite dalle parole “istanza di insolvenza”.

4. La nota 16 recita come segue:

” 16 ) Codice commerciale.
Legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverlo (Legge sull’insolvenza), come modificato.”.

5. Nel § 26 paragrafo 1 let. (d) le parole “è insufficiente a coprire i costi della procedura di insolvenza o dopo il rigetto della domanda di insolvenza per mancanza di beni” sono sostituite dalle parole “è completamente insufficiente o dopo il rigetto della domanda di insolvenza perché i suoi beni saranno non essere sufficiente a coprire la procedura di insolvenza “.

6. Nella sezione 26 (7), le parole “nessuna istanza di fallimento presentata” devono essere sostituite dalle parole “la sua proprietà nessuna istanza di insolvenza presentata”.

PARTE SETTANTOTTO
annullato

Arte. XCI
annullato

PARTE SETTANTA NONA

Modifica della legge che modifica alcuni atti in relazione all’adozione della legge sui sistemi di pagamento
Arte. XCII

Nella legge n. 125/2002 Coll., Che modifica alcuni atti in relazione all’adozione della legge sui sistemi di pagamento, la parte quattro, compreso il titolo, è abrogata.

PARTE OTTANTA

Modifica della legge sul sostegno alla ricerca e sviluppo con fondi pubblici e sulla modifica di alcuni atti correlati (legge sul sostegno alla ricerca e sviluppo)
Arte. XCIII

Nella sezione 18, paragrafo 2 della legge n. 130/2002 Coll., Sul sostegno alla ricerca e sviluppo da fondi pubblici e sulla modifica di alcuni atti correlati (legge sul sostegno alla ricerca e sviluppo), come modificata dalla legge n. 342/2005 Coll., Lettera c), inclusa la nota 24, recita:

” c) non è in liquidazione e il cui fallimento o fallimento imminente non è risolto in una procedura di insolvenza 24) ,

24 ) Legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverlo (Legge sull’insolvenza), come modificata. “.

PARTE OTTANTA PRIMA

Modifica della legge sull’istituto centrale di ispezione e analisi agricola e sulla modifica di alcuni atti correlati (legge sull’istituto centrale di ispezione e analisi agricola)
Arte. XCIV

Nel § 4 paragrafo 1 della legge n. 147/2002 Coll., Sull’Istituto centrale di ispezione e prova agricola e sulla modifica di alcuni atti correlati (Legge sull’Istituto centrale di ispezione e prova agricola), lettera d) inclusa la nota n. 5b recita:

” (d) non è stato oggetto di una decisione di fallimento ai sensi della legislazione speciale 5b) ,

5b ) Legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverlo (Legge sull’insolvenza), come modificata. “.

PARTE OTTAVA SECONDA

Modifica della legge su alcune misure relative al divieto di armi batteriologiche (biologiche) e tossiche e sulla modifica della legge sulle licenze commerciali
Arte. XCV

Legge n. 281/2002 Coll., Su alcune misure relative al divieto di armi batteriologiche (biologiche) e tossiche e sulla modifica della legge sulle licenze commerciali, come modificata dalla legge n. 186/2004 Coll. e la legge n. 413/2005 Coll., è modificata come segue:

1. Nel § 10 paragrafo 2 lettera e) si legge:

” e) una dichiarazione attestante che non è stata emessa alcuna decisione di insolvenza in relazione ai beni della persona giuridica o che l’istanza di insolvenza non è stata respinta perché i beni di tale persona sono insufficienti a coprire i costi della procedura di insolvenza,”.

2. Al § 13, lettera f) si legge:

” f) informa l’Ufficio senza indebito ritardo dell’apertura di una procedura di insolvenza.”.

PARTE OTTAVA TERZA

Modifica della legge sulle accise
Arte. XCVI

Legge n. 353/2003 Coll., Sulle accise, come modificata dalla legge n. 479/2003 Coll., Legge n. 237/2004 Coll., Legge n. 313/2004 Coll., Legge n. 558/2004 Coll. ., Legge n. 693/2004 Coll., Legge n. 179/2005 Coll., Legge n. 217/2005 Coll., Legge n. 377/2005 Coll., Legge n. 379/2005 Coll., Legge n. 545/2005 Coll., Legge n. 310/2006 Coll., Legge n. 575/2006 Coll. e la legge n. 261/2007 Coll., è modificata come segue:

1. Nella sezione 13, paragrafo 5, la prima frase è sostituita dalla frase “La direzione delle dogane decide in merito al rilascio di un’autorizzazione speciale solo al firmatario che non è in procedura di liquidazione o insolvenza ai sensi di una normativa legale speciale 20) . “.

2. La nota 20 recita come segue:

” 20 ) Legge n. 182/2006 Coll., Sulla bancarotta e modi per risolverla (Legge sull’insolvenza), come modificata.”.

3. Nel § 13 paragrafo 21 lettera e) si legge:

” e) la data in cui ha effetto giuridico la decisione del tribunale che dichiara insolvenza sulla proprietà dell’utente, o”.

4. Nel § 18, il paragrafo 4 recita:

” (4) La dichiarazione dei redditi, presentata durante la procedura di insolvenza 20) , è regolata al § 136a.”.

5. Nel § 20, paragrafo 5, la prima frase è sostituita dalla frase “La Direzione delle dogane decide in merito al rilascio di un’autorizzazione solo se la domanda di autorizzazione contiene i requisiti di cui al paragrafo 2 e il firmatario non è in procedure di liquidazione o insolvenza ai sensi di un’apposita normativa di legge. “.

6. Nella Sezione 20, Paragrafo 17, Lettera c) recita:

” C) la data di entrata in vigore della decisione del tribunale sulla dichiarazione di fallimento del debitore, o”.

7. Nella sezione 22, paragrafo 5, la prima frase è sostituita dalla frase “La direzione delle dogane decide in merito al rilascio di un’autorizzazione solo se la domanda di autorizzazione contiene i requisiti di cui al paragrafo 2 e il firmatario non è in procedure di liquidazione o insolvenza ai sensi di un’apposita normativa di legge. “.

8. Nella Sezione 22, Paragrafo 17, Lettera c) recita:

” (c) dalla data in cui la decisione del tribunale che dichiara insolvenza dei beni del beneficiario ha effetto giuridico, o”.

9 ° Nel § 23a paragrafo 3, la prima frase sostituita da “la direzione doganale decide di rilasciare un’autorizzazione solo se una proposta di autorizzazione contiene gli elementi di cui al paragrafo 1 e il proponente non è in procedura di liquidazione o insolvenza ai sensi della legislazione speciale 20) . “.

10. Nel § 23a paragrafo 15 lettera c) si legge:

” c) alla data di entrata in vigore della decisione del tribunale che dichiara fallimento sulla proprietà del rappresentante fiscale,”

11. Nel § 36, il paragrafo 6 recita:

” (6) L’ufficio doganale rilascia un’autorizzazione se la domanda di rilascio di un’autorizzazione contiene i requisiti di cui al paragrafo 5 e il firmatario non è in procedura di liquidazione o insolvenza ai sensi di una norma giuridica speciale 20) .”.

12. Nella Sezione 36, Paragrafo 12, Lettera c) recita:

” c) dalla data in cui la decisione del tribunale che dichiara insolvenza sui beni del titolare ha effetto giuridico, o”.

13. Nella sezione 60a (4), la prima frase è sostituita dalla frase “La direzione delle dogane decide in merito al rilascio di un’autorizzazione solo al firmatario che non è in procedura di liquidazione o insolvenza ai sensi di una normativa legale speciale 20) . “.

14. Nella Sezione 60a, Paragrafo 17, Lettera d) si legge:

” D) la data di entrata in vigore della decisione del tribunale sulla dichiarazione di licenziatario di fallimento o”.

15. Nella sezione 72 (3), la prima frase è sostituita dalla frase “Dopo la dichiarazione di fallimento della proprietà dell’utente o lo scioglimento dell’attività dell’utente, l’alcol esente può essere fornito a un altro utente.”.

16. Una nuova Sezione 136a è inserita dopo la Sezione 136, che recita, compreso il titolo:

Ҥ 136a

Periodo d’imposta, dichiarazione dei redditi e imposta dovuta durante procedure concorsuali
(1) Nel caso di un debitore il cui fallimento o fallimento imminente è risolto in una procedura di insolvenza, il periodo fiscale in corso termina il giorno precedente la data di efficacia della decisione di fallimento. Il periodo d’imposta successivo del debitore inizia dalla data di efficacia della decisione di fallimento e termina l’ultimo giorno del mese di calendario in cui la decisione è stata emessa dal tribunale fallimentare. Per il periodo successivo della procedura di insolvenza, il periodo d’imposta del contribuente è un mese di calendario.

(2) L’attuale periodo d’imposta del pagatore termina il giorno in cui si conclude la procedura di insolvenza. Il periodo d’imposta successivo del debitore inizia il giorno successivo al giorno della conclusione della procedura di insolvenza e termina l’ultimo giorno del mese di calendario in cui è stata chiusa la procedura di insolvenza.

(3) L’amministratore fallimentare, o un’altra persona che ha il diritto di disporre effettivamente di beni appartenenti alla proprietà ai sensi di una norma legale speciale 20) è obbligato a presentare la dichiarazione dei redditi per il periodo d’imposta di cui ai paragrafi 1 e 2 dal 25 ° giorno dopo la fine del periodo fiscale.

(4) L’ imposta per il periodo d’imposta di cui ai paragrafi 1 e 2 deve essere pagata entro il quarantesimo giorno dalla fine del periodo d’imposta in cui è sorto l’obbligo di dichiarare e pagare l’imposta. “.

Arte. XCVII

Disposizione transitoria
Le disposizioni della presente legge si applicano anche alle accise relative a procedimenti avviati e validamente non terminati ai sensi della legge n. 328/1991 Coll., Fallimento e regolamento, come modificato, prima della data di entrata in vigore della presente legge .

PARTE OTTAVA QUARTA

Modifica della legge sul trattamento dei diamanti grezzi, sulle condizioni della loro importazione, esportazione e transito e sulla modifica di alcune leggi
Arte. XCVIII

Nel § 6 paragrafo 2 della legge n. 440/2003 Coll., Sul trattamento dei diamanti grezzi, sulle condizioni della loro importazione, esportazione e transito e sulla modifica di alcuni atti, come modificato dalla legge n. 60/2005 Coll. ., I termini “procedura di fallimento e liquidazione” sono sostituiti da “procedura di insolvenza”.

PARTE OTTAVA QUINTA

Modifica della legge sui marchi e modifica della legge n. 6/2002 Coll., Su tribunali, giudici, associati e l’amministrazione statale dei tribunali e sulle modifiche ad alcuni altri atti (legge su tribunali e giudici), come modificato, (legge sui marchi )
Arte. XCIX

Legge n. 441/2003 Coll., Sui marchi e sugli emendamenti alla legge n. 6/2002 Coll., Su tribunali, giudici, associati e l’amministrazione statale dei tribunali e sulle modifiche ad alcuni altri atti (legge su tribunali e giudici) , come modificato, (Legge sui marchi), come modificato dalla Legge n. 501/2004 Coll. e la legge n. 221/2006 Coll., è modificata come segue:

1. Nella sezione 17 (1), le parole “attività fallimentari in procedure fallimentari o nell’elenco delle attività in procedure concorsuali” sono sostituite dalle parole “attività ai sensi della normativa legale speciale 6a) “.

La nota 6a recita:

” 6a ) Legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverlo (Legge sull’insolvenza), come modificata.”.

2. Nel § 53, le parole “procedura fallimentare, procedura di transazione” sono sostituite dalle parole “procedura di insolvenza”.

PARTE DICIOTTESIMA

Modifica alla legge sulle obbligazioni
Arte. CII

Legge n. 190/2004 Coll., Sulle obbligazioni, come modificata dalla Legge n. 378/2005 Coll., Legge n. 56/2006 Coll. e la legge n. 57/2006 Coll., è modificata come segue:

1. Nel § 7 comma 2 lett. o) il punto 2 è sostituito dal seguente:

” 2. l’ emissione di una decisione sul fallimento dell’emittente,”.

2. Nel § 7 comma 2 lett. o) il punto 3 è soppresso.

L’attuale punto 4 è indicato come punto 3.

3. Al § 34, paragrafo 1, lettera b) si legge:

” b) l’ emissione di una decisione sull’insolvenza dell’emittente, o”.

4. Nella sezione 34, comma 1, la lettera c) è abrogata.

L’attuale lettera d) è indicata come lettera c).

PARTE OTTAVA NOVE

Modifica della legge sull’imposta sul valore aggiunto
Arte. CIII

Legge n. 235/2004 Coll., Sull’imposta sul valore aggiunto, come modificata dalla legge n. 635/2004 Coll., Legge n. 669/2004 Coll., Legge n. 124/2005 Coll., Legge n. 215/2005 Coll., Legge n. 217/2005 Coll., Legge n. 377/2005 Coll., Legge n. 441/2005 Coll., Legge n. 545/2005 Coll., Legge n. 109/2006 Coll., Legge n. . 230/2006 Coll., Legge n. 319/2006 Coll. e la legge n. 261/2007 Coll., è modificata come segue:

1. Nella sezione 87 (7), le parole “nelle procedure di fallimento o di transazione” sono sostituite dalle parole “se non è in corso una procedura di insolvenza in cui si sta risolvendo il fallimento o il fallimento imminente del firmatario”.

2. Nel § 87 paragrafo 12 lettera c) si legge:

” c) dalla data in cui la decisione del tribunale che dichiara insolvenza sui beni del titolare ha effetto giuridico, o”.

3. Nel § 99, il paragrafo 11 recita:

” (11)In caso di decisione di fallimento, il periodo fiscale in corso termina il giorno precedente la data in cui la decisione di fallimento ha effetto. Il periodo fiscale successivo del debitore inizia il giorno in cui ha effetto la decisione di fallimento e termina l’ultimo giorno del mese civile in cui ha effetto la decisione di fallimento. Per il periodo successivo alla data di entrata in vigore della decisione di insolvenza in cui si svolge la procedura di insolvenza, il periodo d’imposta del contribuente è un mese di calendario. Se la procedura di insolvenza viene chiusa, il periodo fiscale termina il giorno in cui è stata chiusa la procedura di insolvenza e il periodo fiscale successivo inizia il giorno successivo a quello in cui è stata chiusa la procedura di insolvenza. Dopo la fine della procedura di insolvenza, il periodo d’imposta del contribuente fino alla fine dell’anno civile è un mese civile e il periodo d’imposta per l’anno civile successivo è determinato conformemente ai paragrafi da 1 a 3.

4. Nel § 101, il paragrafo 2 recita:

” (2) Il termine per la presentazione di una dichiarazione dei redditi per un periodo d’imposta che termina alla data di efficacia della decisione di fallimento è di 30 giorni dalla fine del periodo d’imposta. Per la presentazione di una dichiarazione dei redditi di 25 giorni dalla fine del periodo d’imposta. “.

5. Nella sezione 105 (1), la terza frase è eliminata.

Arte. CIV

Disposizione transitoria
Le disposizioni della presente legge si applicano anche all’imposta sul valore aggiunto relativa a procedimenti avviati e non definitivamente terminati ai sensi della legge n. 328/1991 Coll., Fallimento e regolamento, come modificata, prima della data di entrata in vigore della presente legge.

PARTE NOVE

Modifica al Capital Market Business Act
Arte. CV

Legge n. 256/2004 Coll., Sul fare affari sul mercato dei capitali, come modificata dalla Legge n. 635/2004 Coll., Legge n. 179/2005 Coll., Legge n. 377/2005 Coll., Legge n. 56/2006 Coll., Legge n. 57/2006 Coll., Legge n. 62/2006 Coll., Legge n. 70/2006 Coll. e la legge n. 159/2006 Coll., è modificata come segue:

1. Nella sezione 80, paragrafo 4, le parole “massa fallimentare” sono sostituite dalle parole “beni” e le parole “In caso di fallimento, l’amministratore è la massa fallimentare” sono sostituite dalle parole “Nel caso di una decisione di fallimento, l’amministratore fallimentare è “.

2. Nella sezione 86, paragrafo 2, della parte introduttiva della disposizione, le parole “Dichiarazione di fallimento sulla proprietà” sono sostituite dalle parole “Decisione di fallimento”.

3. Nel § 86 paragrafo 2 lett. a) i termini “fallimento” sono sostituiti da “decisione di fallimento”.

4. Nel § 86 paragrafo 2 lettera b) si legge:

” b) al momento della decisione sull’insolvenza o l’imposizione di un’altra misura o dopo la decisione sull’insolvenza o l’imposizione di un’altra misura e sono stati risolti il ​​giorno della decisione sull’insolvenza o l’imposizione di un’altra misura, se tutti i partecipanti nel sistema di liquidazione dimostrare loro che la decisione sul fallimento o l’imposizione di un altro provvedimento non era stata notificata dalla Banca nazionale ceca, né erano altrimenti noti “.

5. Nella sezione 86, paragrafo 3, della parte introduttiva della disposizione, le parole “Dichiarazione di fallimento sulla proprietà” sono sostituite dalle parole “Decisione di fallimento”.

6. Nella sezione 89, paragrafi 2 e 3, le parole “dichiarazione di fallimento per proprietà” sono sostituite dalle parole “decisione di fallimento”.

7. Nel § 107a (1), le parole “dichiarazione di fallimento sulla sua proprietà, è l’amministratore della massa fallimentare” sono sostituite dalle parole “decisione sul fallimento, è l’amministratore fallimentare”.

8. Nella sezione 107a (2), le parole “amministratore della massa fallimentare” sono sostituite dalle parole “curatore fallimentare”.

9. Nella sezione 107a, paragrafi 4, 6, 7 e 9, le parole “amministratore della massa fallimentare” sono sostituite dalle parole “curatore fallimentare”.

10. Nella sezione 107a (5), le parole “amministratore della massa fallimentare” sono sostituite dalle parole “curatore fallimentare”.

11. La nota 1f recita:

” 1f ) Sezione 291 della legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverlo (legge sull’insolvenza).”

12. Nel § 108 paragrafo 2 let. b) il punto 3 è sostituito dal seguente:

” 3. che nei suoi confronti è stata aperta una procedura di insolvenza.”.

13. Nel § 109, il paragrafo 6 recita:

” (6) Un partecipante a un depositario centrale non può essere una persona

a) quale riorganizzazione è stata autorizzata, per un periodo di 5 anni dalla fine della riorganizzazione,

b) per i cui beni è stato dichiarato fallimento, per un periodo di 5 anni dall’annullamento del fallimento all’adempimento della risoluzione programmatica, o perché i beni del debitore sono del tutto insufficienti,

c) il cui piano di cancellazione del debito è stato approvato dal tribunale, per un periodo di 5 anni dall’adempimento del piano di cancellazione del debito,

d) se il tribunale ha respinto la domanda di insolvenza se i beni del debitore non sono sufficienti a coprire i costi della procedura di insolvenza. “

14. Nel § 115 paragrafo 1 lettera f) si legge:

” f) un curatore fallimentare ai fini di una procedura di insolvenza di cui è parte il proprietario del veicolo di investimento;”.

15. All’articolo 115, comma 1, la lettera g) è abrogata.

L’attuale lettera h) è indicata come lettera g) e le attuali lettere k) e k) sono indicate come lettere h) e i).

16. Nella sezione 117 (1), le parole “curatore fallimentare, curatore fallimentare” sono sostituite dalle parole “curatore fallimentare”.

17. Nel § 117 paragrafo 2 let. j) la parola “fallimento” è sostituita dalla parola “insolvenza”.

18. Nel § 130 paragrafo 1 let. b) le parole “dichiarato fallimento delle attività” sono sostituite dalle parole “ha emesso una decisione di fallimento”.

19. Nella sezione 130 (11), la parola “fallimento” è sostituita dalla parola “fallimento” e le parole “amministratore della massa fallimentare” sono sostituite dalle parole “curatore fallimentare”.

20. Nella sezione 131 (1), la parola “fallimento” è sostituita dalla parola “fallimento”, la parola “fallimento” è sostituita dalla parola “fallimento” e le parole “curatore fallimentare” sono sostituite dalle parole “insolvenza amministratore”.

21. La nota 4 recita come segue:

” 4 ) Sezione 189 della legge sull’insolvenza.”.

22. Nel § 131, il paragrafo 4 è soppresso.

23. Nel § 132, il titolo recita: “Emissione di proprietà dei clienti dopo l’emissione di una decisione di fallimento e dichiarazione di fallimento sulla proprietà del commerciante di valori mobiliari”.

24. Nel § 132, paragrafo 1, inclusa la nota n. 4a, si legge:

” (1) La proprietà del cliente non fa parte della proprietà del commerciante di valori mobiliari ai sensi del regolamento legale speciale 4a) , e se viene emessa una decisione sul fallimento del commerciante di valori mobiliari, l’amministratore fallimentare è obbligato a rilasciarla ai clienti senza indebito ritardo.

4a ) Sezione 205 della Legge sull’insolvenza. “.

25. Nel § 132, paragrafo 4, comprese le note 4b e 4c, recita:

” (4) Nella misura in cui il diritto di svincolare la proprietà del cliente non può essere soddisfatto ai sensi del paragrafo 2 o 3, è un reclamo che l’amministratore fallimentare è tenuto a far valere in una procedura di insolvenza ai sensi della normativa legale speciale 4b) su richiesta; di questa rivendicazione, la rivendicazione può essere fatta valere come legata alla condizione 4c) .

4b ) Legge sull’insolvenza.

4c ) Sezione 173 paragrafo 3 della Legge sull’insolvenza. “.

26. Nel § 132, il paragrafo 5 recita:

” (5) L’ amministratore fallimentare ha diritto al rimborso delle spese in contanti e della remunerazione per le attività di cui ai paragrafi da 1 a 4, che costituiscono un credito per la proprietà; le spese e la remunerazione dell’amministratore fallimentare, il loro importo massimo il metodo di pagamento è determinato da un regolamento giuridico di attuazione. “.

27. Nel § 141 lettera b) i termini “dichiarazione di insolvenza” sono sostituiti da “fallimento”.

28. Nel § 145 paragrafo 1 lettera a) si legge:

” a) contro il quale è stata emessa una decisione di insolvenza o l’istanza di insolvenza è stata respinta perché i beni di tale persona non saranno sufficienti a coprire i costi della procedura di insolvenza, o”.

29. Nel § 145 paragrafo 6 lettera a) si legge:

” a) per la quale è stata emessa una decisione di fallimento o il tribunale ha respinto la domanda di insolvenza sulla base del fatto che il suo patrimonio non sarà sufficiente a coprire i costi della procedura di insolvenza, o”.

30. Nel § 189, il paragrafo 2 è soppresso.

L’attuale paragrafo 3 è rinumerato come paragrafo 2.

31. Nella sezione 189 (2), le parole “e 2” sono cancellate.

32. Nel § 199 paragrafo 2 lett. r) le parole “curatore fallimentare” sono sostituite dalle parole “curatore fallimentare”.

PARTE NOVANTA PRIMA

Modifica della legge che modifica alcuni atti in relazione all’adozione del Capital Market Business Act, del Collective Investment Schemes Act e del Bonds Act
Arte. CVI

Legge n. 257/2004 Coll., Modifica di determinati atti in relazione all’adozione della Legge sugli affari del mercato dei capitali, della Legge sugli investimenti collettivi e della Legge sulle obbligazioni, come modificata dalla Legge n. 669/2004 Coll., Legge n. 413 / 2005 Sb. e la legge n. 264/2006 Coll., parti undicesima e trentanovesima, compresi i titoli, sono abrogate.

PARTE NOVANTA SECONDA

Modifica della legge sul gruppo europeo di interesse economico (GEIE) e modifica della legge n. 513/1991 Coll., Il codice commerciale, come modificato, e della legge n. 586/1992 Coll., Sulle imposte sul reddito, come modificata, (European Legge sui gruppi di interesse economico)
Arte. CVII

Legge n. 360/2004 Coll., Sul gruppo europeo di interesse economico (GEIE) e che modifica la legge n. 513/1991 Coll., Il codice commerciale, come modificato, e la Legge n. 586/1992 Coll., Sulle imposte sul reddito, come modificato, (Atto europeo sui gruppi di interesse economico), è così modificato:

1. Nella sezione 3 (4), le parole “curatore fallimentare, curatore liquidatore” sono sostituite dalle parole “curatore fallimentare”.

2. Al § 12, le parole “oa causa del rigetto dell’istanza di dichiarazione di fallimento della proprietà dell’azionista per mancanza di beni” sono sostituite dalle parole “o per il rigetto dell’istanza di insolvenza perché la proprietà dell’azionista è insufficiente per coprire i costi di procedure concorsuali o per bancarotta che i beni del partner siano del tutto insufficienti ».

PARTE NOVE TRE

Modifica alla legge sui consulenti in brevetti e alla modifica alla legge sulle misure per la protezione della proprietà industriale
Arte. CVIII

La legge n. 417/2004 Coll., Sui consulenti in brevetti e sugli emendamenti alla legge sulle misure per la protezione della proprietà industriale, è modificata come segue:

1. Nel § 8 paragrafo 1 lett. (f) la parola “fallimento” è sostituita dalla parola “fallimento” e le parole “rigetto dell’istanza di insolvenza” sono sostituite dalle parole “che l’istanza di insolvenza è stata respinta perché i beni del debitore non sono sufficienti a coprire i costi del procedure concorsuali o perché il fallimento è stato annullato perché i beni del debitore sono del tutto insufficienti “.

2. Nella Sezione 14, Paragrafo 1, Lettere f) eg) recitano come segue:

” f) se il fallimento è stato dichiarato riguardo alla sua proprietà, alla data in cui hanno avuto effetto gli effetti della dichiarazione di fallimento,

g) se è socio o azionista di una società di consulenti in brevetti (§ 10), sui cui beni è stato dichiarato fallimento, il giorno in cui si sono verificati gli effetti della dichiarazione di fallimento. “.

3. Al § 15, paragrafo 1, lettera c) si legge:

” c) quando è stata aperta una procedura di insolvenza in cui si sta risolvendo l’insolvenza o l’imminente insolvenza del consulente in brevetti o della società dei consulenti in brevetti di cui è socio o azionista.”

4. Nel § 18 paragrafo 3 lettera b) si legge:

” b) per i cui beni è stato dichiarato fallimento, alla data in cui la decisione di dichiarare fallimento diventa definitiva,”.

PARTE NOVANTA QUATTRO

Modifica della legge sull’archiviazione e la gestione dei documenti e sulle modifiche ad alcune leggi
Arte. CIX

Nella legge n. 499/2004 Coll., Sull’archiviazione e il servizio di archiviazione e sulla modifica di alcuni atti, come modificata dalla legge n. 413/2005 Coll., Legge n. 444/2005 Coll. e la legge n. 112/2006 Coll., parte sei, compreso il titolo, è abrogata.

PARTE NOVANTA QUINTA

Modifica della legge sull’istruzione prescolare, di base, secondaria, professionale superiore e di altro tipo (legge sulla scuola)
Arte. CX

Legge n. 561/2004 Coll., Sull’istruzione prescolare, primaria, secondaria, professionale superiore e di altro tipo (Legge sulla scuola), come modificata dalla Legge n. 383/2005 Coll., Legge n. 112/2006 Coll., Legge Legge n. 158/2006 Coll., Legge n. 161/2006 Coll., Legge n. 165/2006 Coll., Legge n. 179/2006 Coll., Legge n. 342/2006 Coll. e la legge n. 624/2006 Coll., è modificata come segue:

1. Nel § 126 paragrafo 3 lettera e) si legge:

” (e) respingendo la petizione di insolvenza perché le attività dell’entità giuridica della scuola non saranno sufficienti a coprire i costi della procedura di insolvenza, o annullando il fallimento perché le attività dell’entità giuridica della scuola sono completamente insufficienti, o dopo la risoluzione del programma è stata rispettata. “

2. Nel § 147 (1), lettera n) si legge:

“( n) una dichiarazione solenne del fondatore di un’entità giuridica scolastica o di un’organizzazione contributiva che non è in corso una procedura di insolvenza in cui il suo fallimento o imminente fallimento è in corso di risoluzione o che non è stato deciso alcun fallimento, non è in liquidazione, non ha arretrati fiscali, assicurazione sanitaria o previdenza sociale e che la persona registrata, il fondatore di cui era il fondatore, non è stata cancellata dal registro scolastico negli ultimi tre anni per i motivi di cui al § 150 (1) (c) a (f), che si applica anche ad altre persone giuridiche che svolgeranno le attività della scuola o della struttura scolastica e dei loro organi statutari, “.

3. Nel § 154 paragrafo 1 lettera j) si legge:

” j) la decisione sull’insolvenza e il nome, cognome (ragione sociale) o nome, luogo di residenza e indirizzo del curatore fallimentare,”.

4. Nella sezione 154 (1), la lettera k) è eliminata.

Le lettere esistenti l) em) sono indicate come lettere k) e l).

5. Nel § 155 paragrafo 1 lettera f), inclusa la nota 35a, si legge:

” (f) una decisione di un tribunale ai sensi della legge sui fallimenti e le modalità per risolverla 35a) , vale a dire una delibera di aprire una procedura di insolvenza, una risoluzione sui provvedimenti provvisori, una decisione sul fallimento o altra decisione sull’insolvenza, una risoluzione sul fallimento e approvazione della relazione finale, autorizzazione alla riorganizzazione e risoluzione di approvazione del piano di riorganizzazione e delle sue modifiche, risoluzione di approvazione del piano di cancellazione del debito e delle sue modifiche, risoluzione di chiusura della procedura di insolvenza.

35a ) Legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverlo (Legge sull’insolvenza), come modificata. “.

6. La nuova sezione 159a seguente è inserita dopo la sezione 159:

Ҥ 159a

Una persona giuridica che svolge le attività di una scuola o di una struttura scolastica è tenuta a notificare immediatamente all’autorità che tiene il registro scolastico che è stata avviata una procedura di insolvenza in cui è stato risolto il suo fallimento o fallimento imminente o che è stata deliberata la sua bancarotta deciso. “.

PARTE NONA SEI

Modifica alla legge sulle società europee
Arte. CXI

Nella sezione 46, paragrafo 8 della legge n. 627/2004 Coll., Sulle società europee, le parole “fallimento, liquidazione o” sono sostituite dalle parole “procedura di insolvenza o”.

PARTE NOVANTA OTTAVA

Modifica della legge che modifica alcuni atti in connessione con l’adozione della legge sull’abolizione del fondo nazionale per la proprietà della Repubblica ceca
Arte. CXIII

Nella legge n. 179/2005 coll., Che modifica alcuni atti in relazione all’adozione della legge sull’abolizione del fondo di proprietà nazionale della Repubblica ceca, come modificata dalla legge n. 138/2006 coll., Parte venti- il nono, compreso il titolo, è abrogato.

PARTE NOVANTA NONA

Modifica della legge sugli istituti pubblici di ricerca
Arte. CXIV

Legge n. 341/2005 Coll., Sugli istituti di ricerca pubblici, come modificata dalla legge n. 633/2006 Coll., È modificata come segue:

1. Nel § 6 comma 3 lett. o) le parole “curatore fallimentare o liquidatore e luogo di residenza permanente nella Repubblica ceca, o residenza all’estero e luogo di residenza nella Repubblica ceca” sono sostituite dalle parole “o la società del curatore fallimentare e la sua sede legale”.

2. Nel § 6 comma 3 lett. q) le parole “petizione di insolvenza” sono sostituite dalle parole “petizione di insolvenza”.

3. Nella Sezione 6, Paragrafo 3, le lettere r) es) sono cancellate.

Le lettere esistenti da t) a v) sono indicate come lettere da r) a t).

4. Nel § 8 lettera i) le parole “fallimento e liquidazione” sono sostituite dalle parole “disciplina dell’insolvenza e metodi per risolverla”.

5. Nel § 10 paragrafo 2 lett. e) le parole “petizione di insolvenza” sono sostituite da “petizione di insolvenza” e le parole “insufficiente a coprire i costi dell’insolvenza” sono sostituite da “completamente inadeguato”.

PRIMA PARTE

Modifica della legge sulla protezione delle informazioni classificate e sulla competenza in materia di sicurezza
Arte. CXV

Legge n. 412/2005 Coll., Sulla protezione delle informazioni classificate e nulla osta di sicurezza, come modificata dalla legge n. 119/2007 Coll. e la legge n. 177/2007 Coll., è modificata come segue:

1. Nella Sezione 17, Paragrafo 1, Lettere b) ec), compresa la nota n. 15, leggere come segue:

” (b) per il quale il tribunale ha dichiarato una moratoria 15) ,

c) nei confronti dei cui beni è emessa una decisione di fallimento 15) ,

15 ) Legge n. 182/2006 Coll., Sulla bancarotta e modi per risolverla (Legge sull’insolvenza), come modificata. “.

2. La nota 16 è eliminata.

3. Nella sezione 17, comma 1, la lettera d) è abrogata.

L’attuale lettera e) è indicata come lettera d).

4. Nel § 97, le lettere da n) a p) recitano come segue:

“( n) dettagli sulla presentazione di una petizione di insolvenza,

o) informazioni sulla decisione sulla petizione di insolvenza,

(p) dettagli su come affrontare l’insolvenza “,

PARTE TERZA TERZA

Modifica al codice del lavoro
Arte. CXVIII

Legge n. 262/2006 Coll., Codice del lavoro, come modificato dalla Legge n. 585/2006 Coll., Legge n. 181/2007 Coll. e la legge n. 261/2007 Coll., è modificata come segue:

1. Nella sezione 62 (5), le parole “è stato dichiarato il fallimento” sono sostituite dalle parole “è stata emessa una decisione di fallimento 21a) “.

La nota 21a recita:

” 21a ) Legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverlo (Legge sull’insolvenza), come modificata.”.

2. Nella sezione 63, le parole “se il datore di lavoro è stato dichiarato fallito o il risarcimento è stato autorizzato” sono sostituite dalle parole “se è stata emessa una decisione di fallimento 21a) del datore di lavoro”.

3. Nella sezione 289 (1), le parole “fallimento e liquidazione 81) ” sono sostituite dalle parole “procedura di insolvenza 21a) “.

4. La nota 81 è eliminata.

PARTE PRIMA QUINTA

Modifica alla legge sugli amministratori in caso di insolvenza
Arte. CXX

La legge n. 312/2006 Coll., Sugli amministratori fallimentari, come modificata dalla legge n. 108/2007 Coll., È modificata come segue:

1. Nel § 3 paragrafo 2, § 17 paragrafo 3, § 28 paragrafo 1 e § 31 lett. c) la parola “centrale” è inserita dopo le parole “commerciante di valori mobiliari”.

2. Nel § 34, la parola “o” è inserita dopo la parola “ripetutamente”.

3. Nella sezione 39, le parole “e nella sezione 8 (1) (c)” sono sostituite dalle parole “, nella sezione 8 (1) (c) e nella sezione 27 (1) (b)”.

PARTE PRIMA SESTA

Disposizioni abilitanti
Arte. CXXI

Il Primo Ministro è autorizzato a pubblicare nella Raccolta delle leggi il testo completo della Legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverlo (Legge sull’insolvenza), come segue da atti successivi.

PARTE PRIMA SETTE

EFFICIENZA
Arte. CXXII

La presente legge entrerà in vigore il 1 ° gennaio 2008, ad eccezione delle disposizioni dell’articolo XXXVI, punto 5, e delle disposizioni dell’articolo LV, che entreranno in vigore il 1 ° gennaio 2009.

Link utili:

Studio Praga

Start up in Repubblica Ceca per Società

Traduzioni Ceco

Traduzioni giurate italiano-ceco e ceco-italiano

Targa Ceca

Pratiche auto in Repubblica Ceca, immatricolazioni auto italiane e tedesche

Venice web agency

Sviluppo siti internet dinamici

Do Benatek

Překlady Italština

 Traduzioni asseverate italiano ceco di diplomi, bilanci di società ecc.

Gestioni Praga

Gestione di condomini, alberghi

Hotel Trevi

Centrale, tutte le camere sono con wifi e bagno privato

Società Ceche

Costituzione società commerciali in Repubblica Ceca

Società Praga

Iniziare una attività commerciale a Praga

Traduzioni Ceco

Traduzioni di certificati di nascita e di dichiarazioni di parternità

Italstina Preklady

Traduzioni giurate ed asseverate

Gestione fiduciaria

Costituzione di fondi patrimoniali dove è possibile apportare contanti, azioni, immobili o altri beni di valore.

Società Cechia

Costituzione di società a Responsabilità limitata in Repubblica Ceca a Praga o a Plzen.

Open chat